logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Odiata dal mio compagno

Solo pochi giorni dopo il suo diciottesimo compleanno, Aurora Craton sente l’attrazione del compagno mentre lavora come cameriera a una festa per la leadership del branco. Il suo compagno si rivela essere nientemeno che l’alfa Wolfgang del Branco della luna di sangue. Quando Wolfgang scopre che la sua compagna predestinata è solo una cameriera, non solo si rifiuta di accettarla, ma minaccia addirittura di marchiarla come una ribelle e costringerla ad abbandonare il branco, qualora lei osasse dire a qualcuno di essere la sua compagna. Aurora non ha altra scelta che accettare, per rimanere nel branco, condannata a rimanere sola. Ciononostante, una ragione ci deve essere se la Dea della Luna ha scelto di mettere Aurora e Wolfgang insieme…

Età: 16+

 

Odiata dal mio compagno di Natchan93 è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Trama

Solo pochi giorni dopo il suo diciottesimo compleanno, Aurora Craton sente l'attrazione del compagno mentre lavora come cameriera a una festa per la leadership del branco. Il suo compagno si rivela essere nientemeno che l'alfa Wolfgang del Branco della luna di sangue. Quando Wolfgang scopre che la sua compagna predestinata è solo una cameriera, non solo si rifiuta di accettarla, ma minaccia addirittura di marchiarla come una ribelle e costringerla ad abbandonare il branco, qualora lei osasse dire a qualcuno di essere la sua compagna. Aurora non ha altra scelta che accettare, per rimanere nel branco, condannata a rimanere sola. Ciononostante, una ragione ci deve essere se la Dea della Luna ha scelto di mettere Aurora e Wolfgang insieme…

Età: 16+

Autore originale: Natchan93

Aurora

Accoppiamento…

Orma…

Coppia significativa…

Vero amore…

Crescendo nella società dei lupi, ho sentito spesso queste parole nel nostro villaggio.

Sì, hai letto bene. Società dei lupi.

Sono un lupo mannaro. Che tu ci creda o no, noi esistiamo. Infatti, viviamo tra gli umani, a loro insaputa.

Di solito, camminiamo tra le persone nella nostra forma umana e sviluppiamo la capacità di trasformarci in lupi solo una volta compiuti i diciotto anni.

E quando questo accade, troviamo il nostro compagno.

Vedi, la Dea della Luna ha progettato un compagno significativo per ognuno di noi. E una volta che lo troviamo, non amiamo nessuno tranne quella singola persona per il resto della nostra vita.

Non molti di noi hanno questa possibilità, però. Al giorno d'oggi, è raro che un lupo trovi la sua metà.

Soprattutto perché il nostro numero diminuisce ogni giorno di più, a causa della caccia incessante che ci danno umani e inseguitori ribelli.

I miei genitori sono stati alcuni dei pochi fortunati a potersi sposare con il proprio compagno.

Mio padre incontrò mia madre a un raduno dei villaggi vicini e si innamorò subito perdutamente. Sfortunatamente, però, mia madre morì mentre dava alla luce me: Aurora Craton.

Mio padre si risposò a causa del dolore e la sua seconda moglie, che divenne la mia matrigna, prese le redini della famiglia Craton.

Mio padre era un guerriero del nostro branco, il gamma per essere più precisi, ma cinque anni fa ha perso la vita mentre era in servizio.

Ora, a solo qualche giorno di distanza dal mio diciottesimo compleanno, non riesco a trattenere il nervosismo all'idea di incontrare finalmente il mio lupo.

E, cosa più importante, trovare il mio compagno.

“Aurora! Hai finito con il bucato? La cena è pronta”, gridò la mia matrigna dall'interno della casa.

“Sto arrivando, Montana”, gridai mentre appendevo l'ultimo indumento al filo. Per un istante rivolsi il viso al cielo, godendomi il calore che il sole offriva.

Era una vista rara, poiché vivevamo in un piccolo villaggio chiamato Iliamna, in Alaska.

Il nostro branco, chiamato Luna di sangue, viveva tra gli umani, che non erano a conoscenza della nostra esistenza.

Quando entrai in casa, fui accolta dall'orrendo grugno della mia matrigna.

“Perché ci hai messo così tanto? Sto morendo di fame!” abbaiò.

“Avresti potuto iniziare senza di me”, dissi a mezza voce mentre mi sedevo a tavola e davo la prima forchettata al piatto.

