logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Ogni volta che perdo la mia verginità, è diverso.

A volte è in un palazzo e a volte è nella sporcizia.

A volte sono sopra, a volte la mia faccia è sepolta in un cuscino per attutire le mie urla.

A volte fa un male cane e altre volte è pura estasi.

Ma c’è una cosa che rimane la stessa, qualunque cosa accada.

In ogni vita, tu mi trovi.

E la perdo sempre con te…

Età: 18+

 

Spogliata dal re di JMFELIC è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Ogni volta che perdo la mia verginità, è diverso.

A volte è in un palazzo e a volte è nella sporcizia.

A volte sono sopra, a volte la mia faccia è sepolta in un cuscino per attutire le mie urla.

A volte fa un male cane e altre volte è pura estasi.

Ma c'è una cosa che rimane la stessa, qualunque cosa accada.

In ogni vita, tu mi trovi.

Io cedo sempre.

Quindi non farmi aspettare troppo a lungo, amore mio…

NICOLETTE

Quando ero giovane, mio padre mi diceva sempre che la migliore professione del pianeta era fare l'archeologo.

Ogni volta che tornava a casa da una delle sue spedizioni, portava sempre con sé un pezzo della sua scoperta.

Puoi solo immaginare quanto fosse meravigliosa la nostra casa con tutte quelle antiche reliquie.

Questo è probabilmente il motivo per cui sono diventata io stessa un'archeologa, anche se mi sono laureata in Educazione.

Diceva che il lavoro poteva comportare lunghe ore di scavi, sporcarsi e bruciarsi al sole, ma il risultato finale valeva tutta la fatica.

Avremmo scoperto un nuovo mondo, una nuova vita o un nuovo oggetto di cui nessuno aveva mai saputo dell'esistenza.

Diceva anche che c'era una possibilità su un milione che potessimo trovarci in due posti allo stesso tempo.

Naturalmente, anche se ero piccola allora, non credevo a ogni sua parola. Voglio dire, come sarebbe potuto accadere?

I teletrasporti e le esperienze fuori dal corpo erano solo un parto dell'immaginazione umana.

Giusto?

All'epoca non sapevo che li avrei vissuti in modo letterale.

Tipo, seriamente. In un modo letterale, straziante e stomachevole.

***

Tutto iniziò quando portai a casa mia un antico specchio dal mio ultimo scavo.

Lo specchio alto due metri sembrava molto vecchio, ma non così prezioso.

Per cominciare, la cornice non era dorata. Non era nemmeno adornato con rubini o diamanti. Era semplicemente… semplice, con piccoli fiori ed eleganti curve scolpite sui lati.

Forse è quella la ragione per cui il Dipartimento Doganale di Malta mi aveva permesso di portarlo a casa.

L'avevo trascinato da Malta fino al mio appartamento al dodicesimo piano dell'Hedonia Apartment and Suites, nel cuore di New York.

Lo specchio sembrava poco importante, tipo spazzatura. Ma decisi di tenerlo.

Perché?

Onestamente, non lo so.

Mi sentivo legata a quello specchio.

Una sensazione che non potevo descrivere.

Inoltre, si adattava perfettamente alla mia camera da letto a tema greco.

La prima notte dopo aver appeso lo specchio è stata… infestata.

Hai mai provato quella sensazione come se qualcosa o qualcuno ti stesse guardando mentre ti addormenti?

Questo è sicuramente quello che provai. Ma non ci pensai troppo.

Avevo sperimentato cose inspiegabili che accadevano intorno a me fin da quando ero piccola.

Mi ero abituata a strani flash di ricordi vaghi e poco chiari. Ero cresciuta con loro. E non volevo lasciare che rovinassero la mia vita quotidiana.

Ma al quarto giorno di convivenza con lo specchio, non potevo più ignorarlo. C'era un'attrazione magnetica, come se volesse che toccassi la sua superficie liscia.

E lo feci.

Improvvisamente, persi l'equilibrio e caddi di faccia nel mio riflesso.

Mi ricordo poi soltanto di essermi ritrovata sdraiata sull'erba con un mal di testa pulsante… il mio stomaco si contorceva, mi veniva da vomitare.

Che cosa…

Era notte, quindi non potevo distinguere molto chiaramente ciò che mi circondava.

Ma con la coda dell'occhio, vidi due sagome umane…

Credo.

