logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Gideon, 200 anni, consigliere della famiglia reale dei licantropi, è alla ricerca della sua erasthai da più tempo di quanto la maggior parte degli esseri umani è in vita. Ha rinunciato da molto, ma questa notte sente un odore paradisiaco… Inseguendolo fino al suo letto, scopre che qualcuno si trova già lì…

La ventiduenne Layla, umana in una famiglia di lupi mannari, ha cercato l’indipendenza per tutta la sua vita. Ma dopo aver scambiato il turno con un collega malato, si ritrova in una casa dall’odore buono abbastanza da farla strisciare nel letto del proprietario… nuda…

Età: 18+

 

Gideon di Nicole Riddley è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Trama

Gideon, 200 anni, consigliere della famiglia reale dei licantropi, è alla ricerca del suo erasthai da più tempo di quanto la maggior parte degli esseri umani è in vita. Ha rinunciato da molto, ma questa notte sente un odore paradisiaco… Inseguendolo fino al suo letto, scopre che qualcuno si trova già lì…

La ventiduenne Layla, umana in una famiglia di lupi mannari, ha cercato l’indipendenza per tutta la sua vita. Ma dopo aver scambiato il turno con un collega malato, si ritrova in una casa dall’odore buono abbastanza da farla strisciare nel letto del proprietario… nuda…

Età: 18+

Autore originale: Nicole Riddley

GIDEON ARCHER

“Lord Archer! Che piacere incontrarla qui”.

Alistair Pembroke. Fondatore della Pembroke Motor Corporation, il produttore di tutto, dai piccoli aeroplani alle automobili di lusso, alle barche e agli yacht.

Straordinario playboy.

Incredibilmente arrogante.

Bramoso e impaziente di creare un legame con il Palazzo. Se solo sapesse che il principe ereditario e il suo branco sono qui, in California.

Afferra la mia mano e mi dà una pacca sulla schiena come se fossimo vecchi amici.

“Signor Pembroke”. Lo saluto perché fare altrimenti sarebbe scortese e io sono tutt'altro che maleducato.

Non per questo mi piace, lo stronzo.

“La signora Helen Aristophanes”. Rivolgendosi alla mia compagna. “Come va?”

Devo trattenermi dal fare un commento sprezzante, so che si sono conosciuti in senso biblico… più di una volta, nonostante lei si professasse fedele solo a me.

“Signor Pembroke”. Helen gli regala uno dei suoi sorrisi sensuali e seducenti e gli offre la mano. Gli occhi di lui fanno una rapida scansione al suo corpo prima di sollevarle la mano all’altezza delle labbra.

“Allora, cosa porta il leggendario Lord Archer qui stasera?” chiede, riportando l’attenzione su di me dopo aver liberato lentamente la mano di Helen. “Non avrei mai pensato di vederti tra gli umani”.

Affondo le mani nelle tasche dei miei pantaloni e mi guardo intorno.

Il Charity Gala è in pieno svolgimento: champagne che scorre, musica dal vivo, uomini nei loro abiti da mille dollari e donne che si pavoneggiano in abiti firmati. Questo posto brulica di umani.

Vedo solo altri due licantropi qui stasera. Probabilmente sono gli addetti alla sicurezza di Pembroke o i suoi amici. È il posto per osservare ed essere osservati. A nessuno frega davvero nulla della causa.

“Perché? Per sostenere la causa, naturalmente”, dico io.

“Sì, certo”, risponde lui.

“Eccoti qui, Alistair”. Una bellissima donna licantropa si avvicina a lui. “Ti stavo cercando”, dice prima di alzare speranzosa gli occhi verso di me.

“Lord Archer, lascia che le presenti la mia accompagnatrice, Juana Vega”, dice Pembroke. “Juana, questi sono Lord Archer e la sua accompagnatrice, la signora Helen Aristophanes”.

“La sua compagna, in realtà”, dice Helen prima che io abbia la possibilità di dire qualcosa. Accartoccia le sue dita attorno al mio braccio. “È un piacere conoscerti”.

