logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Tutt’uno col fuoco

Rimasta orfana da piccola e passata da una casa adottiva all’altra, Adeline ha passato gli ultimi nove anni da sola nascondendo un segreto: è un lupo mannaro. Quando fa una corsa finendo inconsapevolmente nel territorio del branco, viene catturata e presto scopre che trovare i suoi simili non è come sperava che fosse. Quando incontra l’alfa che la trattiene contro la sua volontà, volano scintille. Ma lui potrà vederla come qualcosa di diverso da una semplice lupa senza branco? O lei sarà sempre sua prigioniera?

Età: 18+

 

Tutt’uno col fuoco di Vera Harlow è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Trama

Rimasta orfana da piccola e passata da una casa adottiva all'altra, Adeline ha passato gli ultimi nove anni da sola nascondendo un segreto: è un lupo mannaro. Quando fa una corsa finendo inconsapevolmente nel territorio del branco, viene catturata e presto scopre che trovare i suoi simili non è come sperava che fosse. Quando incontra l'alfa che la trattiene contro la sua volontà, volano scintille. Ma lui potrà vederla come qualcosa di diverso da una semplice lupa senza branco? O lei sarà sempre sua prigioniera?

Età: 18+

Autore originale: Vera Harlow

Adeline

Il vento mi fischiava nelle orecchie, l'irresistibile profumo di terra umida e pioggia mi inondava i sensi. Alberi, cespugli e rocce si confondevano davanti a me mentre correvo. I polmoni mi bruciavano e le gambe mi facevano male.

L'aria frizzante della notte mi invadeva i polmoni e inondava i sensi, spingendomi a continuare. Avevo bisogno di correre più velocemente. Dovevo spingermi più in là.

La sensazione dello sporco che si spostava sotto le mie zampe era diventata la mia nuova dipendenza mentre, scavando con gli artigli, tenevo il corpo in basso e mi lanciavo ancora più velocemente.

Un coniglio uscì da sotto un cespuglio vicino. Emettendo un guaito eccitato, inseguii la bestia dalla coda a cespuglio fino alla sua tana.

La luce della luna trapelava attraverso gli alberi, facendo balzare le ombre della foresta verso di me nella luce fioca.

Continuai a correre, immaginando mani ombrose che si estendevano sulla terra umida, dita ossute e allungate che raggiungevano la mia coda.

Attorcigliai il mio corpo snello tra gli alberi, godendo dell'agilità e dell'abilità di questa mia forma. Saltai sopra un tronco caduto e poi corsi sotto il pallido bagliore dorato della luna verso una piccola radura.

Raggiungendola, ho rallentato fino a camminare velocemente prima di sedermi sull'erba morbida.

Ho ansimato, cercando di riprendere fiato mentre fissavo il corpo celeste che spesso innaffiava la mia immaginazione già fiorente.

C'era sempre qualcosa della luna da cui mi sentivo attratta. Anche se mi era stato insegnato per tutta la vita che non aveva alcun potere soprannaturale, ho sempre creduto il contrario.

Mi piaceva pensare che ci fosse una dea celeste che mi fissava in questo momento. Che mi guidava.

Inoltre, le persone che mi hanno insegnato a non credere nella magia e nelle dee erano le stesse che negavano categoricamente la mia stessa esistenza.

Se solo potessero vedermi ora.

Sdraiata, ho continuato a guardare in alto, studiando le stelle. Non riuscivo a ricordare l'ultima volta che avevo avuto la possibilità di godermi una notte come questa.

Non si potevano vedere così tante stelle in città e le numerose luci ne riducevano la brillantezza.

A essere onesti, anche se non l'avessero fatto, dubito che avrei visto molto. Ero spesso colpevole di ciò che la maggior parte di noi era. Di solito ero troppo occupata a guardare avanti per fermarmi a guardare in alto.

La mia mente vagava e mi meravigliavo di dove mi aveva portato la giornata. Dovrei essere a casa adesso.

Oggi ero andata a fare shopping e sulla strada di casa mi ero fermata a uno stop. Un grande cartello verde si trovava di fronte a me.

Potevo girare a destra e andare a casa o dirigermi a sinistra, verso le strade della valle nascoste dagli alberi.

In quel momento l'impulso irresistibile di girare a sinistra, di andare via e non fermarmi mai, mi prese, e in una frazione di secondo, avevo puntato il volante verso la foresta con il piede sull'acceleratore.

Era stato divertente immaginare di lasciarmi tutto alle spalle e partire per la mia avventura. Niente dietro di me era importante quanto quello che avevo davanti.

Era stato divertente, ma sapevo che era una bugia. Avevo lavorato troppo duramente per arrivare dove mi trovavo per abbandonare tutto. Sapevo, per quanto volessi credere il contrario, che non c'era niente là fuori per me.

Niente che non potessi avere dove mi trovavo.

Ho comunque continuato con lo stratagemma. Ho guidato più lontano, senza preoccuparmi del fatto che non mi ero mai avventurata in quel modo prima.

Non preoccupandomi del sole che tramontava nel mio specchietto retrovisore. I mostri nella notte non facevano più così tanta paura come quando avevo un anno. Almeno questo era quello che mi dicevo.

Qualcosa nel profondo di me aveva questo insaziabile bisogno di liberarsi. Ero spaventata dalla sua forza. Non correvo da mesi e il mio mostro interiore era rimasto dormiente. Fino a ora.

Voleva prendere il sopravvento. Mi ha sussurrato delle promesse, nel suo travolgente momento di bisogno. Parlava di potere. Della forza di non dover più avere paura.

Mi ha promesso la sua saggezza, il suo intuito e la connessione, che solo le sue zampe che mordevano la terra morbida potevano portare.

Poi mi ha promesso la più sporca di tutte le alleanze.

L'accettazione. L'opportunità di sentirmi completa.

