logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

La bella e l’alfa Grayson

Belle non è al corrente dell’esistenza dei mutaforma. Su un aereo per Parigi incontra l’Alfa Grayson, che pretende che lei gli appartenga. L’alfa possessivo marchia Belle e la porta nella sua suite, dove lei cerca disperatamente di combattere la passione che sta crescendo tra di loro.

Belle si lascerà vincere dai suoi desideri o riuscirà a resistere?

Età: 16+

 

La bella e l’alfa Grayson di Annie Whipple è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Trama

Belle non è al corrente dell'esistenza dei mutaforma. Su un aereo per Parigi incontra l'Alfa Grayson, che pretende che lei gli appartenga. L'alfa possessivo marchia Belle e la porta nella sua suite, dove lei cerca disperatamente di combattere la passione che sta crescendo tra di loro. Belle si lascerà vincere dai suoi desideri o riuscirà a resistere?

Età: 16+

Autore originale: Annie Whipple

BELLE

Feci dei respiri profondi camminando attraverso l'aeroporto, con i bagagli al seguito. Non riuscivo a calmarmi, per quanto ci provassi.

Odiavo decisamente volare.

E un volo di undici ore per Parigi era l'ultima cosa che volevo fare il giorno prima della vigilia di Natale. Ma mia madre mi aveva pregato di passare le vacanze con lei e suo marito.

Sapevo che mi aveva invitata solo per senso di colpa.

Non vedevo mia madre da più di cinque anni e lei sembrava non avere avuto problemi a lasciarmi indietro, dopo che mio padre si era ammalato.

Le era bastato un anno per risposarsi e un altro per avere un nuovo figlio. Aveva completamente tagliato fuori me e mio padre, comportandosi come se non fossimo mai esistiti.

Quindi il fatto che mi invitasse a visitarla ora mi faceva davvero incazzare.

Ma non avevo nessun altro. Parigi era la mia unica opzione se non volevo passare il Natale da sola.

Passare i controlli di sicurezza fu più facile di quanto pensassi e riuscii a trovare il mio gate senza problemi. Ma anche con tutta questa fortuna, non riuscii a fare a meno di sentirmi a disagio.

Avevo volato solo altre due volte nella mia vita, entrambe per motivi che avrei voluto evitare.

La prima volta fu per il funerale di mia nonna in Florida. La seconda per il matrimonio di mia madre a Parigi con un uomo che non avevo mai incontrato prima, un uomo che non era mio padre.

Quindi non solo volare era assolutamente terrificante, ma mi metteva sempre in una situazione indesiderata. Sapevo che questo volo non sarebbe stato diverso.

Aspettai circa mezz'ora per imbarcarmi. Volevo essere in anticipo per essere sicura di non perdere il volo. Non volevo doverne pagare un altro.

Una volta sull'aereo, non riuscivo a non farmi tremare le mani. Un'assistente di volo mi sorrise mentre le passavo accanto e, notando il mio nervosismo, mi fece un cenno rassicurante.

Feci del mio meglio per ricambiare il sorriso.

Quando finalmente arrivai al mio posto, in fondo all'aereo, guardai l'uomo accanto al quale mi sarei seduta per le prossime undici ore.

Il suo sguardo si mosse su e giù per il mio corpo, fermandosi sul mio petto per un po' prima di incontrare i miei occhi.

Sorrise. “Beh, ciao”.

Grande. Semplicemente perfetto.

Passerò le prossime undici ore con un maniaco.

“Ciao”, mormorai.

Ignorando Mr. Viscido, presi il mio bagaglio a mano e lo sollevai sopra di me per metterlo nella cappelliera.

Notando che lo stronzo, che ora mi stava guardando, aveva messo la sua valigia al centro dello scompartimento, sbuffai, cercando di spostarla con una mano mentre lottavo per spingere la mia accanto.

Ero quasi riuscita a far entrare il mio bagaglio quando sentii delle mani che mi cingevano la vita, toccando la pelle nuda del mio stomaco dove la camicia si era sollevata.

Pensando che fosse Mr. Viscido, cercai di saltare via, ma mi fermai quando le mani si strinsero intorno a me e delle scintille corsero lungo il mio corpo.

