logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Rinchiusa di notte dalla sua famiglia dal giorno della sua nascita, Rieka è stata incapace di realizzare il suo unico desiderio: guardare le stelle di notte.

Ora, vent’anni dopo, ha escogitato un piano per uscire di nascosto con i suoi amici, ma non sa che questo semplice atto di ribellione cambierà la sua vita per sempre e la metterà nel mirino di un alfa che non la lascerà andare.

Età: 18+

 

Marchiata di Tori R. Hayes è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Libro Uno: Il Discendente

Sono nata in una fredda notte di novembre sotto la luce della luna piena.

Mia madre non arrivò mai all'ospedale. La macchina si ruppe nel mezzo della foresta e l'ambulanza non riuscì mai ad arrivare in tempo.

Mi avevano sempre detto che era il motivo per cui ero così diversa dai miei genitori.

Che la luce della luna aveva fatto diventare il colore dei miei capelli bianchi e i miei occhi blu come la notte fredda e ghiacciata quando fui accolta in questo mondo.

Dal giorno in cui sono nata, mi fu proibito di stare fuori dopo il tramonto.

Dicevano che i molti predatori che si aggiravano nel nostro quartiere erano più attivi di notte.

Ero la loro unica figlia femmina, e non potevano sopportare il pensiero di perdermi.

Non credetti mai che mi avessero detto tutta la verità, ma non avrei mai immaginato che la verità avrebbe capovolto tutto quello che sapevo.

Costringendomi a scegliere tra l'amore della mia vita e l'uomo da cui non riesco a stare lontana.

***

Avevo nove anni la prima volta che chiesi di poter passare la notte da un mio amico. Dopo quella volta, sapevo che dovevo chiedere loro se avessi voluto rivedere la luce del giorno.

Non avevo mai chiesto una cosa del genere, ma loro mi guardarono con orrore. Come se avessi chiesto la cosa più scandalosa del mondo.

Mi sgridarono per mezz'ora, anche se non ebbi mai un motivo per il rifiuto e l'atteggiamento nei miei confronti.

Mi dissero solo di essere a casa alle 7 di sera e che potevo anche rimanere a casa se queste condizioni non fossero state rispettate.

Una volta ero in ritardo di mezz'ora e stavano già telefonando alla stazione di polizia per mandare una squadra a cercarmi. Non infransi mai quella regola.

A quindici anni, non uscivo mai più tardi delle 19. Dovevo andare a letto alle 22:30, e dopo tanti anni avevo smesso di metterlo in dubbio.

Se non avessi avuto le mie otto o nove ore di sonno, non sarei stata pronta per il giorno dopo“, era la risposta che ricevevo sempre quando osavo fare la domanda.

La routine era stata così per tutta la mia vita. Anche in quel momento, quando avevo compiuto diciotto anni, non ebbi una vera spiegazione del perché.

Non avevo mai visto il cielo notturno, ma avevo sempre sognato come sarebbe stato immergermi nella luce della luna come quando ero nata, ma quel sogno era quasi impossibile da realizzare.

Per diciotto anni rimasi bloccata in casa dei miei genitori, non ero mai stata a una festa o a un pigiama party. Alla fine ne ebbi abbastanza.

Avevo pianificato la mia ribellione per anni, e questa era la notte in cui eseguire il piano.

Era il mio compleanno e la luna era piena. I miei due migliori amici mi avevano invitata per un picnic al chiaro di luna, dato che la notte di novembre quest'anno era calda.

La mia migliore amica, Everly, che era stata al mio fianco per tutto il tempo che riuscivo a ricordare, e l'uomo per cui avevo avuto una cotta segreta per anni. Archer.

Forse questa sera sarebbe successo qualcosa. Everly era indubbiamente fiduciosa di poterlo fare.

Io ero meno fiduciosa, ma a una ragazza era permesso sognare.

E questa notte sarebbe stata magica. Letteralmente.

***

“Sono a casa!” Gridai.

Mamma stava passando l'aspirapolvere, ma lo spense appena mi sentì gridare. Arrivò di corsa attraverso il soggiorno e nel corridoio dove mi trovavo.

Mi preparai all'inevitabile.

Finalmente mi raggiunse e mi gettò le braccia al collo.

“Buon compleanno, tesoro! Sei sparita così in fretta stamattina che quasi non ti ho vista!” si lamentò e mi abbracciò di nuovo.