Una cosa, però, bisognava riconoscerla a Montana: la sua cucina era eccellente.

“Allora, Rory… tra un paio di giorni diventerai maggiorenne, giusto?” chiese la mia matrigna.

Alzai lo sguardo dal piatto, cercando di intuire dove volesse andare a parare. “Eh? Oh… sì”, borbottai, riportando la mia attenzione sul mio pasto.

“Sai… è ora che tu inizi a guadagnare i tuoi soldi. La pensione di Rodrick inizia a scarseggiare”.

La guardai di nuovo, quasi soffocando il mio cibo. “Scusa?”

“Sì, già non erano molti soldi, cara. Per di più, doverla dividere tra noi due non ha fatto altro che consumarla più in fretta”, disse, decisa, “Quindi ho preso la decisione di fare il tuo nome per la casa del leader. Hanno un disperato bisogno di cameriere, dato che è la festa di compleanno dell'alfa”.

“Hai fatto cosa!?” gridai, scattando in piedi. La sedia alle mie spalle cadde con un tonfo sordo”.Come hai potuto?”

“Ora, ora, Rory! È ora che tu dia una mano con le spese qui”, rispose Montana, con un sorriso mellifluo, quindi incrociò le braccia.

“La festa dell'alfa è uno dei più grandi eventi dell'anno. Hanno bisogno di tutto l'aiuto possibile”.

Poi, alzando le sopracciglia, aggiunse: “Pensaci: forse incontrerai il tuo compagno quella notte”.

Non potevo crederle. Non riuscivo a trovare le parole per esprimere la mia indignazione, quindi mi limitai a sbuffare con forza, e corsi in camera mia. Non potevo più sopportare la sua presenza.

Non è che fosse una cattiva persona: in fondo, mi aveva praticamente cresciuta dopo la morte di mio padre.

Era così fastidiosa, però, alle volte. Soprattutto quando dava per scontato che qualsiasi cosa decidesse per me fosse la scelta migliore.

Presi il mio telefono e video chiamai la mia migliore amica, Emma Johnson.

“Ehi amica!” mi salutò lei, con un'orribile maschera nera sul viso.

“Che diavolo hai sulla faccia?” Le chiesi, alzando un sopracciglio.

“Oh, è una maschera al carbone”, disse lei, indicandosi il viso con un dito, “Tracy me l'ha raccomandata, così ho deciso di provarla”. Quindi diede un'alzata di spalle, infilandosi un Cheetos in bocca.

“Allora, qual è il piano per il tuo compleanno?”, proseguì Emma, trattenendo a stento un gridolino. “Devi essere super eccitata per il fatto che stai per compiere diciotto anni. Incontrerai il tuo compagno!”, gridò con gioia.

Alzai gli occhi al cielo.

“Io non vedo l'ora di compiere diciotto anni”, proseguì Emma Emma.

“Prima di tutto” la interruppi io, “non sono sicura che incontrerò mai il mio compagno. Sai che è qualcosa che accade solo una volta nella luna blu”.

Quindi mi rotolai sul letto e abbracciai il mio orsacchiotto. “Oltretutto, il giorno del mio compleanno lavorerò, quindi non posso fare molto”.

“Cosa vuol dire che lavorerai quella sera?”, sussultò Emma. “Oh mia Dea. Non hai mica…” Mi lanciò uno sguardo sospettoso.

“No, non io. Ma Montana sì”. Dissi alzando di nuovo gli occhi al cielo.

“Cosa?! Perché l'ha fatto?” chiese Emma, sconcertata.

“Ha detto che sarebbe stato il modo migliore per me di trovare il mio compagno”.

“Oh, andiamo! Non può fare sul serio!”. Le narici di Emma dilatarono dall'indignazione. “A volte davvero non capisco la tua matrigna, amica”.

“Sì, beh… non c'è molto che io possa fare. Andrò allo stupido ballo, lavorerò la notte, guadagnerò i miei soldi e tornerò a casa”. Dissi, soffocando uno sbadiglio.

“Beh… se lo dici tu…”, rispose Emma, poco convinta. Quindi proseguì: “Ti chiamo più tardi. Mi tolgo questa cosa dalla faccia e prendo qualcosa da mangiare. Ti voglio bene, tesoro”, disse, saltando fuori dal letto.