Scossi la testa per vedere chi fosse e sentii i miei occhi allargarsi mentre lo guardavo.

Era mozzafiato… Grande al punto che sembrava quasi comico all'interno del piccolo aereo.

I suoi muscoli erano tesi contro la camicia nera e i jeans blu, facendomi capire che doveva aver passato molto tempo in palestra.

Aveva capelli color cioccolato, occhi verde scuro ipnotizzanti e una mascella che avrebbe potuto tagliare la carta.

Le sue labbra erano carnose e piene e inconsciamente mi avvicinai, immaginando come sarebbe stato premere le mie labbra contro le sue.

Un improvviso e profondo ringhio mi riportò in posizione eretta e i nostri sguardi si incontrarono, facendomi scoprire che anche lui mi stava guardando mentre lo io lo stavo mangiando con gli occhi. Le mie guance diventarono immediatamente rosse, ma prima che potessi sentirmi troppo imbarazzata, lui parlò.

“Mia. Compagna”, disse, la sua voce profonda e roca mi risuonò nelle orecchie. Mi strinse delicatamente la vita mentre la sua fronte scendeva per incontrare la mia e respirò profondamente.

Probabilmente avrei dovuto schiaffeggiarlo, ma invece lasciai che gli occhi si chiudessero e mi crogiolai nella sensazione delle sue braccia intorno a me, mentre deliziose scintille attraversavano il mio corpo. Non sapevo nemmeno che fosse possibile sentirsi così bene.

Sentii la sua testa spostarsi dalla mia mentre si chinava per annusarmi il collo. Inclinai la testa per dargli un migliore accesso e lui emise un grugnito di approvazione.

E poi lo sentii darmi un bacio gentile proprio dove il mio collo e la mia spalla si incontravano. Prima le mie ginocchia si indebolirono, poi tutto il mio corpo si intorpidì, mentre un sospiro affannoso uscì dalla mia bocca.

Lui sorrise contro il mio collo, ridacchiando e prendendo tutto il mio peso tra le sue braccia mentre mi appoggiavo completamente a lui per impedirmi di cadere.

Ero in paradiso.

Uno schiarirsi della gola mi fece uscire dalla mia trance e io squittii e cercai di allontanarmi, ricordando dove mi trovavo.

Sfortunatamente, mentre cercavo di spingere l'uomo misterioso e incredibilmente bello lontano da me, dimenticai la mano che stava ancora tenendo il mio bagaglio nello scompartimento in alto.

Sentii la mia valigia scivolare verso di me e mi abbassai rapidamente, aspettando che il suo angolo duro mi colpisse in testa.

Ma non successe niente. Invece sentii: “Attenta, bella”.

Alzai lo sguardo verso l'uomo di fronte a me, che aveva ancora una mano possessivamente appoggiata sotto la mia maglietta, sulla mia schiena. L'altra mano ora teneva la valigia sopra la mia testa.

Mi sorrise e mi fece l'occhiolino prima di spingere la mia borsa nello scompartimento e chiuderlo di scatto.

Sempre tenendo la sua mano sulla mia schiena, si voltò a guardare la donna dietro di lui che aveva cercato di attirare la nostra attenzione durante il nostro intenso momento. La donna sembrava scioccata e si schiarì la gola ancora una volta con esitazione.

“Scusate, devo solo raggiungere il mio posto e voi state bloccando il corridoio. Non volevo interrompervi. È chiaro che è da un po' che non vi vedete”. Sorrise dolcemente.

Volendo correggerla, aprii la bocca per dire che non ci eravamo mai incontrati prima, ma l'uomo che mi teneva in braccio mi precedette.

“Stavamo cercando i nostri posti. Saremo fuori dai piedi in un secondo”. La sua voce era morbida e rassicurante.

La donna annuì.

Feci per allontanarmi, non vedendo l'ora di sfuggire alla situazione imbarazzante, ma l'uomo si limitò a stringere la presa su di me.

Si chinò e mi sussurrò all'orecchio: “Non così in fretta… Non te ne andrai così facilmente”.

