logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Hazel Porter è perfettamente felice con il suo lavoro in libreria e con il suo accogliente appartamento. Ma quando un incontro spaventoso la getta tra le braccia di Seth King, si rende conto che c’è di più nella vita, molto di più! Viene rapidamente spinta in un mondo di esseri soprannaturali che non sapeva esistessero e Seth ne è proprio al centro: un feroce, forte, splendido alfa che non vuole altro che amarla e proteggerla. Ma Hazel è umana. Può davvero funzionare?

Età: 18+

 

Trovata di nightnoxwrites è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

HAZEL

C'era freddo nell'aria e il profumo dell'inverno si avvicinava frizzante e fumoso.

La mia sciarpa era avvolta più stretta intorno al collo cercando di allontanando il freddo. Intorno a me nella luce grigia le ultime foglie stavano cadendo dagli alberi segnando la fine dell'autunno.

Stavo tornando a casa dalla libreria dove lavoravo a venti minuti a piedi dal mio appartamento.

Era stata una giornata impegnativa. Era l'inizio di novembre e la gente aveva già iniziato a entrare per comprare i regali di Natale. Il trambusto sarebbe durato fino a gennaio quando la gente sarebbe venuta a scambiarsi i suddetti regali.

Girando l'angolo ero entrata nella strada dove vivevo camminando per la breve distanza fino al mio palazzo e tirando un sospiro di sollievo una volta uscita dal freddo.

Vivevo in un edificio di cinque piani, ogni piano con il proprio appartamento. Avevo fatto la prima rampa di scale che portava alla mia porta.

Raddrizzai il piccolo cartello dove era scritto il mio nome, Hazel Porter, nella mia grafia ordinata prima di girare la chiave ed entrare. Il familiare profumo di vaniglia del mio diffusore mi accolse immediatamente.

Il mio appartamento consisteva in un soggiorno, una piccola cucina, una camera da letto e un bagno. Non era molto grande, ma era mio ed era casa mia.

Lo avevo comprato poco più di un anno prima con i risparmi messi da parte dal mio primo lavoretto in libreria a diciotto anni.

Dieci anni dopo lavoravo ancora lì, non perché non potessi trovare un altro lavoro, ma perché lo amavo molto.

I miei genitori volevano che andassi al college, ma il pensiero di un'altra scuola era insondabile per me al liceo.

Inoltre, non avevo idea di cosa avrei potuto studiare, quindi era stato meglio così. Non avevo buttato i soldi dalla finestra per una laurea che non mi interessava.

Anche i miei genitori avevano cambiato idea alla fine e, nonostante non ci vedessimo spesso, eravamo in buoni rapporti ed ero felice di vederli ogni volta che tornavano in città.

Si erano trasferiti a sud in cerca di climi più caldi ormai da un paio di anni.

Lasciai cadere le chiavi sul tavolino accanto alla porta nel piccolo corridoio, mi scrollai il cappotto di dosso e appesi la sciarpa a un gancio sul muro.

Mi tolsi gli stivali mettendoli ordinatamente sulla scarpiera sottostante.

Mi avviai verso la cucina accendendo le luci. Stavo morendo di fame e rovistai nel frigorifero e negli armadi a caccia di cibo.

Avevo deciso di fare una semplice frittata senza preoccuparmi di fare qualcosa di sofisticato. Il frigorifero sembrava un po' spoglio e presi nota mentalmente di andare a fare la spesa più tardi quella settimana.

Con un piatto pieno in mano tornai verso il soggiorno.

Avevo scelto tutti i miei mobili con cura volendo creare uno spazio calmante e confortante dove potessi rilassarmi e sentirmi a casa.

I toni neutri con un tocco di colore qua e là erano coerenti nell'arredamento in stile scandinavo di ogni stanza.

Mi sedetti sul divano grigio a tre posti preferendolo al tavolo della cucina e quattro posti che usavo praticamente solo nelle rare occasioni in cui avevo gente a cena, principalmente i miei genitori.

Presi una delle mie coperte, una coperta bianca di pelo, e me la stesi sulle gambe incrociate. Accesi la televisione e cominciai a mangiare la mia omelette con entusiasmo. Avevo molta fame e il sapore era ottimo.

“Un'altra uccisione di animali è stata segnalata qui a Pinewood Valley.

