logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Il mio fratellastro è un orso mannaro

La notte della più grande festa dell’ultimo anno, Helen non è entusiasta di essere al matrimonio riparatore di sua madre con un brizzolato uomo di montagna di Bear Creek. Questo finché non incontra Sam, il montanaro più sexy del mondo, che sfortunatamente è anche il suo fratellastro. Nonostante siano polarmente opposti e appena imparentati, i due sono attratti l’uno dall’altra. Ma mentre si avvicinano, Helen scopre qualcosa: Sam ha un segreto che riesce a nascondere a malapena…

Età: 18+

 

Il mio fratellastro è un orso mannaro di Kelly Lord è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

HELEN

Stava davanti a me, nudo.

Un esemplare di virilità che faceva sembrare il David di Michelangelo una dannata figura stilizzata.

Tracciai il suo collo spesso… I suoi bicipiti rigonfi…

I suoi addominali increspati…

La lunga appendice che penzolava tra le sue gambe…

Ho dovuto chiudere la bocca per evitare di sbavare.

Ho dato un'occhiata al suo viso. Sotto una testa di capelli biondo angelo, i suoi occhi scuri, senza battere ciglio, recitavano sonetti shakespeariani.

Cantavano interi album di Ed Sheeran.

Mi voleva.

E poteva avermi.

Per quanto mi riguardava, proprio qui in mezzo alla classe.

Frustrata dalla lussuria, mi avvicinai di più.

Sulla mia lingua, il nome del mio amante aveva il sapore del primo boccone di una coppa di gelato al cioccolato…

“PROFESSOR HAMMOND!”

La voce di Brittany – che aveva un timbro a metà tra le unghie sulla lavagna e un chihuahua morente – mi riportò improvvisamente alla realtà.

Ero a lezione di arte, circondata da compagni dell'ultimo anno, a disegnare il modello nudo di fronte a noi.

Guardai il mio schizzo sul banco…

Oh no. No no no no no no no no…

Brittany ridacchiò dietro di me mentre cercavo di coprire quello che avevo fatto.

“HELEN HA DISEGNATO IL PROFESSOR HAMMOND! O MIO DIO!”

Le risate scoppiarono in tutta la stanza mentre tutti allungavano il collo per vedere il mio disegno.

Era vero. Mi ero addormentata fantasticando sul sexy professor Hammond e avevo accidentalmente disegnato la sua testa sul corpo del nudo.

Oh, merda…

E apparentemente gli avevo attribuito anche un cazzo gigantesco.

Helen, cosa c'è di sbagliato in te?

La mia faccia assunse svariate tonalità di rosso mentre il professor Hammond, il nostro insegnante sexy che aveva portato il porno con insegnanti in cima alla cronologia del mio browser, si alzò dalla sua scrivania e si diresse verso me e Brittany.

“Calmatevi tutti. Abbiamo ancora mezz'ora di lezione. Tornate alle vostre-uh…vostre…”

Chiusi gli occhi di fronte alle risatine soffocate dei miei compagni di classe.

Non volevo vedere l'espressione del signor Hammond quando si sarebbe trovato davanti il mio disegno; avrei preferito che Dio mi colpisse con un fulmine.

“Non male”, disse il signor Hammond a bassa voce. Rimase in silenzio per un momento e mi resi conto che non stavo respirando.

“Ma la prossima volta, Helen… per favore segui il compito”.

***

Alle tre e mezza scappai dall'aula con la testa ritratta nel corpo come quella di una tartaruga.

La mia nemesi d'infanzia mi aveva messa di nuovo in imbarazzo.

Brittany Childress aveva reso la mia vita un inferno sin dal primo anno di liceo e nonostante il fatto che fossimo entrambe all'ultimo anno della Boulder State University – a un solo semestre dalla vera età adulta – molto poco era cambiato.

In realtà eravamo amiche alle scuole medie ma, da quando suo padre se n'era andato, era diventata la più grande stronza del mondo nei miei confronti. Non avevo idea del perché. Nemmeno io avevo un padre, ma mica me la prendevo con le altre persone.

Già immaginavo Brittany che si aggiustava le ciocche di capelli biondi perfetti mentre scherzava su di me. Molto presto l'intera scuola avrebbe saputo del mio nuovo schizzo.