“Dovevo andare a scuola”, spiegai.

Lei mi guardò come se sapesse che stavo mentendo.

“Non mi avresti lasciata andare se me la fossi presa comoda, mamma”, ammisi, e sgranai gli occhi.

“Questo è il mio ultimo compleanno mentre vivo a casa, e ti conosco. Inoltre, Archer ed Everly mi stavano aspettando a scuola”.

Prima che potesse difendersi, sentii dei passi sulle scale.

Papà stava scendendo le scale alla velocità della luce, e sembrava che avesse lavorato tutta la notte.

Si muoveva velocemente e sembrava pieno di energia, ma aveva dei cerchi scuri sotto gli occhi, il che faceva capire che non era così.

“Sei stato di nuovo alzato tutta la notte, papà?” Chiesi mentre mi abbracciava.

“Certo, l'ho fatto. Oggi è il tuo compleanno e ho preparato qualcosa di speciale per te”, disse estasiato. “A proposito, buon compleanno, ragazza mia”, finì e mi baciò la guancia.

“Grazie, papà”, risposi e sorrisi. “Cosa hai fatto esattamente?”

“Bel tentativo. Ma dovrai aspettare”, mi prese in giro.

Mia madre interruppe la conversazione. “Sei stanca? Faccio un po' di tè? Qualcosa da mangiare?” continuò a chiedere, finché non la interruppi.

“Accidenti, mamma! Sono stata a scuola solo mezza giornata. Non sono stata via per un anno”.

“Mi dispiace, tesoro. Ma è il tuo compleanno, e voglio che la mia festeggiata sia felice”. Era di buon umore, così decisi di rischiare, visto che era il mio diciottesimo compleanno.

“Mamma?” Iniziai. “Mi chiedevo, visto che è il mio diciottesimo compleanno, se posso stare fuori un po' di più”.

Lei girò la testa con timore.

“Solo un po' di più. Ho pensato che forse…”

“No!” ruggì lei. Mi fece trasalire. Anche papà sembrava sorpreso dalla sua reazione.

“Mi… mi dispiace, tesoro”, disse, e sembrò pentirsi all'istante della sua decisione di gridare.

“So che lo vuoi davvero, ma abbiamo quell'accordo per un motivo, e non mi piace vedere i limiti che vengono superati”.

Rimanemmo tutti in silenzio per un po' prima che io lo rompessi di nuovo.

“Vado di sopra a fare i compiti” dissi e lasciai la stanza.

“Ok, tesoro, ma la torta sarà pronta per le tre”, sentii gridare mia madre.

“Certo!” Risposi.

Gettai la borsa in un angolo e poi me stessa sul letto.

Finalmente un po' di pace.

Riuscii a malapena a respirare prima che il mio telefono ronzasse sulla scrivania dal lato opposto della stanza.

Il mio corpo non voleva alzarsi, così lo ignorai fino a quando non ronzò di nuovo.

Espirai e mi trascinai verso il tavolo. Accesi lo schermo e quasi lo feci cadere a terra quando vidi chi era il mittente.

Archer
Ehi, vuoi uscire stasera? Per festeggiare il tuo compleanno.

Non potevo credere ai miei occhi. Archer mi stava davvero chiedendo di uscire! Il mio cuore non smetteva di battere, e pensai che mi sarebbe uscito dal petto per un secondo.

Arrivò un nuovo messaggio di testo.

Archer
Everly e io ti aspetteremo fuori da casa tua alle 11:15

Lui non mi stava chiedendo di uscire. Lo stavano facendo loro. Mi sentii un po' delusa, ma sentii anche un pizzico di sollievo. Probabilmente sarei morta di imbarazzo se fossi rimasta sola con lui per un'intera serata.

Stavo per rispondere senza esitazione quando pensai ai miei genitori. Non mi avrebbero mai permesso di uscire così tardi. Ma… e se non l'avessero mai saputo?

Questa era la mia occasione per vedere finalmente una notte stellata con i miei occhi e sperare di avere una possibilità da sola con Archer.

Everly sapeva cosa provavo per lui, quindi ero ottimista sul fatto che avrebbe in qualche modo creato un'opportunità per me. Non potevo perdere quell'occasione.

Fui strappata dai miei pensieri da qualcuno che bussava alla mia porta, poi entrò mia madre. “Hai già finito i compiti?” chiese.