Sono stata un contenitore mezzo pieno per troppo tempo. Lei si sarebbe riversata in me, mi avrebbe completata e avrebbe spinto fuori il bellissimo essere che ero, la donna che meritavo di essere. Mi sono tenuta stretta ai suoi sussurri.

Anche se erano fuochi fatui, li sentivo pesanti nelle mie mani. Uscendo dalla strada feci qualcosa che non avevo quasi mai fatto: ho abbassato la guardia in un posto sconosciuto.

Mi sono spogliata, infilando le chiavi dell'auto nel passaruota posteriore, e mi sono cambiata.

Ho lasciato che la donna svanisse e che la lupa emergesse. Il pelo folto spuntò dove una volta c'era la pelle, le unghie divennero artigli, mentre mani e piedi divennero zampe.

Il ruggito sordo delle bollette, delle faccende e dei programmi infiniti esplose in battiti cardiaci frenetici, piedi che correvano, il fischio degli uccelli.

Ho sentito la musica del vento muoversi tra le foglie e strisciare tra i fili d'erba sotto i miei piedi.

Potevo davvero aver dimenticato quanto fosse meravigliosa questa sensazione? Potevo davvero aver ignorato quanto fosse veramente bello il mondo? O avevo mentito a me stessa?

Dicendomi che non era così bello per nascondere il fatto che questo lato di me mi rendeva anormale.

Per punire me stessa per non essermi calata nel ruolo che avrei dovuto interpretare.

Per essere soprannaturale in un mondo che venerava la natura solo quando era chiusa dietro le sbarre o quando era al sicuro dietro il vetro.

Una brezza improvvisa mi fece alzare in piedi. Il vento solleticò la mia pelliccia e il mio corpo si irrigidì.

Alzai il naso verso il cielo per verificare di aver davvero sentito l'odore di un altro. Non solo una presenza, ma molte.

Avevano tutti un odore diverso ma in un certo senso simile. Il mio naso si arricciò. Mi ha confuso. Non avevo mai incontrato niente di simile prima.

Una parte di me era curiosa. Volevo sapere cosa stavo annusando; l'altra parte di me era nervosa. Non ero preparata ad affrontare una minaccia sconosciuta in un territorio non familiare.

L'odore divenne più forte e sapevo che era il momento di rimettersi a correre.

Lasciando la radura, mi abbassai attraverso le foglie di un albero appena caduto. Il bagliore verde degli occhi di piccoli animali mi scrutava dai cespugli ai miei lati.

Il loro sguardo notturno mi ricordava le luci dei fantasmi e mi portava più in profondità tra gli alberi. Scrollandomi di dosso il brivido inquietante che si insinuava nella mia spina dorsale, corsi più velocemente.

Ho cercato di ignorare il modo in cui il vento contrario ora sembrava un ammasso di dita spettrali che si avvolgevano intorno al pelo del mio collo.

Allontanandomi dall'odore, cercai di virare verso ovest, sperando di uscire dal loro percorso.

Forse stavano solo cacciando. Se non interrompevo la loro caccia e se non toglievo cacciagione dalla zona, forse mi avrebbero lasciata stare.

Ho provato a fissare dei punti di riferimento mentre correvo. Avrei dovuto ricordare come tornare alla mia macchina.

Finora tutto ciò che avevo era albero, albero, cespuglio, albero, albero. A questo punto ero preoccupata di perdermi qui e di finire per passare i miei giorni a cercare la via d'uscita.

Saltando su una roccia, mi meravigliai della grazia furtiva che possedevo. Dio come mi è mancato tutto questo.

Ho continuato a correre per alcuni minuti, ma non ero ancora libera dall'odore. Continuando verso ovest, ho mantenuto il mio passo, non volendo avere a che fare con un animale territoriale.

Sicuramente questo non mi era mancato.

In qualche modo si stava ancora avvicinando. Presto sentii un altro odore. Questo proveniva dal bosco di fronte a me.

Era simile all'odore che avevo sentito prima. Ero sicura di sentire l'odore dei lupi, anche se era strano.

Che cos'è questo? Un branco? Non sapevo che i branchi di lupi selvatici potessero essere così grandi.

Di solito un lupo solitario non si sarebbe mai sognato di avvicinarsi a me. Ero molto più grande e anche molto più forte di loro.

Sono molto più coraggiosi in branco però. Normalmente mi evitavano e io evitavo loro.

I lupi erano incredibilmente territoriali, quindi quando sentivo il loro odore, cercavo di lasciare la zona velocemente, non volendo aggravare la situazione.

Questa tattica, che normalmente avrebbe funzionato, stava fallendo.

L'odore era ovunque ora. Sentendomi circondata, ho svoltato bruscamente a sinistra. Le mie potenti gambe dolevano per lo sforzo che veniva loro imposto.

Più veloce. Avevo bisogno di andare più veloce. Non ero sicura per quanto tempo avrei potuto continuare a correre a questa velocità.

Le mie orecchie ebbero un fremito quando sentii il morbido tonfo delle zampe che correvano e dei ramoscelli che si spezzavano. Merda. Un ringhio tagliò l'oscurità dietro di me.

Stanno dando la caccia a me! Ho urlato mentalmente prima che i miei istinti entrassero in azione. I miei pensieri divennero distanti e le mie emozioni intorpidite mentre l'animale dentro di me prendeva il sopravvento.

Odiavo quando questo accadeva. Mi faceva sentire come se stessi guidando mentre un estraneo mi puntava una pistola alla testa.

Stavo ancora guidando ma non avevo alcun controllo reale. Ero diventata il narratore della mia stessa storia e anche se stavo partecipando, mi sentivo come se stessi guardando l'evento dall'esterno.

Quando ho sentito il tonfo fragoroso delle zampe in corsa e ho visto le forme mutevoli negli alberi intorno a me, il mio cuore è sprofondato.

