logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

La chiamata dell’alfa

Lyla si reca alla riunione del branco in Missisipi senza sperare di trovare il proprio compagno predestinato. Ultimamente, infatti, è raro che i lupi vengano accoppiati durante il rituale e, onestamente, Lyla preferirebbe continuare a frequentare il suo ragazzo attuale, che conosce da sempre.

Quando la cerimonia di accoppiamento inizia, Lyla segue l’ululato che le mostrerà il suo vero compagno, che si rivelerà essere Sebastian, l’alfa reale. Accetterà quindi il suo destino come luna reale oppure sceglierà di rimanere con il ragazzo della porta accanto che ancora occupa uno spazio nel suo cuore?

Età: 18+

 

La chiamata dell’alfa di Bianca Alejandra è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

LYLA

“Baciami di più”, gli chiesi.

Caspian mi assecondò, premendo le sue labbra contro le mie e lasciando che le nostre lingue si avvolgessero nel piacere.

Si trovava sopra di me, premendo con forza i suoi fianchi contro i miei. Potevo sentire il suo eccitamento crescere e questo mi faceva impazzire di desiderio.

“Cazzo, Lyla”.

La gamba di Caspian scivolò tra le mie cosce, il suo cazzo premeva attraverso i suoi jeans. Sembrava tutto così perfetto, ma era il momento a essere sbagliato.

Forse non avrei dovuto accettare di vederlo un'ultima volta prima del nostro grande viaggio del giorno dopo…

Un urlo penetrante esplose attraverso la macchina, facendomi sbattere la testa contro quella di Caspian.

“È solo il film”, disse, strofinando la macchia rossa che si stava formando sulla sua fronte.

Respiri pesanti.

Passi veloci.

Un ringhio orribile.

Il terribile film dell'orrore era proiettato sullo schermo gigante… una stupida storia di creature orribili che invadono una piccola città.

Guardai Caspian e accennai un sorriso. “Questo è quello che ottieni per avermi portato qui. Sai che non sopporto i film di paura”.

Si chinò dandomi un rapido bacio.

“E cosa c'è di più spaventoso che guardare un film horror con un lupo mannaro?” Il suo sorriso malizioso apparve e feci finta di essere spaventata.

Caspian era il mio ragazzo, nonché il figlio del beta del nostro branco.

Io e lui eravamo amici da quando eravamo piccoli… ma da sempre avevo una cotta per lui. E non ero l'unica ad averla.

Tutte le mie amiche scarabocchiavano il nome Caspian nei loro quaderni.

Era il clown della classe e aveva questa energia magnetica che attirava le persone verso di lui.

Ma non ho mai ammesso la mia cotta. Ho tenuto i miei sentimenti segreti, probabilmente perché già allora mi rendevo conto di quanto fossero seri.

Così, durante una fatidica notte di due anni fa, quando Caspian mi disse che anche lui provava qualcosa per me, divenni la ragazza più felice del mondo.

E da quel momento siamo diventati inseparabili.

Anche se suo padre, il beta del branco, non approvava, noi eravamo molto felici insieme.

Non mi stancavo mai del modo in cui mi guardava con i suoi caldi occhi marroni…

O del modo in cui mi baciava il collo in quel modo. Le urla dell'eroina si sentivano dallo schermo e io avvertii una scarica di adrenalina.

Caspian continuò a baciarmi lungo la clavicola fino a quando la camicia lo fermò. La sua mano scivolò sotto il reggiseno, accarezzando i miei capezzoli turgidi.

I suoi fianchi si muovevano avanti e indietro, applicando una leggera pressione. Sentii un sussulto uscire dalle mie labbra.

“Non qui”, gli dissi mentre tiravo il suo corpo più stretto contro il mio.

“Perché no?”, mi sussurrò all’orecchio. “Sei l'unica cosa a cui penso…”.

Gli diedi un bacio tirando fuori la sua mano da sotto la mia camicia.

“Ami me o il pensiero di scoparmi?”

“Entrambi. Non si escludono a vicenda”.

“In questo momento, direi che lo sono”.

Anche se stavamo insieme da due anni, non avevamo fatto sesso. Non è che non lo volessi, ma rispettavo le usanze della mia cultura.

Io e Caspian eravamo lupi mannari del Branco della luna blu. E come tali, eravamo legati dal destino ai nostri veri compagni, che, se eravamo abbastanza fortunati, sarebbero stati per sempre al nostro fianco.

Negli ultimi decenni, tuttavia, era diventato sempre più difficile trovare un vero compagno. Questo ha lasciato centinaia di lupi in solitudine, costretti a bruciare relazione dopo relazione, sapendo di non aver trovato la metà a cui erano destinati.

Il Summit è stato creato in risposta a tutto questo, riunendo quanti più branchi possibili. Ogni anno si svolgeva un rituale di accoppiamento con lo scopo di collegare i veri compagni.

Eravamo finiti in questa posizione, i fianchi premuti insieme sul sedile posteriore della sua macchina, perché avevamo perso la speranza.

Guardavo come gli occhi di Caspian mangiavano il mio corpo. Era immerso nella luce tremolante dello schermo cinematografico. Un caleidoscopio di colori macchiava la sua pelle.

“Rendiamolo ufficiale. Proprio qui, proprio ora”, insisteva, i suoi occhi fissi sui miei.

“Il summit inizia questo fine settimana”.

“Ma io ti amo”.

Sospirai. Era così bello sentire quelle parole. Ma il tempismo non poteva essere peggiore.