Poi guardò il verme che sarebbe stato seduto accanto a me durante il volo. “Spostati”, gli disse.

Il signor Viscido rimase seduto lì e ci guardò per un secondo, probabilmente ancora elaborando l'intero incontro che aveva appena avuto luogo. Mi metteva molto a disagio pensare che ci stesse guardando.

“Cosa?” chiese.

“Spostati”, ripeté l'uomo di bell'aspetto. “Sono seduto lì”.

“Come? Non mi sposto. Questo è il mio posto”.

L'uomo che mi teneva in braccio ringhiò a bassa voce. “Ecco, prenda il mio”. Passò al signor Viscido il suo biglietto. “È in prima classe”, disse, guardando l'uomo che fissò il biglietto con un sopracciglio alzato.

“Ora muoviti”, disse lentamente, quasi minacciosamente, come se volesse sfidare l'uomo a mettere di nuovo in discussione i suoi ordini.

Il verme ci guardò ancora una volta prima di alzarsi e prendere rapidamente la sua valigia, passando davanti a noi in fretta e furia senza guardarci negli occhi. Lo guardai, sbalordita.

Che diavolo è appena successo? Si sta rivelando una giornata strana.

“Vai avanti, bellezza”, disse il mio nuovo, misterioso vicino, spingendomi delicatamente verso il sedile della finestra mentre mi seguiva da vicino.

Mi sedetti e lo guardai sedersi accanto a me. Non ero sicura di cosa dire, ancora un po' scioccata e imbarazzata per quello che era appena successo.

“Uhm, scusa per prima,” mormorai, infilandomi una ciocca di capelli dietro l'orecchio e abbassando lo sguardo. Volevo piacere a questo ragazzo. “Raramente vado in giro a toccare gli sconosciuti in quel modo, lo giuro”.

Ridetti nervosamente. Prima che rispondesse, mi schiarii la gola.

“Allora… perché hai rinunciato al tuo biglietto di prima classe per sederti qui dietro?”

Improvvisamente una mano mi prese il mento e mi fece girare la testa. I miei occhi incontrarono i suoi, e la sua mano si mosse per accarezzarmi la guancia.

“Perché volevo stare vicino a te”, disse in maniera sensuale.

Fece scorrere il pollice sul mio zigomo mentre esaminava ogni centimetro del mio viso.

“Wow, come ho fatto a essere così fortunato?”

Mi allontanai da lui, senza sapere come rispondere. Devo aver sentito male.

“Scusa, cosa hai detto?”

Sorrise e scosse la testa. “Niente. Non preoccuparti, bella”. Si chinò verso di me dall'altra parte. Eravamo molto vicini per essere due estranei.

“Io sono Grayson. Come ti chiami?”

Quasi stordita, dissi: “Belle”.

Il suo sorriso si allargò. “Belle”, disse a sé stesso. “La mia Belle”.

I suoi occhi erano così belli. Non potevo fare a meno di fissarli. “Uh-huh…”, dissi distrattamente.

Lui si lasciò scappare una risata di cuore. Ho detto qualcosa di divertente? “Il nostro legame è forte. Si vede”.

Sono io, o niente di quello che dice ha senso? “Cosa? Il nostro legame?” Chiesi.

Mi scostò una ciocca di capelli dal viso. “Non far preoccupare la tua testolina per questo”.

Mi ripresi di nuovo dallo stordimento in cui sembrava continuare a mettermi quando un bambino dietro di noi emise un forte urlo. Rendendomi conto di quanto fossi vicina all'uomo, Grayson, feci un salto indietro.

Ero riuscita a sentire il suo respiro sul mio viso.

Di nuovo risi nervosamente, poi misi le mani in grembo, cercando di non sembrare imbarazzata, che era come mi sentivo.

Questo tizio probabilmente pensa che io sia una pazza.

“Allora, affari o piacere?” Chiese Grayson.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

BELLE

“Cosa?” Guardai Grayson ancora una volta.

“Stai andando a Parigi per affari o per piacere?”

Oh, giusto. Avevo quasi completamente dimenticato dove mi trovavo. I miei nervi si ripresero quando ricordai che l'aereo sarebbe probabilmente decollato da un momento all'altro.