“L'animale in questione non è ancora stato identificato e i residenti della città sono invitati a fare attenzione durante le escursioni fino a quando l'animale non sarà stato individuato e catturato”, aveva avvertito il presentatore.

Notai che si trattava del terzo in quel mese. Pinewood Valley era una città circondata da una foresta su tre lati composta principalmente da pini, come suggerisce il nome, e molti residenti erano avidi escursionisti.

Gli attacchi di animali erano sempre stati un rischio, ma erano stati pochi e distanti tra loro. Solitamente avvenivano nel profondo della foresta lontano dalla città vera e propria.

Ora era diverso. Negli ultimi mesi, gli attacchi erano aumentati di frequenza e si erano avvicinati alla città. La gente era preoccupata. Giustamente.

Mi chiedevo oziosamente cosa potesse essere mentre mettevo in bocca gli ultimi pezzi della mia omelette.

Forse un orso o un lupo? Tutto quello che sapevo era che aveva gli artigli. Le vittime avevano tutte presentato profondi squarci e segni di graffi. Erano tutte morte dissanguate.

Ero felice che le escursioni non fossero mai state il mio forte.

Il resto delle notizie non mi interessava molto così passai a un altro canale dove andava in onda una specie di sitcom e quando mi sentii pronta per andare a letto mi diressi verso il bagno per prepararmi spegnendo le luci lungo la strada.

Una volta a letto mi nascosi tra i cuscini scivolando velocemente in un sonno tranquillo.

Mi svegliai la mattina dopo, pronta per un'altra normale giornata di lavoro. Mi alzai, feci un toast, mi lavai i denti, mi vestii e attorcigliai i miei riccioli castani in una treccia lungo la schiena.

Mi diedi un'occhiata allo specchio e il riflesso della versione femminile di mio padre mi fissò con i capelli rossi, gli occhi blu e il naso leggermente all'insù.

Gli ero sempre assomigliata. La gente me lo diceva da anni, ma la somiglianza sembrava aumentare con l'età.

L'unica cosa che avevo preso da mia madre erano le labbra leggermente più piene e la sua corporatura minuta. Essere bassa era stata una mia frustrazione per anni. Avevo sempre desiderato essere più alta.

Presi il mio cappotto e la sciarpa e mi preparai a sfidare il freddo autunnale.

Arrivai alla libreria in tempo e ne approfittai per prepararmi una cioccolata calda nella cucina con Crystal, una delle mie colleghe e migliori amiche.

Una giovane donna vivace con la carnagione color caramello e i riccioli di una tonalità leggermente più scura della sua pelle.

Mi sentivo ottimista ed ero sicura che sarebbe stata una buona giornata.

***

Alla fine della mia giornata ero stanca, ma soddisfatta. Mi piaceva davvero il mio lavoro.

Iniziai la mia normale passeggiata verso casa e tutto andò liscio fino a quando non girai un angolo e mi trovai faccia a faccia con una figura incappucciata.

Feci un passo di lato per passargli accanto, ma lui allungò il braccio, fermandomi sul posto. Spaventata, mi girai per tornare indietro da dove ero venuta, ma non ero più sola.

Le giornate erano corte in questo periodo dell'anno e si era fatto buio.

Non mi sembrava ci fosse nessun altro in giro. La gente preferiva stare al chiuso dove faceva caldo.

Il mio cuore martellava nel petto mentre sentivo il panico crescere dentro di me.

I due uomini erano grandi e muscolosi ed entrambi indossavano cappotti con un cappuccio che nascondeva il volto.

Mi spinsero verso un vicolo assicurandosi di essere abbastanza vicini da non lasciarmi scappare.

Uno di loro si avvicinò di più e potrei giurare che mi annusò. Rabbrividii e i miei pensieri iniziarono a correre nella mia mente riproducendo scenari di ciò che sarebbe potuto succedere dopo.

Volevo gridare aiuto, ma non riuscii a trovare la voce e l'urlo si bloccò da qualche parte nella gola.

“Bene, bene. Siamo tutti soli?” Chiese uno degli uomini con voce roca, le sue dita afferrarono il mio mento costringendomi a guardarlo negli occhi. Non potevo vederlo nel buio, ma potevo sentirlo.

L'altro ridacchiò minacciosamente afferrandomi le braccia e spingendomi contro il muro.

