logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Un errore meraviglioso

Dopo che gli amici di Kyla la convincono a riprendersi con un’avventura di una notte dall’ex fidanzato che l’aveva tradita, lei è sicura di aver eliminato l’amore e la lussuria da sé stessa per sempre. Ora può concentrarsi sulla sua carriera di assistente marketing. Ma ancora non sa che il bello sconosciuto che ha appena sconvolto il suo mondo è il suo nuovo capo. Kyla decide di mantenere la loro relazione professionale, ma il suo capo miliardario non si scoraggia facilmente…

Età: 18+

 

Un errore meraviglioso di Mel Ryle è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Trama

Dopo che gli amici di Kyla la convincono a riprendersi con un'avventura di una notte dall'ex fidanzato che l'aveva tradita, lei è sicura di aver eliminato l'amore e la lussuria da sé stessa per sempre. Ora può concentrarsi sulla sua carriera di assistente marketing. Ma ancora non sa che il bello sconosciuto che ha appena sconvolto il suo mondo è il suo nuovo capo. Kyla decide di mantenere la loro relazione professionale, ma il suo capo miliardario non si scoraggia facilmente…

Età: 18+

Autore originale: Mel Ryle

Kyla
Sono pessima
Kyla
Non odiarmi
Kyla
Il signor Leach mi ha dato del lavoro all'ultimo minuto
Alden
Tesoro, dici sul serio?
Alden
È il nostro terzo anniversario
Alden
Non puoi farlo domani?
Kyla
Kyla
Sai che non posso, Alden
Kyla
Stiamo parlando di Leech
Alden
Così mi uccidi.
Kyla
Ti prometto che mi farò perdonare
Kyla
Alden
Bene, ci vediamo dopo.
Kyla
A presto, amore!

La maggior parte delle donne metteva l'amore al primo posto e la carriera al secondo, ma io non ero come le altre donne. A ventisei anni, ero la più giovane assistente marketing nella nostra azienda e avevo lottato troppo per quella posizione per permettere a un misero anniversario di mettersi in mezzo.

Non fraintendetemi, amavo Alden e mi sentivo in colpa per aver rovinato i nostri piani, ma sapevo che se mi amava davvero, avrebbe capito.

Il lavoro viene prima di tutto. Sempre.

Le mie amiche ridevano e dicevano che era solo perché non avevo raggiunto il “vero orgasmo”. Coleen sosteneva sempre: “Kyla, se tu fossi davvero soddisfatta, il lavoro sarebbe l'ultima cosa a cui penseresti”.

Al che io sorridevo e scuotevo la testa. Coleen e le ragazze non avrebbero mai capito. Il sesso? L'amore? Semplicemente non erano la mia priorità. Che problema c'era?

Ma, in fondo, lo ammetto, mi chiedevo: che cosa mi stavo perdendo? Non che Alden fosse un pessimo compagno; era solo più pragmatico che passionale.

Ed essendo una donna in carriera che desiderava la stabilità, era esattamente ciò di cui avevo bisogno!

Quindi, perché, di notte, quando Alden si abbassava su di me, non sentivo quasi nulla? Perché, quando mi entrava dentro più e più volte, mi ritrovavo a pensare ai resoconti di valutazione dei consumatori?

Cosa c'era di sbagliato in me? Perché non riuscivo a essere un po' più intraprendente a letto e dire ad Alden quello che volevo?

Non importava. Promisi a me stessa che quella sera, per una volta, avrei dimostrato ad Alden e a me stessa che la nostra relazione era importante. Gli avrei fatto vivere il miglior sesso della sua vita.

Per una volta, mi dissi: “Metti l'amore al primo posto, Kyla”.

Alden ne valeva la pena.

O così pensavo.

Dopo aver riletto quei messaggi di Alden più e più volte e aver capito quanto questo anniversario significasse per lui, ero riuscita a convincere il mio capo, il signor Leach, a farmi uscire prima. Avevo pensato di dire ad Alden che stavo tornando a casa.

Ma perché dirglielo quando potevo fargli una sorpresa?

Sulla strada di casa, incontrai la mia migliore amica Coleen e ci fermammo in un negozio di lingerie. Mi aiutò a scegliere le mutandine più sexy che potessi trovare. Erano di pizzo nero e trasparenti esattamente nelle parti giuste.

