logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Il compagno di Lux è tutto ciò a cui Zayla riesce a pensare dal primo giorno in cui ha sentito il suo profumo. Cerca di immaginare il suo aspetto, il suo sapore… ma sa che anche i suoi sogni più selvaggi non gli rendono giustizia.

Dall’alba al tramonto, il compagno di Lux è sempre lì, in agguato nell’ombra, appena fuori portata. Lei non sa nemmeno che specie sia. Tutto ciò che conosce è il suo nome: Soren.

Età: 18+

Infinity di Mikayla S è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.


L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Trama

Il compagno di Lux è tutto ciò a cui Zayla riesce a pensare dal primo giorno in cui ha sentito il suo profumo. Cerca di immaginare il suo aspetto, il suo sapore… ma sa che anche i suoi sogni più selvaggi non gli rendono giustizia. Dall’alba al tramonto, il compagno di Lux è sempre lì, in agguato nell’ombra, appena fuori portata. Lei non sa nemmeno che specie sia. Tutto ciò che conosce è il suo nome: Soren.

Età: 18+

Autore originale: Mikayla S

Nota: questa è la versione originale dell’autore e non ha l’audio.

Zayla

Compagni.

Per gli umani possono essere molte cose: amanti, amici, conoscenti.

Per i vampiri, sono un costante ricordo della vita che sono costretti a vivere nella morte, una sacra speranza che sanno sarà strappata via da loro con un morso, l’ultimo pezzo della loro anima che esiste.

E per i lupi… beh, per i lupi sono tutto! Ogni felicità, ogni battito del cuore, ogni battito nello stomaco si trasformano in una persona.

Il loro odore, il loro sapore… Tutto di loro è inebriante.

Per la maggior parte dei lupi trovare il proprio compagno è relativamente facile.

Ogni anno, i lupi maggiorenni vengono nel nostro territorio per il ballo annuale dei miei genitori e ogni anno qualcuno se ne va con il proprio compagno al braccio.

Per ventuno anni, ho sognato il giorno in cui avrei incontrato il mio.

Chi è? Che aspetto ha? Mi vuole come io voglio lui?

Ogni giorno mi vesto bene, facendo di tutto per apparire più bella possibile per assicurarmi che lui mi noti e ogni giorno vado a dormire delusa.

Vedi, a differenza dei miei fratelli gemelli maggiori Drayden e Draxel, non ho incontrato il mio compagno quando ho compiuto quindici anni.

No.

Draxel e Drayden sono stati fortunati.

Draxel si è accoppiato con Kimber, la figlia di uno dei migliori amici dei miei genitori.

La conoscevamo da tutta la vita, quindi quando si è scoperto che non era solo la compagna di Draxel, ma la futura Luna del nostro branco, tutti erano entusiasti.

E perché non avrebbero dovuto esserlo? Lei è fantastica!

Solo tre settimane dopo che Draxel e Kimber si sono accoppiati, Drayden ha trovato la sua compagna, Blair.

Ma il mio accoppiamento, beh, è molto più complicato.

Vedi, a differenza di tutti gli altri, che hanno la possibilità di incontrare i loro compagni a quindici anni, io ho incontrato il mio molto prima.

Intendo molto, molto prima. L’unico problema è che… credo di dover specificare che non l’ho mai incontrato di persona.

Il mio primo incontro con il mio futuro compagno è stato inaspettato.

Io e i miei genitori stavamo facendo visita ai miei zii, Silas e Thackery, per discutere degli affari del branco.

Era stata una giornata piena di riunioni quando i miei genitori decisero che, con i miei zii, mia cugina minore Kasyn e mia zia Milani, saremmo andati tutti al lago per fare una nuotata e divertirci.

I tre ragazzi correvano a perdifiato sulla riva, le nostre madri prendevano il sole e i nostri padri cucinavano vicino alla riva. Io, invece, ero impegnata a inseguire le farfalle.

Avevo trovato questa bellissima farfalla blu neon che svolazzava in lontananza, così le sono corsa dietro, quasi prendendola mentre si muoveva tra gli alberi.

Mi ha trascinato sempre più in là nel bosco, fino a quando sono stata circondata dall’oscurità e la farfalla era sparita.

Spaventata, ho iniziato a piangere. Non riuscivo più vedere la mia famiglia e nemmeno sentirla sopra il suono del vento che sbatteva contro gli alberi.

“Shh, piccola Lux, andrà tutto bene”. La sua voce era così profonda che mi spaventava e mi calmava allo stesso tempo.

Saltando in piedi ho cercato il proprietario della voce, ma non ho trovato nulla.

Ero sola, o almeno pensavo di esserlo finché non ha parlato di nuovo: “Non dovresti proprio essere qui, mia piccola Lux”.

