logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

La fine del mondo

Savannah Madis era un’aspirante cantante felice e spumeggiante, questo prima che la sua famiglia morisse in un incidente d’auto. Dopo quel momento, si ritrova in una nuova città, in una nuova scuola e, come se non bastasse, deve avere a che fare con Damon Hanley, il bullo della scuola. Damon è completamente confuso da lei: chi è questa ragazza dalla bocca larga che lo sorprende in continuazione? Non riesce a togliersela dalla testa e, per quanto odi ammetterlo, Savannah prova la stessa cosa per lui! Si fanno sentire vivi a vicenda. Ma sarà abbastanza?

Età: 18+ (Contenuto sessuale, violenza)

 

La fine del mondo di Emily Writes è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Trama

Savannah Madis era un'aspirante cantante felice e spumeggiante, questo prima che la sua famiglia morisse in un incidente d'auto. Dopo quel momento, si ritrova in una nuova città, in una nuova scuola e, come se non bastasse, deve avere a che fare con Damon Hanley, il bullo della scuola. Damon è completamente confuso da lei: chi è questa ragazza dalla bocca larga che lo sorprende in continuazione? Non riesce a togliersela dalla testa e, per quanto odi ammetterlo, Savannah prova la stessa cosa per lui! Si fanno sentire vivi a vicenda. Ma sarà abbastanza?

Età: 18+ (Contenuto sessuale, violenza)

Attenzione: questo libro contiene materiale per molti considerato disturbante.

Da leggere a discrezione del lettore.

Autore originale: Emily Writes

Nota: questa storia è la versione originale dell'autore e non ha l'audio.

Savannah

“Datevi una mossa, ragazze, andiamo, andiamo”.

L'allenatore Kline soffiò nel suo fischietto, facendo indietreggiare le persone più vicine a lui a causa del suono stridulo.

La sua maglietta sportiva grigia pendeva dalla sua pancia da birra, con dei pantaloncini da basket bianchi e blu un po' troppo corti e stretti.

La sua aria da attore porno degli anni '70 era comica.

Ero sicura che usasse un pettine per capelli e probabilmente ci mettesse sopra la crema solare come fanno i pervertiti.

Sprigionava quel tipo di vibrazioni.

Batté le mani e tutti noi uscimmo dalla pista e ci dirigemmo di nuovo verso gli spogliatoi, entrando uno a uno.

I blocchi di cemento bianchi spianavano la strada e le piastrelle blu coprivano il pavimento.

L'emblema del lupo dipinto sul muro dimostrava lo spirito scolastico, ma quel posto di merda di spirito non me ne dava nemmeno un po'.

Almeno non ancora.

Sudata e schifata dall'esercizio fisico forzato e dal caldo soffocante, ero pronta per una doccia.

Agosto è uno dei mesi più caldi e vivere sulla costa non aiutava.

Era la terza settimana di scuola e ancora non ero parte della massa.

Riuscivo ancora a presentarmi come la novellina..

Se non era lo sbagliare i nomi degli insegnanti o qualcos'altro che mi segnalasse, erano gli sguardi interrogativi, i commenti sprezzanti e i pettegolezzi su chi ero e perché io e Percy eravamo inseparabili.

Nessuno di loro si preoccupava di farsi gli affari propri, ma ehi, quello era il liceo.

Avanzando nello spogliatoio, presi i miei vestiti e cercai di capire quella serratura idiota fornita dalla scuola, prima di rinunciare per il quindicesimo giorno di fila e dirigermi verso le docce.

Le serrature erano troppo complicate e anche se avrebbero dovuto essere semplici, non lo erano.

Percy me l'aveva spiegato e giuro che riuscivo a capirlo quando lui guardava, ma non riuscivo mai a far funzionare bene il mio armadietto, non importava quanto duramente e quanto a lungo ci provassi.

Arrivai in ritardo a lezione già un paio di volte a causa di questo, ricevendo due cartellini di ritardo. Non era ancora passato nemmeno un mese di scuola.

Inghiottendo la mia irritazione, non vedevo l'ora di finire, di uscire dal liceo e di farla finita con quella merda.

Chi non riesce a far scattare una cazzo di serratura nel modo giusto?!

Ovviamente io.

Odiavo la ginnastica, non solo per l'attività fisica, che detestavo completamente, ma perché era l'unica classe in cui venivamo separati.

Percy era mio cugino, il mio unico amico nella scuola. Non che stessi cercando di farmene altri, era solo più facile avere qualcuno dalla tua parte. Lui cercava di aiutarmi.

Faceva davvero del suo meglio.

Passando dietro la tenda della doccia beige fluorescente che era grande la metà di quanto avrebbe dovuto essere, aprii l'acqua e mi spogliai in quella che chiamavano privacy.

Svestendomi velocemente e nascondendomi dalla vista del resto delle ragazze, cercai di concentrarmi per finire al più presto.

Mentre mi insaponavo e sciacquavo il sudore dal corpo, il resto delle ragazze se ne andò.

La stanza si riempì di silenzio e, anche se mi piaceva stare da sola, era un brutto segno.

Avrei fatto di nuovo tardi se non mi fossi sbrigata.

Finii la mia doccia in altri tre minuti e girai le manopole cromate per chiudere l'acqua.

Cercando il mio asciugamano, non trovai nulla.

Una fiammata di panico mi invase.

Niente sullo sgabello alla base del pannello esterno, niente sul piccolo gancio accanto all'apertura.

Niente.

Tirando indietro la tenda della doccia e spingendola al petto mi guardai intorno, non vedendo nessuno dei miei vestiti e nessun altro in giro.

Dove cazzo sono i miei vestiti?

