logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Matrimonio con il CEO

Una cameriera che lotta per prendersi cura del fratello malato riceve un’offerta che non può rifiutare. Se sposerà un ricco e dominante amministratore delegato e gli darà un erede entro un anno, lui le pagherà un milione di dollari e aiuterà suo fratello a ricevere l’operazione di cui ha bisogno. La vita nel castello sarà pura tortura o potrà trovare la felicità? Forse anche l’amore?

Età: 18+

 

Matrimonio con il CEO di Kimi L. Davis è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

ALICE

Ho accavallato la gamba destra su quella sinistra, guardando l'orologio che mi diceva che ero seduta qui da un'ora.

Stringevo in mano i miei documenti, aspettando il mio turno per andare nell'ufficio dell'amministratore delegato per il mio colloquio.

Mentre mi guardavo intorno, però, notai quasi cinquanta altre donne che aspettavano il loro turno. Compresi che sarebbe passato molto tempo prima che mi fosse permesso di entrare, il che non aiutava a diminuire la mia ansia.

Avevo bisogno di finire questo colloquio il prima possibile. Il mio fratellino era a casa da solo, il che non era l'ideale per le sue condizioni attuali e avevo bisogno di stare con lui.

La porta dell'ufficio dell'amministratore delegato si aprì e ne uscì una donna dai capelli biondi che piangeva a dirotto. Il suo mascara colava in sottili rivoli neri mentre i suoi occhi grigi erano iniettati di sangue.

Senza dire una parola, la donna si precipitò verso l'unico ascensore del piano e pugnalò ripetutamente il pulsante di chiamata finché l'ascensore non arrivò. Entrando nell'ascensore, scomparve non appena le porte si chiusero.

“Numero ventisette, signora Hannah, il signor Maslow la riceverà ora”, disse la signora alla reception in modo monotono.

Una signora con i capelli nero corvino e gli occhi verdi da gatto si alzò con grazia e si lisciò il suo vestito rosa già liscio.

Con un sorriso seducente, entrò con sicurezza nell'ufficio. Non capivo come facesse a non congelare in quel vestito leggerissimo.

La mia fiducia vacillò per la ventisettesima volta quando vidi un'altra bella donna andare al suo colloquio. Anche se non avevo assolutamente nessun interesse per l'uomo in sé, ero interessato a ciò che offriva. I soldi.

Gideon Maslow possedeva il più grande impero commerciale del mondo ed era la definizione stessa di ricco; era praticamente un re. Non c'era nulla al mondo che quell'uomo non potesse comprare.

Possedeva cinque isole private e stava progettando di comprarne una alle Bahamas, cosa che ho saputo dopo aver fatto qualche ricerca su di lui quando ho visto l'annuncio di lavoro sul giornale.

Era solo un altro giorno in cui stavo sfogliando il giornale alla ricerca di un terzo lavoro quando mi imbattei in un annuncio insolito.

Sposa cercasi

Gideon Maslow, un imprenditore di fama mondiale, ha bisogno di una potenziale sposa che possa, in meno di un anno, fornirgli un erede a cui lasciare il suo impero.

Il signor Maslow pagherà alla donna un milione di sterline in contanti dopo la nascita del bambino e la fine del contratto di un anno.

I colloqui per la potenziale sposa del signor Maslow si svolgeranno dal 6 al 7 dicembre 2015.

Tutte le candidate interessate devono portare i loro curricula contenenti ogni dettaglio su di loro, compresa l'età, la razza, il background, le malattie genetiche, eccetera. Le candidate con informazioni false saranno squalificate.

Per maggiori informazioni, contatta la sede centrale della Maslow Enterprises.

Era stato fornito un numero di contatto.

Vedere l'importante compenso che l'uomo avrebbe offerto era l'unica ragione per cui ero seduta fuori dal suo ufficio, aspettando il mio turno, ignorando i crampi al sedere per essere stata seduta così a lungo.

Appena ho visto l'importo ho capito che quei soldi mi avrebbero permesso di pagare l'operazione di mio fratello e che dovevo fare tutto il possibile per assicurarmi che il signor Maslow mi scegliesse come moglie.

Tutto quello che dovevo fare era dargli un erede,poi avrei potuto salvare la vita di mio fratello. Desideravo solo che scegliesse me.

La porta si aprì ancora una volta e la signora, Hannah, uscì con aria livida. Le sue labbra erano tirate indietro in un ringhio. Grugnendo con rabbia, si precipitò verso l'ascensore.

“Quello stronzo mi ha rifiutato perché non sono vergine! Da che pianeta viene?” gridò, guadagnandosi gli applausi di alcune donne. Le porte dell'ascensore si aprirono e Hannah perse poco tempo per entrare.