Sembravano minacciosi, indossavano un'armatura dalla forma strana e impugnavano spesse lame ricurve. E i loro occhi erano fissi su di me.

In quel momento capii di essere fottuta alla grande.

LUCIEN

Ho pensieri sporchi. Ho comportamenti osceni.

Toc.

Toc.

Toc.

Sentii tre colpi sulla mia porta robusta.

Una gradita interruzione dalla mia situazione attuale. Una bionda dai capelli ricci e dai seni impressionanti mi stava dando piacere già da mezz'ora e io…

Non riuscivo.

A.

Venire.

Dannazione.

Non è come sembra. Mi piacciono le mie amanti, tutte e quindici.

Oppure venti?

Diavolo, non lo so nemmeno, il mio Consiglio le ha riunite, non io.

Ma nessuna è stata in grado di soddisfarmi.

I suoi gemiti risuonavano troppo forte nelle mie orecchie. Continuava a fare questo suono simile a un asino mentre dondolava i fianchi su e giù sulla mia cazzo di asta.

Era fastidioso. Molto fastidioso.

Quindi fui più che felice di sentire qualcuno bussare alla mia porta.

“Esci”, ordinai alla donna bruscamente.

“Oh nooo”, gridò quando mi sedetti e la spinsi di lato.

Sollevò le gambe in aria, dandomi una buona visione della sua patata bagnata. Distolsi lo sguardo.

“Ho detto FUORI… ORA”.

“Ma, Vostra Altezza…” Mi supplicò con gli occhi e poi tornò a strisciare sopra di me. “Sono ancora bagnata…”

“Allora vai a darti piacere!” Urlai, guardandola male.

Si sgonfiò all'istante. Poi con una smorfia lasciò l'ottomana e raccolse i suoi vestiti dal pavimento.

Aprì l'ampia porta e uscì, andando a sbattere contro un Sir Guillard molto sorpreso. Vidi i suoi occhi vagare verso le sue natiche esposte mentre lei si allontanava.

“Un'altra, Sire?” mi chiese. “Resterete presto a corto di concubine se non darete loro l'amore che meritano”.

“Pff”. Mi sentii male per le sue parole. “Cosa vuoi ora, Guillard?”

“Un momento del vostro tempo, Vostra Altezza”, rispose, facendo del suo meglio per non guardare il mio pene ancora eretto, che non mi ero nemmeno preoccupato di coprire.

“Due soldati di pattuglia lungo la Foresta Proibita hanno arrestato una donna. Stanno aspettando nella sala del trono per una vostra decisione”.

“Non annoiarmi con una cosa del genere,”, mi lamentai mentre mi alzavo e mi tiravo su i pantaloni. “Scoprilo da solo”.

Presi la mia giacca militare di pelle dalla testiera del letto e la indossai, coprendo i muscoli tesi del mio petto.

Guillard chinò la testa e fece un suono burbero. “Con tutto il rispetto, Sire, non posso, perché non capisco la lingua della donna. Sembra… straniera, a giudicare dai suoi vestiti”.

Ho inarcato un sopracciglio. “Straniera?”

Questo stimolò la mia curiosità.

Immagini di un mondo lontano mi sono balenate nella mente.

No, non può essere…

Ma dovrò accertarmene di persona.

“Portami da lei”, ordinai.

NICOLETTE

“COSA HO FATTO DI MALE?!” Urlai a squarciagola ai due uomini terrificanti che torreggiavano sopra di me.

Normalmente, in quella situazione, una persona avrebbe pianto.

Io non lo stavo facendo. Non ancora.

Ma potevo sentire che la mia voce stava diventando roca a forza di agitarsi e gridare ai miei rapitori.

Cercai di venire a patti con la mia folle situazione.

Per prima cosa, lo specchio antico che avevo portato con me da Malta aveva chiaramente qualche tipo di potere magico.

Sapevo tutto di oggetti egiziani maledetti, bambole voodoo e oggetti incantati dalla stregoneria, ma quello…

Quello era diverso da qualsiasi cosa avessi mai visto.

Come poteva una donna perfettamente normale, in piedi nel suo appartamento perfettamente normale, essere improvvisamente trasportata in un luogo sconosciuto con il solo tocco di uno specchio?

Pensavo che cose del genere accadessero solo nei film!

In secondo luogo, ero stata trasportata in un luogo che contraddiceva totalmente la mia conoscenza della scienza e della storia.

