logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

L’ospite dell’alfa

Georgie ha passato tutta la sua vita in una città mineraria, ma è solo quando i suoi genitori muoiono davanti a lei che si rende conto di quanto sia brutale il suo mondo. Proprio quando pensa che le cose non possano peggiorare, la diciottenne incappa nel territorio del branco solitario di lupi mannari che si dice possieda le miniere. E il loro alfa non è troppo felice di vederla… all’inizio!

Età: 18+

 

L’ospite dell’alfa di Michelle Torlot è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

GEORGIE

Mi rialzai lentamente dal terreno fangoso dove ero atterrata. Sibilai mentre il dolore mi attraversava il corpo.

“Se ti vedo ancora da queste parti, Georgie Mackenzie, non ci andremo così piano con te”, ringhiò l'uomo, sorridendo.

Mi sputò addosso e non riuscii a evitarlo. Poi sbatté la porta di quello che era stato il mio inferno personale.

Le mie narici si allargarono mentre ansimavo, cercando di controllare il respiro. In parte a causa della rabbia, in parte a causa del dolore.

“Fottuto bastardo!” Gridai.

Seppi che mi aveva sentito quando la maniglia della porta iniziò a girare. Mi allontanai il più velocemente possibile. Non pensavo che il mio corpo avrebbe sopportato un altro pestaggio, non stasera.

Zoppicai lungo la strada deserta, la maglietta sottile inzuppata e coperta di fango bagnato. Tremavo e cercavo di coprire il dolore. Avrei avuto dei lividi, e molti.

Stavo solo cercando del cibo, rovistando tra i bidoni della spazzatura sul retro dell'ufficio della miniera. Sfortunatamente per me, fui interrotta dalla sicurezza. Era solo spazzatura, ma era la loro spazzatura.

Ero già stata catturata prima, ma mai picchiata così tanto. Sollevai l'orlo della camicia e valutai il danno.

I lividi stavano già iniziando a formarsi sullo stomaco e sulle costole. Immagino che la mia schiena si trovasse più o meno nello stesso stato.

Mi diressi di nuovo alla fine della città, verso l'edificio abbandonato dove io e mia madre eravamo accampate.

Avevamo trovato il posto un paio di notti prima, dopo essere state sfrattate dall'ultimo alloggio. Era abbastanza deserto.

Solo i resti dei precedenti abitanti che si erano trasferiti o erano morti.

Avevo lasciato mamma a riposare su un vecchio materasso quel giorno. Avevo impegnato l'ultimo dei nostri averi un paio di giorni prima, solo per poter prendere delle medicine per lei.

Non l'avrebbero curata, ma almeno avrebbero alleviato alcuni sintomi. Non avendo più soldi, speravo di trovare del cibo nella spazzatura.

Trovai solo quel bastardo di Maddox e la sua mazza da baseball.

Una volta raggiunta la casa, spinsi da parte il vecchio pannello di ferro ondulato. Era stato messo lì per impedire agli abusivi di entrare.

Non era stato molto efficace.

Entrando in casa, mi diressi verso la stanza sul retro. Era la più asciutta della casa. Avevo trascinato un vecchio materasso dal piano di sopra perché mamma si sdraiasse. Meglio del pavimento freddo, in ogni caso.

Mentre entravo nella stanza sul retro, mi resi conto che qualcosa non andava. C'era troppo silenzio. Mamma giaceva lì, con gli occhi aperti, fissando il soffitto.

Un singhiozzo sfuggì dalle mie labbra mentre le lacrime scendevano sul mio viso.

Sapevo che non le restava molto tempo, ma non ero ancora del tutto pronta. Le passai delicatamente una mano sugli occhi, chiudendoli. Almeno ora era in pace.

Mi asciugai velocemente le lacrime, lasciando macchie di sporco sul mio viso dopo il mio recente incontro con la strada fangosa. Era l'ultima delle mie preoccupazioni.

