logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Evelyn non è un lupo mannaro tradizionale. È invece un ibrido lupo-umano, nulla di tradizionale! Al suo ventesimo compleanno, però, Evelyn affronta una tradizione che non può ignorare: quella di trovare il proprio compagno predestinato. Evelyn non ne è entusiasta, finché non si sente stranamente attratta dall’incredibilmente sexy alfa Alex, che torna nel loro branco dopo dieci anni di assenza. Ma anche la sua sorellastra Tessa, purosangue (e decisamente purosnob!), ha messo gli occhi su quel ragazzo dei sogni e lei è abituata a ottenere sempre ciò che vuole!

Età: 18+

 

Diversi di Katie Hines è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Trama

Evelyn non è un lupo mannaro tradizionale. È invece un ibrido lupo-umano, nulla di tradizionale! Al suo ventesimo compleanno, però, Evelyn affronta una tradizione che non può ignorare: quella di trovare il proprio compagno predestinato. Evelyn non ne è entusiasta, finché non si sente stranamente attratta dall'incredibilmente sexy alfa Alex, che torna nel loro branco dopo dieci anni di assenza. Ma anche la sua sorellastra Tessa, purosangue (e decisamente purosnob!), ha messo gli occhi su quel ragazzo dei sogni e lei è abituata a ottenere sempre ciò che vuole!

Età: 18+

Autrice originale: Katie Hines

Evelyn

Streghe, vampiri e lupi mannari sono personaggi di fantasia, ma nella mia vita sono reali. Si dà anche il caso che io sia uno di essi, o meglio, tecnicamente, la metà di uno di essi.

Mio padre era un lupo mannaro e mia madre un'umana. Essere accoppiati con un umano è raro, ma in alcuni casi, come per i miei genitori, succede. Ora, la storia dei miei genitori è un po' diversa.

Nella comunità dei lupi mannari è raro essere ancora senza compagni a venticinque anni.

Mio padre aveva ventisei anni e non aveva una compagna, così prese una delle lupe che erano nel branco e si accoppiò con lei. Il suo nome era Jen.

Finirono per avere una bambina e poco dopo la nascita della loro figlia, Tessa, lui trovò la sua vera compagna, mia madre. Lasciò quella lupa per mia madre ed ebbero me.

Le cose andarono bene per alcuni anni; papà viveva con mia madre ed era ancora coinvolto nella vita di Tessa.

Tutto crollò però quando la gelosia fu troppo travolgente per la madre di Tessa e lei uccise mia madre.

Questo fece arrabbiare mio padre che uccise Jen, ma quello di cui nessuno si rese conto fu che Jen aveva trovato il suo compagno poco prima di questi sfortunati eventi.

Era così ossessionata da mio padre che non dava al suo compagno il tempo necessario o l'amore che una compagna dovrebbe dare.

Quel giorno, il compagno di Jen la seguì e la guardò morire e, per ritorsione, uccise mio padre.

Non c'è una versione ufficiale, alcuni dicono che mio padre non abbia opposto resistenza. Altri dicono che il lupo era di alto livello, alfa o beta o qualcosa del genere.

Dopo quel giorno, il fratello di mio padre, Raf, e la sua compagna, Sam, ci presero entrambe e ci crebbero come se fossimo figlie loro.

Dato che Raf era il miglior guerriero in circolazione, abbiamo vissuto nella casa del branco insieme alla famiglia beta e alla famiglia alfa.

Raf e Sam hanno un figlio di nome Julian. I beta, invece, hanno due figli, Parker e Wayne, con Parker che sarà il prossimo a essere beta.

La famiglia alfa ha un figlio che si chiama Alex, che non è stato presente negli ultimi dieci anni, a causa di qualcosa che riguarda un qualche tipo di addestramento speciale di ogni futuro leader.

Sono passati diciannove anni da quando mio padre è morto. Tessa ha ventuno anni, quasi ventidue, e io ne ho appena compiuti venti.

Io e Tessa non abbiamo un buon rapporto. Lei è espansiva e festaiola, mentre io sono timida e tranquilla.