Fottuta puttana. Vorrei che le sue tette esplodessero.

Certo, tutte le studentesse d'arte volevano scoparsi il professor Hammond – anche alcuni dei ragazzi – ma nessuna lo aveva mai disegnato nudo. Almeno non in pubblico.

L'aria calda e profumata alleviò i miei nervi quando uscii nel cortile. Era l'ultimo giorno di lezione prima delle vacanze di primavera e molto probabilmente tutti avrebbero dimenticato l'episodio quando saremmo tornati a scuola.

Speriamo.

“Helen!”

Istintivamente rabbrividii al suono del mio nome.

Le notizie viaggiano così velocemente?

Sono già famosa o qualcosa del genere?

Non mi sarei meravigliata di Brittany e delle sue malvagie dita su Twitter; era davvero una sgualdrina del ventunesimo secolo.

Mi girai per vedere chi mi aveva chiamato e alla vista di Emma che veniva dalla sala degli studenti, tirai un sospiro di sollievo.

Era solo la mia migliore amica.

“Cosa c'è, piccola?” Chiese Emma, studiandomi. “Sembri nervosa. Sei ancora incazzata perché ti perderai la mia festa di questo fine settimana?”

Emma stava organizzando una grande festa nell'appartamento dei suoi genitori la notte successiva. Erano in crociera in Messico, quindi avremmo avuto il posto tutto per noi.

Beh, io no.

“Insomma… no”, feci il broncio. “Ma in realtà anche, sì. Perché mia madre ha dovuto scegliere proprio questo fine settimana per sposarsi? Voglio sbronzarmi. Ne ho bisogno dopo oggi”.

“Ho sentito della storia del professor Hammond”.

“Cosa?! Come hai fatto…”

“Brittany l'ha postato nella sua storia di Instagram”, disse Emma con un'alzata di spalle. “Per quello che vale, hai disegnato un gran bel cazzo”.

“Sì, io e Picasso”, brontolai.

Ottimo. Brittany ha solo un migliaio di follower.

“Ehi, guarda il lato positivo”, disse Emma mentre attraversavamo il campus verso il nostro dormitorio. “Probabilmente ti scoperai qualche montanaro sexy questo fine settimana”.

“Ho già chiesto a mia madre e ci saranno esattamente zero potenziali candidati durante il matrimonio. A meno che non conti il mio fratellastro”.

“Ooh, sembra eccitante!” Emma scoppiò a ridere. “Proprio come tutti quei porno che guardi”.

Mi limitai a guardarla.

Il porno è fantasia. Questa è la vita reale.

“Non posso credere che mia madre stia sposando qualcuno che ha iniziato a vedere solo sei mesi fa. Voglio dire, non l'ho nemmeno incontrato! Non è proprio da lei”.

Mamma non aveva mai fatto una cosa impulsiva nella sua vita. Si guadagnava da vivere vendendo arte e artigianato su Etsy. La amavo da morire, ma non era un tipo spontaneo.

“L'amore fa fare alla gente cose folli”, disse Emma. “O forse ha solo un cazzo molto grande. Forse anche più grande di quello del professor Hammond”.

“Che schifo!” Urlai, tappandomi le orecchie. “Non voglio pensare a mia madre con il suo vecchio e sporco montanaro!”

Ridacchiavamo come ragazzine delle medie mentre strisciavo la mia tessera magnetica e mi facevo strada nel nostro dormitorio.

Emma mi faceva sempre sentire meglio.

***

Stavo caricando i bagagli sulla mia fidata e arrugginita Corolla. Bear Creek era nel bel mezzo del fottuto nulla e mamma mi stava facendo passare tutte le mie vacanze di primavera lì.

Una settimana, secondo mamma, da riempire con escursioni… campeggio… nuoto… natura…

In altre parole, tutto ciò che odiavo.

Ero una ragazza di città. Mi piaceva fare festa. Postare i miei pranzi su Instagram. Passare il tempo in pigiama e guardare Netflix.

Non ero impaziente di passare le mie ultime vacanze scolastiche in montagna come un bifolco.

Chiusi il bagagliaio, in qualche modo confortata dal fatto che era pieno di tutti i miei snack preferiti – insieme a qualche bottiglia di vodka Smirnoff.

Avevo bisogno di qualcosa da fare nel caso in cui Jack non avesse avuto internet nella sua baita o altro.