Una volta che le porte dell'ascensore si chiusero, sospirai di sollievo, felice del fatto che ero ancora vergine. Cominciai a giocherellare con la collana che avevo al collo. Nico, il mio fratellino, me l'aveva regalata per il mio diciannovesimo compleanno.

Non era niente di straordinario, solo un semplice ciondolo rosa-oro con una sottile catena placcata in oro, ma significava il mondo per me. Erano passati quattro anni e non l'ho mai tolta; era il mio portafortuna.

“Numero ventotto, signorina Alice. Il signor Maslow la riceverà ora”, disse la signora alla reception con la stessa voce piatta.

Il mio cuore iniziò a battere mentre mi alzavo lentamente, facendo del mio meglio per sembrare aggraziata, imitando le mosse delle altre donne pur sapendo di non avere esattamente successo.

Stringendo la cintura del mio cappotto intorno alla vita, mi strinsi la cartella al petto e mi diressi lentamente verso la porta di legno che avrebbe potuto o meno aiutare a salvare la vita di mio fratello, con il cuore che mi martellava contro la cassa toracica.

Facendo un respiro profondo, ho girato delicatamente la maniglia e sono entrata nell'ufficio di Gideon Maslow. L'ufficio era a dir poco bellissimo. L'interno non era elegante, ma sembrava costoso.

C'erano due divani bianchi molto larghi, uno di fronte all'enorme finestra di vetro che riempiva una parete da pavimento a soffitto, l'altro di fronte al primo, con un tavolo di vetro nel mezzo.

Alla mia destra, c'era una scrivania con sopra la cancelleria da ufficio perfettamente ordinata e con dietro una grande sedia girevole color marrone scuro.

Contro il muro c'erano diversi grandi armadi in legno scuro e alcune piante in vaso sapientemente disposte nella stanza completavano l'arredamento.

Seduti sul divano contro la finestra di vetro c'erano quattro uomini vestiti in modo impeccabile. Indossavano tutti costosi abiti firmati.

Quello seduto all'angolo sinistro sembrava essere il più vecchio, con i capelli castano scuro che stavano leggermente ingrigendo sui lati e con penetranti occhi marroni. Il suo viso era duro, con solo alcune rughe che accennavano alla sua età avanzata.

Accanto all'uomo più anziano sedeva un giovane che non sembrava avere più di vent'anni. Era simile all'uomo sulla sinistra, tranne che per i capelli ricci biondi e gli occhi verde mare. Il suo viso era liscio e aveva un corpo magro.

Accanto al ragazzo vi era un uomo di circa ventisette anni. Aveva una mascella affilata, folti capelli castani e occhi verde mare penetranti. Aveva un aspetto vagamente familiare; tuttavia, non riuscivo a ricordare dove l'avevo visto.

Il solo guardarlo mi fece correre un brivido lungo la schiena. L'uomo sembrava pericoloso, come se fosse sempre pronto a colpire. Sapevo che era il tipo di uomo che non avrebbe esitato ad abbattere il suo avversario, non importava chi fosse.

L'ultimo uomo sembrava avere circa venticinque anni e aveva capelli ricci castani e morbidi occhi marroni. Il suo bel viso sfoggiava un morbido sorriso che stranamente mi metteva a mio agio.

Sembrava un po' pompato, come se avesse fatto molta palestra. Ma mi piaceva molto. Dei quattro, l'ultimo era quello che non mi faceva sentire come se fossi appena entrata nella tana del leone.

“Si sieda, signorina. Non abbiamo molto tempo”, disse l'uomo mortale.

Mi sedetti rapidamente sul divano di fronte e misi il mio fascicolo sul tavolo di vetro. L'uomo dall'aspetto pericoloso lo prese immediatamente, aprendolo e leggendone rapidamente il contenuto, il suo volto privo di emozioni.

“Come ti chiami?” chiese il più vecchio dei quattro uomini. Aveva una voce profonda e parlava con decisione.

“Alice Gardner, signore”, risposi educatamente, affondando le unghie nei miei palmi per impedire al mio cuore di battere.

“Da dove vieni?” chiese lo stesso uomo.

“East End di Londra, signore”, risposi.

“Sei povera”, affermò l'uomo mortale con gli occhi verde mare. La sua voce era piena e liscia, come il cioccolato fuso, ma parlava con una tinta pericolosa nel suo tono.

I suoi occhi erano duri mentre mi scrutavano, facendomi sentire come un topo sotto osservazione.