Non avevo soldi, non avevo cibo e avevo solo i vestiti che indossavo. Non c'era più niente per me.

Lasciai la casa senza alcuna idea di cosa avrei fatto. Sapevo solo che dovevo andarmene da lì, da quella casa, da quella città. Doveva esserci qualcosa di meglio.

Un posto dove le persone si preoccupassero di più l'una dell'altra e meno del profitto. Potevo almeno sognare che un posto del genere esistesse.

Alzai gli occhi al cielo mentre passavo davanti al cartello che diceva 'Benvenuti a Hope Springs'. Più che altro 'Fuggite da Hope Springs', cazzo!

Hope Springs era una nuova città costruita nei pressi di una miniera di carbone. Una volta che i proprietari del terreno avevano capito di aver bisogno di forza lavoro per estrarre il carbone, la città era sorta.

La gente si era riversata per lavorare nella miniera. Il lavoro era piuttosto scarso dappertutto, quindi l'idea di nuovi posti di lavoro, una nuova città e nuove case portò molta speranza a molte persone.

Una comunità ideale che si rivelò non essere così ideale.

I proprietari terrieri e i proprietari della miniera non si avvicinarono mai. Il team di gestione si occupò di tutto. I proprietari devono essere stati felici dei profitti.

Mi sono spesso chiesta se si rendevano conto che questi profitti erano stati fatti a spese dei minatori e delle loro famiglie.

Certo che se ne rendevano conto. Tutti sapevano chi erano i proprietari.

Come tutti gli altri proprietari di qualsiasi grande azienda qui intorno. I lupi mannari, la materia delle leggende. Solo che non lo erano.

Né se ne andavano in giro per i boschi. Certo, erano solitari, ma erano intelligenti. Partner silenziosi in tutte le grandi imprese mentre rastrellavano i profitti.

Questo permetteva loro di vivere una vita di lusso lontano da occhi indiscreti. Per loro, gli esseri umani erano una risorsa. Usa e getta. Non importava quanti di noi morivano, ce ne sarebbero sempre stati altri per riempire il vuoto.

I minatori venivano pagati il minimo indispensabile. Nel momento in cui pagavano l'affitto delle loro case, c'era a malapena abbastanza di che sfamare le loro famiglie.

Una sola protesta e sarebbero rimasti senza nulla da fare. Niente lavoro, niente casa. Nel frattempo i lupi mannari diventavano più ricchi.

Quando i minatori iniziarono ad ammalarsi, le famiglie vennero semplicemente sfrattate e altri si trasferirono per sostituirle.

Niente a Hope Springs era gratis e poiché i minatori avevano pochi soldi da parte, ciò significava che la maggior parte di loro rimaneva senza cure mediche o istruzione.

Fornirono una scuola gratuita per i bambini fino all'età di tredici anni. Dopo di che, spettava alla famiglia pagare. Senza istruzione, l'unico lavoro che i loro figli potevano fare era lavorare giù in miniera.

Quando papà si era ammalato, mamma aveva iniziato a lavorare laggiù solo per poter pagare l'affitto.

Ho cercato di ottenere un lavoro laggiù a quattordici anni, subito dopo la morte di mio padre, ma non mi accettarono: non volevano che i bambini lavorassero laggiù.

Un anno dopo mamma si ammalò. Perdemmo ogni entrata, quindi non fummo in grado di pagare l'affitto, e ci sfrattarono.

L'ultimo anno abbiamo vissuto abusivamente dove abbiamo potuto. Abbiamo impegnato le nostre cose solo per avere cibo e medicine. Nelle ultime settimane, ho chiesto l'elemosina e razziato la spazzatura solo per cercare di sopravvivere.

Infilai le mani in tasca nel tentativo di tenerle calde. Avevo i piedi bagnati e freddi a causa dei buchi nelle scarpe. Probabilmente avrei dovuto cercare un altro posto dove stare. Stava iniziando a piovere di nuovo.