Abbiamo entrambe lo stesso colore di capelli, castano scuro, grazie a nostro padre, ma tutto il resto di noi è diverso.

Lei è alta mentre io sono bassa.

Lei è magra mentre io sono formosa.

Lei ha gli occhi blu grazie a sua madre e io ho gli occhi marroni.

Entrambe siamo belle ragazze, ma in modi completamente diversi. Nessuno penserebbe che siamo sorellastre, se non glielo dicessimo.

Poiché siamo così diverse nelle nostre personalità, Tessa fa sì che molti dei suoi amici mi prendano in giro.

Ora, questa non è una di quelle storie del tipo “tutti mi prendevano in giro così sono diventata una tosta”, perché non tutti mi prendono in giro.

Sono solo lei e il suo gruppo di amiche, che io evito il più delle volte perché preferisco non litigare.

Tende a essere piuttosto meschina e a portare rancore. Molte persone credono che io sia la più grande perché sono più matura.

Tessa fa i capricci, che la fanno sembrare una bambina di tre anni che batte i piedi e tutto il resto.

Io aiuto in ogni modo possibile, quando si tratta di fare bagagli e preparare pacchi. Quando non faccio niente di tutto ciò, aiuto a cucinare e a pulire e mi alleno con mio zio e Julian.

Essendo in parte umana, ho dovuto lavorare molto duramente per diventare abile come gli altri lupi, ma ne vale la pena, perché amo il mio lupo e tutti gli amici che mi sono fatta lungo la strada.

Julian è il mio migliore amico. È l'unico con cui mi confido sul fatto che Tessa e le sue amiche sono stronze con me.

Penso che sia per questo che mi ha praticamente presa sotto la sua ala, e se Tessa e le sue amiche fanno le spocchiose mentre lui è in giro, diventa molto protettivo.

A Tessa piace passare il suo tempo a fare shopping e a controllare i lupi maschi. Non si unisce mai agli allenamenti, ma le piace guardarli mentre camminano seminudi.

Non sa cucinare per sopravvivere e non fa nessuna delle faccende. Non so nemmeno quand'è l'ultima volta che ha lavato i suoi vestiti.

È una delle pettegole del branco e cerca di farsi sempre coinvolgere dai fratelli beta.

È quella che si può definire una scalatrice sociale. Cerca di sedurre gli alfa quando vengono in visita, o i beta. A volte prova a mettersi con gli omega, ma non riesce a fare altro.

Non presta attenzione a nessuno al di fuori di se stessa e non guarda mai agli altri lupi. A volte, spero che finirà per accoppiarsi con un classico lupo medio.

Mi sento un po' male per chiunque sarà il suo compagno, perché sono abbastanza sicura che non si sia conservata per lui. Chi diavolo sto prendendo in giro, so che non l'ha fatto.

Io, d'altra parte, non ho nemmeno avuto il mio primo bacio. Sono innamorata del pensiero dei compagni e sono così eccitata di incontrare il mio.

Dato che essere metà umana e metà lupo mannaro è raro, ho dovuto visitare un altro branco dove c'era un altro mezzosangue come me. Raf voleva che vedessi che potevo inserirmi, come un lupo normale.

Per trovare il mio compagno, però, devo toccarlo fisicamente il che fa un po' schifo perché qualsiasi lupo normale può semplicemente guardare un altro e sapere se è il suo compagno o no.

Da quando abbiamo appreso questa informazione, Raf e Sam, insieme ad alfa Ben, hanno reso obbligatorio per me stringere la mano a ogni lupo non accoppiato nel nostro branco e a chiunque visiti il nostro branco, a meno che non sia già accoppiato.

Non ho ancora incontrato la mia anima gemella.

Ma non mi arrenderò come fece mio padre. Aspetterò di incontrarlo; so per certo che è là fuori da qualche parte.

Inoltre, ho ancora cinque anni prima che si dica che è quasi impossibile che io lo trovi. Quindi, sono sicura che lo troverò presto. Me lo sento.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

Evelyn

Oggi è il giorno in cui il figlio di alfa Ben torna a casa dopo essere stato via da quando aveva quindici anni.

