logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Maddie è una borseggiatrice che si aggira per le strade pericolose e magiche di Requiem City. Quando ruba ai ricchissimi gemelli Dobrzycka, questi la costringono a fare una scelta: sottomissione o distruzione.

Età: 18+

 

Requiem City di C. Swallow è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Trama

Maddie è una borseggiatrice che si aggira per le strade pericolose e magiche di Requiem City. Quando ruba ai ricchissimi gemelli Dobrzycka, questi la costringono a fare una scelta: sottomissione o distruzione.

Età: 18+

Autore originale: C. Swallow

Attenzione: questa storia contiene scene cupe ed esplicite, inclusi episodi di BDSM e schiavitù sessuale. Le scene di sesso all'interno di questa storia non sono realistiche né da imitare.

MADDIE

Respiravo l'aria del mattino mentre mi appollaiavo sul cornicione di un edificio abbandonato nel quartiere scheletrico di Requiem City. Un vero e proprio buco di merda, ma era anche la mia casa, l'unica casa che avessi mai conosciuto.

A quell'altezza, il fetore stagnante della città era sostituito dal profumo di aghi di pino freschi che arrivava dalla foresta.

La vista dell'orizzonte era perfetta, direttamente da una favola, ma bastava uno sguardo verso il basso per ricordare che la realtà della mia vita era tutt'altro che una favola.

Alcune persone si aggrappavano a sciocche leggende del passato sulla magia e sulle divinità dei draghi, ma l'unico potere in cui credevo era il mio. Avrei determinato io il mio destino, nessun altro.

Alcuni pazzi passavano ancora tutta la vita cercando di convincersi che i draghi esistevano, nascosti tra noi.

Ma io? Non avevo mai avuto tempo per la finzione.

La mia vita era sempre stata governata da una sola parola: fare, fare, fare.

Fare o morire.

Qualsiasi cosa per fare un po' di grana tra le dure strade di Requiem City.

Perché perdere tempo immaginando merda quando la realtà stava per farti saltare i denti?

No, misi da parte quei pensieri mentre mi sedevo sul cornicione, in equilibrio precario, calciando pezzi di cemento sulla strada sottostante.

Fanculo le favole.

Le favole hanno vita breve quando si tratta di Requiem City…

Il mio telefono iniziò a vibrare selvaggiamente e lo tirai fuori dalla tasca con un senso di terrore: sapevo esattamente chi sarebbe stato.

Dominic
Niente più attese
Dominic
Dove sono
Dominic
I miei $$$???
Maddie
ci sto lavorando, Dom
Maddie
quello che sto per rubare è meglio dei soldi
Dominic
Dominic
Mi hai incuriosito, Mads
Dominic
Questo è un bene
Dominic
Altrimenti, i tuoi amici sarebbero carne morta.
Maddie
dopo questo, siamo liberi
Maddie
promettimelo
Dominic
Vedremo. Quanto è bello?
Maddie
diciamo solo che
Maddie
i tre fratelli più ricchi di Req City stanno per restituire qualcosa alla gente

***

Potevo annusare l'oro prima di vederlo. Una delle donne più ricche di Requiem City era seduta lì tra la marmaglia, sorseggiando un espresso, mostrando quanto fosse impavida.

Adara Dobrzycka della fortunata famiglia Dobrzycka.

Quella donna aveva le palle per essere lì nel quartiere degli scheletri. Probabilmente pensava di potersi adattare con il suo spruzzo di capelli viola mezzo raso. Tutto in Adara urlava “aspirante punk”.

Divertente come ai ricchi fosse sempre piaciuto giocare a far finta di essere poveri. Immagino che fossimo piuttosto alla moda, eh?

Anche se Adara cercava di comportarsi in modo freddo e disinvolto, per caso io sapevo che nella sua borsa c'era un orologio Robishaw nuovo di zecca appena comprato da 900 Jewelers.