Quando mi avevano catturato, i miei rapitori mi avevano legata alla schiena di un animale che sembrava un incrocio tra un elefante e un gorilla. E mentre cavalcavo su quella creatura sorprendentemente mansueta, ero in grado di esaminare ciò che mi circondava.

Il sentiero che avevamo percorso era buio perché il cielo mancava di stelle e non c'era luna visibile. L'atmosfera era pesante e il posto puzzava di zolfo e spazzatura in decomposizione.

Ma dopo pochi minuti di guida, tutto iniziò a cambiare.

L'odore terribile si dissipò e l'aria diventò più leggera. Lo sporco sotto di me sembrava quello della Terra, ma l'acqua e il cielo erano un'altra storia.

Passammo oltre un lago e notai che l'acqua aveva un aspetto argenteo e luminoso. Il cielo era riempito da quella che sembrava l'Aurora Boreale, ma meglio di qualsiasi cosa si potesse vedere ai poli nord e sud della Terra.

Le piante erano verdi, come sulla Terra, ma avrei giurato che avessero anche una sfumatura argentea. Era davvero insolito.

Voglio dire, sono un archeologo. Studio il passato e, finora nella mia vasta ricerca, non ho letto di nessun posto come quello.

E poi, c'era la lingua che i miei rapitori parlavano con me.

Non riuscivo a capire nemmeno una parola di quello che mi stavano dicendo e chiaramente non capivano l'inglese.

“Lasciatemi andare!” Ho urlato ai miei rapitori ancora e ancora e ancora.

Uno di loro mosse improvvisamente la testa verso di me. “Duskime!” disse.

Sì.

Non so niente quanto te.

“Di che diavolo stai parlando?!” Strinsi i denti. “Non posso… non posso restare qui!”

La creatura che stavo cavalcando si fermò di fronte a un enorme palazzo e in un istante i miei rapitori mi afferrarono e mi tirarono dentro.

Mi guardai intorno in soggezione per l'alto tetto ad arco, i pilastri spessi, le finestre di vetro colorato, le pareti a specchio e gli enormi lampadari.

Infine, i miei occhi si posarono su un elaborato trono, in alto di fronte a me, probabilmente sul quale il loro re si sedeva.

Gli uomini mi gettarono sul pavimento di marmo e poi rimasero sull'attenti, fissando il trono.

Ahi.

Stavano chiaramente aspettando che il loro re decidesse il mio destino.

“Lasciatemi andare a casa!” Gridai di nuovo.

“Duskime!”

Ormai potevo dedurre che la parola significasse qualcosa del tipo 'chiudi il becco'.

Fu allora che sentii il suono dei passi che risuonavano nella grande sala.

Vidi la sagoma di un uomo, alto con lunghi capelli neri, che distolse rapidamente lo sguardo.

È lui?

Il re in persona?

La mia unica speranza di pietà o di morte certa?

Ma non assomigliava a nessun re che avessi mai visto. E non prese posto sul trono come mi aspettavo.

Invece, quando mi vide, camminò dritto verso di me con un passo veloce e frenetico.

Alzai il mio sguardo verso di lui.

Quando i nostri occhi si incontrarono, il suo viso fu illuminato da uno sguardo di angoscia. O di sollievo? O di furia? O desiderio?

Non riuscivo a capire la sua espressione, ma in fondo al mio stomaco sentivo che una cosa era certa…

Sì.

Sono decisamente fottuta alla grande.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

NICOLETTE

Mi ricordo poi solo che la mano del bel re apparve dal nulla e afferrò una manciata di miei capelli, tirandomi la testa verso l'alto.

“Ahhh!” Gridai, il dolore mi attraversò il cuoio capelluto.

Le mie mani afferrarono immediatamente il suo braccio, ma ogni volta che lo tiravo giù, la sua presa sui miei capelli aumentava. La sua mano libera mi strinse la mascella, inclinandomi la testa verso la luce.

Mi stava esaminando.

Stavo per gridare aiuto quando il suo viso si spostò e potei vedere la profondità dei suoi occhi impressionanti. Iridi pallide e viola che avevano schegge d'oro al loro interno.

Erano ipnotizzanti… diversi da qualsiasi altro occhio che avessi visto sulla Terra.

“Mi stai… facendo male!” Sussultai quando le sue mani afferrarono la mia mascella.

