logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Maeve non è più tornata a casa da quando suo padre è morto e lei è stata mandata in collegio, ma ora è tornata per vendere la casa e andare finalmente avanti. Non è tornata da molto quando incontra alcuni vecchi amici che la convincono ad andare al Ballo dei Compagni, un nome strano, ma sembra abbastanza divertente. Tuttavia, quando uno strano ma inebriante uomo le si avvicina al ballo e le dice che lei è “sua”, un cambiamento inizia a verificarsi in lei; un cambiamento che rivela un oscuro segreto sulla città e sulla sua famiglia.

Età: 18+ (Attenzione: contiene episodi di violenza, rapimento, violenza sessuale, stupro, aborto spontaneo)

⚠️ Questa storia contiene temi di rapimento, violenza sessuale, stupro e aborto spontaneo. ⚠️

 

Moon River di September Moon è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

L'aria era fresca contro il mio viso.

Mi ero ripromessa di non guardarmi indietro, ma la mia lupa non aveva mai fatto quella promessa. La sua testa si voltò e guardammo il castello.

Guardai le luci che iniziarono ad accendersi, illuminando il percorso che stava facendo mentre mi cercava. Sentii un ululato squarciare l'aria e le campane d'allarme iniziarono a suonare.

Una fece istintivamente un passo indietro e la sua zampa tastò il bordo di una scogliera. Girò la testa per guardare la sua zampa, attirando i miei occhi nei suoi.

Non sono abbastanza forte per andarmene, mi disse Una. Sono ancora attratta da lui. Si voltò per scrutare oltre il bordo.

Preferirei morire piuttosto che restare lì, dissi mentre le parlavo nella nostra mente condivisa. Salta!

L'ultima cosa che ricordavo fu la sensazione dell'aria che avvolgeva ogni parte di noi. Finalmente sentii la cosa che avevo cercato: la libertà.

L'acqua fresca sottostante ci abbracciò e cademmo nell'oscurità.

MAEVE

In qualche modo, tutto era ancora lo stesso.

Diedi la mancia al mio autista e scesi dal taxi, mettendomi lo zaino sulle spalle. Mi avvicinai alla casa e cercai di ricordare dove fosse la chiave di riserva.

Guardai sotto lo zerbino, nella cassetta della posta e intorno ai davanzali. Se qualcuno passava di lì o guardava fuori dalla finestra, probabilmente avrebbe pensato che stessi cercando di irrompere in casa mia.

Decisi che sarei andata sul retro, avrei saltato il recinto e avrei scassinato una delle finestre. Mi buttai e atterrai abbastanza bene, non per vantarmi.

Il cortile era decisamente in uno stato di abbandono.

Se Grace fosse stata lì a vedere il suo giardino così, molto probabilmente sarebbe svenuta. Mi avvicinai alla porta scorrevole e decisi di fare un tentativo. Beh, chi l'avrebbe mai detto: era aperta.

La casa sembrava più vuota del solito. Feci scorrere il mio dito sul tavolo della cucina, separando gli strati di polvere.

Avevo usato tutte le scuse possibili e avevo rimandato il più a lungo possibile il mio ritorno lì.

Dopo la morte di mio padre, Grace aveva mostrato la sua vera natura. Mi aveva mandata in collegio giorni dopo la sua morte.

Durante le vacanze, ero costretta a rimanere a scuola mentre tutti gli altri potevano andare a casa. Così, passai quel tempo a pianificare. Mi promisi una vita in cui non avrei dovuto dipendere da nessuno.

Non avevo bisogno di andare a casa come tutti gli altri. Stavo scegliendo di restare per poter studiare e creare il futuro che volevo vivere. Non avevo bisogno di nessuno finché avevo i miei libri.

Eppure eccomi di nuovo lì. Non avrei mai pensato di tornare in quel posto, ma avevo delle questioni in sospeso. Non mi era mai piaciuta la casa e venderla mi avrebbe aiutato a pagare l'università.

Inoltre, mio padre aveva lasciato strane clausole nel suo testamento quando era morto.

Avevo appena compiuto ventuno anni e nel giro di qualche settimana avrei finalmente ottenuto la mia eredità. Dopo di che, avrei potuto vendere la casa e andare avanti.

