logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Ava è una cacciatrice di taglie solitaria alla ricerca del motociclista più pericoloso della California del Nord. Ma quando le circostanze la costringono a fare squadra con Bjorn, un grintoso e splendido vichingo dei giorni nostri del Riders of Tyr MC, non può combattere il fuoco che scocca tra loro.

Ava si lascerà prendere dal suo spasimante o tornerà per la sua strada da sola?

Età: 18+

 

Riders of Tyr di Adelina Jaden è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Trama

Ava è una cacciatrice di taglie solitaria alla ricerca del motociclista più pericoloso della California del Nord. Ma quando le circostanze la costringono a fare squadra con Bjorn, un grintoso e splendido vichingo dei giorni nostri del Riders of Tyr MC, non può combattere il fuoco che scocca tra loro. Ava si lascerà prendere dal suo spasimante o tornerà per la sua strada da sola?

Età: 18+

Autrice originale: Adelina Jaden

AVA

Non ho mai saputo cosa fosse l'amore finché non ha cercato di uccidermi.

Sono stata in fuga per così tanto tempo.

Cercando di sfuggire ai miei demoni così tanto che ho dimenticato come sentirmi.

Come vivere.

Poi è entrato nella mia vita e mi ha tenuta sotto tiro.

…e mi ha scopata così tanto che ho rivisto il mondo a colori.

So che non merito una vita, dopo tutto quello che ho fatto.

Ma, per la prima volta dopo tanto tempo, sto iniziando a sperare…

***

QUALCHE GIORNO FA…

Izzy
Ho un nuovo incarico per te.
Ava
Finalmente.
Ava
Quanto?
Izzy
50.000
Ava
Porca puttana.
Ava
Grazie!
Izzy
Vantaggi di essere la mia cacciatrice di taglie preferita
Ava
Chi è questo tizio?
Izzy
Javier Pasado
Izzy
A quanto pare il tizio è il vicepresidente di un'operazione di traffico d'armi chiamata Toltecs
Ava
La banda di motociclisti?
Izzy
Questo sarà pericoloso…
Izzy
Si dice che abbia tutta la polizia della contea di Alameda sul suo libro paga
Izzy
Potresti volere un partner
Ava
Non è il mio stile.
Izzy
Sul serio, Ava. Stai attenta là fuori.
Ava
Lo sono sempre.

Izzy non stava scherzando quando ha detto che questo tipo sarebbe stato pericoloso.

Di solito il mio garante mi trova taglie più basse.

Per stronzi che hanno dimenticato di pagare le loro multe per il parcheggio e hanno deciso di saltare la cauzione.

Difficile che siano soddisfacenti da prendere.

Ma questo?

Sfoglio il link che Izzy ha inviato, reclinando il sedile della Toyota Prius bianca che sto affittando.

Sono parcheggiata di fronte a un'enorme proprietà nel cuore di San Leandro, California. Il posto è impressionante, con i suoi svettanti pilastri bianchi e un prato dritto da Better Homes and Gardens.

Una topiaria geometrica delimita il bordo della proprietà, oltre a un basso muro di mattoni.

Sorprendentemente di buon gusto per un uomo che commercia in armi e narcotici.

Ho già sentito parlare dei Toltec. Chiunque viva nella Bay Area conosce questi ragazzi.

Si sono presentati a San Leandro qualche anno fa.

Un gruppo di tizi su Harley provenienti da Città del Messico, con pistole legate alla schiena e soldi che uscivano dalle loro tasche.

Questo tizio, questo Pasado, non è qualcuno con cui scherzare.

Sarà pesantemente armato. Quasi impossibile da prendere da solo.

E mi serve vivo.

Non ho avuto una vera sfida da allora…

Smetti di pensarci, mi comando.

Smetti di essere debole.

Mi siedo di nuovo, abbassando lo specchio per sistemare le due forcine giapponesi che spuntano dalla mia elegante coda di cavallo nera. Ricordi del mio passato.