Non vedevo l'ora di vedere lo sguardo di Alden quando sarei scivolata fuori dalla gonna a tubino. Sarebbe impazzito.

Alla cassa, la commessa iniziò a confezionarle in un sacchetto, ma scossi la testa. “Non è necessario”.

Alzò un sopracciglio, sorridendo in modo allusivo e me le consegnò così com'erano.

Appena salutai Coleen, salii sull'autobus quasi vuoto, tolsi le mutandine mediocri che indossavo e indossai il paio sexy. Avrei potuto farlo nel camerino, certo, ma non sarebbe stato così esaltante.

Ora ero pronta. Mi affrettai a casa il più velocemente possibile, sentendomi inumidire per la pura trepidazione. Conservalo per Alden, mi dissi.

Scesi dall'autobus e corsi in ascensore, brulicante di eccitazione. Anche se ero esausta per il lavoro e per aver litigato con il signor Leach tutto il giorno, sentivo una nuova energia in arrivo.

Mi sentivo improvvisamente eccitata e provocante, mentre immaginavo tutte le cose che avrei fatto all'uomo che amavo.

Quando finalmente le porte dell'ascensore si aprirono, mi precipitai verso la nostra porta, praticamente salivando all'idea di vederlo.

Girai la chiave, aprii la porta e sfoderai il sorriso più sexy e malvagio che potessi fare.

“Sorpresa, tesoro!”, esclamai.

Ma venne fuori che ero io quella sorpresa, perché quando attraversai il corridoio per entrare nella nostra camera da letto, trovai l'uomo che amavo, l'uomo con cui avevo passato tre anni, l'uomo che stavo finalmente mettendo al primo posto, nudo con un'altra donna.

Rimasi ferma, congelata, fissandoli e rifiutando di credere ai miei occhi. Non stava succedendo realmente. Non a me. Questa era una di quelle scene dei film, non era un vero tradimento nella vita reale.

“Tesoro”, balbettò. “Gesù, pensavo che tu non dovessi essere…”

“Che cosa diavolo…”, sussurrai.

Non avevo voce. Riuscivo a malapena respirare. L'altra donna, che lo cavalcava in stile cowboy, si voltò a guardarmi, sbigottita.

“Tu”, dissi infuriata.

Non era solo un'altra donna, era Mallory Cornfield, la ragazza che avevo odiato più di chiunque altra durante il college. Di tutte le donne che avrebbe potuto scegliere per tradirmi… doveva essere proprio lei?

Ora lo shock stava lasciando il posto a pura rabbia incandescente. Le mie mani tremavano. I miei denti battevano. Sentivo che i miei occhi diventavano sempre più grandi e sempre più sporgenti ogni secondo che passava.

“Kyla, non è…” iniziò lei.

“Vattene, puttana”, dissi, fredda come il ghiaccio.

Mallory non esitò. Scivolò dall'inguine di Alden e raccolse le sue cose, correndo fuori dalla stanza, con l'aria sconvolta. Bene. Spero che viva nella vergogna per il resto della sua vita.

Sapevo che sicuramente niente avrebbe mai cancellato quell'immagine dai miei occhi.

“Tesoro”, disse Alden, infilandosi i boxer, alzandosi in piedi e avvicinandosi a me. “Possiamo risolverlo. Tu e io, ne vale la pena…”.

“Non fare un altro passo”.

Si fermò. Non mi ero mai sentita così completamente fuori controllo in tutta la mia vita. Era come se un'altra forza avesse preso il sopravvento e tutto quello che potevo fare era stare lì a guardare, impotente.

“Mallory, lei non significa nulla”, disse Alden. “È stata lei a provarci con me. Stavamo solo parlando davanti a un caffè e poi… una cosa tira l'altra… e…”

Sbattei le palpebre. La menzione del nome di quella puttana sembrava avermi riportato in vita. Alzai una gamba e tolsi uno dei miei tacchi. Alden si accigliò.

“Cosa stai…?”

Poi, lo lanciai più forte che potevo verso la sua faccia. Lo mancò e colpì la lampada, facendola cadere sul pavimento.

“Gesù, Kyla!” disse, facendo un passo indietro.

Delusa di averlo mancato, sollevai con calma l'altra gamba, togliendo l'altro tacco.

