logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Non tutto riguarda te

Dall’autore di “Back Into Darkness”

Da giovane, Maya Hamilton era una festaiola selvaggia che non amava far altro che lasciarsi andare e fare tutto ciò che voleva. Jace Parker era un ragazzo di una confraternita irresponsabile che aveva un debole per le festaiole: erano perfetti l’uno per l’altra. Fino a quando, all’improvviso, lui l’ha scaricata per messaggio. Ora, due anni dopo, si incontrano di nuovo come studentessa e insegnante e Maya sta nascondendo a Jace un segreto compromettente!

Età: 18+

 

Non tutto riguarda te di Delta Winters è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Maya Hamilton

“Liz, ho un lavoro, ok. Non ho davvero bisogno della tua elemosina”, mi lamento al telefono come di norma il lunedì mattina. Ora che ci penso, come di norma il lunedì, il martedì, il mercoledì e praticamente tutte le altre mattine.

Ma non scambiatemi per una persona ingrata per l'aiuto che mia cugina offre, è che lei può tendere a diventare prepotente a volte.

Preferirei accettare il suo tempo piuttosto che i suoi soldi, non che ne abbia più della donna media di vent'anni comunque. “Devo andare”.

“No, Maya…”

“Ciao”, la interrompo prima di riattaccare e sospirare di sollievo mentre infilo il mio telefono nello zaino.

“Mel?” Chiamo ad alta voce.

La testa della mia anziana vicina spunta dalla cucina, con schizzi di cibo spalmati sulla camicia e un sorriso luminoso che le illumina il viso.

“Sto uscendo. Ci vediamo alle quattro, ok?”

Annuisce velocemente prima di rientrare in cucina dopo aver sentito dei piccoli rumori.

Ridacchio prima di mettermi la borsa in spalla e uscire dalla porta.

Scendendo di corsa le scale del complesso, prendo la posta dalla mia cassetta delle lettere, la infilo nella borsa e mi precipito fuori per arrivare a scuola in tempo.

Essendo una studentessa universitaria che mira a mantenere la propria borsa di studio, la mia frequenza e la concentrazione nelle lezioni devono essere le migliori possibili. Il che è una sfida in sé.

E il fatto che non abbia un mezzo di trasporto e che abbia una cassa limitata, significa che devo partire dal mio appartamento abbastanza presto per camminare. La maggior parte delle volte, la camminata veloce si trasforma in jogging o addirittura in una corsa.

Quando arrivo alle deprimenti porte della facoltà, vengo accolta da un'aria tesa di angoscia e dalla sicurezza degli atleti.

Come da stereotipo, le stelle del football della scuola si riuniscono insieme, condividendo foto, lanciando una palla e chiacchierando con le ragazze proprio davanti ai loro armadietti.

Suoni di risatine e voci maschili forti che sovrastano i pensieri tranquilli dei dimenticati e dei solitari. Io, ovviamente, sono una di questi.

Non ho tempo per una vita personale, al di fuori del mio lavoro, delle mie responsabilità e della mia educazione. Quindi, praticamente quasi non ho amici. Anzi, non ne ho proprio.

Ci sono ragazzi che provano a infastidirmi sedendosi vicino a me a lezione. Sono una persona che non appartiene a un gruppo in particolare.

Per mantenere una media altissima, passo i miei pranzi a fare i compiti e in più del lavoro extra fuori su un tavolo tutto mio. E alcune persone mi infastidiscono un po'.

Avendo pochissimi contatti sociali in questo college che frequento da un anno, alcuni sono un po' curiosi della ragazza solitaria. Ma io ho altre cose per la testa.

E la mia istruzione è estremamente importante per me.

Mentre mi dirigo verso la mia prima lezione, storia, scegliendo uno dei tanti banchi vuoti vicino alle finestre che si aprono su una giornata uggiosa, tiro fuori la cancelleria necessaria e inizio a ficcare il naso nel mio libro di testo di storia.