La mia pelle è più pallida del solito e i miei occhi verdi sembrano spuntare dal mio cranio.

Di solito faccio la maggior parte del mio lavoro di notte. L'ho sempre fatto.

Oggi è un'eccezione: questo tizio è troppo pericoloso da pedinare dopo il tramonto.

Mentre traccio l'argento lucido della lama della forcina, mi pungo accidentalmente il dito.

Merda.

Una piccola goccia di sangue sgorga dalla punta.

La fisso, persa nei miei pensieri.

Pensando a quanto sangue ho versato con questi coltelli.

Pensando a tutto ciò che hanno visto.

Pensando a lui.

SMETTI DI ESSERE DEBOLE.

Stringo i denti, spingendo i pensieri oscuri fuori dalla mia mente.

Ed è allora che lo vedo.

Javier.

Pasado.

Cazzo.

Accosta la sua Harley alla fine del vialetto, affiancato da un altro motociclista di Toltec ed entrambi smontano.

Pasado non assomiglia affatto alla sua foto segnaletica.

È bello in un modo un po' sporco.

Lineamenti scuri. Alcuni tatuaggi colorati sul collo che spuntano dalla sua giacca di pelle.

Posso dire solo da un'occhiata che questo tizio è un totale pezzo di merda.

Lo guardo camminare lungo il vialetto verso casa sua, seguito dal suo leccapiedi.

Non posso credere a quanto sono fortunata.

Anche se Pasado potrebbe non essere completamente solo, questo è il massimo che otterrò.

Mentre inizio a uscire dalla mia macchina, mi fermo improvvisamente, guardando un ragazzo su una Harley che accosta sul lato della strada davanti a me.

Qualcosa nel mio stomaco mi dice di aspettare.

Guardo un uomo incredibilmente alto scendere dalla moto e il mio respiro si blocca.

Dannazione.

Questo tizio è incredibile!

Indossa stivali neri, jeans neri e una maglietta aderente che aderisce a ogni contorno del suo corpo statuario.

È… impressionante.

Coperto di tatuaggi.

I suoi lunghi capelli scuri sono arruffati in un modo profondamente inebriante.

Oh mio Dio… mi si sono inturgiditi i capezzoli?

Gesù, Ava!

Concentrati!

Quando l'uomo si gira per guardare verso la casa di Pasado, mi abbasso sul mio sedile, intravedendo una barba sexy che si abbina alla criniera indisciplinata.

Merda!

Chi è questo tizio?

So fin troppo bene che quando i miei bersagli sono seguiti, è o dai federali o da una banda rivale.

E lui assolutamente non sembra un agente federale.

L'uomo attraversa cautamente la strada con gli occhi incollati alla casa e noto improvvisamente che c'è qualcosa nella sua mano.

Una scatola nera.

Si avvicina al bordo della proprietà, guardando tra le siepi e oltre il muro per vedere se la via è libera.

Che cosa sta facendo?

Una sensazione di terrore sta lentamente iniziando a formarsi nella bocca dello stomaco.

Pasado emerge dalla casa, con le spalle voltate. Mi giro verso il ragazzo barbuto, guardandolo congelare e deliberare.

E poi corre dalla copertura del muro, si accovaccia sotto le siepi e si avvicina alla moto di Pasado.

Attacca con cura la scatola nera alla ruota posteriore della bici, armeggiando con una specie di meccanismo su di essa.

Cos'è quella cosa?

Sembra una specie di esplosivo fatto in casa.

Ed è allora che mi viene in mente…

Sono fottuta!

Sta cercando di uccidere la mia taglia!

Non oggi.

Mi lancio dalla mia macchina proprio mentre lui si gira per darsi alla fuga.

Non mi importa che questo tizio sembra che possa spezzarmi in due con il suo mignolo.

Non mi importa che mi veda.

Per quanto mi addolori salvare la vita di un pezzo di merda come Pasado, niente si oppone alla mia taglia.