Non ci sarebbe più stata nessuna corsa. Rallentai fino a fermarmi. I peli del mio corpo si rizzarono e le mie labbra si sollevarono per mostrare i denti.

Abbassando la testa e ringhiando ferocemente, resi chiaro il mio messaggio. Non scherzate con me. Dovevano capire che se avessero scelto di combattermi, li avrebbe aspettati solo il dolore.

Un grande lupo grigio si lanciò contro di me dagli alberi. Schivai.

Raddrizzandosi dopo l'attacco, fece qualche passo verso di me, con il pelo ritto sulla testa e i denti affilati come rasoi che luccicavano di saliva.

Un altro lupo mi ha colpita di lato, facendomi cadere sulla schiena. Non volendo esporre il mio ventre, ho morso il lato del suo collo, squarciandolo ferocemente prima di usare le gambe per spingerlo via da me.

Con la testa bassa, ho ringhiato e digrignato i denti. Il sangue mi colava dalla bocca mentre mi scuotevo dalle fauci un pezzo di pelle dell'ultimo lupo che mi aveva attaccata.

Il grande lupo ha attaccato di nuovo, attaccandosi alla mia gamba posteriore. Ho guaito e mi sono girata, prendendolo alla sprovvista mentre mi sono attaccata alla sua spalla con i denti.

Un'ondata di adrenalina mi ha permesso di spingerlo via dal mio corpo. Fu in quel momento che fui felice che la mia lupa avesse il controllo.

Una voce risuonò sopra di me dal profondo degli alberi.

“Tramortiscila ma non ucciderla. Vogliamo che sia portata dentro viva”.

Un'umana? Portarmi dentro? Dove? Gli umani mi stavano dando la caccia? Questi lupi prendevano ordini da loro?

Guardandomi intorno ho notato che questi lupi erano molto più grandi del lupo medio. Potrebbero essere…

Improvvisamente un dolore lancinante si levò dalla mia spalla sinistra, fermando il mio flusso di pensieri. Un lupo mi era piombato sulla schiena e il suo peso sommato allo shock mi hanno fatta cadere a terra.

Ho girato la testa di lato, con le mascelle che schioccavano mentre cercavo di azzannare il mio aggressore. Il suo muso è rimasto appena fuori dalla mia portata.

Ha tirato la testa indietro bruscamente, conficcando i suoi denti più a fondo nel muscolo della mia spalla.

Quando ho cercato di alzarmi, il lupo ha fatto pressione sulla mia spalla e ha messo la sua zampa sulla mia schiena, ringhiando sommessamente.

Altri lupi mi hanno circondata, con la testa bassa e i denti scoperti.

Un uomo dai capelli scuri camminava in mezzo a loro. Mentre stava sopra di me, ho notato che il suo odore era mascherato dai lupi che mi circondavano.

Era enorme, tutto muscoli. Si è chinato su di me, reggendo qualcosa di lucido in mano. La parte umana di me lo notò per quello che era.

Una siringa. Si è chinato e, in preda al panico, ho iniziato a dibattermi, cercando di liberarmi.

Cosa mi avrebbero fatto? Uccisa? Dissezionata per i loro studi? Il cuore stava per scoppiarmi nel petto mentre la paura mi inondava.

La mia lupa si stava lentamente ritirando. Stavo lentamente guadagnando il controllo, il che significava anche che le mie emozioni stavano tornando a piena forza.

Il dolore alla spalla era intorpidito dalla paura della scoperta. Un altro dolore, una sensazione di pizzicore nel collo, andava e veniva, e mi sentivo sempre più debole.

Ho lottato fino a quando una strana sensazione mi ha colpita. Potevo sentire la pelliccia cedere il passo alla carne, i denti del lupo affondavano sempre di più nella mia spalla.

Ho urlato e lui ha aggiustato la sua presa per adattarsi alla mia forma più piccola, senza mai lasciarmi.

Subito dopo, ho sentito lo scricchiolio delle mie ossa che tornavano al loro posto. Ero completamente nel panico, sull'orlo dell'isteria.

Il dolore della trasformazione forzata era troppo intenso. Ho cercato di raggomitolarmi su me stessa mentre un'altra ondata di dolore mi scuoteva il corpo.

Le mie zampe hanno tremato prima che i miei pugni scoppiassero. Le mie dita si sono srotolate e si sono contorte sul terreno, cercando qualcosa a cui aggrapparsi.

I miei piedi scavarono dei solchi quando le ossa si sono rotte, seppellendosi disperatamente come se questo appiglio potesse darmi stabilità.

I miei artigli si sono ritirati sotto la pelle delicata delle dita delle mani e dei piedi, tornando alla loro normale lunghezza umana.

La mia spina dorsale si è spezzata, la mia schiena si è raddrizzata e le mie vertebre si sono ricomposte. L'improvviso movimento a scatti mi ha quasi strappata dalle fauci del lupo.

La mia trasformazione stava lacerando la ferita sulla mia spalla. Ho urlato mentre la sensazione combinata iniziava a diventare insopportabile.

Il lupo si stava strozzando sulla mia spalla e lui ha stretto di nuovo la presa nel tentativo di tenermi ferma.

Per favore lasciami andare! Ho urlato internamente.

Il lupo mugolò.

“Lasciala andare finché non ha finito la trasformazione”, comandò l'uomo come se mi avesse sentita, correndo accanto a me.

Sapeva cosa stavo facendo. Mi stavo trasformando di nuovo davanti a loro ed ero incapace di fermarlo.

Il lupo mi stava tenendo sospesa la parte superiore del corpo con la presa sulla mia spalla, così quando mi ha lasciata, sono caduta sul duro pavimento della foresta.

Potevo sentire lo sporco e gli aghi di pino attaccarsi alla mia schiena e al mio addome ricoperti di sangue mentre la mia spalla continuava a sanguinare copiosamente.

