logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Keily la grassona

Keily è sempre stata sovrappeso, ma, anche se aveva le sue insicurezze, non ha mai permesso che questo fatto la ostacolasse. Le cose sono però cambiate quando si è trasferita in una nuova scuola, dove ha incontrato il più grande stronzo di sempre: James Haynes. James non ha mai perso l’occasione di prenderla in giro per il suo peso o di sottolineare i suoi difetti. Ma il fatto è che… le persone che dicono le cose più cattive spesso lo fanno per nascondere i loro problemi e James nasconde infatti un enorme segreto. Ed è un segreto che riguarda Keily.

Età: 18+ (Attenzione ai contenuti: molestie sessuali, aggressioni

 

Keily la grassona di Manjari è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

KEILY
Addison
Sono qui.

Dopo aver letto il messaggio, ho rimesso il cellulare nella tasca dei jeans e ho buttato giù gli ultimi cereali. Dopo aver raccolto la mia borsa ed essermi pulita le mani sui jeans, mi sono precipitata verso la porta d'ingresso.

“Mamma, Addison è qui!” Ho urlato verso la cucina. “Me ne vado. Ciao!”

“Buona fortuna per il tuo primo giorno!” Ho sentito mamma gridare mentre mi chiudevo la porta alle spalle.

Addison, mia cugina, mi stava aspettando in macchina. La sua pelle di mogano brillava meravigliosamente sotto la luce del sole e i suoi capelli ricci e castani erano domati in un'alta coda di cavallo.

Ho abbassato un po' la camicia per assicurarmi che la mia pancia fosse coperta. La camicia che indossavo oggi era più lunga del solito, ma non faceva male controllare due volte che coprisse ciò che doveva coprire.

“Ehi”, mi ha salutata Addison quando mi sono seduta sul sedile del passeggero.

“Ciao”.

“Allora, sei emozionata? Oggi è il tuo primo giorno”, ha cinguettato avviando il motore. “Sarai la ragazza nuova, Keily”.

“Stai parlando come se fossimo in qualche spettacolo per adolescenti, dove i ragazzi sexy mi salteranno addosso e le cheerleader mi combatteranno con gli artigli”. Ho cominciato a ridacchiare, le sue vibrazioni positive mattutine mi avevano contagiata.

“Ehi! Le mie ragazze non hanno artigli, danno pugni”. Addison ha sorriso.

“Oh, se è così, ricordami di tagliarmi le unghie e di prendere lezioni di boxe”, ho risposto scherzando.

Il nostro botta e risposta mi ha aiutata a calmare i nervi tesi. Oggi sarebbe stato il mio primo giorno alla Jenkins High.

Avevo trascorso i miei primi diciotto anni di vita nei sobborghi di Remington, quindi trasferirmi qui e iniziare il mio ultimo anno di scuola superiore in una città completamente nuova era, a dir poco, travolgente.

Trasferirsi non era proprio nei nostri piani, ma quando l'azienda di mamma aveva deciso di aprire la loro nuova filiale qui e le aveva chiesto di diventarne la project manager principale, rifiutarsi non era stata un'opzione.

Bradford era la città natale di mamma, il luogo dove era cresciuta e aveva trascorso ventuno anni della sua vita. Inoltre, avrebbe ricevuto un buon aumento di stipendio.

Anche a mio padre non dispiaceva: a essere onesti, non gli sarebbe dispiaciuto trasferirsi in qualunque angolo del mondo. Era un designer freelance di software e siti web, quindi trasferirsi per lui non era un grosso problema.

Ma lo era per me…

Non avrei voluto lasciarmi alle spalle il conforto di un luogo conosciuto e di persone familiari (anche se non si trattava di persone particolarmente cortesi). Sarebbe dovuto accadere un anno dopo, quando mi sarei trasferita al college, non ora.

Eravamo arrivati qui subito dopo la fine dell'anno scolastico, quindi avevo avuto quasi due mesi di preparazione e di passeggiate in questa città prima di iniziare alla Jenkins.