Nemmeno questo uomo sexy in nero…

Prima che io abbia il tempo di elaborare la mia prossima mossa, sto correndo attraverso la strada alla velocità della luce, superando il tizio massiccio con i capelli scuri che ha appena reso la mia giornata mille volte più difficile.

Si irrigidisce quando mi vede, i suoi occhi si allargano di sorpresa mentre passo.

E poi la sua mano massiccia si aggrappa al mio polso, tirandomi indietro.

Merda!

Inciampando all'indietro, mi giro per affrontarlo, mantenendo a malapena l'equilibrio.

Mi fa roteare contro il suo petto, avvolgendo un altro braccio massiccio intorno a me e tirandomi in un abbraccio da orso.

“Cazzo…” Sposto il mio peso, cercando di sfuggire alla sua presa. Mi ha bloccata.

Ed è allora che lo noto.

Questa strana corrente che sembra fluire dal suo tocco, lasciando la pelle d'oca nella sua scia.

Posso sentirla spuntare sulla mia nuca, le mie braccia, il mio petto, la mia…

Cristo!

Dammi una tregua!

Inclinandomi verso l'alto, mi tuffo a capofitto nei suoi occhi verde mare, che mi fissano con fascino.

Per quanto lo voglia, non riesco a fermare il prossimo pensiero che mi passa per la testa.

Dannazione.

È… Bellissimo.

Come una specie di dio, ogni centimetro di lui è scolpito nel marmo. Quelle spalle larghe, quelle braccia… che sono coperte da alcuni tatuaggi simili a rune.

Uno in particolare sul suo avambraccio spicca:

RoT

E sotto quello, la testa di un lupo con i denti scoperti.

Mi scervello… Dove ho già visto questo simbolo?

Lui mi guarda con fascino con un'espressione simile, come…

Smettila con queste stronzate!

Gli do una gomitata nelle costole e lui allenta momentaneamente la presa, inspirando.

Scivolando tra le sue braccia, riesco a liberarmi dalla sua presa, scappando via come un pipistrello dall'inferno.

Non mi preoccupo nemmeno di guardarmi alle spalle. Non c'è tempo da perdere.

Pasado e il suo uomo sono sul bordo del vialetto ora, stanno per aggirare il cancello e uscire sul marciapiede.

Quando mi vedono, vedo l'uomo di Pasado prendere la pistola che ha al fianco. Ma io sono più veloce.

“Ma che…” grida Pasado mentre mi tuffo a capofitto su di lui, facendolo cadere all'indietro, proprio mentre la bomba esplode dietro di me.

BOOM!

Le mie orecchie fischiano da matti. Sentendo la testa girare, apro gli occhi e mi siedo lentamente.

Sbatto le palpebre alcune volte, cercando di mettere tutto a fuoco.

I detriti sono sparsi tutto intorno a noi. Una delle moto è in fiamme. L'altra è completamente distrutta.

Abbasso lo sguardo sulla mia taglia.

Fanculo.

È lui…

Pasado giace sotto di me, completamente floscio, come una bambola di pezza.

Controllando il suo polso, tiro un sospiro di sollievo e cado di nuovo sui miei gomiti.

Incosciente. Non morto.

Probabilmente è svenuto per aver battuto la testa contro il marciapiede.

Osservando la scena, sembra che il suo amico non sia stato così fortunato…

Quando il tono stridulo nelle mie orecchie si placa, viene sostituito da qualcos'altro. Un rumore lamentoso che sembra essere a miglia di distanza. Difficile da distinguere.

Ma con ogni momento che passa, il suono diventa più chiaro.

Merda!

La polizia!

Sirene della polizia – molte, a quanto pare – che si avvicinano ogni secondo di più.

Gli sporchi poliziotti di Toltecs.

Probabilmente mi spareranno a vista, senza fare domande.

O mi incastreranno per questo tentato omicidio fallito.

Ho un sussulto, i miei occhi volano di nuovo verso la forma floscia di Pasado.