L'odore del mio stesso sangue era così forte che mi veniva da vomitare un'ondata di bile che lottava per essere rilasciata.

Quando ho deglutito, la mia bocca si è sentita improvvisamente vuota mentre i miei denti sono diventati piccoli e smussati. Ho mugolato mentre il mio muso si contorceva e diventava il mio naso e la mia bocca umana.

La mia mascella è scattata dolorosamente al suo posto per ultima.

Ansimando cercavo di spingermi in alto, ma caddi, senza più potermi muovere.

L'aria fredda della notte era piacevole sul mio corpo febbricitante e, consapevole degli occhi su di me, cercai di rannicchiarmi in me stessa.

I lupi ringhiavano tutti intorno a me e si avvicinavano. Potevo distinguere i loro piedi mentre si fermavano davanti al mio viso.

“Ritirati. Non è più una minaccia”, disse l'uomo.

Ho provato a muovere la testa per vederlo meglio, ma sono riuscita a spostarla in avanti solo di un centimetro.

Sporcizia e piccoli sassolini mi facevano sentire la faccia sporca mentre si attaccavano al mio viso, che era bagnato da rivoli infiniti di lacrime.

“Jeremy, riconosci questa canaglia?” chiamò l'uomo.

Un altro uomo si è mosso verso di me dall'oscurità. Il mio respiro si è fatto più intenso, mentre il primo uomo si è chinato accanto a me.

Ho trasalito quando la sua mano si è avvicinata al mio viso e ho mugolato.

L'uomo ha afferrato saldamente le mie guance e, senza farmi male, ha girato la mia faccia in modo che Jeremy potesse vederla meglio.

Jeremy era un'alta figura sopra di me. Le ombre oscuravano il suo viso, rendendo i suoi lineamenti indecifrabili. Si è inginocchiato dall'altra parte per guardarmi più da vicino.

Ho cercato di rannicchiarmi di più in me stessa, ma sono riuscita solo a contorcermi. Il terreno sotto di me aveva morso la mia carne, ma la sensazione aveva iniziato a svanire.

“Rilassati, piccola canaglia. Nessuno ti farà del male stasera”, disse Jeremy mentre mi scostava i capelli dal viso. “Non la riconosco. Non credo che sia nei nostri registri”.

Registri? Canaglia? Il mondo intorno a me stava svanendo e stava diventando sempre più difficile capire le cose.

Iniziava a importarmi sempre meno di essere stata catturata.

“Com'è possibile? Abbiamo registrato tutte le canaglie della zona”, disse l'altro uomo.

“Questa potrebbe essere solo di passaggio, Patrick”.

“Immagino che lo scopriremo”, rispose l'uomo chiamato Patrick. “Potremmo non saperlo mai se non la portiamo presto in ospedale. Sta sanguinando dappertutto”.

Patrick si è alzato e io mi sono sentita sollevata.

Credevo che se ne sarebbe andato quando è tornato nel mio campo visivo. Ha premuto qualcosa sulla mia ferita zampillante e ha fatto pressione cercando di fermare il sangue.

Ho sibilato alla pressione improvvisa, ma dato che tutto stava diventando insensibile, non mi ha dato fastidio per molto tempo.

“Tieni questo”, disse Patrick, e vidi il volto scuro di Jeremy tornare visibile mentre premeva il tessuto contro di me.

Qualcosa si è sporto sulla mia forma tremante. Aveva l'odore dell'uomo che stava sopra di me. Grandi mani calde scivolarono sotto di me.

“Reggiti”, sussurrò Patrick mentre mi sollevava tra le sue braccia.

Le stelle balenarono davanti ai miei occhi per il movimento improvviso.

Il mio corpo si è rilassato contro il petto nudo di Patrick e mi sono resa conto che mi aveva coperta con la sua giacca e usato la sua camicia per fermare il mio sangue.

Mi sono ricordata di essere nuda, ma non riuscivo a preoccuparmene. La mia vista ha iniziato a mancare mentre l'oscurità si muoveva come una nuvola di tempesta sui miei occhi.

Mi sono accorta di quando Patrick ha iniziato a camminare e potevo sentire gli uomini parlare, ma presto le loro voci sono diventate solo delle interferenze.

Non riuscivo più a tenere gli occhi aperti. L'ultima cosa che ho visto prima che i miei occhi si chiudessero definitivamente è stata la luna.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

Adeline

Quando mi sono svegliata, ero circondata da strani volti. Volti che scivolavano dentro e fuori dalla mia vista. Ero stesa sulla schiena e la brillante luce bianca sopra di me mi accecava.

Ho cercato di allontanarmi dal mio stesso corpo, perché mi sentivo come se stessi bruciando e quelle luci bianche dovevano essere la causa.

“Si sta svegliando! Tienila!”, urlò una donna.

Braccia mi hanno afferrata da tutte le direzioni, tenendomi giù.

“Non sta guarendo! Sta perdendo un sacco di sangue!” la voce della stessa donna risuonò piena di frustrazione.

Un fastidioso bip ha iniziato a suonare accanto a me. Era strano. Sembrava andare a tempo con il mio cuore. Una parte di me sentiva che avrei dovuto sapere perché era così.

Mi sentivo come se solo metà di me fosse lì in quel momento. L'altra parte di me era andata via. Perturbata, ho cercato di lottare contro le braccia che mi tenevano.

Una parte di me era scomparsa e non sapevo se queste persone l'avessero presa o se stessero cercando di riportarla indietro.

“Jeremy! Ho bisogno che tu mi aiuti a tenerla!”, urlò ancora quella donna.

Una ciotola piena di stracci insanguinati fu sollevata sopra di me.

La guardai fino a quando non sparì dalla mia vista, il cui confine era solo a pochi centimetri da me, dato che la mia testa aveva deciso che non voleva più muoversi.