“Io di più”.

Riattaccai e mi distesi sul letto.

È davvero così importante per me trovare il mio compagno?

Non è nemmeno più così comune.

E se fosse un tipo strano?

Una domanda dietro l'altra si rincorsero nella mia mente, prima che il sonno prendesse il sopravvento.

Mi svegliai un paio d'ore dopo. Scesi dal letto e mi diressi al piano di sotto per scoprire che ero sola in casa.

“Montana deve essere uscita”, pensai ad alta voce prima di tornare nella mia stanza. Non avevo voglia di mangiare, quindi non mi disturbai a preparare qualcosa per la cena.

Come al solito, la mia matrigna era fuori, quindi non dovevo preoccuparmi neanche di lei. Ma le sue stupide parole continuavano a ripetersi nella mia mente.

Che succede se incontro il mio compagno quella notte?

Me ne andrò subito con lui?

Gli piacerò? Mi piacerà?

“Ugh! È così fastidioso!” sbuffai, stringendo il cuscino.

Il giorno dopo, mi svegliai con il rumore martellante di colpi sulla porta della mia camera.

“Sono sveglia, sono sveglia!” Gridai. Mi girai e mi alzai dal letto. Quindi mi trascinai verso la porta e l'aprii. La mia matrigna si affacciò nella stanza.

“Cosa vuoi?” chiesi.

“Tesoro, dovresti essere già vestita a quest'ora. Devi essere a casa del capo tra un'ora”, disse lei sorridendomi.

“Perché?” chiesi, esasperata.

“Cosa intendi per 'perché'? Ne abbiamo già parlato, Aurora”, ribatté lei.

“No, non l'abbiamo fatto! Hai preso la decisione per me!” risposi, alzando la voce. “Sai una cosa? Andrò, e spero di trovare il mio compagno, così che possa portarmi via da questo posto e da te!” e le sbattei la porta in faccia.

Un'ora dopo ero vestita e stavo andando a casa del capo, borbottando su quanto fosse miserabile la mia vita.

Ancora non sapevo che…

“Probabilmente dovrei scusarmi con Montana quando torno a casa”, pensai a un certo punto, tra me e me.

Mentre mi avvicinavo alla casa, non potevo fare a meno di sentirmi infastidita dalla sua grandezza: era esageratamente enorme.

Quante persone vivevano qui?

Una guardia attendeva all'ingresso. Mi squadrò dalla testa ai piedi, prima di parlare.

“Motivo della visita?”

“Umm, sono stata assunta come cameriera per aiutare con la celebrazione della festa dell'alfa”, risposi, un po' intimidita.

“Nome?” chiese, tirando fuori una cartellina.

“Oh, um… Aurora Craton, signore”, riuscii a squittire.

La guardia fece scorrere un dito sulla lista, quindi annuì. Mi ci volle un secondo per capire che significava che potevo entrare.

Ero stata a casa del leader solo una volta, quando mio padre era ancora vivo.

Avevo circa sei anni e stavamo giocando insieme nel parco quando lui fu convocato per una riunione urgente.

Dato che non aveva nessun altro con cui lasciarmi con così poco preavviso, mi portò con sé.

Ricordo che mi aveva fatto sedere su una sedia appena fuori dalla sala riunioni.

“Resta lì, Rory. Non ci metterò molto”. Mi aveva accarezzato la testa ed era entrato in una stanza piena di altri lupi mannari.

Mentre ero seduta lì, un uomo enorme in fondo al corridoio aveva girato l'angolo e si era diretto a passo svelto verso di me.

Aveva lunghi capelli neri come l'inchiostro, occhi scuri come l'onice e un orribile squarcio sul viso.

Accanto a lui c'era un ragazzo, con una zazzera degli stessi capelli neri e occhi azzurri. Stava discutendo con l'uomo più anziano.

“Ma io sono il futuro alfa, papà! Dovrei essere alla riunione con te!”

Erano l'alfa del branco e suo figlio.

“Non sei ancora pronto per incontri come questo, figliolo”, aveva risposto l'alfa con con voce piatta e sguardo fermo.

Quando si erano avvicinati a dove ero seduta, ero scivolata velocemente dalla sedia e avevo chinato la testa in segno di rispetto.

Era quello che mio padre e gli altri abitanti del villaggio facevano sempre quando vedevano l'alfa.