Fino ad allora, avrei dovuto fare qualche lavoro saltuario, pulire la casa e iniziare a pianificare il resto della mia vita.

“C'è nessuno?” La voce proveniva dalla porta d'ingresso. “Voglio che tu sappia che ho avvertito le autorità, furfante!”

Corsi verso la porta, annusai l'aria e sentii distintamente l'odore di frittelle e miele. “Mary?” Chiesi aprendo la porta.

“Maeve?” Mi abbracciò rudemente e mi spinse rapidamente lontano da lei: “Lascia che ti guardi bene. Oh mio Dio! È da così tanto tempo che non ti vedo. Come stai?”

“Sto bene”.

“Pensavo che ti avremmo vista al funerale”, disse mentre si spazzolava via le lacrime, “ma dopo come ti ha trattata… capisco perché non sei venuta”.

“È stata dura per me perché avevo gli esami, ma ho fatto in modo di organizzarmi al meglio e secondo i suoi desideri”, risposi. “Ti piacerebbe entrare? So che la casa è un po' in disordine, ma forse potrei portarti dell'acqua? Sono sicura che gli agenti saranno presto qui, e vorranno sapere cosa sta succedendo – perché non ti metti comoda mentre aspettiamo?”

Mary mi seguì in cucina. Aprii gli armadietti in cerca di tazze. Per fortuna si avvicinò e prese lei stessa un bicchiere.

Grace aveva spostato le cose dall'ultima volta che ero stata lì. Non sapevo dove fossero le cose e questo rafforzava la sensazione di essere fuori luogo.

Sentii di nuovo bussare alla porta e mi scusai per andare ad aprire.

“Maeve?”

“Tylor!” Sorrisi.

“Sono passati anni!” Mi abbracciò così forte che potevo sentire l'odore della luce del sole sulla sua pelle.

“Uh… Tylor…” Stavo soffocando. “Non riesco a respirare”.

“Oh, mi dispiace”, disse mentre mi rilasciava. “Mia madre è qui? Ha mandato un allarme per un ladro. Per fortuna ho ricevuto il messaggio”.

“Sono in cucina, Tylor”, lo chiamò Mary.

“Ok, mamma!” Disse lui entrando.

“Sì, certo, entra pure”, dissi io.

Tylor mi lanciò un'occhiata sorniona e mi fece l'occhiolino.

“Allora, per quanto tempo resterai qui?” Chiese mentre raggiungevamo sua madre in cucina.

“Non molto, giusto il tempo di prendere le mie cose e andarmene. Mi sono appena laureata e sono stata accettata per un master in scrittura creativa. Così ho pensato di tornare e sistemare tutte queste questioni”.

“Quindi te ne andrai di nuovo?” Disse Tylor, costernato. Sentii il fiato corto, vedendo il suo sguardo affranto.

Sembrava così diverso dall'ultima volta che l'avevo visto. Era il giorno in cui me ne ero andata. Avevamo solo otto anni. Sì, era più alto, ma era anche… era il sorriso… il suo sorriso era così disarmante.

“Voglio dire… non ho nessun posto dove andare per il momento. Quindi resterò qualche mese, fino all'autunno”, dissi e vidi il suo sorriso riapparire.

“Fantastico!” Disse Mary, “Sei giusto in tempo per il ballo. È questo fine settimana”.

“Quale ballo?”

“È una cosa di accoppiamento”, disse Tylor roteando gli occhi.

“Aspetta, cosa? Cosa vuoi dire?” Chiesi. Tylor e Mary sembrarono presi alla sprovvista.

“Sai…” iniziò Tylor.

“No, non lo so”, risposi.

Tylor scambiò uno sguardo con sua madre. Capii che avevo detto qualcosa di sbagliato. Cominciò a dire qualcosa quando sua madre intervenne con cautela.

“Tylor, perché non diamo a Maeve un po' di spazio, così può sistemarsi. Maeve, perché non vieni a cena dopo che ti sei sistemata? Ho visto lo stato del frigorifero, e sono sicura che devi disfare i bagagli. Passa tra un po', ok?”

