logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Juniper è una lupa mannara che non può trasformarsi. Quando suo padre, l’Alfa, la espelle dal suo branco, si ritrova a essere una vagabonda in terra straniera. Ma sta per incontrare un altro alfa. Uno che cambierà la sua vita per sempre…

Età: 18+

 

Mateo Santiago di Katlego Moncho è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Trama

Juniper è una lupa mannara che non può trasformarsi. Quando suo padre, l'Alfa, la espelle dal suo branco, si ritrova a essere una vagabonda in terra straniera. Ma sta per incontrare un altro alfa. Uno che cambierà la sua vita per sempre…

Età: 18+

Racconto di: Katlego Moncho

Scritto da: Jon Altamirano e Brittany Schellin

JUNIPER

Sarebbe dovuto essere uno dei giorni più felici della mia vita. Sarei dovuta essere emozionata.

Gioiosa.

Eppure il peso di ciò che sarebbe successo in questo giorno, il mio tredicesimo compleanno, era un vuoto logorante di ansia e depressione.

C'erano aspettative che dovevo soddisfare. Se mio padre e mia madre mi avessero mai accettata.

I compleanni erano una prova, o almeno il mio lo era. Non riuscivo a ricordare esattamente una volta in cui i miei genitori mi avessero festeggiata. Non che fossero affezionati a me neanche gli altri giorni.

Ero stata affidata ai miei nonni, un piccolo miracolo che avevo imparato ad apprezzare diventando grande. Furono loro a crescermi, a insegnarmi tutto, ad amarmi.

Come molti altri miei compleanni, la mattina era iniziata nuvolosa e grigia.

La pioggia sputava giù dal cielo e contro le finestre. Il suono degli schizzi contro la casa era rilassante, un balsamo per i miei nervi tesi.

Non ero nervosa per il mio compleanno. Piuttosto, era quello che doveva succedere. Tutti, mio padre, mia madre, la mia famiglia, i nostri vicini, il nostro branco, si aspettavano che uscissi e mi trasformassi per la prima volta.

Quel giorno avrei preso il mio legittimo posto come erede alfa.

Questo se fossi riuscita a completare la trasformazione nel mio lupo.

Mangiai da sola, una colazione irrilevante di cui avrei voluto non preoccuparmi.

Fu un rombo di tuono, che scosse la casa seguito da voci lontane che cercavano di gridare al di sopra di esso, che mi avvisò del pericolo che stava per presentarsi.

Fuori, la pioggia era pesante, o forse era aumentata nel momento in cui avevo raggiunto il nostro portico anteriore. La gente del branco macinava e mormorava, ma non riuscivo a capire cosa dicessero.

Poi, uno dopo l'altro, mi individuarono e diventarono silenziosi. Nonostante l'acquazzone torrenziale, erano tutti lì. Adulti, bambini, mio nonno.

Mio padre.

Al suo fianco c'era Jacob, altezzoso e orgoglioso. Era nuovo nel branco, un orfano che mio padre aveva accolto. Mio padre adorava Jacob e lo trattava come un figlio.

Mi rendeva gelosa.

“Juniper. Vieni”.

Volevo fare un passo indietro, tornare nella mia stanza, dormire.

Avrei voluto farlo.

Ma ero impotente. Dovevo fare quello che mi chiedeva.

Un passo in avanti, nel fango che scricchiolava, e la folla si allontanò.

“Dayton, non è pronta”, supplicò mio nonno. Si assomigliavano molto, ma dove gli occhi del nonno erano pieni di calore, quelli di papà avevano una freddezza pungente.

“Deve esserlo. Lo sarà. Nessuno dei miei figli è senza un lupo”. Mio padre aspettava con ansia mentre mi avvicinavo.

“Cosa sta succedendo?” La mia voce era appena sopra un sussurro e vacillò quando mio nonno mi guardò. C'era paura nei suoi occhi. Disperazione.

“Per favore, figliolo. È tua figlia”. Alle parole del nonno, il volto di mio padre si trasformò in un sorriso crudele.

“Se June è degna, si trasformerà. Combatterà. Come tutti gli Alfa prima di lei”. Jacob si stava già trasformando nel suo lupo. Aveva sangue Alfa, come me, e recentemente aveva fatto uscire il suo lupo, nel giorno del suo tredicesimo compleanno.