Addison, la figlia del fratello di mia madre, era stata un'ottima guida turistica e una buona amica (o cugina). Grazie a lei, la mia antipatia per tutta questa traversia di sradicare le nostre vite era scesa di una tacca.

Siamo andate d'accordo fin dall'inizio grazie al nostro amore per gli anime e Taylor Swift. Era una persona davvero divertente e facile da frequentare.

Mi aveva anche presentata a un paio delle sue amiche, facendo sentire la qui presente solitaria molto ben accolta.

Inoltre, mi aveva anche promesso un passaggio a scuola, dato che casa sua era a pochi isolati di distanza dalla mia. La mia teoria era che si sentisse obbligata a farlo perché ero sua cugina; tuttavia, non potevo rifiutare.

Accettare un passaggio da mia cugina mi sembrava più invitante che incastrare il mio corpo nei piccoli sedili di un autobus e ricevere sguardi di condiscendenza e battute dagli altri adolescenti ogni mattina.

Ne avevo già ricevuti abbastanza a Remington.

“Siamo arrivate”. Addison ha suonato il clacson, disperdendo la folla intorno al parcheggio, facendosi strada verso un posto libero.

Ho guardato il grande edificio che si ergeva di fronte a noi, con una sensazione pesante che mi premeva sulle spalle. I nervi mi si tendevano di nuovo all'impazzata.

“Benvenuta nel tuo nuovo inferno, signorina”, mi ha preso in giro mia cugina. È scesa e io l'ho seguita come una cucciola smarrita (una cucciola molto grande).

Ancora una volta, ho tirato giù la maglietta, sentendomi a disagio a camminare accanto ad Addison.

Mia cugina non era solo nella squadra delle cheerleader, ma era anche una delle migliori velociste secondo i suoi amici. Non c'era da meravigliarsi che avesse il corpo che ogni donna desiderava.

Era magra, meravigliosamente formosa e muscolosa, solo un paio di centimetri sotto il metro e ottanta.

Vestita con jeans attillati e un crop top, che lasciava visibile solo un accenno della sua pancia scolpita, sembrava uscita direttamente da una rivista di moda.

Io, d'altra parte, raggiungevo a malapena la sua spalla. Avevo una grossa pancia, braccia flaccide e tronchi al posto delle gambe.

Le mie uniche risorse degne di considerazione erano probabilmente il mio seno e i miei fianchi. Ma anche loro erano una seccatura quando facevo shopping.

Quel giorno ero vestita con leggings neri e un top fluido per nascondere la mia ciccia.

Anche se li consideravo i miei migliori vestiti casual, accanto ad Addison mi sentivo poco vestita, e anche molto fuori forma.

Guardatela: è bellissima.

“Hai il programma, la mappa e il codice dell'armadietto, giusto?” Mi ha chiesto mentre raggiungevamo le scale che portavano alle porte aperte dell'inferno.

“Sì, li ho ricevuti sabato. Non devi farmi da babysitter, non importa cosa ti ha detto mia madre”. Siamo entrate nei corridoi e immediatamente sono stata circondata dal trambusto familiare del liceo.

Addison ha messo il broncio. “Keily, non sto con te perché tua madre o mio padre mi hanno detto di farlo. Mi è piaciuto molto passare le mie vacanze in tua compagnia. Ti considero ufficialmente più un'amica che una cugina”.

Questo mi ha fatto sentire in colpa per la mia battuta.

“Mi dispiace. È solo che non voglio disturbarti. Mi stai già dando un passaggio a scuola. Non voglio essere un peso”.

“A cosa servono gli amici se non a essere un peso?” Ha scherzato Addison facendomi sorridere. È perfetta.

“Se la metti così, capisco il tuo punto di vista”. Ho risposto, incapace di stare al passo con le sue osservazioni spiritose.

“Parlando di fardelli, lascia che te ne presenti qualcuno”. Ha iniziato a camminare verso il gruppo di ragazze, tutte magre, belle e alte. Uno sguardo e chiunque poteva dire che non appartenevo a quella compagnia.

Mi sono rimproverata mentalmente per i miei pensieri e ho soffocato le mie fastidiose insicurezze.