“Oh, ehm, nessuno dei due, credo. Andrò a trovare mia madre e suo marito”.

Devo aver fatto una smorfia, perché Grayson chiese: “E non sei felice di vedere tua madre e suo marito?”

Scossi la testa.

“No, non da quando ha lasciato me e mio padre malato per scappare a Parigi e sposare il suo ricco amante”, mi sentii dire.

Feci una pausa. Non posso credere di averlo appena detto.

Non avevo detto a nessuno di mia madre e ora avevo appena spifferato tutto a un perfetto sconosciuto.

Lo guardai. La sua espressione era pensierosa.

“Mi dispiace. Non so perché l'ho detto. Ti prometto che non sono la pazza dell'aereo che condivide tutta la storia della sua vita con l'estraneo seduto accanto a lei”.

Grayson mi guardò profondamente negli occhi, quasi come se stesse cercando qualcosa e poi afferrò il bracciolo tra noi e lo sollevò, in modo che non fosse più una barriera. Osservai attentamente i suoi movimenti.

“Ehm… Cosa stai facendo?”

“Shh…”, disse Grayson. Mi afferrò i fianchi, che erano già inclinati verso di lui e mi tirò in modo che le mie ginocchia toccassero le sue.

Le deliziose scintille si susseguirono di nuovo su e giù per il mio corpo, mentre la sua mano trovava la sua strada sotto la mia camicia e sulla mia schiena, dove il suo pollice cominciò a fare dei cerchi rilassanti.

Mi lasciai sfuggire un suono di respiro dal fondo della gola. L'altra mano salì per abbracciare il mio viso.

“Non devi preoccuparti di nulla ora”, sussurrò Grayson. “Mi prenderò cura di te”. Si chinò in modo che le sue labbra toccassero il mio orecchio. “Sei mia”.

Mi inclinai all'indietro per poter vedere i suoi occhi. “Cosa vuoi dire?”

Sorrise. “Voglio dire…” Il suo pollice toccò il mio labbro inferiore e io sussultai.

“Tutto”, mi baciò la palpebra, “di”, mi baciò l'altra palpebra, “te”, la parte superiore del mio naso, “è mio”. Finalmente le sue labbra incontrarono le mie.

I miei occhi si chiusero al suo bacio. La sensazione fu magnifica, come fuochi d'artificio ed esplosioni. Le mie mani si spostarono sulle sue enormi e muscolose spalle e le strinsi.

Mi lasciai sfuggire un gemito morbido.

Lo sentii sorridere contro le mie labbra e mi fermai per un secondo. No, niente sorrisetti. Sorridere significava che avrebbe potuto smettere di baciarmi e non volevo che accadesse.

Senza mai staccare le mie labbra dalle sue, mi alzai sulle mie ginocchia e spinsi il mio petto nel suo, crogiolandomi nelle scintille che arrivavano ovunque i nostri corpi si incontrassero.

Le mie mani salirono nei suoi capelli e avvicinarono il suo viso al mio.

Lui gemette con approvazione.

Improvvisamente mi strinse i fianchi con forza, poi mi sollevò sul suo grembo in modo che le mie ginocchia si mettessero ai suoi lati. Spinsi il mio petto contro il suo e lui approfondì il nostro bacio, immergendo la sua lingua nella mia bocca.

Le sue mani impastarono i miei fianchi e poi scivolarono sotto la mia camicia per afferrarmi la vita, i suoi pollici toccarono il ferretto del mio reggiseno.

Oh mio Dio, sta iniziando a fare caldo qui dentro?

Qualcuno si schiarì la gola accanto a noi e fu come se avesse acceso un interruttore nel mio cervello: improvvisamente capii cosa stavamo facendo.

Sussultai, ma Grayson strinse la sua presa, tenendomi saldamente in grembo.

Guardai l'assistente di volo che era in piedi accanto a noi.

“Mi dispiace, signorina, ma devo chiederle di tornare al suo posto e di indossare la cintura di sicurezza. L'aereo sta per decollare”.