“È troppo presto”.

Non sapevo dove fosse mia nonna quella mattina, ma mia madre era in disparte, uno spettatore silenzioso con uno sguardo di indifferenza. Quando parlò, però, le sue parole furono fredde come quelle di mio padre. “Non se è destino. Ogni Alfa che si rispetti muta durante il giorno del suo tredicesimo compleanno”.

“Tu non capisci. Nessuno di voi ha mai capito”. Il nonno si accalcò su mio padre, implorando.

“Basta!” Un altro rombo di tuono accompagnò il grido di mio padre che spinse il nonno a terra.

“Basta!” Ero in piedi davanti a loro, impotente e terrorizzata. Il lupo di Jacob stava minacciosamente di lato. Mio padre si voltò verso di me, la sua espressione piena di malizia e di eccitazione.

“È ora, Juniper. Sai che giorno è. Trasformati e combatti per il tuo titolo con Jacob”.

Non potevo.

Provai e riprovai, chiamando il mio lupo, per qualsiasi segno di cambiamento, ma ero bloccata, congelata.

Lo scatto di una pistola suonò, più assordante della pioggia o del tuono. Vidi il nonno trasalire quando la canna premette contro la sua testa. Gli occhi di papà brillavano crudelmente, scavando l'arma nella tempia di mio nonno.

“Spostati o lo uccido”. La sua mano non tremava. Non tremava. Era ferma, e la folla guardava in silenzio.

Supplicai loro e mio padre. Supplicai la mia bestia interiore.

“Trasformati!”

“Non posso!”

Poi la pistola sparò.

***

Con il cuore a mille e bagnata di sudore, mi alzai di scatto dal letto, con il suono del botto che ancora riecheggiava nella mia testa.

Un altro incubo.

Un altro sogno che mi faceva rivivere il momento peggiore della mia vita.

Sei al sicuro ora, June. È finita.

Starlet. Sospirai di sollievo, confortata dalle sue parole. Il mio battito cardiaco rallentò, non cercando più di galoppare fuori dal mio petto. Vorrei non doverlo rivivere.

Vorrei essere venuta da te prima.

Starlet era arrivata da me dopo quell'orribile giorno cinque anni prima, anche se non avevamo ancora completato la nostra mutazione. Lei, la mia lupa, non mi aveva mai detto perché e ancora non l'avrebbe fatto. Non mi importava però. Avevo lei, una cara amica quando ne avevo più bisogno, e questo era tutto ciò che contava.

Un leggero bussare ci disturbò e la porta si aprì.

Mia nonna entrò, sorridendo quando mi vide alzata. Gli anni erano stati gentili con lei, ma lo stress di aver perso il suo compagno cinque anni prima aveva lasciato il segno nelle linee intorno ai suoi occhi e nel costante abbassamento delle sue spalle.

Ero così sicura che mi avrebbe incolpata per quella mattina. La devastazione sul suo volto quando vide il nonno morto a terra mi convinse che avevo perso anche lei. Il suo urlo aveva spaventato mio padre abbastanza da farlo ritirare.

Dopo un po', la nonna era venuta da me e mi aveva avvolta nelle sue braccia. Mi portò poi a casa sua e fu lì che rimasi per i cinque anni successivi.

Ero terrorizzata e volevo andarmene, così sicura che mio padre avrebbe ripetuto su di me quello che aveva fatto al nonno. Insieme avevamo deciso che sarebbe stato meglio per me rimanere nascosta al sicuro fino a quando, beh, qualcosa mi avesse spinta ad andarmene.

“Buon compleanno, June”. Si trascinò lungo le assi scricchiolanti del pavimento. Nelle sue mani c'era una piccola torta con le candele che tremolavano in cima. “Esprimi un desiderio, bambina”.

Sorrisi e chiusi gli occhi, concentrandomi.

Una brezza spazzò la stanza. Le tende si spostarono e la porta si chiuse. Quando riaprii gli occhi, le candele erano spente e la nonna aveva uno sguardo ammonitore e i capelli spazzati dal vento.

“June!”

“Hai detto che avrei dovuto esercitarmi a usarle!”

