logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Touch

Emily non fa sesso ormai da un anno. E la sua ultima relazione? Quasi non se la ricorda, è stata troppo tempo prima. Questo vuol dire però che si merita qualche avventura! E presto incontrerà quello che le farà ardere il cuore.

Età: 18+

 

Touch di Anna R. Bennet è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Emily

Mi butto sul letto e guardo il soffitto.

Merda. Cosa c'è di sbagliato in me?

Alzo la mano e sento i miei capezzoli indurirsi. Non riesco a capire perché diavolo mi senta così irrequieta.

Seriamente, però. Smetti di pensare. Smetti di toccarti. Smettila e basta!

Ero in spiaggia.

Nicole mi aveva implorato di farle compagnia e io non sono mai stata capace di dire di no alla mia migliore amica. Non c'è niente che possa fermarla dal portare a termine i suoi piani, neppure il fatto che oggi dovevo incontrarmi con il mio capo.

Una volta arrivate in spiaggia, Nicole ha gettato la sua borsa sulla sabbia e si è tolta la canottiera rosa per poi abbassarsi la minigonna bianca.

“Cosa stai aspettando? Andiamo a fare una nuotata!” Mi ha detto con impazienza e ha iniziato a togliermi il vestito senza spalline.

Sa che sono un po' insicura quando si tratta del mio corpo. Non importa quante volte la gente dica che sono bella. Mi sento ancora come se qualcuno guardasse i miei difetti e prendesse appunti.

Cellulite? C'è.

Tette che potrebbero essere più grandi? Ci sono.

Figura a clessidra? Articolo non trovato.

Uff. Occhi al cielo? Ci sono.

Ho ventinove anni, cazzo, e ho ancora problemi con il mio corpo. Mi amo, non fraintendetemi. È solo che ci sono giorni in cui non mi piace quello che vedo allo specchio, capite?

“Oh, taci! Sei bellissima! Ucciderei per avere quelle gambe!” Nicole ha incrociato le braccia per un secondo e ha sorriso. Mi ha toccato il viso e mi ha guardata dritta negli occhi verde oliva.

“Devo darti uno schiaffo?”

“Ti odio”. Ho sorriso.

“Solo perché ho ragione”, Esatto Nessuno mi conosce meglio della mia amica d'infanzia Nicole.

“Alex ha appena mandato un messaggio”. Ho cambiato argomento mentre mi rimettevo il telefono in borsa. “Sarà qui tra un'ora. Ho una riunione con il mio capo tra un paio d'ore, quindi va bene se me ne vado quando arriva?”

Nicole ha sgranato gli occhi. “Perché devi incontrare il tuo capo? Di solito non chiama e basta?”

“Credo che la villa di Pascoal sarà affittata per il mese. Forse ha bisogno di darmi alcune specifiche su quello di cui hanno bisogno gli inquilini”.

Ho quello che molti pensano sia il lavoro più strano. Beh, nemmeno io riesco a spiegarmelo bene. Sono praticamente una hostess d'albergo, solo che non è un albergo. È un gruppo di case e ville.

Il mio capo, il signor Torres, un avvocato settantottenne in pensione, ha decine di case e ville che di tanto in tanto affitta.

Fare soldi senza muovere un dito. Questo è quello che la gente pensa che faccia.

Il mio lavoro è quello di fare tutto ciò che deve essere fatto per mantenere la proprietà in buone condizioni per gli inquilini e fornire loro tutto ciò di cui hanno bisogno per sentirsi a casa.

Faccio questo lavoro da cinque anni e non vedo quasi mai il signor Torres di persona. So che si fida di me e di solito ci limitiamo a parlare al telefono prima dell'arrivo di nuovi inquilini.

“Significa che mi dovrà portare Alex a casa? Merda, Em, sai cosa mi fa quel Colorado Z71!”

Ho sorriso, perché sapevo che non stava parlando davvero del fuoristrada. “Sì, ti sei assicurata che io lo sappia! Mi ringrazierai più tardi, dopo che la tua libido sarà stata soddisfatta!”

Sì. Mi ringrazierà più tardi e mi racconterà sicuramente di tutti i modi in cui Alex l'ha scopata in quel fuoristrada. Caspita. Ho bisogno di un compagno di scopate come Alex.

​​Nicole si è buttata in acqua senza pensarci un secondo. Ho continuato a camminare lungo la riva, sentendo la pelle d'oca ogni volta che un'onda mi colpiva le caviglie.

“È bello da morire, Em!”