“Oh, santo cielo… lei è Lord Archer”, sussurra Juana Vega. I suoi occhi si illuminano. “Alistair, non mi hai mai detto che conoscevi Lord Archer”.

“È un piacere conoscerla, signora Vega”, le dico, stringendole la mano.

“Il piacere è tutto mio”. Sembra ancora emozionata. Sento la mano di Helen che si stringe intorno al mio bicipite e cerco di nascondere il fastidio.

Devo parlare presto con Helen di questa sua possessività. Entrambi siamo consapevoli che lei non deve avere pretese su di me – come io non ho pretese su di lei.

“Beh, dovete sedervi con noi”. Pembroke alza la mano per indicare la sezione VIP davanti.

“Temo che non rimarremo”, gli dico.

“Oh, rimanete, per favore. La pista da ballo sarà presto libera per ballare”, insiste.

Pembroke ha cercato in tutti i modi di avvicinarsi a me per anni. Immagino che sia a causa del mio legame con il palazzo.

“Vorrei poterlo fare, ma ho del lavoro da fare, signor Pembroke”.

“Tesoro, tu lavori sempre. La festa sembra divertente”. Helen mette il broncio. Sono sicuro che Alistair Pembroke trovi il suo broncio sexy. Io trovo la vista irritante.

“Sai molto bene che non posso restare. Inoltre, abbiamo quella prenotazione a Providence”, le dico.

Sono qui per consegnare un messaggio dal palazzo a uno dei più potenti alleati fuori dal Regno. Messaggio consegnato. Il mio lavoro è finito. Devo andarmene.

“Forse le nostre strade si incroceranno di nuovo in futuro, signor Pembroke”.

***

Helen ha messo il broncio e non ha detto una parola sul retro della limousine. Nel momento in cui ci siamo seduti per la cena, tuttavia, ha iniziato a parlare a più non posso.

Vedo la sua bocca muoversi, ma la mia mente è occupata da altre questioni ed è un brutto segno.

Helen è diventata la mia compagna cinque anni fa a. Nessun vincolo. La trovavo divertente allora.

È chiaro che non sarà una cosa permanente. Non la farò mai diventare la mia compagna permanente. Quell'offerta ci sarà mai. Se uno di noi trova il suo erasthai – o se siamo semplicemente annoiati l'uno dell'altro – potremo terminare il nostro accordo in qualsiasi momento, senza alcun rancore.

Anche con questo accordo, non siamo sempre insieme. A volte stiamo lontani l'uno dall'altra per mesi, a volte per quasi un anno. Quando parte, sostiene di passare del tempo a Mykonos dove vivono i suoi genitori, ma ne dubito.

Non chiedo mai dove va. Non sono affari miei. Né le dico dove sono stato io o cosa ho fatto.

L'ho trovata più irritante del solito in questi ultimi mesi…

Beh, in realtà, da molto più a lungo. Non ricordo bene quando ha smesso di essere divertente.

Ogni parola che esce dalla sua bocca mi dà sui nervi.

Dopo la mia ultima esperienza con il principe ereditario Caspian e il suo branco, dove ho cercato di salvare la sua erasthai Quincy dalle grinfie del suo ex branco, sono sicuro di dover chiudere presto con Helen.

Forse l'incontro con le vere femmine del branco di Caspian mi ha ricordato come dovrebbe essere la vita con il proprio partner.

O forse il modo in cui Helen si è lanciata sul principe e ha cercato di creare problemi tra la coppia reale, nonostante il mio avvertimento, mi ha dato sui nervi.

Ho abbandonato da tempo ogni speranza di incontrare il mio erasthai, ma ho bisogno di qualcuno di cui mi possa fidare e che mi piaccia sinceramente.

Per un lupo mannaro, la compagna è la propria metà. Per un licantropo, un erasthai è quasi quello che una compagna è per un lupo mannaro. È la persona più compatibile per te, mentalmente, emotivamente e fisicamente, e l’istinto te lo dice chiaramente.

