logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Solo tua

Trinity è molto in gamba nel suo lavoro, ma questo non significa che sia sempre facile. Al bar, dopo una dura giornata in ufficio, incontra Stephen Gotti: gentiluomo fuori, insaziabile in camera da letto. Si innamorano velocemente l’uno dell’altra, ma Stephen ha un grande segreto. Farà fuggire Trinity se lei lo scoprisse?

Età: 18+

 

Solo tua di Luci Fer è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Trama

Trinity è molto in gamba nel suo lavoro, ma questo non significa che sia sempre facile. Al bar, dopo una dura giornata in ufficio, incontra Stephen Gotti: gentiluomo fuori, insaziabile in camera da letto. Si innamorano velocemente l'uno dell'altra, ma Stephen ha un grande segreto. Farà fuggire Trinity se lei lo scoprisse?

Età: 18+

Autore originale: Luci Fer

Nota: questa storia è la versione originale dell'autore e non ha l'audio.

Trinity

Era appena trascorsa un'altra lunga giornata nell'ufficio della Durham Real Estate, dove avevo lavorato negli ultimi dieci anni.

Avevo iniziato lì alla giovane età di sedici anni, lavorando alla reception nei fine settimana per fare un po' di soldi extra e poi per mantenermi al college.

Dopo aver completato con successo il mio master in Sviluppo immobiliare, ero diventata la nuova Business Management Developer ed ero pronta ad affrontare la nuova avventura per cui avevo lavorato con tanto impegno.

Un'ombra che passava davanti alla porta distolse la mia attenzione dal portatile, quando realizzai che era ormai sera e che tutti stavano uscendo. Guardando velocemente il mio orologio, mi chiesi dove fosse volata la giornata e visto che erano le sette, decisi di iniziare a ritirare il portatile e di tornare a casa.

Indossando il cappotto, mi diressi verso la mia auto nell'aria fresca di Chicago, quando il mio telefono iniziò a squillare.

Cercando nella borsa, tirai fuori il cellulare controllando velocemente l'ID chiamante e vidi che era il mio migliore amico Luke che, siamo onesti, probabilmente si stava trascinando via da una lunga giornata di lavoro, come me.

Aperta la chiamata, non riuscii a dire una parola prima di lui. “Ti prego, dimmi che andiamo ancora a bere qualcosa stasera. Non crederai a cosa è successo all'appuntamento da cui sono appena tornato”.

“Se si tratta di un proprietario che chiedeva lo sfratto di un inquilino perché aveva un animale domestico non approvato che occupava la proprietà, allora immagino che sia abbastanza simile alla mia giornata. Ci vediamo da Gilhooley's tra venti minuti? Sto salendo in macchina adesso”.

“No, ma c'è di mezzo un proprietario che ha rinunciato alla gestione perché voleva duecentocinquanta dollari a settimana oltre il valore di mercato. E, come se non bastasse, mi dicono che sono io l'agente di merda per non aver ottenuto l'incarico per loro. Ci vediamo tra venti minuti”.

Roteai gli occhi con una risata sommessa; conoscevo fin troppo bene le sfide di un agente immobiliare di Chicago. Mi immisi lentamente nel traffico, dirigendomi verso Gilhooley's per incontrare Luke.

Dopo aver trovato un parcheggio non troppo lontano dal nostro pub preferito, entrai e scrutai velocemente il bar, per scoprire che ero arrivata prima di Luke.

Togliendomi il cappotto, occupai il nostro solito tavolo e mandai un messaggio a Luke per scoprire cosa voleva da bere.

Naturalmente, essendo lui uno che si gode la vita, non rimasi sorpresa quando rispose “Jack Daniels con ghiaccio”.

Io e Luke avevamo vissuto insieme negli ultimi due anni, da quando Luke si era unito alla Durham Real Estate nel dipartimento di gestione delle proprietà.

La nostra connessione è stata immediata e la nostra era un'amicizia infrangibile già dall'inizio. Ho aiutato Luke a superare la perdita del suo più grande amore e l'isolamento di non essere accettato.

E in cambio Luke mi ha aiutato a ricostruire la fiducia in me stessa e la mia vita dopo aver trovato il mio fidanzato nel nostro letto con la sua assistente.

Mentre aspettavo l'arrivo di Luke, mi diressi verso il bar per prendere le nostre ordinazioni. “Cosa prendi stasera, Trinity? Il solito?”