“Io…” Ero senza parole. Non potevo negare il fatto che ero davvero molto povera. Ma sentirlo dire in modo così dispregiativo mi faceva sentire stupida per aver pensato di venire qui.

“Perché sei venuta qui?” chiese il più giovane dei quattro.

La mia mano volò immediatamente alla mia collana mentre mi sentivo sopraffatta sedendo di fronte a questi uomini ricchi. “Ho bisogno di soldi”, ho risposto onestamente.

“Wow, molto onesta! E noi che pensavamo che avresti professato il tuo amore eterno per mio fratello!” affermò l'uomo massiccio con un sorriso divertito.

Abbassando lo sguardo mentre un rossore mi colorava le guance, continuai a giocherellare con la mia collana.

“Con tutto il rispetto, signore, come posso professare il mio amore per un uomo di cui non sapevo nemmeno l'esistenza fino a due giorni fa?” Ho sbottato e poi mi sono maledetta per aver farfugliato.

“Ahi, deve averti fatto male, eh, Gideon?” mi schernì l'uomo massiccio, lanciando un'occhiata a suo fratello, che sembrava volesse uccidermi.

I miei occhi si allargarono leggermente. Questo era Gideon? Il Gideon Maslow?! Non c'è da stupirsi che avesse un aspetto familiare. Avevo visto le sue foto su internet. Sembrava davvero uno degli scapoli più appetibili di Londra.

“Perché vuole soldi?” Chiese Gideon.

“Il mio fratellino ha il VSD, difetto del setto ventricolare. Ha un buco nel cuore e ho bisogno di soldi per la sua operazione”, ho risposto, mentre le mie dita non lasciavano la collana.

“Quindi sei disposta a sposarmi e a darmi un erede per avere i soldi per l'operazione del tuo fratellino, giusto?” chiese, come se confermasse ciò che avevo appena detto.

Ho annuito, sperando che accettasse il matrimonio. “Sì, signore”.

“Cosa ti fa pensare che ti sposerei?” chiese con arroganza.

“Mi scusi?”

“Dopo aver esaminato le tue informazioni, non sono per nulla convinto di volerti come moglie. Entrambi i tuoi genitori sono morti a causa di una malattia cardiaca e anche tuo fratello soffre di una patologia simile Questo significa che, in futuro, c'è una forte possibilità che anche tu soffra di una malattia cardiaca e io non voglio che mio figlio abbia un cuore difettoso”, ha dichiarato.

“Non è necessariamente vero che soffrirò di cuore”, ho argomentato.

“Sì, potresti non ammalarti, ma ci sono anche altre cose. Hai solo un diploma di scuola superiore, il che significa che non sei neanche molto istruita.

Lavori in un bar scadente e in una stazione di servizio, il che significa un ambiente poco igienico, il che significa che nel tuo corpo scorrono tutti i tipi di sostanze chimiche tossiche che hai inalato.Per non parlare del fatto che vivi nell'East End di Londra, un posto per i poveri”, ha controbattuto, facendomi sentire più piccola con ogni parola.

“L'unica ragione per cui non sono andata al college è che entrambi i miei genitori sono morti e ho dovuto prendermi cura di mio fratello minore. Devo fare due lavori per comprare le medicine per mio fratello e devo ancora risparmiare un po' di soldi per la sua operazione.

L'East End di Londra è il posto in cui sono nata e cresciuta. Non posso e non voglio scusarmi di questo”, ho spiegato, desiderando disperatamente di scappare.

“Dimmi, hai mai mangiato in un ristorante costoso? Sei mai stata a un evento di beneficenza?” chiese lui.

“Non ho tutti quei soldi, signore, e se li avessi, la prima cosa che farei sarebbe procurare a mio fratello l'operazione di cui ha bisogno”, risposi con fermezza.

“Il tuo colore di capelli, è naturale?” Chiese Gideon.

Passando una mano tra i miei capelli ondulati, biondo fragola, ho annuito. “Sì, è naturale. Anche mia madre aveva i capelli biondo fragola”, risposi con un sorriso, il viso angelico di mia madre che mi passava davanti agli occhi.

“Interessante, tuttavia devo dire che non c'è niente di te, a parte il fatto che sei vergine, che mi attrae. Non la tua genetica, non il tuo stato finanziario, niente. Sto cercando una donna con classe e status e, sfortunatamente, ti mancano queste caratteristiche.

Non sto cercando un'avventura di una notte; sto cercando una moglie e non vedo una moglie in te”, ha dichiarato guardandomi senza mostrare un accenno di emozione.

“So come essere una moglie”, mi difesi, cercando di trovare un modo per convincere Gideon a sposarmi. Avevo bisogno di soldi per Nico.