“Ahem!” Un colpo di tosse davanti a me. Abbasso il libro per scrutare chi è e intravedo alcuni dei ragazzi che amano tormentarmi sulla mia vita e scoprire qualsiasi cosa.

Con la quantità di cose che sanno su di me, credono che ci sia del mistero che mi circonda e gli studenti divorano pettegolezzi in questa facoltà. E, beh, non hanno poi così torto.

“Ciao”, saluto prima di riprendere casualmente la mia lettura, sperando che spariscano come fantasmi, o che io sparisca per il momento e non debba più avere a che fare con nessun contatto sociale.

Se solo potessi frequentare il college senza nessun altro che i professori. Credo che imparerei anche molto più velocemente.

Certo, c'è sempre l'università online, ma a me piacciono le biblioteche reali e l'apprendimento interattivo. Prima che il ragazzo possa parlare, il professore entra in classe, chiudendo la porta rumorosamente per ottenere l'attenzione della classe, e procede a disegnare sulla lavagna con sicurezza e dominio.

Anche se posso vedere solo la sua schiena, la sua ampia schiena, posso già dire che è giovane, probabilmente appena uscito dal college o quasi. I suoi capelli sono di un colore biondo sabbia, molto simili a quelli di un ragazzo che conoscevo una volta.

Un ragazzo di molto tempo fa, o così sembra. Sono passati quasi due anni. E anche se cerco di andare avanti, i miei ricordi di lui rimangono ancora impressi. Come potrebbe essere altrimenti?

È stato il mio primo amore e ha cambiato la mia vita in modo travolgente. In modo smisurato.

“Sono il signor Parker, il vostro nuovo professore di storia”, dichiara con una voce incredibilmente familiare mentre si gira e sento una voce familiare in modo straziante.

Trattengo il respiro quando i miei occhi vedono il suo volto: il ragazzo che ho amato una volta, che amo ancora, in piedi davanti alla classe, il mio nuovo professore.

Una leggera barba ricopre la sua mascella e i suoi occhi azzurri sfrecciano sui volti dei suoi nuovi, forse primi, studenti. Finché non catturano i miei. E tutto il suo corpo si congela.

E tutto intorno a noi sembra fermarsi.

E i suoi occhi si riempiono di emozioni che non conosco più.

I suoi occhi brillano con lo sguardo che mi lanciava prima, quando diceva di amarmi. Siamo usciti insieme solo per quattro mesi in totale, ma allora tutto sembrava così importante e grande.

Quei quattro mesi, quando avevo diciotto anni, sembravano la cosa più importante che potesse succedermi. E forse lo era, considerando le conseguenze con cui sto vivendo ora. Non che io possa rimpiangerlo.

Lo guardo mentre si obbliga a spostare lo sguardo per non attirare l'attenzione sulla familiarità tra di noi.

Riacquistando la compostezza posata e assertiva che aveva quando era entrato dalla porta, tossisce un po' e inizia la lezione.

Ascoltare di nuovo la sua voce è quasi come una musica rilassante per le mie orecchie, se solo non ricordassi cosa ha fatto e che idiota è. Mi ha mollata con un messaggio.

E poi ha continuato a ignorare tutte le mie chiamate.

Ero ingenua allora, nonostante non sia passato molto tempo; sembra un'altra vita.

I suoi occhi guizzano continuamente sui miei, cosa che noto con la coda dell'occhio mentre evito i suoi.

Cerco di concentrarmi sulla lezione, ma è incredibilmente difficile farlo visto che il mio ex-ragazzo è il professore.

Jace. Jason Parker. Un ragazzo di una confraternita, quando ci siamo conosciuti. Ora è il mio professore, con una camicia stirata e jeans per mantenere il suo stile. Il suo stile molto attraente a cui non sto pensando, o perlomeno cerco di non farlo.

È innegabilmente, per quanto io voglia negarlo, sexy, e mi colpisce ancora come faceva prima.

Prima, quando ero a malapena all'ultimo anno di liceo e lui era, o almeno pensavo, un ragazzo maturo del college, e mostrava un interesse per me che io assorbivo come se fosse una droga.