Annuii e li accompagnai fuori. Guardai Tylor e sua madre attraversare la strada e guardai di nuovo il mio zaino, che avevo messo vicino alla porta scorrevole. Ero grata che non l'avessero notato. Non avevo molto.

Tutto ciò di cui avevo davvero bisogno era il mio computer portatile e qualche cambio di vestiti. Dopo essermi spostata così tanto, mi ero resa conto che ogni cosa era un'ancora potenziale: ogni libro, ogni capo di abbigliamento, ogni pezzo di carta.

Ogni persona.

Diffidavo di tutti e di tutto.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

MAEVE

La cena fu più che movimentata. Avevo dimenticato quanto fosse numerosa la famiglia di Tylor.

Le sue sorelle gemelle, Caroline e Christine, erano delle pesti. Poi c'era anche suo fratello minore Nathan ed era un miracolo che Mary e Nick riuscissero a gestire tutto.

Ero felice che ci fossero tutti, perché riuscivo a malapena a dire una parola con tutta la confusione che c'era a tavola. I ragazzi erano rumorosi, ma era bello che mi stessero rendendo facile la cena.

“Cosa farai mentre sei qui, Maeve? Troverai un lavoro per l'estate?” Chiese Mary.

“Sì, pensavo di iniziare a cercare domani. Sto solo cercando qualcosa di abbastanza facile”.

“Sono sicuro che Tylor potrebbe aiutarti a trovare qualcosa”, disse Nick.

Evidentemente Tylor parlava raramente, perché ci fu una momentanea pausa nella conversazione e alcuni sguardi furono lanciati nella direzione di Tylor.

“Beh, lavorando così attivamente nel castello, sono sicuro che saresti in grado di trovare qualcosa per lei. So che sono sempre alla ricerca di camerieri per i grandi eventi”.

“Papà! Sono sicura che preferirebbe andare alla festa, vero, Maeve?” Propose Caroline.

“Sai una cosa, penso che tu abbia ragione”, dissi a Nick. “Controllerò se sono disposti ad assumermi o meno”.

“Ti assumerebbero di sicuro”, rispose Nick, “soprattutto con una buona parola di Tylor”.

“Sei sicura che preferisci lavorare invece di andare al ballo?” Chiese Tylor.

“Non ho nulla da indossare, e non credo che mi divertirei molto a una festa del genere”. Sentii uno sghignazzo di Nathan e un sussulto di Caroline e Christine.

“Dici sul serio?” Dissero Caroline e Christine all'unisono. Poi Caroline prese il sopravvento. “Se si tratta solo del vestito, sono sicura che potremmo prestarti un vestito”.

“Metterò una parola per te”, disse Tylor prima che potessi rispondere. Sono sicura che la scia di sollievo che mi travolse fu visibile perché Taylor mi rivolse un dolce sorriso in risposta.

Le ragazze cercarono di dire qualcosa, ma potrei giurare di aver sentito Tylor ringhiare. La loro risposta fu interrotta prima che entrambe potessero emettere un solo suono.

Non ci volle molto prima che le ragazze tornassero a spettegolare su tutto quello che succedeva nella loro scuola e su chi pensavano sarebbe andato al ballo quel fine settimana.

Parlavano di trasformazioni e di molte altre cose che non capivo bene, ma d'altronde, non ero mai stata popolare né avevo mai capito cosa fosse alla moda.

Ringraziai Mary per la bella cena e salutai tutti. Cominciai a chiudere la porta, ma la trovai bloccata dietro di me.

Mi guardai alle spalle e vidi degli occhi blu penetranti che mi guardavano. Rimasi col fiato sospeso e distolsi lo sguardo.

“Ti riaccompagno”, disse Tylor.

“Ti rendi conto che vivo dall'altra parte della strada, vero?” Ribattei.

“Beh, c'è stato un recente allarme canaglia”, rispose, “quindi non so quanto sia sicuro qui fuori”.

Lo guardai e sbuffai sottovoce. Avevo cercato disperatamente di non notare quanto fosse bello. C'era qualcosa in lui che faceva venire voglia di tenergli la mano.

