logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Colt

Summer sarà anche sposata con un bell’uomo d’affari, ma lei sa cose sul suo carattere che gli altri non sanno. Quando suo fratello scopre cosa sta passando, vuole farla proteggere dal club dei motociclisti. Solo che Summer non vuole averci niente a che fare… finché non incontra il Diavolo e si rende conto che non c’è niente di meglio di un cattivo ragazzo per farle battere il cuore.

Età: 18+

 

Colt di Simone Elise è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Trama

Summer sarà anche sposata con un bell'uomo d'affari, ma lei sa cose sul suo carattere che gli altri non sanno. Quando suo fratello scopre cosa sta passando, vuole farla proteggere dal club dei motociclisti. Solo che Summer non vuole averci niente a che fare… finché non incontra il Diavolo e si rende conto che non c'è niente di meglio di un cattivo ragazzo per farle battere il cuore.

Età: 18+

Autore originale: Simone Elise

Summer
Elliot mi ucciderà
Scorp
Occupato. ci sentiamo dopo?
Summer
Sono seria, Scorp
Summer
Cosa stai dicendo
Summer
Sto dicendo che non sono stata onesta con te
Scorp
Ti sta mettendo le mani addosso?!
Scorp
Quel bastardo
Summer
Scusa se non te l'ho detto
Summer
Ma stasera è peggiorato
Summer
Mi ha colpita così forte che sono svenuta
Summer
Mi sono svegliata circa 10 minuti fa
Summer
Ora mi sto nascondendo in bagno
Scorp
Arrivo
Summer
No!
Summer
Non puoi venire qui quando è ubriaco!
Summer
Ci ucciderà entrambi!
Scorp
Mi piacerebbe vederlo provare
Scorp
Dov'è adesso?
Summer
Al piano di sotto, credo.
Summer
Gli piace prendermi in giro
Summer
Verrà a cercarmi da un momento all'altro
Summer
Ho paura
Scorp
Andrà tutto bene
Scorp
Puoi uscire dalla finestra?
Summer
No, sono al secondo piano
Scorp
C'è qualcosa lì dentro che puoi usare come arma?
Scorp
Summer???
Summer
Mi ha trovata!
Summer
C'è un'ombra sotto la porta
Summer
Sta impazzendo!!!
Summer
E sento un rumore di graffi
Scorp
Cosa intendi per graffi?
Summer
Come se stesse trascinando qualcosa sulla porta…
Summer
Penso che sia il suo coltello da caccia
Summer
Scorp, ho tanta paura
Scorp
Arrivo presto sorellina
Scorp
Quella merda non ti toccherà mai più
Summer
Aspetta…
Summer
Le urla si sono fermate
Summer
La sua ombra è sparita
Scorp
Avvicina l'orecchio alla porta
Scorp
Senti qualcosa?
Summer
Passi…
Summer
Sta tornando di sotto
Summer
Sto per scappare
Scorp
NO!!!
Scorp
Ora che sa dove sei non puoi lasciare il bagno
Summer
Cercherò di raggiungere la finestra della camera da letto
Summer
Posso usare l'albero per scendere
Scorp
Aspetta che ci arrivi
Summer
Devo provare
Summer
Mi ucciderà
Scorp
RESTA DOVE SEI!!!
Scorp
Summer
Scorp
SUMMER?!
Scorp
RISPONDI!!!

Immagina di incontrare il ragazzo perfetto. Ha successo ed è bello. Lui ti invita a cena, ti fa bere e fate del sesso sconvolgente.

Naturalmente, vi innamorate. Vi sposate in fretta e furia, poi lui ti colpisce e ti rendi conto che il tuo uomo perfetto ha sempre indossato una maschera.

Scopri che a volte la felicità del momento può essere meglio di un “per sempre felici e contenti”. Che a volte i castelli possono essere delle prigioni e che i cavalieri dall'armatura scintillante vanno in moto, non a cavallo.

Preparati a iniziare la corsa!

