Il romanzo più esplosivo dopo Cinquanta Sfumature

logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Il successo del romanzo sui lupi mannari The Millennium Wolves si compone di 7 libri ed è stato letto più di 125 milioni di volte sull’app Galatea. L’app ha ricevuto riconoscimenti dalla BBC, Forbes e The Guardian e in particolare Forbes dichiara: “The Millennium Wolves [su Galatea] sta vendendo più velocemente di Harry Potter”.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Sienna è una lupa mannara di diciannove anni che nasconde un segreto: è ancora vergine. L’unica vergine del branco. È decisa a superare il periodo di calore di quest’anno senza cedere ai suoi impulsi primordiali, ma quando incontra Aiden, l’Alfa, si dimentica del tutto del suo autocontrollo.

Continua a scorrere per leggere un’anteprima di The Millennium Wolves o scarica l’app per leggere l’intera serie

I Lupi Del Millennio

Sapir Engelard

👁 125 milioni di letture
❤ Età: 18+

1: L'Alfa sul fiume

Non vedevo nient'altro che sesso.
 
Ovunque mi girassi, c'erano corpi che tremavano. Arti che si spostavano. Bocche che gemevano.
 
Correvo attraverso la foresta, ansimando, cercando di scappare dai fantasmi della passione che erano intorno a me, che sembravano invocarmi, che sembravano invitarmi a unirmi a loro.
 
Ma più mi addentravo nel bosco, più la foresta diventava scura e viva.
 
Alcuni alberi ondeggiavano come amanti. Altri, con radici nodose e rami sottili, assomigliavano a predatori. Che si avvicinavano a me. Inseguendomi.
 
Qualcosa là fuori nel buio mi stava inseguendo. Qualcosa di inumano.
 
E ora le bocche non stavano gemendo. Stavano urlando.
 
Orge grottesche ovunque che diventavano violente. Sanguinose. Potenzialmente letali.
 
Da un momento all'altro, l'oscurità mi avrebbe catturata.
 
Quando sentii una radice serpeggiare intorno alla mia gamba, inciampai e caddi in un'enorme fossa al centro della foresta. Ma non era una fossa.
 
Era una bocca. Con denti affilati e una lingua nera che si leccava le labbra e che stava per inghiottirmi tutta.
 
Cercai di gridare, ma non avevo voce.
 
Caddi.
 
Più lontano.
 
Più in profondità.
 
Finché non fui un tutt'uno col violento delirio sessuale... completamente consumata.
 
***
Sbattei le palpebre. Cosa diavolo stavo disegnando?
 
Seduta sulla riva del fiume, con un quaderno di schizzi in mano, guardai, incredula, il mio lavoro. Avevo disegnato una visione molto inquietante... ed erotica.
 
Questo poteva significare solo una cosa: il calore stava arrivando.
 
Ma prima di dare al calore o al mio disegno un altro pensiero, il suono di una risatina nelle vicinanze mi distrasse. Mi voltai per vedere un gruppo di ragazze che lo circondavano.
 
Non l'avevo mai visto qui, prima. Non sulla riva del fiume dove andavo a disegnare e a liberare la mente. Non si trovavano molti della nostra specie, in giro da queste parti.
 
Perché? Non lo sapevo.
 
Forse era per via della quiete che emanava il luogo, mentre da noi ci si aspettava un comportamento selvaggio. Forse è l'acqua, in contrasto con il fuoco che bruciava dentro ognuno di noi. O forse era solo un posto che avevo sempre pensato come mio.
 
Un luogo segreto dove non ero una del branco. Dove ero solo io, Sienna Mercer, una diciannovenne artista autodidatta dai capelli rossi. Una ragazza apparentemente normale.
 
L'Alfa camminava verso l'acqua, ignorando il branco di ragazze che lo seguiva. Sembrava che volesse essere lasciato solo. Questo mi incuriosiva. Mi fece venire voglia di disegnarlo.
 
Certo, sapevo che era un rischio attirare l'Alfa. Ma come potevo resistere?
 
Cominciai a delineare il suo profilo. Alto un metro e ottanta, con i capelli neri spettinati e gli occhi verde-oro che sembravano cambiare colore ogni volta che girava la testa, Aiden era la perfetta definizione di appetitoso.
 
Stavo appena iniziando a lavorare su quegli occhi quando girò la testa e annusò l'aria.
 
Mi bloccai, a metà del tratto della penna. Se mi avesse vista ora, se avesse visto cosa stavo disegnando...
 
