logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

La principessa dei draghi

11 ANNI PRIMA

Era ancora buio quando papà arrivò nella mia camera da letto. Il sole stava ancora dormendo, insieme a tutti gli uccelli.

Stava andando all’avventura, disse, e pensava che mi sarebbe piaciuto partire con lui.

Naturalmente lo feci.

Saltai dal mio letto. Misi il mio cappotto di pelle di pecora. Era estate, ma le mattine erano ancora fresche…

Età: 18+

 

La principessa dei draghi di C. Swallow è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

SUMMER

11 ANNI PRIMA

Era ancora buio quando papà arrivò nella mia camera da letto. Il sole stava ancora dormendo, insieme a tutti gli uccelli.

Stava andando all'avventura, disse, e pensava che mi sarebbe piaciuto partire con lui.

Naturalmente lo feci.

Saltai dal mio letto. Misi il mio cappotto di pelle di pecora. Era estate, ma le mattine erano ancora fresche.

Presi lo zaino dell'avventura che papà mi aveva regalato per il mio compleanno precedente, quando avevo compiuto sette anni. L'aveva riempito di cose utili di cui avrei avuto bisogno per cacciare le salamandre, costruire fortini e inseguire i Draghi.

Lente d'ingrandimento, fionda, tronchesi per piante e rami sottili, libro per pressarli…

Quando avevo il mio zaino con me, mi sentivo una vera avventuriera. Lo portavo con me ogni volta che lasciavo il castello per cercare i Draghi.

Adoravo i Draghi

“Summer”, mio padre mi disse dolcemente mentre scendevamo la scala principale, per non svegliare nessuno nel castello. Mi teneva la mano.

“La nostra missione è davvero emozionante. Un Drago vagabondo ha mangiato le mucche pregiate del contadino Tivoli e si è addormentato nel suo campo”.

I miei occhi si spalancarono. Un Drago!

Papà mi sollevò nella carrozza che stava aspettando davanti al castello.

“Dobbiamo svegliarla”, disse papà, “e convincerla a non disturbare altri contadini”.

Un Drago donna. Fu il giorno più bello di sempre.

Il nostro viaggio durò a lungo. Il sole iniziava a sorgere e fuori dal finestrino della carrozza, le verdi colline e valli del Regno di Patter erano coperte di rugiada.

Potevo sentire il Drago vicino a me. Sapevo che anche papà poteva, perché mi strinse la mano.

E poi la carrozza si fermò.

Un uomo ci stava aspettando. Si presentò a papà come il contadino Tivoli. Parlarono per un po', ma io non stavo ascoltando.

Ero appoggiata al piolo centrale della staccionata. Fissavo il Drago.

In mezzo al campo nebbioso c'era un Drago viola. Le sue scaglie erano iridescenti e riflettevano il sole, mentre il suo corpo si alzava e si abbassava con il suo respiro. Era grande quanto la carrozza, compresi i due cavalli che la guidavano.

Era bellissima.

Potevo sentirla russare. Agitava la coda, come se stesse facendo un bel sogno.

“Papà!” Chiamai. “Andiamo!”

Lui ridacchiò ma venne e mi sollevò da sotto le braccia, oltre il recinto.

Mi tenne per mano mentre camminavamo nell'erba alta. Le nostre gambe erano bagnate dalla rugiada.

“Allora, amore mio”, disse, “ci avviciniamo sempre ai Draghi dormienti dal davanti. E ci avviciniamo a loro con il rispetto nei nostri cuori. Proprio come i cavalli possono annusare la paura, i Draghi possono annusare il rispetto”.

Ci stavamo avvicinando a lei. Il mio cuore batteva forte.

“Papà, cosa significa 'vagabondo'?”

“Significa che non ha un'orda. Vaga per il mondo da solo”.

Espirai. Eravamo fermi e guardavamo il Drago.

Stava dormendo pacificamente. Ero preoccupata che non le sarebbe piaciuto essere svegliata.

“Indigo”, chiamò papà.

I miei occhi si allargarono. Sapeva il suo nome?