Se non fosse stato per Addison, mi sarei sentita completamente isolata qui. Avrei dovuto esserle grata per il fatto che non avrei passato il mio primo giorno arrancando goffamente tra questi vasti corridoi.

Così, con un sorriso eccitato, ho seguito Addison, lasciando che fosse la mia mentore.

***

“Come sta andando il primo giorno per tutti?” ha chiesto il nostro insegnante. Era la terza lezione del giorno.

La risposta è stata un gemito collettivo con un misto di “noioso” e “bene”. Ovviamente, questi studenti non condividevano il suo entusiasmo.

“Fa parte del vostro lavoro essere sempre così angustiati?” Ha sospirato e ha iniziato a scrivere sulla lavagna. Joseph Crones.

“A tutti i nuovi studenti”, il suo sguardo si è soffermato su di me per un po', “sono Joseph Crones. Potete chiamarmi signor Crones”.

Ho annuito quando mi ha guardata di nuovo. Sono l'unica nuova in questa classe?

“Visto che è il nostro primo giorno di inglese, perché non…” è stato interrotto dalla porta della classe che si è aperta.

È entrato un ragazzo che ha consegnato un foglio al signor Crones. Non ho potuto fare a meno di studiare i suoi lineamenti. Era alto, sicuramente oltre il metro e ottanta, e con un corpo da atleta.

Dai muscoli sporgenti delle sue braccia, si poteva facilmente capire che il resto del suo fisico fosse altrettanto robusto e muscoloso.

Gli sono caduti gli occhi su di me e mi sono resa conto che lo stavo fissando. Ho abbassato immediatamente lo sguardo e la mia faccia si è arrossata.

Odiavo come il mio viso mostrasse facilmente il mio imbarazzo, diventando rosso a ogni occasione.

“Signor Haynes, dica all'allenatore di lasciarla andare via prima o di tenerla in campo con lui”, ha detto il signor Crones a Haynes con tono di rimprovero.

“Diglielo tu”, ho sentito Haynes borbottare mentre il rumore dei passi diventava più forte. Il nostro insegnante non l'ha sentito o comunque ha deciso di ignorarlo.

La mia testa era ancora giù, così quando sono apparse un paio di scarpe Nike, le mie sopracciglia si sono aggrottate e, senza che me ne rendessi conto, ho spostato la testa verso l'alto. Haynes si stava mettendo comodo al banco proprio accanto a me.

Un paio di banchi accanto al mio erano ancora liberi. La mia solita sfortuna. Doveva sedersi proprio a questo! Oh mio Dio…

Sapevo che stavo esagerando, ma il ragazzo mi aveva appena sorpresa a guardarlo. Era imbarazzante. Se fossi stata come Addison, non avrei dato di matto così tanto.

Ma ero io, una ragazza grassa, e non avevamo il diritto di andare dietro a uomini belli come lui.

“Come stavo dicendo”, ha ricominciato a dire il signor Crones, “è il nostro primo giorno, quindi sto dando a tutti voi un compito che dovrete consegnare entro la fine del semestre. Va bene?” Ha fatto un sorriso gentile.

Un altro gemito collettivo è seguito come risposta.

“Molto bene”. Voleva che scrivessimo una tesi o un saggio di cinquemila parole su qualsiasi opera di Shakespeare.

Dovevamo fare un'analisi approfondita della sua opera e anche spiegare come era stata influenzata dalla politica e dalla cultura del periodo elisabettiano.

Onestamente, ero entusiasta di questo compito. Mi piaceva la letteratura: era divertente.

“Ehi!” Una mano ha sbattuto sul mio banco, facendomi quasi saltare. Haynes aveva la sua mano sul mio banco.

I miei occhi sono scattati verso l'insegnante Crones – che era occupato a scrivere sulla lavagna – poi si sono spostati sul ragazzo che mi era accanto.

Le ciocche dei suoi capelli castano scuro gli cadevano sulla fronte e, in qualche modo, lo facevano sembrare pericolosamente bello. Potevo distinguere uno sguardo calcolatore e allo stesso tempo di sfida nei suoi occhi neri come la pece.