Ma poi, con mio sollievo, tornò a guardare l'acqua, perdendosi di nuovo in qualche oscura fantasticheria. Anche se circondato da altri, l'Alfa sembrava solo. Così lo disegnai da solo.
 
L'avevo sempre osservato da lontano. Non ero mai stata così vicina. Ma ora potevo vedere come i suoi bicipiti spuntassero dalla camicia, come la sua spina dorsale si curvava per adattarsi alla sua trasformazione.
 
Immaginavo quanto velocemente potesse trasformarsi. Piegato, con sguardo simile a quello di un animale selvaggio, sembrava, in questo caso, già a metà strada.
 
Un uomo, sì. Ma ancora di più, un lupo mannaro.
 
La sua bellezza mi ricordò che il calore si stava avvicinando rapidamente. Era il periodo dell'anno in cui ogni lupo mannaro dai sedici anni in su impazziva di lussuria, la stagione in cui tutti, ma proprio tutti, scopavano come pazzi.
 
Una o due volte l'anno, questa fame imprevedibile, questo bisogno fisico contagiava tutti noi del branco.
 
Quelli che non avevano un compagno fisso trovavano un partner temporaneo e si divertivano così.
 
In altre parole, non c'era nessuno nel branco oltre i sedici anni che fosse vergine.
 
Guardando Aiden ora, mi chiedevo se le voci che giravano su di lui fossero vere.
 
Se quello era uno dei motivi per cui era qui, ignorando le ragazze, a rimuginare sulla riva del fiume.
 
Alcuni dicevano che erano mesi che Aiden non si portava a letto una donna, che si stava allontanando da tutti.
 
Perché? Una compagna segreta? No, i pettegolezzi del branco l'avrebbero già fiutata.
 
E allora cos'era? Cosa sarebbe successo al nostro amato Alfa se non avesse avuto una compagna quando il calore l'avrebbe colpito?
 
Non sono affari tuoi, mi rimproverai. Che importanza aveva per me chi si scopava Aiden?
 
Aveva dieci anni di più e, come la maggior parte dei lupi, era interessato solo a qualcuno della sua età.
 
Per Aiden Norwood, l'Alfa del secondo branco più grande degli Stati Uniti, io non esistevo. Mettendo da parte la mia cotta da scolaretta, capii che era meglio così.
 
Michelle, la mia migliore amica, era decisa a trovarmi uno scopamico. Lei si era già accoppiata in anticipo, come era comune tra i lupi non accoppiati prima del calore.
 
Cercando di sistemarmi con tre amici di suo fratello, tutti tipi a posto che erano stati schietti nel dirmi che mi ritenevano adatta per passare bei momenti a letto, Michelle non riusciva a capire perché avessi rifiutato ognuno di loro.
 
"Ugh". Potevo quasi sentire la voce di Michelle riverberare nella mia testa.
 
"Perché sei sempre così dannatamente esigente, ragazza?"
 
Perché la verità era che avevo un segreto.
 
A diciannove anni, ero l'unica lupa vergine di tutto il branco. Avevo attraversato tre calori e, per quanto fossi diventata quasi pazza per la voglia di sesso, non avevo mai ceduto ai miei desideri carnali.
 
Lo so. Molto poco lupesco da parte mia preoccuparmi dei "sentimenti" e delle "prime volte", ma li avevo a cuore.
 
Non che fossi una puritana. Nella nostra società non esisteva una cosa del genere. Ma, a differenza della maggior parte delle ragazze, mi rifiutavo di accontentarmi finché non avessi trovato il mio compagno.
 
Stavo per trovarlo. Stavo conservando la mia verginità per lui.
 
Chiunque potesse essere.
 
Continuai a disegnare la bozza dell'Alfa quando alzai lo sguardo e vidi, con mia sorpresa e improvviso terrore, che lui non era lì.
 
"Non male". Sentii una voce bassa accanto a me. "Ma gli occhi potrebbero essere fatti meglio".
 
Mi girai per vedere, in piedi accanto a me, chi guardava il mio schizzo...
 
Cazzo.
 
Aiden.
 
Prima che potessi riprendere fiato, alzò lo sguardo e i nostri occhi si incontrarono. Mi tesi, realizzando che stavo avendo un contatto visivo diretto, e immediatamente distolsi lo sguardo.
 
Nessuno sano di mente osava guardare l'Alfa negli occhi.
 
