logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Fata Madrina Inc.

Tutti sognano di avere una fata madrina, no? Be’, Viola scopre di averne una, deve solo firmare sulla linea tratteggiata e tutti i suoi sogni diventeranno realtà! Cosa potrebbe andare storto? Forse solo il fatto che deve partecipare a un gioco pericoloso contro altre donne per vincere il cuore del meraviglioso principe? Che la sfida abbia inizio!

Età: 18+

 

Fata Madrina Inc. di F.R. Black è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Le fosse dell'inferno sbuffavano e appesantivano l'umanità con l'odore pungente delle uova marce che le braci ardenti dell'Ade ospitavano.

Cuori che sanguinano.

Quanti gradi ci saranno? Duecento?

Mi asciugo le gocce di sudore dalla fronte e prendo un respiro affannoso, denso di aria umida che sembra soffocarmi come pugni forti stretti intorno alla mia gola delicata che mi osservano con malvagio piacere mentre mi agito in cerca d'aria, nel tentativo di combattere per la vita.

Se l'aria muschiata si manifestasse in un'illusione di carne e sangue, cercherei di cavarle gli occhi, lotterei come un gatto selvatico e cercherei di spezzare la sua presa ferma sul mio collo.

Non so se questo demone pungente e umido sia maschio o femmina, ma provo comunque con un calcio all'inguine. Niente da fare, questa creatura fantasma non si scompone mentre ci schiantiamo contro il muro in una battaglia che sto rapidamente perdendo.

Ma non muoio. L'aria umida e sgradevole mi lascia respirare appena un po', quanto basta per tenermi in vita e continuare la tortura.

Il forte lamento del climatizzatore sembra trasformarsi in una risata acuta, rivelando la sua vera natura, cioè di essere sempre stato uno dei cattivi! Non ha mai avuto l'intenzione di raffreddare la stanza.

Quante bugie, che tradimento.

Sono drammatica?

Questo dipende da con chi facciamo il confronto. Diciamo che se mi paragonate a una signora acida di prima categoria che ha appena ricevuto il conto al ristorante e non aveva capito che la salsa si pagava a parte, allora sono perfettamente normale.

Davvero, però, sono quasi tentata di accendere il telegiornale per vedere se il sole sta per piombarci addosso. New Orleans è sempre stata a due passi dall'inferno nel mese di luglio.

E non aiuta nemmeno il fatto che vivo all'ultimo piano di una vecchia casa vittoriana. È quasi come se il vecchio legno infestato avesse stretto un patto con il diavolo per reclamare le anime che abitano dentro questa fornace.

Ma ecco il vero problema in questione.

È più grande dell'inferno galleggiante che attualmente circonda New Orleans.

Ho in mano una lettera (badate, una lettera dorata e scintillante) che è stata spinta sotto la mia porta stamattina. Quando fuori era ancora buio. Stiamo parlando di molto presto, gente!

L'ultima volta che ho controllato, il servizio postale non consegnava alle quattro del mattino sotto la porta della sottoscritta.

Perché? Perché è inquietante e non è così che gestiscono i loro affari. Lavorano in orari aziendali normali e adeguati.

Solo le persone mentalmente instabili consegnano delle lettere alle quattro del mattino facendole scivolare sotto una porta d'ingresso, magari seguite da un respiro pesante ed eccitato.

Sapete di cosa parlo: stalker, serial killer, psicopatici.

Mostri.

Nella lettera ci sarebbe scritto: Bubusettete, ti vedo!

Una cosa spaventosamente sinistra che poi sarebbe l'inizio di un film horror di serie B.

Correrei, con la scollatura scomposta, e inciamperei scioccamente sul nulla, finendo per essere uccisa brutalmente con un'ascia.

Ma no, non è quello che c'è scritto, neanche lontanamente.

Emana luce. Per un fugace secondo ho avuto la certezza di essere stata invitata alla Fabbrica di cioccolato di Willy Wonka, con in mano il biglietto d'oro.

Ma invece è ancora più strano di così, credetemi. Questa lettera è il motivo per cui ora dubito della mia capacità di essere adatta a una società civile.

Sposto il peso mentre fisso la missiva fantasma che mi illumina le dita e metà del braccio. La carta è soffice come una piuma e riesco a sentire un leggero tintinnio, come se stessi scuotendo freneticamente Campanellino.

A quanto pare, gente, la Fata Madrina in persona ha sentito il bisogno di scrivermi e invitarmi a una fantasia romantica di vaste proporzioni. Un affascinante principe scelto dal destino.

Metto la mano calda sulla fronte in fiamme e leggo di nuovo la lettera, solo per giustificare il mio attacco isterico in lenta ebollizione.

Cara Viola Del Vonsula,

Congratulazioni.

Se sei in piedi, ti consiglierei di sederti. Sei stata scelta a caso per partecipare al duecentesimo anniversario di Fata Madrina Inc.

Anche se questa scelta è stata casuale so molto su di te, forse più di quanto sappia tu stessa. Ti ci vedo ora, mentre leggi questa missiva, con un'espressione accigliata sul tuo bel faccino.

Ma stai tranquilla, Viola, ho a cuore il tuo interesse, che è di gran lunga meglio di ciò a cui sei abituata.

So che hai vissuto una vita di paura senza famiglia, orfana sin da piccola. Che povera, triste bambina eri, è piuttosto straziante dover crescere così tanto in fretta.

Ma una volta eri una sognatrice, piena di speranza ed entusiasmo, vedevi la bellezza in ogni cosa e concedevi all'umanità il beneficio del dubbio. Una ragazza meravigliosa a tutti gli effetti, dentro e fuori.

Ma ora ti crogioli nella paranoia. Mescolarsi con la gente sbagliata può rivelarsi devastante per una persona.

La tua innocenza ti sta portando su un sentiero di oscurità e disperazione, temo. Mi rattrista, perché essendo la Fata Madrina detesto le storie così tragiche.

Ma ho una splendida notizia, Viola. Io, la Fata Madrina, ho un'offerta che potrebbe cambiare la tua vita per sempre. Dio solo sa quanto ne hai bisogno. Puoi solo migliorare, cara ragazza.

Ti sto dando la possibilità di trovare la felicità per sempre.

A nome di Afrodite Incorporated, ti sto invitando a competere contro altre quattro donne per avere l'opportunità di vincere il “per sempre felici e contenti”.

Tieni presente che questa offerta è un'opportunità unica nella vita, è piena di avventura e pericoli e il premio finale sarà il vero amore.