Feci un rapido cenno con la testa, sentendo il mio viso diventare rosso vivo. Mi affannai a scendere dal grembo di Grayson e, fortunatamente, lui mi lasciò andare. Mi sedetti al mio posto e allacciai rapidamente la cintura di sicurezza.

L'assistente di volo guardò Grayson mentre si allacciava anche la sua, poi annuì e si allontanò.

Oh mio Dio. Oh, mio Dio. Oh mio Dio.

Mi misi le mani sul viso per raffreddare le guance in fiamme.

Non posso credere di averlo appena fatto. Cosa c'è di sbagliato in me?

Ero così imbarazzata che non riuscivo nemmeno a guardare Grayson. Ero strisciata sul suo grembo e premevo contro di lui come una prostituta che lo implorava di entrare nelle sue mutandine.

“Ehi, ehi, ehi”, sentii Grayson dire. “Cosa c'è che non va?” Mi toccò il braccio.

Io scostai il braccio, ignorando quanto volessi che lui tenesse le mani su di me.

“Non toccarmi”, scattai.

Grayson emise un ringhio sorprendente dal fondo della gola. Lo guardai e vidi un'espressione intensa sul suo viso.

La sua mascella era serrata e il suo respiro era profondo, il suo petto si alzava e si abbassava rapidamente. E, oh sì, i suoi occhi erano neri come la pece. Le pupille, le iridi e il bianco dei suoi occhi erano tutti neri.

Sussultai e andai all'indietro fino a quando la mia schiena colpì il muro dietro di me.

“Oh, mio Dio. I tuoi occhi”.

I suoi occhi si allargarono e poi si chiusero di scatto. Fece un respiro profondo e quando i suoi occhi si riaprirono erano tornati normali.

Stavo impazzendo. Era l'unica spiegazione logica. La morte di mio padre e la paura di rivedere mia madre mi stavano finalmente dando alla testa.

“Mi dispiace”, disse. “È solo che… non puoi dirmi di non toccarti”.

Il mio cuore iniziò a battere più velocemente. Forse era lui il pazzo. “Cosa vuoi dire?”

Si chinò in avanti, uno sguardo intenso nei suoi occhi.

“Oh, piccola, l'hai già dimenticato?” La sua mano afferrò il mio ginocchio e si strofinò su e giù per la mia gamba.

“Sei mia, ricordi?”

Il mio sangue ribolliva. Era la terza volta che mi chiamava sua proprietà. Chi si credeva di essere questo tizio?

Certo, era bello. Mi ero buttata su di lui ed ero estremamente attratta da lui, ma questo non significava che gli appartenessi. Io ero di me stessa. Non appartenevo a nessuno.

Soprattutto non appartenevo a un uomo che avevo appena incontrato e che non conosceva i limiti personali.

Aprii la bocca per dirgliene quattro, ma mi fermai quando sentii l'aereo muoversi improvvisamente.

Dovevo essermi persa completamente la parte in cui mi spiegavano dove erano tutte le uscite e come allacciare la cintura di sicurezza.

Probabilmente è stato meglio così: mi avrebbe solo resa più nervosa.

Mentre l'aereo prendeva velocità, il mio cuore batteva forte contro le mie costole e le mie mani cominciarono a tremare. Afferrai la mano di Grayson che era ancora attaccata alla mia gamba e chiusi gli occhi.

Provai a fare dei respiri profondi per calmarmi, ma uscirono più che altro dei rapidi ansimi.

Oh mio Dio… Sto iperventilando?

“Belle”, sentii Grayson dire. “Belle, piccola, cosa c'è che non va?” Sentii la sua mano avvicinarsi per afferrarmi la spalla.

Scossi freneticamente la testa, incapace di trovare la voce. Avevo paura che se avessi parlato, avrei pianto.

“Belle”, mi disse la voce di Grayson. Questa volta uscì più calma.

“Guardami, Belle. Ho bisogno che tu mi guardi, bellissima. Fammi vedere quei bellissimi occhi blu”.

Scossi di nuovo la testa. L'aereo saltò mentre si sollevava da terra. Mi lasciai sfuggire un gemito e mi spinsi ulteriormente contro il muro.