E lui amava che io lo adorassi. Io ero immatura e anche lui lo era. Ma era come se fosse Dio, un ragazzo impossibile con cui stare.

E quando mi diceva che mi amava, era come se fossero le parole più sacre di tutte.

Quando ci siamo lasciati, e ho potuto finalmente vedere la nostra relazione per quello che era, ho capito che lui non era questa creatura celeste. Era più paragonabile al diavolo in tutta onestà, ma non era nemmeno quello.

Era solo un ragazzo, è solo un ragazzo. Avevamo comunque avuto un buon rapporto però, almeno io pensavo che lo fosse. Era… intenso. Passavo tutto il mio tempo con lui o pensando a lui.

Mentre mi rendo conto che ho sognato a occhi aperti per tutta la lezione, continuo a leggere i miei appunti e mi aggiorno su ciò che Jace, cioè il signor Parker, ha detto. Quando la lezione finisce, i suoi occhi sono di nuovo su di me.

Decido che sia il caso di parlare con il signor Parker per stabilire dei confini, per mettere i nostri affari allo scoperto tra di noi, per cambiare di classe.

Dopo che tutti sono usciti, lui chiude attentamente la porta e nota che sono appoggiata alla sua cattedra mentre abbraccio i miei libri al petto. E il mio petto diventa esattamente dove i suoi occhi si posano.

Tossisco per attirare la sua attenzione e sbuffo mentre roteo gli occhi su di lui. Vedo che è sempre lo stesso idiota arrapato.

Si siede alla sua scrivania in modo che io guardi verso di lui e tenta di toccarmi la mano, ma io gliela strappo via sulla difensiva.

Questo ragazzo, quest'uomo, il mio ex fidanzato. Se n'è andato quasi due anni fa con un solo vile messaggio.

Pensava che lo stessi chiamando per dargli una strigliata, per cercare di convincerlo a non scaricarmi o qualcosa di altrettanto disperato. Ma io avevo qualcosa da dirgli.

Qualcosa che avevo scoperto il giorno prima e che stavo cercando di capire io stessa.

Il fatto che ero incinta, di sua figlia.

E ora lui era di fronte a me, il papà della mia bambina.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

Maya Hamilton

“Signor Parker”. Quando noto la leggera smorfia sul suo volto per la formalità della mia voce, sospiro e inspiro profondamente. “Jace. Ne è passato di tempo. Perché insegni qui?”

“Non posso insegnare qui adesso?” Chiede un po' duramente.

“No”, rispondo senza mezzi termini e con lo stesso tono irritato.

Le sue sopracciglia si aggrottano in confusione per la mia ostilità nei suoi confronti, dato che prima adoravo persino il terreno su cui camminava.

“È incredibilmente casuale che tu insegni qui, nella facoltà che ho scelto di frequentare dopo che te ne sei andato, o questo è stato pianificato per qualche motivo?”

“Nel caso in cui te lo fossi dimenticata, mia madre vive in questo quartiere e ho pensato di vivere e insegnare vicino a lei dato che ho passato troppo tempo con mio padre. Ma se pensi che tutto riguardi te, Maya, va bene”.

Un sorrisetto cresce sul suo volto mentre si appoggia alla sua sedia con compiacimento. “Mi piace avere ancora questo effetto su di te, Maya. Dopo quasi due anni”.

“È vero”, ammetto, il che lo coglie un po' di sorpresa. Pensava che sarei stata ai suoi giochetti mentali, i suoi giochi mentali flirtanti. Ma io sono diversa. La maternità mi ha cambiato. Lui non è più il centro del mio mondo.

Maisie lo è. Mia figlia. Tutto quello che faccio ora è per lei e questo non cambierà, non può cambiare. La amo e mi preoccupo per lei così tanto.

“Guarda, Jace, questa sarà l'ultima conversazione tra noi due come… nulla di più di un professore con la sua studentessa.

