logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

La schiava dei draghi

Viaggia indietro nel tempo per questa reinterpretazione medievale di Requiem City! Madeline ha servito i potenti draghi mutaforma dell’Orda di Requiem fin da quando era giovane. Al suo diciottesimo compleanno, Hael, il Signore dei Draghi in persona, posa i suoi occhi verde smeraldo su Madeline. Ha dei piani più grandi per lei. Madeline sarà la schiava sessuale servile che Hael richiede? O questo dominatore ultra-sexy ha finalmente incontrato una degna avversaria?

Età 18+

 

La schiava dei draghi di C. Swallow è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Trama

Viaggia indietro nel tempo per questa reinterpretazione medievale di Requiem City! Madeline ha servito i potenti draghi mutaforma dell'Orda di Requiem fin da quando era giovane. Al suo diciottesimo compleanno, Hael, il Signore dei Draghi in persona, posa i suoi occhi verde smeraldo su Madeline. Ha dei piani più grandi per lei. Madeline sarà la schiava sessuale servile che Hael richiede? O questo dominatore ultra-sexy ha finalmente incontrato una degna avversaria?

Età 18+

Autore originale: C. Swallow

Nota: questa storia è la versione originale dell'autore e non ha l'audio.

Madeline

8 anni

A volte il destino ha il suo modo di dire: “Tirati su”. Questo è quello che diceva mio padre ogni volta che doveva andare via in diversi castelli, in terre diverse, per lavoro. Ho sempre pensato di essere forte perché ho imparato a non piangere quando papà andava via.

Ho sempre trovato un modo per sorridere ed essere felice, come infastidire mio fratello maggiore Mason e andare all'avventura con lui, sia che fossimo nel castello di mio padre o in quello molto più grande di mia cugina.

Tuttavia, non ho mai preso in considerazione l'idea di una vita in cui sarei stata rapita per diventare una schiava. Figuriamoci la schiava di un Drago.

Pensavo che i draghi fossero animali domestici per gli umani, e ho sempre pensato che avrei finito per avere una vita da principessa, come mia cugina Summer.

Invece, esattamente sette giorni fa, sono stata rapita da un Signore dei Draghi molto arrabbiato e dalla testa verde smeraldo.

Un Signore dei Draghi di cui persino Dane e Goldy avevano paura e loro sono i miei protettori!

Beh, lo erano… ma non più. Tuttavia, questo non è il punto.

Quello che voglio dire è che non ho paura di Hael! Ho affrontato la bestia e ho dato un calcio alla sua gamba umana quando ha minacciato il mio primo drago domestico, Alexa.

Quando l'ho affrontato, Hael era così arrabbiato che mi ha rapita dai miei amici e dalla mia casa. Si è trasformato nel suo Drago e mi ha portata nella sua Orda.

Ora, sono tutta sola.

Ho chiesto più volte ad Hael di riportarmi da mia cugina, ma non ha fatto altro che ridere. Tutti avevano paura di lui, ma io no.

Con molta insistenza, ogni singolo giorno, gli ho chiesto di riportarmi da Summer… ma le mie suppliche non hanno funzionato.

Alla fine, mi ha crudelmente spinta verso una vecchia schiava e ha detto alla donna di trovarmi una stanza e di addestrarmi a fare le pulizie.

E ora… purtroppo… sono ridotta in lacrime.

Ho passato l'ultima settimana a imparare come essere una schiava ed è una cosa che odio. È così noioso. Dicono che sono troppo giovane per fare qualcos'altro oltre a pulire.

Così ora, ancora una volta, ritorno con la mente al consiglio di mio padre.

Diventa più forte.

Così, mi siedo sul mio freddo letto di pietra con una semplice coperta morbida e incrocio le ginocchia e stringo le mani.

Fisso il muro della grotta di montagna della mia camera da letto in cui sono rinchiusa di notte. Mi sento tutta sola e mi mancano tutti. Mason mi manca più di tutti.

Inizio a pregare, ma mi ritrovo invece a cantare. Inizio canticchiando, ma poi alla fine i suoni morbidi si trasformano in parole familiari… e alla fine diventa una canzone che mio padre mi ha insegnato molto tempo fa.

Ripeto l'unica parte della canzone che ricordo e anche solo il ritmo delle parole mi aiuta a calmarmi.

Per tutto il tempo, ci sono orecchie che ascoltano anche quando non me ne rendo conto.

E così canto.

Questa semplice canzone sarebbe diventata il mio mantra per i successivi dieci anni.