A quanto pare, una volta finito il suo addestramento speciale, si è preso qualche anno per viaggiare per il mondo e cercare la sua compagna.

Sono in cucina ad aiutare le altre donne a preparare la festa che alfa Ben terrà per dare il benvenuto ad Alex a casa.

Spero che abbia trovato la sua compagna. Non capisco nemmeno come si possa scegliere di stare con qualcuno che non sia il proprio vero compagno.

Voglio dire, il tuo compagno dovrebbe essere la persona che ti rende la migliore versione di te, la persona che ti completa e ti ama incondizionatamente.

E se scegli qualcuno che è completamente opposto al tuo compagno? È triste anche solo pensarci.

Sto finendo di apparecchiare la lunga tavola e di mettere i piatti al centro.

Nel corso degli anni, io e alfa Ben siamo diventati intimi; è come uno zio per me. Quindi ogni volta che qualcuno deve andare a dirgli che la cena è pronta, le donne mandano me.

Naturalmente, potremmo collegarci con lui con la mente, ma preferisce sempre essere avvisato faccia a faccia, e a me non dispiace dirglielo perché mi piace andare da lui.

Raggiungendolo e bussando alla sua porta, mi rendo conto di avere sulle mani della farina e altri ingredienti per aver aiutato a preparare la cena.

La voce di alfa Ben echeggia, dicendomi di entrare, così giro con attenzione la maniglia, facendo attenzione a non sporcarla.

“Alfa Ben, la cena è pronta per quando alfa Alex rientrerà”.

Fermandomi bruscamente, noto immediatamente che alfa Ben non è solo. Seduto sulla sedia accanto a lui c'è un uomo estremamente attraente.

Ha capelli castano scuro, occhi verdi ipnotizzanti ed è super muscoloso.

Posso solo supporre dall'aspetto delle sue lunghe gambe che sia anche piuttosto alto.

Si può sentire il potere che emana, il che mi fa immediatamente chinare la testa sia in segno di sottomissione che di rispetto.

“Mi scuso, alfa Ben. Non mi ero resa conto che avessi compagnia”.

Alfa Ben sorride e basta. “Sciocchezze. Alex, ti ricordi di Evelyn, giusto?” chiede.

Alex si gira verso di me, scrutandomi dalle dita dei piedi ai capelli, facendo apparire un leggero rossore sulle mie guance.

“La nipote di Raf e Sam, giusto?” Alex risponde. Alfa Ben è raggiante, con un luccichio nei suoi occhi che non riesco a definire.

“Sì, esatto! Evelyn, perché non dai una stretta di mano a mio figlio?”

Sapendo che questa volta non c'è spazio per le discussioni, faccio un passo avanti e allungo la mano ad alfa Alex; tuttavia, prima che lui possa prenderla, la ritraggo.

Sorridendo, un po' imbarazzata, dico: “Mi dispiace, avrei dovuto lavarmi le mani prima di venire qui”.

Mostro le mie mani e rivelo che sono coperte di farina e altre sostanze.

Il sorriso di alfa Ben vacilla, ma poi ritorna a tutta forza. “Non c'è niente di male, cara. Perché non vai a darti una ripulita? Ti terrò un posto accanto a mio figlio a cena”.

Annuisco con la testa prima di girarmi e andarmene.

***

Mi ci vogliono circa quindici minuti per prepararmi. Scelgo un semplice vestito estivo azzurro e scarpe bianche e lascio i capelli sciolti nelle loro naturali e morbide onde.

Non mi trucco perché non voglio che il cibo sia freddo quando arrivo.

Entrando nella sala da pranzo, noto che tutti i posti sono occupati tranne due: uno accanto ad alfa Alex e uno accanto a Julian.

Quando do un'occhiata ad alfa Ben, mi fa cenno di sedermi accanto a suo figlio. Obbedendogli, faccio il giro del tavolo, ma prima di arrivare al posto, Tessa si siede accanto ad alfa Alex.