Annusando nella manica del mio vestito, ho cercato di nuovo in giro e non ho trovato nulla, ma so di averlo sentito.

La sua voce era così calmante. Anche da bambina desideravo sentirla di nuovo.

“Chi sei?” Cercando di nuovo in giro, ho sperato e pregato che avrei colto anche solo un assaggio del proprietario di quella melodia rilassante chiamata voce.

Ma invece non ho sentito niente e non ho visto niente.

Mio padre venne a cercarmi subito dopo. Mi rimproverò per essere scappata, ricordandomi che anche se eravamo in un territorio sicuro, avevo bisogno di stare sempre con qualcuno.

Ho cercato di capire, l’ho fatto davvero! Ma anche allora, mi chiamava a un livello così primordiale che non potevo fare a meno di cercarlo.

Dopo questo, non ho più visto o sentito nulla dall’uomo misterioso fino all’età di tredici anni.

Era un giorno strano per me. Le mie prime mestruazioni erano appena arrivate e io e i miei fratelli ci stavamo scontrando a un ritmo insolitamente alto, così me ne andai a piedi attraverso la linea degli alberi dietro casa nostra.

Sapevo di essere al sicuro lì, dato che era l’unico posto dove mi era permesso andare, dove né mio padre né i miei fratelli sembravano mai infastidirmi.

Gettandomi a terra sul ceppo di un vecchio albero dimenticato, non potevo fare a meno di gridare la mia frustrazione.

Perché proprio oggi zia Flow aveva deciso che doveva essere la sua prima visita nella mia vita?

Perché i miei fratelli non potevano capire che non avevo bisogno che si arrabbiassero per la mia crescita? Non è che avessi il controllo sulla naturale progressione dell’età del mio corpo.

Voglio dire, non ero un vampiro.

Dopo essermi seduta sul vecchio ceppo muschiato per un’ora buona, le mie lacrime si sono finalmente spente e il mio corpo si era quasi calmato – solo qualche singhiozzo ogni pochi minuti.

Fu allora che lo sentii per la seconda volta.

“Oh mia piccola Lux, sei cresciuta”.

La sua voce mi ha scioccato nel profondo, mi sono alzata in piedi un po’ troppo velocemente e ho perso l’equilibrio…

Finché, in modo leggero, la sua mano, un po’ callosa ma gentile, mi ha toccato la spalla, fermando la mia caduta e fermando il mio respiro

Lo sentii ridacchiare divertito dalla mia goffaggine. “Fai attenzione, mia piccola Lux”.

“Il mio nome è Zayla, non so chi sia Lux”, ho squittito, sentendo la sua mano spingere i capelli sulla mia spalla, prima che una risatina profonda attraversasse il suo corpo con tanta forza da farlo tremare nel mio.

“Oh, ma Zayla, tu sarai sempre la mia piccola Lux”. La sua voce era molto più divertita questa volta. Mi sono girata per guardarlo, ma per mia fortuna non c’era più.

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

Zayla

Dopo quel giorno, non lo cercai più. Non importa quanto il mio corpo cercasse di costringermi a trovarlo, io lo combattevo, e lo combattevo duramente.

Questo fino al mio quindicesimo compleanno.

Vedi, per un lupo il quindicesimo compleanno è il giorno più importante nella crescita – anche più importante di compiere diciotto anni o addirittura ventuno.

Sono i quindici anni a essere importanti.

Vedi, a quindici anni il tuo lupo è finalmente maturo del tutto. È quando è abbastanza grande per iniziare a cercare la sua altra metà, il suo compagno.

È quando è pronto per essere marchiato e per iniziare la sua vita con il suo unico vero amore. Ma per me, è stato quando ho capito che non avrò mai la possibilità di incontrare il mio.

Il giorno del mio quindicesimo compleanno è andato tutto liscio. Come ogni altro compleanno che ho avuto, è stato un grande giorno, pieno di risate con i miei amici e la mia famiglia. È stato fantastico!

Questo fino alla corsa del branco – perché la corsa del branco è il momento in cui la mia lupa ha sentito il suo odore per la prima volta.

Durante le solite corse del branco, le nostre lunghe gambe nere e le nostre piccole ossa ci davano davvero un vantaggio nel rimanere davanti al branco.

Quasi tutte le corse del branco le facevo fianco a fianco con mio padre.

La mia lupa è più piccola, ma identica al suo lupo: una bella pelliccia piena, folta e nera come il getto, che ci permette quasi di mimetizzarci nell’ombra – se non fosse per i nostri occhi.

Sia io che mio padre abbiamo occhi azzurri brillanti, quasi bianchi, molto chiari.

Durante il nostro ultimo giro intorno al territorio, la mia lupa sentì l’odore di qualcosa che potevamo giurare di aver già sentito prima.