Gli occhi del Drago si aprirono pigramente. Erano verde elettrico. Mi guardò e sentii una scossa in tutto il mio corpo.

Teneva la sua testa massiccia appoggiata sulle sue zampe.

“Non hai più fame”, disse papà. Lasciò cadere la mia mano, camminando lentamente verso di lei.

Il Drago alzò la testa e sbuffò del fumo dal naso.

Papà era ormai vicino e si mise in ginocchio.

“Sono il re di Patter. Mi inginocchio davanti a te”.

Il Drago alzò la testa, guardandolo dal naso.

“E ti chiedo un favore. Per favore, lascia il campo del contadino Tivoli e trova altro cibo al posto delle mucche di Patter”.

Il Drago fece una battuta. Per un momento non si mosse e temetti che potesse decidere di mangiare mio padre, invece delle mucche.

Ma si alzò in piedi. Mentre si muoveva, le sue scaglie sussurravano come seta. Poi aprì le sue ali massicce.

E velocemente, silenziosamente, si lanciò nel cielo.

Le sue ali crearono un vento che mi portò via i capelli dal viso.

La osservai fino a quando non divenne solo un puntino nel cielo. Dove stava andando? Mi chiedevo.

Quando finalmente tornai a guardare papà, era ancora in ginocchio nel campo. Ma aveva girato la testa e mi stava guardando. Stava sorridendo e quando catturò il mio sguardo mi fece l'occhiolino.

GIORNO PRECEDENTE

REGNO DI PATTERN

Tenni la mano di Maddie mentre la conducevo al recinto dei Draghi.

“È vero che i Draghi possono sputare fuoco, Summer?” chiese la mia cuginetta.

“Sì. Sputano fuoco ed è così caldo che può fondere la pietra”.

“Wow”, sospirò.

Guardai la sua testolina, i suoi riccioli rossi che rimbalzavano mentre saltava.

“Eccoci qui”. Mi fermai. “Qui è dove mio fratello tiene i Draghi”.

Mi inginocchiai accanto a lei per poterla guardare negli occhi.

“Stiamo per vedere i Draghi, Maddie. Queste creature sono potenti e pericolose. Non devi avere paura dei Draghi, ma devi rispettarli. E rispettarli significa non toccarli. Mai. Ok?”

Sapevo che avrei dovuto spiegarglielo molto chiaramente. La bambina di sei anni annuì. Non sembrava spaventata.

Guardai il recinto. Era una struttura ostile che una volta era una timoneria. Ross, mio fratello e Re di Patter, l'aveva trasformata in una prigione dove poteva tenere i Draghi catturati dal suo esercito.

Per drogarli, farli morire di fame e addestrarli finché non si sarebbero uniti al suo esercito.

Aprii la grande porta lentamente. Non sarei dovuta essere lì e sicuramente non con Madeline.

Ma la mia cuginetta non smetteva di chiedere, e segretamente speravo che se la piccola Maddie e io avessimo infastidito Ross, lui avrebbe finalmente smesso di rinchiudere i Draghi.

Sbirciai nella fioca stanza cavernosa. Era illuminata solo da alcune torce.

Tre Draghi erano tenuti nelle stalle. Erano sdraiati con pesanti catene intorno a ogni gamba.

Anche nella notte che avanzava, potevo distinguere il sangue nero che si accumulava nella stalla dell'ultimo Drago. Questo Drago era nuovo. Ed enorme. Era chiaramente un maschio.

Le sue scaglie dorate erano bellissime. Il colore sembrava di un altro mondo. Non potevo distogliere lo sguardo da quella creatura.

Improvvisamente, i suoi occhi si aprirono. I suoi occhi dorati si fissarono sui miei e per un momento, il resto del mondo cadde.

Dimenticai di respirare e il mio cuore accelerò. Cosa stava succedendo?

Sentii Maddie tirare il mio vestito.

“Summer, fammi vedere!” Cercò di spingermi da parte.

Colsi l'occasione per rompere lo sguardo del Drago, aprendo di più la porta.