“Buonasera, Gary, sì, grazie. Prenderò il solito Margarita e un Jack Daniels con ghiaccio per Luke, grazie”. Gary mi invitò a sedermi e disse che me li avrebbe portati a breve.

Lo ringraziai e gli diedi la mancia. Mi girai per tornare al nostro tavolo, senza guardare prima. All'improvviso mi ritrovo faccia a faccia con il petto più largo su cui abbia mai posato gli occhi.

Poggiandovi le mani per stabilizzarmi, non potei fare a meno di sentire la flessione dei forti muscoli sotto i miei polpastrelli e il sottile accenno della sua inebriante colonia.

Troppo velocemente divenni consapevole della presa delle sue forti dita sui miei fianchi nel tentativo di impedire a entrambi di perdere l'equilibrio. Guardai attentamente l'estraneo di cui avevo invaso lo spazio. “Mi dispiace…”

Quando i miei occhi incontrarono i suoi, non potei fare a meno di rimanere ipnotizzata dai meravigliosi oceani verdi che incontrarono il mio sguardo. “Nessun problema, bambola, stai bene? Non ti ho colpito troppo forte, vero?”.

“Niente affatto, mi scuso per non aver guardato prima di girarmi. Il mio nome è Trinity, grazie per il salvataggio…” Lo guardai aspettando il suo nome.

“Stephen. Stephen Gotti. È un piacere conoscerti, Trinity”.

Improvvisamente, mi resi conto che stavo ancora invadendo lo spazio di quest'uomo possente e feci un passo indietro. Tolsi le mani dal suo petto mascolino, anche se un po' controvoglia.

Stephen sfiorò delicatamente i miei fianchi con le dita mentre toglieva le mani, e sentii la pelle d'oca sulle braccia e un formicolio correre lungo la mia schiena. La voce roca di Stephen mi riportò alla realtà.

“Beh, è stato un piacere conoscerti Trinity, purtroppo ho dei soci d'affari che mi aspettano”.

Detto questo, Stephen si spostò in avanti; il suo respiro era un sussurro contro il mio collo, le sue labbra sfioravano appena la pelle sensibile sotto il mio orecchio mentre parlava…

“Ma non preoccuparti, bambola, ti rivedrò molto presto”. I suoi denti sfiorarono il guscio del mio orecchio mentre si allontanava, provocandomi la pelle d'oca.

Rimasi fissa sul posto mentre lo guardavo scomparire tra la folla crescente. Sentii il rossore sulla mia pelle salire fino al mio viso.

Chi è quell'uomo?

***

Mi sentivo ancora agitata dal mio incontro con Stephen quando Luke scivolò nel tavolo di fronte a me, prendendo il suo JD e bevendolo in un solo sorso.

Quando mi chiese se volevo un altro drink, quasi mi persi quello che aveva detto. “Eh? Oh, sì, grazie”. Luke alzò il sopracciglio chiedendomi se stavo bene. “Certo tesoro, lunga giornata, ma sto molto meglio dopo averti visto”.

Mostrai a Luke il mio miglior sorriso e gli feci un occhiolino sfacciato. Luke scivolò fuori dal tavolo, mi diede un rapido bacio sulla guancia e si diresse verso il bar.

Ero concentrata sulla televisione sopra il bar quando sentii come se qualcuno mi stesse guardando. Abbassai lentamente lo sguardo alla mia sinistra e trovai Stephen, seduto ad un tavolo in fondo a sinistra del bar, con due uomini altrettanto affascinanti, immersi nella conversazione.

Mentre gli altri uomini parlavano, notai che lo sguardo di Stephen era fisso su di me, i suoi occhi viaggiavano lungo il mio corpo fino a quando non mi guardò dritto negli occhi.

Mi sentivo in imbarazzo e iniziai a giocare con l'orlo del mio vestito, tirandolo un po' giù prima di girarmi di nuovo sulla sedia, mentre aspettavo il ritorno di Luke. “Cosa ti fa arrossire così tanto? Le tue guance sono rosso fuoco”.

“Niente. Stavo solo pensando, scusa tesoro, sono successe tante cose ultimamente”.

“Non dirlo a me. Ho ricevuto sei nuove gestioni questa settimana e non siamo ancora arrivati a mercoledì”.

Luke continuò a parlare della sua settimana e da qualche parte tra il rapporto sulle condizioni di entrata e quello di uscita mi spensi, scoprendo che la mia attenzione era tornata al profumo di Stephen mentre le sue mani forti afferravano i miei fianchi.

