logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Le guerre dei lupi

Dopo le Guerre dei Lupi, i lupi mannari e gli umani si accordarono per una tregua scomoda e divisero il mondo tra di loro. I lupi mannari presero le foreste e le pianure, mentre gli umani le città e i paesi. L’umanità fu ulteriormente segregata in Lavoratori ed Elite.

Ora, il cibo è scarso e i Lavoratori stanno morendo di fame ed è così che la dodicenne Lavoratrice Ellie si ritrova affamata e bloccata nel territorio dei lupi mannari. Ma si tratta davvero delle bestie spaventose da cui è stata messa in guardia o le Elite hanno nascosto la verità?

Età: 18+ (Attenzione ai contenuti: stupro e violenza)

 

Le guerre dei lupi di Michelle Torlot è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Trama

Dall'autrice di “Scegli me o perdimi”

Dopo le Guerre dei Lupi, i lupi mannari e gli umani si accordarono per una tregua scomoda e divisero il mondo tra di loro. I lupi mannari presero le foreste e le pianure, mentre gli umani le città e i paesi. L'umanità fu ulteriormente segregata in Lavoratori ed Elite. Ora, il cibo è scarso e i Lavoratori stanno morendo di fame ed è così che la dodicenne Lavoratrice Ellie si ritrova affamata e bloccata nel territorio dei lupi mannari. Ma si tratta davvero delle bestie spaventose da cui è stata messa in guardia o le Elite hanno nascosto la verità?

Età: 18+ (Attenzione ai contenuti: stupro e violenza)

Autore originale: Michelle Torlot

Ellie

Mi sedetti sul tronco d'albero rovesciato, guardando in lontananza. Il sole era basso nel cielo, non ancora tramontato, diffondeva ovunque un bagliore piacevole.

“Che diavolo stai facendo, Ell?”

Alzai lo sguardo per vedere mio fratello maggiore, Jackson, in piedi sopra di me.

“Sei terribilmente vicina al confine… conosci le regole”, mi rimproverò.

Alzai gli occhi al cielo fissando l'orizzonte.

“Non pensarci nemmeno Ell. Ti puniranno anche solo per averci pensato e avrai metà razione per un mese”, mi avvertì Jackson.

Alzai gli occhi al cielo. “La metà di niente è sempre niente”.

Jackson mi diede una gomitata sulla spalla.

“Tieni, so che hai fame”, sorrisi.

Guardai la sua mano. La mia bocca si spalancò per lo shock. Era una sorta di cibo industriale. Non l'avevamo mai mangiato, diavolo, non avevo mai visto niente del genere prima.

“Cos… Cos'è? Dove l'hai preso?” Sibilai, mentre guardavo l'involucro nella sua mano.

Lo ruppe a metà e me ne diede una, mangiando l'altra metà.

“Si chiama ciocc-o-lato”, scandì la parola, “e non è ciò che non conosci che ti mette nei guai”.

Iniziai rapidamente a mangiarlo, assaporandone il dolce sapore. Era così buono!

Ridacchiai. “E tu mi rimproveri solo perché sto guardando oltre il confine”.

Jackson scosse la testa.

“È diverso, se le guardie ti trovano, ti sparano sul posto”.

“Se ti trovano…”, indicò verso l'orizzonte, “beh, Cristo sa cosa ti succederà… se le voci sono vere”, concluse.

Scossi la testa e strinsi le labbra.

“Loro hanno così tanto cibo da non sapere cosa farne, e noi… noi non ne abbiamo. I loro animali mangiano meglio di noi”.

Trattenni le lacrime che minacciavano di scendere. Ringraziavo il fatto che Jackson non avesse visto la mia angoscia.

Jackson ridacchiò. “Loro sono animali, Ell”.

Alzai gli occhi mentre masticavo l'ultimo boccone. Il mio stomaco si sentiva ancora vuoto, ma la barretta di cioccolato aveva aiutato.

Jackson mi mise una mano sulla spalla.

“Andiamo, torniamo indietro prima che si accorgano della nostra assenza. Hai bisogno di dormire un po' e di toglierti quelle stupide idee dalla testa”.

Mi alzai e permisi a mio fratello di riportarmi al campo di lavoro.

Ci saremmo alzati all'alba per smantellare ciò che restava della città più vicina al confine. Poi sarebbero arrivati i bulldozer. Dopo di che avremmo raccolto le rocce prima che provassero ad arare e piantare.