Ma sentii come un impulso, come se il Drago fosse una calamita, e guardai di nuovo. E i nostri occhi si incontrarono ancora.

Mi aveva fatto male vedere il Drago che soffriva così.

“Wow”, sospirò Maddie. “Perché i Draghi sono legati?” sussurrò.

“Perché mio fratello vuole tenerli tutti per sé. Non vuole lasciarli liberi. Non sembra giusto, vero?”

Strinsi la sua manina. “Ho la sensazione che possiamo cambiarlo. Ma adesso è ora di andare a letto”.

“Noooo…” Maddie piagnucolò. Ma la presi in braccio e lasciai che la porta si chiudesse dietro di me. Ero grata di essere fuori dallo sguardo del Drago.

Era stato estremamente intenso e non riuscivo a capire perché.

Lasciai Maddie sul sentiero principale.

“Corri subito al castello, ok, scimmietta? Nell ti metterà a letto. Sarò a casa presto”. Le baciai la fronte e lei iniziò a correre.

Sospirai.

Avevo bisogno di schiarirmi le idee. Era un buon momento per andare nella foresta.

Non appena fui sotto la copertura degli alberi, il mio respiro divenne basso e costante. Trovai il mio ritmo mentre mi muovevo, toccando la corteccia e tenendo le foglie tra le dita.

Come guaritrice, ero più in contatto con il mondo naturale. Stare da sola nella natura non solo rendeva le mie capacità di guarigione più forti, ma sembrava guarire me stessa. Rendeva i miei pensieri più chiari, più calmi.

Mi muovevo facilmente nella foresta, anche se non riuscivo a vedere bene nel buio.

Pensai al Drago d'oro e a Jordan Culling, il bel re che stava a Patter per corteggiarmi.

Strano che io pensi a loro nello stesso momento, pensai, ma lasciai perdere velocemente.

Culling era affascinante e intelligente e mi voleva come sua regina. Lo aveva reso molto chiaro. L'offerta era allettante, ma era troppo presto per saperlo. Avevo appena compiuto diciotto anni.

Feci una pausa e respirai dal naso. Cercai di distinguere l'odore acre del Flagello di Drago.

Ross aveva piazzato innumerevoli trappole nelle foreste intorno a Patter, attirando i Draghi con un'esca. Quando la trappola scattava, venivano colpiti con il Flagello di Drago, un veleno usato per indebolirli o addirittura ucciderli.

Ross aveva già catturato molti Draghi, ma non mi sarei seduta e avrei lasciato che queste creature innocenti fossero prese per nessun motivo, figuriamoci per l'arroganza del mio stupido fratello re.

Quella notte avrei disarmato le sue trappole.

Beh, tutte quelle che potevo.

DANE

Eccola lì.

Aneurin aveva ragione. Era bellissima.

Ed era quella giusta. Potevo sentirne l'odore.

Mi intrufolai nella foresta nella mia forma di Drago. Le mie scaglie erano nere, quasi invisibili nella notte. Mi mossi silenziosamente.

Verso di lei.

ANEURIN
Niente di troppo avventato, fratello.

La voce di Aneurin suonava nella mia testa. Mentre era stato rinchiuso nelle segrete del re, era stato nella mia testa anche più del normale. Soprattutto dopo aver posato gli occhi su quella ragazza.

Aveva ragione.

Era proprio quella che stavamo cercando.

DANE
Ci andrò piano.

La principessa aveva lunghi capelli castani riccioluti. I suoi occhi brillavano anche nell'oscurità e il suo vestito incorniciava perfettamente la sua figura elegante. Strofinò una foglia tra le dita prima di accovacciarsi e mettere le mani sulla terra.

Sembrava che stesse disattivando una delle trappole del re degli stolti.

Interessante.

La guardai mettersi al lavoro, smantellando lentamente e meticolosamente l'aggeggio.

La sua presenza era come un balsamo per me. Placò il costante infuriare della mia mente, la mia naturale repulsione per gli umani stava svanendo.

Mi faceva anche eccitare, ma lo ignoravo.