L’istinto ti dice che, col tempo, questa sarà la femmina di cui potresti innamorarti profondamente per il resto della vita, più di ogni altra. Questo se non sei già innamorato di lei a prima vista… o al primo profumo.

Sarà la tua ossessione. La tua vita. Il tuo tutto.

“Ho sentito che ci sarà una cerimonia di accoppiamento al Palazzo Banehallow e che il principe ereditario e il suo branco sono volati in Russia. Sono sicura che tu sia invitato”, la voce di Helen penetra nei miei pensieri. “Perché non torniamo in Russia? Sono sicura che il ballo è bello da morire”.

In effetti sono stato invitato, ma ho alcune cose da fare qui e in altri posti. “Non credo”.

Mette di nuovo il broncio. “Sei un tale stacanovista”, si lamenta, non per la prima volta. “Oh, meglio così. Ho sentito che il principe sta per respingere la sua fidanzata.

“Non riesco ancora a credere che farà di quella donna, Quincy, la sua regina. È un po' troppo ordinaria, non credi?”

Sa fin troppo bene che Quincy St. Martin è tutto tranne che ordinaria. Quella donna è incredibilmente bella e potente.

Infatti, Quincy St. Martin è l'unica donna che io abbia trovato così intrigante, da prendere in considerazione l'idea di accoppiarmi con lei. Peccato che lei sia l'erasthai del principe ereditario, nonché la mia futura regina.

Sono fedele alla corona; non sputo nel piatto in cui mangio.

“Mi annoio. Siamo a Los Angeles. Ho voglia di far festa, anche se tu non ne hai”.

“Molto bene. Avrai la macchina a disposizione stasera. Lo farò sapere all'autista”. Non ho dubbi che sarà con Alistair Pembroke. Mi sento sollevato di essere solo. Non è il primo uomo con cui ha passato la notte.

Può tenerla se vuole.

Penso che sia giunto il momento di tagliarla fuori. Non funziona più per me. È bene porre fine alle cose finché siamo ancora in buoni rapporti. Devo solo trovare un modo per farlo senza che lei dia di matto.

Forse posso addolcirla con un costoso regalo d'addio… Lei ama i regali costosi.

Mi chiamo un taxi e lascio qualche banconota da cento dollari in più sul tavolo per compensare la maleducazione di Helen con il nostro cameriere stasera.

***

Casa mia è un attico di 1.524 metri quadrati con un soffitto di 4 metri e mezzo e una vista perfetta dell'Oceano Pacifico. Non resto mai a lungo in un posto, quindi questo è solo un alloggio temporaneo.

Sono l’intermediario reale tra il palazzo e il resto del mondo.

Ho la mia squadra, ma preferisco fare certe cose da solo. Sono stato mandato a risolvere i conflitti tra branchi, consegnando messaggi confidenziali dal re ad altri leader, come stasera, e viceversa.

Tutto ciò che ha a che fare con questioni reali. In tutto il mondo.

Mentre vado al bar, mi tolgo la giacca, allento il papillon e slaccio qualche bottone in alto prima di togliere i gemelli e arrotolare le maniche della camicia fino ai gomiti.

Mi verso un drink, poi mi avvicino al divano e apro il mio portatile per lavorare.

Il telefono mi vibra nella tasca e lo tiro fuori per guardare lo schermo. È uno dei miei amici, uno dei pochi fidati, Louis de Vauquelin. L'ultima volta che l'ho sentito, era a Ibiza.

“Gideon. Dove sei, amico?”

“Louis”, rispondo. “Sono a Los Angeles. Tu dove sei?”

“Sono ancora a Ibiza, ma ho finito di lavorare”.

Tiro fuori il mio orologio da tasca e lo apro. È quasi mezzanotte, il che significa che lì sono quasi le nove del mattino.

Mi lascio scappare un ghigno. Lavorare? “Festeggiare, vuoi dire. Quando finirai di far festa?”