Notando che l’odore si faceva più forte man mano che ci avvicinavamo alla casa, la mia lupa decise di staccarsi dalla folla e di andare verso il nostro posto per prendere i nostri vestiti.

Ma più ci avvicinavamo, più lo annusavamo, più mandavamo la mia lupa in uno stato di frenesia.

Abbiamo seguito l’odore in circolo per ore cercando di catturarlo, solo per dargli un’occhiata.

Chi era? Perché non voleva che lo vedessimo?

Frustrata, la mia lupa sbuffò con tutta la forza che aveva nei polmoni prima di gettarsi a terra con il muso.

Trovare il proprio compagno dovrebbe essere il giorno più bello nella vita di un lupo, quindi perché non la voleva? Perché stava giocando con lei?

Frustrava la mia lupa e la feriva profondamente, facendole pensare che non la vedeva abbastanza buona per lui.

Era la figlia dell’alfa, la figlia di Zayn e Skyla King! Era una guerriera, una regina!

Allora perché, dopo cinque ore, non si era mostrato a lei? Stava giocando? Gli piaceva farsi desiderare?

Sbuffando di nuovo, iniziamo a dirigerci dove sappiamo che il suo odore proviene. Ci sembrava così familiare.

E in quel momento, lui fa sentire la sua presenza con una risatina veloce e profonda.

Alzando la testa, ci guardiamo intorno, cercando di trovarlo, cercando di vedere qualsiasi cosa, un’ombra, persino una foglia fuori posto, ma niente.

Questo finché non ha detto: “Qualcuno è un po’ impaziente, mia piccola Lux”. La sua voce, anche se lontana, mi fa ancora venire i brividi lungo la schiena.

Seduta, lascio rapidamente che la mia forma umana si concentri, lasciandomi inginocchiata completamente nuda nella sporcizia su cui il mio lupo, pochi istanti fa, aveva il muso.

Alzando la testa e guardando dritto davanti a me, non sono sicura che sia ancora lì. Il suo profumo è ovunque e da nessuna parte, quasi come se mi stesse correndo intorno costantemente. “Oggi è il mio compleanno”.

Dopo non aver ricevuto risposta, lascio cadere la testa, sentendomi ferita e completamente esausta. Sospiro tristemente, prima di alzarmi e camminare verso il tronco dove avevo nascosto i miei vestiti.

Dopo essermi vestita, metto le mani in tasca mentre inizio a camminare verso casa, sentendo le mie dita toccare qualcosa di freddo che sapevo non c’era prima di fermarmi sui miei passi.

Tirando lentamente fuori la catena sottile, noto che si tratta di una bellissima piccola collana d’oro con una piccola farfalla d’oro bianco attaccata al materiale sottile.

Avvicinando la collana al mio viso, rimango sbalordita mentre osservo la bellezza della farfalla.

È così piccola. eppure meravigliosamente dettagliata, fino alle due bellissime gemme blu che si trovano tra piccoli diamanti chiari sulle ali.

Non potendo fare a meno di notare il bellissimo design, quasi non voglio indossarla, ma solo tenerla in mano per sempre.

Non so come, ma un’enorme parte di me sa che è stato fatto per me, che mi è stato regalato, e questa piccola informazione mi fa aprire il fermaglio e metterlo al collo.

Non posso fare a meno di sorridere mentre faccio scorrere le mie mani sul collo lungo la bella catena.

Proprio quando le mie dita toccano la farfalla, sento il vento alzarsi intorno a me, prima che l’eco della voce che desidero così tanto arrivi: “Buon compleanno, Lux”.

Sospiro e mentre l’ultima parte della sua voce lascia gli alberi da cui stava rimbalzando, ho attraversato la porta sul retro della casa.

La mia famiglia è tutta riunita ad aspettarmi con enormi sorrisi sui loro volti e una torta gigante nelle mani dei gemelli che dice: “Buon compleanno, Zayla!”

Senza fermare il sorriso gigante che mi infiamma il viso, mi chino e spengo le candeline, ma non prima di aver espresso il mio desiderio.

Dopo la festa, quando tutto inizia a calmarsi, mi dirigo verso la mia stanza, girando la maniglia, ma prima ancora di poter aprire la porta, il suo odore colpisce il mio naso.

Spingendo la mia porta aperta, sperando di vederlo, rimango delusa. Ma entro con cautela, come se da un momento all’altro potesse uscire dal suo nascondiglio.

Non lo fa e dopo qualche minuto buono posso dire che non è qui, perché il suo odore ha iniziato a scomparire. Ma stando vicino alla finestra, posso sentirlo lì… Mi sta guardando.

Aprendo la finestra, mi metto in piedi, sperando che si faccia avanti, ma non lo fa.