QUALCHE SETTIMANA PRIMA…

Summer

Voti, anelli e cose costose: è così che inizia un matrimonio. Con la promessa di amarsi per sempre, anelli per suggellare l'impegno e poi, nel mio caso, le cose costose hanno iniziato ad arrivare ogni volta che queste promesse venivano infrante.

Da tacchi firmati e gioielli squisiti alle vacanze di lusso; tutto mi ha portato a credere che ogni cicatrice potesse essere guarita con un regalo.

Fino a ieri sera. Ho promesso di amarlo nel bene e nel male e il male non dura per sempre.

O, almeno, questo era quello che continuavo a ripetermi, che doveva migliorare. Ecco perché si dice nel bene e nel male, ma ieri sera la maschera che mio marito indossava così bene è caduta completamente ed è diventato chiaro che avevo bisogno di andarmene da qui. Non potevo più restare.

Amavo mio marito, ma la possibilità di avere un futuro insieme non era più realistica.

Correndo nella cabina armadio, saltai su, afferrai la cinghia della valigia, la tirai giù e la aprii al centro del pavimento.

Aprendo un cassetto, afferrai il passaporto e poi una mazzetta di soldi da un altro. Li gettai dentro. Poi svuotai un cassetto di gioielli nella valigia.

Pensare che l'anno scorso a quest'ora stavamo andando in luna di miele e non potevo immaginare la mia vita senza quest'uomo… Lentamente, le ragioni per cui avrei dovuto lasciarlo avevano cominciato a sommarsi.

Quello che era iniziato come uno scoppio occasionale di abuso verbale o un piccolo spintone… si era evoluto in questo.

Mio marito mi aveva colpita. Mi ha dato un pugno in faccia. Per la prima volta aveva superato il punto di non ritorno.

Sapevo che era l'alcol. La sua dipendenza era il mostro, non Elliot. E lui stava combattendo, motivo per cui ero rimasta.

Ho continuato a credere di poterlo far tornare l'uomo di cui mi ero innamorata. Che sarebbe migliorato. Che aveva a che fare con un demone e non era il male puro.

Si arriva a un punto in cui devi chiederti: c'è una ragione per rimanere? Dopo quel primo colpo, sapevo che non c'era più.

Avevo fatto tutto quello che potevo. L'unica opzione che mi rimaneva era quella di andarmene.

Così, anche con le lacrime che mi scorrevano sul viso, metà per lo strazio e metà per la paura di essere scoperta, feci i bagagli.

Chiusi la valigia, la trascinai fuori dall'armadio e attraverso il corridoio e mi precipitai giù per le scale.

Chiavi. Chiavi. Chiavi. Dove diavolo ho lasciato le mie chiavi?

Perché diavolo non potevo rimetterle al loro posto?

Il nostro garage era un labirinto di auto e avevo logicamente perso le chiavi dell'unica auto con la quale sarei potuta uscire.

Alla fine, le trovai sopra uno dei miei sketchpad.

Presi la mia borsa, mi diressi verso il garage e sbloccai la macchina.

Poi, sentii la ghiaia scoppiare e scricchiolare mentre una macchina stava arrivando nel vialetto.

Mi bloccai, con la valigia a metà strada nel bagagliaio.

Cazzo.

Era tornato.

Che diavolo ci faceva a casa? Pensavo di avere più tempo!

La paura che mi stringeva i nervi e le ginocchia mi catturò, quando la porta del garage si aprì per rivelare la sua elegante macchina sportiva a pochi metri davanti alla mia.

Cazzo! Non potevo uscire ora anche se avessi voluto.

Spensi il motore.

Deglutii bruscamente, guardandolo uscire dall'auto, i suoi occhi passarono dal bagagliaio aperto e dalla valigia a me.

Sapevo che eravamo solo io e lui in questa prigione chiamata villa. Nessuno mi avrebbe sentita urlare, nessuno mi avrebbe sentita piagnucolare e nessuno avrebbe sentito le conseguenze delle mie azioni di stasera.

“C'è qualcosa che vuoi dirmi, Summer?”

“Me ne vado, Elliot. Dopo la scorsa notte…” Le mie parole si interruppero. “Ho chiuso”.