“Belle, giuro su Dio che se non mi guardi, ti bacerò di nuovo e chissà dove finiremo…”

L'ha davvero detto? Stavo praticamente per avere un attacco di cuore e lui minacciava di baciarmi?

Aprii gli occhi. La faccia di Grayson era a circa un metro dalla mia. Lui sorrise.

“Ecco quei bellissimi occhi”.

Il mio respiro rallentò un po'. Era così incredibilmente bello. Come poteva qualcuno essere così bello?

E affascinante, e dolce, e confortante, e un baciatore così incredibile…

L'aereo improvvisamente tremò di nuovo, questa volta più forte e la maggior parte dei passeggeri sussultò.

La voce del pilota arrivò dagli altoparlanti della cabina per scusarsi della turbolenza, dicendo che il tempo sembrava peggio di quanto ci si aspettasse.

Guardai fuori dal finestrino e vidi che pioveva a dirotto e il cielo era pieno di lampi.

“Oh mio Dio, è così che morirò”, dissi. Tutto il mio corpo stava tremando.

L'aereo tremò di nuovo nello stesso momento in cui un fragoroso rombo di tuono si sentì da fuori. Mi lasciai sfuggire un urlo terrorizzato mentre le lacrime cominciarono a sgorgare dai miei occhi.

“Belle, piccola, vieni qui”, disse Grayson in tono agitato. Lo guardai e vidi che allungava il braccio, incoraggiandomi ad appoggiarmi a lui.

“Cosa?” Chiesi tremando. “N-n-no!”

Qualcosa afferrò la mia mano. Abbassai lo sguardo e vidi che stavo tenendo la sua mano con entrambe le mie. La lasciai andare velocemente e lo spinsi via da me.

Perché sono così con questo tizio?

Si passò una mano tra i capelli mentre mi guardava nel panico. Sembrava addolorato. “Per favore, Belle, lascia che ti aiuti”.

Mi aggrappai al muro dietro di me, sperando che stabilizzasse il mio corpo tremante. “Come?”

Prima che potessi avere una risposta, l'aereo fu scosso da un fragoroso tuono e da un fulmine luminoso che giurai dovesse averci colpito. La gente urlava mentre le valigie cadevano dagli scompartimenti in alto.

Io urlai a squarciagola e mi coprii la faccia con le mani.

“Oh, mio Dio. Oh, mio Dio. Oh mio Dio”, singhiozzai. Il mio peggior incubo.

“Belle”, disse Grayson. La sua voce era più chiara di prima e improvvisamente tutti gli altri rumori svanirono. “Guardami”.

Come se fossi sotto il suo controllo, tolsi le mani dal viso e guardai Grayson. I suoi occhi erano di nuovo neri.

Ma questa volta non era spaventoso. Questa volta era quasi confortante.

“Vieni qui”, disse lentamente.

Feci un cenno con la testa e praticamente mi tuffai nel suo petto, spingendomi fin dove la cintura di sicurezza mi avrebbe permesso. Avvolsi le braccia intorno al suo busto e strinsi la sua camicia nei miei pugni.

Anche lui avvolse le braccia intorno a me, sollevando la mia camicia in modo che la sua pelle nuda toccasse la mia schiena e il mio stomaco.

“Cosa stai facendo?” Chiesi, rabbrividendo per la sensazione della sua pelle contro la mia e per le deliziose scintille che viaggiavano lungo la mia spina dorsale ancora una volta.

Lo sentii annusare i miei capelli. “Mi dispiace, so che deve essere strano per te. È solo che più contatto pelle a pelle abbiamo, più ti sentirai calma”.

Tolsi le mie braccia da intorno a lui e, per un momento, mi sentii delusa. Ma poi si sollevò la camicia e mise di nuovo le mie braccia al posto di prima.

Potevo sentire i suoi addominali…

“Vedi? Meglio, vero? Toccarmi aiuta”. Sentii che mi baciava la sommità della testa.

Aveva ragione. Sentivo il mio battito cardiaco rallentare e i miei nervi iniziare a calmarsi. “Come sta succedendo?” Chiesi. Ero così oltremodo confusa.

Che cosa sta succedendo?

Prima che potesse rispondere, ci fu un altro scoppio di tuono. Piagnucolai e spinsi la mia faccia nel suo petto il più possibile.