I due non hanno dato segni di notare la mia presenza, anche se erano in piedi proprio di fronte a me. Continuarono semplicemente a discutere.

“Hanno ucciso mia madre! Quei bastardi l'hanno uccisa e voglio che paghino!” aveva urlato il bambino a suo padre.

Stava tremando e le lacrime minacciavano di scendere dall'angolo degli occhi.

Suo padre era rimasto lì, senza espressione, prima di parlare finalmente.

“Figlio, quando sarà il momento, ti unirai a noi nella sala riunioni. Ma per ora, continua con le tue lezioni di difesa”, aveva detto l'uomo mentre afferrava il pomello della porta.

“Vendicherò tua madre”, aveva detto l'alfa con tono grave, prima di scomparire dietro la porta.

Avevo sollevato appena la testa per vedere il ragazzo che fissava la porta. I suoi occhi erano rossi di lacrime non versate, le sue mani erano strette nei pugni.

Alla fine mi aveva notata. Si voltò verso di me con uno sguardo, asciugandosi rapidamente le lacrime con il braccio.

“Da quanto tempo sei lì? Chi ti ha fatto entrare?”, aveva chiesto, continuando a fissarmi.

“Um… papà è stato chiamato per una riunione importante con l'alfa e gli anziani, signore”. Risposi rapidamente, chinando la testa ancora una volta.

“Chi è tuo padre? Come si chiama?” aveva chiesto, ancora non convinto.

“Rodrick Craton, signore”, avevo risposto agitando le mani.

“Craton? Tuo padre è il gamma?” aveva chiesto, più pacatamente questa volta.

All'epoca non avevo molta familiarità con gli status del branco. Sapevo che c'era l'alfa, il leader. Poi c'era il beta, il suo secondo in comando.

E il gamma, che era responsabile della strategia e dell'organizzazione di tutti gli eventi e le riunioni.

Poi c'erano gli anziani, i guaritori – o lupi medici -, i guerrieri, gli inseguitori e i pacificatori.

Allora sapevo che papà aveva un ruolo importante nel branco, ma non capivo ancora quanto grande fosse.

“Um… sì?” risposi.

“È una risposta o una domanda?”, aveva ribattuto in modo beffardo.

“Um… risposta, signore. Mio padre è il gamma”, dissi, cercando di parlare con più sicurezza.

Mi guardò per un momento, poi scosse la testa e agitò la mano in segno di congedo.

“Continua con… qualsiasi cosa tu stia facendo, immagino”. E con questo, aveva girato i tacchi e se ne era andato.

“Tu, laggiù!” fui riscossa dai miei ricordi dal suono di qualcuno che mi urlava contro.

Una signora sulla cinquantina stava camminando verso di me il più velocemente possibile. Il suo viso era adornato da un cipiglio.

“Sei una delle cameriere volontarie per il gala?” mi chiese schietta.

“S-Sì signora. Sono Aurora Craton, signora”, dissi, chinando la testa.

Sentii un leggero tocco sulla mia spalla e alzai la testa per vedere la signora che si teneva la mano sulla bocca.

“Rory?” chiese lei.

“Sì, signora”, risposi, non capendo il suo cambio di atteggiamento.

Lei mi sorprese lanciandosi in un grande abbraccio.

“Oooh, Rory! L'ultima volta che ti ho visto eri solo una bambina. Guarda come sei cresciuta!” Mi spinse indietro, squadrandomi dalla testa ai piedi.

“Hai già trovato un compagno?”, chiese.

“Ummm, no, signora. Non avrò diciotto anni ancora per un paio di giorni. Ti… ti conosco?”. chiesi.

“Oh! Mi dispiace, bambina mia. Io sono Kala. La capo cameriera della casa del capo e la levatrice del villaggio. Conoscevo tuo padre, quando era il gamma del branco. Conoscevo anche tua madre”.

Il suo volto divenne triste. “Ero lì il giorno in cui lei…” si interruppe. “Mi dispiace di non averla potuta salvare, cara”.

Le misi una mano sulla spalla per rassicurarla. “Va tutto bene, Kala”, dissi con un sorriso. “È un piacere conoscerti”.

“Allora, sei qui per aiutarci per la grande serata di domani, eh?” chiese, mentre iniziava a camminare nella direzione da cui era venuta.

La seguii.