Era davvero semplice. Lui ti colpisce, tu te ne vai. Avrei dovuto capirlo dagli spintoni e dalle urla. Ma avevo voluto credere in lui. Ora?

No. Non potevo affrontare un'altra notte come quella passata.

“Summer, per favore non farlo. So che sono stati dei mesi difficili. Mi dispiace, non volevo. Diavolo, farò tutto quello che serve. Troverò uno sponsor per gli alcolisti anonimi adesso”. Tirò fuori il telefono.

Il mio stomaco si aggrovigliò. Sapevo che quella era una mossa enorme, specialmente se la cosa fosse venuta fuori in pubblico.

“Sai cosa succede quando bevo. Sei stata tu a porgermi il bicchiere per celebrare il nostro primo anno con un brindisi”. Le sue parole erano sincere e sapevo – o almeno speravo di credere – che in fondo non diceva sul serio e che fosse l'alcool. Aveva anche ragione: gli avevo passato io il bicchiere di champagne.

“Dai, Summer, ho bisogno di te, quindi per favore aiutami a superare tutto questo. Affronteremo tutto insieme e poi potremo tornare a come eravamo. Tu, io, noi. Rimettiamo in moto il nostro matrimonio. Sai che ti amo”.

Mi stava supplicando, implorando, e sapevo che c'era solo una condizione che mi avrebbe fatto restare.

“Resterò solo se ti farai aiutare”.

“Fatto”. Fu veloce ad acconsentire. “Ti ricordi la nostra luna di miele? La prima notte, stavi sorseggiando una sangria e cantando stonata alla band. Abbiamo fatto l'amore sulla spiaggia, sotto le stelle. Ricordo ogni dettaglio. È stata la notte più bella della mia vita, perché finalmente ho potuto chiamarti mia. Quella è stata la notte in cui abbiamo iniziato la nostra vita insieme”.

Chiuse gli occhi assieme a me. “Ricordi il giorno dopo, quando eravamo in quel mercato affollato e ti sei innamorata di quella collana, quella che indossi ora, e che non volevi prendere perché pensavi fosse troppo costosa?

La sua voce era calma, sicura e priva di aggressività. La sua espressione… era completamente pacifica e questo mi confuse. “E ti ho detto che non avresti mai più voluto niente? Eravamo così felici, Summer. Farò qualsiasi cosa per tornare a esserlo”.

Fece casualmente un passo verso di me e la mia reazione immediata fu quella di fare un passo indietro da lui.

Le emozioni erano sopraffatte e non potevo fermare le lacrime che mi salivano agli occhi.

Le mie lacrime gli fecero rompere la distanza tra noi e prima che me ne accorgessi, stava prendendo la mia mano con cautela.

Fu una reazione automatica quella di trasalire e vidi la vergogna attraversare il suo viso alla mia reazione.

Diede un bacio dolcissimo al mio polso e fu sufficiente per offuscare il mio giudizio per un momento.

“Vieni, amore mio”, disse Elliot, prendendo la mia borsa nel bagagliaio. “Andiamo dentro”.

E proprio così… tornai dall'uomo che per mesi mi aveva urlato contro, spinta e, infine, ieri sera, picchiata.

Perché era mio marito.

Perché lo amavo ancora.

Perché non sapevo ancora cosa Elliot stesse per diventare…

Scorp
Ho bisogno di un favore Summer Breeze
Scorp
So che è passato molto tempo
Scorp
Ma ho appena ricevuto una notizia pazzesca
Scorp
[attachment: [email protected]]
Summer
Cioè?
Scorp
Il presidente del mio club di motociclisti
Summer
Ti ho detto che non voglio avere niente a che fare con il tuo club
Scorp
Ascoltami
Scorp
È stato nel braccio della morte per 13 anni
Scorp
Ora lo stanno per rilasciare
Summer
Quello che ha guidato il massacro tanti anni fa?
Scorp
È lui.
Scorp
Dicono che le prove sono state manomesse
Summer
Cosa vuoi?
Scorp
C'è la possibilità che succeda qualcosa di grosso.
Scorp
Un sacco di gente non rivuole il Diavolo
Scorp
Io starò con lui
Summer
Perché mettersi in pericolo così?
Scorp
Glielo devo
Summer
Di che diavolo stai parlando?
Scorp
X favore Summer
Scorp
Promettimi una cosa
Scorp
Se non hai mie notizie entro 24 ore
Scorp
Vai a casa mia
Scorp
C'è una cassaforte sotto il mio letto con il mio testamento
Summer
Non farlo Scorp
Scorp
So che ti prenderai cura di te
Scorp
Assicurati di prenderti cura anche della mia bambina
Scorp
Ciao Summer