Le sue labbra rosa si stavano contraendo: stava cercando di nascondere un sorriso. Anche se questo ragazzo sembrava l'incarnazione di Adone in persona, lo sguardo che mi lanciava era sinonimo di problemi.

Uh…

“Sì?” Odiavo quanto piagnucolosa suonasse la mia voce. La mia faccia stava già bruciando. Smettila di essere così debole!

Ho visto i suoi occhi squadrarmi il corpo dalla testa ai piedi. Non so se la mia mente mi stesse facendo degli scherzi, ma il suo sguardo mi ricordava tutti quelli che avevo ricevuto durante la mia adolescenza.

Potevo già sentire il suo giudizio: grassa e pigra.

“Allora”, ha detto, facendomi uscire dal mio stordimento.

“Eh?”

Le sue labbra si sono sollevate verso l'alto in un sorrisetto malizioso. Il mio viso è arrossito ancora di più.

“Ti ho chiesto se puoi prestarmi una penna. Ho dimenticato la mia”.

Oh.

Mi sono mossa per prenderne una dallo zaino, ma mi è caduto lo sguardo sulla tasca dei suoi jeans. C'erano due penne che sbucavano fuori.

Cosa stava cercando di fare?

“No”. La mia voce è uscita più dura di quanto volessi. Stavo cercando di non sembrare debole, ma ho finito per sembrare una snob. Ben fatto.

Ho girato la testa verso il signor Crones, che era ancora impegnato a scrivere. A essere onesta, non volevo trovarmi in nessun luogo vicino a questo Haynes o avere una ragione per essere associata a lui. Non volevo dargli la mia penna.

La sua faccia, il suo corpo, il suo atteggiamento, persino il modo in cui era seduto sulla sua sedia come un re, mi ricordavano tutti quei ragazzini che pensavano di possedere il mondo e ridicolizzavano le persone come me a ogni occasione.

Forse ci stavo ragionando sopra un po' troppo, ma era meglio non rischiare.

Ho sentito uno sbeffeggio provenire dalla sua parte e, senza nemmeno guardare, sapevo che mi stava fissando.

“Con tutto quel grasso che ti spunta dal corpo, hai proprio una bella arroganza”. Le sue parole hanno schiacciato la poca fiducia che ero riuscita a mettere insieme.

Volevo davvero rispondergli a tono, ma, come sempre, la mia lingua si è bloccata e gli ho semplicemente lanciato un'occhiataccia. Stava scrivendo sul suo quaderno con una penna che nessuno gli aveva dato.

Mi sono voltata indietro, il mio pugno si è stretto.

Stronzo!

Era meglio stargli lontano perché alla fine, per quanto lo volessi, non potevo combattere contro gli stronzi come lui.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

Ho spinto i miei libri dentro il mio armadietto e l'ho chiuso, in maniera piuttosto brusca. L'insulto di Haynes mi bruciava ancora dentro la mente, rovinandomi l'umore.

Codarda com'ero, il mio armadietto ha pagato il prezzo della mia rabbia invece del ragazzo che ne era responsabile.

“Keily!” Addison stava correndo verso di me. Un'altra ragazza, che si era presentata come Lola quella mattina, la stava seguendo.

“Come sta andando la tua giornata?” le ho chiesto quando mi ha raggiunto.

“Finora tutto bene”.

Ho guardato Lola, non volendo che si sentisse esclusa.

Lei si è limitata ad alzare le spalle. Lola non parlava molto.

“Forza, andiamo. Sadhvi ci starà aspettando”, ha detto Addison, unendo le sue braccia alle mie e a quelle di Lola e portandoci di corsa alla caffetteria.

Era l'ora di pranzo. Addison mi aveva invitata in mattinata a sedermi con lei e le ragazze.

Che cugina figa che ho!

“Che mi dici di te? C'è qualche scandalo di cui noi cheerleader possiamo già spettegolare?” ha chiesto mia cugina.

Mi sono lasciata sfuggire un brutto grugnito. “Ti farò sapere”.

“Ho sentito che la tua lezione d'inglese è tenuta dal signor Crones”.