Mentre camminavo verso il lato del conducente, vidi due ragazzi camminare verso di me.

Uno di loro era Chris.

Porca troia.

Il cuore mi balzò in gola.

Avevo una cotta per Chris fin dal primo anno. Ora che la scuola stava finendo, provavo quella sensazione del tipo “ora o mai più”. Il tempo per metterci insieme stava finendo. Non che pensassi realisticamente che sarebbe mai successo.

Non avevo alcuna possibilità. Chris era abbronzato, giocava nella squadra di squash e aveva denti più bianchi della neve artica. I suoi genitori erano ricchi perché suo padre dirigeva un'azienda farmaceutica o qualcosa del genere, e avevano una casa da sci a Vail.

Vail!

Non ero la ragazza più brutta del campus, ma mi ero sempre sentita come se fossi a un passo dal campo dei ciccioni. Le mie curve mi facevano sentire a disagio.

Aggiungi il fatto che mia madre si era da poco trasferita in quella che probabilmente era una fantastica roulotte in mezzo al niente e, probabilmente, non ero una grande prospettiva per il ragazzo più attraente del campus.

Ero sicura che avesse sentito cosa era successo oggi alla lezione di arte. Quella serpe di Brittany aveva un debole per Chris e sapeva che anch'io ce l'avevo. Era sempre alla ricerca di modi per sabotarmi.

“Dove sei diretta, Helen?”

Chris si avvicinò a me, con il suo assistente Sean al seguito. Non avevo mai capito perché Chris uscisse con un tale verme – probabilmente si sentiva in colpa perché non aveva mai avuto ragazze.

Ha proprio un cuore d'oro.

Mi appoggiai alla macchina, cercando di sembrare disinvolta. Cercai di nascondere le mani tremanti nelle tasche dei jeans, ma poi mi ricordai che i miei dannati jeggings non ne avevano.

“Vado sulle Montagne Rocciose per il matrimonio di mia madre”.

“Le Montagne Rocciose, eh?” Chris sorrise. I suoi denti quasi mi accecarono. “Sai, i miei genitori hanno una casa a Vail. È da quelle parti?”

“No, uhm… non è vicino a Vail”, dissi, inciampando sulle mie parole.

“Aspen?” Chiese Sean.

“Io… vado a Bear Creek”.

Sentii il viso diventare caldo. Grazie al cielo stava facendo buio.

Chris alzò un sopracciglio. “Bear Creek? Davvero?”

Annuii. Lui si accigliò, scambiando un'occhiata con Sean. Ero sicura che avrebbero riso di questo più tardi.

“Quindi, immagino che non sarai alla festa di Emma…” Disse.

Stavo impazzendo o sembrava…

Deluso?

“No, non questa volta”, dissi.

Chris annuì, illuminandosi. “Beh, buona pausa. Ci vediamo al tuo ritorno”.

Mi avvolse in un abbraccio. Quasi mi sciolsi tra le sue braccia.

“Sì… Ci vediamo”, riuscii a dire. “Divertiti domani”.

“Ci spaccheremo di brutto!” Sean ridacchiò, un sorriso frastagliato apparve sotto il suo naso da maiale. Puzzava di acqua di bong vecchia di una settimana.

“Attenta agli orsi lassù”, mi avvertì Chris scherzando.

Ridacchiai. “Lo farò”.

Sfoggiò il suo sorriso da un milione di dollari ancora una volta e si girò per andarsene. Mi accasciai nella macchina, svenendo.

Sono solo io, o io e Chris… avevamo una sorta di… vibrazione?

Dovevo essermelo immaginato.

…Giusto?

Fanculo!

Perché sto andando a Bear Creek invece che alla festa di Emma?

Girai la chiave nell'accensione, ascoltando il rombo della Corolla.

Le cose che ho fatto per mia madre…

***

Un paio d'ore più tardi stavo guidando su oscure strade di montagna, completamente persa. A quanto pareva, Bear Creek non era solo il centro del nulla, era la fine della fottuta Terra.

Non avevo visto un'altra macchina per chilometri, figuriamoci una stazione di servizio o un McDonald's. Quindi niente McFlurry al tramonto per me.