“La magia non è fatta per essere usata in quel modo. Soprattutto i poteri elementari”. Mi rimproverò mentre si lisciava i capelli.

Con un pensiero, riaccesi le candele e guardai le piccole fiamme riaccese con una scintilla di magia. Chiusi le labbra e le spensi normalmente, sorridendo innocentemente quando la nonna strinse gli occhi su di me.

“Ok, ok”. Risi, cedendo. “Mi dispiace”.

L'espressione della nonna si ammorbidì, un sorriso scivolò sulle sue labbra.

I miei poteri magici si erano mostrati gradualmente durante gli anni in cui avevo vissuto lì. La prima volta che avevo mostrato segni di magia elementare era stato quando mi ero svegliata con la febbre e avevo prontamente riscaldato il bagno in un tempo spropositato.

La nonna l'aveva presa bene, nonostante fosse un altro fenomeno innaturale che mi riguardava. “È perché sei speciale, Juniper. Farai grandi cose, bambina”, mi aveva detto quando ero andata da lei piangendo.

“Piove anche oggi?” Lei annuì, ma non ero sorpresa.

Pioveva sempre il giorno del mio compleanno.

“Oggi uscirò. Devo aiutare Tabatha con una cosa a casa sua”. Mi spazzolò i capelli via dal viso, chiocciando e preoccupandosi. “Starai bene se me ne vado per qualche ora?”

Sorrisi dolcemente. “Vai ad aiutare Tabatha a uscire da qualsiasi casino abbia causato questa volta”.

Avevo una routine nonostante fossi bloccata a casa, o forse proprio a causa di questo. Colazione, compiti di scuola, tutto l'esercizio fisico che riuscivo a fare, tempo libero e poi la cena. Le serate di solito le passavo con la nonna e con qualsiasi programma da cui veniva attirata.

Quel giorno, però, mi ero ritrovata a fissare il giardino sul retro. A volte desideravo uscire al calore del sole o al fresco della pioggia o sentire la carezza del vento. Il desiderio era stato insopportabile all'inizio, ma avevo imparato a reprimerlo.

Almeno, pensavo di averlo fatto.

A metà della colazione di quella mattina, mi resi conto che Starlet mi spingeva ad andare.

Dovremmo uscire oggi.

Mi bloccai, il cucchiaio di cereali bloccato a metà nella mia bocca.

Starlet, per favore. Sai che non possiamo.

Dobbiamo farlo, June. Dobbiamo farlo.

Non possiamo! Cosa c'è che non va?

Sento che… è solo tempo. Non è giusto rimanere rinchiusi. Non per un lupo. Non per un umano. Potevo sentire la disperazione di Star, un pozzo di frustrazione che ribolliva in superficie.

E onestamente? Anch'io volevo uscire.

È troppo pericoloso. E se qualcuno ci vede? Chiesi, ma le mie parole erano vuote.

Non credo che molti saranno fuori oggi.

Starlet aveva ragione, ovviamente. Era grigio e il tempo era terribile. La maggior parte del branco avrebbe scelto di stare in casa, giusto?

Potremmo fare una passeggiata nel bosco. Sai che sarà difficile individuarti lì dentro.

Non ebbi bisogno di altri suggerimenti.

C'era un'aria pungente fuori, ma la pioggia era cessata. Nonostante ciò, mi affrettai dal portico posteriore verso la copertura degli alberi.

La casa della nonna era isolata e si affacciava sulle foreste che circondavano il nostro branco. Quasi nessuno si avventurava lì vicino e avevo il sospetto che ci fosse la nonna dietro.

Camminare tra gli alberi era liberatorio. Era tranquillo, silenzioso tranne che per le foglie e i ramoscelli che scricchiolavano e schioccavano sotto i miei piedi. Gli uccelli cinguettavano pigramente dai loro posatoi in alto.

Vorrei poter sentire il sole.

Era un pensiero meraviglioso. La povera Starlet aveva avuto solo un assaggio del mondo esterno prima di essere nascosta in quella casa con me.

Non puoi fare qualcosa, June? Mi stava supplicando.