“Cosa le hai dato? Dovrebbe essere già guarita! Sai che alcune canaglie non sono così forti”, disse la donna.

Una voce familiare rispose: “Questa lo è. Avresti dovuto vederla combattere”.

Quella voce. L'avevo già sentita prima, vero? Non potevo esserne sicura perché sentivo un ronzio innaturale nelle orecchie.

Qualcuno dietro di me aveva preso uno straccio caldo e aveva iniziato a pulirmi la faccia. La stessa persona mi ha pulito il collo e il petto. Poi si è spostata sulla mia spalla non ferita.

“Non è accoppiata”, annunciò qualcuno.

Di nuovo quella voce. Che cosa significava?

Perché non riuscivo a ricordare dove fossi? Era successo qualcosa di brutto e ora mi trovavo lì.

“Ehi! Tieni duro, piccola canaglia! Ehi, Doc, credo che la stiamo perdendo”.

Perdendomi? Non sapeva che una parte di me si era già persa? Dovrebbe saperlo. Ha aiutato a portarla via da me. La luce si affievolì e i miei occhi iniziarono a chiudersi.

Il bip è svanito proprio mentre io facevo lo stesso.

I miei occhi si aprirono lentamente. Le luci erano fioche sopra di me e, per qualche ragione, credevo che dovessero essere più luminose.

Lo erano state prima. Prima? Ero stata qui prima? Tutto il mio corpo si sentiva pesante. Ho provato a muovere le braccia, ma non ci riuscivo.

Le mie dita si muovevano, ma non riuscivo a sollevare le braccia.

Girando la testa. Mi guardai il braccio. Era piegato con una strana angolazione, legato ad un bracciolo per farlo riposare.

Dei tubi erano legati al mio polso con del nastro adesivo. Seguendo i tubi con lo sguardo, ho visto una flebo appesa sopra la mia testa. C'è voluto uno sforzo tremendo per girare la testa dall'altra parte.

L'altro braccio era legato allo stesso modo, le mie braccia si estendevano come ali da entrambi i lati.

Cercando di muovere le gambe, ho provato la stessa sensazione. Potevo muovere le dita dei piedi, ma non potevo muovere le gambe.

Avrei dovuto preoccuparmi, ma non ci riuscivo. Sapevo che non andava bene, ma non riuscivo a provare nulla.

“Come sta?” Ho sentito da qualche parte nella stanza. La voce di un uomo.

“Il suo deltoide è stato strappato via e la sua vena cefalica è stata intaccata. Il morso era abbastanza vicino al nervo radiale, quindi potrebbe accusare danni ai nervi se non guarisce correttamente”.

“Non stava guarendo. I suoi tessuti hanno iniziato a fondersi lentamente qualche ora fa. A parte questo, le sue condizioni sembrano stabili”, rispose una donna, sembrando arrabbiata.

Stavano parlando di me? Non stavo guarendo?

“Non avresti mai dovuto usare quel farmaco. È ancora in fase sperimentale”, disse la donna, senza dare all'uomo la possibilità di rispondere.

Qualcuno, l'uomo credo, sospirò.

“Ho pensato che sarebbe stato un buon modo per minimizzare i danni. Non aveva intenzione di venire con noi in silenzio. Questa ragazza è una combattente. L'avevamo bloccata e stava ancora lottando”, rispose l'uomo.

Stavano parlando di me.

“Abbiamo recuperato il suo veicolo”, interruppe una voce diversa da qualche parte nella stanza. “Sembra che viva a un'ora di viaggio a est di qui”.

“Come abbiamo fatto a non accorgercene?” chiese il primo uomo.

“Non lo so. Sembra che sia lì da un paio d'anni”, affermò la seconda voce.

“Un paio d'anni?” rispose il primo. “Trovo difficile credere che non sia stata notata da nessuno fino ad ora”.

Ho sentito dei passi avvicinarsi. Ho provato a girare la testa per vedere chi stava arrivando, ma non potevo essere sicura della direzione da cui venivano. Rimbombava tutto.

“È sveglia, ma è ancora molto confusa. Dubito che voi signori avrete le vostre risposte stasera”, annunciò la voce della donna.

Una mano calda mi accarezzò la testa.

“Hai un aspetto molto migliore”, mi sussurrò mentre si avvicinava al mio braccio.

Ho girato la testa verso la mano con la flebo. Ho visto una donna anziana con una giacca bianca e un camice blu, la sua treccia sale e pepe che le pendeva lungo la schiena.

Una mano guantata blu si avvicinò al mio tubo della flebo, con una siringa in mano. Inserita la siringa, ha aperto il tubo della flebo.

Pochi secondi dopo, ho sentito una sensazione di bruciore freddo scorrere nelle mie vene. Una mano calda tornò ad accarezzarmi la testa mentre cadevo in un sonno profondo.

Avevo freddo. Davvero, davvero, freddo.

Il mio corpo era dolorante e il freddo mi faceva soffrire di più. Ho chiuso bene gli occhi per bloccare la luce che stava iniziando a filtrare nella mia incoscienza.

Stringendo la mia coperta, l'ho tirata su fino al mento, cercando di intrappolare il calore che stava svanendo. Un forte colpo metallico mi fece uscire dalla sonnolenza e mi portò alla piena consapevolezza.

Quando ho aperto gli occhi, sono stato accecata da una luce bianca brillante. Mi faceva male alla testa e agli occhi.

Ho cercato di coprirmi gli occhi con la mano, ma quando ho sollevato il braccio, il dolore ha viaggiato lungo la mia spalla e nel mio braccio, fermandomi subito.

Il dolore mi riportò alla consapevolezza di ciò che era successo. Ero stata catturata, ma come ero finita qui?

Ricordavo solo frammenti della notte precedente. Però ero sicura di ricordare di essere stata presa. Sedendomi, mi sono spinta indietro il più possibile.