Sentii il panico iniziare a scorrere nelle mie vene e mangiarmi viva.

Forse qualcuno li aveva visti sul pavimento e li aveva riportati nel mio armadietto?

Sperando con tutto il cuore che fosse così, strappai la tenda della doccia dai suoi chiari anelli bianchi e mi ci avvolsi dentro.

Perlustrando lo spogliatoio, non trovai traccia di nessuna delle mie cose.

Non c'era niente nel mio armadietto: niente borsa della palestra, niente scarpe, reggiseno, mutandine, spazzola per capelli, niente.

Sapevo che qualcuno doveva averli presi, molto probabilmente le ragazze snob che mi avevano mandato sguardi d'odio dal primo giorno.

Controllai i bidoni della spazzatura, pregando che li avessero solo buttati via, ma la mia fortuna era una merda.

Girando velocemente l'angolo, cercai ovunque, anche tirando su armadietti a caso sperando di trovarne uno aperto così da poter prendere in prestito qualche vestito.

Ma ovviamente la mia fortuna era peggio della mia vita in quel momento e non trovai nulla.

Battendo la testa sull'armadietto, maledicendo la mia stessa esistenza, capii qual era la mia unica opzione, e non era bella.

Stringendo ancora di più la tenda della doccia intorno a me e assicurandomi che la parte superiore, centrale e inferiore fossero abbastanza coperte, feci una corsa.

Muovendomi il più velocemente possibile, corsi su per la breve serie di scale fino al primo piano della scuola.

Corsi lungo il corridoio vuoto fino ad arrivare allo spogliatoio dei ragazzi e passare attraverso le porte.

Per fortuna non c'era nessuno lì; le lezioni erano in corso ed ero sicura che Percy si stesse chiedendo dove diavolo fossi finita.

Pregando per qualche colpo di fortuna, qualche tipo di piccola benedizione, come il fatto che quegli armadietti fossero etichettati con i nomi di ognuno proprio come quelli delle ragazze, mi mossi attraverso le file cercando il nome di Percy.

Lo trovai finalmente alla seconda fila.

Combattei con la serratura, di nuovo.

Non riuscii ad aprirlo!

Le lacrime mi bruciarono gli occhi e mi macchiarono la guancia, sentivo la mancanza di speranza affondare nelle mie ossa.

Piangere, avvolta nella tenda della doccia, dopo essermi introdotta nello spogliatoio dei ragazzi doveva essere un record storico.

Cos'altro avrebbe mai potuto superare una cosa del genere?

Alzai lo sguardo, per maledire Dio per avermi permesso di essere ancora viva, ma colsi un dettaglio nel blu e nell'argento.

Con la coda dell'occhio notai un armadietto senza uno stupido lucchetto appeso, con quelli che sembravano essere vestiti infilati al suo interno.

Cos'altro avrebbe mai potuto superare una cosa del genere, chiedevo?

Rubare a uno sconosciuto innocente.

Questo è quanto.

Trattenendo il respiro, scivolai davanti e lo aprii, strappando i vestiti e dandogli un'occhiata.

Una maglietta e un pantaloncino da basket, anche un paio di scarpe da ginnastica, grazie a Dio!

Grandi, ma sarebbero andati bene.

Portando le mie nuove scoperte alle docce dei ragazzi, mi vestii in una folle corsa contro il tempo per coprirmi con dei vestiti veri, anche se non erano i miei.

Sapendo che la mia giacca era nel mio vero armadietto al sicuro, non mi dispiacque rimanere senza reggiseno fino ad allora.

Avere le tette grandi faceva schifo.

Se non indossavo un reggiseno era molto evidente.

Non che pendessero molto in basso o altro, era solo che… tette grandi, grandi problemi.

Risolto il problema, provai rimorso.

Non potevo rubare i vestiti di uno sconosciuto.

Mio zio era il vice sceriffo, per la miseria.

Ma ne avessi avuto la necessità?

Quindi li prendo in prestito?

Indossali fino a casa, puliscili e restituiscili.

Sentendomi meglio arrivata a questo risultato, tornai all'armadietto, presi la pagina strappata dallo scaffale in alto e la penna gettata sul fondo per scrivere un messaggio.

“Ho preso in prestito i vestiti da ginnastica. Scusa”.

Stavo per mettere il mio nome, ma pensai che sarebbe stato meglio restituirli senza che nessuno lo sapesse.

Ficcandolo nella parte superiore, lo lasciai appeso al piccolo gancio in modo da essere certa che chiunque fosse il proprietario, lo avrebbe visto.

Chiudendo l'armadietto, memorizzai il nome dipinto sul davanti così avrei saputo a chi restituirli, insieme a un biglietto di ringraziamento e probabilmente un buono regalo o qualcosa del genere.

Mi sentivo di merda per averli presi.

Anche con la pura intenzione di restituirli, mi sentivo comunque una ladra.

“Mi dispiace D. Henley”, sussurrai nel silenzio, lasciando lo spogliatoio e quella piccola debacle dietro di me.

Quando arrivai al mio vero armadietto suonò la campana e le classi si riversarono nei corridoi.

Si riempì di ragazzi della mia età e gli sguardi di traverso mi misero a disagio.

Con le braccia al petto, mi affrettai ad aprire la porta del mio armadietto e mi infilai la giacca per nascondere le tette.

“Dove… cosa stai indossando? Cos'è successo?” Percy mi lanciò uno sguardo preoccupato.

I suoi capelli biondi lisci gli ondeggiavano in faccia e i suoi caldi occhi marroni mi studiavano, cercando qualsiasi segno di preoccupazione.