L'amore è il segreto della vita, Viola, e potrebbe essere tuo. Per favore, prenditi un momento per immaginare di innamorarti di un principe bello e affascinante.

So che il tuo primo istinto è quello di buttare via questa lettera, ma per favore, non farlo, cara ragazza. Per l'amor del cielo, questa è la tua unica possibilità di essere felice. Fidati di me, ho fatto dei controlli.

Te l'ho detto che c'è della gente che ti vuole morta? È piuttosto sconcertante.

Sono l'Onnisciente. Il destino è la mia specialità. Il destino è il mio hobby. Maledizione, bimba, sono la custode dell'emozione più potente di tutte… il vero amore.

La scelta è tua.

Questa offerta durerà fino a domani sera quando l'orologio scoccherà le dodici. Se accetti, ti verranno forniti tutti i dettagli e le domande per assicurarti una comprensione completa e totale.

L'incontro si terrà nel Quartiere Francese, oltre l'uomo alto e affascinante vestito di bianco. Per favore, non tardare o questa fantasia non sarà altro che una zucca in decomposizione.

Accettando questa offerta, ti impegni a pagare questa esperienza con la metà di tutti i tuoi beni, inclusi ma non limitati a:

Conti bancari, fondi pensione/contributi, gioielli, veicoli, vestiti, scarpe, apparecchi elettronici, beni immobili, animali e le loro cose.

Se fallisci, tutti i legami familiari verranno spezzati e sarai sola al mondo. Tutte le concorrenti viaggeranno verso lo stesso regno; la scelta del regno è effettuata in maniera casuale tramite la ruota del destino.

È noto come questo viaggio possa causare vomito, diarrea, nausea, vertigini, stordimento, sonnolenza, tremori incontrollabili, affaticamento e, in rari casi, morte.

Tutto ciò che riguarda la sfida della Fiaba si affida esclusivamente al fato e tutti gli aspetti saranno imprevedibili e potenzialmente pericolosi o persino fatali.

Ogni concorrente avrà la sua occasione data dalla ruota che gira e scoprirà quale sarà il suo destino per i successivi tre mesi della sfida.

Che una concorrente giri la ruota e diventi una principessa o una popolana, dovrà fare del suo meglio per conquistare l'attenzione e il cuore del principe.

Buona fortuna,

Fata Madrina

Fata Madrina, Presidente e CEO di Fata Madrina Inc.

“Dove i sogni diventano realtà”

Capite cosa intendo?!

Questa signora conosce gli avvenimenti della mia vita e so per certo di non aver parlato a nessuno delle brutte scelte fatte in passato. Sono rimaste tra me, me e solo me.

Soprattutto perché non ho amici e familiari da annoverare.

I miei genitori adottivi mi amavano solo quando arrivava il momento delle tasse o quando serviva una babysitter che si prendesse cura dei loro sette figli quando uscivano per sbronzarsi.

I secondi passano mentre tengo lo sguardo fisso, con il cuore che batte per l'indecisione. Tutto questo avrebbe un minimo di senso se la lettera d'invito fosse autentica. Cosa che sicuramente non è possibile. Rido.

Ok, Viola, non saliamo ancora sull'autobus per Pazzolandia. Elenchiamo i fatti e guardiamo la cosa in modo logico:

– Questa lettera brilla. Sembra impossibile.

– Questa lettera brilla e, non solo, luccica da una fonte sconosciuta. Sembra soprannaturale.

– La “Fata Madrina” sa cose che sicuramente non dovrebbe sapere sulla mia vita. Molto inquietante.

– Sento chiaramente il suono dei campanellini.

– Fata Madrina Inc. mi ricorda un po' Hunger Games, ma la versione per inguaribili romantici.

– Segretamente amo il film Anastasia, non ditelo a nessuno.

– Un incontro a mezzanotte per trovare il Principe Azzurro potrebbe essere un campanello d'allarme.

Ecco a cosa penso.

Se questo è un programma con delle telecamere nascoste o uno studio scientifico per mettere alla prova delle donne stupide e credulone, allora farò orgogliosamente parte della statistica. Forse ci stanno offrendo una consulenza? Potrei trarne beneficio.

Questo potrebbe essere uno studio approvato dal Dr. Phil! Voglio dire, ho sempre voluto ricevere una consulenza, è una specie di desiderio nascosto, a dire il vero.

Desidero segretamente che i medici mi guardino e mi dicano se sono davvero psicotica o se dato che sono stata maltrattata per tutta la vita non è colpa mia. Poi potremmo piangere insieme.

Potrei abbattere i muri emotivi!

Potrei essere mandata in una bella struttura di riabilitazione sulla spiaggia.

Allora lo faccio?

Stasera a mezzanotte.

Bene, Fata Madrina, puoi contare su di me. Ho la dose giusta di casini da mostrare per fare spettacolo.

Do un'occhiata alla lettera brillante e non riesco a cancellare un sorriso sciocco dalla mia faccia.

Ho appena comprato un biglietto per Pazzolandia.

O un bel letto in un centro di riabilitazione.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

Ore 23:34.

Sarei dovuta già partire.

Non so cosa mi faccia tardare.

Faccio un respiro profondo e guardo il mio riflesso con una sensazione di malessere allo stomaco. Sembravo mentalmente stabile?

Mi acciglio e osservo il mio sguardo scolorito che mi fissa nel bagno minuscolo. Sicuramente, probabilmente, non proprio. Non quando guardi bene e a lungo oltre il mio bel viso e i miei lunghi capelli neri.

Pensavo che il mio aspetto esotico così tanto carino mi avrebbe portato lontano nella vita, ma in tutta onestà vorrei dire che ha prodotto degli effetti negativi.

Ora, prima che vi facciate un'idea sbagliata di me, io lo apprezzo. Sul serio. Ringrazio la madre che mi ha lasciato alla casa di cura Water Crest a Houston, Texas, per il mio aspetto.

Ma, allo stesso tempo, penso che mi abbia resa pigra in aree in cui avrei dovuto essere forte, come il buon senso? L'intelligenza di strada?

Direi alla me stessa giovane che si dovrebbe evitare a tutti i costi di frequentare il figlio affascinante di un noto spacciatore di droga.

Perché non prendono bene le rotture. Ti vogliono trovare e farti parlare.

Ore 23:49.

“Oh noooo”, sibilo tra me e me.

Il mio cuore inizia di nuovo il folle rullo di tamburi mentre corro a prendere la borsa e l'iPhone. Afferro la lettera ormai fioca e la infilo nello zaino leopardato e dico una preghiera mentre corro fuori dalla porta.