“Avremmo dovuto parlare molto tempo fa, quando mi hai scritto per mollarmi invece di telefonarmi, cosa che credevo di meritare”.

Lui sussulta al mio tono distaccato.

“Senti, Maya…”

“Onestamente, penso che il messaggio abbia riassunto come ti sentivi e perché hai rotto con me in modo abbastanza… conciso. Capisco che sentivi che non avrebbe funzionato tra noi, con la differenza d'età.

“Ma… sembrava che tu pensassi che la nostra relazione non significasse nulla, il che giustifica finirla per messaggio”.

“Sai che significava di più…”

“Invece no”, lo interrompo, guardandolo negli occhi con sicurezza e sincerità. “Non lo sapevo perché non mi hai nemmeno chiamata. E non era certo impossibile… avevi un telefono che funzionava, chiaramente.

“Senti, non voglio spendere altre parole sul messaggio, perché penso che sia ovvio il motivo per cui hai rotto con me in quel modo. Cerchiamo di essere adulti.

“Ora sei il mio professore e io sono una tua studentessa, fino a quando non arriverà la mia richiesta di trasferimento…”

“Trasferimento?” Chiede con un allarme improvviso mentre si mette a sedere dritto.

“Sono stata distratta da te in questa sola lezione. E sì hai ancora effetto su di me. E provo ancora qualcosa per te. È solo un diverso tipo di amore. Ho amato come eravamo una volta.

“Ma sono cresciuta, e forse anche tu, e siamo persone diverse ora. E abbiamo una relazione diversa”.

Lui sbatte le palpebre in un silenzio stupito, fissando il mio viso, cercando qualcosa.

Alzo le sopracciglia in segno di domanda, ma lui continua a guardarmi come se non potesse rivedermi mai più.

“Ti farò avere il modulo di trasferimento entro la fine della giornata così potrai firmarlo e darmelo domani mattina”, dichiaro dopo che il silenzio assordante stava iniziando a preoccuparmi.

Mandandogli un piccolo sorriso triste, sistemo la borsa sulla mia spalla e inizio a dirigermi fuori, ma lui mi prende la mano sulla porta e mi fa girare verso di lui.

“Maya…” sussurra, la sua presa si stringe intorno al mio polso mentre mi guarda giù.

Mi piaceva quanto fosse più alto di me, lo faceva sembrare più maturo, più forte e più incredibile. Ma ora, con lui che mi fissa con quegli occhi familiari, mi fa sentire piccola come lo ero prima davanti a lui.

Ma la mia vita non riguarda più lui, riguarda Maisie. E lui è suo padre, tecnicamente.

“Lasciami andare se non hai niente da dire”, mormoro, inclinando il mento verso l'alto in modo da poter incontrare i suoi occhi. “Lasciami andare”.

Il suo viso si avvicina al mio e, per quanto voglia scappare, non posso. I miei piedi sono inchiodati a terra. Il mio respiro è bloccato nei polmoni. I miei occhi non possono guardare da nessuna parte se non verso di lui. E poi le sue labbra premono sulle mie.

Mi sciolgo. Mi sciolgo in lui. Non voglio. Ma non posso fermarmi.

È l'unico ragazzo con cui sono stata. Avevo baciato un paio di persone prima di incontrarlo, ma lui era quello giusto. Lui è quello giusto. Eppure, se n'è andato. E io ho Maisie a cui pensare.

E le mie decisioni ora devono riguardare solo ciò che è meglio per lei. Avere Jace nella sua vita potrebbe essere una cattiva idea, come ho deciso anni fa. Ma è una decisione che devo prendere io?

Meglio ancora, è ancora una mia decisione da prendere dopo tutto questo tempo?

Mi tiro immediatamente indietro, sbattendo la testa contro la porta dietro di me, ma fermando almeno questa perdita di giudizio.

Faccio una leggera smorfia per l'impatto ma quando i miei occhi si collegano di nuovo con quelli di Jace, è come se il dolore svanisse come se non ci fosse mai stato.

Mi costringo comunque a sbattere le palpebre, a scrollare via tutto. Lui è il mio professore ora, e questo è quanto.