Merda.

Come farò a trascinare il suo culo fino alla macchina da sola?

Forse se avessi più di trenta secondi…

Ma non li ho. Mi prenderanno.

Dovrò prendere Pasado più tardi.

Ma sarà più difficile ora…

Ora che la fottuta RoT – qualunque cosa sia – ha avvisato i Toltecs della taglia sulla testa di Pasado.

Se prima pensavo che fosse difficile da raggiungere…

Maledico di nuovo.

Non ho mai fatto una cazzata in un lavoro prima d'ora.

È stata colpa sua.

L'uomo in nero.

Sono furiosa, disperata di sapere chi sia.

E come cazzo ha fatto a farmi arrabbiare così tanto…

Senza giri di parole, mi tiro in piedi e faccio una corsa verso la mia macchina.

Se lo rivedo ancora, gli taglio quella cazzo di gola.

Dopo aver giocato con il mio-

BOOM!

Cazzo!

La seconda moto esplode dietro di me.

Salgo sulla mia Prius e la metto in moto proprio mentre una pattuglia di poliziotti gira dall'altra parte della strada.

Mentre mi allontano, guardando nello specchietto retrovisore il cazzo di casino dietro di me, tutto ciò a cui riesco a pensare sono quegli occhi verde mare…

E il tatuaggio RoT.

Darei qualsiasi cosa per sapere cosa significa…

Per sapere quando potrò rivedere lui.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

BJORN

Sono fottuto, penso per la millesima volta, mentre strofino la sporcizia dalla ruota posteriore della mia moto.

Mi sono nascosto tutta la notte nella mia officina, nel garage di fronte alla nostra clubhouse.

Valhalla.

Sento la musica dall'altra parte della strada. Palle da biliardo che si scontrano. Le risate delle ragazze.

I miei fratelli, il mio re, tutti affamati della storia della morte di Pasado.

Una morte che non è ancora avvenuta.

Dico una preghiera silenziosa a Tyr, il dio della guerra e della giustizia, affinché il re Haf non monti la mia testa accanto all'alce a cui ha sparato in Svezia.

Avevo un solo compito.

Uccidere quel figlio di puttana di Javier Pasado.

I Toltecs sono i nostri unici rivali per il traffico d'armi in città, a parte i russi, che ci lasciano praticamente in pace finché rimaniamo nella Bay Area.

Ma i Toltec… quegli stronzi sono avidi.

Sei mesi fa, hanno iniziato a imbucarsi nei nostri affari e a cercare di abbattere i miei bror, i miei fratelli. A rubare la nostra roba.

Nessuno fotte i Riders of Tyr e sopravvive fino all'alba.

Eppure…

I Toltecs sono ancora vivi.

Tutto doveva finire oggi.

Avrei dovuto uccidere il figlio di puttana che sta guidando le incursioni, nella speranza di poter finalmente ricominciare a fare un po' di soldi.

E invece…

Se non fosse che la donna più sexy che abbia mai visto ha rovinato tutto.

I miei pensieri tornano a quegli occhi verde smeraldo. Quel corpicino sodo. Il modo in cui la sua camicia le pendeva dalle spalle…

“Hai un aspetto di merda, bror“, dice una voce, e alzo la testa di scatto per vedere Tor in piedi sulla porta del garage.

Il mio orecchio, quello che chiamiamo il nostro vicepresidente.

Io e Tor siamo gli unici due Rider che sono cresciuti nel club, cresciuti nelle tradizioni dei nostri antenati vichinghi.

Beh, non tutti.

Suo padre ha fondato il capitolo americano dei Riders of Tyr e suo nonno gestisce ancora il capitolo madre in Svezia.

Se Tor non avesse insistito nel tagliarsi i capelli corti, sembrerebbe davvero un vichingo. Capelli dorati, occhi azzurri chiari. Un branco di femmine che seguono ogni sua mossa.