Lui ridacchia. “Beh, non tutti lavoriamo 24 ore su 24 come te. Ad alcuni di noi piace fare qualcosa che si chiama… uh, vivere?”

“Mi piace il mio lavoro”.

“Sì, sì… così continui a dire, ma Los Angeles è una figata in questo periodo dell'anno. Verrò a trovarti”, dice.

“No, non disturbarti. Lascerò presto Los Angeles. Forse possiamo incontrarci a Lisbona tra qualche giorno?”. Ho degli affari da sbrigare e un incontro con alcuni capi branco lì.

“Ottimo. Fammi sapere quando lasci Los Angeles”, dice prima di riattaccare.

LAYLA

“Ti metti questo per cena?” chiede mamma, ispezionando i miei jeans strappati e un grande maglione verde.

Il maglione ha la faccia di una mucca sorridente dai grandi occhi a palla con la frase “Got Milk?”. Ci sono anche delle anatre dall'aspetto malvagio e qualche gallina.

“Cosa? È adorabile!”. Dico sulla difensiva.

Ok, è brutto… ma non ha bisogno di sapere cosa penso veramente.

I suoi occhi si gonfiano. “No. Voglio che ti cambi adesso, Layla”.

“Ugh, mamma!” Mi incammino verso il mio armadio. Ho ventidue anni, ma mia madre mi tratta ancora come una bambina. È triste, davvero.

“No! Non un altro maglione brutto”, dice mamma quando la mia mano atterra su una felpa grigia di mio fratello.

“Ecco, indossa questo”, dice, prendendo in mano la situazione. Mi porge un vestito rosa chiaro che ho indossato solo una volta.

Lo prendo con riluttanza e lei lascia la stanza. Gah! Non posso vincere.

Mi sono trasferita da casa mia per vivere tra gli umani un anno fa. È a circa mezz'ora di distanza dal territorio del branco, ma quasi ogni fine settimana mi fanno sentire in colpa e cenare da loro.

Forse avrei dovuto trasferirmi più lontano.

Amo la mia famiglia, ma la loro intromissione nella mia vita mi sta sfuggendo di mano.

Subito dopo che ho finito di cambiarmi, lei irrompe di nuovo nella mia camera da letto.

Dio, che sopportazione…

“Ora siediti, Layla”. Mi tira fuori una sedia e la mette di fronte alla pettiniera. Cerco di non roteare gli occhi mentre mi siedo.

“Sei una bellissima ragazza, tesoro. Perché devi nasconderlo così?”

Entrambe fissiamo i nostri riflessi nello specchio. Non assomiglio molto a mia madre. Mia madre è un'umana e mio padre è un lupo mannaro.

“Sei fortunata ad avere il bellissimo gene mannaro”, dice lei.

Voglio dirle che non ho il gene mannaro. Sono un'umana… proprio come lei. L'unica differenza è che lei ha un compagno che la ama. Io no.

I suoi occhi nocciola chiaro, l'unica caratteristica che ho ereditato da mia madre, mi fissano, ma io non dico una parola.

Lei stropiccia i miei capelli selvaggi, castani e ricci e scuote la testa. Poi me li raccoglie in uno chignon in cima alla testa. Mi lascia andare solo quando è soddisfatta del mio aspetto.

***

“Nonna, il tuo posto è proprio lì”. Cerco di spingere “delicatamente” mia nonna a sedersi alla sua solita sedia.

Ora è seduta sulla mia sedia, il che significa che devo sedermi sull'unica sedia disponibile, accanto al ragazzo con cui stanno cercando di sistemarmi, Kofi – il motivo per cui mi sono impegnata a fondo per sembrare brutta.

Si rifiuta di spostarsi. “Ahi, la mia anca. Non penso di potermi alzare ora. Giuro che presto potrei aver bisogno di una nuova anca. Ora, cos'era quello, Layla cara?”

Sto cercando di non uccidere mia nonna di 87 anni, la mamma di mia madre. Vive con noi da quando mio nonno è morto dieci anni fa.