Volevo mostrarmi a lei, ma non volevo spaventarla.

Un ramoscello si incrinò sotto il mio dito del piede. Lei si voltò nella mia direzione. C'era curiosità nei suoi occhi, che lasciò poi spazio alla paura.

Sapeva cos'ero. Così chiusi la distanza tra noi, muovendomi furtivamente verso di lei sulle mie quattro gambe.

Da vicino, il suo profumo mi fece impazzire.

I suoi occhi erano spalancati e terrorizzati. Non respirava.

Decisi di calmare le sue paure. Il mio corpo si raffreddò mentre mi dissolvevo in una sottile nebbia nera ed entravo nella mia forma umana.

I suoi occhi erano spalancati, ma non proprio dalla paura. Ero nudo, dopotutto.

“Summer”, dissi. “Ho sentito molto parlare di te”. Uscii dall'ombra degli alberi, permettendo alla luce della luna di cadere su di me. La sentii ansimare, il suono mi mandò una scarica di desiderio attraverso.

Oh, quanto sarebbe dolce farla sussultare…

“Il mio nome è Dane”.

Summer fece una pausa per un momento e poi prese a correre nel bosco.

Ridacchiai tra me e me.

“Non mordo, ragazzina”, la chiamai. Sapevo che poteva sentirmi.

Beh, non ancora…

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

SUMMER

Ero seduta davanti allo specchio mentre Nell mi preparava per la festa, ma la mia mente era in un altro luogo.

Era nella foresta, la notte precedente, per essere precisi.

Un momento ero sola e quello dopo c'era un Drago che mi fissava. L'eccitazione e la paura mi scorrevano nelle vene. Lo guardai avvicinarsi a me, la sua forma elegante che grondava bellezza e potere.

Poi, in un turbine di nebbia, si trasformò nell'uomo più bello che avessi mai visto.

Capelli neri, un sorriso diabolico e occhi blu-verdi che scintillavano come stelle nella notte.

Ed era nudo.

Mi sentii arrossire mentre ricordavo il suo corpo perfettamente cesellato, la scultura dei suoi addominali mentre i miei occhi vagavano sotto la sua vita…

Sapeva il mio nome e mi disse il suo.

Dane…

Fui riportata al presente mentre Nell passava il pettine attraverso un nodo particolarmente ostinato nei miei capelli. Era stata la mia assistente principale da quando eravamo ragazze e conosceva le mie lunghe ciocche meglio di chiunque altro. In molti modi, conosceva me meglio di chiunque altro.

“Devi davvero prenderti più cura di te stessa”. Nell mi guardò accigliata nello specchio. “Sei una principessa, dopotutto”.

“Mhm”, borbottai senza impegno. Non mi piaceva lo splendore dei balli. I nobili, gli aristocratici, tutti stucchevoli e desiderosi di attenzione. Preferirei la solitudine della natura a qualsiasi festa. Specialmente la Festa della Luna Piena.

Soprattutto perché mamma e papà non c'erano…

“Allora?” Mi chiese Nell. Il suo tono cambiò e vidi il sorriso cospiratorio sul suo volto. Aggrottò le sopracciglia verso di me. “A che punto sei con il re?”

“Nell!” La ammonii, sentendomi arrossire.

Jordan Culling era un re in visita dal vicino Regno di Marbledon. Era uno dei tanti pretendenti che cercavano la mia mano in matrimonio.

Ma a differenza degli altri, lui era…

“Cosa?” chiese innocentemente. “È bello, intelligente e così affascinante. Per non parlare del fatto che è un re…“. Sospirò. “Non ti biasimerei se fossi stata… nervosa“.

Risi, scuotendo la testa verso di lei. “Anche se tu non mi biasimeresti, tutti gli altri lo farebbero. Ci si aspetta che io mantenga la mia virtù fino al matrimonio, essendo una principessa e tutto il resto”.

“Ah, gli orpelli della regalità. Se solo tu fossi una contadina come me, allora saresti libera di fare la scema fino a quando vuoi”.