“Haf ti sta cercando”, aggiunge Tor, sedendosi sulla panchina accanto a me e togliendosi gli stivali.

“Haf sa dove trovarmi”, borbotto, tornando al mio lavoro.

“Stai bene, bror?”

Sospiro, abbandonando il mio progetto per sedermi accanto al mio migliore amico. Mi passa una sigaretta.

“Si tratta di Lily?”

Mi irrigidisco al suono del suo nome.

Lily.

Era l'unica luce brillante in questo mondo tetro in cui viviamo.

Sono passati quasi due anni interi da quando…

Il mio telefono vibra nella tasca dei jeans. Lo tiro fuori, grato per la distrazione.

Ma una volta che prendo il telefono in mano, mi irrigidisco.

“Merda. È Haf”.

Haf
È fatta?
Bjorn
C'è stato un imprevisto
Haf
Che cazzo vuol dire un imprevisto
Haf
Hai fatto o no?
Bjorn
No
Bjorn
L'ho innescata ma c'era una donna lì
Bjorn
L'ha tirato fuori dalla traiettoria
Haf
Mi stai prendendo per il culo
Haf
Chi è?
Bjorn
Non ne ho idea
Haf
Falla fuori.
Bjorn
Non so come trovarla
Haf
Non è un mio problema
Bjorn
Non vuoi che scopra prima chi è?
Haf
Non me ne frega un cazzo.
Haf
Nessuna questione in sospeso.
Haf
Capito?
Bjorn
Forte e chiaro
Bjorn
Mio re

Sbuffo.

Ora sembra che i cadaveri saranno due al prezzo di uno…

Fanculo!

Come faccio a trovarla?

Mi alzo, infilando le mani nella mia giacca di pelle, cercando un accendino.

“E dove stai andando?” Chiede Tor.

“A trovare una ragazza”, mormoro.

“Vorrei che tu fossi serio, bror“, risponde Tor, seguendomi mentre guido la mia Harley fuori dal garage. “Potrebbe farti bene”.

Già, giusto.

Sono stanco che tutti mi guardino come se fossi una specie di dannato cucciolo ferito.

Non dico nulla, girando la chiave nell'accensione.

Il motore prende vita e soffoca qualsiasi altra cosa dica Tor.

Mentre cavalco via nella notte, non posso fare a meno di sentirmi in colpa.

In colpa perché… sono eccitato.

Posso vedere lei, di nuovo.

Voglio dire, devo ucciderla, ma…

AVA

Belyy Krolik.

Il coniglio bianco.

Sto al centro del pavimento illuminato dagli stroboscopi, in mezzo alla massa di ballerini ondeggianti coperti di body paint e pelle nera, cercando di ricordare cosa ci faccio qui.

Il club techno è buio, enorme e umido come una giungla di notte.

Il posto mi sembra familiare… sono già stata qui?

Non riesco a ricordare.

E poi lo vedo.

Siede nell'angolo posteriore della sala dietro una corda di velluto rosso – la sezione VIP – con due enormi uomini in giacca e cravatta che lo affiancano.

È oggettivamente bello. Ben rasato. Capelli grigi, castano scuro, pettinati all'indietro dal suo viso abbronzato a spruzzo. Molte donne probabilmente cadono ai suoi piedi.

E proprio in quel momento, mi ricordo perché sono venuta qui.

Per lui.

Il fortunato di stasera.

Mentre mi avvicino a lui, sentendo i suoi occhi scuri gravitare verso il mio corpo scarsamente vestito, recupero un tubetto di rossetto dalla mia borsa e lo lascio scivolare tra le mie dita.

Il tubetto rotola sul pavimento sudicio, fermandosi proprio davanti ai suoi piedi.

Sorridendo, il mio eroe si china per raccoglierlo e si avvicina a me.

“Credo che questo sia tuo”, dice nel suo morbido accento inglese, appoggiandosi al mio orecchio.

“Oh! Grazie!” Prendo il tubo dalla sua mano, sentendo le sue dita soffermarsi sulle mie.