Diciamo che la stavo seguendo da un po' e che la donna aveva buon gusto, un gusto costoso.

Non ero come la maggior parte dei borseggiatori. Ero più bassa, più cattiva, più intelligente.

E mi piaceva scegliere i miei bersagli con giorni di anticipo. Adara, per esempio? Era sul mio radar da un po'. Dio, quanto avrei voluto cancellare quel sorriso compiaciuto da stronzetta dalla sua ricca faccia.

Questo era l'unico lato negativo dell'essere una ladra. Non potevi rimanere nei paraggi per vederli impazzire una volta che avevano capito di essere stati derubati.

Un peccato, vero?

Ma non importava.

In quel momento, volevo rubare l'orologio di quella puttana miliardaria prima che sapesse cosa l'aveva colpita.

No, ne avevo bisogno. Altrimenti io e i miei due migliori amici, Darshan e Harry, saremmo stati schiavi di Dominic, il bastardo, per sempre.

Quell'orologio era il nostro biglietto per la libertà.

Quindi stavo per dare ad Adara Dobrzycka un piccolo assaggio della vera Requiem City di cui aveva solo finto di far parte.

Ero la migliore amica dei reietti, dei drogati, dei falliti a ogni angolo.

Ero il sangue che manteneva il mercato nero in funzione.

Ero un'orfana sedicenne di nome Madeline e niente al mondo, né le storie sulla “magia” né i Dobrzycka, poteva fermarmi.

Fortunatamente per me, Adara non prestava molta attenzione ai poveracci intorno a lei. L'avrei usato a mio vantaggio.

Abbracciai il mio cappotto e camminai alacremente in avanti. Aspettai che una folla di uomini d'affari brulicasse sul marciapiede, mi infilai tra di loro e poi, fingendo di guardare da un'altra parte e posizionando attentamente un dito, diedi un colpetto alla tazza di Adara.

Ooops.

“Oh, merda!” urlò lei, saltando in piedi e cercando di pulire l'espresso dal suo cappotto “vintage”.

Era la mia occasione. Mi inginocchiai per afferrare la tazza caduta con una mano e poi, con un gesto fulmineo, infilai l'altra nella sua borsa. Sentii la piccola scatola circondata da carta velina e l'afferrai velocemente.

Non sapevo come fossi così veloce. Era inumano, la gente mi diceva. Anche se mi cercavano, non potevano vedermi. Come se avessi qualche potere magico.

Magia? Sì, giusto.

Alzandomi, consegnai ad Adara la tazza. “Ecco”, dissi con uno sguardo di scusa.

“Se non l'hai notato, è vuota, cazzo”, sputò, guardando lo stato della sua giacca.

Scrollai le spalle e continuai per la mia strada, con l'orologio già infilato nella mia borsa.

Non sarebbe potuta andare meglio neanche se ci avessi provato.

Un improvviso impulso di guardare indietro mi colpì, ma sapevo che avrei dovuto resistere. Ma, dannazione, non potevo farne a meno.

Questo tipo di trionfo meritava di essere assaporato. Non avevo mai inseguito un obiettivo così grande sopravvivendo per raccontarlo.

Con un azzardo, mi guardai alle spalle e…

Adara mi stava fissando.

Fanculo.

Spostai rapidamente la testa indietro e girai l'angolo, assicurandomi di essere almeno a venti passi di distanza o giù di lì prima di iniziare a correre.

Che importava se la stronza mi avesse vista per un secondo?

Non poteva comunque rintracciarmi. Conoscevo il ventre di quella città come il palmo della mia mano.

Avevo appena derubato Adara Dobrzycka, cazzo.

Niente mi spaventava più.

***

“Mi giuri che è originale, Mads?”

Ero di fronte a Dominic, l'aspirante mafioso che aveva terrorizzato me e i miei amici per anni.

Quando era diventato troppo vecchio per vivere a Greensward, il centro comunitario per i bambini svantaggiati, era passato a cose grandi, vale a dire una piccola operazione di traffico di droga e armi nei quartieri bassi di Requiem City.