“Ho visto il mio letto e mi sembrava più attraente dei compiti”, ammisi.

Lei si mise a ridere. “Perché conosco questa sensazione?”

“Abbiamo pensato che avresti voluto il tuo regalo”, disse. Alzai lo sguardo.

“Purtroppo non abbiamo avuto il tempo di comprarlo, e tuo padre non ha finito la sua creazione, quindi… abbiamo deciso che quest'anno il regalo te lo scegli tu”.

I miei occhi si illuminarono. “Con dei limiti”, sottintese rapidamente, e le mie spalle si abbassarono per sottolineare il mio disappunto. Lei si mise a ridere.

Dovetti pensare un po' prima di trovare la mia risposta. “Ok”, dissi. “Voglio tingermi i capelli”.

Mamma mi guardò come se fossi fuori di testa. “Ma i tuoi capelli sono così speciali. E si abbinano così meravigliosamente ai tuoi occhi”.

“Non voglio essere speciale. Almeno non così. Voglio assomigliare a voi. Essere simile a voi e non solo sapere di essere vostra figlia. Come mio fratello…”, borbottai.

Lei sospirò. “Va bene, ma niente di troppo folle. Allora potresti anche tenere i capelli così come sono”, si arrese. Urlai e la tirai dentro per un abbraccio.

“Niente di permanente all'inizio”, aggiunse rapidamente. “Non voglio che ti penta della tua decisione”.

“Bene”. Mi andava bene un compromesso all'inizio, così accettai.

“Incontriamoci in bagno tra un'ora e vedrò cosa posso fare”, disse e si alzò.

“Pensavo che la tintura dei capelli fosse fatta da un parrucchiere?” Dissi.

“Di solito è così, ma anche io mi tingo i capelli da sola, quindi penso che ce la faremo”. Lei si mise a ridere.

“Giusto, perché non vuoi che la gente noti i tuoi capelli grigi”, la presi in giro.

“Anche tu non stai ringiovanendo, signorina”, ribatté lei e rise prima di scendere ad assicurarsi che tutto fosse pronto per la mia tintura di capelli.

“Mamma?” Chiesi prima che uscisse. “Come mai voi due avete i capelli e gli occhi castani, mentre io ho gli occhi azzurri e i capelli bianchi?”

Lei mi guardò. “Tesoro. Sei nata sotto la luce della luna piena. Molte cose inspiegabili accadono durante la luna piena. Il tuo corpo potrebbe aver reagito alla luce e averti reso la nostra ragazza speciale”.

E poi se ne andò.

Mi buttai di nuovo sul letto. Sembrava surreale come la prima volta che l'avevo sentito. Non avevo mai sentito parlare di un'altra persona che avesse sperimentato la stessa cosa.

Poi pensai al mio regalo di compleanno. Mi aveva davvero permesso di tingermi i capelli, il che significava che finalmente potevo sembrare almeno un po' normale.

I miei amici sarebbero stati così sorpresi, quella sera. Così, presi il mio telefono e risposi al messaggio di Archer.

***

L'ora passò e il mio regalo di compleanno era pronto. Corsi al piano di sotto e andai in bagno dove mia madre mi stava aspettando.

Era già in piedi con i guanti, la bottiglia di tintura per capelli in mano e un grande sorriso sul viso. “Pronta, festeggiata?” mi chiese. Annuii e mi sedetti.

Mentre finiva le ultime passate di tintura, sentivo il mio cuore pompare forte. Non c'era modo di tornare indietro.

“Ecco fatto. Ora, non togliere la cuffia prima che il timer arrivi a zero. Poi salta nella doccia, ma ricordati di usare il mio shampoo e balsamo”.

L'attesa fu lunga. Troppo lunga. Ma alla fine l'allarme suonò e strappai la cuffia prima di lasciare che l'acqua lavasse via la tintura in eccesso.

Dopo aver finito di asciugarmi i capelli, era il momento. Questo era quello che volevo, giusto? Un normale colore di capelli. Perché ero così nervosa?

Feci un respiro profondo e mi girai per guardarmi allo specchio. Sembravo così diversa.

Mamma mi aveva sentita spegnere l'asciugacapelli ed era venuta a raggiungermi. Potevo vederla in piedi sulla porta.

“Cosa ne pensi?” chiese.