“Credo che quelle maledette Barbie abbiano rubato le mie cose. Ho dovuto usare una tenda della doccia per coprirmi, poi ho pensato che avrei potuto indossare i tuoi vestiti da ginnastica ma non sono riuscita ad aprire la tua stupida serratura”.

“Per fortuna ho trovato questi nell'armadietto di una persona a caso”.

Passai le dita tra i miei lunghi capelli color miele, nascondendone una ciocca dal viso mentre mi preparavo per l'ultima lezione del giorno.

“Aspetta, hai corso nuda per la scuola e sei entrata nello spogliatoio dei ragazzi? Di chi sono i vestiti che indossi?” Le sue sopracciglia si aggrottarono.

La campana suonò, dicendoci di andare avanti.

Scuotendo la testa, Percy e io ci incamminammo verso la classe.

Lui un po' davanti a me, mentre continuava a parlare del lavoro che avrei dovuto fare.

La seguente ora e mezza passò lentamente, a velocità di lumaca.

Camminammo poi verso casa come ogni giorno, con i ragazzi della scuola che guidavano che ci sfrecciavano davanti.

“Sai che posso andare e tornare da scuola a piedi da sola. So che ti manca guidare, non devi rinunciarci per me”.

Il sole picchiava su di noi, facendoci sudare e sventolare i nostri volti con una cartelletta.

Guardando la strada, potevamo vedere il calore sibilare dai marciapiedi.

Percy aveva una macchina, una patente e un parcheggio a scuola che aveva pagato.

“Va bene, Van. Camminare fa bene a entrambi”. Mi diede una gomitata.

So che voleva solo essere gentile.

Gli mancava la sua macchina e la guida.

Ma dato che per salvarmi la vita non sarei mai più salita su un veicolo, aveva deciso di assecondare la mia follia per aiutarmi a sentirmi meglio e non stare da sola.

Non ero sempre stata così.

Ma cinque mesi prima la mia vita era cambiata.

Un giorno eravamo andati a fare un giro in macchina, solo per andare al cinema e aveva iniziato a piovere.

Lo pneumatico del lato passeggero era scoppiato, facendoci finire in una pozzanghera profonda. Andammo in idroplano e finimmo fuori dalla strada e giù nel fiume sottostante.

Papà morì sul colpo.

Mamma tirò fuori me e Morgan dall'auto ma fu poi trascinata via dalla corrente e annegò.

Morgan morì di polmonite in ospedale una settimana dopo.

Mi svegliai due settimane dopo ancora per scoprire che la mia famiglia non c'era più.

Percy e suo padre, lo zio Jonah, erano tutto ciò che mi era rimasto.

Un incidente d'auto fu peggio dell'apocalisse per me.

Era solo… il mio mondo che finiva.

La vita continua, però.

Le persone tornano a ridere e sorridere, a pianificare il futuro e a essere felici, ma non io.

Non avevo più sorriso o riso da allora.

Nella terapia assegnata dal tribunale a cui ero costretta a partecipare, ci stavamo lavorando.

Ma come potevo ridere quando la risata di Morgan che un tempo era così contagiosa ora era persa per sempre?

Come potevo sorridere quando il sorriso di mamma illuminava la stanza e mi faceva sempre sentire calda?

Cosa c'è da ridere senza le battute ridicolmente sdolcinate di papà che mi facevano gemere e roteare gli occhi, che mi mancavano più di ogni altra cosa al mondo?

“Mi dispiace che tu abbia avuto una giornata di merda, la pizza la migliorerebbe?” Percy digitò il codice alla porta d'ingresso, lasciando che si sbloccasse e si aprisse.

L'aria condizionata fresca ci colpì come un pupazzo di neve che lanciava baci verso di noi.

La casa dello zio Jonah era bella, e in quel momento era anche la mia, come gli piaceva ricordarmi.

Più piccola della casa della mia famiglia, ma dato che erano solo Percy e mio zio, non avevano bisogno di molto.

Una semplice casa a due piani in mattoni bianchi con una piscina sul retro e un bel portico sul davanti, sul quale mio zio aveva fatto mettere un'altalena per me.

Si trovava in un bel quartiere, non soffocante come una serie di vicoletti né ricco come una zona residenziale esclusiva.

La nostra casa era l'unica nella strada senza uscita, ma altre case erano sparse lungo la strada; potevamo vederle dal portico anteriore.

“La pizza rende tutto migliore”. Dopo aver roteato gli occhi mi diressi al piano di sopra.

Gettando a terra la mia borsa e spogliandomi dei vestiti dell'estraneo, mi misi in pigiama.

Infilare un reggiseno e delle mutandine mi aveva fatto sentire di nuovo umana.

La mia maglietta nera Odyssey pendeva dal mio petto e non mi dava alcuna forma.

I miei semplici pantaloncini neri da ragazzo erano abbastanza lunghi lungo la coscia da coprire i segni di autolesionismo che ne cospargevano la parte superiore.

Gettando la maglietta e i pantaloncini dello sconosciuto nella lavatrice, mi assicurai di aggiungere del sapone extra in modo che avessero un buon odore di pulito per quando li avrei restituiti.

Diedi una lucidata alle scarpe blu e nere e le asciugai.

“Pensi che dovrei comprare una carta regalo per, tipo, un negozio o solo per, non so, una stazione di servizio? Dovrebbe essere la cosa più sicura, giusto?”

Percy mise in pausa il suo gioco, sedendosi sul divano grigio che incorniciava il soggiorno.

Lo schermo piatto era appeso al muro di fronte a noi come un radiofaro.

“Di chi sono i vestiti che hai preso? Probabilmente conosco gli altri abbastanza bene per aiutarti”.

Si mise in bocca un Cheeto e mi porse il sacchetto mentre mi sedetti accanto a lui.