Spero davvero che la lettera luminosa non fosse un parto della mia immaginazione, o non mi perdonerò mai.

Mi servirà aiuto per trovare questo tizio in otto minuti. La mia tutina viola dice che sono carina e avvicinabile, potrei trovare qualche ragazzo indifeso che mi aiuti con la mia ricerca.

Per fortuna, vivo a un isolato dal Quartiere francese. Dovrei essere in grado di trovare aiuto. Per la miseria, sono adorabile.

Una damigella in pericolo.

5 minuti dopo…

Sbagliato.

“Mi scusi…” vengo aggressivamente presa per le spalle da quello che sembra essere un vampiro con un mantello viola brillante e un trucco eccessivo.

“Ehi!” Mi tolgo di mezzo e gli sparo raggi mortali velenosi dagli occhi. Morirà di una morte dolorosa stasera. O forse il karma lo grazierà almeno con una diarrea esplosiva.

Qualcuno deve sapere qualcosa! Corro verso un gruppo di turisti di mezza età che sembrano essere molto presi dai loro bicchieri, tutti che sfoggiano alti uragani e risate fragorose.

“Salve, potreste aiutarmi?” Cerco di mostrare loro la mia lettera d'oro: “Ho bisogno di trovare un uomo affascinante, so che sembra strano, ma è per una specie di game show”.

Agito la mano mentre spiego: “Immagino che indossi un abito…”

Mi spingono oltre come se fossi io la pazza! Stringo i denti per l'imbarazzo. Quell'uomo con la telecamera indossa calzini bianchi con sandali di velcro.

Un vero crimine contro l'umanità.

Il Karma ha davvero un sacco di lavoro da fare stasera.

Sono da sola.

Due minuti e mezzo di tensione sono passati senza fortuna. Non vedo cartelli che dicano: “Da questa parte, pazze signore! Fata Madrina Inc”.

Come diavolo pensavo di trovare in soli dieci minuti quest'uomo misterioso? Cosa significa questo?

Sono un'orribile procrastinatrice, aspetto sempre fino all'ultimo minuto per decidere. Mi piace pensare che renda le cose interessanti. Continuerò a ripetermelo e non mi farò prendere dal panico.

Sto sbattendo contro persone a destra e a manca e riesco a calpestare una gomma calda che ora fa un suono appiccicoso ogni volta che il mio tacco nero colpisce il terreno.

Perfetto.

Controllo il mio telefono.

11:59

“Sono una zucca!” Grido la mia sconfitta, sentendo il fallimento penetrare in ogni centimetro del mio corpo. Ho letto di nuovo la lettera, che non dava indicazioni chiare. Figlia di uno zio di scimmia!

“Sono una zucca marcia”, mi lamento tra me e me.

Lacrime folli.

Probabilmente inizierò a piangere come una fontana. Di solito non sono così emotiva.

Bugie.

Una signora con il suo bambino dalla faccia gommosa lo spinge a passare più velocemente davanti a me come se potessi allungare la mano e afferrarlo come l'uomo nero!

“Oh fantastico!” Mi tolgo di mezzo mentre passano. “Sono una spaventabambini”, gemo. Tiro su col naso, ma che tipo di madre tiene suo figlio sveglio così tardi?

Sento una mano che mi tocca il braccio. Mi giro per fissare una donna con i capelli rossi scalati sulle spalle, alta e bella.

Il suo vestito estivo bianco è carino e il suo sorriso è ancora più bello. Sembra una bella donna del sud.

“Posso aiutarla?” Dico più arrabbiata di quanto vorrei.

Non sono di buon umore, signora.

“Ho notato la lettera che hai in mano”. Lei fa un cenno alla carta, stretta tra le mie mani. “Sembrerebbe che entrambe abbiamo problemi a trovare il signor Azzurro”.

Cosa?!

Il sollievo mi inonda come una cascata. Quindi non sono l'unica idiota presente stasera. “È mezzanotte”, dico in segno di sconfitta.

“Beh”, inizia lei mentre dà un'occhiata alle strade affollate, “Non possono arrabbiarsi se siamo in ritardo con indicazioni del genere. Voglio dire, è comunque una cosa stupida”.

Ride e mi guarda come se cercasse disperatamente di confermare i suoi pensieri.

E davvero, questo è sciocco. “Credo di vergognarmi un po' anche solo a cercarlo. Ma la curiosità ha avuto la meglio su di me”.

Ridacchia, fa un grande respiro e inizia a sventolarsi il viso. “Lo so, e fa così caldo stasera. Scommetto che ci stanno filmando in questo momento. Probabilmente siamo le uniche due che si sono presentate”.

Mi unisco a lei perché non c'era altro da fare che ridere di noi stesse.

Ci guardiamo intorno in cerca forse di una telecamera nascosta o di un gruppo di persone che ci guarda e ci indica.

Ma quello che non mi aspettavo era di vedere un uomo molto bello vestito con un completo bianco. Stava non troppo lontano da noi, nel vicolo dall'altra parte della strada.

La risata muore mentre entrambe lo fissiamo lucide.

Giuro che ho guardato in quella direzione prima e lui non se ne stava lì con un sorriso smagliante rivolto a noi. È lui?!

Ho la testa leggera e quel formicolio alla bocca dello stomaco è tornato, ho i battiti accelerati.

“Lo vedi anche tu?” Chiedo a malapena. “L'uomo”.

“Certo che sì”.

“Cosa facciamo?” Azzardo uno sguardo verso di lei, il battito del mio cuore è martellante.

“Gli facciamo dei sorrisi? Non ne ho idea”, offre senza fiato, la sua voce vacilla.

Sono troppo scioccata per sorridere. Guardando di nuovo l'uomo, il mio cervello si rende conto che è incredibilmente bello, in piedi con una mano infilata con nonchalance nella tasca del suo vestito.

È appoggiato a una porta e ci fissa con un sorrisetto divertito che è assolutamente incantevole.

“Pensi che gli piacciano?”

“Cosa?”

“Le facce da baci”.

Mi prende la mano e mi guarda dall'alto, tirandomi.

“Dovremmo andare lì”.

Penso di aver detto qualcosa, ma si è perso nell'aria umida della notte.

Camminare verso di lui non allevia i nostri nervi, posso dirlo perché Testa Alta e Rossa mi sta afferrando la mano con una stretta fatale.

