logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

La vita di Alice scorre piuttosto noiosa: va al liceo, guarda Gossip Girl con la sua migliore amica Sam e ha un lavoro part-time in una tavola calda. Non le succede mai niente di eccitante, fino alla fatidica sera in cui, uscita a gettare la spazzatura fuori dal luogo di lavoro, viene improvvisamente morsa da un lupo.

Al risveglio, avvenuto la mattina successiva, Alice nota con sorpresa come il morso sia già completamente guarito e lei si sente anzi meglio che mai e piena di energia. Il problema è che non è l’unica ad aver notato questi miglioramenti… Il malvagio Ryder e la sua banda sono improvvisamente molto interessati a lei, ma per quale motivo?

Età: 16+

 

Omega di Jessica Edwards è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Trama

La vita di Alice scorre piuttosto noiosa: va al liceo, guarda Gossip Girl con la sua migliore amica Sam e ha un lavoro part-time in una tavola calda. Non le succede mai niente di eccitante, fino alla fatidica sera in cui, uscita a gettare la spazzatura fuori dal luogo di lavoro, viene improvvisamente morsa da un lupo. Al risveglio, avvenuto la mattina successiva, Alice nota con sorpresa come il morso sia già completamente guarito e lei si sente anzi meglio che mai e piena di energia. Il problema è che non è l'unica ad aver notato questi miglioramenti… Il malvagio Ryder e la sua banda sono improvvisamente molto interessati a lei, ma per quale motivo?

Età: 16+

Autore originale: Jessica Edwards

ALICE

Questa notte non è stata così male. Voglio dire, ci sono giorni buoni e giorni cattivi, giusto? Le domeniche sono solitamente molto tranquille da queste parti ma non ci si può lamentare, davvero.

I clienti abituali sono gentili e generosi con le loro mance e anche il mio capo, Robbie, non è tanto male.

Certo è un po' pigro e mi fissa un po' troppo a lungo il sedere, ma paga sempre in tempo e mi lascia portare a casa il cibo avanzato della giornata.

Guardo il vecchio orologio rotondo appeso al muro e sospiro piano.

Manca solo mezz'ora alla fine del turno.

Fisso l'ultimo cliente della serata, pregando silenziosamente che finisca e se ne vada presto. Prendo la caffettiera, appena tolta dal fornello, e mi dirigo verso di lui con un sorriso un po' forzato.

“Altro caffè, signore?” supplico con gli occhi nella speranza che dica di no.

“No grazie, mia cara”, risponde lui, alzandosi dal tavolo.

Lo aiuto allora a mettersi il cappotto e gli porgo il suo ombrello. Mi consegna una banconota da dieci sterline ed esce dalla porta senza una parola.

Metto i soldi nella cassa e spengo finalmente le luci generali del locale.

Dopo, mi dirigo verso il retro della tavola calda dove si trova la cucina e mi rendo conto che siamo rimasti solo io e Terry.

Lui sta guardando il programma appeso al muro dell'ufficio con uno sguardo di rassegnazione e un po' di tristezza sul volto.

Terry sospira forte mentre guarda il calendario con i prossimi giorni di lavoro. Ha lavorato alla tavola calda per più di trent'anni e non ha mai avuto un giorno libero.

I suoi capelli stanno iniziando a diventare grigi, ma devo ammettere che sa cucinare il cibo più delizioso che abbia mai avuto il piacere di assaggiare.

“Ehi Terry, l'ultimo cliente se n'è appena andato. Vuoi che chiuda la tavola calda per te?”

Terry alza la mano in segno di saluto ma non distoglie lo sguardo dal programma. “Chiuderò io l'ingresso, ma potresti farmi un favore prima di andartene, cara?”

Prima che io possa rispondere, Terry raccoglie sei sacchetti di plastica pieni di spazzatura e li lascia cadere ai miei piedi.

“Vuoi che li porti al cassonetto?” Chiedo. Raccolgo tutti e sei i sacchetti, tre in ogni mano, e guardo Terry.

“Sì, grazie. Lo apprezzerei molto”.

Senza aspettare la mia risposta, prende la sua giacca, mi saluta e se ne va.

Fisso la porta oscillante, ammutolita, e scuoto lievemente la testa.