“Sì, signora. La mia matrigna ha fatto il mio nome. Mi dispiace dire che non sapevo nemmeno che fosse necessario un aiuto”, dissi, grattandomi la testa con un dito.

“Beh, grazie a Dio l'ha fatto. Abbiamo bisogno di tutto l'aiuto possibile”, disse lei. Mentre parlava, aprì due grandi porte dorate che conducevano a un'enorme sala.

Non c'è da stupirsi che abbiano bisogno di tutto l'aiuto possibile, pensai.

Quel posto era enorme!

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

Aurora

Ci volle un giorno e mezzo intero per preparare il posto per la festa.

La signora Kala mi disse che ci sarebbero stati più di seicento ospiti, tra il nostro branco e quelli vicini, con cui condividevamo un trattato di pace.

Una volta finito, la signora Kala mi mandò a casa per riposare un paio d'ore. Dovevo tornare a casa del leader entro il tramonto. Il gala non sarebbe iniziato prima delle nove.

Quando arrivai a casa, fui accolta dalla sgradevole vista della mia matrigna che camminava nuda.

“Che schifo!” dissi ad alta voce, per attirare la sua attenzione. “Sai, queste stanze sono state fatte appositamente per la nostra privacy. Non per andare in giro per casa completamente nudi”.

Mi girai, aspettando che lei prendesse dei vestiti.

“Oh, scusa, tesoro, non mi aspettavo che tornassi così presto. Sono appena tornata dal pattugliamento dell'area sud del villaggio”, rispose Montana con nonchalance.

La mia matrigna era un inseguitore, con un acuto senso dell'olfatto.

Occasionalmente, l'alfa le assegnava il compito di pattugliare il nostro villaggio, per vedere se riusciva a fiutare l'odore dei ribelli che ultimamente si erano appostati intorno al confine.

“Come vuoi”, alzai gli occhi al cielo, quindi andai dritta nella mia stanza e mi buttai sul letto.

Cercai di dormire, ma il sonno non mi raggiungeva, così mi alzai e decisi di andare al piano di sotto per preparare la cena.

Una volta scesa, notai che ero di nuovo sola in casa. Montana doveva essere uscita un'altra volta.

Alzai le spalle. “Meglio per me”.

Andai in cucina e preparai della pasta, poi mi sedetti davanti alla TV e cominciai a cercare un film da guardare.

Il mio telefono iniziò a squillare. Abbassai lo sguardo e sorrisi quando vidi che era la mia amica.

“Ehi, Em”, risposi, mentre continuavo a scorrere la lista dei film sulla TV.

“Allora… com'è andata con le pulizie e i preparativi per la grande festa?” chiese lei.

“Finora, faticoso. Quel posto è enorme. Pensavo che non avremmo mai finito con le decorazioni”. Mentre parlavo infilai una forchettata di pasta in bocca.

“Ugh, posso immaginare. A che ora inizia?” chiese lei.

“Devo essere lì verso le cinque e mezza. L'intero calvario inizia alle otto”.

“Sai già a che ora stacchi?” chiese lei.

“Non proprio, ma sono sicura che non sarà prima delle dodici”.

“Beh… che schifo. Immagino che dovrò augurarti un buon compleanno domani”.

“Sì, mi hanno ordinato di lasciare il mio telefono a casa, quindi non leggerò nessun messaggio fino al mio ritorno”.

Emma ringhiò. “Che fesseria!”.

Non potei fare a meno di lasciare andare un risolino.

Passammo il resto della serata chiacchierando e ridendo, senza fare particolare attenzione al tempo che passava.

Qualche ora più tardi, mi ritrovai a dirigermi verso la casa del leader. Mi presentai al cancello e mi diressi all'interno.

Una volta dentro, andai negli alloggi della cameriera, dove mi cambiai nella mia uniforme ufficiale.

Consisteva in una camicia bianca con maniche lunghe, un papillon rosso, pantaloni neri a vita alta e tacchi neri.

Una volta vestite, tutte le cameriere si diressero alla sala di gala, dove le luci erano soffuse. Ognuna di noi prese dei vassoi e ci preparammo a ricevere gli ospiti.

La signora Kala assegnò a ognuna di noi una certa area di tavoli che dovevamo tenere d'occhio, poi ci ordinò di stare contro il muro più vicino a quella sezione.

Il posto iniziò presto a riempirsi di persone, tutte vestite con i loro abiti più costosi.