Non volendo discutere, prendo rapidamente posto accanto a Julian, guadagnandomi uno sguardo curioso da alfa Alex.

Sperando e pregando che nessuno dei due alfa dica niente in proposito, prendo il mio piatto e inizio a mangiare.

Non è che non voglio sedermi accanto ad alfa Alex. Voglio dire, non sono cieca; è estremamente bello.

E non è che non posso combattere con mia sorella. Non si è allenata neanche un giorno nella sua vita; potrei prenderla a calci in culo con le mani legate.

È solo che non mi piace molto che l'attenzione sia su di me. Mi piace stare nascosta e non causare problemi.

A metà del mio primo morso, Julian inizia a colpirmi con il suo gomito.

Lo guardo mentre inclina la testa nella direzione di Tessa.

“Quanto tempo pensi che ci vorrà perché alfa Alex caschi nel suo giochetto?” mi chiede così silenziosamente che devo sforzarmi per sentire.

Sbuffando alla sua domanda, mi sintonizzo sulla loro conversazione.

“Alfa Alex, hai le braccia più grandi che abbia mai visto”, dice Tessa con la sua voce più seducente mentre gli stringe il bicipite.

Non posso fare a meno di guardare la sua mano che lo tocca. Ci vuole tutto quello che ho per trattenere il ringhio che minaccia di uscire dalle mie labbra.

Mettermi in bocca altro cibo aiuta, ma rimango sintonizzata sull'implacabile flirt di Tessa. Con mio disappunto, anche lui sta flirtando.

Alfa Ben si schiarisce la gola, attirando l'attenzione di tutti.

“Evelyn, pensavo di averti chiesto di sederti vicino a mio figlio? Ho immaginato questa conversazione?”

Merda. Mi ha davvero ripresa in questo modo.

Sono sicura che la mia faccia è rossa come una ciliegia mentre gli occhi di tutti si posano su di me, compresi quelli di alfa Alex, che contengono un luccichio di divertimento.

Sono contenta che lo trovi divertente, ma penso che potrei morire.

Devo ingoiare il cibo che ho in bocca prima di poter parlare correttamente.

“Alfa Ben, mi scuso. Non c'era un posto libero e non volevo disturbare la cena di nessuno”.

Alfa Ben mi fissa con un piccolo sorriso sulla faccia. Sa che sono a disagio quando c'è una tonnellata di attenzione su di me, ma questa è la sua punizione per non aver fatto ciò che ha chiesto.

Mantenere il mio sguardo basso è facile, ma quando alfa Ben parla, diventa difficile non rovesciare il tavolo o soffocare nell'aria.

“Va benissimo. Sono sicuro che Tessa sarebbe entusiasta di scambiare il proprio posto con te. Quindi, salta su così possiamo tutti goderci il resto della nostra cena”.

E se c'è mai stato un momento per desiderare di essere morti, è proprio ora. Tessa mi spara fulmini con gli occhi e posso quasi vedere il vapore che le esce dalle sue orecchie.

Prendendo il mio piatto, inizio a girare intorno al tavolo, passando davanti a Tessa. Ma non arrivo mai al mio nuovo posto.

Oh, no.

Il piede di Tessa scatta fuori prima che io possa passarle accanto e la prossima cosa che so è che sono a terra, con il mio piatto di cibo attaccato al tessuto del mio vestito.

Ci vuole tutto in me per non trasformarmi proprio in quel momento.

Respira, espira.

Devo fare diversi respiri profondi prima di alzarmi, con i pugni stretti. So che i miei occhi stanno diventando dorati, indicando che il mio lupo sta per prendere il sopravvento.

“Alfa Ben, alfa Alex, se potete scusarmi”.

Esco dalla sala da pranzo e mi dirigo all'esterno dove mi trasformo nel mio lupo nero e corro in profondità nella foresta.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Omega

La vita di Alice scorre piuttosto noiosa: va al liceo, guarda Gossip Girl con la sua migliore amica Sam e ha un lavoro part-time in una tavola calda. Non le succede mai niente di eccitante, fino alla fatidica sera in cui, uscita a gettare la spazzatura fuori dal luogo di lavoro, viene improvvisamente morsa da un lupo.