“Ehi, aspetta un secondo”.

Questa volta non lo mancai. Il mio tacco colpì Alden dritto in faccia. Si chinò per il dolore, afferrandosi il naso.

“Argh! Che diavolo?!”

“Alden, ascoltami”, dissi. “Hai un giorno di tempo”.

“Un giorno per fare cosa?” disse, con voce smorzata e con le mani che ancora gli coprivano il naso rotto.

“Per raccogliere tutte le tue cose e andartene da questo appartamento”.

I suoi occhi si allargarono e abbassò le mani. Fece un passo avanti.

“Per favore, Kyla”, disse piangendo. “Non affrettiamo qualcosa che potremmo rimpiangere”.

Poi, l'aspetto freddo e calmo che in qualche modo ero riuscita a mantenere fino a quel momento cominciò a cedere. La realtà della nostra situazione mi colpì come un tacco in faccia: tre anni sprecati con questo bastardo.

“Rimpiangere?!” Soffocai. “Rimpiangere?! Vuoi parlarmi di rimpianti?!”

“Kyla”, provò lui.

“No. Non puoi più parlare. Non puoi parlare di rimpianti. O dell'amore. Hai rovinato “noi”. Hai rovinato tutto. C'è solo un rimpianto che vale la pena menzionare: rimpiango di averti amato”.

Le sue ginocchia nude sembravano sul punto di cedere. Il suo labbro fremeva. Finalmente aveva capito: questa era la fine.

“Un giorno”, ansimai, senza fiato.

Poi mi girai e uscii, a piedi nudi, verso la mia macchina. Solo un'ora dopo, quando presi una stanza in un hotel e mi sedetti su un letto estraneo, arrivarono le lacrime.

Non so per quanto tempo piansi, ma quando finii, feci una promessa a me stessa: non avrei mai più amato. La mia carriera sarebbe sempre stata al primo posto. Nessun uomo avrebbe mai più avuto questo potere su di me per tutta la vita.

Ma, come avrei imparato in seguito, è quello il problema delle promesse. Nessuno le mantiene.

***

TRE MESI DOPO…

Megan
Siamo pronte, ragazze?
Megan
Stasera seratona
Coleen
Sì, finalmente!!!
Rose
Marie
Oh mio Dio, Kyla, non posso credere che sia finalmente il tuo turno
Kyla
Kyla
Ragazze dobbiamo farlo per forza?
Megan
Conosci le regole…
Megan
Nessuno esce dal gioco.
Kyla
Voi ragazze sarete la mia morte
Coleen
LOL no
Coleen
Ti faremo rimorchiare
Marie
Megan
Ringraziaci dopo, stronza
Kyla
Non sono molto sicura
Kyla
Dopo quello che è successo con Alden, non ne vedo il motivo
Coleen
Kyla, fidati di noi.
Megan
Abbiamo un po' di esperienza
Kyla
Se lo dici tu

Non potevo credere che stavo uscendo. Sì, tre mesi senza sesso sono tanti. Ma mentre infilavo le mie zeppe di Marc Jacobs color carne, riuscivo solo a pensare che erano le scarpe che avevo lanciato contro Alden.

Il che mi fece pensare a lui e Mallory in quel letto. Il che mi fece rivivere di nuovo quell'orribile notte.

Dio, come avrei mai potuto cancellare quel ricordo? Mi ero buttata nel lavoro, avevo concentrato tutta la mia energia sui nostri clienti e avevo fatto tutto ciò che potevo per distrarmi. Ma ancora, tre mesi dopo, ero tormentata.

Le mie amiche erano certe di avere la soluzione. Il gioco. Se qualche mese prima qualcuno mi avesse detto che sarebbe stato il mio turno, gli avrei dato del pazzo.

Invece eccomi qui, ad acconciarmi, in procinto di andare in un bar a caso per fare sesso con uno sconosciuto a caso. Da quando un'avventura di una notte ha mai risolto qualcosa?

Mentre chiamavo un taxi e aspettavo che arrivasse, mi facevo forza. Se le ragazze volevano giocare, mi andava bene. Ma questo non significava che avrei dovuto giocare secondo le loro regole.

Facendo un respiro profondo, uscii, pronta ad affrontare la notte. Nessun uomo finirà nel mio letto, mi dissi. Nessuna possibilità.