“Oh, dacci un taglio, va bene?” La derisi. Tuttavia, non potevo dire di non averci mai pensato. Jordan Culling era molto bello e il modo in cui mi guardava con quei suoi occhi penetranti…

Il volto di Dane mi balenò nella mente, immerso nella luce della luna.

Sbattei le palpebre, scuotendo la testa per schiarirmi la mente.

Perché non riesco a togliermelo dalla testa?

Nell finì con i miei capelli, facendomi cenno di alzarmi in modo che potesse lisciare le increspature del mio vestito. Mi sentivo intrappolata in questa cosa, la vita che abbracciava la mia pelle in maniera troppo stretta per essere confortevole.

“Sei…”

“Ridicola?” Finii.

“Bellissima”, corresse Nell, sorridendo. “Re Culling non sarà in grado di toglierti gli occhi di dosso”.

Le sgranai gli occhi, ma le sue parole mi avevano mandato un brivido di eccitazione. Mi chiedevo cosa avrebbe pensato lui.

“Beh, cosa stai aspettando, principessa?” Chiese Nell, accompagnandomi verso la porta. “La Festa della Luna Piena ti aspetta”.

***

Scesi la grande scala del castello per trovare Culling che mi aspettava in fondo. Mi fermai davanti a lui, il suo sguardo lasciò una scia di pelle d'oca lungo la mia pelle.

“Sei splendida”. Mi sorrise mentre mi offriva il suo braccio.

Lo presi, offrendo un mio sorriso.

Era vestito in abiti militari formali, un elegante mantello blu notte appuntato con un alloro d'oro sulla spalla. Il Re Guerriero, Jordan Culling, che cavalcava un Drago in battaglia. I suoi capelli scuri erano pettinati all'indietro e le sue spalle larghe erano inclinate con sicurezza.

“Anche tu stai bene”, dissi.

L'eufemismo dell'anno.

Rise, mostrandomi una fila di denti perfetti.

“Saremo una bella coppia allora, vero?” Mi condusse verso il cortile principale dove la festa avrebbe avuto luogo, sotto la luce della luna piena.

Lanterne dolcemente incandescenti immergevano lo spazio in una luce delicata, il profumo del cibo ricco e dei dolci si mescolava nell'aria con i suoni della musica e delle risate.

Sembrava che tutto il Regno di Patter fosse tra queste mura.

Persone di tutti i ceti sociali si mescolavano e ridevano, dalla gente semplice e onesta che lavorava nei campi all'aristocrazia nobile dei regni vicini. La Festa della Luna Piena era una celebrazione della vita, di un altro ciclo vissuto sulla terra spogliato di cose come il rango o la posizione.

Era stata la festa preferita di mamma e papà.

I miei genitori erano stati gentili nel loro governo. L'amato re e la regina di Patter. Il re che lavorava accanto ai contadini nei campi, la regina che faceva da levatrice a molti dei contadini.

La loro sconfinata compassione non era limitata ai nostri confini. Spesso inviavano rifornimenti e aiuti alle città vicine. Non avevano mai respinto i rifugiati disperati dalle terre devastate dalla guerra e dalla carestia.

La Festa della Luna Piena era la loro perfetta rappresentazione.

Ma erano morti nel sonno proprio l'anno precedente.

L'intero regno era in lutto per loro. Il popolo gridò al regicidio, ma non trovammo alcuna prova di omicidio. Solo un crudele scherzo del destino, anime brillanti perse troppo presto.

Ed erano ancora così giovani…

Questa festa sarebbe stata la prima senza il suo re e la sua regina, e la gente di Patter era determinata a divertirsi in loro onore.

Io non ero così entusiasta.

“Summer, Summer!”

Abbassai lo sguardo e trovai Maddie che mi fissava, con un sorriso sul volto. Era adorabile nel suo vestito bianco, con una corona di fiori di campo tra i capelli.

“Questa festa è così noiosa”, disse con un broncio. “Mi porterai di nuovo a vedere i Draghi?”