L'energia positiva di Nicole era così contagiosa che ho fatto un respiro profondo, ho chiuso gli occhi e mi sono tuffata in acqua.

Cazzo. Si gela, cazzo. Sei una bugiarda di merda, Nicole.

Mentre risalivo per prendere aria, ho sentito la mia faccia colpire bruscamente qualcosa di duro. Ho messo le mani in avanti, in modo che il mio petto non lo colpisse, e poi ho realizzato che i miei palmi erano contro un petto nudo e tatuato.

Ho appena emesso un gemito?

Non mi sono resa conto di quanto tempo fosse passato: stavo continuando a fissare le mie mani su quei pettorali duri e tatuati, sorpresa da quanto fosse morbida quella pelle e sentendo quanto le mie mani stessero diventando calde.

Oh, cazzo! Mi si è appena risvegliata la vagina!

Le mie mani hanno iniziato a scivolare verso il basso e i miei occhi hanno analizzato ogni singolo centimetro di quella pelle baciata dal sole fino a quando non mi sono sentita stringere la vita e tutto il mio corpo è stato spinto bruscamente in alto e all'indietro, contro un'onda.

Ma cosa…?

Ho perso l'equilibrio cercando di rialzarmi, poi ho alzato lo sguardo.

Questo splendido uomo mi ha appena spinta?

“Non era necessario!” Sembravo infastidita perché in realtà lo ero, anche se l'uomo di fronte a me era probabilmente il tipo più sexy a cui mi fossi mai avvicinata.

I suoi occhi erano blu come il cielo. E i capelli castano scuro li facevano risaltare ancora di più.

Mamma mia! Cosa potrebbero farmi quelle labbra! Mmmm… Merda.

Il pensiero che mi avesse allontanatoada lui perché ovviamente non era interessato mi ha attraversato la mente. Così, ho istintivamente attaccato prima di mostrare qualsiasi tipo di imbarazzo.

Meccanismo di difesa: attivato.

“Sono capace di andarmene da sola, grazie mille! Non c'è bisogno di spingermi!”

Stronzo. Sexy come un fottuto stronzo. Cacchio.

Ha chiuso la bocca con la stessa velocità con cui l'ha aperta. Potevo vedere il suo pomo d'adamo andare su e giù, mentre alzava la mano destra per lisciarsi i capelli.

Smetti di guardare, Emily. Smetti. Di. Guardare.

Non mi è sembrato offeso da quello che gli avevo appena detto e mi ha semplicemente guardata mentre mi giravo per tornare a riva con un'espressione imbronciata.

“Cos'è successo?” Nicole stava di nuovo mostrando il suo lato romantico, un tipo di romantico perverso, che non puoi comprendere se non la conosci.

“Ti ha chiesto il tuo numero? Ti ha dato il suo numero? Come si chiama? Quanto sono duri quegli addominali?”

Nicole era tutta una risatina. Sono piuttosto sicura che lo stesse ancora guardando e valutando, prima di tornare a osservarmi.

“Nic! Per favore!” Ho raggiunto il mio asciugamano con Nicole alle mie spalle che non la voleva smettere.

“È passato troppo tempo, Em. Se non ti dai da fare per incontrare un ragazzo, anche se è solo per un po' di divertimento, allora potrei prendere in mano la situazione io per aiutarti”.

“Nic. È stato imbarazzante, ok?” Mi stendo sull'asciugamano. “È stato un incidente e abbiamo a malapena parlato. Beh, in realtà non ha proprio parlato”.

Non ha detto una parola. Neanche una. Sono così poco attraente?

Stronzo.

Non appena ho chiuso gli occhi, ho sentito il mio corpo venire premuto contro l'asciugamano.

“Alex! Ma che diavolo?!”

Dopo avermi baciato la fronte, Alex è saltato su e ha ripetuto l'attacco a Nicole. Ogni volta che li vedo insieme, non posso fare a meno di desiderare che siano qualcosa di più che amici di scopata.

Dio sa quanto ho provato a convincerli a essere davvero fidanzati!

Conosco Alex da quando ho iniziato a vivere qui. È stato il primo ragazzo che ho incontrato da queste parti e anche se all'inizio avevo considerato di mettermi con lui, ho capito che saremmo stati meglio come migliori amici.

Diciamoci la verità. Non è stato facile. Con i suoi occhi azzurri, i capelli biondi come la sabbia, i suoi muscoli, il suo metro e 83 d'altezza e la sua fantastica personalità rilassata, ho avuto più di un dubbio a riguardo.