“Non so come hai fatto a fare questo lavoro per così tanto tempo senza perdere la tua sanità mentale. Trinity?”

“Merda! Scusa Luke, sono così distratta stasera”.

“C'è qualcosa di cui vuoi parlare?”

“Niente di importante, finiamo queste, prendiamo qualche altra bottiglia da portare a casa e ordiniamo del take away. Voglio solo togliermi questi vestiti e rilassarmi”.

“Ragazza, se non ti conoscessi così bene, giurerei che ci stai provando con me”. Ridemmo entrambi e finimmo l'ultimo dei nostri drink, prima di prepararci a uscire. Mentre mi alzavo per mettermi il cappotto, mi voltai casualmente a sinistra e notai l'attenzione di Stephen di nuovo rivolta a me. Presi la mia borsa e feci del mio meglio per sembrare indisturbata, mentre io e Luke ci dirigevamo verso l'uscita.

Per fortuna Gilhooley's distava solo dieci minuti di macchina dalla nostra villetta a schiera con tre camere da letto. Arrivando a casa, aprii la porta e mi tolsi i tacchi, sentendo un sollievo immediato ai piedi. “Fammi fare una doccia e togliere questi vestiti, poi ordinerò la cena”.

“Va bene tesoro, vuoi che ti versi un drink intanto?”

“Conosci troppo bene le donne. Giuro che è un crimine essere così bello e perfetto come te e poi non essere neanche lontanamente attratto dalle donne”.

Luke rilasciò una sonora risata buttando indietro la testa. “Per favore, donna! Sai che fisso quella pesca che hai al posto del culo ogni volta che posso”.

Lanciai il cuscino a Luke mentre ondeggiavo i fianchi facendogli un occhiolino impertinente da dietro la spalla. Uscii dal salone, dirigendomi direttamente verso il bagno per una doccia calda e rilassante.

Il resto della notte trascorse tranquillamente con i nostri soliti drink sul divano e la reciproca compagnia, prima di andare a letto.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

Trinity

La settimana volò via senza intoppi e dopo un lungo sabato di Porte Aperte io e Luke eravamo esausti e pronti a rilassarci. Mi sdraiai sul nostro divano e mi tolsi le scarpe, prima di bere un lungo sorso di vino. “Allora usciamo stasera. È passato troppo tempo dall'ultima volta che ci siamo divertiti un po' e sono decisamente in vena di ballare”.

“Sono mentalmente esausta per questa settimana, dobbiamo proprio?”

“Sì! La smetti di comportarti come se fossimo una coppia di mezza età con cinque gatti?”.

Sapeva che non ero una fan dei gatti e che avrebbe scatenato una reazione. “Prima di tutto, non saremo mai una coppia di mezza età, a meno che tu non includa Will e Grace in quella categoria, e in secondo luogo, con te non è mai solo un ballo, è una notte di completa dissolutezza!”

Quando Luke si affrettò a dire che non avevo altra scelta, non potei più discutere con lui. Misi però bene in chiaro che mi avrebbe prima offerto da mangiare.

Una volta in camera da letto, mi spogliai e mi diressi verso il mio bagno.

Dopo una lunga giornata l'acqua calda era rilassante per i miei muscoli ed ero grata per il momento di pace che la doccia portava.

Alla fine spensi l'acqua, mi asciugai i capelli creando delle onde sciolte con un po' di spray e, dopo essermi truccata un po' più del normale, mi infilai la vestaglia.

Dopo diversi minuti di procrastinazione scelsi uno dei vestiti preferiti di Luke, uno che, come piace dire a lui, “accentua tutti i punti giusti”. Afferrando la mia pochette, mi diressi verso il salotto. “Luke, sei pronto? Devo chiamare un Uber?”

“Sì, mi sto lavando i denti. Chiamalo subito, andiamo prima al Capulet”. Il Capulet è il cocktail bar preferito di Luke e un buon punto di partenza per entrare nel mood. Chiamai l'Uber e lo guardai dal telefono mentre si avvicinava rapidamente, urlando a Luke di sbrigarsi. Scese di corsa, allacciandosi la cintura, pronto a partire. Chiudemmo la porta a chiave e ci dirigemmo verso il nostro Uber, sistemandoci durante il breve tragitto fino al Capulet.

Arrivati al bar, ringraziammo il nostro autista e Luke mi aiutò a scendere dalla macchina prima di entrare.