Dom stava esaminando l'orologio d'oro, con le sopracciglia aggrottate.

“Sarà meglio che tu non mi stia prendendo per il culo”.

“Giuro sulla mia vita”, dissi. “Apparteneva ad Adara Dobrzycka in persona. Non per molto. Ma comunque”.

Lo esaminò un momento in più, con l'aria di chi potrebbe darmi un pugno solo per il gusto di farlo. Come era solito fare quando si trattava di Dom. Poi la sua postura si rilassò e rise.

“Beh, cazzo, guarda qua”, disse Dominic, lanciando l'orologio a uno dei suoi scagnozzi. “Ha l'iscrizione e tutto il resto. Sai che dicono che nessuno può derubare un Dobrzycka? Come ci è riuscita una piccoletta come te, eh?”

“Magia”, risposi, roteando interiormente gli occhi. “Allora, Dom. Abbiamo un accordo o no?”

Se fossi riuscita a fare un colpo abbastanza grosso, avrei potuto togliermi Dominic dalle palle per sempre. Ancora più importante, avrei potuto toglierlo dalle palle dei miei due migliori amici, Darshan e Harry.

Ero stata scaricata in un centro comunitario quando avevo solo due anni e Darshan e Harry erano state le uniche persone che mi avevano impedito di gettarmi dal grattacielo più alto di Requiem City.

Eravamo tutti degli scarti.

Orfani.

Rifiutati.

E Darshan, essendo cieco, era il più preso di mira. Spesso da Dominic quando viveva ancora al centro.

Così avevamo iniziato a difenderci a vicenda, facendo tutto ciò che potevamo per farcela giorno per giorno. Senza quei due, non credo che sarei sopravvissuta fino a quel momento.

Potevo sempre fidarmi che Darshan mi facesse ridere e che Harry mi facesse rigare dritto. Quei due erano la cosa più vicina alla famiglia che avevo e avrei fatto qualsiasi cosa per loro.

E per anni, Dominic aveva preso per il culo la mia famiglia. Prendendoci a calci in culo, costringendoci a fare lavori saltuari, facendoci lavorare per lui. E io ero la miglior borseggiatrice di tutta Requiem City.

Quando Dominic aveva lasciato il Greensward, pensavo che saremmo stati finalmente al sicuro. Liberi.

Niente di più sbagliato.

Dom doveva avere un accordo con la preside, Elle, una brutta ceffa a cui non importava un cazzo della nostra educazione o del nostro benessere.

Con la sua abbronzatura finta, i suoi occhi neri e i suoi capelli biondi brizzolati, aveva solo una cosa per cui vivere: i soldi.

Tra le elemosine del governo e alcune donazioni dei Dobrzycka, Elle viveva ancora molto al di là dei suoi mezzi. La mia ipotesi? Dom l'aveva coinvolta.

Così gli era permesso di continuare a venire al centro per fotterci.

Ma, incrociando le dita, quei giorni erano finiti. Questo unico orologio valeva più di tutti i furti della mia vita messi insieme.

Deve andar bene… giusto?

“L'accordo, Dom”, dissi, ricordandoglielo. “Siamo a posto o no?”

Mi fissò per quella che sembrò un'eternità e poi sospirò.

“Mi mancherà avere in tasca la miglior borseggiatrice della città. Ma sì, Mads. Hai fatto bene. Vattene da qui. Prima che cambi idea o altro”.

Non rimasi a fare domande.

Uscii da quel buco di merda, sperando di non dover mai più vedere il brutto muso di Dom, così eccitata di dare la notizia ai miei amici.

Ce l'avevo fatta. Eravamo finalmente liberi.

***

“Hai fatto COSA?!”

Darshan non poteva credere alle sue orecchie. Divertente, anche, considerando che era cieco.

“Avresti dovuto vederlo”.

“Har har, Maddie. Così originale”.