Al risveglio, avvenuto la mattina successiva, Alice nota con sorpresa come il morso sia già completamente guarito e lei si sente anzi meglio che mai e piena di energia. Il problema è che non è l’unica ad aver notato questi miglioramenti… Il malvagio Ryder e la sua banda sono improvvisamente molto interessati a lei, ma per quale motivo?

Età: 16+

Trovata

Hazel Porter è perfettamente felice con il suo lavoro in libreria e con il suo accogliente appartamento. Ma quando un incontro spaventoso la getta tra le braccia di Seth King, si rende conto che c’è di più nella vita, molto di più! Viene rapidamente spinta in un mondo di esseri soprannaturali che non sapeva esistessero e Seth ne è proprio al centro: un feroce, forte, splendido alfa che non vuole altro che amarla e proteggerla. Ma Hazel è umana. Può davvero funzionare?

Età: 18+

La chiamata dell’alfa

Lyla si reca alla riunione del branco in Missisipi senza sperare di trovare il proprio compagno predestinato. Ultimamente, infatti, è raro che i lupi vengano accoppiati durante il rituale e, onestamente, Lyla preferirebbe continuare a frequentare il suo ragazzo attuale, che conosce da sempre.

Quando la cerimonia di accoppiamento inizia, Lyla segue l’ululato che le mostrerà il suo vero compagno, che si rivelerà essere Sebastian, l’alfa reale. Accetterà quindi il suo destino come luna reale oppure sceglierà di rimanere con il ragazzo della porta accanto che ancora occupa uno spazio nel suo cuore?

Età: 18+

Morsa dall’alfa

Quando una giovane fuggitiva, Quinn, viene morsa da un lupo nel bosco, scopre un mondo che non sapeva esistesse, un mondo di lupi mannari.

Ora Quinn deve adattarsi alla sua nuova vita nel Branco della luna ombra, sotto la guida di un affascinante alfa.

Età: 18+

Taken

Clarice è stata difesa per tutta la sua vita dal padre iperprotettivo ed è separata dalla sua lupa interiore. Quando perde il controllo durante una trasformazione, finisce come ostaggio di re Cerberus Thorne, il famigerato leader di tutti i lupi mannari.

Intrappolata nel suo castello, Clarice scoprirà che il proprio destino è legato a quello di Cerberus, ma sarà in grado di domare il suo compagno selvaggio prima che sia troppo tardi?

Età: 18+

I Lupi del Millennio

Sienna è una lupa mannara di diciannove anni che nasconde un segreto: è ancora vergine. L’unica vergine del branco. È decisa a superare anche il periodo di calore di quest’anno senza cedere ai suoi impulsi primordiali, ma quando incontra Aiden, l’Alfa, si dimentica del tutto del suo autocontrollo.

Età: 18+

Requiem City

Maddie è una borseggiatrice che si aggira per le strade pericolose e magiche di Requiem City. Quando ruba ai ricchissimi gemelli Dobrzycka, questi la costringono a fare una scelta: sottomissione o distruzione.

Età: 18+

Odiata dal mio compagno

Solo pochi giorni dopo il suo diciottesimo compleanno, Aurora Craton sente l’attrazione del compagno mentre lavora come cameriera a una festa per la leadership del branco. Il suo compagno si rivela essere nientemeno che l’alfa Wolfgang del Branco della luna di sangue. Quando Wolfgang scopre che la sua compagna predestinata è solo una cameriera, non solo si rifiuta di accettarla, ma minaccia addirittura di marchiarla come una ribelle e costringerla ad abbandonare il branco, qualora lei osasse dire a qualcuno di essere la sua compagna. Aurora non ha altra scelta che accettare, per rimanere nel branco, condannata a rimanere sola. Ciononostante, una ragione ci deve essere se la Dea della Luna ha scelto di mettere Aurora e Wolfgang insieme…

Età: 16+