Quando cadrò davanti a te

La nebbia riempirà i miei occhi

I tuoi artigli non mi avranno per intera

Sentirò le mie ossa riscaldarsi

… i miei occhi che si affilano…

la mia anima illuminata

Allora forse mi aiuterai a crescere

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

10 anni dopo

Madeline

“Prendi questi”. Layla spinge due zaini verso me e Darshan.

Il mio amico cieco li prende con facilità mentre io afferro il mio con le mani strette, non riuscendo a contenere il sorriso sul mio viso.

“Queste sono le tue due nuove 'reclute' per oggi, Axel. Tienile d'occhio”.

“Sì, Layla”. Axel si avvicina e ci fa cenno di stare indietro con il resto del suo grande gruppo di schiavi, il cui unico compito è quello di viaggiare fino alla città più vicina per prendere le provviste per l'Orda di Requiem.

Non mi è stato permesso di lasciare il territorio dei monti di Requiem, ma per pura astuzia ho convinto Layla a lasciarmi andare almeno una volta in città.

Naturalmente, sapevo che Layla, un giovane drago blu neonato che si occupa degli schiavi più giovani, è anche segretamente mia amica.

Nell'Orda di Requiem, Hael è contrario ad avere legami stretti con i mortali. Lo scoraggia e ama proclamare e imporre a tutti il nostro essere solo schiavi, dicendo che non abbiamo altro valore, tanto meno di compagnia.

Per una volta, il pensiero di Hael non mi sconvolge né mi fa arrabbiare così tanto da volerlo uccidere.

Questa volta il pensiero di lui mi fa sorridere, in modo incontrollabile, perché sto pianificando il mio grande piano di fuga e lui non ha minimamente idea di ciò che ho in mente.

“Madeline”. Layla cattura il mio sguardo, mentre sono in piedi con Darshan e gli altri schiavi appena fuori dalle grotte verso il verde della foresta.

“Resta vicina ad Axel. Assicurati di fare esattamente come dice lui e non allontanarti. Haven è una grande città e non è sicuro per te girare da sola”.

A volte ho paura che Layla possa leggere i miei pensieri, ma so che non può.

“Maddie è una brava ragazza. Non hai nulla di cui preoccuparti”, Darshan mi difende, dicendolo sia ad Axel che a Layla.

Tuttavia, ovviamente, non riesce a tenere il sarcasmo fuori dal suo tono. Io roteo solo gli occhi e so che può sentirlo, anche se non può vederlo.

“Buon viaggio”. Layla fa un cenno al gruppo e gira sui tacchi umani, tornando con grazia verso le montagne, con i suoi capelli blu che brillano a causa degli ultimi raggi di sole, prima di essere inghiottita dall'oscurità delle grotte.

Poi mi rivolgo ad Axel, il guaritore di mezza età che dovrebbe tenermi d'occhio.

“Sarete deliziati dalle cose che vedrete in città”, spiega Axel a me e a Darshan.

“Avete entrambi sedici anni ora, quindi vi è permesso di unirvi al nostro gruppo di raccolta. Tuttavia, non sottovalutate i pericoli degli umani randagi. Avete vissuto la maggior parte della vostra vita circondati dai Draghi e dal loro potere, ma gli estranei umani possono essere altrettanto pericolosi. Statemi vicini”.

“Perché la città si chiama Haven se non è sicura?” Chiedo curiosamente, respirando l'aria della foresta.

Cerco di non ridacchiare di gioia, quando i miei stivali affondano nei campi erbosi. Era passato troppo tempo.

Certo, c'erano volte in cui uscivo di nascosto nella foresta per un paio di minuti, ma avevo sempre troppa paura di essere catturata, quindi non potevo mai godermi la foresta come si deve.

“È solo un nome, Maddie”. Darshan cammina velocemente davanti a me e Axel. “I suoni della foresta… oh, quanto mi è mancato tutto questo”.

“Quel ragazzo è incredibile”, dice Axel sottovoce. “Non può vedere, eppure è così agile e attento, ma anche veloce.

“Darshan!” Grido, perché proprio mentre Axel afferma ciò, vedo Darshan schivare un albero, poi un altro, solo per inciampare in un cespuglio, piantando la faccia nella terra.

Axel sussulta e io mi limito a ridere, perché lo conosco troppo bene.

“Si eccita troppo per le cose nuove”, sussurro ad Axel.

Qualcuno vicino a Darshan cerca di aiutarlo ad alzarsi, ma prima che ci riescano, lui è già in piedi e si gira a “guardarmi” con un sorriso sulla sua faccia sporca e foglie e rametti nei capelli.