Essendo sabato sera, il bar era già pieno dei soliti elegantoni: dirigenti d'azienda che finiscono la loro settimana con l'obbligatorio Martini o Single Malt in mano, la solita gente del college che spera di accaparrarsi uno sugar daddy e le misteriose persone della sezione VIP, clienti abituali con cui non osi avere un contatto visivo perché a volte è meglio fare finta di niente su alcune cose della vita.

Dopo aver ordinato i nostri drink, ispezionammo la sala alla ricerca di un tavolo dove poterci accomodare, mentre bevevamo per darci un po' di coraggio. Sfortunatamente, avendo deciso di uscire all'ultimo minuto, gli unici tavoli disponibili erano verso la sezione VIP, così ci dirigemmo verso uno degli ultimi posti liberi. “Giusto per essere chiari, ho intenzione di rimorchiare stasera”.

Risi ad alta voce per il suo solito comportamento, come se fosse uno shock per me. “Come se mi aspettassi qualcosa di meno da te, svergognato!”

“Ragazza, se puoi, prenditelo”. Disse bevendo un lungo sorso del suo drink e scrutando la sala in cerca di nuove prede. “Tesoro, non girarti, ma c'è un gran figo che ti guarda alla tua sinistra”.

Roteai gli occhi: “Luke, per favore! Lo dici sempre, e di solito per figo intendi un uomo di mezza età con il complesso di Peter Pan”.

“No, seriamente, se questo pezzo d'uomo mi stesse guardando con quella lussuria negli occhi, sarei già nudo. Fai finta di far cadere la borsa dal tavolo e guarda alle tue ore nove, lassù nella sezione VIP.” Quando dissi che non avevo intenzione di farlo, Luke insistette. “E dai, ragazza! Potresti assecondarmi per una volta?”.

“Ok, Luke”. Dissi un po' scocciata. Diedi una gomitata alla mia pochette, facendola cadere a terra. Mentre mi chinavo per raggiungerla e raccoglierla, alzai leggermente la testa cercando tra la folla, come mi aveva indicato Luke.

Improvvisamente, eccolo lì! Mi bloccai quando i miei occhi incontrarono i suoi. Stephen Gotti!

L'uomo che avevo incontrato da Gilhooley's all'inizio della settimana. Non potei fare a meno di fare un bel respiro mentre i miei occhi studiavano l'uomo delizioso che avevo già incontrato.

Quei muscoli rigonfi coperti di inchiostro mi fecero immediatamente girare la testa, ricordandomi la sensazione delle sue mani che afferravano i miei fianchi e il suo odore così buono.

Rendendomi conto che avevo cercato molto più a lungo di quanto avrei dovuto, sentii le mie guance diventare rosse mentre i miei occhi risalivano verso i suoi.

Quando trovai il suo sguardo ancora saldamente fisso sul mio, vidi un piccolo sorriso adornare le sue labbra lussuriose, prima che un occhiolino diabolico mi facesse saltare sulla sedia. Beccata!

Cercando disperatamente di salvare la faccia, raccolsi il mio drink e bevvi il resto, sentendomi la faccia bruciare. Non potevo credere di essermi fatta beccare così spudoratamente. “Fa improvvisamente caldo qui dentro o è una mia impressione? Hai bisogno di un altro drink? Io ho bisogno di un altro drink! Lasciami prendere qualcosa da bere”.

Saltai rapidamente su dalla sedia, facendo quasi cadere il tavolo e facendomi strada tra la folla che si stava formando, prima che Luke potesse dire una parola.

Una volta che mi sentii a distanza di sicurezza e lontana dallo sguardo ipnotico di Stephen, rallentai e respirai profondamente, cercando di rilassarmi.

Dopo aver aspettato diversi minuti in fila al bar per essere servita, stavo finalmente per ordinare, quando sentii una mano ferma sulla mia schiena e la leggera pressione di qualcuno appoggiato a me. “Segna i drink della signora sul mio conto, Dylan”.

Girandomi per vedere chi pensava di avere il diritto di fare una tale richiesta, fui immediatamente accolta da quelle bellissime orbite verdi e dal viso bruciante di Stephen.

Gli occhi di Stephen incontrarono i miei con un sorriso gentile e una carezza ancora più dolce sulla mia schiena, su cui la sua mano era ancora saldamente posizionata.

Tirando fuori quel poco di coraggio che avevo, mi girai per affrontare Stephen, che non fece alcuno sforzo per rimuovere la sua mano dalla mia schiena. “È stato molto carino da parte tua offrirti, Stephen, ma posso pagarmi da sola i miei drink, anche se il gesto è apprezzato”.