“Shh!” Andai nel panico, guardandomi intorno e osservando le guardie. Nessuna di loro sembrava aver sentito. Culling, tuttavia, mi guardò con un sopracciglio alzato. Mi chinai in modo da essere faccia a faccia con la mia cuginetta.

“Doveva essere un segreto, ricordi?”

“Lo so, ma voglio davvero vederli di nuovo. Siamo rimaste a malapena l'ultima volta!”

Culling si chinò accanto a me in modo da essere faccia a faccia anche con Maddie. Era così vicino e l'odore della sua colonia mi faceva venire voglia di avvicinarmi di più…

“Che ne dici se ti comporti bene e ti porto a vedere il mio Drago più tardi?” Le chiese Culling.

“Hai un Drago?” Gli occhi di Maddie brillarono.

“Ce l'ho”. Culling annuì. “E se sei molto brava, ti permetterò anche di accarezzarlo”.

Maddie sussultò, le mani le coprirono la bocca.

“Oh, ti prego, ti prego, ti prego!” Rimbalzava su e giù per l'eccitazione.

Culling rise, mettendole una mano sulla testa. Le fece un occhiolino.

“Beh, vai via ora. Verrò a cercarti più tardi”.

Maddie annuì con entusiasmo, sparandomi un ultimo sorriso prima di dirigersi verso il tavolo dei dolci.

Diedi una sbirciatina a Culling con la coda dell'occhio. Guardò Maddie andare via, con un piccolo sorriso sulle labbra.

Quindi, è bravo anche con i bambini…

Girò il suo sguardo verso di me improvvisamente e il mio cuore saltò un battito. Distolsi lo sguardo, ma era troppo tardi.

Mi aveva decisamente catturata.

Si alzò, offrendomi la sua mano e un sorriso brillante.

“Andiamo?”

Sospirai, prendendo la sua mano.

Forse i festival non erano così male, dopotutto.

CULLING

Quindi si era intrufolata nei recinti del Drago. Un'altra simpatizzante dei Draghi.

Avrei sistemato la cosa.

La principessa Summer era bellissima. I suoi lunghi capelli castani cadevano in onde sulle spalle, i suoi occhi luminosi e intelligenti brillavano con il bagliore delle lanterne. Era anche ferocemente indipendente e con una lingua tagliente accompagnata da un'arguzia veloce.

Avevo imparato che non aveva paura di dire quello che pensava, non importava la compagnia o le conseguenze.

Ma potevo rimediare anche a questo.

Presto sarebbe stata la portatrice dei miei figli e sarebbe dovuta essere più docile.

La guardai mentre disapprovava suo fratello. Re Ross sedeva al suo tavolo, una ragazza appollaiata su ogni gamba e un calice stretto in ogni mano. Rideva rumorosamente, le donne gli davano da mangiare formaggio e carne. Era ancora giovane, appena un uomo. Appena sedici anni.

Sarebbe potuto rivelarsi un utile alleato.

Impressionabile. Facile da manipolare.

“Stai attento, Ross”, sibilò Summer. “Sei il nostro re. Comportati come tale”.

“E come re…” Ross biascicò, rovesciando un po' del suo vino sulle ginocchia di una delle ragazze accanto a lui. Lei continuò a sorridere, facendo finta di non notarlo. Poverina. “Posso fare quello che voglio”.

“Se mamma e papà potessero vederti ora…” Iniziò Summer.

“Lascia che si diverta un po'”, interruppi. “Essere re è stressante, dopotutto. A cosa serve una festa se non ce la si può godere?”

Ross mi sorrise, alzando uno dei suoi calici e rovesciando ancora una volta del vino.

Sorrisi di rimando.

Buffone.

“Non c'è motivo per cui non possa essere un po' più civile”, mormorò Summer.

Guardai George Wilkins avvicinarsi a noi, sopprimendo un sospiro. Mi avvicinai per sussurrare all'orecchio di Summer, in modo che solo lei potesse sentire.

“Attenta, principessa. Un altro pretendente si avvicina. Devo andare a prendere il mio Drago così possiamo essere portati via?”

Rise e sentii la sua mano stringere il mio braccio.