Ma la notte, come avrei presto scoperto, aveva altri piani.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

Coleen
DOVE SEI???
Kyla
Sono quasi arrivata
Kyla
Calmati
Coleen
Fiu. Megan pensava che ci avresti abbandonato.
Kyla
Kyla
Non ho paura
Coleen
Bene.
Coleen
Eraora, amica, era solo per dire.
Kyla
Il sesso non è tutto
Coleen
Sei sicura?

Spensi il telefono e scossi la testa, esasperata. Coleen era la migliore amica che una ragazza potesse chiedere, ma questo non significava che mi capisse. Da quando si era lasciata, passava da un ragazzo all'altro. Era più facile per lei.

E dato che lavoravamo nello stesso edificio, Coleen aveva vissuto in prima persona la mia difficile ripresa in quei tre mesi. Tra tutte le ragazze, era quella che di più di tutte voleva che facessi quell'esperienza.

Mi sedetti nel retro del taxi, guardando le creature della notte che uscivano a giocare e come le luci della città illuminavano il loro appetito e i loro desideri. Sapevo che quella sera avrei dovuto essere una di loro.

Ma come, quando tutto quello che avrei voluto fare era lavorare fino a tardi in ufficio?

Finalmente arrivammo al locale e feci un respiro profondo. Hai tutto sotto controllo, mi dissi. Fingi solo di stare al gioco. Ed esci da lì.

Entrai, facendo del mio meglio per mostrarmi sicura di me. Ed eccole lì, le mie migliori amiche sedute a un tavolo, già sommerse dagli alcolici e dai pettegolezzi.

“Eccola lì!”, disse Megan, facendo cenno di avvicinarmi. “Andiamo, Kyla. Dobbiamo aggiornarti”.

***

Il gioco era iniziato dopo una rottura al college. Quando Rose è stata scaricata da un ragazzo della sua confraternita tramite sms, la poverina era distrutta. Non mangiava e riusciva a malapena a dormire. Era necessaria un'azione drastica.

Così, una sera, avevamo fatto uscire Rose e le avevamo fatto promettere per capriccio che prima dell'alba avrebbe avuto un'avventura di una notte con un uomo scelto da noi.

Aveva funzionato sorprendentemente bene.

Lo avevamo indicato e lei ci aveva provato. E proprio così, Rose aveva ottenuto il suo rimpiazzo.

Rose aveva poi ammesso che, se non avessimo fatto in quel modo, lei non avrebbe mai avuto il coraggio di farlo. E lasciando scegliere a noi, aveva eliminato qualsiasi possibilità di fare paragoni con il suo ex.

Era sesso casuale e niente di più.

Nel giro di poche settimane, Rose era tornata esuberante come prima.

Qualche mese dopo, quando anche Marie aveva avuto una brutta rottura, avevamo suggerito la stessa idea. E, proprio così, si era formata una nuova e strana tradizione.

Da quel momento in poi, tutte avevamo giurato di giocare a quel gioco ogni volta che una di noi attraversava una rottura. Ed era così che ero arrivata a questo punto.

“Che mi dici di quei ragazzi?” Chiese Megan, facendo un cenno verso un tavolo da biliardo.

Mi girai e vidi tre uomini affascinanti e palestrati, che chiacchieravano con disinvoltura mentre giocavano una partita a biliardo. Uno di loro era piegato sul tavolo e faceva scorrere la stecca avanti e indietro tra il pollice e l'indice.

La sola vista era sufficiente a far arrossire una ragazza.

“Non esiste”, sibilai sottovoce. “Sono troppo… non so… belli”.

Marie sbuffò. “Sei seria? Il tuo problema è che sono troppo belli?”

“No”, dissi, accigliandomi. “Il mio problema è che sanno di essere belli. Nessun uomo si agghinda così se non lo sa”.

“E qual è il problema, eh?” Chiese Coleen, bevendo un sorso del suo Martini.

“Sì, Kyla”, sbottò Rose, già fin troppo ubriaca. “Non fare la fifona”.

Megan cercò di stare dalla mia parte, dandomi una pacca sulla schiena. “So che è strano essere di nuovo a caccia, ma vedrai. Non è poi così male”.