Quassù non c'erano lampioni. Nessun palo del telefono. Nessun guard-rail. Niente su entrambi i lati se non alberi. Alberi e alberi e ancora alberi del cazzo.

Vidi un bagliore giallo nel buio. Un cartello stradale!

Avrei dovuto incontrare mia madre a un bivio, ma non c'era campo quassù e anche il mio GPS aveva smesso di funzionare.

Mi sto avvicinando a Bear Creek Lane?

Che cazzo ne so.

Rallentai mentre mi avvicinavo al cartello, strizzando gli occhi nel buio per distinguere le parole…

ATTENTI AGLI ORSI

Orsi?! Gesù Cristo!

Pensavo che Chris stesse scherzando.

Mentre andavo avanti, la strada diventava più stretta. Più ventosa.

Le imponenti Montagne Rocciose coprivano il bagliore delle stelle e della luna. Fuori era buio pesto.

Dove sono?

Sempre più nervosa, spensi l'album di Camila Cabello che stavo ascoltando. La musica stava diventando una distrazione via via che la guida diventava più difficile.

Mentre facevo un'altra curva, vidi un movimento nei miei fari. Terrorizzata premetti sul freno.

Oh cazzo…

Le mie mani strinsero il volante mentre un'ombra enorme emergeva dal bosco…

E un maledetto ORSO GRIZZLY si mise in mezzo alla strada!

La bestia pelosa si fermò davanti a me, di fronte alla Corolla con i suoi occhi scintillanti.

Porca miseria.

Mi stava fissando!

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

HELEN

L'orso grizzly si avvicinò alla Corolla. La grande bestia pelosa era quasi delle dimensioni della mia auto.

I miei occhi andarono agli spessi artigli bianchi e ossei che strusciavano sull'asfalto screpolato.

Le mascelle gialle che brillavano di saliva.

Gli occhi neri che mi guardavano da dietro quel muso che annusava l'aria.

Sta annusando me, pensai.

Non riuscivo a respirare.

Sto per diventare la cena di un orso grizzly?

Quello era un pasto che non volevo pubblicare su Instagram.

L'orso si fermò di fronte al mio paraurti, con la bava che colava sul mio cofano…

Volevo chiudere gli occhi, ma non riuscivo a distogliere lo sguardo…

E poi….

Inaspettatamente…

L'orso si allontanò dalla mia macchina… e si addentrò nel bosco.

Aspettai dieci secondi, trenta secondi, quello che sembrava un minuto intero prima di prendere finalmente fiato.

Questa sarà la mia prima e ultima visita a Bear Creek, promisi a me stessa. Matrimonio o no, mamma mi deve un grosso favore.

Schiacciai l'acceleratore e ripresi il viaggio, con gli occhi che sfrecciavano a ogni curva in cerca di segni del mio amico peloso.

Poi, più avanti, i miei fari brillarono su un altro cartello stradale.

Era un altro avvertimento di fare attenzione agli orsi? Secondo la mia modesta opinione, in questo tratto di autostrada avrebbero potuto metterne di più.

Man mano che mi avvicinavo, però, lo riconobbi come l'equivalente campagnolo di un cartello stradale. Tirai un sospiro di sollievo.

Avevo trovato Bear Creek Lane.

Grazie, Dio. Grazie, Gesù. Grazie, Allah, Buddha, Beyoncé…

Rallentai. Un vecchio pick-up era parcheggiato sotto il cartello. I suoi fari si accesero quando mi avvicinai. Una donna magra di mezza età si affacciò al finestrino, salutando freneticamente…

Mamma!

Parcheggiai accanto al fuoristrada. Mamma era già in attesa di abbracciarmi quando scesi dalla macchina.

“Oh, tesoro! Ce l'hai fatta!” gridò.

“A malapena”, dissi, stringendole la schiena. “Come mai il fuoristrada?”

Mamma guidava una Kia. Cosa ci faceva con questa sgangherata macchina da campagnola?

Diede un'occhiata dietro di sé. “Jack voleva che prendessi il suo furgone da lavoro. Non ho quattro ruote motrici e non si sa mai cosa si può incontrare qui fuori, specialmente di notte…”

“Vuoi dire come il Grizzly gigante che ha quasi mangiato la mia Corolla?”

“Oh, sono innocui”, disse mia madre con uno sguardo sfacciato. “Hanno più paura loro di te che tu di loro”.