“Lo sai che mi ami”.

Eravamo seduti sul tetto malandato del centro, guardando il tramonto che scendeva lentamente sulle lontane montagne Requiem. Avevo appena riempito Darshan di notizie e lui non smetteva di camminare.

Stranamente, mi sentivo più rilassata che mai. Zen o come lo chiamavano loro.

Quando Harry, il “responsabile” del nostro trio, si avvicinò e Darshan iniziò a raccontargli la storia, mi addormentai.

Guardando il fianco della montagna, mi ricordai delle vecchie storie che ci raccontavano: le montagne erano infestate.

Sapevo che era ridicolo, ma ci ero andata durante un paio di gite scolastiche e, dannazione, se non sentivo qualcosa di strano in quei posti! Tutta quell'aria stantia e gli strani riverberi.

Sembravano davvero infestate. Ma allora nessuno credeva più nella magia.

Darshan e Harry si sedettero accanto a me. Il povero Harry era davvero scosso.

“Per l'amore di questa città, Madeline”, disse, “come ti è venuto in mente di derubare un Dobrzycka?”

Aveva ragione. Hael e Loch Dobrzycka erano i due uomini d'affari più potenti della città. Appena ventenni, i due fratelli gemelli erano saliti al vertice ed erano assolutamente spietati.

E andar contro loro sorella, Adara? Era assolutamente inaudito.

Ma potente o no, nessuno mi spaventava.

“Stavo pensando”, risposi, “non dobbiamo più preoccuparci di Dominic. Ragazzi. Pensateci per un secondo. Tra due mesi saremo fuori da questo posto miserabile. E liberi. Davvero liberi. L'ho fatto per noi”.

Sentendo questo, Harry si ammorbidì. Mise il suo braccio attorno a me. E io misi il mio attorno a Darshan. Come avevo detto, la famiglia.

“Madeline, te lo dobbiamo”, disse Darshan. “Te lo dobbiamo davvero”.

“Ma… vai avanti. Sputa il rospo”.

“Hai considerato cosa faranno i Dobrzycka quando scopriranno che un orfano di uno dei centri comunitari che la Req Enterprise finanzia ha rubato proprio a loro?”

“Nah”, dissi tranquilla. “Un piccolo orologio? Non credo sia un problema abbastanza grande. Non per loro”.

Questo era il problema dell'essere noi rispetto all'essere un Dobrzycka. Ciò che era piccolo per loro, per noi cambiava la vita. Non mi piacevano i ricchi, non mi dispiaceva rubare a loro. Ma in fondo, non si trattava di vendicarsi.

L'avevo fatto per noi.

Il sole scomparve oltre l'orizzonte mentre eravamo seduti lì in silenzio, il buio che scendeva velocemente, la nuova realtà che ancora affondava.

“Qualcuno ha spento l'interruttore della luce?” chiese Darshan.

Ridemmo. Aveva sempre avuto un certo senso dell'umorismo sulla sua condizione. Una delle sue molte qualità straordinarie.

Stavo per replicare quando un'altra fonte di luce attirò la mia attenzione.

I fari.

Una limousine gigante si fermò di fronte al centro sociale e un uomo altrettanto gigante uscì dal sedile posteriore.

Oh merda.

Hael Dobrzycka.

Era incredibilmente alto e muscoloso e si passava le mani tra i capelli colorati di verde mentre guardava il tetto…

Verso di me…

Hael mi guardò con i suoi occhi verde smeraldo, sembrò riconoscermi e mi fece un sorriso agghiacciante.

Come avevo detto prima…

Le fantasie avevano vita breve quando si trattava di Requiem City.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

MADDIE

È solo una coincidenza. È solo una coincidenza.

Ripetei le parole più e più volte nella mia testa dopo aver visto Hael Dobrzycka entrare nel centro sociale.

Lo stesso giorno che avevo rubato a sua sorella…

“Hael Dobrzycka, cazzo”, mormorai.