“Comunque, conosci le regole”, disse Coleen. “Dopo Landon, nemmeno io volevo giocare a questo gioco. Ma voi mi avete costretta e ve ne sono grata”.

Ovviamente le ragazze avevano ragione. Le regole erano le regole. Ma io non ero come le altre ragazze: ero uscita solo con un uomo e non avevo mai avuto un'avventura di una notte nella mia vita. Quindi, questo era per me un territorio completamente inesplorato.

Rose, leggendomi nella mente, mi avvicinò il mio Cosmopolitan. “È più facile se lo bevi tutto”.

Scossi la testa, guardando tutte con disgusto. Poi, mandai giù l'intero drink in un sorso solo e mi alzai.

“Va bene, vado. Che Dio vi maledica, donne. Siete fortunate che vi voglio bene”.

Sorrisero tutte maliziosamente, Rose emise un urlo da ubriaca. Coleen mi afferrò la mano prima che me ne andassi. “Di' al biondo che sono interessata”, disse, ammiccando.

Ruotai gli occhi, mi girai e mi avvicinai ai tre uomini al tavolo da biliardo senza dire altro.

Il cuore mi batteva forte. Riuscivo a malapena a vedere bene, ero così spaventata. Il tradimento di Alden non mi aveva ferito a livello professionale; semmai, essere single mi aveva reso ancora più concentrata. Ma quello?

Non sapevo più come parlare a un uomo. Che cosa avrei dovuto dire?

Quando raggiunsi il tavolo da biliardo, i tre uomini si voltarono, notando il mio arrivo. Oh Signore, erano ancora più belli da vicino.

Uno era biondo e sembrava un giocherellone, come un golden retriever. Un altro aveva i capelli e gli occhi scuri, uno sguardo torvo e autoritario che personalmente non trovavo attraente, ma sapevo che a Rose sarebbe piaciuto.

Infine, non sapevo come descrivere l'uomo al centro, con la stecca da biliardo in mano, che aveva attirato la mia attenzione fin dall'inizio. I suoi capelli erano marrone chiaro e arruffati, i suoi occhi blu come l'oceano, il suo fisico imponente e forte.

E a differenza dei suoi amici, la sua espressione era impossibile da scrutare.

Aveva un'espressione impassibile.

Il biondino sorrise in modo provocante. “C'è qualcosa che possiamo fare per te?”

Feci un respiro profondo, sapendo che le mie amiche stavano guardando. Se avevo intenzione di barare al gioco, potevo solo pregare che quei ragazzi non rivelassero il mio piano.

“Ok”, dissi. “La farò breve. Vedete quelle quattro ragazze dall'altra parte del locale sedute al tavolo? Vogliono che io abbia un'avventura di una notte con uno di voi”.

Il biondo e l'uomo dai capelli scuri mi guardarono increduli. L'uomo al centro mi fissava, senza espressione. Cercai di spiegare rapidamente.

“Cosa che non accadrà, comunque. Ma se starete al gioco e uno di voi mi darà un numero, qualsiasi numero, potrebbero essere i numeri della lotteria per quanto mi riguarda, vi darò qualcosa in cambio”.

L'uomo dai capelli scuri sorrise. “Dare cosa, esattamente?”

“Il numero della ragazza con il top giallo. Il suo nome è Coleen. Ed è interessata a lui”, dissi, facendo un cenno al biondo.

Il biondo la guardò, spostando gli occhi. Sapevo che dovevo agire in fretta o avrei perso il coraggio.

“Allora?” chiesi. “Che ne dite?”

“Beh”, parlò finalmente l'uomo al centro, “questa è una novità.

Lo fissai, sorpresa, per un secondo. Avevo quasi pensato che l'uomo con l'espressione imperscrutabile fosse fatto di pietra. Ma eccolo qui, che parlava con una voce seducente e presuntuosa. Scambiò uno sguardo con i suoi amici, poi si voltò verso di me.

“Ok”, disse, annuendo. “Giocheremo. Ma lascia che ti faccia prima una domanda. Di chi vuoi il numero?”.

Mentre si avvicinava alla luce, vidi una traccia di malizia in quegli occhi blu oceano. Mi fece battere il cuore nel petto.

“Non ha davvero importanza”, dissi. “Può essere uno qualsiasi…”

“Scegli”, chiese lui.