Il suo volto stoico era quasi illeggibile, ma vidi i suoi pensieri correre, come se stesse cercando di capire chi fossi.

Improvvisamente, mi lasciò e caddi a terra, respirando a fatica.

“Suteca…”, sussurrò.

Con la coda dell'occhio, lo vidi inginocchiarsi, raggiungendomi a terra. Cercò di prendermi il gomito destro, teneramente questa volta, ma non gliene diedi la possibilità.

Mi rimisi in piedi e scappai dalla stanza, correndo più veloce che potevo.

Il mio cuore batteva forte.

Era una situazione “O la va o la spacca”.

Il mio obiettivo era la doppia porta ad arco alla fine del corridoio e se la fortuna fosse stata dalla mia parte, avrei potuto non incontrare nessun soldato fuori.

Sarei potuta scappare dritto davanti a me, ovunque i miei piedi potessero portarmi, ovunque fossi stata sana e salva.

“Melata duskem!” Sentii l'uomo urlare, con voce rimbombante.

Sentii il suono del metallo pesante sferragliare dietro di me mentre i soldati mi inseguivano.

Spinsi le porte per aprirle e mi trovai a correre in un cortile vuoto. La mia mente correva, cercando di pensare a come fuggire da quel strano posto.

Superai una grande fontana che sprizzava acqua argentata e corsi vicino a dozzine di grandi statue.

“Torna qui!” Sembravano urlare a gran voce i soldati dietro di me. Una dozzina di uomini con pesanti armature d'argento mi stavano inseguendo con le loro spade scintillanti sguainate.

Anche il taekwondo che avevo fatto al college non mi avrebbe aiutato contro quelle lame.

Ma quando sentii un forte ruggito provenire da uno dei tetti più alti, capii che quelle spade erano l'ultima delle mie preoccupazioni.

Mi voltai rapidamente in direzione di quel rumore e la mia bocca si spalancò non appena vidi un oggetto scintillante nel cielo.

C'era solo una parola che mi venne in mente quando lo vidi.

Mostro.

Scaglie argentee dorate coprivano il suo corpo muscoloso e giganteschi artigli affilati brillavano alla luce della luna.

La sua lunga coda sembrava quella di uno scorpione, con un grande pungiglione mortale alla fine.

Le sue ali dorate, tutte e sei, lo tenevano sospeso con grazia sopra di me.

Infine, aveva una testa che aveva la forma di un leone orgoglioso, una criniera marrone-dorata intorno al collo, ma con quattro corna che sporgevano dal cranio.

Era la creatura più terrificante e allo stesso tempo più bella che avessi mai visto in vita mia.

E per peggiorare ancora le cose, stava fissando davvero me.

Il mio cuore batteva all'impazzata e voltai in un vicolo buio per sfuggire sia ai soldati che alla creatura.

Fu allora che sentii un altro ruggito.

Questa volta, più arrabbiato.

Alzai lo sguardo per vedere la creatura che si abbatteva su di me.

Mentre lo faceva, la sua testa di leone si trasformò.

Una testa di drago, nera come la notte, mostrò i suoi denti e scattò nella mia direzione, guardandomi con occhi rosso fuoco.

La terra tremava mentre si schiantava sui tetti sopra di me, piovevano tegole.

Il cuore sembrava esplodermi nel petto, ma continuai a correre e correre.

Cercai disperatamente una porta aperta. Trovai la più vicina e ci corsi attraverso, sperando per il meglio.

Ma quella speranza scomparve troppo presto quando ho trovato una lama puntata direttamente alla mia gola.

Lo stesso uomo di prima torreggiava su di me, i suoi capelli neri brillavano alla luce. La sua improvvisa apparizione era impossibile.

Come diavolo ha fatto ad arrivare qui così velocemente?

“Chi sei?” chiese con una voce profonda e autoritaria.

Sorprendentemente, questa volta parlò in inglese. Mi stupii sentire la mia lingua in questo strano mondo, ma in quel momento avevo preoccupazioni più grandi.

“Per favore, non farmi del male”, dissi, tra un respiro tremante e l'altro. “Ho solo bisogno di un posto dove nascondermi!”

Sentivo i ruggiti della bestia fuori, ma la notte era piena di silenzio. La creatura che cercava di attaccarmi deve aver avvertito l'uomo su dove mi trovassi, per poi volare via.