Non era un vero e proprio terreno agricolo. Erano i resti di una vecchia città, troppo vicina al confine per essere abitata. Inoltre, il cibo era scarso.

Se c'era la possibilità di coltivare del cibo, bisognava coglierla.

Era stato così per tutta la mia vita e per la maggior parte della vita dei miei genitori. Dopo la guerra, gli umani ottennero le città e i paesi. I lupi mannari ottennero le foreste e le pianure.

Bastava guardare oltre il confine per vedere bestiame al pascolo, frutteti, campi pieni di colture.

Le città andavano bene, ma non si poteva coltivare il cibo lì. Gli unici spazi erano i parchi fatti dall'uomo. Erano già stati utilizzati per coltivare il cibo. Semplicemente non ce n'era abbastanza.

L'unica ragione per cui io e mio fratello eravamo sopravvissuti quando i nostri genitori erano morti, era stato grazie ai campi di lavoro.

Lavoravi dodici ore e ricevevi un pasto. Se così si può chiamarlo. Uno stufato di verdure che era più acqua che verdure, e un letto.

Se venivi sorpreso a rubare del cibo, era una condanna a morte immediata. Attraversare il confine portava allo stesso risultato. Se i lupi mannari non ti avessero ucciso, lo avrebbero fatto le guardie.

La vita per gli umani era un inferno. Doveva valere la pena attraversare il confine, rubare del cibo e riportarlo indietro.

Se non avessimo trovato un modo per ottenere più cibo, la razza umana sarebbe morta di fame.

Le guardie ci lanciarono qualche sguardo sospetto mentre tornavamo al campo. Tenemmo la testa bassa. Una volta tornati nel fortino dove c'erano i letti, ci dirigemmo verso le nostre cuccette.

La maggior parte delle famiglie dormiva insieme. Se eri da solo venivi raggruppato con i maschi o con le femmine. A seconda del tuo sesso. Credo che io e Jackson fossimo stati fortunati, avevamo l'un l'altro.

Mi sdraiai sulla branda e Jackson si sedette sul bordo del letto. Faceva sempre così, finché non mi addormentavo.

“Pensi che sappiano che stiamo praticamente morendo di fame?” Sussurrai.

Jackson si accigliò, “Chi?”

Esitai, prima di abbassare la voce, “I lupi mannari”.

Jackson scosse la testa e si accigliò.

“Lascia perdere, Ellie. Non dovresti nemmeno parlare di loro”.

Sospirai e chiusi gli occhi.

Sapevo che Jackson aveva a cuore solo i miei interessi, ma mi sarei tagliata una mano piuttosto che morire di fame o di qualche malattia solo perché il mio corpo non era abbastanza forte per combatterla.

Il sonno alla fine arrivò, ma non durò a lungo. I dolori lancinanti allo stomaco dovuti alla mancanza di cibo mi svegliarono.

Tutti gli altri stavano ancora dormendo, tranne Jackson, che con mia sorpresa non era nella sua cuccetta.

Pensai alla barretta di cioccolato che avevamo condiviso prima. Stava rubando del cibo? Come poteva essere così sconsiderato? Poi i miei pensieri andarono al confine. Se dovevo farlo, doveva essere in quel momento.

Jackson avrebbe capito. C'erano meno guardie di notte. Avrei potuto attraversare il confine e tornare indietro. Trovare un nascondiglio per il cibo. Poi io e Jackson avremmo potuto condividerlo.

Tempi disperati richiedono misure disperate e io ero disperata. Tutti lo erano. Stavamo letteralmente morendo di fame. Non so se davvero tutti lo fossero, ma noi eravamo il livello più basso della razza umana.

I lavoratori manuali al livello più basso. Eravamo quelli usa e getta.

Spostai le gambe sul letto e raccolsi velocemente i miei lunghi capelli scuri in una coda di cavallo. Poi presi un piccolo zaino da sotto il letto, prima di strisciare fuori dal fortino.

I miei vestiti erano scuri, quindi ero in grado di nascondermi nell'oscurità. Ero grata per il colore dei miei capelli, perché si confondevano nel buio. Solo la luna illuminava la strada.

Avevo pianificato la cosa da un po' di tempo. Sapevo esattamente dove sarebbero state le guardie. Facevano sempre lo stesso percorso, controllando il perimetro e il confine.

Guardai mentre la guardia camminava verso l'altra estremità del campo e si dirigeva verso il confine.