È anche una vecchia astuta che in realtà è sana come un pesce, ma che finge spudoratamente di soffrire di ogni disturbo conosciuto dall'uomo per ottenere ciò che vuole.

Seduti a tavola stasera ci sono mio padre, mia madre, mia nonna, mia sorella minore Maya e il suo nuovo compagno Abraham, mio fratello maggiore Kaleb, la sua compagna Carmen e Kofi.

Sospiro e ammetto la sconfitta.

Vado verso l'altro lato del tavolo e mi siedo vicino a Kofi. Kofi è l'amico di mio fratello maggiore e ha perso la sua compagna dieci anni fa.

È quasi un appuntamento fisso in questa casa ogni fine settimana, poiché pensano che sia perfetto per me.

“Sei bellissima stasera, Layla”, dice Carmen. “Non pensi che sia bellissima, Kofi?”

“Lei è sempre bellissima”, risponde Kofi con un grande sorriso.

Sopprimo un gemito. Oh, Dio mi aiuti.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

LAYLA

Non c'è niente di veramente sbagliato in Kofi. Credo che potrebbe essere molto dolce, ma non provo nulla.

Sono nata senza un lupo, a differenza dei miei due fratelli. Non avere un lupo significa che c'è una grande possibilità che io non abbia un compagno come loro.

Da quando mia sorella minore Maya ha trovato il suo compagno sette mesi fa, hanno raddoppiato i loro sforzi per sistemarmi con alcuni ragazzi, specialmente Kofi. È una vera seccatura.

“Oh, che dolce”, dice la nonna. Le invio un’occhiataccia, ma lei continua: “Voi due potreste fare dei bellissimi bambini insieme”.

Sparatemi! Sparami adesso!

“Non vi avevo detto che voglio almeno dieci nipotini?”

Lo so che in realtà provano pietà per me, ma credo che la nonna si stia unendo al divertimento solo per torturarmi.

Persino mia nonna ha un fidanzato. Sì, esatto, mia nonna si dà da fare più di me. Io, una donna di ventidue anni, mi do meno da fare di mia nonna di ottantasette anni.

Quanto è triste?

Mia sorella si tiene per mano con Abraham, parlando dolcemente e ridacchiando. Tutto ciò mi ricorda il motivo per cui ho scelto di trasferirmi.

Molto presto, mia madre e mio padre si sussurreranno l'un l'altro, Kaleb e Carmen faranno i carini.

È il festival delle manifestazioni d’affetto pubbliche.

L'unica cosa che potrebbe migliorare la situazione è che la nonna porti il suo ragazzo a cena la prossima volta e cominci a comportarsi allo stesso modo.

Arrghhh!!!

Quest’immagine mi fa bruciare il cervello.

“Layla”, dice Kofi, prendendo la mia mano nella sua. “Sei davvero bella. Apprezzo lo sforzo che hai fatto per essere extra carina per me stasera”.

Oh, no…

***

Sento le sue dita fredde scivolare sul dorso della mano e le scuoto via. La mano di Kofi si ritira, per ora, ma Carmen sbircia da dietro a mio fratello per farmi lo sguardo.

Quello sguardo.

È lo sguardo che mi metterebbe nei guai più tardi se mi denunciasse a mia madre.

Siamo in un cinema buio ora, e sto cercando di concentrarmi su quello che sta succedendo sullo schermo. Stanno riproducendo Animali fantastici: I crimini di Grindelwald.

Quando ho promesso a mia madre che avrei dato una possibilità a Kofi, ciò non includeva palpeggiamenti o romantiche strette di mano.

Abbiamo un doppio appuntamento con mio fratello Kaleb e la sua compagna Carmen, fra tutti proprio loro.

Carmen fa parte della mia famiglia da più di dieci anni ormai, quindi è più o meno come una sorella.

La maggior parte delle volte una sorella fastidiosa.

Ha buone intenzioni, ma è impicciona come tutti gli altri nella mia famiglia.

Kofi mette il suo braccio intorno alle mie spalle e io lo scaccio di nuovo.