Quando avevo lasciato il mio appartamento mi ero promessa che avrei fatto qualsiasi cosa per convincere Gideon a sposarmi.

“Lo sai? Se diventi mia moglie, io sarò la tua priorità, non più tuo fratello, non chiunque altro: io. Te ne rendi conto?” Chiese Gideon.

“So come dividere il mio tempo in base alle mie priorità e ti dico che non sarai deluso”, ho affermato con fermezza.

Gideon scosse la testa e sapevo che non c'era modo di convincerlo. Il mio cuore sprofondò. Dovevo trovare un altro modo per avere i soldi.

Non potevo lasciare che Nico, il mio fratellino, la mia unica famiglia, soffrisse ancora a lungo. Dovevo solo trovare un lavoro decentemente retribuito.

“Mi dispiace, signora Gardner. Non credo che lei sia la donna giusta per me. Tuttavia, posso pagare l'operazione di suo fratello”, ha offerto Gideon.

Scuotendo la testa, ho sorriso e mi sono alzata. “Grazie, ma non posso accettare. Preferirei guadagnarli i soldi per l'operazione di mio fratello. Potrei non essere ricca, signor Maslow, ma non sono nemmeno in cerca di carità”.

Riprendendomi i documenti, li strinsi al petto.

“Sei sicura? Sarebbe di grande beneficio per te e tuo fratello”, insistette Gideon, ma non avevo intenzione di cedere.

“Posso non avere classe e status, ma ho dignità e rispetto per me stessa. Grazie per il suo tempo, signor Maslow. Ora me ne vado. Addio, signor Maslow”, ho dichiarato.

Girando sui miei tacchi, assicurandomi di tenere la testa alta, uscii dall'ufficio di Gideon Maslow e dalla sua vita.

Uscendo dall'alto edificio che era la Maslow Enterprises, cominciai a giocherellare di nuovo con la mia collana, mentre il peso dei miei problemi e delle mie responsabilità minacciava di tirarmi giù.

Guardando l'affollata strada di Londra, avevo solo un pensiero che mi frullava in testa.

Come avrei pagato l'operazione di Nico ora?

Cosa avrei fatto adesso?

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

Bussai alla porta del mio appartamento e aspettai che Nico venisse ad aprirmi. L'ansia e la disperazione mi stavano divorando da dentro. Cosa avrei fatto adesso? Dove avrei trovato un lavoro redditizio?

Tutte le aziende preferivano i laureati, mentre io ero solo una diplomata. Se solo mio padre non si fosse mai ammalato e mia madre avesse avuto un buon lavoro, oggi sarei impiegata in qualche azienda di successo.

Ma se avessi iniziato a pensare a tutti i “se”, allora avrei perso tutto, e anche se non avevo molto da perdere, ne avevo abbastanza.

La porta del mio appartamento si aprì. Nico stava di fronte a me, sorridendo. I suoi occhi verdi, molto simili ai miei, erano scintillanti. I suoi capelli biondi erano in disordine. Il solo vederlo felice curvò le mie labbra in un sorriso involontario.

Anche se il mio fratellino non aveva esattamente una vita normale, era sempre felice, sempre ottimista. Ho fatto del mio meglio per non lasciare che qualcosa lo preoccupasse, ma era felice senza che io facessi molto.

“Ehi, Nico, come stai?” Ho chiesto con un sorriso, anche se l'ansia mi faceva battere il cuore. Ho rapidamente fatto scorrere i miei occhi su di lui, assicurandomi che stesse bene.

“Sto benissimo, e tu? Hai ottenuto il lavoro che volevi?” chiese, alzando un po' la testa per guardarmi negli occhi.

Anche se aveva solo dieci anni, Nico era già alto come me. Tuttavia, a causa dei miei tacchi alti, sembravo un po' più alta.

Ho scosso la testa in risposta. “No, avevano già assunto qualcuno prima che ne avessi la possibilità”, ho mentito, non volendo che si preoccupasse.

“Oh, beh, va bene così. Sono sicuro che ci sono lavori migliori per te”, ha risposto con un sorriso.

“Sì, lo spero”. Mormorai l'ultima parte tra me e me, non volendo che Nico mi vedesse sconvolta; il suo cuore non sarebbe stato in grado di gestire lo stress e l'ansia.

“Possiamo uscire oggi? Mi annoio”, si lamentò Nico.

Il mio cuore si strinse nel dolore. A causa delle sue condizioni cardiache, ho fatto del mio meglio per assicurarmi che Nico non si sforzasse; ha avuto un attacco in cinque occasioni diverse e ho dovuto portarlo di corsa all'ospedale, pregando Dio di farlo stare bene.