Poteva significare solo una delle due cose: stavi sfidando il dominio dell'Alfa, un desiderio di morte. Oppure, stavi invitando l'Alfa a fare sesso.
 
Dato che non avevo intenzione di fare nessuna delle due cose, la mia unica opzione era quella di abbassare gli occhi prima che fosse troppo tardi e pregare che non interpretasse male il significato del mio sguardo.
 
"Perdonami", dissi a bassa voce, giusto per andare sul sicuro. "Mi hai colta di sorpresa".
 
"Mi scuso", disse lui. "Non volevo spaventarti".
 
Quella voce. Anche pronunciando le parole più educate che si possano immaginare, suonava carica di minaccia. Come se da un momento all'altro potesse strapparti la gola con i soli denti umani.
 
"Va tutto bene", disse. "Davvero. Non mordo... la maggior parte delle volte".
 
Ero così vicina che avrei potuto allungare la mano e toccare i suoi muscoli increspati e la sua pelle dorata. Alzai gli occhi e lanciai uno sguardo.
 
Un volto brutale e irregolare che non avrebbe dovuto essere bello, ma lo era. Spesse sopracciglia che sembravano ruvide al tatto, come un indizio sulla sua forma di lupo mannaro.
 
E un naso, anche se leggermente storto - senza dubbio rotto in qualche zuffa passata - che non rovinava di certo il suo aspetto sexy da morire.
 
L'Alfa fece un passo più vicino, come per mettermi alla prova. Potevo sentire ogni pelo del mio corpo rizzarsi in trepidazione. O... era una tentazione?
 
"La prossima volta che mi disegni", disse Aiden, "vieni più vicino".
 
"Oh... ok", balbettai come un'idiota.
 
E poi, con la stessa rapidità con cui era apparso, Aiden Norwood si voltò e se ne andò, lasciandomi sola in riva al fiume. Sospirai, sentendo ogni muscolo del mio corpo sciogliersi.
 
Non era una cosa comune vedere l'Alfa fuori dal Ritrovo, il quartier generale per tutti gli affari del branco. La maggior parte delle volte, vedevamo l'Alfa alle riunioni o ai balli. Sempre in occasione di un evento formale.
 
Potevo già vedere, dagli sguardi gelosi delle fan adoranti di Aiden che lo avevano seguito fin qui solo per essere ignorate, che la situazione poteva andare rapidamente fuori controllo.
 
Anche solo il sentore di un'interazione con una femmina, specialmente una giovane popolana come me, sarebbe stato sufficiente a mandare le puttane più arrapate in delirio, abbattendo le mura del Ritrovo solo per avere un assaggio di lui.
 
Un evento di quella portata avrebbe sicuramente stressato l'Alfa. E un Alfa stressato significava un Alfa disfunzionale, che significava un branco disfunzionale... avete capito, insomma.
 
Decisi, con la poca luce del giorno che rimaneva, che avrei finito di disegnare per liberare la mia mente. Solo io e il fiume, in pace.
 
Ma tutto quello che riuscivo a vedere erano gli occhi di Aiden Norwood.
 
E quanto avessi sbagliato a disegnarli. L'Alfa aveva ragione. Potevo fare di meglio.
 
Se solo avessi potuto avvicinarmi... di più. Ma quando mai sarei stata di nuovo così vicina?
 
Non sapevo allora quello che so ora, cioè che, in poche ore, il calore sarebbe iniziato.
 
Che stavo per diventare una bestia folle di sesso. E che Aiden Norwood, l'Alfa del Branco della Costa Est, avrebbe avuto un ruolo molto importante nel mio risveglio sessuale...
 
E tutto questo era abbastanza per far ululare una ragazza.

Trova Galatea nel tuo app store e trasportati subito nel tuo prossimo romanzo preferito.

Recensioni dei lettori

Sono così assorbita da questi libri... bye bye Netflix 😊

Shannan Penisione, 9th April

Gruppo Facebook

Onestamente penso che questa app sia fantastica. La uso praticamente tutti i giorni e la adoro. ❤️

Steffie Cliff, 27th March

Recensione App Store

Adoro questa App. I libri sono fantastici e sono sempre entusiasta di leggerne altri!

Virgo Rose, 25th March

Recensione App Store

Non posso davvero fare a meno di questa app. Passo la maggior parte del mio tempo a leggere, anche al lavoro. Ho solo bisogno di un piccolo assaggio di un capitolo. Gli autori dei libri sono dei geni, apprezzo molto i loro sforzi. 

Kimberley Mills, 24th March

Gruppo Facebook