“Uh… cazzo, penso di essermene dimenticata”. La mia mente ebbe un vuoto sulla targhetta del nome, facendo ridere e scuotere la testa a Percy.

Un fatto divertente sull'aver avuto un trauma cranico: la perdita di memoria.

Stabilire la gravità o la possibilità che sia a breve o a lungo termine, è come cercare un ago in un pagliaio

La mia era abbastanza buona. Non era come se fossi Tom Dieci Secondi di 50 First Dates o qualcosa del genere.

Era solo più difficile per me conservare piccoli frammenti di informazioni, mentre prima avevo la memoria di un elefante.

Dimenticavo facilmente le conversazioni, studiare era più difficile, dimenticavo le cose di cui avevo bisogno se non facevo una lista e imparare il nome di qualcuno era esageratamente difficile.

E non era tutto. Avevo attacchi improvvisi di rabbia incontrollabile, incubi ed emicranie nauseanti.

Battere la testa sul finestrino dell'auto andando a 75 miglia all'ora causa problemi.

Chi l'avrebbe mai detto, vero?

Sono stata anche sott'acqua per un po', qualcosa nella mancanza di ossigeno aveva incasinato il mio cervello.

“Ti verrà in mente, non preoccuparti. Dov'era rispetto al mio armadietto?” Sgranocchiò una manciata di patatine.

Usando le mani, gli mostrai come era sistemato il corridoio.

“Non lo so nemmeno io. Il tuo armadietto è qui, penso che il suo armadietto sia rivolto verso l'esterno e forse il quarto?” Presi anch'io una manciata di patatine e lo lasciai pensare.

“Io dico di prendere il buono acquisto dal benzinaio, probabilmente è l'armadietto di Noah, Patrick o Zack. Aspetta, no, hai detto che non c'era la serratura?”

I suoi occhi marroni si allargarono con preoccupazione quando capì di chi doveva essere l'armadietto.

Annuendo con la testa, gettò a terra il suo controller e si alzò.

“Era D. Henley?” La sua voce mi pregava di dire di no, ma il nome suonava bene ed ero abbastanza sicura che fosse esattamente quello.

“Non lo so, forse? Forse no”. Alzai un sopracciglio su di lui e mi chiesi perché sembrasse così spaventato all'improvviso.

Il suo viso impallidì visibilmente e tutto il colore svanì.

“Non ti ha visto nessuno, vero?” Si chinò di fronte a me, arrivando all'altezza degli occhi.

“Certo che no, ero avvolta nella tenda della doccia”. Non capivo il motivo di tanta preoccupazione.

Si portò una mano al viso e la infilò tra i capelli, sospirando.

“Dimenticati di restituirli finché non scopro da chi li hai presi e non dire mai a nessuno cosa è successo. Nemmeno a papà, ok?”

Annuendo, si rimise in piedi, camminando dalla sala da pranzo al centro del soggiorno.

“Ho, tipo, rotto l'armadietto del figlio del sindaco o qualcosa del genere?” La mia curiosità si fece sentire.

Percy si fermò, facendo una risatina secca.

“Più che altro il figlio del diavolo. Damon Henley è il figlio di Lucien Henley, il capo della banda del clan di motociclisti con cui papà litiga sempre”.

“Se riesce ad arrestare uno di loro, succede sempre qualcosa, o il caso viene respinto o le prove spariscono, i testimoni spariscono… ne escono sempre”.

Scosse la testa. Prima che io potessi chiedere altro, lo zio Jonah entrò dalla porta con tre scatole di pizza extra large e un sorriso stanco sulle labbra.

“Ehi ragazzi, come stanno le mie truppe?”

La sua voce era leggera, ma potevo sentire la stanchezza e lo stress che pendevano alle estremità.

Proprio come mio padre, lo zio Jonah faceva del suo meglio per nascondere i problemi da adulti ai suoi figli.

Mi sentivo ancora peggio.

Ora dovevamo limitare i danni prima che facessi incazzare una banda di motociclisti.

Grande.

Proprio quello di cui abbiamo bisogno.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

Savannah

Percy e io avevamo tenuto nascosta quella piccola disavventura per i due giorni successivi.

Cercò di capire di chi fosse l'armadietto in cui avevo fatto irruzione e come poter restituire i vestiti, se fossero stati di quel Damon Henley.

Dato che lui era il figlio del re dei motociclisti e c'è una guerra in corso con la polizia e io ero la nipote del vice sceriffo, non sarebbe stato il massimo, così disse Percy.

Il terzo giorno immagino che avrei dovuto semplicemente affrontarlo e superare qualsiasi ostacolo quel Damon avesse voluto gettare sulla mia strada.

Due ore prima di alzarci normalmente per la scuola sgattaiolai fuori di casa e camminai fino alla stazione di servizio a pochi isolati di distanza.

Comprare un buono regalo per la benzina alle quattro del mattino mi procurò uno sguardo strano da parte della cassiera.

Tornare a casa in meno di trenta minuti e rientrare di nascosto fu così facile che pensai di parlare con lo zio Jonah del fatto che il sistema di sicurezza fosse una merda.

Avevo scritto una lettera di ringraziamento senza nome per chiedere scusa per aver “preso in prestito senza chiedere” i suoi vestiti e le sue scarpe.

E ringraziandolo per aver lasciato il lucchetto aperto in modo da poterli usare nel momento del bisogno.

Avevo preso il buono acquisto dal benzinaio come ringraziamento.

Stirai anche i vestiti e li misi in una scatola di velluto nero a cui legai un nastro blu per far sembrare che ci avessi messo una cura extra.

Volevo assicurarmi che quel ragazzo sapesse che non stavo rubando; era una vera emergenza e gli ero grata.