“Ti farò sapere”, sussurrò, i suoi occhi scintillanti di malizia.

Hm.

Anche lei aveva un talento per i guai, chiaramente.

Avrei sistemato anche quello.

SUMMER

Stampai un sorriso sulla mia faccia quando il Maestro dei Draghi di mio fratello si avvicinò a me. George Wilkins era un uomo orribile. I suoi modi brutali di rompere i Draghi consistevano nella violenza e nella fame.

Ricordai il sangue nero che si accumulava sul pavimento nei recinti dei Draghi e la bile mi salì in gola.

Peggio ancora, l'uomo sembrava avere un debole per me.

“Principessa Summer”, si inchinò.

“Wilkins”.

“Come stai trovando la Festa della Luna Piena di quest'anno?” chiese.

“Non male”.

Lui annuì, imperturbato dalla mia imprecisione. Rimanemmo in silenzio per un po', l'imbarazzo affondava nelle mie ossa.

Cogli l'allusione.

Guardai Culling e lui sembrava trattenere un sorriso.

Aiutami, implorai con gli occhi.

Lui mi rispose con un occhiolino.

“Allora, dimmi, George”, iniziò Culling, “come vanno le imbracature che stai sviluppando?”

“Imbracature?” Aggrottai la fronte.

“Ah, sì, le imbracature”. Il volto di George si illuminò. Odiavo come quest'uomo potesse eccitarsi così tanto per la crudeltà verso altre creature. Mi faceva star male. “Ho fatto un passo avanti. Sono complete”.

“Oh? Dimmi di più”, disse Culling. Lo guardai e lui aveva un'aria di autocompiacimento.

Cosa stava facendo?

“Attraverso le mie ricerche, ho scoperto che i Draghi hanno un certo punto nelle loro ali che è incredibilmente ricettivo al dolore. Attaccando la punta delle imbracature a quel punto, un cavaliere può controllarlo senza sforzo. Solo un leggero strattone può mettere in riga anche il più potente dei Draghi”.

“Ricerche?” Balbettai. Non potevo credere a quello che stavo sentendo. “Vuoi dire torture. Come puoi fare questo ai Draghi?”

“Sono animali, principessa”. George mi guardò come se fossi io la pazza. “Pensa a loro come bestie da soma. Come un bue. O un cavallo”.

“Non saresti così crudele con un cavallo”, tuonai.

“Questo perché i cavalli sono docili”, disse Wilkins. “Questo perché i cavalli non sono capaci di tagliare a metà un uomo corazzato o di fondere le mura di un castello. Possiamo permetterci di essere… gentili… con loro solo quando sono addomesticati”.

“I Draghi non hanno bisogno di essere addomesticati”. Mi allontanai da Culling per trovarmi faccia a faccia con Wilkins. Sentii le mie mani trasformarsi in pugni. “I Draghi hanno bisogno di essere rispettati. Hanno bisogno di fare amicizia, non di essere rinchiusi e abusati per la nostra convenienza”.

“Oh, principessa”. Wilkins ridacchiò. “Non mi aspetto che tu capisca. Sei solo una donna, dopotutto. Lascia queste cose ai…”

Non riuscì mai a finire la sua frase.

La mia mano volò sulla sua faccia, il suono dello schiaffo riecheggiò nell'aria della notte.

Tutti i vicini si fermarono a guardare. Wilkins mi fissò, troppo scioccato per essere arrabbiato. Almeno per il momento.

Fumai di rabbia in silenzio, la mia mano bruciava per lo schiaffo.

Come osa?

Con la coda dell'occhio, vidi le guardie iniziare ad avvicinarsi, pronte a scatenare un putiferio. Ross ridacchiò, quasi soffocando con un blocco di formaggio, che lavò con un calice di vino.

Il volto di Culling era impassibile, illeggibile.

E vidi un altro uomo che si distingueva dal resto della folla.

Era vestito in sete semplici ma eleganti, nere come la pece. Era alto e bello con capelli neri a caschetto, un sorriso diabolico e occhi blu-verdi che scintillavano come le stelle nella notte.