Chiusi gli occhi preparandomi a qualsiasi cosa mi avrebbero fatto. Sapevo di non avere nessuna possibilità contro di loro. Il mio cuore sembrò battere fuori dal mio petto.

All'improvviso ci fu un suono ringhioso e le braccia che mi avevano immobilizzato al muro scomparvero.

Un terzo uomo, incredibilmente più grande degli altri due, era ora in piedi davanti a me, rivolto verso di me. Non indossava altro che jeans e una maglietta.

Nel mio stordimento per la situazione, tutto ciò a cui ero riuscita a pensare fu come non stesse tremando dal freddo. Era una cosa stupida su cui concentrarsi, ma credo che fossi sotto shock.

“Cosa diavolo pensate di fare?” Chiese ai due uomini che si contorcevano sotto lo sguardo del mio soccorritore.

La sua voce era ruvida, la furia quasi tangibile.

Non risposero.

“Non siete i benvenuti qui. Questo è il mio territorio”. Le sue parole mi confusero, ma ero troppo sollevata per prestarci molta attenzione.

“Ora andatevene”, ringhiò.

I due uomini incappucciati si allontanarono in fretta correndo e i loro corpi presto scomparirono nell'ombra.

Il mio soccorritore stava di fronte a me, la sua postura era rigida ed era leggermente rannicchiato. Le braccia erano alzate ai suoi lati come le ali di un uccello che protegge i suoi piccoli.

Non si mosse per diversi minuti dopo che gli altri due uomini se ne erano andati. Poi sembrò rilassarsi un po' e si girò lentamente verso di me.

Non potevo vederlo molto bene qui nel vicolo ombreggiato. Il suo grosso corpo bloccava la maggior parte della debole luce proveniente dalla strada dietro di lui.

“Stai bene?” La sua voce era ancora ruvida, ma una punta di preoccupazione la ammorbidiva un po'.

“Penso di sì”, respirai.

“Vivi qui vicino?” Mi chiese.

Ero confusa ed ero abbastanza sicura che il mio corpo fosse ancora mezzo sotto shock, quindi mi ci volle un po' per capire quello che stava dicendo e per essere in grado di formare di nuovo una frase in risposta.

“A cinque minuti a piedi da qui”, finalmente riuscii a liberarmi.

“Ti accompagno allora. Così intanto mi assicuro che quei bastardi non siano ancora in giro”.

“Okay”, dissi debolmente.

Feci un passo indietro sul marciapiede. Non avevo sentito però lo straniero seguirmi, così mi girai per vedere se era ancora in piedi nel vicolo e finii per sbattere contro il suo petto.

Aveva camminato così silenziosamente, i suoi piedi rivestiti da stivali non facevano rumore, che non mi resi conto che mi avesse seguita.

“Mi dispiace”, borbottai cercando di nascondere il mio leggero imbarazzo.

“Non preoccuparti”.

Aveva una leggera presa sulle mie braccia per evitare che cadessi per l'impatto.

Alzai lo sguardo verso di lui. Era alto sopra di me, ma nel bagliore dei lampioni ero riuscita a vedere la sua faccia e quasi rimasi senza fiato.

Aveva delle cicatrici, la forma di un segno di artigli sulla faccia all'altezza della fronte sopra l'occhio sinistro e giù fino alla base della gola.

Aveva un bel viso, ma le cicatrici distraevano così tanto che era difficile notare molto altro a prima vista.

Insieme alle sue dimensioni massicce e il colore scuro, lo faceva sembrare pericoloso.

A incorniciare il suo viso c'era un groviglio di riccioli scuri e occhi verdi quasi sorprendentemente luminosi. Incontrai il suo sguardo brevemente prima di distoglierlo subito.

Distolsi gli occhi dal suo viso, mi girai e ricominciai a camminare verso il mio appartamento. C'era un leggero rumore di passi mentre camminava dietro di me, ma troppo tranquillo per un uomo della sua taglia.

Il mio soccorritore mi seguì fino al mio palazzo dove borbottai un ringraziamento e aspettò che la porta fosse chiusa in modo sicuro dietro di me prima di andarsene.

Una volta all'interno del mio appartamento mi appoggiai alla porta. Le mie ginocchia cedettero e sprofondai sul pavimento mentre i singhiozzi mi sconvolgevano il corpo, gli eventi della notte mi stavano finalmente raggiungendo.