“Il rituale di accoppiamento è tra una settimana e abbiamo già aspettato così tanto. Non ha senso fare nulla finché non siamo sicuri di non avere dei compagni”.

Caspian gemette e premette i suoi fianchi contro i miei un'ultima volta.

Sentii il familiare bruciore… quell'ineluttabile desiderio…

Mi sbottonò i jeans. La cerniera era giù e la sua mano scivolò sotto le mie mutandine.

Dopo alcuni tentativi, le sue dita trovarono il loro posto, strofinando delicatamente, senza però entrare dentro.

Mia Dea.

Ho stretto le mie dita, scavando nelle sue spalle.

“Non ho bisogno di un rituale per sapere quello che già so”, mi sussurrò all'orecchio. “Tu sei quella giusta per me, Lyla”.

“Eravamo d'accordo di aspettare”, gli ho ricordato attraverso un respiro soffocato.

Le sue labbra baciarono le mie e potevo sentire il mio corpo fremere.

Avrei voluto essere sicura come Caspian, ma ogni volta che ero vicina a cedere, diventava difficile respirare.

E se il mio vero compagno fosse là fuori?

È meglio aspettare finché non ne siamo sicuri. Non è vero?

“Lo sapevo, cazzo!”

La porta sul retro si aprì e i miei occhi rovesciati videro Teresa, la mia migliore amica. Mi stava fissando con uno sguardo folle.

Spazzò una ciocca di capelli scuri dal suo viso e sorrise, la sua pelle marrone chiaro accentuò il suo sorriso brillante.

“Sei in ritardo al nostro pigiama party, idiota”, disse appoggiandosi alla porta.

Spinsi Caspian via da me, abbottonandomi velocemente i pantaloni.

“Grazie, Teresa. Sai davvero come rovinare un bel momento”, brontolò Caspian.

“Non riesco a credere che QUALSIASI momento con te possa essere così importante”, rispose lei.

“Ehi…”, l'ho avvertita con un'occhiata laterale.

Lei alzò le mani in segno di resa e si allontanò dalla macchina, dirigendosi verso la sua, convenientemente parcheggiata a pochi metri di distanza.

Teresa e Caspian si odiavano da sempre.

Era già abbastanza fastidioso che non potessi stare vicino ai miei due migliori amici allo stesso tempo, ma ancora di più considerando che i loro padri erano alfa e beta.

“Ti amo”, disse di nuovo mentre si sistemava il pacco.

“Ti amo anch'io”, risposi, dandogli un bacio sulla guancia. “Ci vediamo domani”. Scesi dalla macchina e mi chinai per poterlo vedere. “E riposati un po'. Possiamo riprendere da dove abbiamo lasciato”.

La porta dell'auto si chiuse, lasciandomi con una fitta di rimpianto.

Sapevo che avrei dovuto essere felice: il Summit poteva essere l'inizio di una vita completamente nuova.

Ma questo è ciò che mi spaventava di più.

E se non volessi davvero una nuova vita?

CASPIAN

Ho visto Teresa portarsi via la mia ragazza, lasciata con nient'altro che palle piene e un patetico film horror da drive-in.

L'unica cosa che rimaneva da fare era andare a casa e prepararsi per il Summit.

Sono sicuro che papà sarebbe entusiasta se trovassi la mia vera compagna.

Una fitta di fastidio mi attraversò quando pensai all’esaltante cerimonia. La voce di mio padre risuonava nella mia mente, ricordandomi una lezione che mi aveva fatto più e più volte:

La Dea della Luna ti mostrerà la tua vera vero compagna, Caspian. Non affezionarti a Lyla. Ci sono cose migliori che ti aspettano là fuori.

Non avevo bisogno che la Dea della Luna mi dicesse cosa volevo.

Sapevo esattamente cosa – o chi – fosse.

Ma sfortunatamente Lyla era ossessionata dal Summit tanto quanto lo era mio padre.

Già ci amavamo.

Questo era tutto ciò che avevo bisogno di sapere.

Ma apparentemente questo non era abbastanza per Lyla…

Sospirai, mettendo la macchina in retromarcia e uscendo dal cinema drive-in, evitando di deprimermi.

Se la rende felice, farò come dice lei.

Nessuno comunque al giorno d’oggi trova il suo compagno al Summit…

LYLA

Teresa e io arrivammo a casa mia ben oltre l'ora di andare a letto dei miei genitori. Ero sorpresa di vederli seduti con il sorriso stampato sulle loro facce mentre entravamo in cucina.

“Non dovevate aspettarci svegli”, ho detto.

“Volevamo salutarvi stasera, visto che ve ne andrete molto presto”, disse mia madre assonnata.

Mi chiedevo del loro primo rituale. Quanto dovevano essere spaventati – l'incertezza di un futuro da soli che pendeva sulle loro teste.

I miei genitori erano stati fidanzati al liceo prima di diventare compagni. Avevano sempre sperato di essere destinati l'uno con l'altra.

E in effetti lo erano.

Il Summit aveva confermato ciò che sapevano da sempre. Le loro vite non erano state altro che piene di amore e felicità. Era tutto ciò che conoscevano essendo compagni.

Avevano già vissuto la stessa identica cosa che stavamo vivendo io e Caspian.

Ma avremo anche noi il nostro per sempre felici e contenti?

Amavo Caspian. Fin da quando eravamo bambini, sembrava destino che saremmo stati uniti.

La Dea della Luna vedrà le cose allo stesso modo e ci mostrerà che siamo compagni?

Caspian sembrava pensarla così…

“Mi assicurerò di prendermi cura di Lyla”, disse Teresa. “So che ti renderà orgogliosa”.