Lo nascosi nel mio zaino e quando Percy e io arrivammo a scuola gli chiesi di indicarmi Damon Henley.

Gli dissi che era per assicurarmi di stargli lontano.

Credendo alla bugia, lo fece.

“Ok, non guardare ancora, ma quello al centro con i capelli neri. Il più alto vicino al bagno”.

Indicò con nonchalance senza effettivamente girarsi per indicarmelo.

Facendo finta di guardare in giro per il corridoio, i miei occhi osservarono il ragazzo con cui avevo bisogno di parlare.

Percy parlava di Damon come se fosse legittimamente l'erede di Lucifero e guardandolo potevo collegare alcune verità che mi facevano quasi venire voglia di ridere.

Dicono che Lucifero era il migliore, l'angelo più glorioso e bello del cielo, e guardando questo Damon Henley, notai che c'era della verità in questo.

Damon, dolce bambino Gesù.

Sembrava un angelo caduto in pelle nera e jeans strappati.

I suoi capelli neri come l'inchiostro erano tirati indietro con il gel che li teneva lontani dal suo viso… la lunghezza era come qualcosa uscito da un sogno bagnato…

Perfettamente lunghi, abbastanza da farti venire voglia di giocarci, gli davano questo aspetto da cattivo ragazzo che fuma sotto le gradinate.

I tatuaggi fuoriuscivano dallo scollo a V bianco che mostrava le spalle cesellate e la clavicola.

Non avevo mai pensato che un collo potesse essere sexy, ma vedendo Damon girarsi a guardare il ragazzo accanto a lui, e i tatuaggi che erano a scacchi lungo di esso, è stato come se le mie mutandine venissero disintegrate.

In tutti i miei diciassette anni e mezzo di vita non avevo mai visto un essere umano così fottutamente bello.

Dovrebbe essere illegale.

E quando si pettinava i capelli con le dita, lasciando larghe strisce attraverso di essi e quell'onda quasi spettinata, rimanevo incantata.

Crescendo, avevo iniziato a notare i ragazzi molto presto.

A dieci anni mi ero messa nei guai per aver giocato al gioco della bottiglia e a tredici “obbligo o verità” era il mio gioco preferito.

Mi piace il genere maschile.

Non ero mai uscita con nessuno seriamente né ero andata fino in fondo, ma avevo il sangue caldo, come mia madre cercava di spiegare.

Diceva che ero troppo impulsiva e che avevo bisogno di pensare alle cose prima di farle.

Avevo sempre accettato le sfide, mi ero rotta alcune ossa e mi ero messa nei guai abbastanza spesso, crescendo.

Nelle estati in cui Percy e io passavamo una quantità infinita di tempo insieme, lui finiva spesso in mezzo, però mi assicuravo che non avesse mai la colpa.

Non mi ero mai sentita così però, mai.

Damon era grondante di sex appeal e io volevo essere una spugna per assorbirlo tutto.

“Ehi, Terra chiama Van”. Disse Percy schioccando le dita davanti alla mia faccia, facendomi ricadere nella mia dura e crudele realtà.

“Oh no”, sussurrai, dando a Percy uno sguardo che gli fece sbattere il libro di testo sulla fronte.

“No, cattiva Vannah! Assolutamente no”. Mi afferrò il braccio e mi tirò via dal corridoio.

Mi spinse nella sala da pranzo al mio posto.

“Non farlo, e dico sul serio. Non provare a fare niente con lui. Lui è male”.

So che era serio, ed era ridicolo quanto stesse cercando di convincermi a stare lontana.

Se fosse successo sei mesi fa, se fossi stata la stessa persona di allora, mi sarei avvicinata a lui e avrei iniziato a parlare.

Una volta ero in grado di fare immediatamente amicizia ogni volta che entravo nella stanza.

Ero un sacco di cose.

Avevo una sicurezza micidiale; amavo il mio corpo e amavo come mi sentivo.

Lo mostravo e possedevo ogni centimetro della mia pelle. Mi aiutava essere la star del mio coro; vincevo ogni competizione, sia come solista che come parte di un gruppo.

Mi amavo.

Il che era super raro per una ragazza adolescente.

Il mondo intorno a me era preda delle insicurezze che ci rendono vulnerabili.

Mentre ora ero io quella ragazza che avevo sempre pensato di essere fortunata a non essere.

Ora ero rotta e insicura.

Avevo delle cicatrici, le peggiori erano invisibili a un occhio normale.

Una volta ero piena di vita e scherzavo, amavo far ridere la gente.

Ero brillante, calda e rumorosa.

Sorridevo sempre; ero il fulcro della festa.

Ora, non sapevo un cazzo di quella nuova versione di me stessa, a parte il male.

Una volta ero senza paura.

Avrei inseguito qualsiasi cosa o chiunque volessi; comandavo il palco e vivevo sotto i riflettori.

Guardandomi in quel momento, non ci crederesti.

Sembrava una realtà lontana.

Quella ragazza era morta con la sua famiglia.

Quella che si era svegliata era vuota e oscura, rimaneva nell'ombra e odiava il pensiero di cantare ancora.

Era tranquilla e riservata.

Cauta e ritirata.

Niente più feste o barzellette da raccontare, nessuna risata da sentire, nessun sorriso da regalare.

Non ero più brillante o allegra.

Ero passata da Tigro a Ih-Oh e in qualche modo Percy lo stava dimenticando.

“Calmati, non ho intenzione di farlo”. Scacciai le sue mani dalle mie spalle e spostai una sedia per darci un po' di spazio.

Il trauma cranico, come tutti i traumi, fa uno schifo enorme.

Dopo tutti i test e le pillole e la terapia, psichiatrica e fisica, mi ero ritrovata con una lista di diagnosi.