“Ti porto alla baita”, disse poi salendo sul pick-up di Jack. Annuii e tornai dentro la Corolla.

Giusto. La baita.

Mi sentivo come la protagonista di un film slasher per adolescenti.

Vacanze di primavera in una baita nel bosco. Cosa potrebbe mai andare storto?

Mi feci forza mentre i fanalini di coda di mamma iniziavano a percorrere Bear Creek Lane.

La settimana più triste della mia vita era ufficialmente iniziata.

Seguii il pick-up mentre serpeggiavamo lungo Bear Creek Lane, che si rivelò essere una strada sterrata piena di rocce e buche.

Se la mamma non fosse stata lì, probabilmente non l'avrei mai notata. L'ingresso della deviazione era completamente nascosto dai cespugli di more.

All'inizio i boschi circostanti erano densi e scuri come lo erano stati sull'autostrada.

Già. Questo posto aveva Venerdì 13 scritto dappertutto.

Ma poi notai delle luci tra gli alberi. Le finestre incandescenti delle case – case enormi – che non sarebbero state fuori posto in una città turistica come, beh…

Vail.

La faccenda si fa interessante. Pensavo che solo i contadini vivessero qui.

O forse Jack è l'unico, pensai, guardando il fottuto pick-up.

Seguii mamma lungo una lunga strada secondaria.

Whooooooaaaaaa….

Era un vialetto, non una strada secondaria. E la casa a cui apparteneva era gigantesca, più grande di tutte quelle che avevamo passato. Sembrava una specie di rifugio sciistico di lusso per ritiri aziendali, tutto legno e vetro.

Jack è il giardiniere o qualcosa del genere?

Mamma parcheggiò in un garage di cinque auto tra la sua vecchia Kia e un SUV gigante, facendomi cenno di andare in uno degli altri posti liberi. Dopo aver parcheggiato, uscii dalla Corolla, impressionata dalle dimensioni dello spazio, che era probabilmente tre volte più grande della stanza del dormitorio che condividevo con Emma.

Mamma sorrise. “Eccola qui! La mia casa dolce casa!”

“Jack taglia il prato qui o qualcosa del genere?” I miei occhi caddero su un paio di moto d'acqua appoggiate su un rimorchio sul lato più lontano della stanza. Mamma si mise a ridere.

“No, sciocca! Questa è casa sua. L'ha costruita con le sue mani”.

Sì, e poi cos'altro?

Ero scioccata.

L'aveva costruita da solo? Merda, pure in tal caso doveva essergli costata una fortuna. Jack era una specie di miliardario montanaro?

“Pensavo avessi detto che costruiva mobili…”

“Io faccio mobili!” arrivò una voce roboante.

Un uomo grande e grosso in camicia a quadri improvvisamente prese mia madre tra le sue braccia muscolose. Lei urlò dalle risate.

“Helen, ti presento Jack!” Disse mamma mentre l'uomo – che doveva essere Jack – la metteva giù. Lui allungò la mano per stringerla.

“Qua la mano, Helen. È un piacere conoscerti finalmente”.

Guardai i suoi occhi argentei e il suo viso amichevole, tutto sgualcito alle tempie.

Oh. Mio. Dio.

Jack era un vero tesoro.

Aveva un sorriso giovanile e una barba scura punteggiata di grigio. I suoi lunghi capelli erano tirati indietro in uno chignon disordinato e i suoi muscoli minacciavano di uscire dalla camicia in qualsiasi momento.

Ottimo lavoro, mamma.

D'altronde, anche lei non era da meno in fatto di aspetto. Aveva circa cinquant'anni e aveva ancora un corpo magro – le mie curve venivano sicuramente dalla parte di papà.

Non ho mai, mai, mai voluto pensare a mamma in camera da letto, ma chiunque avesse occhi poteva vedere che era decisamente una MILF.

Erano entrambi fortunati.

“Anche per me è un piacere conoscerti”, dissi sinceramente a Jack.

Lanciai un'occhiata oltre le sue spalle da giocatore di football – o quantomeno ci provai – a mamma, rivolgendole un sottile sguardo di approvazione. Lei si fece rosa brillante.

“Possiamo farti fare il grand tour della casa?” Chiese Jack, offrendomi il suo braccio. Lo afferrai al volo.