Il pericolo non era finito, comunque.

Potevo sentire i passi dei soldati che si avvicinavano all'esterno.

L'uomo strinse la mascella e fece un passo avanti, premendo la punta della sottile spada a pochi millimetri dalla mia gola.

“Per favore!” Ansimai. “Per favore!”

Per la prima volta da quando ero stata gettata in questo strano mondo, sentii le lacrime uscire dai miei occhi.

Non c'era modo di sfuggire a quella follia. Mi sentivo completamente senza speranza.

Ad un tratto alzò la sua spada.

Ma invece di tagliarmi la gola, mi spinse dietro alcuni barili impilati nelle vicinanze, proprio quando apparsero i soldati.

Su Anti!” Sentii due soldati gridare insieme, sorpresi. Mi appiattii contro i barili, cercando di trattenere il respiro.

Vrara ek sra amimke?” disse l'uomo freddamente. Notai la sua alta corporatura spostarsi di lato, probabilmente per nascondermi ancora di più.

Ami slina hassavemb omik, Su Anti!

L'uomo ridacchiò.

Duskime,” disse, e poi alzò la sua spada nella loro direzione.

Il soldato sussultò e la mia immaginazione mi disse che la lama dell'uomo era premuta contro la gola del soldato, proprio come aveva fatto con me prima.

Somme mir amimke, jehk!” comandò l'uomo.

Ai, Su Anti!“.

Un attimo dopo, sentivo gli stivali dei soldati appena appena nelle mie orecchie. Feci un respiro profondo.

Potevo ancora sentire il mio cuore battere, ma il fatto che questo straniero mi avesse salvata mi fece sentire un po' a mio agio.

“Ehm… grazie”, dissi mentre mi allontanavo dai barili, guardando il cielo solo per assicurarmi che la creatura volante non fosse ancora lì.

Fortunatamente, non lo era.

“Chi sei tu, donna?” disse, rimettendo la spada nel fodero.

“Dovrei chiederlo a te”, osservai. “E come fai a conoscere la mia lingua?”

Fece un passo avanti. “Hai cinque secondi per spiegare la tua presenza in questo castello o altrimenti io…”

Non rimasi a sentire cosa mi avrebbe fatto.

In base al modo in cui aveva trattato quei soldati, sapevo solo due cose su quest'uomo.

È potente ed è pericoloso.

Scappai fuori, lontano da lui di nuovo, senza sapere dove stessi andando nel buio.

Improvvisamente notai il luccichio argentato di un ruscello artificiale di fronte a me.

Era già troppo tardi per tornare indietro.

Lasciando uscire un guaito sorpreso, mi immersi nell'acqua ghiacciata.

Ma invece di bagnarmi, caddi proprio in una vertiginosa e strana oscurità.

E poi…

Mi ritrovai di nuovo nel mio appartamento. Distesa davanti all'antico specchio.

Per davvero.

Sorprendentemente, i miei vestiti erano asciutti, ma stavo ansimando come una pazza.

“Oh mio Dio, cosa mi sta succedendo?” Gridai, più confusa che mai.

Mi tenevo la testa, cercando di dare un senso a quello che era appena successo.

Ma ogni tentativo di trovare una logica a riguardo mi faceva solo pulsare di più la testa.

***

Il mio ordine di succo di mango, manzo con broccoli e purè di patate era fumante davanti a me.

Stavo morendo di fame e dopo aver inspiegabilmente viaggiato in un'altra dimensione, non volevo stare a casa a cucinare.

Diedi qualche morso, ma la mia mente tornò rapidamente a quello che era successo con lo specchio.

Avevo cercato di considerarlo solo un sogno, ma il ricordo di quel luogo insolito era troppo chiaro nella mia testa.

Il colore argenteo dell'acqua e il cielo vibrante; il mostro che mi inseguiva e il re dagli occhi incredibili.

Era tutto troppo reale.

E non aveva alcuna spiegazione.

Accesi il mio portatile e iniziai a cercare online qualsiasi cosa potessi trovare su quello strano posto.

Usai parole chiave come “acqua d'argento” e “specchi magici” per filtrare la mia ricerca.

Sapevo di poter fare meglio, ma non avevo altro da cui partire.

La cosa più vicina che potei trovare sul mostro era una chimera, un mostro della mitologia greca con una testa di leone, ali dorate e una coda di scorpione.