Carmen mi lancia un'altra occhiata di avvertimento e io sbuffo. Non vorrei essere qui comunque, ma visto che ho ceduto, ancora una volta, il minimo che possano fare è lasciarmi godere il film.

Ma noooo… il signor Mani Appiccicose ha deciso che vuole fare lo sdolcinato.

Mi pento ancora di quello che è successo stamattina, quando ho detto alla mia famiglia che subito dopo pranzo sarei partita per tornare in città.

Sarei dovuta scappare subito dopo colazione… o sgattaiolare fuori prima di colazione.

Ho visto mamma lanciare un'occhiata a Carmen prima che Carmen “suggerisse” casualmente che sarei dovuta andare con Kofi a un doppio appuntamento con lei e Kaleb.

Avrei dovuto sapere che avrebbero unito le loro forze per farmi accettare. Do la colpa alla mia pancia.

All'inizio avevo mantenuto la mia posizione e rifiutato di partecipare al loro folle piano di abbinamento, ma poi hanno tirato fuori l'artiglieria pesante: mio padre.

Mio padre si lamentava di quanto fossi fortunata che un Gamma come Kofi fosse interessato a me, quando tante altre donne lupo mannaro non accoppiate erano interessate a lui… secondo lo stesso Kofi.

Mio padre ha cercato di farmi sentire in colpa per essermi trasferita così lontano dal branco (solo mezz'ora di distanza).

Ha raccontato come i figli dei suoi amici della mia età siano tutti accoppiati e con dei bambini e come i figli dei loro bambini stessero per avere dei bambini.

Eeekkk! Non è vero!

Continuava a dire che il suo cuore, i polmoni e i reni o qualsiasi altro organo a cui potesse pensare stessero per collassare a causa dello stress a cui l'ho sottoposto per non essermi accoppiata.

Una vera drama queen…

Alla fine ho accettato l'appuntamento. Cosa posso dire? Lui è un po' esagerato… e io sono una stupida.

Ho sentito la nonna sghignazzare in sottofondo quando ho ceduto. Giuro, quell'ottuagenaria vive per il mio dolore.

Affondo nella sedia quando il film arriva alla fine. Dopo innumerevoli schiaffi sulla mano e gli infiniti sguardi di Carmen, mi arrendo. Lascio che Kofi tenga la mia mano floscia. Sembra felice.

Mi arrendo. Non so nemmeno se il film era bello.

Tutti sembrano felici quando usciamo dal cinema. Beh, tutti tranne me.

Kofi mette una mano sulla mia schiena e sorride trionfante a mio fratello e Carmen.

Alzo gli occhi al cielo. Non importa.

Gli permetto di tenermi la mano quando raggiungiamo il chiosco. Non è che domani sarò accoppiata a lui.

Giusto?

“Ehi, Carmen!” qualcuno urla nella folla di persone in fila per comprare i biglietti e gli snack.

“Oh, mio Dio! Ragazzi! Che ci fate qui?” Carmen grida eccitata, correndo ad abbracciare i suoi amici. Resisto alla tentazione di alzare gli occhi al cielo… di nuovo. Sono qui per guardare un film, ovviamente. Duh! Scommetto che l'ultima volta che si sono visti è stata questa mattina.

Questo cinema è in una piccola città, una zona neutrale, appena fuori dal territorio del branco. Ci sono molti umani e licantropi più giovani, sia del nostro branco che del branco vicino, che vengono qui per uscire a cena, al cinema o in discoteca.

“Ciao, Kofi!” dice una delle donne lì.

“Ehi, Kofi!” dice un altro.

Wow, è davvero popolare tra le donne.

Le sta guardando con un grande sorriso sulla faccia, ma quando si accorge che lo sto fissando, il suo sorriso diventa timido, con una punta di senso di colpa. Si gratta goffamente la parte posteriore della testa rasata.

Beh, è molto attraente con la sua pelle liscia e marrone scuro, la corporatura alta, la personalità affascinante, i baffi sottili, il pizzetto e quel grande sorriso. Come ho detto, non c'è niente di sbagliato in lui.