La verità è che il fatto che un ragazzo sia sexy da morire non significa che per questo sia anche il tuo tipo. Qualunque cosa significhi.

Quindi, questo è Alex. Il mio amico sexy da morire che però non è il mio tipo.

“Vi ho portato gli inviti per la festa in maschera in bianco e nero!” Ha sorriso a entrambe e ha fatto l'occhiolino a Nicole.

Ci mancherebbe. Quel cavolo di nightclub è il suo…

“E tu”, – Nicole mi ha strizzato gli occhi – “farai sesso stasera!”

Uffa.

“È passato così tanto?” mi ha detto Alex, guardandomi e ridendo.

“Chiudete il becco, voi due”. Hanno ragione. È passato troppo tempo, cazzo. “Devo incontrare il mio capo tra circa un'ora, quindi adesso vi lascio”.

“Vi voglio pronte per le nove di stasera!” ha detto Alex sollevando Nicole come se fosse la sua sposa e incamminandosi verso l'acqua.

“Sarò a casa tua presto, così possiamo prepararci lì!” mi ha urlato Nicole poco prima di essere gettata in acqua, con le braccia ancora intorno al collo di Alex.

Amo quei due.

Così, beh, che dire? Sono qui, a guardare il maledetto soffitto, toccandomi un capezzolo con la mano sinistra e muovendomi lentamente la mano destra lungo lo stomaco, sotto l'orlo dello slip del mio bikini.

Perché non riesco a togliermi quel ragazzo dalla testa? Perché ho dovuto toccare il suo cazzo di petto delizioso?

Perché non mi ha semplicemente afferrata lì, cazzo, e baciato e presa come se fossi stata l'ultima donna sulla terra?

Libido 1 – Cervello 0

(*). Ho bisogno di una doccia. Ecco di cosa ho bisogno. Non ho bisogno di fantasticare su un ragazzo che in realtà non ha mostrato alcun interesse per me e, letteralmente, letteralmente, mi ha buttata via come un maledetto frisbee indesiderato!

Libido 1 – Cervello 1

Nicole ha ragione. Ho bisogno di scopare. Non riesco nemmeno a ricordare l'ultima volta che l'ho fatto. E non sto parlando di una relazione. No.

È stato un anno prima che mi trasferissi qui, cinque anni fa. Da allora, mi va benissimo uscire occasionalmente per qualche appuntamento e fare sesso occasionale per un po'. Non che succeda spesso.

Beh… due ragazzi in cinque anni, per essere esatti.

Mi ricordo l'ultimo ragazzo, però. James. Mi ha fatta venire tutte le volte che avevo bisogno di liberarmi. Beh, forse qualche volta in più, in realtà. Dannazione, mi manca quella sensazione.

Fanculo. Ho bisogno di fare sesso.

Libido 2 – Cervello 1

Fanculo.

Liam

Stavo lottando per tenere la parte inferiore del mio corpo sott'acqua. Volevo avvicinarmi di più, ma non c'era modo di liberarmi della mia erezione in così poco tempo.

Credevo che l'acqua gelata impedisse al cazzo di diventare così duro. Merda.

Il mio respiro si stava facendo affannoso. Aveva le sue mani bagnate su di me e mentre le sentivo muoversi verso il basso, mi stava piacendo.

Mi stava piacendo un sacco, cazzo.

Per un secondo, ho dimenticato dov'ero e ho immaginato che lei abbassasse le braccia e me lo prendesse in mano.

Ho immaginato di tirare le sue gambe intorno alla mia vita, la mia mano che afferrava le sue natiche rotonde, le mie dita sempre più vicine alla sua fessura bagnata.

Mi. Piaceva. Troppo. Cazzo.

Ho cancellato quell'immagine alla velocità di un battito di ciglia, non appena ha detto qualcosa, ma avevo la mente troppo in profondità per ascoltare la sua voce.

Perché cazzo è imbronciata?

L'ho guardata uscire dall'acqua. Era come se stesse camminando al rallentatore. Si è passata una mano sui capelli ricci, castano chiaro, sopra la spalla sinistra, giù fino al seno.

Si è strizzata i capelli e io ho stretto i pugni.

Fanculo.

Tutto quello che potevo vedere erano gocce d'acqua che cadevano sul top del suo bikini e le scivolavano lungo il seno coperto, e intanto immaginavo la mia lingua che catturava ogni goccia mentre le leccavo il capezzolo. Goccia dopo goccia.

No. Non andare avanti. Sei qui per affari, ricordi? Proprio così. Concentrati.