China la testa all'indietro per guardarmi meglio, i suoi occhi dilatati si increspano.

“Ti prego, dimmi che sei qui da sola”, azzarda.

“Sembra di sì.” Ora è il mio turno di sussurrargli all'orecchio. “Ma speriamo non per troppo tempo”.

“Questo posto è noioso”, risponde, giocherellando con i miei orecchini d'argento pendenti, che si abbinano alle forcine che spuntano dalla mia alta coda di cavallo. “Sto al Ritz. Che ne dici se…”

“Conosco un posto molto…più vicino,” intervengo, ammiccando. “Se sei abbastanza coraggioso”.

Prima che possa pensarci due volte, mi avvicino e gli mordo il labbro inferiore, succhiandolo.

Geme, tirandomi verso di lui, e lo sento irrigidirsi attraverso i pantaloni.

Improvvisamente si gira, sussurrando qualcosa a uno dei suoi scagnozzi. E poi lo trascino per mano attraverso la pista da ballo affollata…

Torna nella tana del coniglio.

Lo guido lungo un corridoio buio, una scala stretta…

Poi tutto cambia.

Non sono più nel club, ma sul ponte di uno yacht, conducendo un miliardario sprovveduto lontano dalla festa all'interno.

Un fighetto riciclatore di denaro dai capelli biondi, con la brutta abitudine di arrotondare i numeri.

L'oceano è immobile, come se stesse trattenendo il respiro.

Lo sbatto contro il muro esterno della cabina, le mie mani si muovono per slacciargli la cintura.

Afferra la mia elegante coda di cavallo nera, tirandomi la testa indietro.

La coperta di stelle sopra di me svanisce e il mio ambiente cambia di nuovo.

Sono in piedi nel bagno di un aereo, con indosso un'uniforme aderente da hostess, mentre il secondo più grande spacciatore di cocaina di Mosca mi bacia lungo la scollatura.

Infila una mano nella mia camicetta, massaggiandomi il capezzolo.

“Adoro le ragazze con la coda di cavallo”, mormora, spingendomi contro il lavandino.

“Lo so”.

Le sue mani mi scendono lungo la schiena, afferrandomi saldamente il culo.

“Cazzo, piccola, non vedo l'ora di essere dentro di te”, ansima.

“Allora fallo”, stuzzico.

Porto le mie mani al suo collo, accarezzando entrambi i lati.

Geme, cercando di strapparmi una delle mani dal collo e portarla giù verso il rigonfiamento insignificante nei suoi pantaloni.

Chiudi gli occhi, piccolo“, lo stuzzico. “Ho una sorpresa per te”.

Fa come gli viene detto, leccandosi le labbra.

“Ti fidi di me?” Chiedo.

“Sì”.

Non riesco a fermare il sorriso soddisfatto che si diffonde sul mio viso.

“Perché?”

“Co-cosa?” I suoi occhi da cagnolino si aprono quando tiro la lama della forcina dalla mia coda di cavallo.

Mi aggrappo con l'altra mano alla sua nuca.

“Dmitri Vasiliev ti manda i suoi saluti”.

E poi gli taglio la gola.

Come la vita svanisce dai suoi occhi, tutto cambia ancora una volta.

Mi guardo intorno e mi rendo conto che mi trovo nel salotto dei miei genitori.

La pioggia martella contro il tetto. L'intera stanza è riempita da un'inquietante luce bluastra.

Mi volto di nuovo verso l'uomo sul pavimento.

E quando vedo il suo volto…

È allora che iniziano le urla.

Mi alzo di scatto, il mio petto si gonfia.

Era solo un sogno, mi dico.

È più facile fingere che nulla di ciò che ho visto fosse reale.

Asciugandomi il sudore freddo dalla fronte, mi guardo intorno nella stanza del mio motel di merda.

Fuori c'è luce.

È già mattina? Avrei giurato di aver appena chiuso gli occhi…

Eppure, non sono esattamente quella che si direbbe una dormigliona.