Ho annuito.

“È un tipo abbastanza figo, a pensarci bene, fastidioso, ma figo. Anche se per tutto l'anno sarai sommersa da un sacco di compiti, quindi tieniti pronta”.

Addison ha emesso un gemito. “Siamo rimasti bloccati sul vecchio Whitman, quel corvo rancoroso. Sei fortunata, K”.

La mia prima impressione del signor Crones era stata che fosse un tipo rilassato. Era troppo entusiasta, per i miei gusti, ma almeno era amichevole con noi studenti.

Quando siamo entrate nella mensa, l'odore del cibo mi ha invaso il naso. I rumori rimbombanti delle chiacchiere degli studenti riempivano la grande stanza. Il mio umore è migliorato finché i miei occhi non si sono posati su Haynes.

Mi stava già guardando. Era al tavolo proprio accanto alla finestra, seduto lì come un re sul suo trono.

I suoi occhi si sono ristretti e ho distolto lo sguardo. Idiota.

“Lascia che ti presenti ai ragazzi”, ha detto Addison. Ha salutato i ragazzi al suo tavolo. Oltre a lui, c'erano altri quattro ragazzi: due di loro hanno ricambiato il saluto. No!

“Va tutto bene. Non dobbiamo disturbarli”, ho provato a protestare, ma Addison aveva già iniziato a trascinarci al loro tavolo.

Nonostante la mia riluttanza, mi ha tirato con lei come se non pesassi nulla, e questo è tutto dire. Cosa mangia questa ragazza?

“Ti piaceranno, tranne James. È un coglione”.

Abbiamo raggiunto il loro tavolo. Addison ha dato il cinque a un ragazzo biondo. Lola li ha salutati tutti con un solo cenno del capo. E io ho guardato ovunque tranne che verso di lui, sentendo il suo sguardo abbagliante.

“È lei la cugina di cui parlavi?” Ha chiesto il ragazzo biondo ad Addison.

Addison ha annuito. “Keily, questo è Lucas. Lucas, questa è Keily”.

“Ciao”. Ho fatto un piccolo sorriso, e la mia timidezza ha fatto capolino. Lucas era un bel ragazzo. Aveva tratti del viso nitidi, con occhi verdi e labbra a forma di cuore. Probabilmente aveva molte ragazze in lizza per lui.

“È bello avere un bel viso intorno”, ha detto Lucas con un sorriso molto genuino. “Spero che avremo qualche lezione insieme. La cugina di Addison è mia… amica”.

“Sarà meglio che rimanga tua amica. Non vogliamo che tu esca con una mucca”, ha commentato una voce. Haynes.

Il mio sorriso è svanito. Fa male.

“Zitto, James”. Addison l'ha fulminato con lo sguardo. Quindi si chiamava James. “Vuoi solo che tutti siano infelici come te, vero?”

James Haynes ha sgranato gli occhi.

“Ok, ok”, si è intromesso Lucas, i suoi occhi danzavano tra Addison e James, che si stavano fulminando con gli sguardi.

“James, sei di cattivo umore dall'ora di Storia. Dio solo sa perché. Ma non devi prendertela con gli altri”.

Addison ha sbuffato, mettendomi un braccio intorno alla spalla. Mi sentivo come una nana, una nana molto grata. Aveva preso le mie difese. Se solo avessi potuto farlo anch'io per me stessa.

“Ce ne andiamo”, ha sentenziato mia cugina. “Sadhvi ci sta aspettando”.

Mentre iniziavamo a camminare, Lucas ci ha fermate. “Ehi, non lasciare che questo musone ti rovini l'umore. Non andate. A quest'ora Sadhvi avrà già trovato altre ragazze”.

Mi ha guardato. “Keily, mi scuso per lui. Sta avendo una brutta giornata”.

“Non è una buona scusa”, ha mormorato Lola.

“Sì, non lo è”. Un altro ragazzo si è alzato. Indossava gli occhiali, il che gli dava un'aria di maturità. “Sentite, perché non vi sedete qui con noi? Vogliamo tutti conoscere Keily”.