E stava fissando proprio me.

Mi bloccai, il mio cuore cercava di uscire dalla mia gola.

Dane.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

L’ultima speranza

Lake aveva un piano perfetto. Trovare il suo compagno, sistemarsi e costruire una famiglia. Ma quando il suo compagno la rifiuta per un’altra, il piano di Lake va in frantumi… E così il suo cuore.

Può mantenere la fede che la Dea abbia qualcos’altro in serbo per lei? Potrebbe essere anche meglio di quello che aveva pianificato.

Età: 16+

Requiem City

Maddie è una borseggiatrice che si aggira per le strade pericolose e magiche di Requiem City. Quando ruba ai ricchissimi gemelli Dobrzycka, questi la costringono a fare una scelta: sottomissione o distruzione.

Età: 18+

La schiava dei draghi

Viaggia indietro nel tempo per questa reinterpretazione medievale di Requiem City! Madeline ha servito i potenti draghi mutaforma dell’Orda di Requiem fin da quando era giovane. Al suo diciottesimo compleanno, Hael, il Signore dei Draghi in persona, posa i suoi occhi verde smeraldo su Madeline. Ha dei piani più grandi per lei. Madeline sarà la schiava sessuale servile che Hael richiede? O questo dominatore ultra-sexy ha finalmente incontrato una degna avversaria?

Età 18+

Trovata

Hazel Porter è perfettamente felice con il suo lavoro in libreria e con il suo accogliente appartamento. Ma quando un incontro spaventoso la getta tra le braccia di Seth King, si rende conto che c’è di più nella vita, molto di più! Viene rapidamente spinta in un mondo di esseri soprannaturali che non sapeva esistessero e Seth ne è proprio al centro: un feroce, forte, splendido alfa che non vuole altro che amarla e proteggerla. Ma Hazel è umana. Può davvero funzionare?

Età: 18+

I guerrieri di Torian

La terra è sotto attacco per mano di una mostruosa razza aliena che non brama altro che distruzione. Lilly e le sue sorelle più piccole vengono catturate e rischiano di morire… ma improvvisamente il meraviglioso re guerriero Bor giunge da un altro pianeta e le salva. La sua missione è quella di proteggere tutti gli umani, ma, ora che l’ha conosciuta, ha occhi solo per Lilly. Riuscirà a mantenere il suo impegno insieme al suo amore o dovrà sacrificare tutto per lei?

Età: 18+

Menti perverse

Elaina Duval ha vissuto una vita perfettamente felice e normale con sua madre, fino al giorno in cui ha compiuto diciotto anni. Il giorno del suo compleanno scopre di essere stata promessa al crudele e senza cuore Valentino Acerbi, destinato a diventare capo della mafia italiana. Senza scelta o voce in capitolo, viene trascinata nel suo mondo contorto e costretta a sopportare cose che nessun essere umano dovrebbe sopportare… Ma se la cosa iniziasse a piacerle?

Età: 18+ (Attenzione ai contenuti: Violenza, Abuso sessuale, Stupro, Traffico di esseri umani)

Fata Madrina Inc.

Tutti sognano di avere una fata madrina, no? Be’, Viola scopre di averne una, deve solo firmare sulla linea tratteggiata e tutti i suoi sogni diventeranno realtà! Cosa potrebbe andare storto? Forse solo il fatto che deve partecipare a un gioco pericoloso contro altre donne per vincere il cuore del meraviglioso principe? Che la sfida abbia inizio!

Età: 18+

Aurora e l’Alfa

Alfa Everett del Branco del sangue ombra non ha idea di come sia finito con un’umana come compagna, ma eccola qui, la diciottenne e goffa Rory.

Adottata da una lupa Omega, Rory ha vissuto la maggior parte della sua vita nel Branco della luna rossa, ma non può tornare indietro dopo che i capi del branco hanno cercato di ucciderla. Sembra che lei e il protettivo Alfa debbano stare insieme.

Può nascere l’amore tra loro? E se così fosse, sarà abbastanza forte da resistere ai molti segreti di Rory?

Età: 18+