“Mi fa piacere vedere che ti sei ricordata, Trinity, credimi, perché io un nome come il tuo e quel bel viso non li ho dimenticati. E l'onore è tutto mio, cosa hai preso?”. Stephen si avvicinò di più a me e fui ancora una volta sopraffatta dall'odore di questo bellissimo uomo così vicino a me. Il suo profumo mi aveva ipnotizzata al punto che avevo quasi dimenticato quale fosse la sua domanda.

“Grazie, prendo un coca e Jack per il mio coinquilino e un margarita per me, per favore”. Stephen aggiunse il suo drink prima di ringraziare il barista. Quando si allontanò per occuparsi dei nostri drink, mi girai per ringraziare Stephen, per trovarlo più vicino a me che stava per parlare.

“Mi fa piacere sentire che l'uomo con te è solo il tuo coinquilino”. Avvicinandomi di più in modo che i nostri corpi fossero ora premuti l'uno contro l'altro, potevo sentire il suo respiro caldo sul mio collo. Mi sentivo svenire mentre il calore irradiava attraverso il mio corpo e afferrai delicatamente il braccio di Stephen come sostegno. “Ho detto che ti avrei rivisto presto, ma non pensavo che saresti stata ancora più mozzafiato”.

Le sue labbra sfiorarono il mio orecchio e mentre sentivo un formicolio al cuore, una vampata di calore mi investì. “È molto dolce da parte tua, Stephen, devo ammettere che anche tu sei piuttosto bello, anche se sono sicura che tu lo sappia già, dato che mi hai beccato palesemente a fissarti poco fa”.

Gli occhi di Stephen si illuminarono e un sorriso malizioso si diffuse sulle sue labbra; i suoi occhi si posarono inavvertitamente sui miei.

Mi ritrovai istintivamente a leccarmi le labbra, facendo sì che la sua mano ancora saldamente posizionata sulla mia schiena stringesse di più contro il tessuto trasparente del mio vestito.

“Se posso essere così schietto, e spero non invadente, tu e il tuo coinquilino vorreste unirvi a noi? Mi piacerebbe passare più tempo con voi e conoscervi meglio, Trinity”.

“Fammi parlare con Luke, ma direi che piacerebbe anche a me, Stephen”. Nel momento in cui risposi, sentii il braccio di Stephen stringersi più forte intorno alla mia schiena e sorprendentemente non mi dispiacque. C'era qualcosa in quell'uomo che mi aveva attratto e non mi imbarazzava certo ammettere che volevo scoprire di più su di lui.

Il barista tornò con i nostri drink e, dopo aver ringraziato di nuovo lui e Stephen, presi i miei drink e quelli di Luke e cominciai a camminare verso il nostro tavolo.

Ero consapevole che Stephen camminava da vicino dietro di me, ancora di più quando la sua mano rimase sulla mia schiena, come se volesse mettere in guardia eventuali pretendenti indesiderati.

Mentre ci avvicinavamo al tavolo, vidi Luke immerso in una conversazione con uno dei nostri colleghi di lavoro e non si accorse del mio ritorno finché non fummo proprio davanti a loro.

Posai il drink di Luke davanti a lui, distogliendo la sua attenzione dalla conversazione. “Ragazza, sei tornata. Oh, chi è questo fusto? Ciao, io sono Luke e sono molto felice di conoscerti”.

Risi al palese tentativo di rimorchio di Luke, facendomi da parte per presentare Stephen.

“Luke questo è Stephen, ci siamo incontrati all'inizio della settimana da Gilhooley's, mentre ti stavo aspettando, e Stephen, questo è Luke, il mio coinquilino e anche il mio esagerato migliore amico”.

Luke e Stephen si strinsero la mano e si scambiarono i convenevoli. “E Stephen, questo è Matt, Matt lavora con noi nel reparto vendite”.

Matt aggiunse che lui e Stephen si conoscevano già perché Matt gli aveva venduto la sua proprietà a Bunya Pine l'anno scorso.

“È un piacere rivederti, Matt. Ho invitato Trinity a unirsi a me e ai miei soci al nostro stand, se anche voi signori volete unirvi”.

“Non me lo faccio ripetere, arriviamo”. Luke fu veloce a rispondere e ad alzarsi. Raccogliemmo i nostri drink e iniziammo a seguire Stephen fino al suo posto.