La mia schiena ha colpito qualcosa di freddo e duro e guardandomi intorno, ho capito che ero in una piccola cella di cemento con una grande porta di metallo.

La porta aveva una piccola finestra rettangolare. La cella era ben illuminata con grandi luci fluorescenti. Ero su un piccolo letto di metallo con un materasso incredibilmente sottile.

Ero anche completamente nuda.

Il mio respiro accelerava mentre stringevo a me la coperta sottile. Ho cercato di coprirmi il più possibile, ma il lenzuolo sottile non ha per niente aiutato a calmarmi.

Inoltre non ha per niente aiutato a proteggermi dal freddo. Timidamente, ho tentato di alzare di nuovo il braccio. Potevo estendere il braccio solo fino a un certo punto prima che la spalla iniziasse a farmi male.

Girandomi per ispezionare la mia ferita, ho notato che qualcuno l'aveva pulita e fasciata. Mentre ero nuda. Nuda e priva di sensi.

Le guance mi bruciavano. Mi sentivo violata e terrorizzata e volevo solo andare a casa. Era ancora un'opzione possibile?

Queste persone dovevano sapere cosa ero. Mi avevano vista ritrasformarmi. Dovevano saperlo fin dall'inizio se mi avevano dato la caccia.

Cosa volevano fare con me?

Un suono improvviso di passi mi ha riportata al presente. Tirando la coperta più stretta intorno a me, un milione di scenari mi balenavano in testa, nessuno dei quali buono.

Con mio orrore, i passi si sono fermati fuori dalla mia porta e un uomo mi guardava attraverso la finestra. Ho cercato di non dare a vedere quanto fossi spaventata.

Assumi un'aria spaventosa, pensai. maligna.

La porta ha iniziato ad aprirsi e un piccolo urlo è sfuggito dalle mie labbra. Ho emesso un gemito interno. Tanti saluti a quel piano.

Mi sono tirata la coperta fin sul mento mentre entrava un uomo molto grande e molto abbronzato.

Era tutto muscoli e sapevo che se fossi stata in qualsiasi altro posto che non fosse questo, avrebbe suscitato in me una reazione estremamente diversa da quella che stavo avendo ora.

I miei occhi guardavano la porta mentre lui se la chiudeva alle spalle. Non ho visto altro che muri di cemento e altre luci fluorescenti dietro di lui.

Mentalmente, ho cercato di escogitare una sorta di piano di gioco mentre lui si girava verso di me. Una specie di scusa che in qualche modo potesse avere un senso.

Mi immaginavo a cercare di spiegare a quest'uomo che non mi aveva appena vista trasformarmi da lupo a donna.

Che ero perfettamente normale e che questo era incredibilmente illegale e che avremmo dovuto riderci sopra e andare a casa.

A giudicare dall'espressione indurita sul suo volto, però, sapevo che non sarebbe successo.

L'uomo mi ha guardata e uno lampo di disgusto e pietà gli ha attraversato il viso. Lo guardai e i suoi lineamenti mi hanno portato a galla un ricordo.

Era uno degli uomini della foresta? Appoggiato contro la porta di metallo, ha flesso le braccia minacciosamente. Anche se ero terrorizzata, ho dovuto combattere l'impulso di alzare gli occhi al cielo.

Ok. Sei enorme, e spaventoso, e probabilmente mangi coniglietti per colazione. Abbiamo capito.

Alla fine, dopo che il suo mini show con i bicipiti era finito, mi ha detto: “Ti sei trasformata e stavi correndo nel territorio del branco. Cosa stavi facendo e dove sono gli altri?”

Ho sbattuto le palpebre alcune volte, leggermente sorpresa e anche leggermente nei guai. Sapeva con certezza che potevo trasformarmi.

“S-scusi, cosa?” Ho chiesto nel modo più educato e monotono possibile. Giuro che anche le mie corde vocali stavano tremando.

“Ti sei trasformata sulla nostra terra e stavi tramando qualcosa. Qual è la tua missione, con chi sei e dove sono gli altri?” chiese il ragazzo in modo brusco, sembrando già irritato.

Mi sentivo come se fossi in uno di quei sogni in cui sei improvvisamente tornato al liceo, vai in classe e stai facendo un test per cui non hai mai studiato.

“P-p-per favore. Non ho nessuna missione. Trasformata? Altri? Ero sola quando sono stata rapita”, risposi, combattendo l'improvvisa rabbia che aveva iniziato a bruciare dentro di me.

L'uomo si è spinto dalla parete posteriore e stava quasi urlando mentre si dirigeva verso di me.

“Ti abbiamo vista prendere la forma di lupo e correre sul nostro territorio. Ci siamo trasformati e ti abbiamo inseguita. Sai cosa hai fatto. Ora mi dirai cosa stai facendo qui, o te lo strapperò via dalla bocca!”

La sua voce rimbalzava sulle fredde pareti di cemento. Sono trasalita a ogni parola. Sembrava serio, ma per qualche ragione, potevo concentrarmi solo su una cosa. Aveva detto “ci siamo trasformati”.

Significava…?

I denti dell'uomo si sono allungati e io li ho fissati con un misto di paura e meraviglia. Mi sono alzata e ho allungato una mano esitante verso la sua bocca.

Mi sono fermata quando l'uomo ha ringhiato. L'uomo aveva uno sguardo scioccato stampato sul volto, chiaramente sorpreso dalla mia reazione.

“Puoi farlo anche tu? Trasformarti?” Ho storto leggermente il naso per aver usato la sua frase.

Facendo un passo indietro, mi ha guardata di nuovo. “Sì”, rispose dolcemente, non essendo sicuro di cosa fare della situazione.

“Cosa stavi facendo qui?” chiese di nuovo, usando la stessa voce dolce.

“Volevo solo scappare”, risposi sinceramente.

Lui scosse la testa, cercando di schiarirla. “Sei una canaglia. Sei da sola o di solito corri con altri?”