Le sue braccia si strinsero intorno a me e le sue mani mi massaggiarono la schiena.

“Shh, piccola. Rilassati per me…”, sussurrò con la sua bocca, toccando il mio orecchio. Sentii le mie spalle rilasciare lentamente la loro tensione. La sua voce era così dolce, così confortante, era come se avesse poteri magici.

Avrei fatto qualsiasi cosa mi avesse detto di fare, purché potessi continuare a sentire la sua voce.

“Ecco fatto. Questo è quello che mi piace vedere”.

Altri tuoni scossero l'aereo. Spinsi la faccia più a fondo nel suo petto e ansimai.

“Nuh-uh”, disse lui. “Brutto questo”. Le sue labbra si premettero al mio orecchio, dandomi un bacio.

“Presta attenzione alla mia voce. Tutto quello che puoi sentire è la mia voce, piccola”. Tracciò dei baci lungo il mio collo.

Aveva ragione. Ancora una volta, gli altri rumori svanirono. I bambini che piangono, i passeggeri che urlano, il rombo del tuono, la pioggia battente: tutto il resto diventò silenzioso.

Tutto ciò che rimaneva eravamo io e lui.

“L'unica cosa che puoi sentire è la mia voce. Vero?”

Annuii con la testa.

“Bene. Ora, rallenta il tuo respiro”.

Il mio respiro passò da rapido e affannoso a lento e profondo.

“Brava ragazza”. Le sue labbra continuarono a muoversi lungo il mio collo. “Non avere paura. Ci sono io con te. Mi prenderò cura di te”.

I suoi baci erano come una magia. La sua voce era come una magia. Tutto in lui era magico. Non ero più su un aereo. Non ero più da nessuna parte.

Eravamo solo io e Grayson, le sue braccia intorno a me, le sue labbra sulla mia pelle. Ero calma.

E poi le sue labbra trovarono un punto sul mio collo che fece viaggiare il fuoco in tutto il mio corpo. Sussultai.

Grayson sorrise contro la mia pelle. “Hmm…” Cominciò a succhiare quel punto, la sua lingua scorreva sulla mia pelle, lasciando formicolii che arrivavano fino alle dita dei piedi.

Le sue dita scavarono nella mia vita e sentii qualcosa costruirsi dentro di me, una sensazione che non provavo da molto tempo.

Tutto il mio corpo rabbrividì e inclinai la testa di lato per dargli un migliore accesso. La sua risata profonda vibrò attraverso il mio corpo.

“Hmm… Ti piace, vero?” sussurrò contro la mia pelle.

Non riuscivo nemmeno a rispondere. Mi sembrava di essere sotto l'effetto di droghe. Tutto si muoveva così lentamente.

Lasciai uscire un respiro profondo che suonò più come un lamento, perché aveva smesso di baciarmi. Non sapevo esattamente cosa volessi, ma avevo bisogno di qualcosa di più, qualcosa che sapevo che Grayson poteva darmi.

Inclinai la testa ancora un po', sperando che continuasse a baciarmi.

Lui sospirò. “Lo so, bellissima, lo so. Ma non qui. Non ora”. Mi diede un altro bacetto. “Ma ti prometto che ti farò mia. Presto”.

Non capii cosa volesse dire. Così mi avvicinai a lui, respirando il suo profumo paradisiaco. Che tipo di colonia usa?

“Proprio così”, disse. “Io sono qui e tu sei al sicuro. Non ti succederà mai più niente di male. Insieme creeremo una vita meravigliosa. Non ti lascerò mai andare”.

Cosa ha appena detto?

“Ma per ora”, disse, “hai bisogno di riposare”.

Alzai lo sguardo verso di lui. I suoi occhi erano ancora neri.

“Dormi”.

E il mio mondo si oscurò.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

L’ultima speranza

Lake aveva un piano perfetto. Trovare il suo compagno, sistemarsi e costruire una famiglia. Ma quando il suo compagno la rifiuta per un’altra, il piano di Lake va in frantumi… E così il suo cuore.