Raggiungo la maniglia della porta ma lui chiama di nuovo il mio nome. Devo ignorarlo, devo andarmene.

Fuggo dall'aula prima che possa succedere qualcos'altro e corro verso il bagno per asciugare le lacrime che non mi ero accorta che fossero iniziate a scendere.

Prima che possa arrivarci, le voci davanti a me bloccano il mio cammino.

“Stai piangendo?” Urla una ragazza popolare, più in tono beffardo che comprensivo, anche se sopprime un'espressione facciale divertita.

Mi asciugo completamente le guance con le maniche della mia felpa larga e guardo il gruppo di fronte a me.

“Sei appena uscita dall'aula di Parker? Cosa voleva quel figo per farti piangere?” Chiede un'altra ragazza accanto a lei, appesa a uno dei ragazzi che mi ronzava attorno prima in classe.

Sono cosciente del fatto che, essendo qui già da un anno, non fare uno sforzo per conoscere i nomi di queste persone è praticamente un crimine nel mondo delle buone maniere, ma ho Maisie su cui concentrarmi e la scuola.

“Maya, giusto?”

Il ragazzo che ha tossito prima parla, facendomi un sorriso da ragazzetto mentre si appoggia agli armadietti. Assomiglia ai sorrisi e alle smorfie che Jace era solito farmi quando flirtava con me, il suo fascino mi abbagliava in un istante.

Abbastanza pateticamente, non aveva nemmeno bisogno di flirtare con me per farmi fare quello che voleva. Eppure, non era uno di quei ragazzi che maltrattavano le proprie fidanzate. Sì, a volte litigavamo, come ogni coppia.

Sì, c'è stato un periodo in cui i suoi modi da playboy avevano la meglio su di lui e flirtava con altre ragazze. Era un ragazzo della confraternita dopotutto.

Ma fortunatamente, non credo che mi abbia mai tradita o che abbia baciato un'altra ragazza quando stavamo insieme. Tutti i suoi amici erano sbalorditi da questo fatto.

“Sì”, rispondo con nonchalance, un po' infastidita dalle persone che mi importunano costantemente qui. O forse è perché sono particolarmente irritata nel vedere Jace, cioè il signor Parker, di nuovo.

“Devo andare alla mia prossima lezione, scusatemi”, dichiaro frettolosamente e mi faccio strada intorno a loro prima che possano elaborare qualsiasi informazione.

Onestamente, non so perché mi diano fastidio. Da quando sono diventata mamma, mi sono… rilassata su tutta la questione della cura di me stessa.

Certo, mi lavo, mi lavo i denti, mangio di tanto in tanto e compro l'essenziale, ma indosso ancora il mio abbigliamento da gravidanza che consiste in maglioni larghi e jeans, e non mi trucco.

Riesco a malapena a dormire con i miei due lavori, l'università e la cura di Maisie.

Lego semplicemente i miei capelli castani normalissimi in una coda o in uno chignon basso al mattino per tenerli lontani e per non doverli spazzolare.

Non so cosa ci sia di così speciale in me che continuano a tormentarmi.

Forse è perché li liquido come se non fossero le persone più popolari della scuola e gli altri studenti ucciderebbero per parlare con loro e frequentarli.

Ma frequentavo persone del genere nella mia vecchia scuola, il che mi ha portato a partecipare a una festa di una confraternita, sotto l'influenza di Liz che frequentava il college di Jace, e questo mi ha fatto rimanere invischiata con Jace.

Amo Maisie però, e non mi pento di averla avuta. Lei è la luce della mia vita, tutto ciò per cui vivo.

Jace è suo padre però. E ora è tornato e posso davvero dirglielo, ma dovrei dirglielo?

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Rapita dall’alfa

Scosto lentamente la tenda dalla finestra e guardo fuori sulla strada. Si sta facendo buio, la luna illumina il marciapiede deserto. A qualsiasi altro occhio, la scena potrebbe apparire innocua, persino serena.