Solo il pensiero di quello che sarebbe potuto succedere mi dava la nausea. Dopo un po' il pianto cessò e mi alzai tremante in piedi dirigendomi verso la cucina per bere un bicchiere d'acqua.

Tutto quel pianto mi aveva fatta sentire assetata. Andai in camera da letto poiché non avevo né appetito né energia per fare molto oltre se non mettermi in pigiama e cadere esausta sul materasso.

Non ci volle molto perché il sonno mi rapisse. Continuai a svegliarmi tormentata da incubi tutta la notte.

Quando finalmente arrivò la mattina mi diedi malata a lavoro, cosa che facevo raramente.

Rimasi a letto quasi fino all'ora di pranzo prima di alzarmi per fare una doccia spinta dal bisogno di lavare via i ricordi della notte precedente.

Mi sedetti raggomitolata in una delle mie poltrone con un asciugamano avvolto intorno ai miei capelli bagnati. Chiamai mia madre bisognosa di parlarle di quello che era successo, bisognosa di conforto.

Rispose al terzo squillo, abbastanza rapidamente per essere lei, e le raccontai tutto mentre lacrime fresche scorrevano sulle mie guance, anche se più leggere rispetto alla sera prima.

Avevo pianto più in quelle ultime ventiquattro ore che negli ultimi sei mesi.

Nel pomeriggio fui finalmente in grado di mangiare qualcosa e mi sentì più rilassata. Misi su una commedia e mi accoccolai sul divano.

***

Il giorno dopo ero di nuovo al lavoro. Ero ancora un po' scossa, ma ero determinata a tornare alla normalità. Non mi sarei lasciata influenzare da questa esperienza.

Tornando a casa, però, i miei nervi quasi ebbero la meglio su di me e attraversai la strada prima di arrivare a quell'angolo vicino a quel vicolo, camminando sul lato opposto fino a essere in un posto sicuro.

Mi sentivo come se qualcuno mi stesse osservando dall'ombra tra i lampioni e aumentai il passo volendo arrivare a casa il più velocemente possibile.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

SETH

Seth King era furioso. Marciò nella casa del branco e si diresse direttamente verso le camere di riunione dell'alfa. Spalancò la porta e gli sguardi stanchi di tutti i presenti lo fissarono.

“Come diavolo hanno fatto a superare il perimetro?” Urlò.

Tutti gli uomini in piedi davanti a lui chinarono la testa distogliendo lo sguardo, incapaci di affrontare il loro alfa.

Un lupo mannaro arrabbiato era sempre qualcosa di cui diffidare, ma quando si trattava di un alfa bisognava essere stupidi a non stare attenti.

“Ci deve essere un punto debole da qualche parte nelle nostre pattuglie”. Nate, il suo beta, fu il primo che osò parlare.

“Allora trovalo”. La voce di Seth era più calma ora, ma di poco.

Quei bastardi disonesti avevano quasi fatto del male a un umano nel suo territorio e non poteva permetterlo.

Oltre a proteggere il branco, l'alfa era anche responsabile della protezione di tutti gli umani e le altre creature all'interno del territorio.

Il fatto che altri lupi mannari si fossero addentrati e avessero cercato di fare male a persone sotto la sua protezione era inaccettabile.

“Come capo delle guardie, il compito di trovare il punto debole ricade su di te, Thatcher”. Si voltò verso l'uomo in questione e fissò i suoi occhi scuri.

“Sì, mio alfa”, rispose gravemente l'uomo più anziano.

“Puoi andare”.

L'uomo si alzò muovendosi rapidamente fuori dalla stanza in modo da poter svolgere il suo compito.

“Voi due sapete cosa fare. Unitevi alla pattuglia e assicuratevi che se ne siano andati”. Si voltò a guardare i due uomini rimasti: il suo beta e il suo terzo in comando.

“Io torno indietro per assicurarmi che lei sia ancora al sicuro”.

I due uomini si guardarono l'un l'altro scambiandosi sguardi complici senza dire nulla e anche loro partirono per adempiere al loro compito.

Non appena fu solo, Seth sbatté un pugno sul tavolo rotondo al centro della stanza con un ringhio e fece un bel respiro.