Non mi importava davvero.

Abbassai la testa e camminai.

Distratta com'ero, non mi resi conto che ero uscita dalla strada ed entrata nel bosco. Un ramo impigliato nella mia faccia mi ha fatto alzare lo sguardo. Una goccia di sangue mi scorreva sulla guancia. L'ho ignorato.

Guardando nell'oscurità, mi accigliai. Luci! Nel mezzo della foresta. Forse un capanno da caccia, il che forse indicava una possibilità di trovare del cibo o un fienile vuoto in cui dormire, solo per la notte.

Superai un cartello che diceva 'Vietato l'ingresso – Proprietà privata'. Lo ignorai. Man mano che mi avvicinavo, mi resi conto che non si trattava di una sola capanna, ma di una grande casa con alcuni edifici più piccoli sparsi intorno.

Certo, ora tutto aveva senso. Il cartello Vietato l'ingresso, la casa massiccia. Tutto questo nel mezzo di una foresta. Ecco dove vivevano quei fottuti lupi mannari.

Avrei dovuto essere nervosa, suppongo. Non lo ero. Forse qualche anno prima, avrei pianto per le condizioni in cui vivevo. Ora no, però. Non avevo più lacrime da versare.

Se questi bastardi erano così ricchi come tutti pensavano, probabilmente sprecavano un sacco di cibo.

Strisciai intorno al retro dell'enorme casa. Trovai dei bidoni della spazzatura e ci rovistai dentro.

Nonostante la giornata di merda, sorrisi non appena trovai un pezzo di pane. Era un po' stantio, ma ancora commestibile. Lo divorai velocemente e scavai un po' più a fondo.

Ero così concentrata sul bidone che non sentii i passi dietro di me.

Non finché non fui afferrata dalla parte posteriore della camicia e fui presa in braccio come un gattino selvaggio.

“Beh, cosa abbiamo qui, una ladruncola!” Ringhiò lui.

“Cazzo, lasciami stare, lurido bastardo!” Sbottai.

Poi urlai, il mio corpo era ancora dolorante a causa del pestaggio di Maddox.

“Zitta, ladra!” ringhiò di nuovo. “Ti ho a malapena toccata!”

Mi portò via dalla casa, verso un altro edificio.

Piagnucolai. All'inizio cercai di lottare, ma fu inutile. Avevo troppo male. Alla fine mi limitai ad arrendermi. L'uomo era grosso e non pensavo che sarei sopravvissuta a un altro pestaggio.

Mi portò in un altro edificio. Quando i miei occhi si abituarono alla penombra capii che era una specie di struttura di detenzione.

Delle sbarre separavano ogni sezione e lui aprì un'altra porta sbarrata e mi buttò dentro.

Grugnii mentre atterravo sul pavimento di cemento.

“L'alfa si occuperà di te domattina!” ringhiò.

Mi precipitai verso le sbarre, ma lui le chiuse. Cercai di scuotere le sbarre tenendo le mani salde su di esse. Fatica inutile.

“Fanculo tu e fanculo il tuo alfa!” Urlai.

Non ebbi risposta e non riuscii a vedere molto, a parte il fatto che non ero l'unica lì. Ogni cella era separata da sbarre di metallo.

Poi sentii una voce dalla cella vicina.

“Chiudi quella cazzo di bocca, umana insignificante. Sto cercando di dormire!”

Questa deve essere una specie di prigione per lupi mannari. Vidi un letto in fondo alla cella. Almeno avrei dormito in un letto stanotte. C'era anche una coperta.

“Vaffanculo!”Ringhiai mentre mi dirigevo verso il letto.

Avvolgendomi nella coperta, mi rannicchiai sul letto. Era grande e quasi mi inghiottì. Immagino che fosse progettato per un lupo mannaro, non per una piccola umana.