Questa volta l'ho fatto io un passo indietro. Le mani che stringevano la mia coperta a me stavano tremando insieme al resto del mio corpo mentre l'improvvisa ondata di disperazione e rabbia mi colpiva.

Emotivamente ero furiosa, la mia lupa si scatenava dentro di me, voleva combattere per uscire da questa cella, voleva sopravvivere.

Questo rendeva tutto ciò che stavo già provando molto più confuso.

“Ascolta. Non so cosa sia una canaglia. Mi dispiace di aver commesso un'infrazione o qualsiasi altra cosa, ma questo non ti dà il diritto di prendere chi cazzo ti pare”.

Ho iniziato a tremare più forte e ho pregato silenziosamente di non aver fatto arrabbiare quest'uomo, anche se a questo punto ero solo parzialmente sotto controllo.

“Io non corro con nessuno. Sono sola. Sono solo io. Non ho mai incontrato nessun altro come me”.

Dopo avermi guardata dall'alto in basso, l'uomo si è voltato per andarsene.

“Aspetta!” Ho gridato, disperata. “Per favore, cos'è questo luogo? Se è un laboratorio o qualcosa del genere, questo non è il mio posto. Non ho mai fatto del male a nessuno. Per favore. Non lo dirò a nessuno. Lasciami solo andare a casa”.

Piccole lacrime riempivano i miei occhi. La mia lupa era furiosa. Per lei, questo non era il momento di sottomettersi. L'uomo mi ha guardata semplicemente con occhi dolci ed è uscito dalla porta.

Sono rimasta in piedi a fissare la porta per un momento prima di crollare di nuovo sul mio letto, con lacrime silenziose che mi scorrevano sul viso. Era finita. Sapevano cos'ero.

Quel tipo probabilmente lavorava per l'umano che era nella radura. Se era umano. Non sapevo più cosa fare di questa situazione.

Chi poteva dire cosa mi avrebbero fatto? E se non mi avessero creduto? E se avessero voluto trovarne altri come me e io non avessi potuto soddisfarli?

Sarei stata inutile per loro? Cosa avrebbero fatto se non avessi avuto nessun valore per loro?

Mi sono raggomitolata di nuovo in posizione fetale, con le gambe tirate al petto mentre tremavo. Faceva ancora freddo ed ero ancora nuda.

Quanto sarebbe stato difficile darmi una camicia? Per tutto il tempo in cui ero stata seduta qui, continuavo a passare dall'essere terrorizzata all'essere eccitata di aver scoperto qualcun altro come me.

Il pensiero che ce ne fossero altri mi aveva attraversato la mente. Non potevo essere l'unica, non ero abbastanza arrogante da pensarlo.

Solo che non avrei mai pensato di incontrarli. Specialmente non un intero gruppo di loro.

Essere nel sistema e passare da un orfanotrofio all'altro da quando ero bambina significava che non solo non potevo avere relazioni a lungo termine nella mia vita ma non avevo neanche le capacità necessarie per costruirle.

Ero abituata alle persone come temporanee. Abituata alle persone che dicevano cose carine senza pensarle davvero e che facevano promesse che non intendevano mantenere.

Così a sedici anni, quando mi sono trasformata per la prima volta, nessuno ha davvero notato una differenza in me. Nessuno ha riconosciuto che stavo lottando per dare un senso a questa nuova parte di me.

L'avevo vista come un'altra ragione per mettere un muro tra me e gli altri.

Anche se stavo da qualche parte abbastanza a lungo da fare amicizia, non sembrava mai reale. Avevo questo segreto da mantenere.

Dato che non mi sono mai aperta veramente con nessuno, non mi aspettavo che qualcuno si aprisse con me. Questo significava che nessuno avrebbe saputo il mio segreto e io non avrei saputo il loro.

Avrei corso da sola per il resto della mia vita. Se mai mi fossi trovata con qualcuno, avevo promesso a me stessa che non glielo avrei mai detto.

Non sapevo cosa avrebbero fatto o cosa avrebbe significato questo segreto per il mio futuro o per quello di chiunque altro. Per la loro sicurezza, avrei dovuto rimanere in silenzio.

Incontrare qualcun altro che poteva trasformarsi, che sapeva che anche io potevo farlo, è stata una sorpresa gradita e inaspettata. Significava che potevo essere me stessa con qualcuno.

Peccato che questa scoperta sia arrivata a costo della mia sicurezza, della mia libertà e dei miei dannati vestiti! Alzandomi, mi sono avvolta la coperta addosso e ho iniziato a camminare.

Non riuscivo a fermare il brivido che tormentava il mio corpo consumato. Muoversi dovrebbe aiutare a riscaldarmi. Non riuscivo a ricordare di aver mai avuto così freddo. Di solito rimanevo abbastanza calda.

Mentre gli altri si vestivano con strati pesanti per combattere il freddo, io normalmente avevo bisogno solo del mio cappotto. A volte aggiungevo uno strato per sembrare come le persone intorno a me.

Anche se era scomodo, avevo capito che avrei preferito avere caldo piuttosto che freddo.

Le altre donne al lavoro si infagottavano, lamentandosi del freddo in inverno e poi si lamentavano dell'”inverno delle donne” per tutta l'estate.

A questo punto credevo che essere una donna umana significasse avere sempre freddo. Ero grata di non doverlo provare sulla mia pelle.

Fino a ora. Avevo la sensazione che la maggior parte del mio calore corporeo avesse qualcosa a che fare con la mia lupa interiore. Mi era stato iniettato qualcosa ieri sera.

Forse stava causando dei problemi alla mia lupa? Era questo il motivo per cui avevo così freddo? Pensare alla mia lupa mi ha fatto pensare di trasformarmi.

Sarei stata molto più al caldo e molto meno nuda, essendo ricoperta di pelo.