È diventato cento volte più affascinante quando ha sorriso. “Siete nostre ospiti”, ha aggiunto il povero ragazzo quando Addison non ha risposto.

Ho sentito James schernirsi, probabilmente trattenendo qualche osservazione sul mio peso e su come avrei mangiato troppo.

Addison l'ha guardato male ma ha ceduto comunque. Speravo che non lo facesse, ma ormai avevamo tutti stabilito che lei era la nostra leader. Abbiamo fatto quello che ha detto.

Mi sono seduta accanto a Lucas, iperconsapevole di quanto spazio occupassi.

Non aiutava il fatto che James fosse proprio di fronte a me, come se volesse tagliarmi la testa per essermi seduta accanto al suo amico.

Sono poi così male?

Gli altri ragazzi si sono presentati.

Matt, il ragazzo con gli occhiali, e gli altri due, Axel e Keith, sono andati a prenderci il pranzo. Eravamo loro ospiti, dopotutto.

“Allora Keily, ti stai divertendo qui…” Lucas si è fermato, il suo viso aveva un'espressione corrucciata. “Lasciami riformulare la frase: non ti stai annoiando troppo, vero?”

“Non molto. Gli insegnanti sono abbastanza bravi”.

“Fico. A proposito, se qualcuno qui ti dà dei problemi, vieni da me. Me ne occuperò io”.

Occupati del tuo amico, gli volevo rispondere.

“Non devi fare l'eroe, Lucas. Lei ha già me per quello”, ha detto Addison.

“Addy, lascia che faccia colpo su tua cugina”, Lucas ha messo il broncio. Era così dolce.

Una risatina mi è sfuggita per le sue adorabili bravate, ma si è bloccata quando ho visto che James mi guardava con gli occhi serrati.

Matt, Keith e Axel si sono uniti a noi, portando cibo per venti persone anche se eravamo solo in otto.

Abbiamo tutti cominciato ad abbuffarci come gli animali affamati che poi sono gli adolescenti, ma io sono stata attenta a non esagerare, specialmente con James seduto lì. Non volevo dargli altre munizioni.

Sembrava che ogni mia azione fosse controllata da come avrebbe reagito.

Mentre il cibo raggiungeva le nostre bocche, le chiacchiere al tavolo si susseguivano.

Ho scoperto che Lucas era il capitano della nostra squadra di football. Avevo sospettato che fosse un atleta, con i suoi muscoli e la sua altezza.

Anche James era nella squadra. I due sembravano essere buoni amici. L'ho capito quando Lucas continuava a lanciare insulti a James, e riceveva in cambio insulti altrettanto duri.

Secondo Matt, James e Lucas erano i loro giocatori chiave. L'ho preso in parola.

Keith e Axel erano nella squadra di atletica. Addison passava la maggior parte del tempo a parlare con loro del loro prossimo torneo.

Lola ascoltava in silenzio, mentre Matt le sussurrava all'orecchio. Era così vicina che si era quasi seduta sulle sue ginocchia.

“Stanno uscendo insieme”, mi ha informato Lucas quando mi ha sorpreso a guardarli.

Lucas mi ha chiesto della mia città e della mia scuola precedente. Ho risposto a tutte le sue domande e lui ha ascoltato pazientemente. Ero lusingata dal fatto che un ragazzo come lui mi prestasse attenzione.

La sua natura amabile mi ha dato il coraggio di fargli a mia volta delle domande.

Abbiamo parlato di football, ma quando non riuscivo a stargli dietro, ha cambiato conversazione passando alle materie che stava seguendo. Ho scoperto che condividevamo calcolo ed educazione fisica.

Questo pranzo sarebbe stato il migliore degli ultimi tempi se non fosse stato per James Haynes. Ho cercato di ignorarlo, ma era difficile visto che continuava a lanciarmi occhiate.

Per fortuna non ha fatto altri commenti su di me. Non mi ha nemmeno rivolto la parola e si è fissato silenziosamente su uno sguardo alla “non mi dispiacerebbe ucciderti”.

Avrei dovuto dargli quella stupida penna.