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

Summer

Mio fratello era un uomo forte. Era orgoglioso di mantenere sempre la parola data e della sua capacità di mettere al tappeto un uomo con un solo pugno. Non era qualcuno con cui si poteva scherzare. Quando le cose ti buttano giù, ti rialzi più forte.

Questo era il suo atteggiamento e l'atteggiamento con cui sono stata cresciuta. Non avevamo un dollaro in tasca, ma avevamo la nostra parola e la capacità di difenderla.

È stato un vero pilastro, che si è preso cura di me da quando avevo otto anni. Ma, non appena ne ho compiuti diciotto, è tornato all'unica vita che conosceva: quella del club.

Gli aveva voltato le spalle per crescermi e, non appena siamo atterrati in questo paese e sono stata considerata abbastanza grande per badare a me stessa, è tornato al Motorcycle Club dei Vipers.

Non è che mi abbia abbandonata per il club. No, sono stata io a tracciare la linea.

Gli ho detto: o il club o me.

Inutile dire che ora ci parlavamo a malapena. Ha scelto una vita da criminale invece di me e questo mi faceva ancora venire acidità di stomaco. Dopo tutto quello che il club gli ha fatto, è tornato lì, cazzo.

Questo è il problema dei motociclisti: sono più fedeli agli estranei che indossano la stessa toppa che al loro stesso sangue.

Dopo il messaggio di Scorp questa mattina presto, ho provato a chiamarlo e a pregarlo di riconsiderare di schierarsi con il Diavolo. Avevo un vago ricordo di Colt Hudson da quando ero giovane, ma, basandomi sui recenti articoli sul suo rilascio, schierarmi con lui avrebbe portato a morte certa.

Ogni mia chiamata è andata direttamente alla segreteria telefonica, quindi non ho avuto altra scelta che saltare fuori dal letto e fare visita a mio fratello per un incontro faccia a faccia.

Quando mi sono fermata fuori dalla casa di Scorp, stava piovendo a dirotto. Ho abbassato lo specchietto, controllando lo spesso strato di fondotinta che avevo applicato prima di uscire di casa. Non potevo sopportare il pensiero della faccia delusa di mio fratello se avesse visto il livido fresco, il mio primo, né il pensiero di cosa avrebbe potuto fare a Elliot se lo avesse visto.

Assicurandomi che la mia carnagione fosse impeccabile, presi la borsa dal sedile del passeggero, aprii la porta dell'auto e corsi attraverso l'acquazzone verso la veranda di Scorp.

Bussai alla porta d'ingresso di Scorp, suonando il campanello senza sosta, ma non ci fu risposta. Mi abbassai e sollevai lo zerbino, pregando che Scorp ci nascondesse ancora una chiave extra. Che sollievo quando i miei occhi la videro.

Aprendo la porta, entrai nell'aria stantia e calda della casa buia. C'era odore di erba, di uomo e di casa. Eravamo cresciuti in questa casa fino ai miei otto anni. Scorp vi aveva sempre avuto uno strano attaccamento.

“Scorp?”

Il mio cuore ebbe un tonfo quando nessuno rispose. Ero arrivata troppo tardi. La mia paura per la sua vita salì di una tacca. Non era da lui dubitare di se stesso come aveva fatto in quei messaggi.

Fu allora che lo vidi. Nel buio del soggiorno, un tizzone incandescente di una sigaretta accesa. Una figura incappucciata sedeva lì. Alta, scura, minacciosa. Gocciolava a causa della tempesta che c'era fuori. Mi fissava.