La. Voglio. Leccare.

CAZZO. Ho bisogno di un drink.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

Emily

Avevo ragione. Il signor Torres mi aveva chiamata per un incontro per parlare di Villa Pascoal. È la sua villa più splendida e raffinata.

Di solito, ogni volta che la villa stava per avere degli inquilini, mi chiamava sempre per avvisarmi su come comportarmi con loro.

L'unica altra volta che mi ha incontrata è stato poco prima di Natale. Ha fatto in modo di darmi la mia gratifica natalizia di persona.

Questa volta voleva farmi sapere che una giovane coppia sarebbe rimasta nella villa per due settimane.

Elliott, l'autista, era già andato a prenderli all'aeroporto, quindi non c'era bisogno che li incontrassi oggi.

“Sono sicuro che vorranno della privacy, quindi i tuoi servizi non saranno richiesti spesso. Detto questo, devi sapere che il signor Harding è qui anche per affari.

“Lui e io stiamo investendo in un progetto che richiederà alcuni incontri la prossima settimana”.

“Vuole che organizzi le riunioni nella sala conferenze del Menti?”

“Sì, cara. Mi assicurerò che tu abbia le date in modo che tu possa organizzare tutto come al solito. Grazie”.

“C'è altro, signore?”

“Sì. Il signor Harding è interessato alla zona, quindi saresti così gentile da portare la coppia a fare un giro guidato in barca domenica e mostrare loro la vista dal mare?

“Temo di essere troppo vecchio per intrattenere una coppia così giovane. Mi sono già assicurato che lo yacht sia pronto. Riceverai il doppio della solita tariffa giornaliera per il tuo aiuto”.

“Certamente, signore”.

“Grazie. Questo è tutto”.

Ho controllato i messaggi mentre uscivo dall'ufficio e non mi sono sorpresa di vedere che avevo cinque messaggi non letti.

Nic
Devo smettere di scoparmi Alex. O mio dio! Odio quanto sia comodo il suo fuoristrada!

Certo. Dai la colpa al fuoristrada, bella!

Nic
Stasera indosso il vestito nero di seta più sexy che ci sia e tu indossi il nuovo vestito bianco che ti ho appena regalato.

Oh, cacchio.

Nic
Fammi sapere quando hai finito di lavorare.
Alex
Nic mi ha detto che hai incontrato un ragazzo in spiaggia. Fammi sapere se hai bisogno di una spalla o di un blocca-cazzi.

Perché Nicole? Perché?

Nic
Ci stai mettendo troppo. Ho preso la chiave di riserva da Alex. Sto andando a casa tua!

Uffa.

Quando arrivo a casa, Nicole inizia a ballarmi intorno, mostrandomi il suo nuovo vestito. È assolutamente fantastico: la fa sembrare più alta e lei trasuda sicurezza da ogni poro.

Mi porge una scatola. Quando la apro vedo che il vestito che mi ha regalato è indubbiamente bellissimo.

“Lo adoro! Grazie, Nic!”

“Sapevo che ti sarebbe piaciuto. Sembra fatto apposta per te. Non potevo lasciarlo al negozio!”

Il vestito al ginocchio è semplice, aderisce alla parte superiore del mio corpo, e la sua schiena aperta, fino alla parte bassa della schiena, mi fa sentire sexy. Immagino niente reggiseno, stasera.

Il suo taglio ad A lo rende comodo per camminare e ballare e questo è esattamente ciò che cerco nei vestiti.

Sono quasi le nove di sera e Nicole ha praticamente finito di aiutarmi col trucco. Non mi piace esagerare. Metto solo l'indispensabile per esaltare alcune caratteristiche e forse nascondere qualche difetto.

“I miei occhi sembrano sempre molto più verdi quando mi trucchi tu, Nic”.

“Non ho fatto quasi niente, Em. È tutto merito tuo! Sei bellissima”, dice mentre ci dirigiamo verso il bancone della mia cucina per bere qualcosa.

Stiamo prendendo due bicchierini quando sentiamo bussare alla porta.

“Meglio fare tre bicchieri”, canticchia Nic facendo entrare Alex. Indossa un vestito nero perfettamente su misura e una cravatta. Potrebbe essere sulla copertina di GQ ogni singolo mese e nessuno avrebbe mai da ridire.

“So che non è la prima volta che ti vediamo in un completo, ma cavolo, sembri…”

“Un pasticcino delizioso e di classe!” Nic interviene e ridiamo entrambe. Lei sa leggere nel pensiero.