“Entrambi ci renderete orgogliosi”, rispose mia madre.

Ero così presa dalle mie preoccupazioni che avevo quasi dimenticato quanto fosse importante il rituale di accoppiamento per tutte le persone coinvolte.

Le conseguenze del vertice avrebbero significato tanto per l'intero branco quanto per ogni singolo lupo.

Nessuno del nostro branco si era accoppiato negli ultimi dieci anni.

Meno coppie che si accoppiavano significava avere meno figli.

Soprattutto perché era insolito per una coppia avere più di un cucciolo.

I miei genitori erano un'eccezione e mia sorella Skye, di nove anni, era il membro più giovane del nostro branco.

Il nostro futuro collettivo dipendeva dall'unione degli accoppiamenti per aiutare la nostra specie a sopravvivere.

I miei genitori ci diedero un ultimo abbraccio e un bacio prima di sparire al piano di sopra.

Teresa li guardò andare via con un sorriso.

Osservando la mia migliore amica mi resi conto che la mia relazione con Caspian non era l'unica cosa in sospeso.

E se le cose cambiassero tra noi quando troveremo i nostri compagni?

La settimana successiva fu un grande punto interrogativo.

Poi Teresa si voltò e mi sorrise maliziosamente, ma sapevo con certezza una cosa: ci saremmo sempre state l'una per l'altra. Non importa a cosa avrebbe portato il rituale della prossima settimana.

***

“Penso che starò male”, brontolai mentre la macchina svoltava lungo un altro sentiero di ghiaia.

Avevamo iniziato presto e Teresa aveva insistito per guidare tutto il giorno.

All'inizio glielo permisi: la mia mente era concentrata su troppe altre cose. Ma dopo qualche ora, rimpiangevo di averlo fatto.

“Oh, che bambinona”, disse lei, premendo sull'acceleratore. “Se non ci sbrighiamo, saremo in ritardo per il discorso di apertura!”

Il mio stomaco sussultava mentre lei passava senza rispettare i segnali di stop.

“Sei sempre in ritardo”, dissi a denti stretti.

Non potevo dare tutta la colpa a Teresa. L'intero Summit mi dava il voltastomaco. Non avevo idea di cosa aspettarmi.

Caspian, Teresa e io avevamo da poco compiuto ventun’anni ed era il primo anno in cui si poteva partecipare.

Quasi tutti i lupi del Branco della luna blu si sarebbero trovati lì per la prima volta.

La maggior parte di noi sarebbe però tornata da sola.

Almeno non sarò l'unica rimasta senza un compagno…

“Eccoci!” Teresa sussultò e io seguii i suoi occhi fino alla fine della strada.

Nascosto dietro alcuni alti olmi e robinie, su una collina che dominava la zona, c'era un palazzo dell’anteguerra.

“La casa del Branco reale?”, indovinai.

Teresa l'aveva visitata una volta, anni fa, per affari di branco con suo padre, e aveva dichiarato di essersi innamorata.

Non solo della casa, ma anche dell'alfa, Sebastian. Secondo lei, era “l'uomo più sexy del mondo”.

“Non è meraviglioso?” Teresa sospirò. “Chiunque si accoppi con l'alfa reale sarà una cagna fortunata”.

“Forse non troverà una compagna”.

“Questo discorso è deprimente”, disse Teresa con aria sprezzante. “Fai pensieri felici. Se uno scapolo reale non è fonte di motivazione, allora non so cosa lo sia”.

Roteai gli occhi e decisi di assecondare le sue fantasie, anche se per una sola settimana. “Sei la prossima in linea di successione per diventare l'alfa del nostro branco. Se qualcuno ha una possibilità con Sebastian, sei tu”.

“Non si sa mai”, disse lei, mettendo il paraocchi. “Forse chiamerò te Luna Reale entro la fine del Summit”.

Sbuffai. Come se fosse possibile.

Probabilmente ero l'unica ragazza al Summit che non era interessata a Sebastian. La Dea della Luna avrebbe dovuto avere un senso dell'umorismo perverso per accoppiare me con l'alfa reale.

“Come vuoi. Siamo già arrivati?”

“Dio, sì. Calma le tue tette”, disse Teresa mentre girava un'altra curva.

Come per magia, apparve un grande palazzo in stile italiano. Una piccola palude direttamente dietro di esso dava la sensazione di trovarsi in Mississippi.

Il Fleur de Lis Hotel.

Ci fermammo in un parcheggio e uscimmo per sgranchirci le gambe.

“Te l'avevo detto che saremmo arrivate in tempo”, diceva vantandosi.

“E anche tutte intere!” Esclamai, prendendo la borsa dal bagagliaio.

Guardai intorno al parcheggio, cercando di identificare qualche auto familiare. La macchina dell’alfa Hugo non era lontana dalla nostra. E quella del beta Alexander era parcheggiata accanto.

Questo significava che Caspian era già lì.

Forse la prossima settimana, quando saremo sicuri di non appartenere a nessun altro, potremo finalmente passare del tempo da soli.

Allora si farà in quattro per ringraziarmi di averlo fatto aspettare così tanto.

Ho sorriso al pensiero di lasciarmi tutto alle spalle e tornare alla mia vecchia vita e alle mie abitudini. Questo alleviò la preoccupazione che mi stringeva lo stomaco.

Spingemmo attraverso la porta d'ingresso nell'atrio e fummo colpiti da un'ondata di ansia.

L’alfa Hugo e il beta Alexander erano al centro della confusione, con espressioni serie mentre abbaiavano ordini.