Non da quando ho lasciato casa, comunque.

Controllo il mio telefono e vedo tre messaggi che mi aspettano.

Izzy
Ehiii
Izzy
6 sempre a San Leandro?
Izzy
Ho un'altra taglia nella zona con il tuo nome sopra
Ava
Sì. Sto solo aspettando che Pasado esca dall'ospedale.
Ava
Ha troppa copertura in questo momento.
Ava
Non mi dispiacerebbe un altro lavoro nel frattempo.
Izzy
Ok, ti mando i dettagli.

***

“Per favore. Non farlo!” Un uomo grassoccio di mezza età con una maglietta di Battlestar Galactica e la polvere di Cheetos sulla punta delle dita striscia sulla ghiaia del parcheggio sulle mani e sulle ginocchia.

Sta cercando di sfuggirmi.

A volte è divertente guardarli mentre ci provano.

Ma questo tizio, questo trentasettenne sciattone che ha saltato la cauzione il mese scorso dopo aver rapinato un fottuto Dunkin' Donuts… ne ho abbastanza di lui.

Gli ho già fatto saltare le ginocchia e sta ancora cercando di scappare…

Gli schiaccio lo stivale sulla schiena e lui finalmente crolla, rassegnandosi al suo destino.

“Mani dietro la schiena”, ordino, e lui fa come ordinato.

Ammanettandolo, spingo l'idiota nel retro della mia macchina.

Mi ci sono volute solo poche ore per rintracciare il ragazzo. Stava nel seminterrato di sua madre.

Il codardo ha cercato di sgattaiolare fuori dalla porta sul retro, poi si è fatto inseguire fino allo Starbucks in fondo alla strada. Che stronzetto piagnucoloso.

Sigh…

Un altro giorno, un altro dollaro.

Sto solo aspettando il mio vero giorno di paga.

E non sto parlando dei cinquantamila dollari.

Dopo tutte le stronzate che sono successe ieri con Pasado…

Questo è personale, cazzo.

Portarlo qui sarà più dolce di un maledetto Unicorn Frappuccino.

Salgo sul sedile anteriore della mia macchina e mi avvio verso la strada principale.

“Per favore! Non sono stato io!”, la mia taglia si lamenta dal sedile posteriore. “Giuro su Dio!”

Alzo gli occhi al cielo.

Mentre ci fermiamo a un semaforo rosso, accendo la radio per soffocare i suoi lamenti. Scorro i canali e finalmente trovo una discoteca mezza decente.

Una figura scura su una moto si accosta a me nella corsia di svolta a sinistra.

Mentre batto le dita sul volante, canticchiando la dolce melodia degli anni settanta, guardo casualmente il pilota della moto.

Oh, merda!

È lui.

Il motociclista sexy che ha cercato di uccidere Pasado!

I miei occhi seguono i suoi jeans neri aderenti.

La maglietta scura aderisce a ogni muscolo scolpito del suo torso.

Gli piace proprio il nero.

Buon Dio, è tutto da assaggiare.

E non sto parlando di un altro Frappuccino.

Sono così distratta che non sento nemmeno i clacson che suonano dietro di me.

“Ehm… signora?” dice la mia taglia dal sedile posteriore. “Il semaforo è verde”.

Appena tornata in me, l'uomo in nero gira la testa…

…e mi guarda direttamente.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Mason

Uno degli uomini più potenti d’Inghilterra, Mason Campbell era freddo, duro e senza scrupoli. Il vento sussurrava il suo nome e faceva tremare di paura chiunque. Era noto per essere spietato e crudele, uno che non perdonava. Lauren Hart aveva appena iniziato a lavorare per lui come sua assistente e si era trovata ad avere a che fare con i suoi capricci, la sua rabbia, il suo odio e la sua arroganza. La vita sarebbe stata di certo migliore se non avesse lavorato per Mason Campbell, l’uomo che gli altri uomini invidiavano e che era desiderato dalle donne. Ma Mason non aveva occhi che per lei, specialmente dopo un accordo che lei non aveva potuto rifiutare.