Quasi non mi riconoscevo. “È un po' strano, ma non in senso negativo”, ammisi. I miei occhi brillavano un po' di più in contrasto con i capelli scuri.

Non che la cosa mi desse fastidio. I miei occhi mi piacevano più dei miei capelli. Piacevano alla gente.

“Sei soddisfatta?” chiese lei.

“Sì, mi piace”, risposi. “È solo divertente vedere quanto vi assomiglio, ora che ho lo stesso colore di capelli”.

Lei ridacchiò e mi abbracciò. “Sei sempre stata nostra figlia. Non importa il colore dei tuoi capelli”.

Ricambiai il sorriso e lei mi baciò la guancia. “Ti lascio un po' di tempo da sola con lo specchio in modo che tu possa abituarti al tuo nuovo colore di capelli”.

Chiuse la porta dietro di sé, e mi ritrovai da sola con il mio nuovo look.

Mi sentivo un po' in colpa per voler uscire di nascosto quella sera. Amavo mia madre e sapevo che voleva solo proteggermi.

Me lo scrollai di dosso e corsi al piano di sotto e in salotto.

Mio padre era seduto sulla sua sedia preferita, leggendo un libro. Ma prima che potessi dire qualcosa, mia madre mi diede la notizia. “Ti piace il suo regalo di compleanno, James?”

Mi guardò e sorrise ampiamente. “Assomigli così tanto a tua madre quando era giovane”.

“Mi lusinghi, James”. Potevo sentirla ridacchiare dalla cucina. “Rieka è molto più carina”.

“Forse”, la prese in giro papà e rise. Un asciugamano volò attraverso la stanza dalla cucina dritto verso di lui. Il loro matrimonio non sembrava mai essere noioso.

“Sei bellissima, Rieka”, disse infine.

“Grazie, papà”.

“Chi è quello?” Sentii la voce di un bambino dire dietro di me. Mi girai e i suoi occhi si allargarono.

“Rieka?”

“Sì. Ti piace, Luca?” Chiesi e gli aprii le braccia. Aveva solo dieci anni. Era una differenza d'età significativa, ma non aveva fatto diminuire il suo amore.

Corse tra le mie braccia e accolse l'abbraccio. “È strano. Assomigli alla mamma”.

Mi misi a ridere. “Lo pensi davvero?”

“La torta è pronta”, gridò mamma ed entrò nella sala da pranzo con una delle sue famose torte.

“Prima io, prima io!” Luca gridò e mi lasciò andare per correre verso la torta. Io ridacchiai e lo seguii.

Dopo una cena lussuosa, andai di sopra nella mia stanza per prepararmi.

Prima di andare a letto, scrissi ad Archer ed Everly che avevo una sorpresa per loro.

Impostai la sveglia sul mio telefono e usai uno dei miei auricolari senza fili. Sapevo che mamma si sarebbe accorta se avessi fatto finta di dormire, quindi dovevo prendere delle precauzioni.

Diedi la buona notte alla mia famiglia e andai a dormire.

Mi addormentai subito, senza sapere che quella notte avrebbe cambiato tutto.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

La sveglia suonò, e dovetti strappare l'auricolare dall'orecchio. Il volume era al massimo, cosa che non avevo notato prima di addormentarmi.

Guardai il mio telefono. Le 11 in punto. Sarebbero arrivati da un momento all'altro.

Mi alzai in fretta e furia e mi vestii con l'abito scelto con cura. Da lì, aspettai.

Il mio telefono suonò: mi stavano aspettando proprio fuori. Scesi dalle scale e superai la camera da letto dei miei genitori senza fare rumore.

Chiusi a chiave la porta d'ingresso nel modo più silenzioso possibile dietro di me.

Everly aveva già trovato la mia moto e me la passò mentre mi avvicinavo.

“Cos'è successo ai tuoi capelli?” sussurrò.

“Te lo dirò quando saremo più lontani da casa mia” le promisi.

“Pronta?” Chiese Archer.

“Pronta”, sussurrai nella notte.

***

Le loro moto erano parcheggiati a circa mezzo miglio lungo la strada.

La moto di Everly era ordinaria come la mia, ma Archer aveva una moto con un motore rumoroso, e dovevamo fare attenzione a non svegliare nessuno.

Non avevamo fretta, e mi presi il tempo per godermi le stelle scintillanti che illuminavano il cielo scuro. Erano ancora meglio dal vivo che attraverso le fantastiche foto che avevo trovato online.