Mi morsi il labbro, guardai per terra e poi di nuovo nei suoi occhi. Sapevo la risposta dal momento in cui mi ero avvicinata. Perché non essere sincera?

“Il tuo”, dissi, sottovoce.

L'angolo delle sue labbra si sollevò in un sorriso compiaciuto. Fece l'occhiolino con aria d'intesa.

“Chiedi e ti sarà dato”.

Cazzo. Solo un cenno minimo del suo interesse mi aveva conquistata. Non volevo il suo numero. Volevo lui. Sentivo il mio lato razionale cedere il passo a puri impulsi primordiali. Ma me li scrollai di dosso.

Non lo avrei scopato proprio lì sul tavolo da biliardo. Per quanto lo volessi.

Prese un tovagliolo vicino, annotò il suo numero e lo fece scivolare sul tavolo da biliardo. Lo guardai.

Lui scosse la testa. “Come farai a chiamarmi se non è davvero il mio numero?”

Dannazione, aveva ragione. Mi sentii arrossire come un'adolescente timida. Quando presi il tovagliolo, vidi che il suo nome era scarabocchiato sopra.

“Tu sei Jensen?”

“Sì, e tu?”

“Kyla”.

“Beh, Kyla, vedo dallo sguardo sul volto di Grant che è attratto dalla tua amica laggiù. Perché non le dai il suo numero?”

Grant, il biondo, lo annotò rapidamente e me lo diede. Mi sentivo come se fossi stata burattinata in qualche modo, come se quest'uomo, questo Jensen, con i suoi profondi occhi blu e il suo viso leggermente espressivo, mi tenesse appesa a un filo.

Mi schiarii la gola, facendo un cenno verso di lui e cercando di riacquistare una parvenza di controllo. “Grazie per avermi aiutata”.

“Quando vuoi, Kyla”, disse lui, con gli occhi scintillanti. “Sai dove trovarmi”.

Con questo, mi girai e tornai verso il tavolo, pregando di non scivolare e cadere di faccia. Sapevo che Jensen mi stava ancora guardando.

Finalmente raggiunsi le mie perfide quattro migliori amiche. Dai sorrisi identici sui loro volti, sapevo di aver giocato bene le mie carte.

“Allora?”, chiese Coleen velocemente.

“Ecco a te, Coleen”, dissi, consegnandole il numero di Grant. “È interessato”.

“E?” Megan incalzò. “E l'altro? Quello con cui stavi parlando?”.

“Ho il suo numero. Gli manderò un messaggio più tardi mentre torniamo a casa”.

Megan, a questo punto oltremodo sbronza, strizzò gli occhi in uno sguardo sospettoso. “Stai… cercando di uscire dal gioco, Kyla?”

Tutte si girarono a fissarmi. Merda. Il mio piano non stava funzionando così bene, vero? Guardai Jensen dietro di me, piegato sul tavolo, che colpiva un'altra palla da biliardo.

“Bene”, dissi. “Adesso gli mando un messaggio”.

E così, tirai fuori il telefono.

Kyla
Le mie amiche non mi credono
Jensen
Kyla, immagino?
Jensen
Sono sorpreso che tu mi abbia scritto subito.
Kyla
Qualche suggerimento?
Jensen
Certo.
Jensen
Perché non usciamo di qui?

Guardai Jensen che alzava lo sguardo dal telefono verso di me, con l'accenno di sorriso sulle labbra. Il mio corpo urlava una risposta, ma la mia mente aveva altre idee.

Kyla
Ok. Ma andrò a casa
Kyla
Qualsiasi fermata dell'autobus andrà bene
Kyla
So prendermi cura di me
Jensen
Ma è questo che vuoi, Kyla?

Non mi voltai a guardarlo questa volta. Sapevo che se l'avessi fatto, mi avrebbe visto attraverso. Invece, infilai il telefono nella borsa, presi il cappotto, mi girai verso le mie amiche e sfoderai un sorriso malvagio.

“Ecco fatto, ragazze”, dissi. “Inizia il gioco”.

Poi mi girai e camminai verso lo sconosciuto con gli occhi blu oceano, sentendo le ragazze applaudire ed esultare dietro di me.

Stavamo uscendo di lì senza problemi. Ma dove stavamo andando esattamente?