Età: 18+ (Abuso)

I guerrieri di Torian

La terra è sotto attacco per mano di una mostruosa razza aliena che non brama altro che distruzione. Lilly e le sue sorelle più piccole vengono catturate e rischiano di morire… ma improvvisamente il meraviglioso re guerriero Bor giunge da un altro pianeta e le salva. La sua missione è quella di proteggere tutti gli umani, ma, ora che l’ha conosciuta, ha occhi solo per Lilly. Riuscirà a mantenere il suo impegno insieme al suo amore o dovrà sacrificare tutto per lei?

Età: 18+

Touch

Emily non fa sesso ormai da un anno. E la sua ultima relazione? Quasi non se la ricorda, è stata troppo tempo prima. Questo vuol dire però che si merita qualche avventura! E presto incontrerà quello che le farà ardere il cuore.

Età: 18+

Infinity

Il compagno di Lux è tutto ciò a cui Zayla riesce a pensare dal primo giorno in cui ha sentito il suo profumo. Cerca di immaginare il suo aspetto, il suo sapore… ma sa che anche i suoi sogni più selvaggi non gli rendono giustizia.

Dall’alba al tramonto, il compagno di Lux è sempre lì, in agguato nell’ombra, appena fuori portata. Lei non sa nemmeno che specie sia. Tutto ciò che conosce è il suo nome: Soren.

Età: 18+

Appuntamento con il rapitore

Talia ha solo diciassette anni quando viene rapita dal boss mafioso Axel. Riesce a fuggire, ma non prima di aver scoperto quanto crudele può essere la vita. Per proteggersi, scappa lontano e cambia identità. In pochi anni diventa una forte donna d’affari che non si guarda mai indietro. Ma poi qualcosa la obbliga a stringere un patto con il diavolo che l’aveva rapita… Ora che l’ha ritrovata, non sarebbe stato facile scappare di nuovo!

Età: 18+

Omega

La vita di Alice scorre piuttosto noiosa: va al liceo, guarda Gossip Girl con la sua migliore amica Sam e ha un lavoro part-time in una tavola calda. Non le succede mai niente di eccitante, fino alla fatidica sera in cui, uscita a gettare la spazzatura fuori dal luogo di lavoro, viene improvvisamente morsa da un lupo.

Al risveglio, avvenuto la mattina successiva, Alice nota con sorpresa come il morso sia già completamente guarito e lei si sente anzi meglio che mai e piena di energia. Il problema è che non è l’unica ad aver notato questi miglioramenti… Il malvagio Ryder e la sua banda sono improvvisamente molto interessati a lei, ma per quale motivo?

Età: 16+

La sostituzione

Jessica ha appena ottenuto il lavoro della sua vita, come seconda in comando di Scott Michaels. L’unico problema è Spencer Michaels, l’altro amministratore delegato, l’uomo che deve sostituire. Quando scopre di lei, Spencer non si ferma davanti a nulla per assicurarsi che Jessica sappia qual è il suo posto… E anche se è cieco, sta attraversando un divorzio ed è un cazzone totale, Jessica non può fare a meno di innamorarsi di lui.

Età: 18+

La fine del mondo

Savannah Madis era un’aspirante cantante felice e spumeggiante, questo prima che la sua famiglia morisse in un incidente d’auto. Dopo quel momento, si ritrova in una nuova città, in una nuova scuola e, come se non bastasse, deve avere a che fare con Damon Hanley, il bullo della scuola. Damon è completamente confuso da lei: chi è questa ragazza dalla bocca larga che lo sorprende in continuazione? Non riesce a togliersela dalla testa e, per quanto odi ammetterlo, Savannah prova la stessa cosa per lui! Si fanno sentire vivi a vicenda. Ma sarà abbastanza?

Età: 18+ (Contenuto sessuale, violenza)