Ogni volta i medici mi dicevano di assicurarmi che Nico non facesse molta attività fisica e di farlo operare il prima possibile. Se solo i medici sapessero quanto è stato difficile ottenere i soldi.

“Possiamo fare qualcosa a casa. Sai che non dovresti sforzarti”, dissi, desiderando che in qualche modo, da qualche parte, avrei ottenuto i soldi per l'operazione di Nico così che potesse uscire e correre con i bambini della sua età, invece di stare rinchiuso nell'appartamento.

Il senso di colpa e la disperazione mi hanno trafitto il cuore quando il sorriso sul volto di Nico si è smorzato di colpo. Il luccichio nei suoi occhi si spense mentre sospirava rumorosamente.

“Sono passate tre settimane da quando sono uscito l'ultima volta. Per favore, Alice, solo per venti minuti. Portami al parco, ovunque”, mi supplicò Nico, i suoi occhi mi imploravano di cedere.

Tirando un sospiro di sconfitta, ho guardato mio fratello negli occhi. “Ok, va bene, andremo in biblioteca e potrai leggere i libri”, concessi. La biblioteca era l'unico posto che mi veniva in mente quando pensavo a dove Nico avrebbe potuto passare del tempo senza sforzarsi.

Nico sorrise, un sorriso pieno di luce di quelli che amavo così tanto. Battendo i pugni in aria, Nico saltò per l'eccitazione. “Sì! Vado a prendere la mia giacca”, urlò e poi corse verso la sua stanza.

“Non correre”, lo rimproverai. Scuotendo la testa, sono andata nella mia stanza a prendere il portafoglio. Avevo già addosso il mio trench, dovevo solo prendere il mio berretto di lana e i guanti dall'armadio.

Anche se era pomeriggio, ho fatto in modo di coprirmi bene. Gli inverni londinesi possono essere insidiosi.

Scambiando i miei tacchi alti con comode scarpe da ginnastica, ho chiuso l'armadio e sono uscita dalla mia stanza per andare in soggiorno, dove Nico era già in piedi.

“Sbrigati, Alice, non vogliamo che la biblioteca chiuda”, disse Nico in fretta e furia.

“Non chiuderà così presto, ma dov'è il tuo zaino?” Ho chiesto.

“Sulla sedia”. Ho preso lo zaino nero e me lo sono messo in spalla. Dovevo portare io lo zaino fino alla biblioteca, così Nico non avrebbe dovuto portare libri pesanti.

“Andiamo”, lo esortai. Nico non ha perso tempo a correre fuori dall'appartamento, dando al mio cuore una scossa improvvisa. “Smettila di correre!” L'ho rimproverato, seguendolo con lo sguardo e assicurandomi di chiudere la porta d'ingresso.

Fuori faceva abbastanza freddo, ma c'era da aspettarselo. Io e Nico potremmo anche vivere in una delle zone più povere di Londra, ma le strade sono sempre affollate anche qui. La gente si muoveva correndo qua e là.

Era quasi ora di pranzo, il che spiegava la folla. Mi assicurai di tenere stretta la mano di Nico, per essere sicura che non si perdesse.

Dopo circa venti minuti di passeggiata tra la folla dell'East End di Londra, Nico e io arrivammo finalmente alla biblioteca. Nico non perse tempo a entrare e si precipitò immediatamente nella sezione di biologia, lasciandomi da sola.

Volendo assicurarmi che stesse bene, così ho seguito Nico verso gli scaffali dei libri di scienza. Era seduto su una delle tante poltrone in un angolo, intento a leggere un libro grande e grosso, mentre sul piccolo tavolo aveva messo una pila di altri volumi.

“Sembra che tu abbia un'ossessione per la biologia”, ho commentato, guardando Nico che leggeva alcune pagine dedicate al cuore.

Ogni volta che io e Nico visitavamo la biblioteca, sceglieva sempre di leggere libri di scienze, soprattutto di biologia, cosa che trovavo strana e stupefacente, visto che un ragazzo della sua età di solito vuole leggere di supereroi e cose del genere.

“Voglio diventare un dottore, Alice. Per questo ho bisogno di studiare molto, in modo da poter aiutare le persone con malattie cardiache. Così nessuno dovrà rimanere a casa a causa di un cuore malato”, rispose, con uno sguardo determinato nei suoi occhi.

Lacrime indesiderate mi punzecchiarono gli occhi nel sentire la risposta di mio fratello. Il suo problema al cuore lo stava influenzando moltissimo, sia fisicamente che emotivamente, e io non potevo farci niente.