Con le borse ancora in mano, esco dal retro e mi incammino verso il cassonetto. Arrivata all'angolo mi lancio di corsa all'esterno, cercando di proteggermi la testa con i sacchetti dalla fredda pioggia torrenziale della notte.

Grande. Grazie, Terry. Grazie mille.

Spingo la parte superiore del cassonetto e afferro i primi due sacchi per buttarli dentro quando dall'oscurità dietro di me, sento il suono debole e inconfondibile di un ringhio.

Mi blocco, chiedendomi se fosse solo la mia immaginazione a giocarmi dei brutti scherzi.

Terrorizzata e col cuore in gola stringo forte i sacchi nelle mie mani e mi giro lentamente, tenendo i sacchi della spazzatura come ridicoli spada e scudo, pronta a colpire.

Dietro di me, la fonte del ringhio. A meno di due metri di distanza c'è il lupo più grande che abbia mai visto.

Gemo per il terrore e comincio lentamente a ritirarmi all'indietro, lasciando cadere le mie armi improvvisate. Sento la mia schiena toccare il cassonetto e mi rendo conto che non c'è via di fuga.

Tremando di paura, chiudo gli occhi, pregando che il lupo non mi veda come una minaccia.

O peggio, un pasto.

“Per favore non farmi del male”, sussurro ripetutamente a me stessa.

Poi apro lentamente gli occhi. Vorrei non averlo mai fatto.

I suoi occhi mi perseguiteranno finché vivrò: mi trovo a pochi centrimetri dal viso due carboni ardenti rosso sangue, pieni di puro odio.

Una pelliccia rada, irregolare, di un grigio spento copre il suo corpo, grandi chiazze di pelo risultano mancanti, come se fossero state strappate via.

Il lupo sembra avere cicatrici ovunque sul suo corpo. Come sarà riuscito a sopravvivere così a lungo?

Di fronte a quello spettacolo terrificante, faccio l'unica cosa che mi viene in mente, mossa dalla disperazione: mi accascio sull'asfalto bagnato con la testa china, nella speranza di mostrare un chiaro un segno di sottomissione.

Il lupo ulula nella notte e si lancia verso di me.

Grido quando mi colpisce, poi corre tra i cespugli e sparisce dalla vista. Guardo nella direzione in cui è corso il lupo e inizio a ridere istericamente.

Che cazzo…

Dopo quella che è sembrata un'eternità scuoto la testa e mi rialzo lentamente da terra, la mia uniforme completamente rovinata.

All'improvviso noto che la mia uniforme è strappata a brandelli proprio nel punto all'altezza della spalla destra.

Perché la spalla mi fa così male?

Sembra che qualcosa abbia preso un pezzo della mia camicia.

“Ahi!” Sussulto mentre mi tocco la spalla, vedendo del liquido scuro e viscoso ricoprire il palmo della mia mano.

Sangue! Mi ha morso!?

Mi guardo intorno, cercando di capire se tutto sia accaduto davvero.

Profondamente scossa, butto gli ultimi sacchi nel cassonetto, poi prendo da terra la mia borsa, chiudo rapidamente la porta di servizio del locale e mi dirigo verso casa.

Camminando, stravolta, mi rendo conto che non piove più. Alzo lo sguardo, le nuvole stanno già lasciando il posto a una immensa e meravigliosa luna piena, smagliante nel nero cielo notturno.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

ALICE

Quando arrivo a scuola la mattina dopo, tutto ciò a cui riesco a pensare è la notte passata. Mi sono svegliata presto per controllare se era successo davvero e ho capito di non aver sognato quando ho visto i segni dei morsi.

Non sono neanche riuscita a dormire. Per niente. Dormire sul lato destro mi faceva troppo male.

La scuola era quindi l'ultimo posto in cui volevo trovarmi.

Cammino verso il mio armadietto per prendere il libro d'inglese ed è allora che sento la mia migliore amica chiamare il mio nome dall'altra parte del corridoio.

“Alice! Hai guardato Game of Thrones ieri sera?”

Una particolarità di Sam è che non le importa niente di quello che gli altri pensano di lei.

Io? Io, invece, mi preoccupo troppo di quello che pensa la gente.