Invece strinsi la mia mano. Tutto in Tylor era confortante e mi faceva sentire al sicuro. Mi accompagnò al portico, si sedette sui gradini e mi fece un cenno.

“Senti, dicevo sul serio prima. Se vuoi un lavoro, posso aiutarti a trovare qualcosa questo fine settimana, ma penso che dovresti considerare l'idea di andare al Ballo”, disse in modo piatto.

“Non sono mai stata una persona da ballo e non conosco nessuno lì. In più, vestirsi come una pirata non mi sembra attraente – non sono mai stata una persona da feste da ballo a tema”, dissi mentre gesticolavo.

“Cosa intendi per pirati?”

“Il tema? Giusto? I pirati? Tipo, yo-ho, compagno… ARRRRG!” Agitai il braccio e lui mi prese il gomito.

“Aspetta, cosa?!” Si alzò di colpo e mi portò su con sé. “Cosa vuoi dire? Non sei mai stata a un Ballo dei Compagni?”

“No. Ho semplicemente detto che non mi piacciono molto i temi”.

“May. Non è divertente”, ringhiò lui. “Hai capito cosa sono i compagni?”

“Buoni amici?” Suggerii.

“May”, respirò pesantemente, “ti sei mai trasformata?”

“Voglio dire… sono cambiata molto, ma sono sempre la stessa persona. Non credo di aver cambiato personalità. Sono solo la buona vecchia Maeve”.

“Cosa?” Sembrava completamente sbalordito. “Hai mai notato qualcosa di strano in te?”

“Uhm… cosa vuoi dire?” Lo guardai con aria interrogativa perché mi stava ancora tenendo il braccio e, per qualche strana ragione, non voleva lasciarlo andare. “Penso che tu debba essere un po' più specifico”.

“Ti sei mai ammalata? Ti sei mai tagliata e ti sei resa conto che guarisci molto velocemente? Ti è mai cresciuto il pelo?” La sua voce tremava di rabbia.

“Non so di cosa stai parlando” dissi, cercando di allontanare il braccio. Mi azzardai a guardarlo e i suoi occhi sembravano consumati dall'oscurità.

“Ti prego, Tylor… se ho detto qualcosa che ti ha turbato, mi dispiace. Non capisco”. Cavolo, pensai tra me e me, le feste sono apparentemente molto importanti qui.

“No, mi dispiace”, disse mentre mi lasciava il braccio. Era ancora stranamente vicino a me e avrei giurato che avesse sentito il mio odore. Lo guardai di nuovo e lui sbatté le palpebre. I suoi occhi in qualche modo erano tornati blu.

Mi strofinai gli occhi e mi guardai intorno.

“Senti, si sta facendo buio”, dissi, “e ho fatto un lungo viaggio. Quindi penso che sia ora di andare a dormire”.

“Ehi, May”, disse mentre mi afferrava di nuovo il braccio. Lo guardai di nuovo e lui si avvicinò di nuovo a me: “Non volevo spaventarti”.

Mi sentivo stordita per qualche strana ragione ogni volta che si avvicinava a me.

Odorava di cioccolato e… non riuscivo a capirlo. Non ero mai stata una fan del cioccolato, ma c'era un altro odore sottostante che non riuscivo a capire.

“Ti hanno mai detto che profumi di ci…”

“Cioccolato e quercia?” Sussurrò. Si avvicinò di nuovo molto: “Come? Come hai…”

Si interruppe. Tirai indietro il braccio, entrai e chiusi la porta dietro di me. Una sensazione dentro di me mi fece chiudere il catenaccio.

Avrei giurato che mi avesse sentito mentre si allontanava. Non si era voltato, ma aveva fatto una pausa. Era quasi come se potesse sentire che lo guardavo andare via.

I giorni successivi sembrarono balenarmi davanti agli occhi. Riuscii a pulire tutto, ma avevo ancora bisogno di beni di prima necessità. Vivevo di scatole di pizza.