“Assolutamente”, risposi, lanciando a mamma un'altra occhiata.

Ricco, sexy ed educato?

Mamma mia!

***

Jack e mamma mi portarono in giro per la casa, che sembrava ancora più grande all'interno di quanto lo fosse dall'esterno. Jack aveva una cucina enorme, un soggiorno enorme, diverse camere da letto enormi…

Tutto sembrava essere costruito per un gigante.

La coppia felice scherzava e sorrideva per tutto il tempo. Non potevo credere di aver dubitato della scelta dell'uomo di mia madre. Erano perfetti insieme – in amore e negli affari.

Si erano incontrati a una fiera dell'artigianato, dopotutto. Jack era venuto con i suoi mobili e mamma con le trapunte, le coperte e i cuscini del suo sito Etsy.

Ora lavoravano insieme – Jack faceva ancora i suoi mobili, ma ora la mamma li rivestiva. A quanto pare le loro collaborazioni stavano vendendo come il pane.

Dopo il tour, Jack si preparò a uscire. Doveva incontrare suo figlio Sam e alcuni amici al bar locale per una serata tra ragazzi.

Ci disse di non aspettarli alzate, quindi a quanto pareva avrei incontrato Sam la mattina dopo. Se era come suo padre, ero sicura che sarebbe stato figo.

Jack e la mamma si scambiarono un dolce bacio prima di andarsene.

“Buonanotte, signore!” disse, salutandomi.

“Non bere troppo!” La mamma lo avvertì.

Lui si accigliò per scherzo. “Chi? Io?”

La mamma alzò gli occhi al cielo. Jack mi fece l'occhiolino, fischiettando innocentemente mentre usciva dalla porta.

La mamma si voltò verso di me, scuotendo la testa. “Devi essere stanca, tesoro. Abbiamo preparato la stanza degli ospiti per te di sopra se vuoi dormire un po'”.

“Dormire? Stai scherzando?” Le feci un sorriso malizioso. “Mamma, ti sposerai domani. Dobbiamo festeggiare!”

***

Venti minuti dopo, ero in cucina a mescolare la Smirnoff con della Coca Cola che mamma e Jack avevano in frigo. Mamma si accigliò mentre la servivo.

“Tesoro, sai che non bevo molto”.

“Esattamente. Ma è un'occasione speciale”.

Sollevai il mio bicchiere dall'isola della cucina.

“A Ellie e Jack”, dissi.

Cin!

Sorseggiammo i nostri drink. Mamma fece una smorfia.

Certo, Coca e vodka non era il cocktail più elegante, ma era il mio preferito – non stavo cercando di impressionare nessuno qui nel bosco.

“Lo ami davvero, mamma?” domandai, l'alcool mi aveva immediatamente rilassata dopo una così lunga giornata.

Lei annuì. “Lo amo davvero. Non mi sono mai sentita più sicura di quando sono avvolta dal suo abbraccio”. Sorrise a se stessa.

“È la cosa migliore che mi sia capitata dopo, beh… te“.

Aww. Grazie, mamma”.

Le sue parole mi scaldarono il cuore. Mamma e io eravamo rimaste sole dall'incidente di mio padre. Con la sua assicurazione sulla vita avevamo avuto modo di sopravvivere, ma la mamma si era un po' chiusa in se stessa.

Anche quando aveva iniziato la sua attività, usciva raramente di casa a meno che non dovesse andare a prendere del materiale per cucire o partecipare a qualche fiera dell'artigianato.

Era sempre stata una specie di solitaria e a volte mi preoccupavo che sarebbe finita da sola nella sua vecchiaia.

L'incontro con Jack aveva messo a tacere quelle preoccupazioni.

“Allora, ti piace qui?” Domandai camminando verso il soggiorno. Attrezzi da campeggio d'epoca, racchette da neve e canne da pesca decoravano le pareti. Un lampadario di corna pendeva dall'alto soffitto.

“È un grande cambiamento da Boulder”, rispose la mamma, sedendosi su un grande divano a quadri vicino al camino di pietra.

Mi unii a lei, guardando fuori sull'enorme cortile attraverso la parete di vetro che costituiva parte della stanza.

“So che sembra lontano”, continuò. “Ma mi piace stare qui fuori nella natura. La vita è molto più semplice senza Wi-Fi o servizio cellulare”.