È solo che non fa per me.

Nessuna scintilla da parte mia. Forse sono io quella che non funziona.

“Kofi ha un appuntamento con Layla stasera”, dice Carmen con orgoglio come se avessi ottenuto qualcosa. Il sorriso sul volto di una delle ragazze si attenua notevolmente.

“Devo andare a casa ora”, ricordo loro. “Ho una lezione domani”. Ho una lezione domani ma non prima di mezzogiorno.

Non hanno bisogno di saperlo, però.

“Sì, ehm… è meglio che porti Layla a casa”, dice Kofi. “Ci vediamo dopo, Kaleb, ragazze”.

“Porta mia sorella a casa sana e salva, Kofi”. Kaleb gli lancia uno sguardo di avvertimento.

“Sì, certo, amico”, risponde Kofi mentre io do a Carmen e Kaleb un abbraccio per salutarli.

“Sono stato davvero bene stasera, Layla”, dice Kofi dopo aver fermato la macchina davanti a casa mia.

Oh, ne sono sicura.

Aveva parlato senza sosta in macchina, soprattutto di sé stesso. Non mi dispiaceva molto, in realtà. Mi ha dato il tempo di pensare a tutte le cose che devo fare domani e pianificare il giorno dopo.

Tutto quello che dovevo fare era solo dare la risposta appropriata mentre lui parlava, come: “uh-huh”, “oh, davvero”, “wow”, “ok”, “interessante”.

“Sei davvero una grande ascoltatrice, Layla”. I suoi bianchi denti brillano al buio. Mi chiedo quale sbiancante per denti abbia usato.

“Uh-huh”.

“Le altre ragazze di sicuro non sono alla tua altezza”, dice.

“Oh, davvero?”. Rispondo, ascoltando ancora solo a metà.

“Mi piace che tu non sia facile. Qualcuna di classe ma timida, che faccia la difficile, capisci?” Mi guarda in maniera ammiccante. “Lo so, sotto tutta quella recita da regina di ghiaccio, io ti piaccio”.

Aspetta. Cosa?

“Puoi smettere di recitare ora. Hai tutta la mia attenzione. So che sei attratta da me tanto quanto io sono attratto da te. Sei quella giusta per me”.

Scusami, cosa? Oh Dio, sembra una canzone super brutta e smielata.

Voglio mandarlo via, ma non posso, per paura dell'ira di mia madre. Così finisco per fissarlo preoccupata mentre mi mordo il labbro inferiore, pensando a cosa dire.

Devo gestire la cosa con delicatezza. Se lo faccio male, riceverò telefonate da mia madre per tutta la notte. È implacabile.

Delicatamente, giusto.

“Kofi… non sono timida e non sto facendo la difficile”, gli dico. “Mi piaci davvero”.

Il suo sorriso si allarga.

“Quello che voglio dire è che non mi sei antipatico. Ma non mi piaci come… come, insomma, lo sai. Io…”

Improvvisamente, si lancia in picchiata.

Eeekkk!

Giro la faccia appena in tempo in modo che le sue labbra si posino sulla mia guancia. La sua mano si alza per afferrarmi il mento e girarmi la faccia verso la sua, ma lo colpisco sulla fronte, sul petto e su ogni altro posto che le mie mani riescano a raggiungere.

“Ow, Layla. Ahi! Ahi!”, grida.

“Comportati bene, Kofi!” Lo rimprovero. Mi pulisco la guancia e scendo dall'auto molto velocemente, come se avessi il culo in fiamme.

“Oh, andiamo, Layla. Non fare così”, dice lui.

“Non provare a dirmi “andiamo, Layla”!” Urlo al finestrino prima di calpestare il piccolo vialetto. “Sheesh! Cosa è diventato il mondo?”.

Continuo a brontolare mentre spingo con forza la chiave nella serratura.

Ora sono incazzata. Molto incazzata!