Sbattendo rapidamente gli occhi per impedire alle lacrime di scendere, presi la mia collana e cominciai ad armeggiare con essa. “Tu rimani qui e continua a leggere. Io vado a fare qualche ricerca, ok?”

“Ok, ma per favore, possiamo restare qui per qualche ora? Voglio sedermi e leggere qui”, chiese Nico.

Ho annuito con un sorriso. “Ce ne andremo quando vorrai”, risposi, poi mi girai e andai verso la cassa.

“Ciao, c'è qualche computer disponibile?” Ho chiesto alla brunetta carina seduta dietro la scrivania che stava scrivendo sulla tastiera.

“Certo, ci sono alcuni computer che sono liberi. Puoi andare a vedere”, ha risposto gentilmente.

“Grazie”. Mi sono girata e mi sono diretta verso l'area internet. Lo spazio aveva moltissimi computer, che erano disposti a cinque per tavolo, ognuno con il suo mini cubicolo.

Il che era fantastico, dato che si aveva una privacy completa quando si lavorava.

Trovando un cubicolo vuoto, mi sono seduto sulla sedia girevole e ho acceso il computer. Non appena ho aperto la scheda internet, mi sono affrettata a cercare lavori online redditizi.

Avrei preferito ottenere un lavoro online per poter lavorare da casa. In questo modo non avrei dovuto lasciare Nico da solo e sarei stata in grado di prendermi cura di lui.

Quando ho acceso il computer, ero piena di speranza, ma ora, dopo aver cercato tra quasi cinquanta link, stavo iniziando a perderla. Nessun lavoro online pagava più di quello che stavo già guadagnando al bar e alla stazione di servizio.

Anche se avessi optato per un lavoro online, mi rendevo conto che non sarei stata in grado di farlo a causa dei miei orari strani al bar e alla stazione di servizio. Tuttavia, ho continuato a cercare link dopo link, pregando Dio di trovarmi un lavoro.

“Ehi, Alice?” La voce di Nico mi fece trasalire. Guardai alla mia destra per vedere mio fratello in piedi con le braccia incrociate sul petto.

“Sì, cosa c'è? Stai bene?” Ho chiesto, preoccupata.

“Sì, volevo solo dirti che penso che dovremmo andare. Il tuo turno sta per iniziare”, mi disse.

Guardando il mio orologio da polso, ho imprecato sottovoce. Erano passate cinque ore da quando io e Nico eravamo venuti qui e lui aveva ragione; il mio turno alla stazione di servizio stava per iniziare.

Spegnendo in fretta il computer, mi sono alzata e ho preso lo zaino. “Hai preso in prestito qualche libro?” Ho chiesto a Nico.

Lui annuì. “Sì, sono alla cassa”, ha risposto.

Prendendo la sua mano, ho camminato verso la cassa per vedere la signora che controllava l'ultimo libro e lo impilava in cima alla pila già grande. Senza dire nulla, ho aperto la borsa e ci ho messo dentro otto libri molto voluminosi.

Una volta infilati tutti i libri, ho chiuso la zip della borsa e me la sono messa in spalla, facendo attenzione a non far vedere a nessuno quanto fossi a disagio con quel peso. Salutando la bibliotecaria, Nico e io uscimmo.

La folla si era diradata considerevolmente nel giro di cinque ore. Non si vedevano molte persone in giro, il che rendeva inutile tenere la mano di Nico.

Nonostante ciò, ho fatto in modo che Nico camminasse il più vicino possibile a me. Non potevo rischiare che camminasse a distanza; la sua malattia cardiaca mi aveva trasformato in un tormento di ansia e preoccupazione.

Abbiamo raggiunto il nostro appartamento in meno di venti minuti. Appena aperta la porta d'ingresso sono entrata di corsa e ho portato lo zaino nella camera di Nico. Non volevo che lo portasse lui o altro.

Se mettevo lo zaino nella sua camera da letto, allora Nico poteva semplicemente aprire la borsa e leggere qualsiasi libro volesse. Se un giorno fossi diventata ricca, avrei comprato una libreria per Nico, così avrebbe potuto ordinare i suoi libri e altri soprammobili.

Roteando la spalla per alleviare il dolore, lasciai la stanza di Nico e andai in cucina per preparare la cena. Avevo ancora un'ora prima che il mio turno iniziasse, il che era sufficiente per fare una zuppa di verdure italiane.

Volevo preparare a Nico qualcosa come un hamburger alla griglia, che sarebbe stato più facile, ma non faceva bene al suo cuore, e non avrei mai messo in pericolo la salute di Nico solo per rendermi la vita più facile.