Non ero molto grande in termini umani, e la mancanza di cibo non aveva aiutato. Non avevo avuto molto cibo crescendo, solo lo stretto necessario. Questo probabilmente aveva bloccato la mia crescita.

Tremavo. Ero bagnata, fredda e affamata. Il pane raffermo non era stato sufficiente a riempirmi lo stomaco. Tuttavia, era meglio di niente.

Chiusi gli occhi. La mancanza di cibo e la stanchezza presero il sopravvento e alla fine finii alla deriva nell'oblio.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

GEORGIE

Mi svegliai al suono delle sbarre di metallo che sbattevano. La cella era più luminosa della sera prima, cosa che capii fosse dovuta a una finestra sbarrata nella parte superiore del muro.

Fui sorpresa di vedere un vassoio di cibo davanti alla porta della cella.

Una grossa guardia in piedi fuori dalla mia porta sogghignava. Era diverso da quello di ieri sera.

Strisciai fuori dalle coperte. Trasalii sentendo che il dolore alla schiena e al petto era decisamente peggiorato. Presi il vassoio e mi appoggiai alle sbarre che dividevano la mia cella da quella accanto.

Osservai la guardia, ma abbassai rapidamente lo sguardo. Avevo sentito da qualche parte che guardare un lupo mannaro negli occhi poteva farlo arrabbiare molto.

Dopo un'occhiata alla faccia e alla postura della guardia, riuscii a capire perché. Tutta la sua aura emanava una dominanza che non avevo mai visto in un umano. Sembrava anche che avrebbe potuto spezzarmi in due se avesse voluto.

Per quanto fossi arrabbiata, entrò in gioco il mio spirito di sopravvivenza.

Guardai il cibo sul vassoio, una specie di porridge e un panino. Anche una tazza d'acqua. Non mi aspettavo di essere nutrita, quindi ne approfittai.

Avevo mangiato solo qualche cucchiaiata quando sentii la voce dalla cella accanto.

“Puzzi!”

Era la stessa voce che avevo sentito ieri sera che mi diceva di chiudere la mia cazzo di bocca.

“Anche tu!” Sibilai.

Le parole avevano appena lasciato la mia bocca quando una mano passò attraverso le sbarre e mi afferrò i capelli biondi sporchi, tirandomi la testa indietro contro le sbarre.

“Tutti gli umani puzzano!” ringhiò. “E tu devi imparare le buone maniere!”

Mi lasciò andare e balzai via dalle sbarre.

“E tu devi andare a farti fottere!” Sbottai.

Lui ridacchiò, poi inclinò la testa da un lato.

“Esuberante, vero?”

Roteai gli occhi e mi sedetti sul letto. Non avevo intenzione di sprecare questo cibo. Non sapevo quando avrei mangiato di nuovo. Anche se essere bloccata qui non era così male. Almeno avevo un letto e del cibo.

Finché non decidevano di picchiarmi.

Il lupo mannaro nella cella accanto mi guardò e sorrise.

“Quando voi bastardi avete iniziato a picchiare i deboli umani!” disse ad alta voce.

Immagino che debba aver visto alcuni dei lividi sulla mia faccia. Non erano che la metà. Non aveva visto il resto.

Era abbastanza divertente pensare che credeva che solo i lupi mannari fossero capaci di picchiare le persone.

Diedi un'occhiata più da vicino all'uomo attraverso le sbarre. Era grande quanto la guardia.

Mi chiesi cosa avesse fatto per essere rinchiuso. Rimasi sorpresa da quanto fosse bello. I suoi capelli castani pendevano sciolti sulle spalle e i suoi occhi erano marroni con un tocco di giallo.

Osservai mentre la guardia si avvicinava alla porta della sua cella.

“Chiudi il becco, Ash, o ti cancello quel sorrisetto dalla faccia!” Ringhiò.