“Papà?” domandò Teresa mentre ci avvicinavamo, passando alla modalità alfa in addestramento.

“Oh ragazze, grazie alla Dea”. L’alfa Hugo ci gettò le braccia al collo. “Ci stavamo preoccupando”.

“Perché?” chiese Teresa. “Cosa sta succedendo?”

“Ho indetto una riunione d'emergenza”, spiegò. “Fai il check-in nella tua stanza d'albergo e poi unisciti al nostro branco nel salone principale. C'è stato un attacco ai confini del Branco reale”.

“Un attacco?” chiesi.

“Ti spiegheremo meglio più tardi”, disse l’alfa Hugo. “Vai ora, incontra gli altri”.

Teresa e io ci dirigemmo verso il salone principale, infilandoci nella massa con gli altri licantropi speranzosi. C'erano molti altri branchi riuniti lì e tutti avevano sentito la notizia.

Teresa mi diede una gomitata sul braccio e spostò la mia attenzione sulla cima di una grande scalinata. “Bene, guarda chi c'è”, facendo le fusa.

Mi alzai in punta di piedi, allungando il collo sulla folla per dare un'occhiata.

L'alfa reale.

Sebastian.

Teresa aveva ragione. Era un figo da paura.

I suoi capelli biondi erano spazzolati all’indietro, la maglietta nera aderente esaltava i suoi muscoli scolpiti e aveva una mascella da paura.

Per non parlare dei suoi occhi…

Erano blu elettrico e sentii una scossa quando ci siamo guardati.

Mi ha sorriso e con il suo atteggiamento sicuro di sé mi ha fatto correre un brivido lungo la schiena.

Oh, Dea.

Improvvisamente la notizia di un attacco ribelle non era la cosa più importante nella mia mente…

Perché c'era una nuova sensazione che premeva tra le mie gambe.

Come se questa situazione potesse diventare ancora più complicata…

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

LYLA

“Come molti di voi hanno sentito, c'è stato un attacco ai confini del Royal Pack”, annunciò l’alfa Hugo al Branco della luna blu.

“Ma l’alfa Sebastian mi ha assicurato personalmente che la minaccia è stata neutralizzata e il rituale continuerà come previsto”.

I fischi e gli applausi dei membri del nostro branco riempivano la stanza.

“Ora, come tutti sapete, questa settimana potrebbe essere il periodo più importante della vostra vita”, continuò l’alfa Hugo.

“I festeggiamenti iniziano con un cocktail party questa sera e la chiamata all'accoppiamento sarà tra due notti. Lì scoprirete se la Dea della Luna vi ha benedetto o meno con un compagno”.

Si guardò intorno e sorrise.

“Sono orgoglioso di ognuno di voi. Siate voi stessi. Cercate di non essere nervosi, perché il piano della Dea della Luna è al di fuori del vostro controllo. Divertitevi questa settimana”.

Sì, giusto.

“Un'altra cosa prima che tu vada”, disse il beta Alexander, facendo un passo avanti. Il suo sguardo si bloccò sul mio. “Se sei attualmente in una relazione con qualcun altro che partecipa, per rispetto di questo evento sacro, per favore mantieni le tue dimostrazioni di affetto al minimo”.

“Cas”, ho iniziato mentre la folla iniziava a dissiparsi intorno a noi. Allontanando il suo braccio, feci un passo indietro per mettere un po' di spazio tra di noi.

“Penso che tuo padre abbia ragione”, gli dissi. “Forse dovremmo calmarci”.

Il sorriso di Caspian vacillò. “Vuoi fare una pausa per il summit?”

“Sì”, risposi con una smorfia. “Non è che non possiamo passare del tempo insieme, ma penso che dovremmo essere amici, non… amanti”.

Caspian si morse il labbro e annuì.

“È solo una settimana. Quanto può essere difficile?” Mi affrettai a proseguire.

“Non credo che tu voglia una risposta”, rispose lui.

Mentre fissavo il mio ragazzo, mi resi conto che aveva ragione.

Se uno di noi avesse trovato un compagno al Summit, allora non saremmo mai più stati insieme.

Potrei non baciare mai più Caspian.

Il solo pensiero mi fece rivoltare lo stomaco.

“Ehi”. La voce di Caspian mi riportò indietro. Aveva riacquistato la sua compostezza e mi toccò il braccio.

“Capisco cosa vuoi dire. Ce la faremo, ok?”

Fece quel sorriso rilassato che amavo.

Anche se Caspian era ferito e confuso, ha fatto in modo di consolare me.

E questo significava più di quanto potessi dire.

“Grazie”, ho sussurrato.

Lui ritirò la mano e mi fece un ultimo sorriso prima di allontanarsi.

Guardavo Caspian allontanarsi, chiedendomi perché mi sembrava che stesse portando con sé un pezzo del mio cuore.

***

Più tardi, Teresa e io scendemmo la grande scalinata dell'hotel. La festa era già in pieno svolgimento.

Ma io ero più che ansiosa.

“Guarda qui, Ly! Teresa si rallegrò. La lobby si era completamente trasformata. Una palla da discoteca si rifletteva sul marmo bianco e sugli elementi dorati e lo spazio era pieno di lupi che si divertivano.

Avrei voluto essere così alla mano.

Molti lupi hanno cercato di rimanere single fino alla loro prima cerimonia di accoppiamento, evitando le emozioni confuse che stavo affrontando io in questo momento.

Teresa avvolse il suo braccio nel mio, trascinandomi verso il bar.

Mentre ordinava i nostri drink, osservavo la scena intorno a noi.