Quando Sam raggiunge il mio armadietto, mette le mani sui fianchi e inclina la testa, in attesa di una mia risposta.

“Allora, l'hai guardato?”

Scuoto la testa, tornando in me: “No… me lo sono perso”.

“Tu cosa? Come hai fatto a perdertelo? Ti rendi conto che era il finale, vero!?” Mi urla addosso istericamente.

“Sam”. Faccio un gesto con la mano per farle segno di abbassare la voce. “Tutti ci stanno fissando”.

“Pensi che mi importi di quello che pensa la gente?”

Non mi dà nemmeno la possibilità di rispondere. Immediatamente, si gira e affronta tutti gli spettatori, i compagni di scuola che si sono ritrovati senza volerlo ad assistere alla scena.

“Non vi ha mai detto nessuno che è scortese fissare le persone? Mia mamma mi dice sempre di non fissare mai nessuno, perché se lo fai, alcune persone potrebbero non essere gentili come me”.

Si gira e fa spallucce quando vede il puro shock sulla mia faccia. “Te l'ho detto, non me ne frega niente di quello che pensa la gente”.

Guardo nella mia borsa per controllare di aver preso tutto, solo per rendermi conto che manca l'astuccio. Riapro il mio armadietto, quando sento Sam sospirare.

“La gente sta ancora fissando?” Chiedo.

“Cosa? Oh, no, solo Ryder e la sua banda. Vanno in giro come se fossero i padroni della scuola, ma al di là di questo, seriamente, come fa un ragazzo a essere così dannatamente bello?”

Dopo aver preso l'astuccio chiudo l'armadietto e guardo la mia migliore amica, bloccata a fissare il gruppetto di ragazzi e con la bocca ancora spalancata.

“Sam! Li stai fissando, tesoro, e stai sbavando”. Le chiudo amorevolmente la bocca, infilo l'astuccio nella mia borsa e guardo loro.

Ogni singola persona nel corridoio si sposta di lato per fare spazio al loro passaggio.

In pratica loro sono i re qua dentro. Vai contro di loro e ti troverai contro l'intera scuola.

Tutti sanno chi sono e nessuno osa provare a parlare con loro o addirittura avvicinarli.

Camminano fianco a fianco in una linea perfetta: Bane e Silver all'esterno, con Kellan e Ryder al centro.

Bane è senza dubbio il più spaventoso di tutti. Ha un viso ovale con piccoli occhi blu profondi e penetranti. La sua bocca è piena e ferma, incurvata in un ghigno costante.

Ha la pelle abbronzata con una tinta calda e dorata che accentua la sua grande e muscolosa struttura fisica. I suoi capelli sono spessi, neri e accuratamente pettinati, con i lati della testa rasati.

Ha anche una barba nera folta e piena che gli decora il viso. È difficile, a volte, prenderlo sul serio con la barba, perché lo fa sembrare un grande e vecchio orsacchiotto.

Ma se le voci che girano sul suo conto sono vere, non dovresti assolutamente dirglielo in faccia, a meno che tu non voglia finire in ospedale.

Indossa una semplice canottiera bianca che è abbastanza scollata da mostrare i peli sul petto e una lunga collana nera che oscilla a ogni passo.

Il ciondolo della sua collana rappresenta tre spirali intrecciate, credo che questa forma sia chiamata triscele. Indossa dei jeans neri stretti con stivaletti neri a tacco basso.

Poi il mio sguardo si sposta su Silver, che cammina nell'angolo all'estrema destra. Fatico a toglierle gli occhi di dosso, a costo di fissarla sfacciatamente.

Ogni ragazza vorrebbe essere lei e ogni ragazzo di questa scuola vorrebbe uscire con lei, ma tutti sanno che è innamorata di Ryder.

Il modo in cui lo guarda e gli sorride, con i suoi denti perfetti e il suo corpo perfetto. Ha un viso a forma di cuore con una pelle liscia e pallida e occhi azzurri brillanti.

La sua bocca è piena e perfettamente modellata, il che accentua l'espressione imbronciata delle sue labbra. I suoi lunghi capelli neri, selvaggi e indomiti, si appoggiano sulla sua spalla sinistra e pendono fino all'altezza della vita.