Io volevo farlo. Starlet era la mia migliore amica. Mi aveva tenuto compagnia nei momenti peggiori degli ultimi cinque anni. Mi manteneva sana di mente ed era una delle poche che mi amava veramente.

Ma cosa potevo fare? Non potevo controllare il tempo.

Mi dispiace, Star.

Sentii Star sgonfiarsi, il suo cuore spezzarsi e il mio andare in frantumi insieme a esso.

Chiusi gli occhi, un profondo sospiro sgonfiò i miei polmoni.

Che razza di vita era questa? Dovevamo sgattaiolare nel nostro cortile per paura di essere viste. Dovevamo rischiare le nostre vite per un assaggio del vento, la sensazione del sole sulla nostra pelle.

Se solo…

Improvvisamente, il vento aumentò, facendo frusciare gli alberi e disturbando gli uccelli.

I miei occhi si aprirono quando le nuvole iniziarono a spostarsi e a schiarirsi e al loro posto c'era il sole.

Brillante, caldo e luminoso.

Rimasi lì in piedi, fissa, assorbendo tutto. Sentii Star dispiegarsi dentro di me come un fiore che sboccia, i suoi spiriti che salivano verso il cielo.

Non potei fare a meno di ridere. Forse questa piccola fortuna era il regalo di compleanno del mondo per me.

“Tu!”

Il mio cuore saltò mentre tornavo alla realtà.

Lo schiocco di un ramo, un forte tonfo, mi fece girare in tempo per vedere uno sconosciuto, incombente e non familiare.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

ROYCE

Bella.

Potente.

I suoi capelli scorrevano come seta dorata e, anche da lì, potevo vedere il verde dei suoi occhi, scintillanti e gioiosi.

Erano passati cinque anni da quando Juniper Evigan, la figlia dell'Alfa, era scomparsa. La gente ipotizzava che fosse scappata per diventare una vagabonda dopo aver fallito la trasformazione. Altri dicevano che era stata uccisa da suo padre, il suo corpo lasciato alla natura e al tempo.

Fu una tragedia.

Quando quel giorno entrai nella radura per vedere Dayton e mio fratello Jacob che la mettevano all'angolo, rimasi disgustato. Se n'era andata prima che potessi fare qualcosa, spazzata via, per non essere più vista.

Questa sconosciuta me la ricordava così tanto, però.

Era possibile?

Juniper era rimasta a Litmus, nascosta?

Aveva senso, soprattutto per tutte le minacce che la madre di Dayton aveva sputato se qualcuno, Dayton incluso, si fosse avvicinato di nuovo a lei o alla sua casa. Tutti l'avevano liquidata pensando si trattasse di rabbia e odio per quello che era successo al suo compagno e alla nipote.

Ma se ci fossimo sbagliati?

Per prima cosa avevo individuato i suoi capelli che lampeggiavano tra gli alberi e avevo seguito il suono dei suoi passi. Poi il vento era cresciuto in modo innaturale, frustando tutto intorno a noi fino a quando le nuvole si erano disperse. Lei stava in piedi in basso, immergendosi nella luce improvvisa con le braccia tese.

Lo capii subito. Sapevo che lei era speciale.

Sapevo che dovevo arrivare a lei.

“Tu!”

Nel mio tentativo di avvicinarmi, spezzai dei rami che mi bloccavano la strada e quasi inciampai su un tronco.

“Aspetta!”

Lei trasalì e si voltò. I suoi occhi erano così meravigliosi, accattivanti.

Sembrava inorridita e si stava girando per andarsene, i muscoli si avvolgevano, pronti a correre. Io però ero più veloce. Nel momento in cui fece un passo nell'altra direzione, mi ero avvicinato bloccando la sua via di fuga.

“Sei… sei Juniper Evigan, giusto?”

La ragazza sembrava pronta a negarlo e sapevo di avere ragione. I suoi occhi erano spalancati e la sua bocca ben chiusa. Potevo sentire debolmente il suo cuore battere all'impazzata.

“So che lo sei. Ti riconosco”. Sorrisi, sperando di apparire amichevole. Non volevo spaventarla.

“Non lo sono. Non so di chi stai parlando”. Abbassò lo sguardo, le sue ciocche bionde caddero a coprirle il viso.

“Sono Royce. Non devi avere paura”.