Dopo questa storia del ballo, posso andare a fare la spesa e iniziare a vivere come una persona un po' normale.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

La bella e l’alfa Grayson

Belle non è al corrente dell’esistenza dei mutaforma. Su un aereo per Parigi incontra l’Alfa Grayson, che pretende che lei gli appartenga. L’alfa possessivo marchia Belle e la porta nella sua suite, dove lei cerca disperatamente di combattere la passione che sta crescendo tra di loro.

Belle si lascerà vincere dai suoi desideri o riuscirà a resistere?

Età: 16+

L’ultima speranza

Lake aveva un piano perfetto. Trovare il suo compagno, sistemarsi e costruire una famiglia. Ma quando il suo compagno la rifiuta per un’altra, il piano di Lake va in frantumi… E così il suo cuore.

Può mantenere la fede che la Dea abbia qualcos’altro in serbo per lei? Potrebbe essere anche meglio di quello che aveva pianificato.

Età: 16+

Broken Queen

Ariel è un lupo mannaro di 22 anni che sogna di diventare una guerriera. Questo, almeno, prima di venire catturata da un gruppo di Cacciatori e diventare una cavia per i loro esperimenti. Con l’aiuto della Dea della Luna, Ariel riesce finalmente a liberarsi, ma trovare il suo compagno e riprendere la vita da dove l’aveva lasciata sarà più difficile del previsto.

Età: 18+

I Lupi del Millennio

Sienna è una lupa mannara di diciannove anni che nasconde un segreto: è ancora vergine. L’unica vergine del branco. È decisa a superare anche il periodo di calore di quest’anno senza cedere ai suoi impulsi primordiali, ma quando incontra Aiden, l’Alfa, si dimentica del tutto del suo autocontrollo.

Età: 18+

Le guerre dei lupi

Dopo le Guerre dei Lupi, i lupi mannari e gli umani si accordarono per una tregua scomoda e divisero il mondo tra di loro. I lupi mannari presero le foreste e le pianure, mentre gli umani le città e i paesi. L’umanità fu ulteriormente segregata in Lavoratori ed Elite.

Ora, il cibo è scarso e i Lavoratori stanno morendo di fame ed è così che la dodicenne Lavoratrice Ellie si ritrova affamata e bloccata nel territorio dei lupi mannari. Ma si tratta davvero delle bestie spaventose da cui è stata messa in guardia o le Elite hanno nascosto la verità?

Età: 18+ (Attenzione ai contenuti: stupro e violenza)

Tutt’uno col fuoco

Rimasta orfana da piccola e passata da una casa adottiva all’altra, Adeline ha passato gli ultimi nove anni da sola nascondendo un segreto: è un lupo mannaro. Quando fa una corsa finendo inconsapevolmente nel territorio del branco, viene catturata e presto scopre che trovare i suoi simili non è come sperava che fosse. Quando incontra l’alfa che la trattiene contro la sua volontà, volano scintille. Ma lui potrà vederla come qualcosa di diverso da una semplice lupa senza branco? O lei sarà sempre sua prigioniera?

Età: 18+

Rapita dall’alfa

Scosto lentamente la tenda dalla finestra e guardo fuori sulla strada. Si sta facendo buio, la luna illumina il marciapiede deserto. A qualsiasi altro occhio, la scena potrebbe apparire innocua, persino serena.

Tutte le porte sono chiuse, le tende tirate. I loro cancelli sono sbarrati e i loro bambini sono al sicuro all’interno. Ma tutti sono in allerta, come ogni notte…

Età: 18+

Odiata dal mio compagno

Solo pochi giorni dopo il suo diciottesimo compleanno, Aurora Craton sente l’attrazione del compagno mentre lavora come cameriera a una festa per la leadership del branco. Il suo compagno si rivela essere nientemeno che l’alfa Wolfgang del Branco della luna di sangue. Quando Wolfgang scopre che la sua compagna predestinata è solo una cameriera, non solo si rifiuta di accettarla, ma minaccia addirittura di marchiarla come una ribelle e costringerla ad abbandonare il branco, qualora lei osasse dire a qualcuno di essere la sua compagna. Aurora non ha altra scelta che accettare, per rimanere nel branco, condannata a rimanere sola. Ciononostante, una ragione ci deve essere se la Dea della Luna ha scelto di mettere Aurora e Wolfgang insieme…

Età: 16+