Rimasi nell'ombra fino a quando la guardia di frontiera non si diresse al punto di controllo seguente.

Fortunatamente il confine non era recintato. Era solo una fila di massi dipinti. Tutti sapevano che era vietato attraversare il confine. Stasera, tuttavia, avrei ignorato le regole. Stasera avrei trovato del cibo.

Superare il confine fu più facile di quanto mi aspettassi. Le guardie probabilmente non si aspettavano che qualcuno provasse a passare.

Dopotutto la maggior parte delle persone nel fortino erano bambini, a cui era stato inculcato fin da piccoli.

Le regole, le punizioni, ma soprattutto il fatto che i lupi mannari erano mostri che si cibavano della carne dei bambini.

Tutti noi eravamo orfani. I genitori erano stati uccisi dalla febbre o dalla fame. Alcuni erano stati uccisi dalle guardie, solo per aver cercato di rubare del cibo extra per i loro figli.

I nostri erano morti a causa della febbre. Quella era stata la mia vita per quattro anni. Lavoravo fino a quasi crollare dalla stanchezza. Jackson era più grande di me e più forte.

Quello era il suo ultimo anno lì, poi sarei rimasta sola. Jackson sarebbe stato spedito via per l'addestramento da guardia, a meno che non fosse diventato un disertore. Mi chiedevo se le sue sparizioni notturne avessero qualcosa a che fare con ciò.

Lui non si rendeva conto che io sapevo che usciva di notte, ma lo sapevo. Solo che non sapevo dove andasse.

Il terreno dall'altra parte del confine era simile al nostro, argilla dura in cui si doveva scavare. Immagino che fosse mescolata al cemento.

Una volta che eri a circa cento metri, l'argilla dura diventava compatta, poi potevi vedere le piante che si aprivano un varco. Erbacce per lo più, che poi diventavano erba rigogliosa.

Mi chinai e ci passai sopra le dita. Non avevo mai toccato l'erba prima. Avevo visto delle foto quando ero piccola, ma non l'avevo mai toccata o annusata. Aveva un profumo tutto suo.

Non potevo fare a meno di sorridere a me stessa. Mio padre ce lo diceva sempre, quando era vivo. “L'erba del vicino è sempre più verde” diceva.

Voleva dire che dovevamo essere grati per quello che avevamo. La verità era che l'erba non esisteva da dove venivamo.

Mi sono inoltrata maggiormente all'interno del territorio dei lupi mannari. Mantenendomi abbassata, il più silenziosamente possibile.

Jackson non se ne rendeva conto, ma avevo visto questi cosiddetti mostri. Nell'ultimo edificio che avevamo svuotato, avevo trovato un libro e un binocolo.

Avevo infilato il binocolo nella mia giacca e stavo guardando il libro. Le guardie non avevano trovato il binocolo, ma fui picchiata più tardi quel giorno per aver fatto una pausa non prevista.

Erano stati solo cinque minuti, ma le regole sono regole. Se avessero trovato il binocolo sarebbe stato molto peggio.

Lo usai qualche giorno dopo, finito il lavoro. Le guardie erano a un altro posto di blocco, ma era ancora chiaro.

Fu allora che li vidi. Stavano lavorando nei campi. Non sembravano diversi da noi, tranne per essere più alti, più muscolosi.

Perché avremmo dovuto odiarli? Erano davvero diversi da noi?

Fu allora che decisi che avrei attraversato. Loro avevano cibo in abbondanza, noi non ne avevamo. Non sembravano mostri, almeno non da lontano.

Non c'era traccia di nessuno in quel momento, ovviamente. Qualsiasi individuo sano di mente, lupo mannaro o umano, sarebbe stato a letto a quell'ora della notte.

Mi addentrai ulteriormente nel loro territorio, poi lo vidi in lontananza. Un edificio. Sembrava un granaio. Era abbastanza vicino a un recinto che conteneva animali.

Mi guardai rapidamente intorno, non c'era traccia di anima viva, così mi diressi verso l'edificio.

Avevo avuto ragione a pensare che fosse un fienile. Aprii la porta, permettendo alla luce della luna di filtrare all'interno.

Quasi feci un urlo. Avevo fatto tombola. C'erano borse di frutta e verdura. Anche una scatola con quello che sembrava pane raffermo. Presi una mela e l'addentai.

Non avevo mai mangiato una mela prima, ma avevo visto una foto. L'interno era marrone e morbido in alcuni punti. Aveva un buon sapore.