Lei si schernì e io sorrisi di più.

“I tuoi genitori avevano alcune foto nascoste, anche se sospetto che fossero più dei tuoi nonni che loro”.

Il cipiglio di Juniper si fece più profondo.

Il vento riprese a soffiare, gli alberi frusciavano e scricchiolavano pericolosamente. Mi guardai intorno, il vento improvviso mi scompigliava i capelli. Era quasi come se il mondo stesse reagendo alle sue emozioni.

JUNIPER

Il mio cuore si sentiva come se avesse dovuto saltarmi fuori dal petto.

Avevo incasinato tutto.

Non sarei mai dovuta uscire. Sarei dovuta rimanere a casa dove ero al sicuro, dove potevo sprecare le ore fissando fuori dalla finestra. Il vento turbinava intorno a me, quasi tagliandomi la pelle.

Respira, June, disse Star. Non sei sola. Respira.

Mi aggrappai alla voce di Star, usandola come un'ancora per concentrarmi. Mi sentii calmare un po' mentre il vento rallentava, lasciando dietro di sé un silenzio inquietante.

Lo straniero mi guardava, i suoi occhi brillavano affascinati.

Sarei dovuta correre. Sarei dovuta scappare il più lontano e il più velocemente possibile. Sarei dovuta correre a casa, fare i bagagli e partire per la stazione degli autobus più vicina prima che mio padre capisse che ero ancora nel suo territorio.

Ma il modo in cui mi sorrideva… Potevo contare sulle dita di una mano il numero di persone che mi guardavano come se fossi importante.

Cosa dovremmo fare? Chiesi a Starlet. La sua risposta fu lenta e inutile.

Non lo so.

Starlet? Insistetti per saperne di più, ma rimase ostinatamente tranquilla.

Riportai la mia attenzione sullo strano uomo di fronte a me. Era alto ma non molto largo. Eppure, c'era qualcosa di intimidatorio in lui. Aveva potere, ma cos'era?

“Cosa vuoi?”

“Ti stavo cercando, a essere onesti”.

Feci un passo indietro, le foglie si mischiarono sotto la mia scarpa.

“L'ho detto per sembrare meno inquietante”.

“Chi sei?”

“Sono Royce”.

“Ho già sentito parlare di te”.

Fece un altro sorriso affascinante, con i denti bianchi e perfetti che lampeggiavano.

“Royce Fallon. Presto sarò l'Alfa del Branco di Litmus”. Le ultime parole furono pronunciate con un'emozione complicata che non riuscii a collocare, e fu ciò che mi impedì di scappare via urlando. Disprezzo, rassegnazione?

“Non ne sembri molto felice”.

“Saresti felice di prendere il posto di tuo padre?”

Feci una smorfia e lui sorrise in modo comprensivo.

“Ero lì cinque anni fa. Ho visto cosa ha fatto”. Sputò e mi calmai. Chiaramente non era un fan di mio padre.

“Se fossi arrivato prima, avrei potuto fare qualcosa. Avrei potuto salvare tuo nonno”. Sembrava così dispiaciuto che era difficile non avvicinarsi e offrire conforto.

“Avrebbe dato la caccia anche a te se tu fossi intervenuto”.

Royce avanzò lentamente e si sedette su un tronco caduto con un sospiro. Sapeva che avevo ragione.

“I tuoi genitori sono crudeli e non meritano di comandare. Tutto il tuo branco non ti merita”.

Sentii le mie guance scaldarsi. “Non potevano andare contro il loro Alfa”.

“Tutti hanno una scelta”.

“Non sei felice di prendere il comando?” Chiesi. “Quando mio padre si dimetterà e ti farà diventare Alfa, non avrà più il controllo. Sarai in grado di guidare meglio il branco”.

“Per quanto mi riguarda, l'inazione del branco quel giorno li rende altrettanto colpevoli. Non voglio essere responsabile per queste persone”.

Mi morsi il labbro, esitante. “Potrebbero essere migliori, con il leader giusto”.

“Forse”.

Esitai di nuovo prima di unirmi a lui sul tronco. Sorrise di nuovo. Aveva mai smesso? Non lo odiavo comunque. Lo rendeva solo più bello. La sua futura compagna sarebbe stata una donna fortunata.