Ma i miti inutili e alcuni disegni in CGI su DeviantArt, che non chiamerei esattamente capolavori, non furono d'aiuto.

Alla fine, mi sentii insoddisfatta, con più domande che risposte che si accumulavano nella mia testa.

“Desidera qualcos'altro, signora Holland?” chiese la cameriera, distogliendo la mia attenzione dallo schermo del mio portatile.

“No, è tutto a posto. Grazie”, risposi, facendole un sorriso, nonostante il mio crescente mal di testa.

“Si goda il suo cibo”. I miei occhi scattarono verso il cibo dimenticato dietro il mio portatile.

Iniziai a divorare quello che avevo ordinato.

Dopo qualche minuto, il mio cellulare suonò e vibrò sopra il tavolo.

Vidi l'ID del chiamante e sorrisi.

“Sì, Bernard?”

“Signora Holland, le ricordo solo che i documenti sullo scavo della Chiesa di Malta per Archeology Weekly devono essere consegnati stasera”.

Bernard era il mio segretario. Era bravo nel suo lavoro e ci si dedicava completamente.

“Sì, rivedrò il rapporto quando torno a casa”, dissi.

“Ti manderò una copia con la mia firma in fondo quando avrò finito. Ciao, Bernard”, continuai, prima che potesse tempestarmi con una sfuriata su un milione di altre cose da fare.

Raccolsi le mie cose, compreso il portatile e il blocco note che avevo sparso sul tavolo da pranzo.

Lasciai il mio piatto mezzo finito e mi diressi verso l'uscita.

Anche quando ero in qualche bizzarra avventura in un mondo di sogno, il lavoro e le responsabilità della vita reale andavano avanti come sempre.

Ma prima di potermene occupare, c'era un'altra cosa che dovevo fare.

***

Fissando timidamente il mio riflesso nello specchio argentato, decisi che avevo bisogno di portare questo oggetto maledetto fuori dal mio appartamento, prima che rovinasse la mia vita più di quanto non avesse già fatto.

Decisi che l'avrei donato all'università, dove si sperava lo avrebbero riposto da qualche parte nel profondo dei loro archivi.

Chiamai il professor Mallorie, un vecchio amico e collega che poteva aiutarmi a togliermelo dalle mani.

Ma mentre sollevavo il telefono all'orecchio, vidi qualcosa che mi fece urlare e mandare il telefono a terra.

Era lui.

L'affascinante straniero.

In piedi proprio dietro di me nel mio riflesso.

I miei occhi si bloccarono nei suoi viola attraverso la superficie argentata e rimasi paralizzata dal suo sguardo, incapace di muovere un muscolo o anche di respirare.

Impotente, guardavo come le sue mani avvolgevano il mio corpo.

E poi, un bottone alla volta, iniziò a slacciare la mia camicia Oxford fino a quando il mio petto e poi il mio stomaco furono esposti.

In un unico movimento rapido, mi tolse la camicia e mi slacciò il reggiseno, lasciando cadere entrambi gli indumenti ai miei piedi.

Fissò la mia forma attraverso lo specchio, svestita dai fianchi in su.

Le sue mani grandi e robuste mi afferrarono la vita, tirandomi più vicino.

Poi, muovendosi lungo la mia cassa toracica, abbracciò i miei seni, le sue mani fecero un lavoro migliore per contenerli di quanto il mio reggiseno avrebbe mai potuto fare.

Sospirai e chiusi gli occhi, assaporando l'ondata elettrica del suo tocco.

Non volevo altro che lui continuasse la sua esplorazione del mio corpo.

Volevo si spostasse più in basso…

Ma quando i miei occhi si riaprirono, lui non c'era più.

Che cosa…

Mi guardai intorno, completamente disorientata, e scoprii di essere completamente vestita, in piedi da sola nel mio appartamento.

L'unica prova dell'apparizione dello sconosciuto era l'innegabile umidità nelle mie mutande.

“Nicolette?” Potevo sentire la flebile voce del professor Mallorie chiamare il mio nome attraverso il mio telefono, che giaceva a faccia in giù sul pavimento.

Lo raggiunsi, cercando di riprendere fiato.

“Pronto?” Dissi.

“Ah, eccoti,” disse il professor Mallorie. “Ho poca rete. Pensavo di averti perso”.