La sua corporatura è piccola ma tonica e scattante. Si dice che una volta abbia preso furiosamente a calci un atleta dopo che lui le aveva dato uno schiaffetto sul sedere.

Lui se ne andò in ambulanza e non tornò a scuola fino al mese successivo. Nessuno l'ha più toccata. Non dopo quella volta.

Indossa una giacca di pelle nera che le cade in vita, pantaloncini neri semplici e stivali neri alla coscia.

Il più bello di tutti è Kellan. Sembra un po' strano vederlo con queste persone, come se fosse fuori posto.

Ha un viso ovale con una pelle chiara e occhi marrone scuro che sembrano tormentati ma gentili allo stesso tempo.

Il suo viso non ha un'espressione ben definita, il che rende difficile determinare se sia felice o triste o arrabbiato. I ricci capelli castani incorniciano il suo viso perfettamente modellato.

Indossa un dilatatore nero nell'orecchio sinistro ed entrambe le sue braccia sono coperte di tatuaggi colorati. Il suo corpo è snello, tutto nervi e muscoli, senza un grammo di grasso.

Indossa una semplice canottiera nera, jeans neri stretti e scarpe da ginnastica nere.

Kellan potrebbe essere l'unico accessibile tra tutti loro. Emana quest'aura di gentilezza che attira le persone e rende impossibile disprezzarlo o andargli contro.

Mi ricordo ancora quando lui e la sua ragazza stavano insieme.

Anna era una delle ragazze più dolci di questa scuola. Ogni singola persona qui la rispettava e la trattava con la massima gentilezza.

Ma Kellan ha perso l'amore della sua vita più di un anno fa, quando il suo corpo è stato trovato vicino al fiume nelle prime ore del mattino.

La gente dice che la scena del crimine sembrava uscita da un film horror.

Kellan ha perso per sempre una parte di sé dopo aver perso Anna e io non posso in alcun modo biasimarlo.

“Cosa la rende così speciale? Scommetto che ha una vagina magica o qualcosa del genere. Inoltre, probabilmente è andata a letto con tutti e tre”, mormora la mia amica, fissando Silver.

Distolgo lo sguardo da Kellan che ci è appena passato davanti e sussulto al commento della mia migliore amica. “Sam, smettila di fissarla prima che picchi anche te e ti mandi in ospedale!”

“Cosa? Ma va, mica può sentirmi”.

Afferro la mano di Sam e la trascino lungo il corridoio verso la nostra classe di inglese. Prendiamo posto vicino in prima fila e tiriamo fuori il libro di lettura aspettando che arrivi il signor Daniels.

“Almeno con uno di loro va a letto di sicuro”. Sam indica con la punta della sua penna il fondo della classe, senza guardare.

Mi guardo alle spalle verso il fondo e vedo i quattro seduti insieme, ma nessuno di loro parla all'altro.

Silver siede accanto a Ryder come sempre. Rimane sempre al suo fianco.

Guardo Ryder, la sua espressione rimane impassibile mentre Silver gli accarezza il braccio pietosamente.

Chiunque potrebbe dire solo guardandola che è in profonda soggezione nei suoi confronti.

Kellan, invece, rimane in silenzio, seduto con i gomiti appoggiati al tavolo e la testa tra di essi.

Bane è seduto con le gambe incrociate sul tavolo, con le mani intrecciate dietro la testa. Si guarda intorno nella stanza, come se volesse cogliere ogni dettaglio di tutto ciò che lo circonda. Mi rendo conto che solo allora mi sono accorta della loro presenza in classe.

“Sam!” Nel girarmi verso di lei le colpisco accidentalmente la mano, facendo cadere la penna a terra.

“Quella è la mia penna preferita”. Lei indica il pavimento. “Non ha mai fatto male a nessuno”.

“Ma perché loro sono in questa classe? Perché me ne rendo conto solo ora?” Le chiedo, indicandoli con discrezione con un cenno del capo.

“Siamo a metà dell'ultimo anno quindi…non dovrebbero starci. La scuola non permette alle persone di cambiare corso a metà anno. Non so, forse hanno trovato un accordo con il signor Daniels?” Suggerisce Sam.

Prende la sua penna e controlla il danno “A proposito, mi devi una penna nuova. Questa bellissima stilografica era un regalo di compleanno”.