“Non c'è Wi-Fi?!” gridai, incredula. Mamma si limitò a sorridere.

“Mi dispiace, tesoro”.

Sospirai. “Cosa diavolo fate per divertirvi allora?”

Mamma fece spallucce. “Quando mi sono trasferita qui quest'inverno, facevamo escursioni e ciaspolate. A volte, semplicemente, ci sediamo a leggere vicino al camino…”

Qualcosa brillava nei suoi occhi mentre fissava il suddetto camino.

Potevo immaginare che avessero fatto molto di più che leggere qualche libro nelle lunghe e fredde notti invernali.

Eeeeeew! Smettila subito coi pensieri zozzi, Helen!

“A volte uscite o altro?” chiesi, cambiando argomento. L'espressione distante scomparve dal volto di mamma.

“Oh, uh…” farfugliò. “No, non usciamo molto da casa. Jack va in città quando abbiamo bisogno di qualcosa e io sono sempre così occupata con il lavoro, o a cucinare, o a fare i lavori di casa…”

“Ti sta mettendo a fare i lavori di casa?” domandai. Non mi piaceva come suonava. Non volevo che mia madre diventasse una domestica.

Poteva essere una pantofolaia, ma non era una casalinga.

“Niente del genere. Condividiamo le faccende domestiche. È solo…” La sua voce si interruppe mentre cercava le parole giuste. “Mi piace davvero questa casa”.

Beh, non potevo darle torto. Il posto era un dannato palazzo.

“Ti piacerà molto Sam”, disse la mamma dopo un altro sorso del suo drink. “Vive qui con noi. Aiuta Jack a costruire i mobili”.

“Fico”, dissi. “Dove è andato al college?”

“In realtà è andato a lavorare con Jack subito dopo il liceo”.

“Oh. Anche questo è uhm… figo”.

Non è andato al college? E non aveva il Wi-Fi o il servizio cellulare?

Hmmmm…

Forse Sam non sarebbe stato così figo. Se non avevamo storie del college o Netflix in comune, di cosa diavolo potevamo parlare? Alberi e rocce?

Uffff.

“Non vedo l'ora di incontrarlo domani”, dissi, cercando di essere educata. Per fortuna mamma era già ubriaca e scambiò il mio tono per sincero.

“Sarà il fratello maggiore che hai sempre desiderato”, disse, biascicando le parole.

“Uh-huh”.

Come dici tu, mamma.

***

Io e mamma ci scolammo un'intera bottiglia di Smirnoff quella sera. Non l'avevo più vista da Natale e la sua vita era stata un turbine da allora, con la proposta di matrimonio, il trasloco e tutto il resto.

Alla fine della serata, mi sentivo più vicina a lei di quanto non mi sentissi da molto tempo.

Il mattino seguente, invece, mi sentivo più vicina alla morte.

Avevo i postumi della sbornia alle stelle.

Incespicai fuori dalla camera degli ospiti, sbattendo le palpebre nella luce del mattino. Indossavo solo una grande e logora maglietta di Boulder State e le mutandine del giorno prima, ma non me ne fregava niente – avevo bisogno di idratarmi, subito.

Barcollai fino alla cucina e riempii un bicchiere dal lavandino. L'acqua era così pura e rinfrescante, probabilmente proveniente da una specie di ghiacciaio delle Montagne Rocciose o qualcosa del genere. Mi sentii rinascere.

Riempii di nuovo il bicchiere e mi appoggiai al lavandino, notando un post-it sul tavolo.

“Prendiamo il miele. Torniamo subito. Con amore, Ellie + Jack”

Miele? Eh?

Ero troppo stupefatta per rifletterci su. Andai verso il frigorifero per vedere cosa potevo trovare per la colazione. I postumi della sbornia mi fanno sempre venire fame.

D'altronde, cosa non lo faceva?

Canticchiavo quella canzone di Camila Cabello, sculettando a ritmo mentre tiravo fuori dal frigo uova e pancetta.

Proprio quello che aveva ordinato il dottore.

“Buongiorno, señorita”, disse una voce profonda ridacchiando.

Mi bloccai.

Non era la voce di Jack.

Quindi doveva essere…

Chiusi la porta del frigorifero.