Fermandomi sul posto, contemplai seriamente l'idea di trasformarmi. Tutti qui sapevano già di cosa ero capace.

Mi avevano già visto trasformata. Il danno era già stato fatto. Non avevo bisogno di bloccarmi mentre aspettavo di scoprire cosa ne sarebbe stato di me.

Probabilmente avrei avuto più possibilità di combatterli e di uscire la prossima volta che la porta si sarebbe aperta se fossi stata nella mia forma di lupo.

Avrebbero anche aperto la porta se avessero guardato dentro e visto che ero una lupa, o avrebbero aspettato che mi ritrasformassi?

C'era solo un modo per scoprirlo. Seduta sul bordo del letto, ho chiuso gli occhi, forzando la trasformazione. Poi, improvvisamente, mi sono fermata.

Ricordare quanto fosse stata dolorosa l'ultima trasformazione mi spaventava. Non avevo provato un dolore del genere dalla prima volta.

La trasformazione di ieri sera era stata violenta e imprevedibile. Non l'avevo iniziata io e non potevo fermarla. Mi sono sentita così fuori controllo.

Il suono della mia spina dorsale che si spezzava mi ha fatto fare di nuovo una smorfia.

Chiudendo gli occhi, ho calmato il mio respiro. Ora avevo il controllo. Ho cantato quel mantra nella mia testa finché non ci ho creduto.

Dopo essermi rilassata, potevo iniziare a connettermi con il lupo che giaceva dormiente proprio sotto la mia pelle.

Passato qualche minuto mi sono accorta che non sentivo… niente. Ho scosso la testa per la frustrazione e ho provato ancora più intensamente, ma di nuovo non è successo nulla.

La parte più frustrante era che la mia lupa non era sparita. Stava graffiando la superficie, implorandomi di liberarla, ma non potevo.

Aprendo gli occhi, mi resi conto che non potevo trasformarmi. Un nuovo tipo di paura mi pervase. Ero completamente impotente.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Spogliata dal re

Ogni volta che perdo la mia verginità, è diverso.

A volte è in un palazzo e a volte è nella sporcizia.

A volte sono sopra, a volte la mia faccia è sepolta in un cuscino per attutire le mie urla.

A volte fa un male cane e altre volte è pura estasi.

Ma c’è una cosa che rimane la stessa, qualunque cosa accada.

In ogni vita, tu mi trovi.

E la perdo sempre con te…

Età: 18+

Un errore meraviglioso

Dopo che gli amici di Kyla la convincono a riprendersi con un’avventura di una notte dall’ex fidanzato che l’aveva tradita, lei è sicura di aver eliminato l’amore e la lussuria da sé stessa per sempre. Ora può concentrarsi sulla sua carriera di assistente marketing. Ma ancora non sa che il bello sconosciuto che ha appena sconvolto il suo mondo è il suo nuovo capo. Kyla decide di mantenere la loro relazione professionale, ma il suo capo miliardario non si scoraggia facilmente…

Età: 18+

Broken Queen

Ariel è un lupo mannaro di 22 anni che sogna di diventare una guerriera. Questo, almeno, prima di venire catturata da un gruppo di Cacciatori e diventare una cavia per i loro esperimenti. Con l’aiuto della Dea della Luna, Ariel riesce finalmente a liberarsi, ma trovare il suo compagno e riprendere la vita da dove l’aveva lasciata sarà più difficile del previsto.

Età: 18+

Infinity

Il compagno di Lux è tutto ciò a cui Zayla riesce a pensare dal primo giorno in cui ha sentito il suo profumo. Cerca di immaginare il suo aspetto, il suo sapore… ma sa che anche i suoi sogni più selvaggi non gli rendono giustizia.

Dall’alba al tramonto, il compagno di Lux è sempre lì, in agguato nell’ombra, appena fuori portata. Lei non sa nemmeno che specie sia. Tutto ciò che conosce è il suo nome: Soren.

Età: 18+

Morsi d’amore

Non c’è nessuno che non adori Scarlet. È giovane, bellissima e dall’animo angelico… Quindi tutti rimangono scioccati dallo scoprire che il suo compagno predestinato è lo spietato e senza cuore re alfa.

Temuto da tutti (e per buoni motivi!), è tornato dopo sette anni per reclamare ciò che è suo. Riuscirà Scarlet a fare breccia nel suo cuore o sarà lei a dover implorare pietà?

Età: 18+

L’ultima speranza

Lake aveva un piano perfetto. Trovare il suo compagno, sistemarsi e costruire una famiglia. Ma quando il suo compagno la rifiuta per un’altra, il piano di Lake va in frantumi… E così il suo cuore.

Può mantenere la fede che la Dea abbia qualcos’altro in serbo per lei? Potrebbe essere anche meglio di quello che aveva pianificato.

Età: 16+

La chiamata dell’alfa

Lyla si reca alla riunione del branco in Missisipi senza sperare di trovare il proprio compagno predestinato. Ultimamente, infatti, è raro che i lupi vengano accoppiati durante il rituale e, onestamente, Lyla preferirebbe continuare a frequentare il suo ragazzo attuale, che conosce da sempre.

Quando la cerimonia di accoppiamento inizia, Lyla segue l’ululato che le mostrerà il suo vero compagno, che si rivelerà essere Sebastian, l’alfa reale. Accetterà quindi il suo destino come luna reale oppure sceglierà di rimanere con il ragazzo della porta accanto che ancora occupa uno spazio nel suo cuore?

Età: 18+

I Lupi del Millennio

Sienna è una lupa mannara di diciannove anni che nasconde un segreto: è ancora vergine. L’unica vergine del branco. È decisa a superare anche il periodo di calore di quest’anno senza cedere ai suoi impulsi primordiali, ma quando incontra Aiden, l’Alfa, si dimentica del tutto del suo autocontrollo.

Età: 18+