“Sì, certo”. Guardo di nuovo verso il fondo della classe, solo per rendermi conto che anche loro mi stanno fissando.

Mi sento davvero intimidita.

Silver inclina la testa di lato e mi fissa con uno sguardo ostile, mentre la mascella di Bane scatta nervosamente.

Aggrotto le sopracciglia e guardo verso Kellan. Lui fa un piccolo sorriso, i suoi occhi si increspano ai lati quando gli rispondo a mia volta con un sorriso.

Il tutto dura solo per un secondo, poi Kellan riabbassa la testa, tornando a fissare nuovamente la scrivania. Giro completamente la testa per guardare direttamente Ryder e per la prima volta in diversi anni, lo osservo con la massima attenzione.

Ha un viso cesellato con una pelle immacolata e abbronzata, con occhi verde smeraldo che mi fissano con uno sguardo intenso, ma che non trasmette minaccia, ostilità o diffidenza, è soltanto uno sguardo puro e curioso.

Gli restituisco lo sguardo e lui mi risponde con un sorriso. Le sue labbra sono piene, ma ferme.

Scommetto che quelle labbra hanno baciato parecchie ragazze…

Dopo essersi aggiustato il berretto, si sposta i capelli neri lucidi da un lato e improvvisamente mi fa una linguaccia. Con stupore aggrotto le sopracciglia e mi giro immediatamente, confusa.

“Stronzo”, mormoro sottovoce.

Mentre sono girata verso la parte anteriore della classe, sento Ryder ridere da dietro.

Merda! È riuscito a leggere il labiale o qualcosa del genere?

“Chi è lo stronzo?” Sam si guarda intorno nella stanza per capire a chi mi riferissi, tuttavia trova soltanto il mio sguardo torvo a fissarla.

Indica se stessa in preda al panico. “Se si tratta della penna, non preoccuparti”.

“No, non è niente. È solo che non sono affatto nel mood di lavorare stasera”.

Prendo il libro e scorro distrattamente un trafiletto.

“Sei indietro con i compiti? Posso aiutarti alla tavola calda stasera, se vuoi”.

“Grazie, ma sono sicura che riuscirò a recuperare in tempo”.

Tiro fuori una penna dal mio astuccio proprio nell'istante in cui la porta della classe si apre, lasciando entrare un uomo che decisamente non è il professore.

Il signor Daniels è in malattia oggi?

“Buongiorno studenti, il mio nome è Mr. Edmund e sarò il vostro insegnante di inglese per il resto del semestre scolastico. Credo che stiate leggendo il romanzo Cime tempestose. Qualcuno può offrirsi volontario per iniziare?”

Scrive il suo nome sulla lavagna: Oliver Edmund.

“Dov'è il signor Daniels?” Chiede Sam, senza peli sulla lingua.

“Non sono obbligato a condividere questa informazione con lei, signorina Frey”.

Si gira e fissa Sam con un uno sguardo gelido.

“Signore? Ci era stato promesso che avremmo avuto i risultati del nostro test oggi”, riprendo io educatamente, spezzando la tensione.

Questa prova pratica è ciò di cui ho assolutamente bisogno per passare l'esame della settimana prossima.

Se vengo bocciata a un altro corso, non so come potrò sopravvivere al resto del mio ultimo anno.

“Alice, vero?”

Cammina lungo il corridoio, tenendo la cartellina con i nomi di tutti gli studenti, inclinando leggermente la testa di lato.

“È corretto, sì”, rispondo con voce calma e raccolta.

“Alza sempre la mano se hai una domanda”.

Mi lancia un'occhiata di sufficienza, poi si gira in modo teatrale e si incammina verso la parte anteriore della classe indicando la lavagna.

“Sono il vostro insegnante ora. Qualsiasi cosa il signor Daniels vi abbia insegnato prima, dimenticatelo perché non tornerà”.

Batte le mani una volta, come a svegliarci da una sorta di trance, e mi guarda fisso negli occhi. “Ora, Alice, perché non inizi a leggere per noi? Capitolo otto, se non ti dispiace”.

Si siede alla cattedra e mi fa cenno con la mano di iniziare a leggere.

Dove sei finito, signor Daniels?