Archer spense la moto quando arrivammo a una piccola radura.

“Dobbiamo camminare un po' da qui”, disse.

Everly e io mettemmo le nostre moto accanto alla sua e lo seguimmo fino alla cima della collina, dove potevo vedere un piccolo picnic allestito. Era bellissimo.

La piccola area era illuminata da lanterne e torce poste intorno al tappeto.

“Buon compleanno, Rieka”, dissero simultaneamente.

“Questo è il posto migliore per osservare la luna”, aggiunse rapidamente Everly. “Soprattutto perché la luna è così grande e luminosa stasera. La chiamano superluna”.

Era vero. La luna era grande quella sera. Molto più grande di quanto avessi immaginato che potesse essere.

La dimensione era ipnotizzante, e dimenticai di guardare dove stavo camminando.

Il mio piede si impigliò in una radice e inciampai, ma Archer fu veloce e reagì prima che toccassi terra.

Mi afferrò il polso e mi salvò dall'orrore dei pantaloni rovinati e da un'abrasione. “Grazie”, dissi, sollevata.

“So che sei eccitata, Rieka, ma magari guarda anche il terreno”. Rise. Lo spinsi in avanti per aver riso di me, ma segretamente speravo che non avesse notato la mia faccia rossa.

“Allora…”, disse Everly. “Ti va di parlarci del nuovo look?”

Archer si voltò e mi fece lo stesso sguardo interrogativo.

“Mia madre mi ha finalmente lasciato tingere i capelli come regalo di compleanno. Non che non mi piaccia il colore dei miei capelli, ma a volte attirano così tanta attenzione, e vorrei sapere com'è essere un po' normale…”

“Vi piace?” Chiesi e passai la mano tra le mie ciocche castane.

Archer si schiarì la gola. “Sono… sono belli, voglio dire… ero piuttosto curioso di vederli al chiaro di luna”.

Potevo sentire il calore salire sulle mie guance per la seconda volta. “Davvero?” Cercai di dire senza sembrare agitata.

“Sì, ma ti stanno bene comunque”.

Mi sentivo molto imbarazzata e senza parole.

Everly mi diede una gomitata sulle costole. Aveva un sorriso stuzzicante sul viso, e le sue sopracciglia si muovevano su e giù ripetutamente.

Sapevo cosa stava insinuando, ma tirai fuori la lingua per mandarla via. Lei scrollò le spalle ma mise da parte la cosa.

Archer gettò il sacchetto di cibo accanto al tappeto e si voltò a guardarmi di nuovo.

Mi fissò con i suoi occhi dorati. Mi ero convinta da tempo che qualcuno doveva averli scelti con cura per abbinare il loro colore ai suoi capelli biondi in modo così perfetto.

La luce della luna li faceva quasi brillare.

“Ammetto che in effetti assomigli molto a tua madre così”, riconobbe.

“Non è la prima volta che lo sento dire, oggi”. Ridacchiai.

“Mi piacevano ancora di più prima”, lo sentii borbottare prima che prendesse qualcosa nella tasca della giacca.

“Buon compleanno”, disse e tese una piccola scatola nera in mano.

Everly arrivò di corsa da dietro e quasi mi spinse sulle ginocchia di Archer. “Dovevamo portare dei regali!? Pensavo fossimo d'accordo di non farlo!”

“Mi dispiace, Everly”, disse Archer con un sorriso storto. “Non ho potuto farne a meno quando l'ho visto”.

Accettai il suo regalo e lo aprii. Everly allargò gli occhi quando lo vide.

Era una collana. Alla fine della lunga catena c'era una figura rotonda che rappresentava una luna piena come quella che potevo vedere davanti a me. “È bellissima, Archer. Grazie”.

“Tieni”, disse e allungò la mano. Gli diedi la collana e mi girai. “Ecco”.

Lasciai cadere i capelli e mi girai in modo che potesse vedere.

“Ti sta bene”, disse e sorrise. Arrivava quasi a metà del mio stomaco, ma era il regalo più bello che avessi mai ricevuto.

“Rieka! È quasi mezzanotte!” Gridò Everly. “Sei pronta a compiere diciotto anni?”

Respirai profondamente l'aria umida della notte. “Sarà il miglior compleanno di sempre”, risposi con entusiasmo.