“Dov'è?”, ringhiò l'uomo.

Divenni completamente insensibile, spaventata a morte. Chi era questo straniero? Cosa voleva?

“Dov'è Scorp?”.

“Non credo sia a casa. Io…” Il mio respiro si bloccò quando l'uomo si alzò, tirando indietro il cappuccio e rivelando il suo volto.

Alcuni uomini si può dire che portano guai e, mentre lo guardavo scrollarsi la giacca di pelle, sapevo che i guai erano esattamente ciò che stavo guardando.

Ciocche bagnate di capelli scuri cadevano davanti agli occhi blu intenso e fumoso. Delle cicatrici pallide gli ricoprono il dorso delle grandi mani. I tatuaggi segnavano le sue braccia nude e muscolose e sparivano sotto il colletto del gilet, che era ricamato con un simbolo che avevo visto tatuato sul petto di mio fratello quando avevo sei anni.

Merda, chi diavolo c'era in casa di mio fratello?

I miei occhi sfrecciarono verso la cucina. Cercando qualsiasi arma che potessi trovare.

“Non lo farei, gattina”, ringhiò lui. “Hai visto il mio tatuaggio. Sai di cosa sono capace”.

Motociclisti? Sì, sapevo esattamente di cosa erano capaci.

I suoi occhi correvano anche su di me. Lentamente. Dai miei lunghi capelli gocciolanti, giù fino alle mie gambe sottili e fino ai miei tacchi argentati. Grazie alla pioggia, il vestito era probabilmente trasparente. Non è stato un gentiluomo a riguardo. Non ha distolto lo sguardo. Al contrario, i suoi occhi si sono soffermati a lungo sui miei seni.

Lo guardai prendere una scatola di sigarette umide dalla tasca. Ne tirò fuori una, l'accese e fece un lungo tiro, il tutto mentre continuava a fissarmi. I brividi si diffusero nel mio corpo.

Non ero stupida. Sapevo cosa stava fissando. Era il fatto che non indossavo il reggiseno.

“Devo dire a Scorp che sei passato?” dissi, cercando di ottenere la sua attenzione, e rimasi sorpresa quando mi guardò negli occhi.

“Sei la sua donna o qualcosa del genere?” Le sue parole erano taglienti e brevi. Ho sentito pura e totale frustrazione nel suo tono.

La sua donna. Un tipico motociclista che pensa che tutte le donne rispondano a un uomo. Motociclisti. Il disgusto ha attraversato il mio corpo.

Il club era la ragione per cui io e Scorp avevamo litigato. Odiavo il club. Visto che ero sola in casa con quest'uomo, non era il caso di ammetterlo. Inoltre, se c'era una cosa che uomini come lui rispettavano, era il fatto che una donna considerata proprietà di un altro membro non veniva danneggiata.

“Qualcosa del genere”. Sentivo di aver bisogno della protezione di Scorp in questo momento e se dire che ero la sua donna avrebbe impedito a quest'uomo di guardarmi in quel modo, allora avrei usato il nome di mio fratello, cazzo.

Dopo tutto, Scorp aveva una reputazione incredibile.

“Bene…” Si chinò su di me, usando la sua altezza per intimidirmi.

“Se vuoi rimanere la sua donna, è meglio che tu vada a cambiarti prima che ti tolga quel cosiddetto vestito.

È trasparente, nel caso tu non lo sapessi”.

Con quelle parole, il mio giudizio su di lui era chiaro. Tipico maschio alfa che pensa di avere il diritto di fare una cosa del genere.

Si comportava come se fosse stato in una gabbia e io ero la prima donna che gli era permesso di avere intorno.

Forse dovrei reindirizzare lui e il suo atteggiamento in uno degli strip club di Elliot.

Non riuscii a trattenermi dall'incrociare le braccia e stringere gli occhi su di lui. “Anche la tua camicia, ma non mi sentirai lamentarmi”.

Mi mossi per passargli accanto. Invece di togliersi di mezzo, mi bloccò la strada con il braccio.

“Entrambi sappiamo che non sei proprietà del club”.