Appoggiato alla porta della cucina c'era Jack, o almeno, quello che sarebbe sembrato Jack trent'anni più giovane, mezzo nudo, e che mi faceva il sorriso più compiaciuto che avessi mai visto.

Non riuscivo a smettere di fissare quegli addominali… Quel petto…

Uh-oh.

Era molto peggio di quanto mi aspettassi.

Il mio nuovo fratellastro…

…era un dio del sesso!

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Punita dall’alfa

Dopo aver passato la vita preoccupata che non avrebbe mai trovato il suo compagno, Alexia finalmente lo incontra e si preoccupa ancora di più! L’alfa Rainier Stone del Branco di Southridge è un assassino con una pessima reputazione. Prende ciò che vuole e ora vuole lei. Peggio ancora, anche lei lo vuole!

Riuscirà Alexia a calmare la furia nel cuore di Rainier? Sarà in grado di salvarlo da sé stesso?

Età: 18+

Aurora e l’Alfa

Alfa Everett del Branco del sangue ombra non ha idea di come sia finito con un’umana come compagna, ma eccola qui, la diciottenne e goffa Rory.

Adottata da una lupa Omega, Rory ha vissuto la maggior parte della sua vita nel Branco della luna rossa, ma non può tornare indietro dopo che i capi del branco hanno cercato di ucciderla. Sembra che lei e il protettivo Alfa debbano stare insieme.

Può nascere l’amore tra loro? E se così fosse, sarà abbastanza forte da resistere ai molti segreti di Rory?

Età: 18+

Morsi d’amore

Non c’è nessuno che non adori Scarlet. È giovane, bellissima e dall’animo angelico… Quindi tutti rimangono scioccati dallo scoprire che il suo compagno predestinato è lo spietato e senza cuore re alfa.

Temuto da tutti (e per buoni motivi!), è tornato dopo sette anni per reclamare ciò che è suo. Riuscirà Scarlet a fare breccia nel suo cuore o sarà lei a dover implorare pietà?

Età: 18+

Verso la caduta del CEO

Cece Fells è una delle più talentuose giovani pasticciere di Londra. Questo fino a quando il miliardario Brenton Maslow non demolisce la sua pasticceria per costruire uno schifoso parcheggio! Ora l’infuriata artista dei cupcake è in missione per distruggere l’amministratore delegato della Maslow Enterprises, attraente in modo insopportabile… Sempre che non si innamori di lui!

Età: 18+

Un errore meraviglioso

Dopo che gli amici di Kyla la convincono a riprendersi con un’avventura di una notte dall’ex fidanzato che l’aveva tradita, lei è sicura di aver eliminato l’amore e la lussuria da sé stessa per sempre. Ora può concentrarsi sulla sua carriera di assistente marketing. Ma ancora non sa che il bello sconosciuto che ha appena sconvolto il suo mondo è il suo nuovo capo. Kyla decide di mantenere la loro relazione professionale, ma il suo capo miliardario non si scoraggia facilmente…

Età: 18+

Trovata

Hazel Porter è perfettamente felice con il suo lavoro in libreria e con il suo accogliente appartamento. Ma quando un incontro spaventoso la getta tra le braccia di Seth King, si rende conto che c’è di più nella vita, molto di più! Viene rapidamente spinta in un mondo di esseri soprannaturali che non sapeva esistessero e Seth ne è proprio al centro: un feroce, forte, splendido alfa che non vuole altro che amarla e proteggerla. Ma Hazel è umana. Può davvero funzionare?

Età: 18+

Fata Madrina Inc.

Tutti sognano di avere una fata madrina, no? Be’, Viola scopre di averne una, deve solo firmare sulla linea tratteggiata e tutti i suoi sogni diventeranno realtà! Cosa potrebbe andare storto? Forse solo il fatto che deve partecipare a un gioco pericoloso contro altre donne per vincere il cuore del meraviglioso principe? Che la sfida abbia inizio!

Età: 18+

L’ultima speranza

Lake aveva un piano perfetto. Trovare il suo compagno, sistemarsi e costruire una famiglia. Ma quando il suo compagno la rifiuta per un’altra, il piano di Lake va in frantumi… E così il suo cuore.

Può mantenere la fede che la Dea abbia qualcos’altro in serbo per lei? Potrebbe essere anche meglio di quello che aveva pianificato.

Età: 16+