Prima ero solo Savannah Gabrielle Madis.

Ora ero più una diagnosi con i piedi che una persona.

Ogni dottore, mi sembrava, mi trascurava e vedeva solo i problemi nel mio corpo e non chi ero e cosa quei problemi mi stavano facendo e causando.

Che tipo di effetto la medicina stesse avendo su di me.

Era come se avessero visto solo quello che avevo e non me.

Il mio cervello era sfregiato e mutilato dall'incidente d'auto, insieme ad altre parti del mio corpo.

Sarebbe stato più facile se la mia mente fosse stata risparmiata… non è che avessi già perso abbastanza, giusto?

Nella mia lista sempre crescente di parti incasinate, avevo PTSD, claustrofobia, ansia, depressione, schizofrenia provocata dallo stress e la lista continua… inoltre era in continuo cambiamento.

Non è divertente?

Terapeuti diversi mi davano diagnosi diverse.

Già.

Divertente.

Anche le medicine erano diverse.

In quel momento ne prendevo una manciata al mattino e alla sera, insieme ai “farmaci di soccorso”. Che tenevo nella mia borsa come una coperta di sicurezza.

Dopo che ci separammo per andare in palestra, feci finta di non vedere le ragazze nello spogliatoio che ridacchiavano e bisbigliavano alle mie spalle.

Se fossi stata la vecchia me stessa, sarei corsa subito e me ne sarei occupata, ma… le cose cambiano.

Negli ultimi giorni avevo tenuto tutte le mie cose nel mio vero armadietto.

Quando iniziammo la corsa, finii il mio primo giro prima di chiedere all'allenatore Kline se avessi potuto cambiarmi le scarpe.

Sapendo che non mi avrebbe lasciato andare in bagno, mi comportai come se avessi completamente dimenticato di indossare le scarpe da tennis.

Essendo uno stronzo burbero fu d'accordo, dicendomi di tornare in fretta prima di dover venire a cercarmi.

Pensando di poter sgattaiolare di nuovo nello spogliatoio e che mi sarei ricordata dell'armadietto quando l'avessi visto, feci proprio questo.

Afferrando il biglietto di ringraziamento e la scatola con il bordo di velluto nero, corsi verso le porte dello spogliatoio dei ragazzi e ascoltai se c'era qualcuno dentro.

Non sentendo nulla, entrai; furtiva come sempre incanalai il mio 007 interiore e mi mossi velocemente tra le file di armadietti fino a trovare quello di Percy.

Ricreando quel giorno, mi posizionai di fronte a esso e scesi. Sicuramente l'unico armadietto senza una dannata serratura era quello di D. Henley.

Aprendolo, misi la scatola con il biglietto di ringraziamento in cima.

Mi sentivo bene, chiusi la porta, dando un pollice in su all'armadietto stesso come se dovesse essere orgoglioso di me, e schioccai le dita come se fossi figa prima di girare sui tacchi…

…solo per sbattere contro un muro rivestito di tessuto.

Cadendo sul sedere, lascio uscire un rantolo di panico che involontariamente si precipita dal mio petto.

Portandomi una mano al naso e strofinandola in circolo per far uscire il bruciore, i miei occhi strisciano sull'Angioletto nero e i suoi due scagnozzi di fronte a me.

“Che cazzo hai appena messo nel mio armadietto?” ringhiò, le sue braccia incrociate al petto come pitoni rigonfi.

Se non fossi stata così sorpresa, sarei potuta svenire per la profonda voce maschile che in qualsiasi altra conversazione sarebbe suonata come cioccolato fuso.

Il mio collo si dovette piegare all'indietro per guardarlo negli occhi.

“Parla, ragazza”, abbaiò, fissando il mio stato di shock.

“È carina, smettila di spaventarla”, disse il biondo cenere alla sua sinistra.

“Oh, vuole solo essere tua amica, sii gentile”. Il ragazzo dai capelli castano sporco alla sua destra mostrò un sorriso affascinante e sbatté le ciglia.

“Non è vero. Stavo solo restituendo qualcosa”. Mi alzai in piedi, pulendomi le mani sui miei pantaloncini blu.

“Restituire cosa?” Damon fece un passo avanti; lo sguardo che mi lanciò contro potrebbe far piangere i bambini.

“Oh cazzo, è lei che ha preso la tua roba, guarda”.

Il biondo prese la scatola, porgendo il biglietto di ringraziamento al ragazzo dai capelli castani e aprendo il coperchio.

Vidi il nastro blu, su cui avevo impiegato molto tempo per fargli avere un bell'aspetto, cadere sul pavimento ed essere dimenticato in un secondo.

“Così sei tu la piccola sporca ladra. Mi desideri così tanto da rubare i miei vestiti sporchi? Devi averla presa male”. Damon rastrellò i suoi occhi lungo il mio corpo come se fosse disgustato dalla mia vista.

Sentii le mie guance illuminarsi; la rabbia colpì il mio flusso sanguigno. Il fatto che si aggiungesse al mio ovvio imbarazzo non era una buona combinazione.

Sbuffai e roteai gli occhi.

“Wow, un po' presuntuoso? Non so nemmeno chi sei”.

Sappiamo che è una bugia, ma non lo sapevo quando ho preso quelle dannate cose.

Mi avvicinai; essere in punta di piedi con quesll'idiota non era nella lista delle cose da fare, ma eccoci qua.

I suoi occhi colpirono praticamente la parte posteriore della sua testa con il suo sguardo di sfida.

“In secondo luogo, non sono una ladra. Ho preso in prestito le tue cose senza chiedere e ora te le restituisco”.

Incrociai le braccia e imitai la sua posizione, sguardo incluso.