Solo una coincidenza. Giusto.

“Cazzo, Maddie, sei proprio fregata”, disse Darshan con una voce di panico.

“Shhhh, fammi pensare”, dissi duramente.

Stavo sudando come un dannato maiale. La mia mente era confusa e il mio stomaco si contorceva.

Non avevo mai avuto paura di niente… quindi perché l'arrivo di Hael Dobrzycka mi faceva sentire come se fossi bloccata su una giostra da cui non potevo scendere?

“Maddie, cosa c'è che non va? Devi scappare. Ti copriamo noi”, disse Harry, afferrandomi per le spalle.

Aveva ragione. L'unica cosa razionale da fare era andarsene da lì, ma non stavo pensando razionalmente.

Non sapevo se fosse il fato, o il destino, o qualsiasi altra cosa, ma…

Mi sentivo attratta da Hael.

Quando mi guardava con quegli ammalianti occhi verde smeraldo era come se stesse fissando la mia anima.

E quel sorrisetto compiaciuto…

Che diavolo ci faceva lì?

Non lo sapevo, ma dovevo scoprirlo.

Mi spinsi giù dalla scala che portava alla parte anteriore del centro e mi insinuai nella parte anteriore, sbirciando attraverso la porta dell'ufficio di Elle, che era leggermente socchiusa.

“Signor Dobrzycka, è una sorpresa così piacevole”, disse Elle, agitata. “Io… non mi aspettavo una visita così tardiva. Mi sarei rinfrescata”.

“Non mi interessa il tuo aspetto”, disse Hael freddamente. “Sono qui per affari”.

“A proposito di divertimento… il finanziamento?” Elle sussultò. Senza i soldi dei Dobrzycka, non avrebbe avuto niente da cui rubare per alimentare il suo stile di vita eccessivo.

Di sicuro noi non avevamo visto niente di quei finanziamenti.

“Ho un'opportunità per uno dei tuoi orfani”, rispose Hael con un tono arrogante. “Qualcuno che mi faccia da nuovo assistente. Sarebbe un… tirocinio, diciamo”.

“Potrei raccomandare diversi dei nostri…”

“Sto cercando una persona specifica”, disse lui, interrompendola. “Una giovane ragazza”.

“Oh”, disse Elle, alzando il sopracciglio e sorridendo. “Di quanto giovane stiamo parlando? Sedici anni? Quindici? Tredici? Ci sono un sacco di ragazze qui che potrebbero soddisfare i suoi bisogni”.

Il mio stomaco si strinse e piantai le unghie nei palmi.

Quella fottuta puttana avrebbe venduto ognuna di noi per un maledetto centesimo.

“Hai capito male”, disse Hael, lanciando a Elle uno sguardo disgustato. “È puramente professionale”.

“Oh, certo. Non suggerirei altrimenti”, disse lei, cercando di fare marcia indietro. “Chi sta cercando?”

“Si chiama Maddie, credo”.

Fanculo!

In tutti i miei anni di borseggio, non ero mai stata presa una volta. Non pensavo fosse possibile.

Eppure un Dobrzycka era proprio lì, alla ricerca di me.

Come aveva fatto quella stronza di Adara a identificarmi? Mi aveva vista solo per una frazione di secondo.

Ero veloce.

La più veloce.

Non aveva un cazzo di senso.

A meno che…

Pensai a quell'incisione sul retro dell'orologio. Lo faceva risaltare. Lo rendeva unico nel suo genere, cazzo.

Dominic, stupido figlio di puttana.

Probabilmente aveva cercato di darlo in pegno da qualche parte dove tenevano traccia di quel genere di cose. E nel momento in cui era saltato fuori…

Riuscii a mettere insieme il resto dei pezzi:

I Dobrzycka rintracciano Dominic…

Dominic mi vende…

Sono fottuta alla grande.

***

Fantastico. Semplicemente fantastico, cazzo.