Lui mi rivolge un sorriso brillante, poi fa lo stesso con lei e sposta il peso. Il suo sguardo si posa di nuovo su di me e qualcosa di strano che scintilla nei suoi meravigliosi occhi blu fa scorrere un brivido lungo la mia schiena.

“Siete in ritardo, ragazze”. La sua voce è dolce e bella. I suoi capelli biondi sono pettinati perfettamente e il suo viso è quello di un principe.

Apro la bocca per parlare, ma non esce nulla.

La mia mente è piatta.

“Per favore, entrate. La Fata Madrina odia non rispettare i programmi”, dice come se stessimo parlando del tempo, una cosa completamente normale.

Apre la porta di legno che porta al piano superiore e va oltre.

È buio lassù.

Stiamo andando in un istituto psichiatrico? Degli uomini in tenuta medica bianca ci cattureranno e ci metteranno in una stanza imbottita e ci ficcheranno delle pillole in gola?

“Ehi, ci violenterete?” Chiedo e poi arrossisco.

Senza filtri, eh?

La rossa arrossisce accanto a me, poi guarda di nuovo verso di lui.

Gli ho appena dato l'idea, vero? Anche se, a essere onesti, essere violentati da lui potrebbe non essere così male. Potrei fare la lotta all'inizio, ma poi mi piacerebbe molto.

Ok, sono malata.

Gira il volto scioccato verso di me e ride fragorosamente, ma non dice nulla, scomparendo sulle scale. “Andiamo, signore”.

Lei fa spallucce e lo segue.

“Era un sì?” Sussurro mentre li seguo alla cieca, sentendo la pelle pizzicarmi.

Si gira verso di me mentre saliamo le scale buie. “Penso fosse un forse”.

Scommetto di poter superare la rossa se le cose si mettono male. Ehi, non ho mai detto di essere nobile, è un difetto di personalità su cui sto lavorando.

Arriviamo in cima e lui apre una grande porta d'argento e io mi irrigisco per la tensione. Immediatamente un'aria fresca, insolita e meravigliosa, ci colpisce. La vista davanti a me mi ruba il respiro dai polmoni.

Che cosa…

La stanza è spaziosa e assolutamente bella, da lasciare a bocca aperta. Credo di sentire Testarossa ansimare e mettersi una mano sulla bocca.

Tutto è bianco e azzurro cielo. I pavimenti sono di marmo bianco brillante con vortici azzurri scintillanti.

Il soffitto è a volta con pezzi di vetro luminosi e l'area salotto è squisitamente decorata con divani di un bianco accecante e accenni di zaffiro.

Il tutto non sembra reale. Faccio un respiro tremolante e cerco di contare fino a dieci nella mia mente.

“Benvenute alla Fata Madrina Inc. Per favore, registratevi alla reception”, dice Azzurro con una voce cantilenante. “Per favore, fate in fretta”.

Guardo Azzurro a bocca aperta. “Check-in?”

Lui indica una grande scrivania a forma di U con una bella donna che ci sorride.

Sta scrivendo su un computer e parla con qualcuno all'altro capo tramite un auricolare. Indossa un abito completamente bianco adatto a un pranzo al castello reale.

I capelli dorati le rimbalzano mentre scrive, apparentemente godendo del suo lavoro con grande entusiasmo. Ho una sensazione inquietante, da romanzo thriller.

Controllo la mia isteria, osservando tutto come fosse una potenziale minaccia. Ci avviciniamo e lei indica la carta e la penna scintillanti e continua a parlare.

“Sì, sono appena arrivati-uh-hu”, fa una pausa mentre ascolta, “naturalmente, so che sono in ritardo”. Ci guarda severa.

“Farò in modo che si registrino velocemente allora… Capisco. Le porterò indietro, mia signora. So che il tempo è essenziale”.

Alza lo sguardo verso di noi e forza un sorriso. “Per favore, registratevi e prendete posto laggiù, poi Pierce porterà tutti nell'arena”.

Arena?

Ma che diavolo?

Questo posto non è abbastanza grande e nemmeno io sono così ingenua. Scrivo il mio nome e ne noto altri cinque sulla lista. Sette ragazze? Pensavo che la lettera dicesse cinque?

Mmm, affascinante. Mi aspettavo di più una trovata pubblicitaria, però. Giro l'angolo e vedo cinque belle donne sedute su divani bianchi che sembrano nervose quanto me.

La rossa fa loro un piccolo cenno, e ci sediamo insieme sull'unico divano vuoto vicino a un tavolo da ristoro. Ok, è strano.

“Cos'è questo posto?” Sussurra Testarossa.

Deglutisco e faccio spallucce, dando un'occhiata al bellissimo salotto. “Si fa sempre più strano”, sussurro.

Testarossa parla alle altre ragazze. “Ciao”. Si schiarisce la gola, “Mi chiamo Cherie, avete tutte ricevuto una lettera questa mattina?” Il suo nome è Cherie, me lo segno.

Tutte annuiscono e mormorano qualcosa di impercettibile.

Una ragazza snob dai capelli biondi sospira e si alza per guardarsi intorno, i suoi tacchi rosa ticchettano sul marmo.

Dico snob perché ha quell'aria da ragazza cattiva. Capelli biondi perfetti, corpo da Barbie, vestito rosa, e una faccia da stronza perfezionata che è anche meglio della mia.

Deve aver fatto anni di pratica. Brava.

“Il mio nome è Laura Rogers. Sono sicura che hai sentito parlare di mio fratello. Luke Rogers? È il lanciatore dei Red Socks”. Sorride, sembrando fin troppo compiaciuta.

Laura esamina la sua manicure e cammina per la stanza, ascoltando le lodi di tutti. “Spero che questo abbia a che fare con la televisione”.

“Non guardo il baseball, è troppo noioso”, gemo, prima che il mio filtro difettoso si attivi. Sento che Cherie mi lancia un'occhiata e poi un sorriso, coprendo il suo con la mano.

Lo sguardo di Laura mi blocca e si prende il suo tempo per guardarmi dall'alto in basso. Alza un sopracciglio sottile e si avvicina a me, con le labbra serrate. Ha labbra molto sottili, vedo, che si appiattiscono in una linea.

“E tu chi sei? Un vampiro? Madame Darkness?” Ride leggermente.

Non è nemmeno divertente.

Resisto a un'alzata di occhi. “Il mio nome è Viola Spear e sono qui per pura curiosità”, mormoro. Non so perché le ho appena dato un cognome fasullo.

“Come vuoi”, risponde lei. “Non lo siamo tutti?”