Gli ultimi a entrare furono i nostri alleati, il Branco della luna blu da ovest.

Il loro alfa entrò insieme a sua figlia, Tallulah Wilhelm. Era la ragazza più bella che avessi mai visto.

Aveva questi lunghi e splendidi capelli biondi, la pelle baciata dal sole e i luminosi occhi nocciola. Tutto il suo essere trasudava perfezione.

Dopo di loro entrò il gamma del nostro branco, Remus Boman, che aveva più di vent'anni. Era mano nella mano con la sua compagna, Aspen.

Remus aveva i capelli castano scuro, con un paio di ciocche grigie qua e là. Aveva gli occhi marroni ed era uno degli uomini più bassi del nostro villaggio.

Nonostante la sua piccola taglia, però, non solo era uno dei più intelligenti del branco, ma anche uno dei più forti.

Poi venne il beta, Maximus Barone. Era alto, con capelli biondi sporchi e occhi verdi.

Tutte le ragazze erano pazze di lui, sebbene tutte sapessero che fosse un donnaiolo. Era il secondo più forte del branco.

Ultimo ma non meno importante, l'uomo del momento mise piede nella sala.

Il nostro alfa, Wolfgang Fortier Gagliardi. Se molte donne impazzivano per il beta, era comunque lui il vero favorito delle ragazze.

Aveva una zazzera di capelli neri che davano l'impressione che avesse sempre appena messo piede fuori dal letto e occhi così blu che brillavano come zaffiri.

Era enorme e potevo vedere i muscoli che si gonfiavano sotto i vestiti. Era come se fosse stato creato dalla Dea stessa.

Ma c'era un problema con lui…

Quell'uomo non sapeva come sorridere o essere gentile con qualcuno.

Anche se era bello da morire, il suo ghigno, combinato con la sua potente aura da alfa, faceva scappare le persone.

La maggior parte del tempo, lo si vedeva solo con il suo beta, che si dava il caso fosse il suo amico d'infanzia. O con Tallulah, la figlia di un altro alfa.

Per un istante, i nostri occhi si incontrarono e il suo sguardo intenso mi lasciò inchiodata al mio posto. Fu solo per una frazione di secondo, ma fu sufficiente a causare una grande agitazione dentro di me.

Una volta che l'alfa prese posto, tutti gli altri fecero lo stesso.

E così la festa iniziò.

Passò tutto così in fretta. Ero così occupata con i miei tavoli che non notai quanto velocemente il tempo passava.

“Rory, la signora Karla ha bisogno di te in cucina per un momento”, disse uno dei miei colleghi.

“Sarò lì in un minuto”, risposi, raccogliendo i piatti vuoti e riempiendo alcuni flute di champagne.

Una volta entrata nella zona cucina, venni bombardata da un nugolo di coriandoli.

“Buon compleanno, Aurora!” gridarono tutti in coro. Una bellissima torta, scintillante con diciotto candeline, fu posta davanti a me.

“Oh mia Dea! Ragazzi, non avreste dovuto!” dissi, guardando la torta con stupore.

“Oh, andiamo! Non si compiono diciotto anni tutti i giorni”, rispose uno dei cuochi.

“Sì, molto presto sentirai la tua lupa. Poi sarai in grado di trasformarti e…”, disse la signora Karla guardando tutti. “Trovare il tuo compagno!

Sgranai gli occhi mentre tutti scoppiavano in una calorosa risata.

Dopo aver mangiato un po' di torta, ci dirigemmo tutti verso la sala per continuare il nostro lavoro.

Improvvisamente, sentii una strana voce nella mia testa.

“Ciao, Aurora…” Era debole, ma chiara come il giorno.

Era la mia lupa. Si era finalmente svegliata

“Um… ciao?” Risposi nella mia mente.

La mia lupa ridacchiò e si rese visibile. La sua pelliccia era bianca come la neve e i suoi occhi erano viola.

“È un piacere conoscerti. Sono la tua lupa. Il mio nome è Rhea”. disse mentre si sedeva lì, fissandomi.

“Il piacere è tutto mio, Rhea” risposi. “Spero che potremo andare d'accordo…”

Le mie parole furono interrotte da un profumo delizioso che riempì le mie narici. Il profumo era un misto di pino selvatico, mandorle e ambra.