Il prigioniero, Ash, sgranò gli occhi. “Quando la smetterai di rifilarmi queste stronzate? Può andar bene per un gracile cucciola umana, ma io ho bisogno di carne!” Ringhiò.

La guardia aprì la porta della cella e afferrò Ash per la gola, sbattendolo contro le sbarre che dividevano le nostre celle.

“Quando imparerai a chiudere quella cazzo di bocca, canaglia!” ringhiò la guardia.

Sussultai un po' impaurita. Se mi avessero trattata in quel modo, probabilmente mi avrebbero uccisa.

La guardia mi guardò con disprezzo mentre rilasciava il prigioniero accanto a me, che ora sapevo si chiamava Ash.

Ash si alzò in piedi. Mi guardò attraverso le sbarre e fece l'occhiolino. Poi camminò verso la parte anteriore della cella.

Capii che l'aveva fatto solo per far arrabbiare la guardia. Sembrava anche che non avesse ancora finito.

“Forse se usassi gli occhi, inutile bastardo, saresti in grado di capire che la piccola umana che hai trascinato qui ieri sera è ferita!” Ringhiò.

La guardia si avvicinò alla porta della mia cella, fissandomi.

“Sei ferita?” chiese, un basso ringhio proveniva dal suo petto.

Scrollai le spalle e guardai velocemente il mio cibo. L'ultima cosa di cui avevo bisogno era essere gettata contro le sbarre della cella.

Non soddisfatto della mia risposta, sbloccò la porta ed entrò. Mi afferrò per la gola e mi spinse contro il muro.

Trasalii quando la mia schiena lo colpì, poi mi tirò su la maglietta, guardando il mio stomaco.

“Ehi!” Ringhiai. “Levati, cazzo!”

Cercai di allontanargli il braccio, ma era come colpire un solido pezzo di legno.

Sottovoce ringhiò: “Chi è stato?”

Lo fulminai con lo sguardo. Non avevo intenzione di discutere mentre lui tentava di strangolarmi!

Finalmente mi lasciò andare la gola e fece un passo indietro. Risistemai la maglia e mi strofinai la gola. Aveva lasciato un segno rosso, ma nessun danno permanente. Tuttavia, ero incazzata con lui per averlo fatto.

“Perché sei qui? Perché c'è una piccola umana nel mio reparto?” Ringhiò.

Sentii Ash ridere. “Bella guardia che sei! Non sai nemmeno perché imprigioni le persone”.

La guardia emise un ringhio profondo e si voltò.

Uscì come una furia dalla cella, sbattendo la porta dietro di sé.

Lanciai uno sguardo ad Ash. “Grazie mille!” Sibilai.

Ash si appoggiò alle sbarre di metallo che ci separavano.

“Non preoccuparti, cucciola, di solito non tengono gli umani qui dentro. Sarai fuori prima che te ne accorga”.

Mi voltai per guardarlo.

Alzai gli occhi al cielo. “Perché mi stai aiutando?” Chiesi con voce rauca. Forse la guardia aveva fatto più danni di quanto avessi pensato inizialmente.

“Sembra che tu abbia bisogno di un amico, cucciola”. Ash sorrise.

Alzai gli occhi al cielo. “Sembra che anche tu ne abbia bisogno!”

Ash sorrise. Sembrava troppo allegro per qualcuno che era appena stato mezzo strangolato.

“Hai un nome?”

Feci un cenno di assenso. “Georgie”, risposi.

Ash chiese cantilenante: “Cos'hai fatto? Voglio dire per essere picchiata in quel modo?”

Gli rivolsi un sorriso. Avevo deciso che Ash era un tipo a posto.

“Che cosa hai fatto tu?” Ribattei.

Lui rise e scosse la testa. “Meglio che tu non lo sappia, piccola!”

Sollevai un sopracciglio, ma lui cambiò rapidamente argomento tornando a me.

“È stata la tua gente a farlo?”