Una ragazza di colore che siede sul divano di fronte a me si sporge in avanti. “Ciao, sono Destiny. Questo posto mi dà i brividi: troppo pulito. Qualcun altro si sente così?”

Si aggiusta i jeans e la canottiera bianca. Noto che ha delle belle scarpe argentate.

La ragazza accanto a Destiny, con i capelli corti biondo platino, annuisce in accordo. Alza la mano.

“Sono April. Sono un po' nervosa per questa storia. Spero che non ci facciano dei provini o cose del genere. Non sono brava davanti alla gente, avrei una specie di attacco di panico”.

“Siamo in un documentario o sul set di un film”. Laura si intromette sonoramente infastidita dall'incompetenza di tutti.

Una bruna alta ride. “Non dimentichiamo quanto sia sexy Azzurro”, sussurra abbastanza forte da farci sentire tutte e guarda dietro l'angolo. “Oh, e io sono Ivy, una ex Marine”.

Mormoriamo tutte qualcosa sul suo eccezionale servizio al nostro paese.

L'ultima ragazza con la pelle olivastra e uno chignon cubano alza la mano per presentarsi, ma entra Azzurro.

Tutte chiudiamo la bocca e spalanchiamo gli occhi. Il mio cuore batte come un pazzo, come un ballerino di tip tap ubriaco che ha appena pestato cinque Red Bulls.

Sorride e mette una mano nella tasca dei pantaloni bianchi.

“Signore, siamo pronti a spostarvi tutte nell'Arena, dove tutte le vostre domande riceveranno una risposta. Siamo un po' in ritardo sulla tabella di marcia, quindi per favore non facciamo aspettare la Fata Madrina un altro secondo”.

Sento una risatina soffocata alla mia sinistra.

Lui ci guarda tutte. Uno sguardo severo attraversa i suoi bei lineamenti mentre ci studia.

“Per favore prendetela seriamente. Quello che state per vedere è reale. Tutte voi siete state scelte per una ragione dalla mano del destino e prima di entrare dovrete fare un respiro profondo e trovare la vostra pace interiore”.

Mi acciglio, non mi piace affatto come suona.

Se entriamo in un vortice del sesso come quella ragazza di Cinquanta sfumature, faccio lo sgambetto a Laura e scappo. Non sto scherzando, vale la legge del più forte, posso combattere come un gatto selvatico se necessario.

Ci mettiamo tutte in fila e procediamo a seguire Azzurro attraverso una grande porta scorrevole di vetro.

Ok, devo spiegarvelo lentamente in modo che capiate cosa vedo mentre passo dalla porta.

Entriamo in una grande area a forma di ferro di cavallo, una di quelle cose che si vedono nelle università, una sala conferenze con posti a sedere in alto.

Calmo il cuore che martella mentre mi reggo per trovare stabilità sullo schienale di una sedia.

Il problema è…

Il problema è che dove dovrebbero esserci una lavagna e un muro non c'è nulla. Non c'è niente dietro la grande scrivania bianca e il podio.

No, non voglio dire nulla. Che diavolo sto dicendo?

Potrei vomitare.

Dietro la scrivania c'è il fottuto spazio.

Nel caso non si sia capito, dietro la scrivania dove dovrebbe esserci un muro c'è lo SPAZIO.

Sto guardando il grande abisso nero che è il nostro universo. Come se qualcuno avesse tagliato a metà un'astronave e noi fossimo sul bordo.

Ci sono lontane stelle cadenti, comete e un enorme pianeta che è così lontano che si riesce a vedere l'atmosfera che si muove intorno a esso.

Oh, e c'è questa brezza. Posso vedere piccoli pezzi dei miei capelli che si muovono con la corrente d'aria.

Sento la mano di Cherie sul mio braccio, che stringe, le sue dita diventano bianche mentre il le trema il braccio. Sono insensibile al dolore della sua stretta mortale.

Alzo lentamente lo sguardo e vedo Azzurro scendere le scale di marmo chiaro fino al livello inferiore, dove si trova la grande scrivania.

Santo cielo, c'è anche una mela rossa lucida appoggiata sopra, come se fossimo alle elementari.

“Signore!” Azzurro rimbomba con le mani tese. “Prego, accomodatevi dove volete”.

“So che quello che state vedendo non vi sembra reale, ma scoprirete abbastanza presto che questa stanza è l'ultima delle vostre preoccupazioni. Lo dico dal profondo del mio cuore. Benvenute”.

Guarda tutte nella stanza mentre prendiamo posto con le gambe traballanti. I suoi occhi si posano su di me per un secondo più a lungo di tutti le altre.

Ho la strana sensazione che sappia qualcosa che mi riguarda, ma sono troppo sopraffatta per pensarci.

“Verrà distribuito un drink per permettere a tutte voi di assorbire tutto questo con molta più tranquillità in corpo. Potete rifiutare se volete, ma vi consiglio vivamente di prenderlo”.

Fa un cenno a due donne vestite di bianco che entrano con dei vassoi e passano una bevanda rosa frizzante in un flute.

“Questo vi aiuterà, signore, quindi per favore, bevete. Non abbiamo tempo per attacchi di panico o svenimenti”.

Destiny ha la testa tra le gambe e respira a fatica, mentre ad April si sente il battito sul collo, sembra sudata. Laura si siede in silenzio, con gli occhi spalancati e increduli.

“Viola? Posso offrirti da bere?” Si china per porgermi un flute senza nemmeno aspettare una risposta.

“Sì”, dico a malapena a me stessa. Sono già nella tana del coniglio, quindi potrei anche cadere senza urlare.

Guardo alla mia destra, vedendo Cherie e tutte le altre che mandano giù la bevanda frizzante con sorsi disperati.

“Nessuno ha paura della droga dello stupro?” Continuo, non sono nemmeno sicura di averlo detto ad alta voce. “È una cosa reale, gente”.

Vedo una stella cadente lontana, probabilmente a miglia e miglia di distanza, che mi fa trattenere il respiro. Ok, sto perdendo la testa velocemente. Sento che il mio occhio sinistro inizia a contrarsi. In alto i calici.

Butto giù la bevanda al sapore di frutta e reprimo un rutto stimolato dal frizzantino.

Beh, non si torna indietro adesso. Ho appena preso la pillola blu e sta scorrendo nel mio sistema. Riesco a sentire il corpo ronzare, i miei muscoli rilassarsi.

Ora entrerò nella matrice.

Il suono del computer elettronico mi risucchia in un'altra realtà.