“È fantastico!” Grida, alzando il pugno in aria prima di girarsi e saltellare di nuovo nella foresta, avvicinandosi alla parte anteriore del gruppo, dove il leader gli afferra il braccio e lo spinge indietro.

“Stai seguendo, non guidando”. Il massiccio schiavo è severo, ma non troppo, mentre dice a Darshan di tornare al suo posto.

“Da quanto tempo sei schiava?” Axel mi chiede curiosamente. Non è che ci conoscessimo.

Ci sono almeno cinquemila schiavi in tutto il complesso della montagna. E almeno duecento Draghi. Solo questo piccolo gruppo fortunato di cento schiavi ha il permesso di andare a Haven per le forniture e per il cibo per gli altri schiavi.

“Dieci anni”, rispondo. “Hael mi ha rapita quando avevo sei anni. Da allora, mi è stato insegnato a pulire e tutto ciò che ho sempre voluto fare è unirmi a questo gruppo di raccolta. Sei così fortunato, perché la maggior parte dei giorni sei in grado di uscire in città. Un assaggio di libertà!”

“Stai attenta a dove vanno i tuoi pensieri, ragazza”, Axel disapprova all'istante, sussurrando la parte successiva.

“Non ne parliamo, ma se uno schiavo del nostro gruppo osa fuggire, saremo tutti puniti severamente… e lo schiavo che fugge viene punito personalmente da Hael. Capisci quello che sto dicendo, Madeline?”

Non rispondo. Tutto ciò che faccio è fissare la foresta, le mie speranze affondano mentre guardo Darshan e tutti gli altri schiavi.

Come sarebbe possibile fuggire e lasciare che tutte queste persone innocenti soffrano?

“…A meno che non cerchiamo di scappare tutti insieme…” Sussurro tra me e me, pensando ad alta voce. Axel afferra il mio braccio e mi ferma, fissandomi con occhi spalancati.

“Non dire cose così stupide. Dovresti essere onorata di essere la schiava scelta dell'Orda di Requiem. La tua è una bella vita”.

Fisso Axel, con gli occhi spalancati, scostando il mio braccio da lui. Cammino velocemente verso Darshan, canticchiando tra me e me per fermare le lacrime che mi scendono sul viso.

Se solo sapesse… ero stata fondamentalmente una regina, e poi sono stata ridotta a essere una ragazza inutile, senza nome e senza importanza.

So che l'Orda di Requiem non ci tratta troppo male, ma…

So che avrei potuto avere una vita molto migliore.

E voglio tanto, tanto vedere di nuovo il mio fratellone: Mason.

“Posso sentire il tuo dolore, Maddie”, dice Darshan mentre mi metto in fila accanto a lui, camminando con lui.

“Sono forte, non sento alcun dolore”, scatto. Odio mostrare debolezza e odio che il mio piano di fuga stia lentamente cadendo nel vuoto.

“Ogni volta che canticchi, stai alleviando il tuo dolore. Come quando canti nel castello”, dice lui. “Non preoccuparti, Maddie…”

“Non possiamo fare quello che avevamo intenzione di fare”, gli sibilo a bassa voce e lui diventa immediatamente silenzioso.

L'ho distratto così tanto che sta per andare a sbattere contro un albero, così gli afferro il braccio e lo aiuto ad aggirarlo. “Attento”.

“Lo so Maddie… ho sentito quello che ha detto, ma possiamo ancora divertirci. Uscire da quel posto, per quanto bella sia la sua architettura… non siamo mai stati così fortunati. Godiamoci questa libertà temporanea finché dura”.

Le parole di Darshan mi calmano.

“Brava ragazza”, aggiunge nell'ultima parte perché sa che odio quando mi chiama così.

“Non ti farò evitare il prossimo albero, se sarai una spina nel fianco”, minaccio, proprio prima che lui afferri il mio gomito e mi tiri di lato, lontana dal gruppo principale di schiavi.

“Sai, stavo pensando… c'è un altro modo per liberarti”, sussurra.

“Darshan, non possiamo essere così lontani dal gruppo”, accenno, guardandomi alle spalle con ansia, sapendo che Axel capirà presto che ci siamo allontanati.

“Devi solo fingere la tua morte”, sussurra.

“Questo è il piano più stupido che abbia mai sentito!” Gli rispondo immediatamente, dandogli uno spintone a causa della sua stupidità. Poi ci ricongiungiamo rapidamente al gruppo principale di schiavi.

“Stavo solo cercando di essere utile”, Darshan fa spallucce, ma l'ho chiaramente infastidito. Non gli piace quando sono severa, ma sono arrabbiata.

Fingere la mia morte… non potrei mai farlo!