“Ti ha lasciato un biglietto di ringraziamento. E, oh, un buono acquisto da 40 dollari per Murphy's. Bello”.

Il ragazzo dai capelli castani lo diede a Damon perché lo guardasse. Lui gli diede un rapido sguardo prima di tornare a cercare di farmi andare mentalmente a fuoco.

“Prendere in prestito senza chiedere è un furto. Sei una fottuta ladra, per non parlare dei miei vestiti sporchi? Malata del cazzo”, sputò come se fossi inferiore e avessi sbagliato al 100%.

“No, in realtà non lo è”. Mi alzai di più, il mio fianco inclinato di lato e i miei occhi incollati ai suoi in un'incrollabile dimostrazione di dominio.

“Prendere in prestito senza chiedere è maleducato e scorretto, ma se restituito, non è rubare. Come la nota che ho lasciato. Era come una cambiale”.

“I ladri di solito non lasciano cambiali, né fanno regali alle loro vittime inconsapevoli. Credimi, se avessi avuto altre opzioni quel giorno, non avrei preso le tue brutte cose”.

“Ora, mi dispiace di aver preso i tuoi vestiti ma non avevo scelta. Li ho lavati, asciugati e stirati, ho detto che mi dispiace, quindi addio e grazie per non avere uno stupido lucchetto”.

Indicai il lucchetto d'argento che pendeva dal resto degli armadietti blu intorno a noi.

Facendo un passo indietro, mi girai e mi allontanai, ma quando arrivai alla porta il biondo era in piedi lì davanti.

“Chi sei?” sussurrò con un sorriso e uno scintillio di stupore nei suoi occhi.

“Non sono nessuno”. Mi allineai al suo livello di voce, facendo crescere il suo sorriso morbido.

“Ehi, non ho detto che puoi andartene. Nessuno mi parla in quel modo”, ringhiò Damon alle mie spalle.

Girandomi, gli sorrisi.

Sì, lo so.

Damon mi aveva seguito intorno agli armadietti e mi aveva intrappolato tra il biondo e il suo fisico torreggiante.

Il biondo si portò il dorso della mano alla bocca per coprire una risatina.

“Perché li hai presi?” Il ragazzo dai capelli castani si appoggiò alla pila di armadietti dietro di lui.

“Perché ne avevo bisogno”. Lo guardai negli occhi mentre rispondevo.

“Perché ne avevi bisogno?” Damon urlò.

Non volendo aggiungere altro al mio imbarazzo, non volevo dire a nessuno la verità.

“Perché sì”, risposi di scatto.

Sembrando annoiata da quella conversazione, non aggiunsi altro.

Sbuffando, le sue ciocche nere come l'inchiostro caddero e iniziarono a scendere sulla sua fronte.

Persi il filo dei miei pensieri per un secondo quando vidi tre grosse ciocche dei suoi capelli cadere in avanti e pendere davanti ai suoi occhi.

Il colore scuro sembrava un cielo senza stelle.

“Non sto cercando un nuovo giocattolo”.

La sua voce mi tirò fuori dal mio piccolo sogno a occhi aperti.

“Non ho idea di cosa significhi”.

Allargai gli occhi e premetti le labbra per mostrare il mio fastidio.

“Non ti voglio scopare, ragazza”.

“Beh, grazie a DIO“. Alzai le mani al cielo in modo esagerato solo per farlo incazzare.

Gli altri due ragazzi ridettero, ma il principe delle tenebre di fronte a me sembrava che stesse cercando di capirmi.

“Onestamente sei così pieno di te che pensi che io abbia preso in prestito i tuoi vestiti sporchi e sudati della palestra da indossare a casa per poter fare cosa? Fare qualche strano feticcio perverso?”

“Questa deve essere la ragione per cui li restituisco in privato e uso discrezione in modo che tu non sappia chi li ha presi in prestito o da chi li ho presi”.

“Non so niente di te, non il tuo nome, il tuo aspetto, niente. Non preoccuparti però, Angioletto, non mi fai bagnare”.

Raggrinzai la faccia mentre scossi la testa verso di lui.

I due scagnozzi tirarono il fiato e tossirono per coprire le risatine.

Damon sembrava preso alla sprovvista dalle mie parole, onestamente lo ero anch'io.

Non sapevo di avere ancora questo fuoco dentro di me.

Gli occhi e le narici di Damon si allargarono con uno scatto dalla sua mascella cesellata.

Mi assicurai che i miei occhi non si allontanassero mai dall'oscurità con cui mi aveva catturata.

Fissai le fosse infinite delle sue pozze nere e scure senza mai vacillare.

“Il tuo nome”, ringhiò.

“Lara Croft”. Sorrisi al biondo che rideva dietro di me.

“Il tuo maledetto nome, ragazza”. Le sue braccia caddero sui fianchi e la sua faccia stava diventando rossa.

“Bene! Se ti dico il mio nome posso andare?”

Seguii il suo esempio e lasciai cadere anche le mie mani.

Ci fissammo per un minuto finché lui si leccò il labbro inferiore e fece un respiro profondo, facendo sembrare che stesse tremando di rabbia.

“Dimmi il tuo cazzo di nome e potrai tornare in palestra”. Lo disse con così tanta calma da sembrare un'altra persona.

Comportandomi come se avessi davvero intenzione di dirgli il mio nome, sospirai e abbassai lo sguardo, come se non volessi farlo, ma lui mi aveva messa all'angolo e quella era la mia unica possibilità.

“Ginny”, borbottai debolmente.

Il suo sopracciglio si alzò senza fare domande.

“Il cognome”.

“Perché?” Finsi paura, preoccupata del perché ne avesse bisogno, come se volesse fare la spia o qualcosa del genere.