“Dovreste sentirvi tutte più calme tra circa due minuti”, dice mentre sorride a tutte noi, con le braccia incrociate sul petto. I suoi brillanti occhi azzurri ci osservano.

“Fatemi sapere quando siete pronte e iniziamo”.

Azzurro si appoggia alla scrivania e accende un sigaro come se fosse a casa seduto davanti al camino. O in un salone di lusso.

Faccio un respiro e sento i miei nervi acquietarsi; un'ondata di calore si diffonde attraverso me come un fiume di lava che si muove lentamente. Faccio un altro respiro profondo e le mie braccia smettono di tremare e l'occhio si ferma.

Ok…

Ok.

Posso farcela. Mi guardo intorno e vedo tutte le altre visibilmente rilassate, sedute più dritte sulle loro sedie. Cosa c'era in quel drink? Mi sento benissimo. Ora posso godermi la vista brillante davanti a me.

Questo è reale, incredibile. La lettera era sempre stata autentica.

“Bene, vedo che siete tutte pronte a iniziare”. Parla con un sorriso e tende il braccio verso l'universo. “Signore, posso presentarvi la Fata Madrina”.

All'improvviso, una porta si apre e una donna meravigliosa attraversa l'arco. Le stelle e i pianeti sono solo un'illusione allora? Una tecnologia incredibile.

Il suo abito blu notte brilla e i suoi capelli argentati sono raccolti in uno chignon in cima alla testa. Sembra una celebrità degli anni '50.

L'abito scende dalla vita stretta e si ferma sotto il ginocchio come se indossasse delle sottovesti. La scollatura a spalle scoperte è elegante, probabilmente l'invidia di ogni moglie trofeo.

Sembra una versione di Meryl Streep nel film Il diavolo veste Prada. Ha un aspetto altrettanto intimidatorio.

La sua espressione mentre cammina è di assoluta serietà. Non posso credere che sto guardando la leggendaria Fata Madrina. La nostra realtà è più strana della finzione.

Non c'è ancora nessun sorriso, nessun saluto felice come quello di Azzurro. Lei gli lancia un'occhiata con uno sguardo tutt'altro che compiaciuto sul suo volto.

“Pierce, siamo pronti a iniziare?” chiede mentre scruta la stanza, il suo sguardo si posa sul mio.

Trattengo il respiro.

Avevo qualcosa sulla faccia?

Lei inclina la testa e credo di vedere un accenno di sorriso. La Fata Madrina guarda di nuovo verso Azzurro, lui le fa un occhiolino e soffia fuori una scia di fumo. “A te la parola”.

La Fata Madrina annuisce e fa un paio di passi verso di noi, il suo abito scintillante e le sue scarpe nere che scricchiolano. Si prende un momento per raccogliere i pensieri.

“Avrò tutta la vostra totale attenzione”.

Nessuno dice una parola.

Ora scopriremo perché siamo qui.

“Presumo che tutte voi abbiate letto la lettera che vi è stata inviata questa mattina. Ognuna di voi è stata scelta per partecipare alle Sfide della Fiaba come nostra agente”, continua mentre tutti pendiamo dalle sue labbra.

“Temo che questa volta le cose saranno un po' diverse, a causa di circostanze sfortunate”.

Mi acciglio.

Lei prende un respiro e si mette una mano sul naso.

“Ho gestito la Fata Madrina Inc. per duecento anni, fornendo sempre un lieto fine”. Fa di nuovo una pausa come se avesse problemi a dire ciò che vuole.

Azzurro si fa avanti, le mette una mano sulla spalla e le sussurra qualcosa all'orecchio. Lei scuote la testa e sussurra qualcosa in risposta, molto turbata.

Cosa sta succedendo? Mi sposto sul mio sedile e do un'occhiata a Cherie, notando che sembrano tutte preoccupate. Cherie alza le spalle e guarda i due.

Vediamo Pierce che la abbraccia e la Fata Madrina lascia la stanza con la mano sulla bocca, molto turbata. Azzurro l'accompagna alla porta, poi si volta di nuovo verso di noi ed espira.

“Mi dispiace per il ritardo”. Si avvicina alla scrivania e si siede sul bordo.

“Condurrò io la discussione oggi; la Fata Madrina ha molto da fare e ha degli appuntamenti a cui non può mancare. Tra poco risponderò alle domande, ma per ora, ascoltate e basta”.

Il suo sguardo blu si posa su di me, poi su tutte le altre.

“Se accettate tutte i termini, allora sarete trasportate in un altro mondo, un regno, diciamo”.

“E sì, signore, possiamo farlo. Ci sono molte dimensioni diverse, quindi ci sono molti pianeti diversi con mondi funzionanti proprio come la Terra. Credeteci, perché è tutto vero”.

Si sposta in piedi dietro la scrivania e inizia a digitare, poi agita le mani in aria e vengono fuori delle immagini in 3D.

In un istante, la vista dell'universo cambia.

Rimango senza fiato.

Osservo una presentazione PowerPoint incredibilmente tecnologica.

Sullo schermo 3D, lo chiamerò così, ci sono pianeti in una lista dal numero uno a oltre mille. La metà superiore è etichettata in bianco, quella centrale in blu e diverse tonalità di rosso per quella inferiore.

“Come potete vedere, questi sono i pianeti attualmente sotto contratto con la Fata Madrina Inc. Questo non è il normale discorso che facciamo alle nostre agenti e per questo mi scuso”.

“Abbiamo bisogno di aiuto; dire che siamo disperati è un eufemismo. La Fata Madrina Inc. è sul punto di fallire. Questo è il modo migliore in cui posso descriverlo per farvelo capire”.

“Vi spiegherò il perché e voi sarete il primo gruppo a sentire i retroscena. L'intero scopo della società è quello di controllare e mantenere la pace nell'universo”.

“La Fata Madrina risponde a un'autorità superiore che le ha dato la responsabilità di mantenere un certo livello di pace tra tutti i mondi”.

Fa una pausa mentre si guarda intorno.

“Tutti i pianeti sono collegati in modo invisibile e quando uno ospita il male, colpisce gli altri come un'oppressione oscura, una reazione a catena di negatività. Questo male non va bene e deve essere gestito.

“La Fata Madrina crede che tutta la malvagità possa essere guarita dall'amore. È sempre stato questo il suo slogan. È una donna straordinaria, che pensa sempre che la redenzione possa far parte dei più corrotti”.

Fa una pausa per le nostre espressioni ancora confuse.