Il campanello suonò mentre stavo tagliando le verdure. Mi accigliai, la curiosità fioriva dentro di me. Chi ci avrebbe potuto fare visita a quest'ora? Non era né l'ora dell'arrivo del lattaio né quella del padrone di casa, quindi chi poteva essere alla porta?

Misi giù il coltello per andare a vedere chi fosse, ma Nico mi precedette.

“Ci penso io, Alice. Tu prepara la cena”, urlò Nico. Con riluttanza, raccolsi di nuovo il coltello e tornai a tagliare la verdura; tuttavia, la mia mente si chiedeva ancora chi fosse alla porta, quindi tesi le orecchie per ascoltare se ci fosse qualcosa di strano.

Quando tutto ciò che sentii furono parole strane e incomprensibili, posai di nuovo il coltello e andai a controllare con chi stava parlando Nico.

“Nico, chi è…” Le mie parole mi morirono in gola quando vidi alcuni uomini in piedi sulla soglia del mio appartamento.

Gideon Maslow, insieme a suo fratello e all'uomo più anziano che presumevo fosse suo padre, era in piedi sulla soglia del mio appartamento, con un aspetto letale come sempre e uno sguardo indecifrabile.

“Wow, sei ancora più bassa di quanto pensassi”, ha commentato il fratello di Gideon.

Ignorando il suo commento, ho rivolto la mia attenzione a Gideon. “Va tutto bene?”

“Non ci inviti a entrare, signorina?” Chiese il padre di Gideon.

Le mie guance si infiammarono per l'imbarazzo. “Certo, scusate, entrate pure”, li invitai educatamente.

Tutti e tre gli uomini entrarono nel mio appartamento e Nico chiuse la porta. “Alice, conosci queste persone?” Chiese Nico.

“Sì, li conosco, Nico. Perché non vai nella tua stanza mentre io parlo con loro”, gli dissi.

“Sei in pericolo?” chiese ansiosamente.

“No, no, per niente, ho solo bisogno di parlare con loro di qualcosa di importante, tutto qui. Ti chiamerò non appena se ne saranno andati”, risposi.

“Ok, ma chiamami se sei in pericolo”, ha dichiarato.

“Lo farò”, lo rassicurai.

“Prometti?” Ha alzato il suo mignolo.

Unendo il mio mignolo con il suo, ho sorriso. “Promesso”.

Soddisfatto, Nico se ne andò nella sua stanza, chiudendo la porta dolcemente dietro di lui, mentre io andai nel soggiorno dove Gideon era seduto con gli altri due uomini.

“Allora, dolcezza, cosa sei? Uno e quaranta, uno e quarantacinque?” Chiese il fratello di Gideon.

“Sono un metro e cinquanta”, risposi. “Volete qualcosa da bere?” Chiesi, non dimenticando le mie buone maniere.

“No, vai a fare i bagagli”, ordinò Gideon, incrociando i suoi occhi verde mare con i miei. Il mio cuore ha vacillato mentre Gideon mi fissava, i suoi occhi volevano che mi sottomettessi.

“Perché?” Ho chiesto, con il terrore che si insinuava nella mia spina dorsale. Se aveva intenzione di separarmi da mio fratello, allora aveva un altro pensiero in mente.

“Perché lo dico io”, affermò Gideon semplicemente.

Scossi la testa. “Mi dispiace signor Maslow, ma non farò nulla di quello che mi dirà se non avrò una risposta ragionevole”, dichiarai.

Gli occhi di Gideon si indurirono, assomigliando a dei frammenti verdi. “Fai come ti dico”, comandò.

“Prima dammi una ragione valida”, ho chiesto.

“Wow, sei piuttosto ostinata”, intervenne il fratello di Gideon.

“Zitto, Kieran”, disse Gideon di scatto. Oh, quindi quello era il suo nome. Mi piaceva Kieran. Non era così intimidatorio come Gideon. Mi chiedevo dove fosse il più giovane.

Alzandosi, Gideon si avvicinò a me finché non fu in piedi a pochi centimetri dal mio viso. Ho alzato la testa per guardarlo. Non indossavo i tacchi alti e Gideon mi sovrastava, facendomi sentire vulnerabile.

“Vai a fare i bagagli, piccola. Non te lo dirò più”, affermò con un tono scuro, minaccioso.

“Perché?” Domandai, non lasciandomi intimidire. Non ero la sua schiava. Doveva darmi una ragione prima che facessi qualsiasi cosa mi chiedesse.