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

La schiava dei draghi

Viaggia indietro nel tempo per questa reinterpretazione medievale di Requiem City! Madeline ha servito i potenti draghi mutaforma dell’Orda di Requiem fin da quando era giovane. Al suo diciottesimo compleanno, Hael, il Signore dei Draghi in persona, posa i suoi occhi verde smeraldo su Madeline. Ha dei piani più grandi per lei. Madeline sarà la schiava sessuale servile che Hael richiede? O questo dominatore ultra-sexy ha finalmente incontrato una degna avversaria?

Età 18+

L’ultima speranza

Lake aveva un piano perfetto. Trovare il suo compagno, sistemarsi e costruire una famiglia. Ma quando il suo compagno la rifiuta per un’altra, il piano di Lake va in frantumi… E così il suo cuore.

Può mantenere la fede che la Dea abbia qualcos’altro in serbo per lei? Potrebbe essere anche meglio di quello che aveva pianificato.

Età: 16+

Taken

Clarice è stata difesa per tutta la sua vita dal padre iperprotettivo ed è separata dalla sua lupa interiore. Quando perde il controllo durante una trasformazione, finisce come ostaggio di re Cerberus Thorne, il famigerato leader di tutti i lupi mannari.

Intrappolata nel suo castello, Clarice scoprirà che il proprio destino è legato a quello di Cerberus, ma sarà in grado di domare il suo compagno selvaggio prima che sia troppo tardi?

Età: 18+

Trovata

Hazel Porter è perfettamente felice con il suo lavoro in libreria e con il suo accogliente appartamento. Ma quando un incontro spaventoso la getta tra le braccia di Seth King, si rende conto che c’è di più nella vita, molto di più! Viene rapidamente spinta in un mondo di esseri soprannaturali che non sapeva esistessero e Seth ne è proprio al centro: un feroce, forte, splendido alfa che non vuole altro che amarla e proteggerla. Ma Hazel è umana. Può davvero funzionare?

Età: 18+

Il mio fratellastro è un orso mannaro

La notte della più grande festa dell’ultimo anno, Helen non è entusiasta di essere al matrimonio riparatore di sua madre con un brizzolato uomo di montagna di Bear Creek. Questo finché non incontra Sam, il montanaro più sexy del mondo, che sfortunatamente è anche il suo fratellastro. Nonostante siano polarmente opposti e appena imparentati, i due sono attratti l’uno dall’altra. Ma mentre si avvicinano, Helen scopre qualcosa: Sam ha un segreto che riesce a nascondere a malapena…

Età: 18+

Infinity

Il compagno di Lux è tutto ciò a cui Zayla riesce a pensare dal primo giorno in cui ha sentito il suo profumo. Cerca di immaginare il suo aspetto, il suo sapore… ma sa che anche i suoi sogni più selvaggi non gli rendono giustizia.

Dall’alba al tramonto, il compagno di Lux è sempre lì, in agguato nell’ombra, appena fuori portata. Lei non sa nemmeno che specie sia. Tutto ciò che conosce è il suo nome: Soren.

Età: 18+

Requiem City

Maddie è una borseggiatrice che si aggira per le strade pericolose e magiche di Requiem City. Quando ruba ai ricchissimi gemelli Dobrzycka, questi la costringono a fare una scelta: sottomissione o distruzione.

Età: 18+

La chiamata dell’alfa

Lyla si reca alla riunione del branco in Missisipi senza sperare di trovare il proprio compagno predestinato. Ultimamente, infatti, è raro che i lupi vengano accoppiati durante il rituale e, onestamente, Lyla preferirebbe continuare a frequentare il suo ragazzo attuale, che conosce da sempre.

Quando la cerimonia di accoppiamento inizia, Lyla segue l’ululato che le mostrerà il suo vero compagno, che si rivelerà essere Sebastian, l’alfa reale. Accetterà quindi il suo destino come luna reale oppure sceglierà di rimanere con il ragazzo della porta accanto che ancora occupa uno spazio nel suo cuore?

Età: 18+