Mi trovavo a poche ore di macchina dalla mia città natale, ma mi sentivo come se fossi in un mondo completamente nuovo.

Un mondo di ricchezza, potere… e possibilità.

Un quartetto jazz suonava al bar e il basso della musica dance pulsava dall'estremità della stanza.

L'evento si è riversato sul patio posteriore, che era coperto da un baldacchino di luci scintillanti.

La folla era giovane e stupenda. Anche se vivevamo tutti negli Stati Uniti, gli altri ospiti mi sembravano esotici.

C'era un gruppo di ragazzi abbronzati con i capelli lunghi e collane di conchiglie puka che riconobbi immediatamente come il Branco dello tsunami.

Ho guardato mentre una ragazza geek-chic si univa alla loro conversazione. Si è toccata gli occhiali con la montatura di ferro ed è arrossita per un attimo.

Il Branco ereditario dal New England.

Sentii gli occhi su di me, così mi girai verso lo scalone… e poi mi bloccai.

Sebastian, l'alfa reale, non ha battuto ciglio quando i nostri occhi si sono incontrati. Ma il suo sguardo blu ghiaccio mi colse di sorpresa.

Le sue braccia forti erano incrociate, le maniche della sua camicia arrotolate fino ai gomiti. Non riuscivo a distogliere lo sguardo, chiedendomi perché qualcuno dovesse sembrare così serio a una festa.

Poi lo sguardo di Sebastian si spostò da qualche altra parte in mezzo alla folla.

Ho cercato di recuperare la mia compostezza, maledicendo il mio cuore che scalpitava. L'alfa non mi stava guardando, notava solo in modo distratto il mio viso.

Feci un respiro profondo. Fai la brava, Lyla. C'erano centinaia di persone alla festa.

Molto più di un alfa lunatico da vedere.

Un'eclettica truppa di spiriti liberi, ricoperti di lustrini colorati e in cravatta, si aggirava nel patio e mi chiedevo chi fossero.

“Il Branco della bella vita, da Las Vegas”.

Mi voltai per vedere gli occhi marroni sorridenti di Caspian.

Il mio cuore saltò un battito. Caspian ha visto che fissavo Sebastian?

“Ho appena fatto un tiro del loro spinello nel patio”, disse facendo l’occhiolino.

Lo prendo come un no.

Sbuffai facendo una risata. Ogni nervosismo che provavo nel vederlo qui scomparve immediatamente.

“Ciao Culo-pian”, disse Teresa, passandomi un drink verde acceso.

“Teresa, stranemente non hai un aspetto terribile”, rispose Caspian e Teresa sgranò gli occhi. “Cos’hai bevuto?”

“La cosa più forte che avevano. La chiamano Palude”.

Bevvi un sorso che mi produsse un conato di vomito. Non era solo forte, era radioattivo.

“Anch'io ho bisogno di uno di quelli”, mormorò Caspian mentre si girava verso il bar.

Alzai il mio bicchiere verso quello di Teresa.

“Alla migliore settimana della nostra vita”, brindò lei.

“Agli amici che ci aiutano a superarla”, risposi.

Entrambe rovesciammo i nostri bicchieri, ma riuscii a fare solo un sorso.

“Oh mia Dea, i ragazzi del Branco della stella solitaria devono essere i più sexy”, disse Teresa mentre guardava un gruppo di cowboy vestiti di jeans. “Si stanno dirigendo verso la pista da ballo!”

Teresa mi trascinò per mano e Caspian ci seguì.

La musica elettronica divenne più forte mentre raggiungevamo la porta ed entrammo in un grande spazio pieno di licantropi che ballavano.

Le luci si accendevano intorno a noi mentre Teresa mi sollevava la mano e mi faceva girare.

Mentre ballavamo, iniziai a lasciarmi andare, bevendo un altro sorso radioattivo.

“Sembra che abbia trovato la mia gente!” gridò qualcuno sopra la musica.

Abbassai il mio drink e osservai la ragazza davanti a me. Era alta, bionda, bella e chiaramente estroversa. Sembrava una top model.

“Anch'io sono una ragazza della palude!” spiegò con un sorriso autoironico, tenendo in mano il suo drink verde nucleare. “Sono Magnolia!”

Allungò la mano e la afferrai. La sua presa era ferma.

“Lyla”, gridai in risposta, “e questi sono Teresa e Caspian”. Caspian alzò il suo bicchiere e i due applaudirono.

“Benvenuti nel Branco reale!” disse lei.

Fa parte del Branco reale… quindi questo è il motivo per cui è così perfetta.

“Voi ragazzi avete fatto delle frecciatine dolci“, si rallegrò Teresa.

“Grazie, ragazza!” Magnolia gridò mentre ballava.

Mentre la canzone cambiava, le luci si abbassavano e quelle stroboscopiche diventavano più intense. Non sapevo se fosse la stanza a essere calda o la bevanda forte, ma avevo bisogno di prendere un po' d'aria.

Teresa e Caspian si stavano divertendo con Magnolia, così sono sgattaiolata via.

Ho girato lungo uno stretto corridoio e sono entrata in una stanza vuota.

Aprendo la porta di vetro scorrevole, entrai in una piccola terrazza che si affacciava sul prato incontaminato e scuro.

Mi sedetti su una delle sedie e sospirai.

La festa era solo l'inizio del Summit e io ero già sopraffatta.

Proprio in quel momento, la porta si aprì dietro di me.

Qualcuno mi aveva raggiunto nel patio e mi voltai per vedere chi fosse.

Per un momento smisi di respirare. Era lui.