“Ti conosco”.

Vengo tirata fuori dai miei pensieri quando un ragazzo più grande accanto a me si avvicina a me e a Darshan.

“Io non ti conosco”. Stringo gli occhi verso di lui, perché non lo riconosco affatto.

“Oh, immagino che non mi conosci… non esco molto, ma ti ho vista prima e ho sentito la tua voce. Ti piace cantare”.

Il ragazzo più grande con i capelli scuri e un piercing al naso mi fa un sorriso presuntuoso. Non mi piace che sia bello, né che mi abbia sentita cantare.

“Mi hai spiata?” Chiedo, fissandolo.

“Ti ho detto che la gente può sentirti cantare, Maddie”. Darshan è irritato e se ne va a fare le sue cose, lasciandomi con questo schiavo maschio che spia.

“Mi chiamo Darren”, si presenta, sorridendo. Mi fermo quasi sui miei passi.

“Darren?” chiedo di nuovo, “Come in “Darren”?” Chiedo di nuovo: “Come…?”

“Sì, sono lo schiavo personale della principessa Drago”. Alza le sopracciglia verso di me in modo provocatorio. “Quindi hai sentito parlare di me, almeno?”

“Sei uno schiavo del sesso”, affermo, e lui si mette una mano al petto, fingendo di essere ferito.

“Non mi piace pensarla così… ma Adara mi utilizza in certi modi”. Darren sembra fin troppo felice di ammetterlo.

“È disgustoso, essere usati per il sesso. Perché stai sorridendo?” Socchiudo gli occhi e lui allunga una mano e afferra una ciocca dei miei ondulati capelli castano scuro.

“Così ingenua… così minuta… poverina. Sai che non dovresti essere qui in questa parte di Haven”.

Decido che Darren non mi piace, è troppo presuntuoso e arrogante. Vede il mio sguardo e si limita a sorridere di più.

“Tutti ti hanno sentita cantare, cara Madeline… non pensi che ti stessi solo spiando, vero? Adara ti ha sentito cantare, gli altri draghi, Hael-“

“Non mi ha sentita cantare”, scatto, tagliandolo fuori, “Inoltre, non voglio più parlare con te, io…”

“Sto solo cercando di istruirti, ragazzina. Non lo sai, vero?” Darren sembra fin troppo compiaciuto, sa qualcosa che io non so.

“Non so cosa?” Sono curiosa.

“Hmmm… mettiamola così. L'ultima volta che ho controllato, Hael ha bandito il suo ultimo schiavo personale, hmmm, ieri sera? Oh sì, è stato così. Ricordo come le ha detto in modo così crudele di andarsene e di non tornare più mentre stavamo tutti cenando!”

“Di solito, come saprai, ci tiene ad avere tre schiavi personali alla volta. Sai quanti ne ha adesso?”

Sto diventando rossa in faccia, la rabbia mi attraversa all'improvvisa realizzazione di ciò che sta cercando di insinuare.

“Non ha più schiavi personali, cara Madeline, e le uniche femmine che ha portato personalmente nella sua Orda… finiscono sempre con lo stesso destino”.

“Stai zitto. Perché mi stai dicendo questo? Pensi che siccome mi ha rapita quando avevo sei anni, pensi ancora a me? Ho avuto incontri minimi con lui…”

“Hai avuto molti incontri con lui”, interviene rapidamente Darren, dandomi una pacca sulla testa, sottolineando il fatto che sia più piccola di lui.

“Sei sempre stata così timida e nervosa, non hai mai notato nessun altro nella stanza ogni volta che ti ordinava di andare nella camera reale comune per informarsi sui tuoi progressi come schiava?”

“Pensi che lo faccia con tutti gli schiavi dell'intera montagna? Pensi che ne abbia il tempo o la pazienza?” Darren fa una pausa, prendendo il mio silenzio attonito con troppa allegria.

“E lo sapevi…” sussurra la parte successiva. “So che oggi è il tuo compleanno. Diciotto anni è il punto di svolta, l'età in cui…”

“Non parlerò più con te”, intervengo rapidamente prima di correre a cercare di nuovo Darshan.

Posso sentire la risata di Darren dietro di me.

Le mie mani tremano mentre l'enormità di ciò che Darren ha detto finalmente colpisce nel segno.

Voglio dire, non poteva avere ragione. Infatti, molto probabilmente aveva torto.

Ma è stata una coincidenza eccessiva che Hael abbia bandito il suo ultimo schiavo rimasto ieri sera?

E il fatto che oggi è il mio diciottesimo compleanno?