Di nuovo, mi sentivo come se avessi bisogno di invocare il club in modo che non mi facesse del male. Gli occhi di quell'uomo avevano la capacità di uccidere.

“Devo la mia vita al club”. Ed era vero. Il club ha fatto uscire me e Scorp dal paese quando ero giovane e lui stava rischiando di fare un lungo periodo in prigione. Come se ne fosse uscito da quei crimini era un segreto che ancora conservava.

“Sposta il braccio”. Mi rifiutai di toccarlo. “Ora”.

“O cosa farai?”, mi sfidò.

Basta! Avevo finito di essere la ragazza che prendeva merda da ogni maschio. Cosa faceva pensare a questo sconosciuto di avere il diritto di interrogarmi in casa di mio fratello?

“Muoviti o ti costringerò”, sgranai gli occhi.

In questo momento era un perfetto esempio di mio fratello che aveva ragione e io torto, perché non stavo portando un'arma come mi aveva sempre detto.

“A giudicare dalla tua reazione, sai chi sono?” Mi guardò.

Sì, sapevo esattamente chi era: era un altro motociclista che pensava di essere meglio di tutti gli altri.

Inclinai la testa, guardandolo, e usai il potere del silenzio per fargli mettere in dubbio la mia prossima mossa.

“Cosa ci fai davvero qui, gattina?” si chiese ad alta voce.

“Non sono affari tuoi”.

“Sei la donna di Scorp, dov'è lui?” tentò di nuovo.

“Non sono la sua donna”. Sgranai le parole per la frustrazione. “Sono sua sorella”.

Non volendo passare un altro minuto con un uomo che vedeva le donne come possedimenti, ho aggiunto, “Che ne dici se gli mando un messaggio?

Con un cenno della testa dell'uomo, tirai fuori il numero di Scorp, sperando che un messaggio su uno sconosciuto in casa sua avrebbe ottenuto la sua attenzione.

Summer
Sai che c'è un uomo in casa tua
Scorp
Cosa?
Summer
Grosso, con una toppa a forma di vipera e molti tatuaggi. ti dice niente?
Scorp
Che ci fai a casa mia?
Summer
Mi hai spaventato a morte!!!
Summer
Cosa ti aspettavi?
Scorp
Vattene
Summer
E lui?
Scorp
Non preoccuparti di lui
Scorp
Torna nella tua bella casa
Summer
Perché parli sempre di casa mia e di Elliot?
Scorp
È quello il tuo posto
Scorp
Vai a casa, Summer
Scorp
Stai al tuo posto

Stai al tuo posto. I miei occhi hanno cominciato a lacrimare e ho cancellato velocemente le lacrime. Non era il momento di piangere.

Dall'espressione contorta dell'uomo, sembrava che non fossi stata abbastanza veloce.

“Stai bene?” Le parole risuonavano strane, come se non le avesse mai dette a nessuno prima.

“La mia ipotesi è che sia alla clubhouse”.

“Vuoi che passi un messaggio a tuo fratello?” Si infilò di nuovo la giacca.

Non riuscii a fermare le mie labbra dall'inasprirsi. “Ha messo in chiaro che è più tuo fratello che mio”.

“Almeno lui sa qual è il suo posto”. Le sue parole mi bloccarono per un attimo. Come diavolo era riuscito a riformulare le stesse parole che mio fratello aveva appena usato con me?

“Vai all'inferno”, sputai. Chi cazzo pensava di essere?

Un sorriso presuntuoso si diffuse sul suo volto. “Ci sono appena uscito”.

Il respiro mi si fermò in gola, mentre i pezzi del puzzle andavano al loro posto. Un fulmine squarciò il cielo, facendomi rizzare i capelli sulla nuca mentre chiedevo: “Aspetta, sei…?”

Un luccichio malvagio illuminò il suo volto. “Colt Hudson. Il Diavolo”.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Jack in the Box

L’infermiera Riley è stata assegnata a uno dei pazienti più famosi del reparto psichiatrico: Jackson Wolfe. E si dà il caso che lui sia sexy da morire, il che è ironico considerando che tutti intorno a lui sembrano morire. Mentre Jackson attira Riley con il suo fascino, lei può capire chi è l’assassino… o è proprio l’uomo di cui si sta innamorando?