Sgranai gli occhi. “Se intendi altri umani, sì, sono stati loro, ma non sono la mia gente!”

Ash scosse la testa. “E dicono che i mostri siamo noi!”

Lo guardai dritto negli occhi. “I mostri sono di tutte le forme e dimensioni. Non sembra che alla tua gente importi molto di te”.

Ash sorrise. “Non sono nemmeno la mia gente!” sussurrò.

Sentii la porta della mia cella aprirsi e il rumore distolse la mia attenzione.

Entrò la guardia di prima.

“Puoi camminare, umana?” Chiese la guardia.

Roteai gli occhi e mi alzai. Iniziai a camminare verso di lui. Zoppicai leggermente quando mi resi conto che non era solo la mia parte superiore del corpo a essere ferita.

“Fermati!” urlò la guardia.

Scossi la testa. “Cosa?! Pensavo che volessi che camminassi. Deciditi, cazzo!”

Avevo sentito dire che i lupi mannari avevano una velocità superiore. Ora lo scoprivo da sola.

Prima di poter anche solo sbattere le palpebre, fui sbattuta contro le sbarre di metallo che dividevano la mia cella da quella di Ash.

“Che cazzo!” Gemetti.

Ora mi faceva male. Chiusi gli occhi e strinsi i denti.

Non fargli vedere che hanno vinto, mi rimproverai.

“Imparerai il rispetto, umana”, ringhiò la guardia.

Mi afferrò i polsi e sentii un click. Il freddo metallo mi circondò i polsi, tenendoli in posizione dietro la mia schiena.

“Uomo grande, cazzo piccolo!” Borbottai sottovoce.

Vidi Ash ridacchiare. Con la guancia schiacciata contro il lato delle sbarre, non potei fare a meno di sorridere.

“Cosa hai detto?” Ringhiò la guardia.

Non risposi. Questo sembrò irritarlo molto di più. Mi fece voltare e mi sbatté di nuovo contro le sbarre.

“Ho detto, 'Cosa hai detto?'” ringhiò di nuovo.

Mi morsi il labbro, scossi la testa e abbassai gli occhi, cercando di sembrare sottomessa.

Questo era quello che voleva. Mi afferrò il braccio e mi spinse fuori dalla porta.

Mi chiesi dove mi stesse portando. Poi le parole della guardia precedente risuonarono nella mia testa.

L'alfa si occuperà di te domattina.

Da quello che sapevo dei lupi mannari, c'era una rigida gerarchia. Alfa, beta. Non ero sicura di cosa venisse dopo. Le guardie, immaginai, dovevano essere abbastanza in basso nella gerarchia.

Questo non mi dava molte speranze. Questo stronzo non sembrava preoccuparsi di chi picchiava.

Probabilmente significava che non poteva uccidere nessuno. Quello sarebbe stato un privilegio dell'alfa.

Immagino che questo significasse che mi avrebbe uccisa o lasciata andare.

Mentre la guardia mi spingeva, entrammo in un corridoio. Era diverso dalle celle. Si fermò fuori da una semplice porta di metallo. L'insegna recitava “Stanza degli interrogatori 1”.

Era fatta: ero fottuta. Mi chiedevo per quale motivo pensassero di dovermi interrogare. O forse era solo una scusa per picchiarmi a morte.

Ash aveva ragione: non tenevano gli umani qui. Si liberavano di loro appena potevano. Forse sarei stata il pasto successivo per i lupi mannari.

Buona fortuna… avevo a malapena della carne addosso!

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Taken

Clarice è stata difesa per tutta la sua vita dal padre iperprotettivo ed è separata dalla sua lupa interiore. Quando perde il controllo durante una trasformazione, finisce come ostaggio di re Cerberus Thorne, il famigerato leader di tutti i lupi mannari.

Intrappolata nel suo castello, Clarice scoprirà che il proprio destino è legato a quello di Cerberus, ma sarà in grado di domare il suo compagno selvaggio prima che sia troppo tardi?