Scuoto la testa tra me e me. No, no, no.

Non voglio credere a ciò che ha detto Darren, che Hael stava facendo spazio per me come sua schiava personale.

Non può essere vero. Layla me l'avrebbe detto.

C'erano migliaia di donne tra cui Hael poteva scegliere.

Eppure…

Non importa cosa mi dica, ogni volta torno allo stesso sentimento nel mio cuore.

Darren ha ragione.

Solo che non voglio crederci.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Riders of Tyr

Ava è una cacciatrice di taglie solitaria alla ricerca del motociclista più pericoloso della California del Nord. Ma quando le circostanze la costringono a fare squadra con Bjorn, un grintoso e splendido vichingo dei giorni nostri del Riders of Tyr MC, non può combattere il fuoco che scocca tra loro.

Ava si lascerà prendere dal suo spasimante o tornerà per la sua strada da sola?

Età: 18+

Tutt’uno col fuoco

Rimasta orfana da piccola e passata da una casa adottiva all’altra, Adeline ha passato gli ultimi nove anni da sola nascondendo un segreto: è un lupo mannaro. Quando fa una corsa finendo inconsapevolmente nel territorio del branco, viene catturata e presto scopre che trovare i suoi simili non è come sperava che fosse. Quando incontra l’alfa che la trattiene contro la sua volontà, volano scintille. Ma lui potrà vederla come qualcosa di diverso da una semplice lupa senza branco? O lei sarà sempre sua prigioniera?

Età: 18+

Non tutto riguarda te

Dall’autore di “Back Into Darkness”

Da giovane, Maya Hamilton era una festaiola selvaggia che non amava far altro che lasciarsi andare e fare tutto ciò che voleva. Jace Parker era un ragazzo di una confraternita irresponsabile che aveva un debole per le festaiole: erano perfetti l’uno per l’altra. Fino a quando, all’improvviso, lui l’ha scaricata per messaggio. Ora, due anni dopo, si incontrano di nuovo come studentessa e insegnante e Maya sta nascondendo a Jace un segreto compromettente!

Età: 18+

Spogliata dal re

Ogni volta che perdo la mia verginità, è diverso.

A volte è in un palazzo e a volte è nella sporcizia.

A volte sono sopra, a volte la mia faccia è sepolta in un cuscino per attutire le mie urla.

A volte fa un male cane e altre volte è pura estasi.

Ma c’è una cosa che rimane la stessa, qualunque cosa accada.

In ogni vita, tu mi trovi.

E la perdo sempre con te…

Età: 18+

Rischia

Kara è la tipica ragazza dell’ultimo anno di liceo, non è popolare, ma non è nemmeno un’emarginata. Ha un ragazzo, Adam… finché non lo becca mentre la sta tradendo. Ora lei vuole dimenticarsene, ma lui continua a comparire ovunque. Finché, a una festa, lui inizia a diventare violento. Sfortunatamente per lui, è la festa di Jason Kade. Dopo aver fatto il culo ad Adam, Jason mette gli occhi su Kara e non gli piace la parola no. Ora Kara e Jason sono coinvolti in un gioco in stile gatto e topo, ma chi è chi?

Età: 18+

Requiem City

Maddie è una borseggiatrice che si aggira per le strade pericolose e magiche di Requiem City. Quando ruba ai ricchissimi gemelli Dobrzycka, questi la costringono a fare una scelta: sottomissione o distruzione.

Età: 18+

La fine del mondo

Savannah Madis era un’aspirante cantante felice e spumeggiante, questo prima che la sua famiglia morisse in un incidente d’auto. Dopo quel momento, si ritrova in una nuova città, in una nuova scuola e, come se non bastasse, deve avere a che fare con Damon Hanley, il bullo della scuola. Damon è completamente confuso da lei: chi è questa ragazza dalla bocca larga che lo sorprende in continuazione? Non riesce a togliersela dalla testa e, per quanto odi ammetterlo, Savannah prova la stessa cosa per lui! Si fanno sentire vivi a vicenda. Ma sarà abbastanza?

Età: 18+ (Contenuto sessuale, violenza)

Infinity

Il compagno di Lux è tutto ciò a cui Zayla riesce a pensare dal primo giorno in cui ha sentito il suo profumo. Cerca di immaginare il suo aspetto, il suo sapore… ma sa che anche i suoi sogni più selvaggi non gli rendono giustizia.

Dall’alba al tramonto, il compagno di Lux è sempre lì, in agguato nell’ombra, appena fuori portata. Lei non sa nemmeno che specie sia. Tutto ciò che conosce è il suo nome: Soren.

Età: 18+