Sebastian. Sembrava preoccupato come prima.

Quando mi notò, si bloccò. Chiaramente non si aspettava di trovare qualcuno qui.

Ma la porta era già chiusa dietro di lui. Era troppo tardi.

Ero tutta sola con l'alfa reale.

“Oh. Ciao”, disse Sebastian. Poi si allontanò da me verso il paesaggio scuro davanti a noi.

“Ciao”, risposi, cercando di sembrare disinvolta. Come se non stessi impazzendo per il fatto che l'alfa reale mi avesse beccata a curiosare al Fleur de Lis.

Sebastian sospirò e guardai i muscoli delle sue ampie spalle rilassarsi sotto la camicia.

Cosa sta pensando? Era un tale mistero per me. E per qualche ragione, volevo capirlo.

“Ti dispiace se mi siedo con te?”

La voce di Sebastian mi riportò alla realtà.

“Fai pure”, risposi. “Beh, in realtà, sono tua ospite”.

Ha fatto un sorriso mentre si sedeva. Far sorridere l'alfa mi sembrava un'impresa. Sembrava un tipo così serio.

“Benvenuta. Cosa ne pensi del Branco reale?” chiese.

Perché all'alfa reale dovrebbe importare quello che penso?

“Um, è bello”. Ha alzato un sopracciglio, come se mi incoraggiasse a smetterla con le stronzate. “Voglio dire, non sono mai stata in un hotel più bello di questo. È solo che il vertice è… travolgente”.

“Non dirlo a me”, rispose con un sospiro. “Sapevi che al Summit dell'anno scorso si sono formati solo cinquanta legami di accoppiamento durante l'appello?”

Ho scosso la testa. Certo, sapevo che i numeri erano diminuiti anno dopo anno. Ma solo cinquanta nuovi legami di coppia? Solo cento lupi accoppiati?

Questo significava che le probabilità di quest'anno erano davvero scarse.

“È quasi come se la Dea della Luna fosse arrabbiata con noi”, continuò. “Considerati i cattivi numeri e le canaglie di quest'anno, questo mi fa domandare se dovremmo preoccuparci del vertice”.

Abbassò lo sguardo sulle sue mani. Stentavo a credere che fosse così sincero con me.

“Se non ci fosse stato il Summit, quei cento lupi non avrebbero trovato i loro compagni”, dissi dolcemente.

Lui incontrò di nuovo il mio sguardo. “Questo è vero. Questo è il tuo primo anno?”

Annuii, chiedendomi come facesse a saperlo. Forse perché sembravo giovane e ingenua. Ma le sue prossime parole mi presero alla sprovvista.

“Lo immaginavo. Ti avrei riconosciuta” disse, le sue labbra si sollevarono in un sorriso malizioso.

Oh mia Dea. L'alfa reale sta flirtando con me?

Il mio cuore stava scalpitando.

Avevo classificato Sebastian come un tipo cupo e serio, ma ora mi chiedevo se c'era molto di più di quello che si vedeva.

“Lyla! Cosa stai facendo qui fuori? Ti cercata dappertutto…”

Mi sono girata per vedere Caspian uscire dalla porta scorrevole. La sua faccia fece un’espressione strana quando riconobbe Sebastian.

Se prima non ero agitata, in quel momento lo ero sicuramente.

“Immagino che questo posto non sia così segreto se l'avete trovato entrambi”, disse Sebastian.

“Oh, scusa. Non intendevo…” mi scusai, affrettandomi per andare via.

“Sto scherzando”. L'alfa si accigliò. “Sebastian”.

Caspian strinse gli occhi, scrutando l'alfa. “Caspian. Sono il ragazzo di Lyla”.

“Hmm,” mormorò Sebastian con aria sprezzante. Mi guardò di nuovo e c'era qualcosa di indecifrabile nella sua espressione.

Mi sentii arrossire.

Nessuno di noi disse niente e il silenzio imbarazzante si allungò un secondo doloroso dopo l'altro.

“Torniamo alla festa? Teresa ci sta aspettando sulla pista da ballo”, disse Caspian.

“Certo”, io e Sebastian rispondemmo allo stesso tempo, alzandoci dalle nostre sedie.

L'alfa passò attraverso la porta e Caspian mi sfiorò il braccio.

“Sembra… strano”, sussurrò, e io lanciai a Caspian un'occhiata di avvertimento.

Quando siamo tornati, la festa era ancora più movimentata.

Attraversammo la stanza verso la pista da ballo e fu facile individuare Teresa. Stava ballando con Magnolia in fondo alla folla, divertendosi un mondo.

“ALFA SEBASTIAN!” gridò Magnolia.

Mentre ci avvicinavamo, la splendida bionda gli gettò le braccia al collo.

“Vedo che hai già incontrato il mio fidanzato!” gridò.

Notai lo sguardo di Teresa e cercai di nascondere la mia espressione scioccata.

L'alfa reale aveva una fidanzata?! Era inaudito per qualcuno che stava andando a un rituale di accoppiamento.

“Congratulazioni per il fidanzamento!” Caspian rispose, sembrando un po' troppo felice per loro.

Io, nel frattempo, avevo una strana sensazione nello stomaco.

“Prendiamo un altro drink?” Sussurrai all'orecchio di Teresa.

“Ragazza, non c’è bisogno di chiedere!” rispose lei, trascinandomi verso il bar. “Un'altra palude?”

“Certo”.

Ne avrei avuto bisogno per superare questa festa.