“Anche io pensavo di essermi persa…”, dissi con un sospiro disperato. “Ho qualcosa per gli archivi. Ma ho bisogno che tu venga a ritirarla oggi”.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Rapita dall’alfa

Scosto lentamente la tenda dalla finestra e guardo fuori sulla strada. Si sta facendo buio, la luna illumina il marciapiede deserto. A qualsiasi altro occhio, la scena potrebbe apparire innocua, persino serena.

Tutte le porte sono chiuse, le tende tirate. I loro cancelli sono sbarrati e i loro bambini sono al sicuro all’interno. Ma tutti sono in allerta, come ogni notte…

Età: 18+

Tutt’uno col fuoco

Rimasta orfana da piccola e passata da una casa adottiva all’altra, Adeline ha passato gli ultimi nove anni da sola nascondendo un segreto: è un lupo mannaro. Quando fa una corsa finendo inconsapevolmente nel territorio del branco, viene catturata e presto scopre che trovare i suoi simili non è come sperava che fosse. Quando incontra l’alfa che la trattiene contro la sua volontà, volano scintille. Ma lui potrà vederla come qualcosa di diverso da una semplice lupa senza branco? O lei sarà sempre sua prigioniera?

Età: 18+

La sua nerd

Ava Darling sarà anche una nerd, ma non vede l’ora che finisca il liceo. Nelle giornate fortunate, i suoi compagni la ignorano. Di norma, invece, la prendono in giro. Manca soltanto un anno, però. Poi potrà andare all’università e ricominciare da capo. Ma uno scherzo crudele farà finire Ava nel mirino di Hunter Black, il bullo della scuola, che le si avvicinerà con una proposta bizzarra. I due non potrebbero essere più diversi, ma con il lavoro di squadra, potrebbero scoprire che in fondo, molto in fondo, hanno in comune molto più di quanto pensino!

Età: 16+

Solo tua

Trinity è molto in gamba nel suo lavoro, ma questo non significa che sia sempre facile. Al bar, dopo una dura giornata in ufficio, incontra Stephen Gotti: gentiluomo fuori, insaziabile in camera da letto. Si innamorano velocemente l’uno dell’altra, ma Stephen ha un grande segreto. Farà fuggire Trinity se lei lo scoprisse?

Età: 18+

La compagna mezzosangue dell’alfa

AsaLynn è la figlia dell’alfa del Branco dell’albero perfetto e ha ormai 199 anni. È quasi impensabile che un discendente della linea Alfa non trovi un compagno prima di compiere 200 anni, ma AsaLynn è a 6 settimane dal suo compleanno e non l’ha ancora trovato. Così suo padre decide di mandarla in Australia per partecipare alla grande cerimonia di accoppiamento stabilita dal re Alfa Leviathan. Lui è stato uno dei primi immortali e anche il primo a essere trasformato in lupo mannaro dalla Dea della Luna, ma, proprio come AsaLynn, neanche lui ha mai trovato una compagna…

Età: 18+

Colt

Summer sarà anche sposata con un bell’uomo d’affari, ma lei sa cose sul suo carattere che gli altri non sanno. Quando suo fratello scopre cosa sta passando, vuole farla proteggere dal club dei motociclisti. Solo che Summer non vuole averci niente a che fare… finché non incontra il Diavolo e si rende conto che non c’è niente di meglio di un cattivo ragazzo per farle battere il cuore.

Età: 18+

Il mio fratellastro è un orso mannaro

La notte della più grande festa dell’ultimo anno, Helen non è entusiasta di essere al matrimonio riparatore di sua madre con un brizzolato uomo di montagna di Bear Creek. Questo finché non incontra Sam, il montanaro più sexy del mondo, che sfortunatamente è anche il suo fratellastro. Nonostante siano polarmente opposti e appena imparentati, i due sono attratti l’uno dall’altra. Ma mentre si avvicinano, Helen scopre qualcosa: Sam ha un segreto che riesce a nascondere a malapena…

Età: 18+

La bella e l’alfa Grayson

Belle non è al corrente dell’esistenza dei mutaforma. Su un aereo per Parigi incontra l’Alfa Grayson, che pretende che lei gli appartenga. L’alfa possessivo marchia Belle e la porta nella sua suite, dove lei cerca disperatamente di combattere la passione che sta crescendo tra di loro.

Belle si lascerà vincere dai suoi desideri o riuscirà a resistere?

Età: 16+