Ne presi una manciata e la misi nel mio zaino, finendo la mela che avevo iniziato. Poi presi un po' di pane raffermo. Era duro, non morbido come dovrebbe essere, ma non era ammuffito.

Ne mangiai un po'. Non era buono come la mela, ma a caval donato non si guarda in bocca.

Le verdure sembravano carote. Alcune erano piccole, altre deformi. Ne morsi una. Non era male. Ne misi un po' nel mio zaino che a quel punto era pieno fino all'orlo.

Mettendolo sulla schiena, presi un'altra mela e un pezzo di pane e mi diressi verso la porta.

Fu allora che lo sentii. Un ululato, seguito da un altro.

Corsi, il mio cuore stava per esplodermi nel petto e mi diressi di nuovo verso il confine.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

Ellie

Correvo forte, non osando guardare dietro di me. Forse le persone normali si trasformavano in mostri di notte. Forse vivevano tra le persone normali. Diavolo, non lo sapevo.

Mi chiedevo se i responsabili che ci insegnavano le regole lo sapessero. Se anche l'avessero saputo, non lo avrebbero detto. Solo per spaventarci. A proposito di curiosità. Quella sarebbe stata la mia fine.

Quando mi avvicinai al confine, mi bloccai. Potevo sentire le guardie e le grida. Anche loro dovevano aver sentito gli ululati. Se fossi tornata indietro a quel punto, sarei morta. Se fossi rimasta lì, sarei morta.

Il forte rombo di uno sparo e un dolore acuto al braccio presero la decisione per me. Stringendo la mano al braccio, corsi via dal confine. Potevo sentire il liquido scorrere lungo il mio braccio.

Gli unici mostri che potevo vedere erano quei pazzi con la pistola. Feci l'unica cosa che mi era venuta in mente, tornai nel territorio dei lupi mannari. Dovevo solo trovare un posto dove nascondermi.

Scrutai rapidamente l'orizzonte. Oltre i campi di grano e il fienile c'erano dei boschi. Sarei rimasta nascosta lì fino al mattino.

Quando fui abbastanza lontana dal confine da essere fuori dalla portata dei proiettili, controllai il mio braccio. Non aveva un bell'aspetto. La mia mano aveva fatto poco per arginare il flusso di sangue.

Strappai un po' del materiale del giubbotto che indossavo e lo avvolsi intorno al braccio. Lo legai più stretto che potevo, nel tentativo di fermare il flusso di sangue.

Nel momento in cui raggiunsi il limite degli alberi, stavo cominciando a sentire la testa leggera.

C'era un silenzio inquietante. La luna brillava intensamente attraverso le chiome degli alberi, dando al terreno un bagliore inquietante.

Mi sedetti a terra e mi sfilai lo zaino. Appoggiata all'albero, chiusi gli occhi per un momento.

I miei occhi si aprirono di scatto quando sentii il suono di un ramoscello che si spezzava.

Un uomo si trovava di fronte a me. Un uomo… sembrava più un gigante.

Guardò lo zaino e poi guardò me. I suoi occhi si strinsero.

“Cosa stai facendo qui, umana?”

Sentii il mio cuore iniziare a battere forte, la mia bocca divenne improvvisamente secca.

“Io… Io…” Balbettai.

Fece un passo per avvicinarsi. Mentre lo faceva, mi spinsi ancora di più contro l'albero. Non che fosse d'aiuto, ma non c'era modo di scappare. Sentivo le gambe improvvisamente come gelatina.

“Sei ferita”, dichiarò.

Guardò il mio braccio. La fasciatura improvvisata era già intrisa di sangue.

Questo era quanto. O sarei morta dissanguata o l'uomo-mostro di fronte a me mi avrebbe uccisa.

Era lui il mostro dal quale ci avevano messo in guardia? Il modo in cui mi aveva descritta come umana mi aveva fatto pensare che fosse un lupo mannaro. Perché non sembrava così diverso da noi? Certo, era enorme.

Non solo alto, ma anche muscoloso.

Aveva capelli chiari e arruffati che gli cadevano sulle spalle e una barba ben curata dello stesso colore.

Guardai in silenzio mentre si inginocchiava accanto a me. Prese il mio braccio delicatamente ma con fermezza e iniziò a togliere la benda improvvisata.

Si accigliò, poi mi guardò.

“La tua stessa gente ti ha sparato!” esclamò.