***

Caspian
Buongiorno dormigliona
Caspian
Che ne dici di far saltare questo stand di ghiaccioli?
Caspian
Possiamo andare all'avventura
Caspian
Come amici… 😉
Caspian
Ho già la macchina qui davanti
Lyla
Sarò lì tra 15 minuti

Sorrisi al telefono, scuotendo la testa. Guardai Teresa sull'altro letto nella stanza d'albergo, che russava dormendo da tutta la mattina.

Sfortunatamente, non riuscivo mai a dormire quando avevo i postumi di una sbornia.

L’idea di Caspian non era esattamente d’aiuto per mantenere le distanze, ma sembrava divertente.

Dopo una rapida doccia e un cambio d'abito, aprii la porta del passeggero della fidata Ford di Caspian, sprofondando nel sedile.

“Dove andiamo?” gli chiesi.

Mi sorrise e lo notai ammiccare attraverso gli occhiali da sole. Aveva un adorabile barbetta e i suoi capelli erano arruffati dal finestrino aperto.

“Questo sta a me saperlo e a te scoprirlo”.

Mezz'ora dopo, ci fermammo in un parcheggio sterrato. Il viaggio aveva aiutato la mia sbornia ed ero pronta per un po' di esplorazione.

Mentre scendevo dall'auto, un cartello attirò la mia attenzione.

“Palude dei cipressi”, lessi ad alta voce, scuotendo la testa. “Non ne hai mai abbastanza della palude, vero Cas?”

“È la mia nuova bevanda preferita”, rispose, avvolgendo il suo braccio intorno alla mia vita. Mi appoggiai a lui, ricordando poi il nostro accordo.

Merda! Questa cosa degli “amici” è più difficile di quanto pensassi.

Mi allontanai e lui alzò le mani, fingendo innocenza. “Sembra che le paludi siano l'unica cosa presente qui intorno”, disse.

Iniziammo a percorrere un sentiero boscoso. Il sole entrava attraverso le cime degli alberi e noi eravamo le uniche persone che si trovavano in giro.

“Cosa ne pensi della festa di ieri sera?” gli chiesi.

Fece un cenno con le spalle. “È andata bene. Non so, non mi piace molto la scena del Summit. Troppe persone nuove, troppa pressione. Preferirei stare solo con te”.

Considerai le sue parole, chiedendomi se l’alfa Sebastian fosse una delle nuove persone che Caspian avrebbe preferito evitare.

Una parte di me era d'accordo con lui. La notte scorsa fece sentire anche me sopraffatta e non capivo bene il perché.

C'era la pressione di mettersi in gioco, di fare nuove conoscenze.

E, naturalmente, per una connessione importantissima… per trovare un compagno.

Il sentiero portava ad una passerella di legno sospesa su una palude verde neon.

Proseguimmo, indicandoci a vicenda uccelli e rettili, quando alla fine sentii uno strano brontolio.

“Era un alligatore?” mi chiesi ad alta voce. Mi chiesi ad alta voce.

“Era il mio stomaco”, rispose Caspian. “Ho saltato la colazione e tutto il resto…”

“Torniamo indietro e cerchiamo del cibo allora!” Risposi. “Di cosa hai voglia? Gumbo? Gamberi?”

Ho nominato tutte le cucine regionali che conoscevo.

“Voglio solo un hamburger”, disse Caspian.

Tornammo indietro. Il tempo passò velocemente, come faceva sempre quando eravamo insieme.

Non avevamo bisogno di parlare per tutto il tempo. Ci siamo semplicemente goduti la compagnia.

Anche io avevo fame mentre il tempo passava, quindi potevo solo immaginare come si sentiva Caspian.

“Porca puttana! Lyla, aspetta!” Caspian afferrò il gomito e mi fermai di botto.

“Mi hai quasi fatto venire un infarto, cosa diavolo stai…?”

Caspian sembrava aver visto un fantasma. Indicò il terreno davanti a noi… e poi il terreno si mosse.

Era un serpente!

“In realtà, è piuttosto carino”, dissi.

“Shhhhh!” Caspian mi tirò vicino a sé, avvolgendomi con le braccia.

Un lieve rumore sferragliante riempì le mie orecchie.

“È un…?” Chiese Caspian.

“Serpente a sonagli”, risposi.

Certo, erano velenosi. Ma se non gli davi fastidio, anche loro non ti davano fastidio.

Le forti braccia di Caspian mi strinsero ancora di più. “Shhhh”, mi sussurrò all'orecchio, cercando di rassicurarmi… quando era lui ad essere terrorizzato.

Ho sorriso mentre mi stringevo al suo petto, facendo finta di essere una damigella in pericolo.

Guardai il serpente che muoveva la sua lunga lingua biforcuta, con il suo sonaglio in alto nell'aria…

E poi scivolò via, nella foresta.

“Ce l'ho fatta!” Disse Caspian, i suoi occhi spalancati dalla meraviglia.

Gli gettai le braccia al collo. “Come facevi a sapere cosa fare? Chiesi, pompando il suo ego solo un pochino.

“Non lo so”, ammise. “Ero terrorizzato, cazzo”.

Mi tirai indietro e forse era il modo in cui mi guardava…

Ma non ho potuto resistere. Lo baciai profondamente, senza pensare ad altro. E lui ricambiò il bacio.

Si staccò e lo sguardo nei suoi occhi ambrati era così intenso che il mio cuore saltò un battito.

“Lyla, fanculo tutto. Il vertice, il richiamo dell'accoppiamento… tutte le cose che ci tengono separati”.

Il mio petto mi faceva male per la sincerità nella sua voce.