***

“Keily”.

“Sì”. Ho guardato mio padre. Eravamo sul divano.

Dopo essere tornata da scuola, aver mangiato qualche snack e aver dormito per circa un'ora, avevo finito i miei compiti.

Non si trattava di molto, visto che era stato il nostro primo giorno (anche se dovevo ancora iniziare il compito del signor Crones). Ora si stavano avvicinando le 7 di sera e io e mio padre eravamo in salotto.

Io ero al telefono, e lui stava lavorando, incollato come sempre al suo portatile.

Papà aveva già preparato la cena. Stavamo aspettando che mamma tornasse dal lavoro.

“Quale colore è meglio?” mi ha chiesto, girando lo schermo verso di me. Due pagine del browser affiancate con l'intestazione Ample.com mi fissavano.

Si stava riferendo al colore del tema. Uno era un marrone più scuro che sfumava in un marrone chiaro. L'altro era anch'esso marrone, ma di una tonalità diversa.

Ho indicato il primo.

“Mi piace questo anche a me” ha sorriso e ha chiuso la pagina web. I miei occhi erano ancora sul suo schermo quando ho notato un software sconosciuto.

“Aspetta. Perché non stai usando Atom? È il tuo strumento preferito”, ho chiesto. Ha sempre usato l'IDE di Atom per progettare siti web.

“Il cliente voleva che usassi questo”.

“Il software è nuovo? Non l'ho mai visto prima”.

“Sì, è stato lanciato un anno fa”. Ha iniziato a digitare sul suo portatile prima di fermarsi di nuovo. Mi ha guardato, i suoi occhi marroni erano scintillanti. “Vuoi vedere le sue caratteristiche?”

Ho annuito con entusiasmo. Era ovvio che condividessi l'interesse di mio padre nella progettazione di siti web e nella codifica.

“Ok, ragazza, non prendermi in giro. Sto ancora imparando”.

“Non posso promettertelo”. Ho sorriso.

A causa di mio padre, l'informatica era la mia materia preferita. Prima ero entusiasta di frequentare la lezione. Tuttavia, l'eccitazione era svanita quando avevo visto James seduto nel laboratorio di informatica.

Avrei potuto gestire la cosa, ma l'insegnante ci aveva chiesto di sederci in ordine alfabetico e poiché K viene dopo J, dovevamo sederci di nuovo l'uno accanto all'altra.

Per quasi un'ora, ho dovuto sopportare i suoi sguardi giudicanti, e quando ho fatto l'errore di guardarlo a mia volta, sono stata sommersa da battute sui grassi.

Le mie due classi preferite, Inglese e Informatica, si erano trasformate in… non così preferite. Come se non bastasse, avevamo condiviso anche Calcolo.

Ma Lucas era stato lì per tenerlo sotto controllo, quindi era stato sopportabile. Anche se gli ero grata, mi sentivo male al pensiero che Lucas avesse dovuto combattere il suo amico per colpa mia. Era una persona così gentile.

Se solo potessi combattere da sola.

La nostra porta d'ingresso si è aperta ed è entrata mamma.

“Bentornata”, ho detto, prima di tornare a fissare lo schermo del portatile.

“Vado a farmi una doccia”. Ha messo la sua borsa sulla sedia libera. “E voglio questo portatile chiuso e voi due a tavola prima del mio ritorno”. Con questo avvertimento, si è diretta al piano di sopra.

“Sì, mamma. Sì, tesoro”, io e papà abbiamo mormorato all'unisono.

Mi sono preparata per l'imminente interrogatorio a cena sul mio primo giorno di scuola.

Mia madre aveva già molto da fare con questo suo nuovo lavoro. Non aveva bisogno di sentire sua figlia lamentarsi di un adolescente crudele.

Lascerò probabilmente fuori la parte di James.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Colt

Summer sarà anche sposata con un bell’uomo d’affari, ma lei sa cose sul suo carattere che gli altri non sanno. Quando suo fratello scopre cosa sta passando, vuole farla proteggere dal club dei motociclisti. Solo che Summer non vuole averci niente a che fare… finché non incontra il Diavolo e si rende conto che non c’è niente di meglio di un cattivo ragazzo per farle battere il cuore.