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Ninfa, la seconda possibilità dell’alfa

Adelie è abituata a rimanere nell’ombra e a vivere una vita ordinaria nel suo branco di lupi. Ma tutto cambia quando viene rifiutata dal suo compagno, l’alfa, e deve trovare un nuovo branco in cui vivere. Trova poi una nuova casa nel branco dell’alfa Kairos.

Kairos, un lupo noto per la sua natura vile e il suo carattere furioso, si rivelerà essere la seconda possibilità per Adelie di avere un compagno. Ma le cose potranno funzionare se la paura di Kairos del passato gli impedisce di aprirsi e Adelie sta per scoprire di avere dei poteri che non aveva mai nemmeno sognato?

Età: 16+

La principessa perduta

Everly ha vissuto nella paura per tutta la sua vita, ma le cose peggiorano ulteriormente quando la sua violenta matrigna la vende come schiava. Costretta a sopravvivere in uno squallido mondo sotterraneo di mostri assetati del suo sangue verginale, Everly sente di non avere speranze, fino a quando non riesce a fuggire al Branco della luna rossa. Lì si trova faccia a faccia con l’affascinante Alfa Logan, il suo compagno predestinato. Ma i suoi vecchi padroni sono sulle sue tracce.

Il suo nuovo branco sarà in grado di sconfiggerli?

Età: 18+

Colt

Summer sarà anche sposata con un bell’uomo d’affari, ma lei sa cose sul suo carattere che gli altri non sanno. Quando suo fratello scopre cosa sta passando, vuole farla proteggere dal club dei motociclisti. Solo che Summer non vuole averci niente a che fare… finché non incontra il Diavolo e si rende conto che non c’è niente di meglio di un cattivo ragazzo per farle battere il cuore.

Età: 18+

Le guerre dei lupi

Dopo le Guerre dei Lupi, i lupi mannari e gli umani si accordarono per una tregua scomoda e divisero il mondo tra di loro. I lupi mannari presero le foreste e le pianure, mentre gli umani le città e i paesi. L’umanità fu ulteriormente segregata in Lavoratori ed Elite.

Ora, il cibo è scarso e i Lavoratori stanno morendo di fame ed è così che la dodicenne Lavoratrice Ellie si ritrova affamata e bloccata nel territorio dei lupi mannari. Ma si tratta davvero delle bestie spaventose da cui è stata messa in guardia o le Elite hanno nascosto la verità?

Età: 18+ (Attenzione ai contenuti: stupro e violenza)

Taken

Clarice è stata difesa per tutta la sua vita dal padre iperprotettivo ed è separata dalla sua lupa interiore. Quando perde il controllo durante una trasformazione, finisce come ostaggio di re Cerberus Thorne, il famigerato leader di tutti i lupi mannari.

Intrappolata nel suo castello, Clarice scoprirà che il proprio destino è legato a quello di Cerberus, ma sarà in grado di domare il suo compagno selvaggio prima che sia troppo tardi?

Età: 18+

L’inseguimento di Kiarra

Kiarra scappa sempre dai suoi problemi, dai suoi sentimenti, da sé stessa. Poi si ritrova direttamente tra le braccia del misterioso e sexy Aidan Gold. Kiarra non è sicura se vuole strappargli la testa o lasciare che lui le strappi i vestiti di dosso.

In ogni caso, Kiarra impara presto che Aidan ha un grande, brutto segreto e tira fuori gli artigli.

Età: 18+

Mateo Santiago

Juniper è una lupa mannara che non può trasformarsi. Quando suo padre, l’Alfa, la espelle dal suo branco, si ritrova a essere una vagabonda in terra straniera. Ma sta per incontrare un altro alfa. Uno che cambierà la sua vita per sempre…

Età: 18+

La schiava dei draghi

Viaggia indietro nel tempo per questa reinterpretazione medievale di Requiem City! Madeline ha servito i potenti draghi mutaforma dell’Orda di Requiem fin da quando era giovane. Al suo diciottesimo compleanno, Hael, il Signore dei Draghi in persona, posa i suoi occhi verde smeraldo su Madeline. Ha dei piani più grandi per lei. Madeline sarà la schiava sessuale servile che Hael richiede? O questo dominatore ultra-sexy ha finalmente incontrato una degna avversaria?

Età 18+