Può mantenere la fede che la Dea abbia qualcos’altro in serbo per lei? Potrebbe essere anche meglio di quello che aveva pianificato.

Età: 16+

La compagna mezzosangue dell’alfa

AsaLynn è la figlia dell’alfa del Branco dell’albero perfetto e ha ormai 199 anni. È quasi impensabile che un discendente della linea Alfa non trovi un compagno prima di compiere 200 anni, ma AsaLynn è a 6 settimane dal suo compleanno e non l’ha ancora trovato. Così suo padre decide di mandarla in Australia per partecipare alla grande cerimonia di accoppiamento stabilita dal re Alfa Leviathan. Lui è stato uno dei primi immortali e anche il primo a essere trasformato in lupo mannaro dalla Dea della Luna, ma, proprio come AsaLynn, neanche lui ha mai trovato una compagna…

Età: 18+

La regina dei licantropi

La diciannovenne lupa mannara Aarya non si era mai considerata un’inguaribile romantica, fino a quando non venne lasciata dal ragazzo di cui era innamorata per una nuova compagna. Con il cuore appena spezzato, partecipa con riluttanza al Ballo dei Licantropi, dove incontra il re, Dimitri Adonis, e la loro connessione si dimostra istantanea. Da quel momento, la focosa coppia deve navigare nel pericoloso mondo degli intrighi imperiali, affrontando allo stesso tempo ex amanti respinti, subalterni gelosi e altro ancora.

Età: 18+

Touch

Emily non fa sesso ormai da un anno. E la sua ultima relazione? Quasi non se la ricorda, è stata troppo tempo prima. Questo vuol dire però che si merita qualche avventura! E presto incontrerà quello che le farà ardere il cuore.

Età: 18+

Rischia

Kara è la tipica ragazza dell’ultimo anno di liceo, non è popolare, ma non è nemmeno un’emarginata. Ha un ragazzo, Adam… finché non lo becca mentre la sta tradendo. Ora lei vuole dimenticarsene, ma lui continua a comparire ovunque. Finché, a una festa, lui inizia a diventare violento. Sfortunatamente per lui, è la festa di Jason Kade. Dopo aver fatto il culo ad Adam, Jason mette gli occhi su Kara e non gli piace la parola no. Ora Kara e Jason sono coinvolti in un gioco in stile gatto e topo, ma chi è chi?

Età: 18+

L’inseguimento di Kiarra

Kiarra scappa sempre dai suoi problemi, dai suoi sentimenti, da sé stessa. Poi si ritrova direttamente tra le braccia del misterioso e sexy Aidan Gold. Kiarra non è sicura se vuole strappargli la testa o lasciare che lui le strappi i vestiti di dosso.

In ogni caso, Kiarra impara presto che Aidan ha un grande, brutto segreto e tira fuori gli artigli.

Età: 18+

Gideon

Gideon, 200 anni, consigliere della famiglia reale dei licantropi, è alla ricerca della sua erasthai da più tempo di quanto la maggior parte degli esseri umani è in vita. Ha rinunciato da molto, ma questa notte sente un odore paradisiaco… Inseguendolo fino al suo letto, scopre che qualcuno si trova già lì…

La ventiduenne Layla, umana in una famiglia di lupi mannari, ha cercato l’indipendenza per tutta la sua vita. Ma dopo aver scambiato il turno con un collega malato, si ritrova in una casa dall’odore buono abbastanza da farla strisciare nel letto del proprietario… nuda…

Età: 18+

Omega

La vita di Alice scorre piuttosto noiosa: va al liceo, guarda Gossip Girl con la sua migliore amica Sam e ha un lavoro part-time in una tavola calda. Non le succede mai niente di eccitante, fino alla fatidica sera in cui, uscita a gettare la spazzatura fuori dal luogo di lavoro, viene improvvisamente morsa da un lupo.

Al risveglio, avvenuto la mattina successiva, Alice nota con sorpresa come il morso sia già completamente guarito e lei si sente anzi meglio che mai e piena di energia. Il problema è che non è l’unica ad aver notato questi miglioramenti… Il malvagio Ryder e la sua banda sono improvvisamente molto interessati a lei, ma per quale motivo?

Età: 16+