Età: 18+

Il mio fratellastro è un orso mannaro

La notte della più grande festa dell’ultimo anno, Helen non è entusiasta di essere al matrimonio riparatore di sua madre con un brizzolato uomo di montagna di Bear Creek. Questo finché non incontra Sam, il montanaro più sexy del mondo, che sfortunatamente è anche il suo fratellastro. Nonostante siano polarmente opposti e appena imparentati, i due sono attratti l’uno dall’altra. Ma mentre si avvicinano, Helen scopre qualcosa: Sam ha un segreto che riesce a nascondere a malapena…

Età: 18+

Verso la caduta del CEO

Cece Fells è una delle più talentuose giovani pasticciere di Londra. Questo fino a quando il miliardario Brenton Maslow non demolisce la sua pasticceria per costruire uno schifoso parcheggio! Ora l’infuriata artista dei cupcake è in missione per distruggere l’amministratore delegato della Maslow Enterprises, attraente in modo insopportabile… Sempre che non si innamori di lui!

Età: 18+

L’accordo

Xavier Knight conosce con certezza le due cose che fanno impazzire una ragazza: le auto veloci e il denaro. Lui le ha entrambe. Quando uno scandalo lo costringe a un matrimonio combinato con Angela Carson, una nullità senza il becco di un quattrino, lui dà per scontato che lei sia solamente una ragazza a caccia di dote — e giura di punirla per questo.

Ma le apparenze ingannano e, a volte, due poli opposti non sono poi così diversi da come appaiono…

Età: +18

La compagna mezzosangue dell’alfa

AsaLynn è la figlia dell’alfa del Branco dell’albero perfetto e ha ormai 199 anni. È quasi impensabile che un discendente della linea Alfa non trovi un compagno prima di compiere 200 anni, ma AsaLynn è a 6 settimane dal suo compleanno e non l’ha ancora trovato. Così suo padre decide di mandarla in Australia per partecipare alla grande cerimonia di accoppiamento stabilita dal re Alfa Leviathan. Lui è stato uno dei primi immortali e anche il primo a essere trasformato in lupo mannaro dalla Dea della Luna, ma, proprio come AsaLynn, neanche lui ha mai trovato una compagna…

Età: 18+

La chiamata dell’alfa

Lyla si reca alla riunione del branco in Missisipi senza sperare di trovare il proprio compagno predestinato. Ultimamente, infatti, è raro che i lupi vengano accoppiati durante il rituale e, onestamente, Lyla preferirebbe continuare a frequentare il suo ragazzo attuale, che conosce da sempre.

Quando la cerimonia di accoppiamento inizia, Lyla segue l’ululato che le mostrerà il suo vero compagno, che si rivelerà essere Sebastian, l’alfa reale. Accetterà quindi il suo destino come luna reale oppure sceglierà di rimanere con il ragazzo della porta accanto che ancora occupa uno spazio nel suo cuore?

Età: 18+

Spogliata dal re

Ogni volta che perdo la mia verginità, è diverso.

A volte è in un palazzo e a volte è nella sporcizia.

A volte sono sopra, a volte la mia faccia è sepolta in un cuscino per attutire le mie urla.

A volte fa un male cane e altre volte è pura estasi.

Ma c’è una cosa che rimane la stessa, qualunque cosa accada.

In ogni vita, tu mi trovi.

E la perdo sempre con te…

Età: 18+

Non tutto riguarda te

Dall’autore di “Back Into Darkness”

Da giovane, Maya Hamilton era una festaiola selvaggia che non amava far altro che lasciarsi andare e fare tutto ciò che voleva. Jace Parker era un ragazzo di una confraternita irresponsabile che aveva un debole per le festaiole: erano perfetti l’uno per l’altra. Fino a quando, all’improvviso, lui l’ha scaricata per messaggio. Ora, due anni dopo, si incontrano di nuovo come studentessa e insegnante e Maya sta nascondendo a Jace un segreto compromettente!

Età: 18+