Era accattivante, quasi come se mi attirasse verso di sé.

Anche Rhea ne sentì l'odore. Puntò il naso al soffitto, annusando avidamente l'aria..

Poi disse qualcosa che mi sconvolse nel profondo.

“Il nostro compagno è qui. Riesco a sentire il suo odore”.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Mateo Santiago

Juniper è una lupa mannara che non può trasformarsi. Quando suo padre, l’Alfa, la espelle dal suo branco, si ritrova a essere una vagabonda in terra straniera. Ma sta per incontrare un altro alfa. Uno che cambierà la sua vita per sempre…

Età: 18+

Colt

Summer sarà anche sposata con un bell’uomo d’affari, ma lei sa cose sul suo carattere che gli altri non sanno. Quando suo fratello scopre cosa sta passando, vuole farla proteggere dal club dei motociclisti. Solo che Summer non vuole averci niente a che fare… finché non incontra il Diavolo e si rende conto che non c’è niente di meglio di un cattivo ragazzo per farle battere il cuore.

Età: 18+

Taken

Clarice è stata difesa per tutta la sua vita dal padre iperprotettivo ed è separata dalla sua lupa interiore. Quando perde il controllo durante una trasformazione, finisce come ostaggio di re Cerberus Thorne, il famigerato leader di tutti i lupi mannari.

Intrappolata nel suo castello, Clarice scoprirà che il proprio destino è legato a quello di Cerberus, ma sarà in grado di domare il suo compagno selvaggio prima che sia troppo tardi?

Età: 18+

I guerrieri di Torian

La terra è sotto attacco per mano di una mostruosa razza aliena che non brama altro che distruzione. Lilly e le sue sorelle più piccole vengono catturate e rischiano di morire… ma improvvisamente il meraviglioso re guerriero Bor giunge da un altro pianeta e le salva. La sua missione è quella di proteggere tutti gli umani, ma, ora che l’ha conosciuta, ha occhi solo per Lilly. Riuscirà a mantenere il suo impegno insieme al suo amore o dovrà sacrificare tutto per lei?

Età: 18+

Broken Queen

Ariel è un lupo mannaro di 22 anni che sogna di diventare una guerriera. Questo, almeno, prima di venire catturata da un gruppo di Cacciatori e diventare una cavia per i loro esperimenti. Con l’aiuto della Dea della Luna, Ariel riesce finalmente a liberarsi, ma trovare il suo compagno e riprendere la vita da dove l’aveva lasciata sarà più difficile del previsto.

Età: 18+

La chiamata dell’alfa

Lyla si reca alla riunione del branco in Missisipi senza sperare di trovare il proprio compagno predestinato. Ultimamente, infatti, è raro che i lupi vengano accoppiati durante il rituale e, onestamente, Lyla preferirebbe continuare a frequentare il suo ragazzo attuale, che conosce da sempre.

Quando la cerimonia di accoppiamento inizia, Lyla segue l’ululato che le mostrerà il suo vero compagno, che si rivelerà essere Sebastian, l’alfa reale. Accetterà quindi il suo destino come luna reale oppure sceglierà di rimanere con il ragazzo della porta accanto che ancora occupa uno spazio nel suo cuore?

Età: 18+

La bella e l’alfa Grayson

Belle non è al corrente dell’esistenza dei mutaforma. Su un aereo per Parigi incontra l’Alfa Grayson, che pretende che lei gli appartenga. L’alfa possessivo marchia Belle e la porta nella sua suite, dove lei cerca disperatamente di combattere la passione che sta crescendo tra di loro.

Belle si lascerà vincere dai suoi desideri o riuscirà a resistere?

Età: 16+

Omega

La vita di Alice scorre piuttosto noiosa: va al liceo, guarda Gossip Girl con la sua migliore amica Sam e ha un lavoro part-time in una tavola calda. Non le succede mai niente di eccitante, fino alla fatidica sera in cui, uscita a gettare la spazzatura fuori dal luogo di lavoro, viene improvvisamente morsa da un lupo.

Al risveglio, avvenuto la mattina successiva, Alice nota con sorpresa come il morso sia già completamente guarito e lei si sente anzi meglio che mai e piena di energia. Il problema è che non è l’unica ad aver notato questi miglioramenti… Il malvagio Ryder e la sua banda sono improvvisamente molto interessati a lei, ma per quale motivo?

Età: 16+