Annuii. Le lacrime mi salirono agli occhi quando mi resi conto che non avrei mai potuto tornare indietro. A meno che non desiderassi morire. Chiusi gli occhi. Non volevo versare lacrime.

Dovevo dare l'impressione di essere forte, anche se non lo ero.

Strinsi la mascella e feci un respiro profondo.

Quando li riaprii, l'uomo si stava togliendo la maglietta.

“Questo potrebbe farti un po' male, cucciola”, dichiarò.

Strappò la maglietta e iniziò a fasciarmi il braccio.

Cercai di soffocare un grido, che uscì come un lamento quando strinse la fasciatura improvvisata.

I suoi occhi si posarono poi sul mio zaino. Cercai di afferrarlo, ma fu troppo rapido e lo strappò via.

Quando lo aprì, il suo viso si contorse in una smorfia di disgusto.

“Perché stai rubando del cibo marcio?” chiese.

Aggrottai la fronte: “È meglio di quello che abbiamo”.

Mi fissò e scosse la testa mentre si alzava, sovrastandomi.

“Riesci a stare in piedi?” Chiese.

Annuii e spinsi contro l'albero dietro di me. Una volta in piedi, mi resi conto di quanto mi sentissi traballante sulle gambe. Avevo davvero perso così tanto sangue?

Lui diede un'occhiata allo zaino e lo gettò via. Poi fece un passo verso di me. Prima che mi rendessi conto di quello che stava facendo, mi aveva preso in braccio come un bambino. Sistemandomi sul suo fianco.

“Ehi!” urlai.

Pensai di colpirlo, ma poi cambiai idea.

“Se ti lascio camminare, cucciola, non ce la faremo a tornare prima dell'alba, e quel braccio va curato”, sbuffò.

Sospirai. Non aveva torto, ma dove mi stava portando e, cosa più importante, cosa sarebbe successo una volta arrivata lì?

Appoggiai la mia mano sulla sua spalla. Era la mia immaginazione o la sua pelle era calda?

Lui sorrise.

“La nostra temperatura corporea è naturalmente più alta della vostra. Immagino che i tuoi leader umani non te l'abbiano detto, cucciola?”

Scossi la testa. “Non ci hanno detto molto, tranne che siete dei mostri”.

Mi guardò male. Merda, non avrei dovuto dirlo. Probabilmente poteva spezzarmi in due senza nemmeno pensarci, ed ero il nemico, dopo tutto.

Il suo sguardo si ammorbidì leggermente.

“Non preoccuparti, non facciamo del male ai cuccioli, non è nella nostra natura. Forse dovresti pensarci quando pensi a chi siano i mostri”, mi rimproverò.

Abbassai gli occhi.

“Scusa”, borbottai.

Aveva ragione. Ero appena stato colpita dalla mia stessa specie e salvata dal nemico. Salvata per il momento, perlomeno.

Lui sorrise, poi mi scostò delicatamente una ciocca di capelli dal viso.

“Come ti chiami, cucciola?”

“E… Ellie”, balbettai.

“Bene piccola Ellie, tieniti forte e chiudi gli occhi. Sto per correre e potrebbe farti sentire un po' male se tenessi gli occhi aperti”.

“L'ultima cosa di cui ho bisogno è che tu mi vomiti sulla schiena”.

Misi le mie mani sulle sue spalle e sentii la sua mano sulla mia schiena, che mi teneva in posizione.

Feci come aveva suggerito e chiusi gli occhi. Dio solo sa cosa avrebbe fatto se gli avessi vomitato addosso.

Non sono sicura di quanto veloce corresse, ma potevo sentire il vento passarmi tra i capelli. Mi sentivo anche come se il respiro fosse stato tolto dal mio corpo.

Stava correndo solo da una decina di minuti quando si fermò.

Lo sentii ridacchiare.

“Ora puoi aprire gli occhi, cucciola”.

Aprii lentamente gli occhi. Quando lo feci, sussultai.

Non eravamo affatto vicini a dove ci eravamo trovati poco prima. Mi guardai intorno, non c'era alcun segno del confine. C'era invece una grande casa che incombeva di fronte a me.

Era enorme. Aveva circa tre piani. C'erano altri edifici più piccoli sparsi, ma nessuna persona o lupo mannaro. Poi mi resi conto che era notte fonda.