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Spogliata dal re

Ogni volta che perdo la mia verginità, è diverso.

A volte è in un palazzo e a volte è nella sporcizia.

A volte sono sopra, a volte la mia faccia è sepolta in un cuscino per attutire le mie urla.

A volte fa un male cane e altre volte è pura estasi.

Ma c’è una cosa che rimane la stessa, qualunque cosa accada.

In ogni vita, tu mi trovi.

E la perdo sempre con te…

Età: 18+

Sin – I segreti del peccato

Dopo la morte della madre, Marcella Sinclair non può fare a meno di sentirsi un peso per il fratello diciottenne. Quando riceve l’offerta di guadagnare un mucchio di soldi come spogliarellista, decide di accettare. Nessuno deve saperlo… specialmente suo fratello, che è determinato a farla rimanere pura e innocente per il resto della vita.

Età: 18+

La schiava dei draghi

Viaggia indietro nel tempo per questa reinterpretazione medievale di Requiem City! Madeline ha servito i potenti draghi mutaforma dell’Orda di Requiem fin da quando era giovane. Al suo diciottesimo compleanno, Hael, il Signore dei Draghi in persona, posa i suoi occhi verde smeraldo su Madeline. Ha dei piani più grandi per lei. Madeline sarà la schiava sessuale servile che Hael richiede? O questo dominatore ultra-sexy ha finalmente incontrato una degna avversaria?

Età 18+

Menti perverse

Elaina Duval ha vissuto una vita perfettamente felice e normale con sua madre, fino al giorno in cui ha compiuto diciotto anni. Il giorno del suo compleanno scopre di essere stata promessa al crudele e senza cuore Valentino Acerbi, destinato a diventare capo della mafia italiana. Senza scelta o voce in capitolo, viene trascinata nel suo mondo contorto e costretta a sopportare cose che nessun essere umano dovrebbe sopportare… Ma se la cosa iniziasse a piacerle?

Età: 18+ (Attenzione ai contenuti: Violenza, Abuso sessuale, Stupro, Traffico di esseri umani)

La bella e l’alfa Grayson

Belle non è al corrente dell’esistenza dei mutaforma. Su un aereo per Parigi incontra l’Alfa Grayson, che pretende che lei gli appartenga. L’alfa possessivo marchia Belle e la porta nella sua suite, dove lei cerca disperatamente di combattere la passione che sta crescendo tra di loro.

Belle si lascerà vincere dai suoi desideri o riuscirà a resistere?

Età: 16+

La fine del mondo

Savannah Madis era un’aspirante cantante felice e spumeggiante, questo prima che la sua famiglia morisse in un incidente d’auto. Dopo quel momento, si ritrova in una nuova città, in una nuova scuola e, come se non bastasse, deve avere a che fare con Damon Hanley, il bullo della scuola. Damon è completamente confuso da lei: chi è questa ragazza dalla bocca larga che lo sorprende in continuazione? Non riesce a togliersela dalla testa e, per quanto odi ammetterlo, Savannah prova la stessa cosa per lui! Si fanno sentire vivi a vicenda. Ma sarà abbastanza?

Età: 18+ (Contenuto sessuale, violenza)

Appuntamento con il rapitore

Talia ha solo diciassette anni quando viene rapita dal boss mafioso Axel. Riesce a fuggire, ma non prima di aver scoperto quanto crudele può essere la vita. Per proteggersi, scappa lontano e cambia identità. In pochi anni diventa una forte donna d’affari che non si guarda mai indietro. Ma poi qualcosa la obbliga a stringere un patto con il diavolo che l’aveva rapita… Ora che l’ha ritrovata, non sarebbe stato facile scappare di nuovo!

Età: 18+

I guerrieri di Torian

La terra è sotto attacco per mano di una mostruosa razza aliena che non brama altro che distruzione. Lilly e le sue sorelle più piccole vengono catturate e rischiano di morire… ma improvvisamente il meraviglioso re guerriero Bor giunge da un altro pianeta e le salva. La sua missione è quella di proteggere tutti gli umani, ma, ora che l’ha conosciuta, ha occhi solo per Lilly. Riuscirà a mantenere il suo impegno insieme al suo amore o dovrà sacrificare tutto per lei?

Età: 18+