“Ti amo, Lyla. Ho scelto te. Non ho bisogno che la Dea della Luna me lo dica. Scappiamo via. Adesso… possiamo lasciarci alle spalle tutte quelle stronzate”.

Caspian lottò per riprendere fiato. Sembrava così bello, così sicuro.

E perché non dovrei esserlo anch'io?

Amavo l'uomo che stava davanti a me. Lo sapevo.

L'anno scorso sono stati formati solo cinquanta legami di accoppiamento al Summit.

Perché avevo bisogno dell'approvazione della Dea della Luna quando avevo tutto ciò di cui avevo bisogno per essere felice proprio qui tra le mie braccia?

Ingoiai il groppo in gola che avevo e incontrai lo sguardo di Caspian…

Potevo davvero scappare con lui?

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Omega

La vita di Alice scorre piuttosto noiosa: va al liceo, guarda Gossip Girl con la sua migliore amica Sam e ha un lavoro part-time in una tavola calda. Non le succede mai niente di eccitante, fino alla fatidica sera in cui, uscita a gettare la spazzatura fuori dal luogo di lavoro, viene improvvisamente morsa da un lupo.

Al risveglio, avvenuto la mattina successiva, Alice nota con sorpresa come il morso sia già completamente guarito e lei si sente anzi meglio che mai e piena di energia. Il problema è che non è l’unica ad aver notato questi miglioramenti… Il malvagio Ryder e la sua banda sono improvvisamente molto interessati a lei, ma per quale motivo?

Età: 16+

Diversi

Evelyn non è un lupo mannaro tradizionale. È invece un ibrido lupo-umano, nulla di tradizionale! Al suo ventesimo compleanno, però, Evelyn affronta una tradizione che non può ignorare: quella di trovare il proprio compagno predestinato. Evelyn non ne è entusiasta, finché non si sente stranamente attratta dall’incredibilmente sexy alfa Alex, che torna nel loro branco dopo dieci anni di assenza. Ma anche la sua sorellastra Tessa, purosangue (e decisamente purosnob!), ha messo gli occhi su quel ragazzo dei sogni e lei è abituata a ottenere sempre ciò che vuole!

Età: 18+

Riders of Tyr

Ava è una cacciatrice di taglie solitaria alla ricerca del motociclista più pericoloso della California del Nord. Ma quando le circostanze la costringono a fare squadra con Bjorn, un grintoso e splendido vichingo dei giorni nostri del Riders of Tyr MC, non può combattere il fuoco che scocca tra loro.

Ava si lascerà prendere dal suo spasimante o tornerà per la sua strada da sola?

Età: 18+

I guerrieri di Torian

La terra è sotto attacco per mano di una mostruosa razza aliena che non brama altro che distruzione. Lilly e le sue sorelle più piccole vengono catturate e rischiano di morire… ma improvvisamente il meraviglioso re guerriero Bor giunge da un altro pianeta e le salva. La sua missione è quella di proteggere tutti gli umani, ma, ora che l’ha conosciuta, ha occhi solo per Lilly. Riuscirà a mantenere il suo impegno insieme al suo amore o dovrà sacrificare tutto per lei?

Età: 18+

Rischia

Kara è la tipica ragazza dell’ultimo anno di liceo, non è popolare, ma non è nemmeno un’emarginata. Ha un ragazzo, Adam… finché non lo becca mentre la sta tradendo. Ora lei vuole dimenticarsene, ma lui continua a comparire ovunque. Finché, a una festa, lui inizia a diventare violento. Sfortunatamente per lui, è la festa di Jason Kade. Dopo aver fatto il culo ad Adam, Jason mette gli occhi su Kara e non gli piace la parola no. Ora Kara e Jason sono coinvolti in un gioco in stile gatto e topo, ma chi è chi?

Età: 18+

La fine del mondo

Savannah Madis era un’aspirante cantante felice e spumeggiante, questo prima che la sua famiglia morisse in un incidente d’auto. Dopo quel momento, si ritrova in una nuova città, in una nuova scuola e, come se non bastasse, deve avere a che fare con Damon Hanley, il bullo della scuola. Damon è completamente confuso da lei: chi è questa ragazza dalla bocca larga che lo sorprende in continuazione? Non riesce a togliersela dalla testa e, per quanto odi ammetterlo, Savannah prova la stessa cosa per lui! Si fanno sentire vivi a vicenda. Ma sarà abbastanza?

Età: 18+ (Contenuto sessuale, violenza)

La regina dei licantropi

La diciannovenne lupa mannara Aarya non si era mai considerata un’inguaribile romantica, fino a quando non venne lasciata dal ragazzo di cui era innamorata per una nuova compagna. Con il cuore appena spezzato, partecipa con riluttanza al Ballo dei Licantropi, dove incontra il re, Dimitri Adonis, e la loro connessione si dimostra istantanea. Da quel momento, la focosa coppia deve navigare nel pericoloso mondo degli intrighi imperiali, affrontando allo stesso tempo ex amanti respinti, subalterni gelosi e altro ancora.

Età: 18+

La richiesta di Reaper

Abby, la figlia 16enne del presidente del club di motociclisti Carta Madre dei Figli di Satana, si rifiuta di fare come la sua sorella gemella e uscire con i pericolosi motociclisti che le circondano.

Finché non incontra Kade Wilson, detto Reaper, il “Mietitore”, un centauro senza cuore che ottiene sempre ciò che vuole. E ciò che vuole ora, più di ogni altra cosa al mondo, è Abby.

Promette di ritornare per reclamare Abby come sua per il suo diciottesimo compleanno, ma la strada per la felicità non è così semplice per i due…

Età: 18+