Poi si diresse verso il retro della casa del branco dove una parte del muro era piena di armadietti.

Ne trovò uno vuoto e si spogliò rapidamente riponendo i suoi vestiti e chiudendolo saldamente.

Poi prese a correre a tutta velocità, saltò nell'aria e in non più di un secondo non era più un uomo, ma un lupo.

Le sue zampe scavavano nel terreno spingendolo in avanti fino a dove aveva lasciato la donna umana.

Rimase nell'ombra assicurandosi di non essere visto se qualcuno fosse uscito per una passeggiata notturna.

Essere in forma di lupo rendeva più facile fiutare qualsiasi cosa stesse cercando. I suoi sensi già straordinariamente accresciuti erano ancora più forti.

Annusò l'aria assicurandosi che il fetore dei lupi mannari incriminati non si sentisse da nessuna parte.

Creò un perimetro intorno all'edificio che poi percorse fino a quando, usando il collegamento mentale del branco, la voce del suo beta risuonò nella sua testa.

“Tutto libero, alfa. Perimetro sicuro, nessun segno delle canaglie”.

Fece un sospiro di sollievo prima di tornare verso la casa del branco dando un'ultima occhiata al suo edificio.

***

Seth era stato in ansia per tutto il giorno successivo all'invasione. Nessuno doveva essere in grado di passare i suoi confini, specialmente non arrivare così lontano come avevano fatto le due canaglie.

Si diresse verso la sua sala riunioni per l'incontro quotidiano.

Quella mattina c'era anche l'avvocato del branco insieme al beta, al terzo e al capo delle guardie. Una volta che Seth fu seduto, anche il resto degli uomini si sedette.

“Richiamo all'ordine questa riunione”, disse Seth. L'autorità dell'alfa filtrava in ogni parola.

“C'è stata una violazione la scorsa notte”, iniziò Nate.

“Due canaglie sono entrate nei nostri perimetri”, continuò Gabriel, il suo terzo in comando.

“Il punto debole è stato localizzato e messo in sicurezza. Anche la sicurezza generale è stata aumentata e lo sarà per le prossime settimane nel caso in cui loro o altri cerchino di attraversare di nuovo il perimetro”, finì Thatcher.

Era arrabbiato con se stesso per aver permesso a qualcuno di sfuggire alle guardie. Come capo delle guardie era un colpo al suo orgoglio.

Questo era il genere di cose che avrebbe potuto mettere in discussione la sua posizione nel branco se non fosse stato così rispettato e fidato.

“Bene. Anche l'umana è al sicuro”, disse Seth appoggiandosi alla sedia con una gamba incrociata sull'altra e le braccia sui braccioli.

“Dobbiamo anche parlare di questi attacchi. Stanno peggiorando e sono sempre più vicini al perimetro anche se continuano a costeggiare la linea sempre appena fuori dalla nostra portata”. La frustrazione che tutti sentivano era evidente nella voce di Nate.

“Cosa dobbiamo fare, alfa?” Chiese Gabriel e tutti gli occhi erano ora su Seth.

Una piega si formò tra le sue sopracciglia mentre considerava attentamente la sua risposta.

“Aspettiamo. Speriamo che si stanchino e si spostino in nuovi territori di caccia. Se li inseguiamo rischiamo di essere spinti nel territorio di alfa Caleb e questo significherebbe guerra”.

Così fu deciso che avrebbero aspettato il loro tempo sperando che chiunque fosse là fuori si sarebbe avvicinato abbastanza da poterlo attaccare ed eliminare la minaccia, o semplicemente se ne sarebbe andato.

Dopo la riunione, il gruppo si sciolse per occuparsi dei propri compiti individuali. Tutti tranne Nate che rimase con Seth dopo che gli altri se ne erano andati.

“Sputa il rospo”, disse Seth dopo aver visto lo sguardo sul volto del suo beta.

“Io e Gabriel stavamo parlando”, iniziò.

Seth alzò un sopracciglio interrogativo. “E?”

“Beh, è lei?” Chiese infine.

Seth lasciò uscire un soffio d'aria e si passò una mano sul viso.

“Non lo so. Forse”.

***

Più tardi quel giorno, Seth la scovò in una libreria dove scoprì che lavorava.