C'era qualcosa in lui che mi faceva sentire rilassata, alla mano. Ci sedemmo in silenzio per un po', le mie gambe dondolavano sotto di me mentre ero seduta sul tronco. I miei calci mandavano piccole raffiche di vento a terra, foglie e terra che turbinavano nell'aria.

“Um, Juniper?”

“Sì?”

“Sei tu che fai così?”

I suoi occhi erano spalancati, guardando il gioco della mia magia mentre calciavo foglie cadute in una spirale d'aria.

Mi bloccai, con il cuore che mi batteva nelle orecchie.

Idiota, idiota, idiota, idiota.

Mi guardò con aspettativa mentre le foglie fluttuavano di nuovo a terra.

Il mio cuore batteva più forte. Stavo davvero per rivelarlo a Royce? Non lo conoscevo, ma…

Starlet, dovremmo dirglielo?

Ci mise così tanto a rispondere che pensai che fosse sparita.

Credo che dovresti farlo.

Bene.

Ecco fatto.

“Sì”.

ROYCE

Magia.

Aveva la magia.

Magia elementare.

Una magia potente e forte.

Come poteva suo padre essere così sciocco? Come aveva potuto il branco? Buttare via un tale dono? Sprecarlo? Se non l'avessi trovata quel giorno, sarebbe rimasta nascosta al mondo?

Juniper era utile. Suo padre era troppo cieco per vedere quanto potesse essere utile.

Io invece potevo.

Il giorno in cui suo padre la mise da parte il giorno del suo compleanno fu il giorno in cui fece il suo primo errore. Fare di me il suo erede al posto di mio fratello fu il secondo.

Dayton pensava che mio fratello fosse una delusione. Non era riuscito a far cambiare Juniper quel giorno, dopo tutto. Jacob fu evitato. Proprio come Dayton aveva abbandonato Juniper, lo aveva fatto con Jacob.

Rapido a voltare pagina, mi aveva nominato successore.

Mi chiedevo dove fosse ora.

Forse era diventato un lupo solitario nel deserto.

“Hai la mia parola. Nessuno saprà cosa puoi fare”.

Sorrise con sollievo.

“Non dovresti nasconderlo però. Quello che puoi fare, Juniper, è un dono. Uno che non dovrebbe essere nascosto”.

“Questo è quello che dice mia nonna”.

“È intelligente. L'ho vista portarti via. Quel giorno. Ho sperato che avrebbe agito nel modo giusto”.

“Mi ha salvata. Se non fosse stato per lei che mi ha nascosta per tutti questi anni, mio padre mi avrebbe trovata e probabilmente mi avrebbe uccisa come…” si strozzò con le parole.

“Tuo nonno”.

Lei annuì, solenne. Il cielo si oscurò mentre le nuvole tornavano a farsi sentire. Ci sedemmo in silenzio per un po'. Il crollo delle sue spalle mi fece desiderare di stringere il mio braccio intorno a lei, per confortarla e dirle che tutto sarebbe andato bene.

Probabilmente l'avrei spaventata.

“Mi ero quasi dimenticata. Buon compleanno”, dissi.

La sorpresa balenò sul suo volto.

“Come facevi a saperlo?”

“Il tuo compleanno è difficile da dimenticare, specialmente dopo quello che ha fatto tuo padre”.

“Oh. Grazie, credo”.

“Cosa fai per festeggiare?” Le sorrisi, soddisfatto di averla allontanata dai suoi pensieri.

“Niente in realtà. Onestamente, sei entrato nel bel mezzo del mio regalo per me stessa. Non esco da anni”. Emise una mezza risata, nascondendosi dietro la tenda dei suoi capelli.

Ero scioccato ma anche non sorpreso. Non c'era da meravigliarsi che nessuno l'avesse vista in cinque anni. Potevo solo immaginare quanto doveva essersi sentita sola, rinchiusa per così tanto tempo, intrappolata nella sua stessa casa…

“Dobbiamo fare qualcosa, allora!” Le afferrai la mano e la spinsi in piedi. Lei mi seguì con riluttanza ma con un luccichio curioso negli occhi.

“Non lo so. Dovrei tornare indietro prima che qualcun altro mi veda”.