“Dobbiamo mantenere ogni pianeta al di sopra del cinquanta per cento: il male contro il bene. Non potremo mai eliminare del tutto il male, ma possiamo mantenerlo gestibile con questo sistema che abbiamo usato per centinaia di anni”.

“Stiamo parlando delle persone che li abitano, le loro anime combinate per una percentuale totale. Se non riusciamo a farlo per un certo periodo, restiamo fuori dal business e un potere diverso prenderà il sopravvento”.

Alzo la mano.

Lui mi guarda, poi annuisce.

Tutti gli occhi sono puntati su di me. “Quindi”, mi schiarisco la gola, “immagino che la Fata Madrina stia uscendo dal business perché ha problemi a mantenere il male sotto il cinquanta per cento?”

Sto cercando di capire questo complesso dilemma. Arrossisco, sperando di non aver fatto una domanda stupida.

Ci mette un momento. “Sì, stiamo avendo un problema con un pianeta. Tieni presente che ogni pianeta viene giudicato separatamente”, continua Azzurro indicando lo schermo 3D.

“L'ultimo mondo in basso è quello in questione, quello rosso brillante. Come puoi vedere, gli altri pianeti sopra di esso ne sono influenzati, iniziando a diventare anch'essi rossi.

“È come un'infezione, che si diffonde a meno che non riusciamo a curarla velocemente”.

“Ho capito”, Laura sbotta ad alta voce e si guarda intorno. “Vuoi che facciamo innamorare il leader di un regno di uno di noi. Per curare le loro anime malvagie. Che eroismo romantico da parte nostra”.

I suoi occhi sono illuminati dall'eccitazione, “Quindi siamo come eroine… eroine dell'amore”.

“Per cambiare il cuore dei corrotti”, dico tranquillamente, ignorando Barbie.

“Sì”. Ci dà un'occhiata. “Questo pianeta vuole distruggerci. Abbiamo già provato tre volte e abbiamo fallito. Questo non è mai successo prima. Sarete tutte delle eroine, queste non sono missioni facili”.

“Tre gruppi come noi?” chiede April con cipiglio.

“Corretto”. Fa alcuni passi verso di noi ed espira.

“Questa è la nostra ultima possibilità, quindi potete immaginare quanto sia sconvolta la Fata Madrina. Perderà tutto ciò per cui abbiamo lavorato. Eravamo molto vicini durante l'ultima missione, arrivammo al quaranta per cento”.

“Ma purtroppo non basta, dobbiamo superare la metà. Il consiglio delle fate è molto severo quando si tratta di rispettare le regole che mantengono questo universo in equilibrio”.

“La nostra Fata Madrina sarà sostituita da un'altra”.

“Una fata che – non dirò alcun nome – non crede in quello che fa la nostra Fata Madrina. Quella donna è una creatura vile e si dà il caso che sia anche la sorella della nostra attuale Fata Madrina”.

“La nostra Fata Madrina ha un nome?” Chiede Destiny. “O si chiamano tutte Fata madrina?”

Azzurro sorride. “Il suo nome è Zora, e io non ho detto nulla”. Si appoggia alla scrivania. “La sorella stronza è Mildred. E sì, è antipatica proprio come il suo nome”.

Non posso fare a meno di ridacchiare. Quindi, abbiamo una faida familiare piena di gelosia, molto umano da parte loro.

Nessuna pressione.

Ma questo mi confonde. Cos'è questo parlare di missioni? Pensavo che stessimo andando all'avventura per trovare l'amore.

“Allora, cosa vuol dire che ci eravate vicini? Si è quasi innamorato di una ragazza nell'ultima missione?” Per qualche ragione, questo non mi è piaciuto.

Lui ridacchia e si strofina la nuca. “Neanche lontanamente”. Azzurro mi guarda ed espira.

“Il modo migliore in cui posso descriverlo, in breve, è questo. Pensa a questa storia come a un videogioco, dove certe cose che fai ti danno punti”.

“Se il sovrano principale si innamora per le giuste ragioni c'è un aumento del quaranta per cento. Tutto il resto è minore. Come sbarazzarsi del cattivo, risolvere i problemi di fame, schiavitù e così via”.

“Abbiamo solo tre mesi, è tutto ciò che il destino ci permetterà di fare per intervenire. Quindi, se scegliete di risolvere i loro problemi mondiali invece di innamorarvi, è una strada difficile da completare in tre mesi”.

“E per non parlare del fatto che è pericoloso. Non fraintendetemi: anche innamorarsi è difficile, ma molto più plausibile”, continua, “e generalmente quando sistemi il sovrano sistemi anche tutti i problemi più piccoli.

È come una reazione a catena di gioia e felicità. Per questo Zora crede così tanto nel vero amore, perché allo stesso tempo aggiusta tutto il resto”.

Wow, questo è complicato.

Molto diverso dai film Disney, ma un po' simile.

“Quindi nell'ultima missione hanno cercato di aggiustare il mondo, non il leader?” Chiedo, la mia mente gira in tutte le direzioni.

“Non avevano scelta, perché il loro leader non era interessato a nessuna delle donne che abbiamo mandato. Hanno solo cercato di fare il meglio del loro tempo e di aiutare Zora come meglio potevano”.

Abbassa lo sguardo come se fosse perso nei suoi pensieri.

Laura ride e scuote la testa. “Questo ragazzo è esigente, mi piacciono gli uomini esigenti e mi piacciono le sfide”.

Azzurro alza lo sguardo e la fissa, probabilmente cercando di capire se fosse seria.

“Credo che si possa affermare che è esigente. Ho la sensazione che ci abbia scoperti, che sappia qualcosa di quello che stiamo facendo”.

Allontana la scrivania e inizia a battere le mani.

“Questo è il momento di dirvi le regole. Abbiamo pochissimo tempo per farlo perché il consiglio ci ha dato solo oggi per mandare un'altra squadra”.

Credo di sentirlo usare una bestemmia sottovoce. Sì, l'ha fatto, questo Pierce Azzurro non è contento della situazione.

“Ognuna di voi sarà nelle mani del Fato. È così che funziona, per mantenere l'equilibrio, dobbiamo seguire ciò che il Fato detta per noi”. Tende la mano e la terra vibra.

Mi siedo sulla mia sedia e guardo pietrificata… una fontanella… che si alza dal terreno, e nella vasca c'è un liquido metallico. Molto curioso. Che cos'è quello?

“Quest'ultima cosa è semplice, signore, e ancora una volta mi dispiace che stiamo facendo tutto di fretta”.