Mentre ero seduta nel retro della limousine che era stata mandata a prendermi al mattino, non potei fare a meno di sentirmi dispiaciuta per me stessa.

Mi stavo dirigendo verso un destino sconosciuto. Non avevo idea di cosa i Dobrzycka avessero in serbo per me, ma mi sentivo come se stessi andando verso la mia esecuzione.

Ora probabilmente avrei passato chissà quanti dei miei anni rimanenti dietro le sbarre. Tutto ciò per cui avevo lottato. Ogni imbroglio e truffa. Erano stati tutti per niente.

E la parte peggiore era che forse non avrei mai più rivisto Darshan o Harry. L'unica famiglia che avessi mai avuto.

Niente faceva più male in quel momento.

Non avevo mai avuto un'altra vera famiglia.

I miei genitori? Tutto quello che sapevo era che, nei due anni in cui mi avevano cresciuta, mi avevano lasciato solo un nome: Madeline.

Mi avevano abbandonata come se non fossi niente. Come se non fossi nessuno.

Quando avevo sei anni, Darshan decise di iniziare a chiamarmi Maddie perché ero “pazza” tutto il tempo, ed era rimasto.

Perché era quello che ero.

Pazza.

Pazza.

Disposta a fare quello che dovevo fare per sopravvivere.

Sembrava che alla fine fossi andata troppo oltre. Ero spacciata.

Quando la macchina parcheggiò, mi sentii rassegnata. Sapevo che da un momento all'altro le porte si sarebbero aperte e la polizia mi avrebbe presa e mi avrebbe gettata in galera mentre le telecamere dei notiziari catturavano l'immagine della ladra idiota che pensava di poter rubare alle persone più potenti di Requiem City.

Quindi immagina la mia sorpresa quando le porte si erano aperte e non mi trovavo di fronte alla prigione.

Stavo guardando un grattacielo di vetro che saliva a spirale in una bocca aperta, come quella di un animale mitico. Immediatamente riconoscibile per chiunque fosse cresciuto a Requiem City come Req Enterprises. Come la società gestita dai Dobrzycka.

Oh. Merda.

Non sapevo quale inferno fresco mi aspettasse in quell'edificio scintillante, ma improvvisamente la prigione non sembrava così male.

I fratelli Dobrzycka erano noti per essere le persone più crudeli e terrificanti della città.

Non volevo nemmeno immaginarlo.

Mentre uscivo esitante dalla limousine, la sicurezza privata mi scortò all'interno. Non l'avevo mai visto da quella prospettiva e dovevo ammettere che, anche se la mia vita era probabilmente condannata, l'edificio era bellissimo.

Entrammo in un ascensore e salimmo fino al 99esimo piano.

DING!

Quando le porte si aprirono, tutto ciò che potevo vedere era rosso. La carta da parati, i pavimenti, anche i soffitti del corridoio, tutto rosso sangue.

Le guardie mi spinsero fuori nel corridoio e poi rimasero nell'ascensore mentre le porte si chiudevano, lasciandomi sola.

Che cazzo dovrei fare ora?

Feci un passo avanti esitante, guardando a destra e a sinistra.

“Pronto?” Chiesi al corridoio vuoto, sentendomi un idiota.

C'era solo una porta alla fine del corridoio. Mi chiedevo cosa ci fosse dall'altra parte. Sarebbe stata Adara?

Il suo look aspirante punk dai capelli viola non mi spaventava neanche per un secondo. I suoi fratelli gemelli invece…

Hael e Loch.

Tutto quello che sapevo erano le voci. Che, come amministratori delegati della Req Enterprises, non si erano fermati davanti a nulla per costruire il loro impero. Calpestando chiunque si fosse messo sulla loro strada e schiacciandolo.

Erano dei giganti sia negli affari che in senso fisico, sovrastando tutti con un'altezza di quasi due metri.

Mi feci forza e aprii la porta.