Età: 18+

La sua nerd

Ava Darling sarà anche una nerd, ma non vede l’ora che finisca il liceo. Nelle giornate fortunate, i suoi compagni la ignorano. Di norma, invece, la prendono in giro. Manca soltanto un anno, però. Poi potrà andare all’università e ricominciare da capo. Ma uno scherzo crudele farà finire Ava nel mirino di Hunter Black, il bullo della scuola, che le si avvicinerà con una proposta bizzarra. I due non potrebbero essere più diversi, ma con il lavoro di squadra, potrebbero scoprire che in fondo, molto in fondo, hanno in comune molto più di quanto pensino!

Età: 16+

Requiem City

Maddie è una borseggiatrice che si aggira per le strade pericolose e magiche di Requiem City. Quando ruba ai ricchissimi gemelli Dobrzycka, questi la costringono a fare una scelta: sottomissione o distruzione.

Età: 18+

Le guerre dei lupi

Dopo le Guerre dei Lupi, i lupi mannari e gli umani si accordarono per una tregua scomoda e divisero il mondo tra di loro. I lupi mannari presero le foreste e le pianure, mentre gli umani le città e i paesi. L’umanità fu ulteriormente segregata in Lavoratori ed Elite.

Ora, il cibo è scarso e i Lavoratori stanno morendo di fame ed è così che la dodicenne Lavoratrice Ellie si ritrova affamata e bloccata nel territorio dei lupi mannari. Ma si tratta davvero delle bestie spaventose da cui è stata messa in guardia o le Elite hanno nascosto la verità?

Età: 18+ (Attenzione ai contenuti: stupro e violenza)

I Lupi del Millennio

Sienna è una lupa mannara di diciannove anni che nasconde un segreto: è ancora vergine. L’unica vergine del branco. È decisa a superare anche il periodo di calore di quest’anno senza cedere ai suoi impulsi primordiali, ma quando incontra Aiden, l’Alfa, si dimentica del tutto del suo autocontrollo.

Età: 18+

Mason

Uno degli uomini più potenti d’Inghilterra, Mason Campbell era freddo, duro e senza scrupoli. Il vento sussurrava il suo nome e faceva tremare di paura chiunque. Era noto per essere spietato e crudele, uno che non perdonava. Lauren Hart aveva appena iniziato a lavorare per lui come sua assistente e si era trovata ad avere a che fare con i suoi capricci, la sua rabbia, il suo odio e la sua arroganza. La vita sarebbe stata di certo migliore se non avesse lavorato per Mason Campbell, l’uomo che gli altri uomini invidiavano e che era desiderato dalle donne. Ma Mason non aveva occhi che per lei, specialmente dopo un accordo che lei non aveva potuto rifiutare.

Età: 18+ (Abuso)

Morsa dall’alfa

Quando una giovane fuggitiva, Quinn, viene morsa da un lupo nel bosco, scopre un mondo che non sapeva esistesse, un mondo di lupi mannari.

Ora Quinn deve adattarsi alla sua nuova vita nel Branco della luna ombra, sotto la guida di un affascinante alfa.

Età: 18+

Omega

La vita di Alice scorre piuttosto noiosa: va al liceo, guarda Gossip Girl con la sua migliore amica Sam e ha un lavoro part-time in una tavola calda. Non le succede mai niente di eccitante, fino alla fatidica sera in cui, uscita a gettare la spazzatura fuori dal luogo di lavoro, viene improvvisamente morsa da un lupo.

Al risveglio, avvenuto la mattina successiva, Alice nota con sorpresa come il morso sia già completamente guarito e lei si sente anzi meglio che mai e piena di energia. Il problema è che non è l’unica ad aver notato questi miglioramenti… Il malvagio Ryder e la sua banda sono improvvisamente molto interessati a lei, ma per quale motivo?

Età: 16+