Era stato facile considerando il suo incontro ravvicinato con lei la sera prima. Il suo profumo di vaniglia e miele era ancora chiaro nella sua mente.

Le rimase vicino guardandola con curiosità. Quando lei si era avviata verso casa lui l'aveva seguita con tutti i suoi sensi acuti in allerta in caso di altri intrusi.

Il suo evidente disagio e i suoi nervi gli fecero venir voglia di uscire dall'ombra e confortarla, lisciare la piega tra le sue sopracciglia e dirle che ora era al sicuro.

Aspettò che lei fosse al sicuro a casa, come aveva fatto la notte precedente, prima di tornare alla casa del branco chiedendosi come questa umana avesse catturato la sua attenzione così follemente.

Aveva dovuto salvare altri prima di lei, ma nessuno lo aveva mai fatto sentire così protettivo prima.

***

Continuò a guardarla la settimana successiva, ogni volta che aveva del tempo libero.

Disse a se stesso che si stava solo assicurando che lei stesse bene dopo un'esperienza così traumatizzante, che lo avrebbe fatto anche per qualsiasi altro umano.

Ma sospettava, come il suo beta e il terzo, che ci fosse più di questo.

***

Il venerdì seguente alcuni vampiri nomadi stavano passando in città. Avevano chiesto il permesso e lui lo aveva concesso a patto che promettessero di non nutrirsi sulla sua terra.

L'inquietudine di Seth era aumentata e quando il giorno finalmente arrivò, si ritrovò a guardarla ancora più da vicino.

Era andato al suo lavoro e l'aveva tenuta d'occhio da una distanza di sicurezza. L'aveva seguita a casa quando era entrata per raccogliere quello che si era rivelato essere un libro prima che la sua passeggiata li portasse al parco.

Lì si era seduta a leggere su una panchina completamente persa in quello che stava facendo.

Sapeva che se avesse osservato meglio il suo comportamento sarebbe apparso come un completo verme. Stava letteralmente perseguitando questa donna.

Se lei avesse saputo che la stava seguendo era sicuro che sarebbe andata fuori di testa.

Seth annusò l'aria e sentì il profumo dei vampiri, il suo corpo si irrigidì per un momento e i suoi occhi sfrecciarono verso la donna che leggeva. Erano vicini.

Passeggiò lungo il sentiero costringendosi a non correre e posizionandosi sulla panchina di fronte a lei pronto a difenderla se necessario.

Tirò fuori il suo telefono per controllare se Nate gli avesse mandato un altro messaggio dato che il collegamento mentale funzionava solo quando erano in forma di lupo.

Gli sms erano il loro mezzo di comunicazione a distanza quando erano in forma umana.

Sentì il suo battito cardiaco accelerare e la guardò solo per trovarla che lo guardava di rimando, una traccia di meraviglia e curiosità chiara in quei suoi occhi blu.

Quando si rese conto di essere stata scoperta abbassò rapidamente lo sguardo e Seth vide un accenno di rossore salire sulle sue guance. Lui soffocò un sorriso prima di riportare la sua attenzione sul telefono.

Nate gli stava dando aggiornamenti sui vampiri. Avevano diverse guardie che li seguivano assicurandosi che non facessero niente di stupido.

Apparentemente erano legati sentimentalmente alla Pinewood Valley da prima che l'area appartenesse ai lupi mannari del branco di King.

Si erano fermati in alcuni punti, ma fortunatamente trenta minuti dopo ricevette un messaggio che erano di nuovo fuori dal suo territorio.

Durante quei trenta minuti Seth aveva preso una decisione. C'era solo un modo per scoprire se i suoi sospetti erano veri e quello sarebbe stato un momento buono come un altro per farlo.

Si alzò e camminò con esitazione verso la donna sull'altra panchina e poi si sedette accanto a lei.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Menti perverse

Elaina Duval ha vissuto una vita perfettamente felice e normale con sua madre, fino al giorno in cui ha compiuto diciotto anni. Il giorno del suo compleanno scopre di essere stata promessa al crudele e senza cuore Valentino Acerbi, destinato a diventare capo della mafia italiana. Senza scelta o voce in capitolo, viene trascinata nel suo mondo contorto e costretta a sopportare cose che nessun essere umano dovrebbe sopportare… Ma se la cosa iniziasse a piacerle?