Alex fa l'occhiolino a Nic e inizia a camminare nella mia direzione, guardando il mio vestito a ogni passo che fa.

Mi si ferma a pochi centimetri di distanza. Mi mette la mano destra sulla vita e mi sussurra all'orecchio.

“Dimmi di nuovo perché abbiamo deciso che non saremmo mai stati insieme?”

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

La chiamata dell’alfa

Lyla si reca alla riunione del branco in Missisipi senza sperare di trovare il proprio compagno predestinato. Ultimamente, infatti, è raro che i lupi vengano accoppiati durante il rituale e, onestamente, Lyla preferirebbe continuare a frequentare il suo ragazzo attuale, che conosce da sempre.

Quando la cerimonia di accoppiamento inizia, Lyla segue l’ululato che le mostrerà il suo vero compagno, che si rivelerà essere Sebastian, l’alfa reale. Accetterà quindi il suo destino come luna reale oppure sceglierà di rimanere con il ragazzo della porta accanto che ancora occupa uno spazio nel suo cuore?

Età: 18+

Non tutto riguarda te

Dall’autore di “Back Into Darkness”

Da giovane, Maya Hamilton era una festaiola selvaggia che non amava far altro che lasciarsi andare e fare tutto ciò che voleva. Jace Parker era un ragazzo di una confraternita irresponsabile che aveva un debole per le festaiole: erano perfetti l’uno per l’altra. Fino a quando, all’improvviso, lui l’ha scaricata per messaggio. Ora, due anni dopo, si incontrano di nuovo come studentessa e insegnante e Maya sta nascondendo a Jace un segreto compromettente!

Età: 18+

Requiem City

Maddie è una borseggiatrice che si aggira per le strade pericolose e magiche di Requiem City. Quando ruba ai ricchissimi gemelli Dobrzycka, questi la costringono a fare una scelta: sottomissione o distruzione.

Età: 18+

Verso la caduta del CEO

Cece Fells è una delle più talentuose giovani pasticciere di Londra. Questo fino a quando il miliardario Brenton Maslow non demolisce la sua pasticceria per costruire uno schifoso parcheggio! Ora l’infuriata artista dei cupcake è in missione per distruggere l’amministratore delegato della Maslow Enterprises, attraente in modo insopportabile… Sempre che non si innamori di lui!

Età: 18+

L’accordo

Xavier Knight conosce con certezza le due cose che fanno impazzire una ragazza: le auto veloci e il denaro. Lui le ha entrambe. Quando uno scandalo lo costringe a un matrimonio combinato con Angela Carson, una nullità senza il becco di un quattrino, lui dà per scontato che lei sia solamente una ragazza a caccia di dote — e giura di punirla per questo.

Ma le apparenze ingannano e, a volte, due poli opposti non sono poi così diversi da come appaiono…

Età: +18

Mason

Uno degli uomini più potenti d’Inghilterra, Mason Campbell era freddo, duro e senza scrupoli. Il vento sussurrava il suo nome e faceva tremare di paura chiunque. Era noto per essere spietato e crudele, uno che non perdonava. Lauren Hart aveva appena iniziato a lavorare per lui come sua assistente e si era trovata ad avere a che fare con i suoi capricci, la sua rabbia, il suo odio e la sua arroganza. La vita sarebbe stata di certo migliore se non avesse lavorato per Mason Campbell, l’uomo che gli altri uomini invidiavano e che era desiderato dalle donne. Ma Mason non aveva occhi che per lei, specialmente dopo un accordo che lei non aveva potuto rifiutare.

Età: 18+ (Abuso)

Colt

Summer sarà anche sposata con un bell’uomo d’affari, ma lei sa cose sul suo carattere che gli altri non sanno. Quando suo fratello scopre cosa sta passando, vuole farla proteggere dal club dei motociclisti. Solo che Summer non vuole averci niente a che fare… finché non incontra il Diavolo e si rende conto che non c’è niente di meglio di un cattivo ragazzo per farle battere il cuore.

Età: 18+

Spogliata dal re

Ogni volta che perdo la mia verginità, è diverso.

A volte è in un palazzo e a volte è nella sporcizia.

A volte sono sopra, a volte la mia faccia è sepolta in un cuscino per attutire le mie urla.

A volte fa un male cane e altre volte è pura estasi.

Ma c’è una cosa che rimane la stessa, qualunque cosa accada.

In ogni vita, tu mi trovi.

E la perdo sempre con te…

Età: 18+