Mentre guardavo il suo viso, i suoi occhi lampeggiavano di nero. Il colore normale dei suoi occhi era diverso. Sussultai e mi irrigidii. Stava per trasformarsi in una specie di mostro?

Sbiancai in viso e mi sembrava che il cuore mi stesse per esplodere nel petto.

Pochi istanti dopo i suoi occhi tornarono normali.

Doveva aver capito cosa fosse successo, perché mi massaggiò delicatamente la schiena.

“Va tutto bene cucciola, non farti prendere dal panico”.

Mi morsi il labbro inferiore.

“I… i tuoi occhi…” Balbettai.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

L’ospite dell’alfa

Georgie ha passato tutta la sua vita in una città mineraria, ma è solo quando i suoi genitori muoiono davanti a lei che si rende conto di quanto sia brutale il suo mondo. Proprio quando pensa che le cose non possano peggiorare, la diciottenne incappa nel territorio del branco solitario di lupi mannari che si dice possieda le miniere. E il loro alfa non è troppo felice di vederla… all’inizio!

Età: 18+

Sin – I segreti del peccato

Dopo la morte della madre, Marcella Sinclair non può fare a meno di sentirsi un peso per il fratello diciottenne. Quando riceve l’offerta di guadagnare un mucchio di soldi come spogliarellista, decide di accettare. Nessuno deve saperlo… specialmente suo fratello, che è determinato a farla rimanere pura e innocente per il resto della vita.

Età: 18+

La fine del mondo

Savannah Madis era un’aspirante cantante felice e spumeggiante, questo prima che la sua famiglia morisse in un incidente d’auto. Dopo quel momento, si ritrova in una nuova città, in una nuova scuola e, come se non bastasse, deve avere a che fare con Damon Hanley, il bullo della scuola. Damon è completamente confuso da lei: chi è questa ragazza dalla bocca larga che lo sorprende in continuazione? Non riesce a togliersela dalla testa e, per quanto odi ammetterlo, Savannah prova la stessa cosa per lui! Si fanno sentire vivi a vicenda. Ma sarà abbastanza?

Età: 18+ (Contenuto sessuale, violenza)

Trovata

Hazel Porter è perfettamente felice con il suo lavoro in libreria e con il suo accogliente appartamento. Ma quando un incontro spaventoso la getta tra le braccia di Seth King, si rende conto che c’è di più nella vita, molto di più! Viene rapidamente spinta in un mondo di esseri soprannaturali che non sapeva esistessero e Seth ne è proprio al centro: un feroce, forte, splendido alfa che non vuole altro che amarla e proteggerla. Ma Hazel è umana. Può davvero funzionare?

Età: 18+

I Lupi del Millennio

Sienna è una lupa mannara di diciannove anni che nasconde un segreto: è ancora vergine. L’unica vergine del branco. È decisa a superare anche il periodo di calore di quest’anno senza cedere ai suoi impulsi primordiali, ma quando incontra Aiden, l’Alfa, si dimentica del tutto del suo autocontrollo.

Età: 18+

Marchiata

Rinchiusa di notte dalla sua famiglia dal giorno della sua nascita, Rieka è stata incapace di realizzare il suo unico desiderio: guardare le stelle di notte.

Ora, vent’anni dopo, ha escogitato un piano per uscire di nascosto con i suoi amici, ma non sa che questo semplice atto di ribellione cambierà la sua vita per sempre e la metterà nel mirino di un alfa che non la lascerà andare.

Età: 18+

La principessa perduta

Everly ha vissuto nella paura per tutta la sua vita, ma le cose peggiorano ulteriormente quando la sua violenta matrigna la vende come schiava. Costretta a sopravvivere in uno squallido mondo sotterraneo di mostri assetati del suo sangue verginale, Everly sente di non avere speranze, fino a quando non riesce a fuggire al Branco della luna rossa. Lì si trova faccia a faccia con l’affascinante Alfa Logan, il suo compagno predestinato. Ma i suoi vecchi padroni sono sulle sue tracce.

Il suo nuovo branco sarà in grado di sconfiggerli?

Età: 18+

Broken Queen

Ariel è un lupo mannaro di 22 anni che sogna di diventare una guerriera. Questo, almeno, prima di venire catturata da un gruppo di Cacciatori e diventare una cavia per i loro esperimenti. Con l’aiuto della Dea della Luna, Ariel riesce finalmente a liberarsi, ma trovare il suo compagno e riprendere la vita da dove l’aveva lasciata sarà più difficile del previsto.

Età: 18+