Quello che vidi all'interno era il più bello ed enorme ufficio immaginabile. Il motivo per il quale un essere umano avesse bisogno di così tanto spazio non aveva senso per me.

Il soffitto di vetro sembrava continuare all'infinito, riversandosi nel cielo. Un camino gigantesco occupava un'intera parete.

Oltre a quello, solo una lunga scrivania di granito nero e una sedia vuota occupavano l'ufficio.

Minimalista sarebbe dire poco.

Pensavo di essere sola, ma ovviamente non lo ero.

“Beh, se non è la piccola ladra…” Sentii una voce ronzante. Lenta, quasi annoiata.

Mi girai e vidi un muro aprirsi e un uomo entrare. Indossava pantaloni della tuta firmati e una felpa con cappuccio abbinata.

Sorrideva mentre il fumo usciva da una pipa a forma di drago.

Lo riconobbi immediatamente dai cartelloni pubblicitari. Era l'unico e solo Loch Dobrzycka.

A essere onesti, avrei voluto poter dire che era così spaventoso di persona come nella mia immaginazione, ma il petto cesellato che faceva capolino dalla sua felpa senza cerniera e i suoi zigomi perfetti non erano certo dei difetti.

C'era qualcosa nel suo modo di muoversi, il suo modo di fare libero, il suo sorrisetto fastidioso, che mi incuriosiva.

Non indossava nemmeno le scarpe. Era un miliardario e quello era il modo in cui sceglieva di comportarsi?

All'improvviso, volevo sapere perché.

Era facile dimenticare quanto fosse terribile quell'essere umano, fissandolo. I suoi occhi erano di un verde smeraldo brillante, proprio come quelli di suo fratello.

Mentre si avvicinava, notai che erano quasi rettiliani.

“Cosa vuoi da me?” chiesi con tono di sfida.

Mi passò accanto, disinteressato, per appoggiarsi alla scrivania di granito, continuando a fumare.

C'era qualcosa di… innaturale nel fumo. Non importava quanto a lungo sbuffasse, non doveva mai accenderlo. Come se avesse un fuoco dentro che lo facesse per lui.

“Per essere una persona che è stata in grado di rubare a una Dobrzycka”, disse, con gli occhi puntati sui miei, “sei piuttosto lenta”.

Qualsiasi interesse che avevo provato, anche se fugace, evaporò all'istante. Sentii le mie narici gonfiarsi per l'antipatia.

Ero una buona bugiarda, certo, ma non ero mai stata capace di nascondere quanto odiassi qualcuno. Sembrava che mi leggesse nel pensiero perché il suo sorrisetto si allargò, rivelando i suoi denti aguzzi.

Il fumo usciva dalla sua bocca. “E ti arrabbi facilmente. Ci sono anche delle qualità positive di cui dovrei essere a conoscenza?”

“Disse l'uomo che deruba la gente di questa città alla cieca e tratta tutti come una gomma da masticare sulla suola della sua scarpa”.

Non potevo credere alla mia stessa sfacciataggine. L'avevo detto prima di avere la possibilità di pensare alle conseguenze e abbassai rapidamente la testa.

Loch si avvicinò rapidamente a me e mise la sua gamba tra le mie, facendomi divaricare e arrossire.

“Dimentichi che non ho le scarpe, piccolo topo di strada”.

“Non parlarmi in questo modo”, dissi, fumando dalla rabbia.

“Non è quello che sei? Sei una che vive di rapine. Ho saputo che hai preso qualcosa che non era tuo. Da mia sorella, in effetti”.

“Non so a cosa tu…”

Non riuscii a finire la mia frase. Mi bloccai quando Loch si chinò in avanti, infilò un dito nel cinturino della mia camicia e mi tirò vicino. C'era qualcosa di malvagio nel modo in cui mi aveva presa al lazo e trascinata verso di lui con il minimo sforzo.