“Dimmelo, ragazza!” Il suo viso si illuminò di nuovo con il rossore che stavo facendo uscire così facilmente.

“Cazzo, bene! Granger, ok! Ora posso andare?”

Sbattei il piede e sparai più atteggiamenti possibili verso di lui.

“Ciao”. Salutò sarcasticamente con gioia.

Mi girai e guardai il biondo; aveva afferrato la maniglia della porta e l'aveva aperta per me, inchinandosi e sorridendo come se avesse amato lo spettacolo che avevo appena messo su.

“Grazie, Raggio di Sole”. Lo salutai con la mano e aggrottai gli occhi verso Damon ancora una volta, prima di girare l'angolo e sparire dalla vista.

Mi affrettai a tornare in palestra, senza nemmeno cambiarmi le scarpe, cosa che passò inosservata.

Ginny Granger.

Due dei miei personaggi preferiti di Harry Potter.

Pensai al mio falso nome completo.

Nell'ultima metà dell'anno non avevo voluto nemmeno ridere.

Ma pensare al grande principe motociclista cattivo che pensava che il mio nome fosse veramente Ginny Luna Granger mi fece quasi strappare un sorriso e ridere di gusto.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Menti perverse

Elaina Duval ha vissuto una vita perfettamente felice e normale con sua madre, fino al giorno in cui ha compiuto diciotto anni. Il giorno del suo compleanno scopre di essere stata promessa al crudele e senza cuore Valentino Acerbi, destinato a diventare capo della mafia italiana. Senza scelta o voce in capitolo, viene trascinata nel suo mondo contorto e costretta a sopportare cose che nessun essere umano dovrebbe sopportare… Ma se la cosa iniziasse a piacerle?

Età: 18+ (Attenzione ai contenuti: Violenza, Abuso sessuale, Stupro, Traffico di esseri umani)

Diversi

Evelyn non è un lupo mannaro tradizionale. È invece un ibrido lupo-umano, nulla di tradizionale! Al suo ventesimo compleanno, però, Evelyn affronta una tradizione che non può ignorare: quella di trovare il proprio compagno predestinato. Evelyn non ne è entusiasta, finché non si sente stranamente attratta dall’incredibilmente sexy alfa Alex, che torna nel loro branco dopo dieci anni di assenza. Ma anche la sua sorellastra Tessa, purosangue (e decisamente purosnob!), ha messo gli occhi su quel ragazzo dei sogni e lei è abituata a ottenere sempre ciò che vuole!

Età: 18+

Non tutto riguarda te

Dall’autore di “Back Into Darkness”

Da giovane, Maya Hamilton era una festaiola selvaggia che non amava far altro che lasciarsi andare e fare tutto ciò che voleva. Jace Parker era un ragazzo di una confraternita irresponsabile che aveva un debole per le festaiole: erano perfetti l’uno per l’altra. Fino a quando, all’improvviso, lui l’ha scaricata per messaggio. Ora, due anni dopo, si incontrano di nuovo come studentessa e insegnante e Maya sta nascondendo a Jace un segreto compromettente!

Età: 18+

Trovata

Hazel Porter è perfettamente felice con il suo lavoro in libreria e con il suo accogliente appartamento. Ma quando un incontro spaventoso la getta tra le braccia di Seth King, si rende conto che c’è di più nella vita, molto di più! Viene rapidamente spinta in un mondo di esseri soprannaturali che non sapeva esistessero e Seth ne è proprio al centro: un feroce, forte, splendido alfa che non vuole altro che amarla e proteggerla. Ma Hazel è umana. Può davvero funzionare?

Età: 18+

Morsa dall’alfa

Quando una giovane fuggitiva, Quinn, viene morsa da un lupo nel bosco, scopre un mondo che non sapeva esistesse, un mondo di lupi mannari.

Ora Quinn deve adattarsi alla sua nuova vita nel Branco della luna ombra, sotto la guida di un affascinante alfa.

Età: 18+

La sua nerd

Ava Darling sarà anche una nerd, ma non vede l’ora che finisca il liceo. Nelle giornate fortunate, i suoi compagni la ignorano. Di norma, invece, la prendono in giro. Manca soltanto un anno, però. Poi potrà andare all’università e ricominciare da capo. Ma uno scherzo crudele farà finire Ava nel mirino di Hunter Black, il bullo della scuola, che le si avvicinerà con una proposta bizzarra. I due non potrebbero essere più diversi, ma con il lavoro di squadra, potrebbero scoprire che in fondo, molto in fondo, hanno in comune molto più di quanto pensino!

Età: 16+

Infinity

Il compagno di Lux è tutto ciò a cui Zayla riesce a pensare dal primo giorno in cui ha sentito il suo profumo. Cerca di immaginare il suo aspetto, il suo sapore… ma sa che anche i suoi sogni più selvaggi non gli rendono giustizia.

Dall’alba al tramonto, il compagno di Lux è sempre lì, in agguato nell’ombra, appena fuori portata. Lei non sa nemmeno che specie sia. Tutto ciò che conosce è il suo nome: Soren.

Età: 18+

Tutt’uno col fuoco

Rimasta orfana da piccola e passata da una casa adottiva all’altra, Adeline ha passato gli ultimi nove anni da sola nascondendo un segreto: è un lupo mannaro. Quando fa una corsa finendo inconsapevolmente nel territorio del branco, viene catturata e presto scopre che trovare i suoi simili non è come sperava che fosse. Quando incontra l’alfa che la trattiene contro la sua volontà, volano scintille. Ma lui potrà vederla come qualcosa di diverso da una semplice lupa senza branco? O lei sarà sempre sua prigioniera?

Età: 18+