Età: 18+ (Attenzione ai contenuti: Violenza, Abuso sessuale, Stupro, Traffico di esseri umani)

Appuntamento con il rapitore

Talia ha solo diciassette anni quando viene rapita dal boss mafioso Axel. Riesce a fuggire, ma non prima di aver scoperto quanto crudele può essere la vita. Per proteggersi, scappa lontano e cambia identità. In pochi anni diventa una forte donna d’affari che non si guarda mai indietro. Ma poi qualcosa la obbliga a stringere un patto con il diavolo che l’aveva rapita… Ora che l’ha ritrovata, non sarebbe stato facile scappare di nuovo!

Età: 18+

La sua nerd

Ava Darling sarà anche una nerd, ma non vede l’ora che finisca il liceo. Nelle giornate fortunate, i suoi compagni la ignorano. Di norma, invece, la prendono in giro. Manca soltanto un anno, però. Poi potrà andare all’università e ricominciare da capo. Ma uno scherzo crudele farà finire Ava nel mirino di Hunter Black, il bullo della scuola, che le si avvicinerà con una proposta bizzarra. I due non potrebbero essere più diversi, ma con il lavoro di squadra, potrebbero scoprire che in fondo, molto in fondo, hanno in comune molto più di quanto pensino!

Età: 16+

Rapita dall’alfa

Scosto lentamente la tenda dalla finestra e guardo fuori sulla strada. Si sta facendo buio, la luna illumina il marciapiede deserto. A qualsiasi altro occhio, la scena potrebbe apparire innocua, persino serena.

Tutte le porte sono chiuse, le tende tirate. I loro cancelli sono sbarrati e i loro bambini sono al sicuro all’interno. Ma tutti sono in allerta, come ogni notte…

Età: 18+

La regina dei licantropi

La diciannovenne lupa mannara Aarya non si era mai considerata un’inguaribile romantica, fino a quando non venne lasciata dal ragazzo di cui era innamorata per una nuova compagna. Con il cuore appena spezzato, partecipa con riluttanza al Ballo dei Licantropi, dove incontra il re, Dimitri Adonis, e la loro connessione si dimostra istantanea. Da quel momento, la focosa coppia deve navigare nel pericoloso mondo degli intrighi imperiali, affrontando allo stesso tempo ex amanti respinti, subalterni gelosi e altro ancora.

Età: 18+

I guerrieri di Torian

La terra è sotto attacco per mano di una mostruosa razza aliena che non brama altro che distruzione. Lilly e le sue sorelle più piccole vengono catturate e rischiano di morire… ma improvvisamente il meraviglioso re guerriero Bor giunge da un altro pianeta e le salva. La sua missione è quella di proteggere tutti gli umani, ma, ora che l’ha conosciuta, ha occhi solo per Lilly. Riuscirà a mantenere il suo impegno insieme al suo amore o dovrà sacrificare tutto per lei?

Età: 18+

La chiamata dell’alfa

Lyla si reca alla riunione del branco in Missisipi senza sperare di trovare il proprio compagno predestinato. Ultimamente, infatti, è raro che i lupi vengano accoppiati durante il rituale e, onestamente, Lyla preferirebbe continuare a frequentare il suo ragazzo attuale, che conosce da sempre.

Quando la cerimonia di accoppiamento inizia, Lyla segue l’ululato che le mostrerà il suo vero compagno, che si rivelerà essere Sebastian, l’alfa reale. Accetterà quindi il suo destino come luna reale oppure sceglierà di rimanere con il ragazzo della porta accanto che ancora occupa uno spazio nel suo cuore?

Età: 18+

Omega

La vita di Alice scorre piuttosto noiosa: va al liceo, guarda Gossip Girl con la sua migliore amica Sam e ha un lavoro part-time in una tavola calda. Non le succede mai niente di eccitante, fino alla fatidica sera in cui, uscita a gettare la spazzatura fuori dal luogo di lavoro, viene improvvisamente morsa da un lupo.

Al risveglio, avvenuto la mattina successiva, Alice nota con sorpresa come il morso sia già completamente guarito e lei si sente anzi meglio che mai e piena di energia. Il problema è che non è l’unica ad aver notato questi miglioramenti… Il malvagio Ryder e la sua banda sono improvvisamente molto interessati a lei, ma per quale motivo?

Età: 16+