“Grazie per la collana, la adoro”, sussurro per non attirare l’attenzione di nessun altro che potrebbe avere le finestre aperte.

Dopo essere rimasta lì per altri dieci minuti, arrivo alla conclusione che non lo vedrò stasera, quindi con un triste sospiro mi spingo fuori dalla finestra.

Salendo a letto, inizio ad addormentarmi velocemente e proprio quando il mio cervello è sull’orlo dell’incoscienza, lo sento.

“Non c’è di che, mia bella Lux”.

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

I Lupi del Millennio

Sienna è una lupa mannara di diciannove anni che nasconde un segreto: è ancora vergine. L’unica vergine del branco. È decisa a superare anche il periodo di calore di quest’anno senza cedere ai suoi impulsi primordiali, ma quando incontra Aiden, l’Alfa, si dimentica del tutto del suo autocontrollo.

Età: 18+

Ninfa, la seconda possibilità dell’alfa

Adelie è abituata a rimanere nell’ombra e a vivere una vita ordinaria nel suo branco di lupi. Ma tutto cambia quando viene rifiutata dal suo compagno, l’alfa, e deve trovare un nuovo branco in cui vivere. Trova poi una nuova casa nel branco dell’alfa Kairos.

Kairos, un lupo noto per la sua natura vile e il suo carattere furioso, si rivelerà essere la seconda possibilità per Adelie di avere un compagno. Ma le cose potranno funzionare se la paura di Kairos del passato gli impedisce di aprirsi e Adelie sta per scoprire di avere dei poteri che non aveva mai nemmeno sognato?

Età: 16+

Odiata dal mio compagno

Solo pochi giorni dopo il suo diciottesimo compleanno, Aurora Craton sente l’attrazione del compagno mentre lavora come cameriera a una festa per la leadership del branco. Il suo compagno si rivela essere nientemeno che l’alfa Wolfgang del Branco della luna di sangue. Quando Wolfgang scopre che la sua compagna predestinata è solo una cameriera, non solo si rifiuta di accettarla, ma minaccia addirittura di marchiarla come una ribelle e costringerla ad abbandonare il branco, qualora lei osasse dire a qualcuno di essere la sua compagna. Aurora non ha altra scelta che accettare, per rimanere nel branco, condannata a rimanere sola. Ciononostante, una ragione ci deve essere se la Dea della Luna ha scelto di mettere Aurora e Wolfgang insieme…

Età: 16+

La chiamata dell’alfa

Lyla si reca alla riunione del branco in Missisipi senza sperare di trovare il proprio compagno predestinato. Ultimamente, infatti, è raro che i lupi vengano accoppiati durante il rituale e, onestamente, Lyla preferirebbe continuare a frequentare il suo ragazzo attuale, che conosce da sempre.

Quando la cerimonia di accoppiamento inizia, Lyla segue l’ululato che le mostrerà il suo vero compagno, che si rivelerà essere Sebastian, l’alfa reale. Accetterà quindi il suo destino come luna reale oppure sceglierà di rimanere con il ragazzo della porta accanto che ancora occupa uno spazio nel suo cuore?

Età: 18+

L’ospite dell’alfa

Georgie ha passato tutta la sua vita in una città mineraria, ma è solo quando i suoi genitori muoiono davanti a lei che si rende conto di quanto sia brutale il suo mondo. Proprio quando pensa che le cose non possano peggiorare, la diciottenne incappa nel territorio del branco solitario di lupi mannari che si dice possieda le miniere. E il loro alfa non è troppo felice di vederla… all’inizio!

Età: 18+

La principessa dei draghi

11 ANNI PRIMA

Era ancora buio quando papà arrivò nella mia camera da letto. Il sole stava ancora dormendo, insieme a tutti gli uccelli.

Stava andando all’avventura, disse, e pensava che mi sarebbe piaciuto partire con lui.

Naturalmente lo feci.

Saltai dal mio letto. Misi il mio cappotto di pelle di pecora. Era estate, ma le mattine erano ancora fresche…

Età: 18+

Mateo Santiago

Juniper è una lupa mannara che non può trasformarsi. Quando suo padre, l’Alfa, la espelle dal suo branco, si ritrova a essere una vagabonda in terra straniera. Ma sta per incontrare un altro alfa. Uno che cambierà la sua vita per sempre…

Età: 18+

Morsi d’amore

Non c’è nessuno che non adori Scarlet. È giovane, bellissima e dall’animo angelico… Quindi tutti rimangono scioccati dallo scoprire che il suo compagno predestinato è lo spietato e senza cuore re alfa.

Temuto da tutti (e per buoni motivi!), è tornato dopo sette anni per reclamare ciò che è suo. Riuscirà Scarlet a fare breccia nel suo cuore o sarà lei a dover implorare pietà?

Età: 18+