C'era silenzio. Tutto quello che potevo sentire era il vento e i miei amici.

“Siediti” disse Archer e diede una pacca al cuscino accanto a lui. Così mi sedetti e trovai una bella posizione.

Mancava meno di un minuto per compiere diciotto anni, ed ero lì con i miei due migliori amici. Niente poteva rendere questa notte migliore. Quasi.

Archer mise il suo braccio intorno a me e mi tirò più vicina, il che mi fece correre il cuore.

Everly mi mise la testa in grembo e fece indicare al suo telefono l'ora fino ai secondi, in modo da sapere l'ora esatta del mio compleanno.

A cinque secondi da mezzanotte, sentii Archer sussurrare: “Buon compleanno”, e mi baciò la cima dei capelli.

Mi sorprese. Non aveva mai fatto niente del genere prima.

Stavo per girare la testa per guardarlo quando l'orologio segnò la mezzanotte. La mia testa esplose e tutto si oscurò.

Mi svegliai all'ululato di un lupo. Archer ed Everly erano entrambi in piedi sopra di me con uno sguardo preoccupato sui loro volti.

“Rieka! Riesci a sentirci?” Gridò Archer.

Mi misi a sedere. “Cos'è successo?” Chiesi e cercai di capire cosa fosse successo.

“Sei solo… svenuta” disse Everly.

La mia testa pulsava come se qualcuno mi avesse colpito con una mazza, ma senza il livido.

“Ti portiamo a casa, Rieka” disse Archer e mi aiutò ad alzarmi.

Raggiungemmo le moto e io andai a prendere la mia, ma Archer mi afferrò per la vita e sollevò il mio corpo sulla sua moto.

“Non pensarci nemmeno”, disse. “Tu vieni con me. Non esiste che ti lasci guidare da sola”.

“Ma…”, mi lamentai.

“Tu vieni con me”, ripeté lui, stringendo la sua presa su di me. Conoscevo quella voce, e sapevo che era stupido provare a discutere con lui di nuovo. Non avrei vinto quella battaglia.

Mi diede il suo casco e mi mise sul sedile dietro di lui.

Afferrai una piccola parte della sua maglietta per evitare di cadere, ma un attimo dopo mi prese i polsi e tirò le mie braccia intorno alla sua vita.

“Rieka”, disse e mi guardò di nuovo. “Devi tenere duro”.

Annuii senza guardarlo negli occhi.

Il mio viso era premuto contro la sua schiena calda, e mentre avviava la moto, potevo sentire i suoi muscoli lavorare sotto la camicia. Mi irrigidii e mi chiesi se lui potesse percepirlo.

Nessuno di noi disse nulla durante il tragitto verso casa. Archer fermò la moto nello stesso punto, a distanza da casa mia.

Mi tolsi il casco e glielo porsi. “Grazie”, borbottai.

“Non preoccuparti”, disse lui. “Sei in grado di camminare da qui da sola?” Annuii, e lui mi aiutò a scendere dalla sua moto.

Appena i miei piedi toccarono terra, le mie gambe scomparvero sotto di me.

“Rieka!” Archer gridò ed era di nuovo con me in pochi secondi.

Avevo il fiato corto e tutto il corpo mi faceva male. Cosa stava succedendo?

“Puoi restare qui, Everly? Io l'aiuterò a tornare a casa”. Everly annuì con occhi preoccupati.

Prese una delle mie braccia e la mise intorno a sé in modo che potessi usarla come sostegno. I miei genitori non potevano saperlo.

“Archer…”, sussurrai. Lui mi guardò. “Ti prego, non dirlo ai miei genitori”. Potevo vedere la sua mascella contrarsi, ma non disse nulla. “Ti prego”, implorai.

Per un attimo non ero sicura che mi avrebbe ascoltata, ma il suono del mio dolore fu sufficiente a farlo capitolare. “Te lo prometto. Ma se dovesse peggiorare, non credo di avere scelta”.

“Grazie”, sussurrai.

Mi sollevò tra le braccia per non farmi camminare per il resto della strada. Normalmente avrei rifiutato, ma in questo momento il mio corpo era così debole che riuscivo a malapena a camminare, anche con il suo sostegno.

Non ero mai stata malata. Neanche un giorno, in tutta la mia vita. Era molto innaturale per me sentirmi così.