“Ognuna di voi metterà le mani nella ciotola del destino e il destino determinerà cosa sarete in questa sfida. Una principessa o una popolana”.

“Questa decisione è cruciale, perché non potrete cambiare il titolo che vi è stato dato”.

I miei occhi si allargano. Quindi è come il cappello di Harry Potter.

Sento mormorii in tutta la stanza, alcuni eccitati e altri preoccupati. Io stessa sento delle emozioni molto contrastanti che scorrono nel mio corpo come una folla di pazzi che scappano da un manicomio.

Ma sono soprattutto… entusiasta. Sono felice che sia il destino a scegliere, rende tutto più eccitante. Perché sappiamo tutti che altrimenti sceglieremmo di essere principesse. Ovvio.

“Dopo aver ottenuto il titolo, parleremo brevemente di Delorith, il mondo in cui andrete”.

“Poi potrete cambiare tre cose di voi per aiutarvi a conquistare il cuore di Apollo Augustus Garthorn”.

“Potrete scegliere di cambiare il vostro aspetto o di padroneggiare un'abilità. Questa scelta è esclusivamente vostra”.

“Wow”, sussurro. Cherie si gira verso di me con gli occhi spalancati e sussurra “Oh mio Dio”. Sorrido e ricambio lo sguardo.

Apollo Augustus Garthorn. Sembra sexy e potente e sono troppo curiosa di vedere com'è questo dominatore oscuro. Carino? Bello? Nella media? Sexy?

Rifletto su questo. Dev'essere guardabile, giusto? Forse non lo era ed è per questo che nessuna ragazza ce l'ha fatta. Merda. Sarebbe difficile. Forse però era divertente. Potrei essere divertente.

“Va bene, parleremo di più dopo i titoli”. Si alza in piedi proprio mentre Zora, la Fata Madrina, entra. Sembra composta, a differenza di prima.

In piedi accanto ad Azzurro, parla: “Per favore, cominciamo, non si può più tornare indietro. C'è la porta, se volete andarvene ora. Altrimenti, non sprechiamo il tempo del destino”.

Mi sento molto nervosa, persino malandata. Questo è reale. Non si può tornare indietro, non si può tornare indietro. Deglutisco e mi alzo con tutte le altre, facendo un respiro nervoso.

Bene, Viola, sembra che tu stia per prendere la pillola blu e fuggire da Matrix.

Vieni avanti.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

La compagna mezzosangue dell’alfa

AsaLynn è la figlia dell’alfa del Branco dell’albero perfetto e ha ormai 199 anni. È quasi impensabile che un discendente della linea Alfa non trovi un compagno prima di compiere 200 anni, ma AsaLynn è a 6 settimane dal suo compleanno e non l’ha ancora trovato. Così suo padre decide di mandarla in Australia per partecipare alla grande cerimonia di accoppiamento stabilita dal re Alfa Leviathan. Lui è stato uno dei primi immortali e anche il primo a essere trasformato in lupo mannaro dalla Dea della Luna, ma, proprio come AsaLynn, neanche lui ha mai trovato una compagna…

Età: 18+

La chiamata dell’alfa

Lyla si reca alla riunione del branco in Missisipi senza sperare di trovare il proprio compagno predestinato. Ultimamente, infatti, è raro che i lupi vengano accoppiati durante il rituale e, onestamente, Lyla preferirebbe continuare a frequentare il suo ragazzo attuale, che conosce da sempre.

Quando la cerimonia di accoppiamento inizia, Lyla segue l’ululato che le mostrerà il suo vero compagno, che si rivelerà essere Sebastian, l’alfa reale. Accetterà quindi il suo destino come luna reale oppure sceglierà di rimanere con il ragazzo della porta accanto che ancora occupa uno spazio nel suo cuore?

Età: 18+

I Lupi del Millennio

Sienna è una lupa mannara di diciannove anni che nasconde un segreto: è ancora vergine. L’unica vergine del branco. È decisa a superare anche il periodo di calore di quest’anno senza cedere ai suoi impulsi primordiali, ma quando incontra Aiden, l’Alfa, si dimentica del tutto del suo autocontrollo.

Età: 18+

Punita dall’alfa

Dopo aver passato la vita preoccupata che non avrebbe mai trovato il suo compagno, Alexia finalmente lo incontra e si preoccupa ancora di più! L’alfa Rainier Stone del Branco di Southridge è un assassino con una pessima reputazione. Prende ciò che vuole e ora vuole lei. Peggio ancora, anche lei lo vuole!

Riuscirà Alexia a calmare la furia nel cuore di Rainier? Sarà in grado di salvarlo da sé stesso?

Età: 18+

Sin – I segreti del peccato

Dopo la morte della madre, Marcella Sinclair non può fare a meno di sentirsi un peso per il fratello diciottenne. Quando riceve l’offerta di guadagnare un mucchio di soldi come spogliarellista, decide di accettare. Nessuno deve saperlo… specialmente suo fratello, che è determinato a farla rimanere pura e innocente per il resto della vita.

Età: 18+

Tutt’uno col fuoco

Rimasta orfana da piccola e passata da una casa adottiva all’altra, Adeline ha passato gli ultimi nove anni da sola nascondendo un segreto: è un lupo mannaro. Quando fa una corsa finendo inconsapevolmente nel territorio del branco, viene catturata e presto scopre che trovare i suoi simili non è come sperava che fosse. Quando incontra l’alfa che la trattiene contro la sua volontà, volano scintille. Ma lui potrà vederla come qualcosa di diverso da una semplice lupa senza branco? O lei sarà sempre sua prigioniera?

Età: 18+

Marchiata

Rinchiusa di notte dalla sua famiglia dal giorno della sua nascita, Rieka è stata incapace di realizzare il suo unico desiderio: guardare le stelle di notte.

Ora, vent’anni dopo, ha escogitato un piano per uscire di nascosto con i suoi amici, ma non sa che questo semplice atto di ribellione cambierà la sua vita per sempre e la metterà nel mirino di un alfa che non la lascerà andare.

Età: 18+

Spogliata dal re

Ogni volta che perdo la mia verginità, è diverso.

A volte è in un palazzo e a volte è nella sporcizia.

A volte sono sopra, a volte la mia faccia è sepolta in un cuscino per attutire le mie urla.

A volte fa un male cane e altre volte è pura estasi.

Ma c’è una cosa che rimane la stessa, qualunque cosa accada.

In ogni vita, tu mi trovi.

E la perdo sempre con te…

Età: 18+