Quando Stephen prese la mia mano nella sua, mentre ci faceva strada, sentii Luke darmi una gomitata e mi girai per vedere sia lui che Matt farmi l'occhiolino.

Roteai gli occhi, il che mi fece guadagnare solo un silenzioso “Fattelo!” da parte di Luke.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

L’accordo

Xavier Knight conosce con certezza le due cose che fanno impazzire una ragazza: le auto veloci e il denaro. Lui le ha entrambe. Quando uno scandalo lo costringe a un matrimonio combinato con Angela Carson, una nullità senza il becco di un quattrino, lui dà per scontato che lei sia solamente una ragazza a caccia di dote — e giura di punirla per questo.

Ma le apparenze ingannano e, a volte, due poli opposti non sono poi così diversi da come appaiono…

Età: +18

Rapita dall’alfa

Scosto lentamente la tenda dalla finestra e guardo fuori sulla strada. Si sta facendo buio, la luna illumina il marciapiede deserto. A qualsiasi altro occhio, la scena potrebbe apparire innocua, persino serena.

Tutte le porte sono chiuse, le tende tirate. I loro cancelli sono sbarrati e i loro bambini sono al sicuro all’interno. Ma tutti sono in allerta, come ogni notte…

Età: 18+

La chiamata dell’alfa

Lyla si reca alla riunione del branco in Missisipi senza sperare di trovare il proprio compagno predestinato. Ultimamente, infatti, è raro che i lupi vengano accoppiati durante il rituale e, onestamente, Lyla preferirebbe continuare a frequentare il suo ragazzo attuale, che conosce da sempre.

Quando la cerimonia di accoppiamento inizia, Lyla segue l’ululato che le mostrerà il suo vero compagno, che si rivelerà essere Sebastian, l’alfa reale. Accetterà quindi il suo destino come luna reale oppure sceglierà di rimanere con il ragazzo della porta accanto che ancora occupa uno spazio nel suo cuore?

Età: 18+

La fine del mondo

Savannah Madis era un’aspirante cantante felice e spumeggiante, questo prima che la sua famiglia morisse in un incidente d’auto. Dopo quel momento, si ritrova in una nuova città, in una nuova scuola e, come se non bastasse, deve avere a che fare con Damon Hanley, il bullo della scuola. Damon è completamente confuso da lei: chi è questa ragazza dalla bocca larga che lo sorprende in continuazione? Non riesce a togliersela dalla testa e, per quanto odi ammetterlo, Savannah prova la stessa cosa per lui! Si fanno sentire vivi a vicenda. Ma sarà abbastanza?

Età: 18+ (Contenuto sessuale, violenza)

I Lupi del Millennio

Sienna è una lupa mannara di diciannove anni che nasconde un segreto: è ancora vergine. L’unica vergine del branco. È decisa a superare anche il periodo di calore di quest’anno senza cedere ai suoi impulsi primordiali, ma quando incontra Aiden, l’Alfa, si dimentica del tutto del suo autocontrollo.

Età: 18+

Un errore meraviglioso

Dopo che gli amici di Kyla la convincono a riprendersi con un’avventura di una notte dall’ex fidanzato che l’aveva tradita, lei è sicura di aver eliminato l’amore e la lussuria da sé stessa per sempre. Ora può concentrarsi sulla sua carriera di assistente marketing. Ma ancora non sa che il bello sconosciuto che ha appena sconvolto il suo mondo è il suo nuovo capo. Kyla decide di mantenere la loro relazione professionale, ma il suo capo miliardario non si scoraggia facilmente…

Età: 18+

Jack in the Box

L’infermiera Riley è stata assegnata a uno dei pazienti più famosi del reparto psichiatrico: Jackson Wolfe. E si dà il caso che lui sia sexy da morire, il che è ironico considerando che tutti intorno a lui sembrano morire. Mentre Jackson attira Riley con il suo fascino, lei può capire chi è l’assassino… o è proprio l’uomo di cui si sta innamorando?

Età: 18+

La bella e l’alfa Grayson

Belle non è al corrente dell’esistenza dei mutaforma. Su un aereo per Parigi incontra l’Alfa Grayson, che pretende che lei gli appartenga. L’alfa possessivo marchia Belle e la porta nella sua suite, dove lei cerca disperatamente di combattere la passione che sta crescendo tra di loro.

Belle si lascerà vincere dai suoi desideri o riuscirà a resistere?

Età: 16+