“Nessuno correrà da tuo padre. Te lo prometto. Come erede alfa, ho una certa influenza. Per qualche ragione, la gente vuole essere dalla mia parte”. Le feci l'occhiolino.

Lei rise, dolce e melodica. Le sue guance si arrossarono di un delizioso colore rosa e dovetti trattenere gli impulsi primari della mia bestia.

Non era il momento.

“Fammi strada allora, aspirante Alfa”. Parlò tra una risata e l'altra mentre camminavamo mano nella mano nella foresta.

JUNIPER

Royce era affascinante. Anche il suo aspetto non era male. Con i capelli a caschetto e gli occhi diabolici che potevano tentare anche la donna più casta, era innegabilmente attraente.

Anche se questo avrebbe potuto aver avuto qualcosa a che fare con la mia decisione di andare con lui, era stato più del suo aspetto che mi aveva fatta camminare al suo fianco. Era gentile, simpatico e Starlet non sembrava avere problemi con lui.

Con mia sorpresa, ci condusse più in profondità nel bosco. Si muoveva silenziosamente rispetto al mio passo. Nelle vicinanze, sentii il rivolo di un ruscello, una melodia rilassante al ritmo della foresta.

“Dove stiamo andando?”

Mi sorrise.

“A casa mia”.

La linea degli alberi si interruppe improvvisamente e ci trovammo in una radura. Era spaziosa e rustica.

Una piccola capanna si trovava nel mezzo con giardini lussureggianti che la circondavano. Era stupefacente.

Tra i cespugli e le piante di verdura torreggianti, pensavo di aver visto una persona. Stavano svolazzando avanti e indietro, raccogliendo il cibo dal giardino. Erano troppo lontani e nascosti dalle piante perché potessi distinguere i dettagli, ma sembravano piccoli.

Quando si mossero e vidi gli occhi sbirciare tra le foglie e gli steli, abbassai la testa. Royce poteva essere degno di fiducia, ma questo non significava che tutti lo fossero.

“Andiamo”. Royce mi spinse verso la porta d'ingresso e dentro.

L'interno era rustico proprio come l'esterno. Sembrava accogliente e invitante.

Ero invidiosa.

Royce mi condusse più all'interno della casa, i nostri passi risuonavano contro il pavimento di legno duro. Improvvisamente ero acutamente consapevole della sua mano intorno alla mia, di quanto fosse grande e calda.

Il mio cuore iniziò a battere più velocemente e avevo paura che lui fosse in grado di sentire il mio battito.

Dopo quella che sembrava un'eternità, arrivammo a una porta. La aprì e la tenne aperta per me, sorridendo con quel suo sorriso smagliante. Guardai i miei piedi mentre la spingevo, cercando di nascondere il mio viso dietro i capelli.

Fui sorpresa dall'assalto delle farfalle nel mio stomaco.

Questa era la sua camera da letto.

C'era il suo odore.

Saltai un po' quando sentii lo scatto morbido della porta che si chiudeva.

“Siediti”, disse da dietro di me. “Fai come se fossi a casa tua”.

I miei occhi osservarono la stanza un po' in preda al panico. Era abbastanza spoglia. Gli scaffali fiancheggiavano una parete piena di libri e riviste e un ampio letto era stato spinto contro l'angolo.

Mi appollaiai sul bordo del letto, con la schiena dritta, completamente tesa. Royce era attraente; non c'erano dubbi su questo. Il solo pensiero di lui che si avvicinava a me, mi mandava lo stomaco in un turbinio di capriole.

Ma non avevo mai baciato un ragazzo prima. Ero davvero pronta per una cosa del genere?

Royce si sedette accanto a me, il suo peso fece tremare il letto. Il mio cuore andò in tilt quando mi fissò negli occhi.

Mi sorrise.