Archer non poteva aiutarmi a entrare senza svegliare i miei genitori, così dovetti trovare la strada per le scale senza fare alcun rumore.

Finalmente raggiunsi il mio letto e non vedevo l'ora che i morbidi cuscini mi tenessero comoda e calda.

Il mio corpo e la mia mente erano esausti, ma i ricordi erano chiari come il giorno.

Potevo ancora sentire il calore del corpo di Archer. Le mie mani sul suo corpo muscoloso. Mi aggrappai a quel ricordo finché la mia mente non si arrese e andai alla deriva nel sonno.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

I Lupi del Millennio

Sienna è una lupa mannara di diciannove anni che nasconde un segreto: è ancora vergine. L’unica vergine del branco. È decisa a superare anche il periodo di calore di quest’anno senza cedere ai suoi impulsi primordiali, ma quando incontra Aiden, l’Alfa, si dimentica del tutto del suo autocontrollo.

Età: 18+

La sua nerd

Ava Darling sarà anche una nerd, ma non vede l’ora che finisca il liceo. Nelle giornate fortunate, i suoi compagni la ignorano. Di norma, invece, la prendono in giro. Manca soltanto un anno, però. Poi potrà andare all’università e ricominciare da capo. Ma uno scherzo crudele farà finire Ava nel mirino di Hunter Black, il bullo della scuola, che le si avvicinerà con una proposta bizzarra. I due non potrebbero essere più diversi, ma con il lavoro di squadra, potrebbero scoprire che in fondo, molto in fondo, hanno in comune molto più di quanto pensino!

Età: 16+

Requiem City

Maddie è una borseggiatrice che si aggira per le strade pericolose e magiche di Requiem City. Quando ruba ai ricchissimi gemelli Dobrzycka, questi la costringono a fare una scelta: sottomissione o distruzione.

Età: 18+

Mateo Santiago

Juniper è una lupa mannara che non può trasformarsi. Quando suo padre, l’Alfa, la espelle dal suo branco, si ritrova a essere una vagabonda in terra straniera. Ma sta per incontrare un altro alfa. Uno che cambierà la sua vita per sempre…

Età: 18+

La principessa perduta

Everly ha vissuto nella paura per tutta la sua vita, ma le cose peggiorano ulteriormente quando la sua violenta matrigna la vende come schiava. Costretta a sopravvivere in uno squallido mondo sotterraneo di mostri assetati del suo sangue verginale, Everly sente di non avere speranze, fino a quando non riesce a fuggire al Branco della luna rossa. Lì si trova faccia a faccia con l’affascinante Alfa Logan, il suo compagno predestinato. Ma i suoi vecchi padroni sono sulle sue tracce.

Il suo nuovo branco sarà in grado di sconfiggerli?

Età: 18+

Verso la caduta del CEO

Cece Fells è una delle più talentuose giovani pasticciere di Londra. Questo fino a quando il miliardario Brenton Maslow non demolisce la sua pasticceria per costruire uno schifoso parcheggio! Ora l’infuriata artista dei cupcake è in missione per distruggere l’amministratore delegato della Maslow Enterprises, attraente in modo insopportabile… Sempre che non si innamori di lui!

Età: 18+

Infinity

Il compagno di Lux è tutto ciò a cui Zayla riesce a pensare dal primo giorno in cui ha sentito il suo profumo. Cerca di immaginare il suo aspetto, il suo sapore… ma sa che anche i suoi sogni più selvaggi non gli rendono giustizia.

Dall’alba al tramonto, il compagno di Lux è sempre lì, in agguato nell’ombra, appena fuori portata. Lei non sa nemmeno che specie sia. Tutto ciò che conosce è il suo nome: Soren.

Età: 18+

Le guerre dei lupi

Dopo le Guerre dei Lupi, i lupi mannari e gli umani si accordarono per una tregua scomoda e divisero il mondo tra di loro. I lupi mannari presero le foreste e le pianure, mentre gli umani le città e i paesi. L’umanità fu ulteriormente segregata in Lavoratori ed Elite.

Ora, il cibo è scarso e i Lavoratori stanno morendo di fame ed è così che la dodicenne Lavoratrice Ellie si ritrova affamata e bloccata nel territorio dei lupi mannari. Ma si tratta davvero delle bestie spaventose da cui è stata messa in guardia o le Elite hanno nascosto la verità?

Età: 18+ (Attenzione ai contenuti: stupro e violenza)