Età: 18+

La principessa perduta

Everly ha vissuto nella paura per tutta la sua vita, ma le cose peggiorano ulteriormente quando la sua violenta matrigna la vende come schiava. Costretta a sopravvivere in uno squallido mondo sotterraneo di mostri assetati del suo sangue verginale, Everly sente di non avere speranze, fino a quando non riesce a fuggire al Branco della luna rossa. Lì si trova faccia a faccia con l’affascinante Alfa Logan, il suo compagno predestinato. Ma i suoi vecchi padroni sono sulle sue tracce.

Il suo nuovo branco sarà in grado di sconfiggerli?

Età: 18+

Appuntamento con il rapitore

Talia ha solo diciassette anni quando viene rapita dal boss mafioso Axel. Riesce a fuggire, ma non prima di aver scoperto quanto crudele può essere la vita. Per proteggersi, scappa lontano e cambia identità. In pochi anni diventa una forte donna d’affari che non si guarda mai indietro. Ma poi qualcosa la obbliga a stringere un patto con il diavolo che l’aveva rapita… Ora che l’ha ritrovata, non sarebbe stato facile scappare di nuovo!

Età: 18+

Odiata dal mio compagno

Solo pochi giorni dopo il suo diciottesimo compleanno, Aurora Craton sente l’attrazione del compagno mentre lavora come cameriera a una festa per la leadership del branco. Il suo compagno si rivela essere nientemeno che l’alfa Wolfgang del Branco della luna di sangue. Quando Wolfgang scopre che la sua compagna predestinata è solo una cameriera, non solo si rifiuta di accettarla, ma minaccia addirittura di marchiarla come una ribelle e costringerla ad abbandonare il branco, qualora lei osasse dire a qualcuno di essere la sua compagna. Aurora non ha altra scelta che accettare, per rimanere nel branco, condannata a rimanere sola. Ciononostante, una ragione ci deve essere se la Dea della Luna ha scelto di mettere Aurora e Wolfgang insieme…

Età: 16+

Touch

Emily non fa sesso ormai da un anno. E la sua ultima relazione? Quasi non se la ricorda, è stata troppo tempo prima. Questo vuol dire però che si merita qualche avventura! E presto incontrerà quello che le farà ardere il cuore.

Età: 18+

Sin – I segreti del peccato

Dopo la morte della madre, Marcella Sinclair non può fare a meno di sentirsi un peso per il fratello diciottenne. Quando riceve l’offerta di guadagnare un mucchio di soldi come spogliarellista, decide di accettare. Nessuno deve saperlo… specialmente suo fratello, che è determinato a farla rimanere pura e innocente per il resto della vita.

Età: 18+

Un errore meraviglioso

Dopo che gli amici di Kyla la convincono a riprendersi con un’avventura di una notte dall’ex fidanzato che l’aveva tradita, lei è sicura di aver eliminato l’amore e la lussuria da sé stessa per sempre. Ora può concentrarsi sulla sua carriera di assistente marketing. Ma ancora non sa che il bello sconosciuto che ha appena sconvolto il suo mondo è il suo nuovo capo. Kyla decide di mantenere la loro relazione professionale, ma il suo capo miliardario non si scoraggia facilmente…

Età: 18+

La compagna mezzosangue dell’alfa

AsaLynn è la figlia dell’alfa del Branco dell’albero perfetto e ha ormai 199 anni. È quasi impensabile che un discendente della linea Alfa non trovi un compagno prima di compiere 200 anni, ma AsaLynn è a 6 settimane dal suo compleanno e non l’ha ancora trovato. Così suo padre decide di mandarla in Australia per partecipare alla grande cerimonia di accoppiamento stabilita dal re Alfa Leviathan. Lui è stato uno dei primi immortali e anche il primo a essere trasformato in lupo mannaro dalla Dea della Luna, ma, proprio come AsaLynn, neanche lui ha mai trovato una compagna…

Età: 18+