“Finalmente siamo soli”.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Odiata dal mio compagno

Solo pochi giorni dopo il suo diciottesimo compleanno, Aurora Craton sente l’attrazione del compagno mentre lavora come cameriera a una festa per la leadership del branco. Il suo compagno si rivela essere nientemeno che l’alfa Wolfgang del Branco della luna di sangue. Quando Wolfgang scopre che la sua compagna predestinata è solo una cameriera, non solo si rifiuta di accettarla, ma minaccia addirittura di marchiarla come una ribelle e costringerla ad abbandonare il branco, qualora lei osasse dire a qualcuno di essere la sua compagna. Aurora non ha altra scelta che accettare, per rimanere nel branco, condannata a rimanere sola. Ciononostante, una ragione ci deve essere se la Dea della Luna ha scelto di mettere Aurora e Wolfgang insieme…

Età: 16+

Morsi d’amore

Non c’è nessuno che non adori Scarlet. È giovane, bellissima e dall’animo angelico… Quindi tutti rimangono scioccati dallo scoprire che il suo compagno predestinato è lo spietato e senza cuore re alfa.

Temuto da tutti (e per buoni motivi!), è tornato dopo sette anni per reclamare ciò che è suo. Riuscirà Scarlet a fare breccia nel suo cuore o sarà lei a dover implorare pietà?

Età: 18+

La compagna mezzosangue dell’alfa

AsaLynn è la figlia dell’alfa del Branco dell’albero perfetto e ha ormai 199 anni. È quasi impensabile che un discendente della linea Alfa non trovi un compagno prima di compiere 200 anni, ma AsaLynn è a 6 settimane dal suo compleanno e non l’ha ancora trovato. Così suo padre decide di mandarla in Australia per partecipare alla grande cerimonia di accoppiamento stabilita dal re Alfa Leviathan. Lui è stato uno dei primi immortali e anche il primo a essere trasformato in lupo mannaro dalla Dea della Luna, ma, proprio come AsaLynn, neanche lui ha mai trovato una compagna…

Età: 18+

Il mio fratellastro è un orso mannaro

La notte della più grande festa dell’ultimo anno, Helen non è entusiasta di essere al matrimonio riparatore di sua madre con un brizzolato uomo di montagna di Bear Creek. Questo finché non incontra Sam, il montanaro più sexy del mondo, che sfortunatamente è anche il suo fratellastro. Nonostante siano polarmente opposti e appena imparentati, i due sono attratti l’uno dall’altra. Ma mentre si avvicinano, Helen scopre qualcosa: Sam ha un segreto che riesce a nascondere a malapena…

Età: 18+

Sin – I segreti del peccato

Dopo la morte della madre, Marcella Sinclair non può fare a meno di sentirsi un peso per il fratello diciottenne. Quando riceve l’offerta di guadagnare un mucchio di soldi come spogliarellista, decide di accettare. Nessuno deve saperlo… specialmente suo fratello, che è determinato a farla rimanere pura e innocente per il resto della vita.

Età: 18+

La richiesta di Reaper

Abby, la figlia 16enne del presidente del club di motociclisti Carta Madre dei Figli di Satana, si rifiuta di fare come la sua sorella gemella e uscire con i pericolosi motociclisti che le circondano.

Finché non incontra Kade Wilson, detto Reaper, il “Mietitore”, un centauro senza cuore che ottiene sempre ciò che vuole. E ciò che vuole ora, più di ogni altra cosa al mondo, è Abby.

Promette di ritornare per reclamare Abby come sua per il suo diciottesimo compleanno, ma la strada per la felicità non è così semplice per i due…

Età: 18+

L’inseguimento di Kiarra

Kiarra scappa sempre dai suoi problemi, dai suoi sentimenti, da sé stessa. Poi si ritrova direttamente tra le braccia del misterioso e sexy Aidan Gold. Kiarra non è sicura se vuole strappargli la testa o lasciare che lui le strappi i vestiti di dosso.

In ogni caso, Kiarra impara presto che Aidan ha un grande, brutto segreto e tira fuori gli artigli.

Età: 18+

Punita dall’alfa

Dopo aver passato la vita preoccupata che non avrebbe mai trovato il suo compagno, Alexia finalmente lo incontra e si preoccupa ancora di più! L’alfa Rainier Stone del Branco di Southridge è un assassino con una pessima reputazione. Prende ciò che vuole e ora vuole lei. Peggio ancora, anche lei lo vuole!

Riuscirà Alexia a calmare la furia nel cuore di Rainier? Sarà in grado di salvarlo da sé stesso?

Età: 18+