Eravamo così vicini che potevo sentire il suo respiro caldo, l'odore del fumo che si soffermava sulla sua lingua. Il profumo di un incendio nella foresta…

“Sei un tipo audace, topo di fogna, te lo concedo”. Sorrise. “Ma menti ancora e ti mangerò viva”.

Non poteva essere serio… vero?

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Taken

Clarice è stata difesa per tutta la sua vita dal padre iperprotettivo ed è separata dalla sua lupa interiore. Quando perde il controllo durante una trasformazione, finisce come ostaggio di re Cerberus Thorne, il famigerato leader di tutti i lupi mannari.

Intrappolata nel suo castello, Clarice scoprirà che il proprio destino è legato a quello di Cerberus, ma sarà in grado di domare il suo compagno selvaggio prima che sia troppo tardi?

Età: 18+

Morsi d’amore

Non c’è nessuno che non adori Scarlet. È giovane, bellissima e dall’animo angelico… Quindi tutti rimangono scioccati dallo scoprire che il suo compagno predestinato è lo spietato e senza cuore re alfa.

Temuto da tutti (e per buoni motivi!), è tornato dopo sette anni per reclamare ciò che è suo. Riuscirà Scarlet a fare breccia nel suo cuore o sarà lei a dover implorare pietà?

Età: 18+

I Lupi del Millennio

Sienna è una lupa mannara di diciannove anni che nasconde un segreto: è ancora vergine. L’unica vergine del branco. È decisa a superare anche il periodo di calore di quest’anno senza cedere ai suoi impulsi primordiali, ma quando incontra Aiden, l’Alfa, si dimentica del tutto del suo autocontrollo.

Età: 18+

Solo tua

Trinity è molto in gamba nel suo lavoro, ma questo non significa che sia sempre facile. Al bar, dopo una dura giornata in ufficio, incontra Stephen Gotti: gentiluomo fuori, insaziabile in camera da letto. Si innamorano velocemente l’uno dell’altra, ma Stephen ha un grande segreto. Farà fuggire Trinity se lei lo scoprisse?

Età: 18+

Trovata

Hazel Porter è perfettamente felice con il suo lavoro in libreria e con il suo accogliente appartamento. Ma quando un incontro spaventoso la getta tra le braccia di Seth King, si rende conto che c’è di più nella vita, molto di più! Viene rapidamente spinta in un mondo di esseri soprannaturali che non sapeva esistessero e Seth ne è proprio al centro: un feroce, forte, splendido alfa che non vuole altro che amarla e proteggerla. Ma Hazel è umana. Può davvero funzionare?

Età: 18+

Marchiata

Rinchiusa di notte dalla sua famiglia dal giorno della sua nascita, Rieka è stata incapace di realizzare il suo unico desiderio: guardare le stelle di notte.

Ora, vent’anni dopo, ha escogitato un piano per uscire di nascosto con i suoi amici, ma non sa che questo semplice atto di ribellione cambierà la sua vita per sempre e la metterà nel mirino di un alfa che non la lascerà andare.

Età: 18+

L’ultima speranza

Lake aveva un piano perfetto. Trovare il suo compagno, sistemarsi e costruire una famiglia. Ma quando il suo compagno la rifiuta per un’altra, il piano di Lake va in frantumi… E così il suo cuore.

Può mantenere la fede che la Dea abbia qualcos’altro in serbo per lei? Potrebbe essere anche meglio di quello che aveva pianificato.

Età: 16+

Tutt’uno col fuoco

Rimasta orfana da piccola e passata da una casa adottiva all’altra, Adeline ha passato gli ultimi nove anni da sola nascondendo un segreto: è un lupo mannaro. Quando fa una corsa finendo inconsapevolmente nel territorio del branco, viene catturata e presto scopre che trovare i suoi simili non è come sperava che fosse. Quando incontra l’alfa che la trattiene contro la sua volontà, volano scintille. Ma lui potrà vederla come qualcosa di diverso da una semplice lupa senza branco? O lei sarà sempre sua prigioniera?

Età: 18+