Tutte le porte sono chiuse, le tende tirate. I loro cancelli sono sbarrati e i loro bambini sono al sicuro all’interno. Ma tutti sono in allerta, come ogni notte…

Età: 18+

La chiamata dell’alfa

Lyla si reca alla riunione del branco in Missisipi senza sperare di trovare il proprio compagno predestinato. Ultimamente, infatti, è raro che i lupi vengano accoppiati durante il rituale e, onestamente, Lyla preferirebbe continuare a frequentare il suo ragazzo attuale, che conosce da sempre.

Quando la cerimonia di accoppiamento inizia, Lyla segue l’ululato che le mostrerà il suo vero compagno, che si rivelerà essere Sebastian, l’alfa reale. Accetterà quindi il suo destino come luna reale oppure sceglierà di rimanere con il ragazzo della porta accanto che ancora occupa uno spazio nel suo cuore?

Età: 18+

Rischia

Kara è la tipica ragazza dell’ultimo anno di liceo, non è popolare, ma non è nemmeno un’emarginata. Ha un ragazzo, Adam… finché non lo becca mentre la sta tradendo. Ora lei vuole dimenticarsene, ma lui continua a comparire ovunque. Finché, a una festa, lui inizia a diventare violento. Sfortunatamente per lui, è la festa di Jason Kade. Dopo aver fatto il culo ad Adam, Jason mette gli occhi su Kara e non gli piace la parola no. Ora Kara e Jason sono coinvolti in un gioco in stile gatto e topo, ma chi è chi?

Età: 18+

Morsi d’amore

Non c’è nessuno che non adori Scarlet. È giovane, bellissima e dall’animo angelico… Quindi tutti rimangono scioccati dallo scoprire che il suo compagno predestinato è lo spietato e senza cuore re alfa.

Temuto da tutti (e per buoni motivi!), è tornato dopo sette anni per reclamare ciò che è suo. Riuscirà Scarlet a fare breccia nel suo cuore o sarà lei a dover implorare pietà?

Età: 18+

Un errore meraviglioso

Dopo che gli amici di Kyla la convincono a riprendersi con un’avventura di una notte dall’ex fidanzato che l’aveva tradita, lei è sicura di aver eliminato l’amore e la lussuria da sé stessa per sempre. Ora può concentrarsi sulla sua carriera di assistente marketing. Ma ancora non sa che il bello sconosciuto che ha appena sconvolto il suo mondo è il suo nuovo capo. Kyla decide di mantenere la loro relazione professionale, ma il suo capo miliardario non si scoraggia facilmente…

Età: 18+

Il mio fratellastro è un orso mannaro

La notte della più grande festa dell’ultimo anno, Helen non è entusiasta di essere al matrimonio riparatore di sua madre con un brizzolato uomo di montagna di Bear Creek. Questo finché non incontra Sam, il montanaro più sexy del mondo, che sfortunatamente è anche il suo fratellastro. Nonostante siano polarmente opposti e appena imparentati, i due sono attratti l’uno dall’altra. Ma mentre si avvicinano, Helen scopre qualcosa: Sam ha un segreto che riesce a nascondere a malapena…

Età: 18+

Mateo Santiago

Juniper è una lupa mannara che non può trasformarsi. Quando suo padre, l’Alfa, la espelle dal suo branco, si ritrova a essere una vagabonda in terra straniera. Ma sta per incontrare un altro alfa. Uno che cambierà la sua vita per sempre…

Età: 18+

I guerrieri di Torian

La terra è sotto attacco per mano di una mostruosa razza aliena che non brama altro che distruzione. Lilly e le sue sorelle più piccole vengono catturate e rischiano di morire… ma improvvisamente il meraviglioso re guerriero Bor giunge da un altro pianeta e le salva. La sua missione è quella di proteggere tutti gli umani, ma, ora che l’ha conosciuta, ha occhi solo per Lilly. Riuscirà a mantenere il suo impegno insieme al suo amore o dovrà sacrificare tutto per lei?

Età: 18+