Le sue parole successive mi hanno fatto sgranare gli occhi per lo shock.

“Ci stiamo per sposare”.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Ninfa, la seconda possibilità dell’alfa

Adelie è abituata a rimanere nell’ombra e a vivere una vita ordinaria nel suo branco di lupi. Ma tutto cambia quando viene rifiutata dal suo compagno, l’alfa, e deve trovare un nuovo branco in cui vivere. Trova poi una nuova casa nel branco dell’alfa Kairos.

Kairos, un lupo noto per la sua natura vile e il suo carattere furioso, si rivelerà essere la seconda possibilità per Adelie di avere un compagno. Ma le cose potranno funzionare se la paura di Kairos del passato gli impedisce di aprirsi e Adelie sta per scoprire di avere dei poteri che non aveva mai nemmeno sognato?

Età: 16+

La principessa perduta

Everly ha vissuto nella paura per tutta la sua vita, ma le cose peggiorano ulteriormente quando la sua violenta matrigna la vende come schiava. Costretta a sopravvivere in uno squallido mondo sotterraneo di mostri assetati del suo sangue verginale, Everly sente di non avere speranze, fino a quando non riesce a fuggire al Branco della luna rossa. Lì si trova faccia a faccia con l’affascinante Alfa Logan, il suo compagno predestinato. Ma i suoi vecchi padroni sono sulle sue tracce.

Il suo nuovo branco sarà in grado di sconfiggerli?

Età: 18+

Un errore meraviglioso

Dopo che gli amici di Kyla la convincono a riprendersi con un’avventura di una notte dall’ex fidanzato che l’aveva tradita, lei è sicura di aver eliminato l’amore e la lussuria da sé stessa per sempre. Ora può concentrarsi sulla sua carriera di assistente marketing. Ma ancora non sa che il bello sconosciuto che ha appena sconvolto il suo mondo è il suo nuovo capo. Kyla decide di mantenere la loro relazione professionale, ma il suo capo miliardario non si scoraggia facilmente…

Età: 18+

I guerrieri di Torian

La terra è sotto attacco per mano di una mostruosa razza aliena che non brama altro che distruzione. Lilly e le sue sorelle più piccole vengono catturate e rischiano di morire… ma improvvisamente il meraviglioso re guerriero Bor giunge da un altro pianeta e le salva. La sua missione è quella di proteggere tutti gli umani, ma, ora che l’ha conosciuta, ha occhi solo per Lilly. Riuscirà a mantenere il suo impegno insieme al suo amore o dovrà sacrificare tutto per lei?

Età: 18+

Taken

Clarice è stata difesa per tutta la sua vita dal padre iperprotettivo ed è separata dalla sua lupa interiore. Quando perde il controllo durante una trasformazione, finisce come ostaggio di re Cerberus Thorne, il famigerato leader di tutti i lupi mannari.

Intrappolata nel suo castello, Clarice scoprirà che il proprio destino è legato a quello di Cerberus, ma sarà in grado di domare il suo compagno selvaggio prima che sia troppo tardi?

Età: 18+

Le guerre dei lupi

Dopo le Guerre dei Lupi, i lupi mannari e gli umani si accordarono per una tregua scomoda e divisero il mondo tra di loro. I lupi mannari presero le foreste e le pianure, mentre gli umani le città e i paesi. L’umanità fu ulteriormente segregata in Lavoratori ed Elite.

Ora, il cibo è scarso e i Lavoratori stanno morendo di fame ed è così che la dodicenne Lavoratrice Ellie si ritrova affamata e bloccata nel territorio dei lupi mannari. Ma si tratta davvero delle bestie spaventose da cui è stata messa in guardia o le Elite hanno nascosto la verità?

Età: 18+ (Attenzione ai contenuti: stupro e violenza)

Infinity

Il compagno di Lux è tutto ciò a cui Zayla riesce a pensare dal primo giorno in cui ha sentito il suo profumo. Cerca di immaginare il suo aspetto, il suo sapore… ma sa che anche i suoi sogni più selvaggi non gli rendono giustizia.

Dall’alba al tramonto, il compagno di Lux è sempre lì, in agguato nell’ombra, appena fuori portata. Lei non sa nemmeno che specie sia. Tutto ciò che conosce è il suo nome: Soren.

Età: 18+

Morsa dall’alfa

Quando una giovane fuggitiva, Quinn, viene morsa da un lupo nel bosco, scopre un mondo che non sapeva esistesse, un mondo di lupi mannari.

Ora Quinn deve adattarsi alla sua nuova vita nel Branco della luna ombra, sotto la guida di un affascinante alfa.

Età: 18+