logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Aurora e l’Alfa

Alfa Everett del Branco del sangue ombra non ha idea di come sia finito con un’umana come compagna, ma eccola qui, la diciottenne e goffa Rory.

Adottata da una lupa Omega, Rory ha vissuto la maggior parte della sua vita nel Branco della luna rossa, ma non può tornare indietro dopo che i capi del branco hanno cercato di ucciderla. Sembra che lei e il protettivo Alfa debbano stare insieme.

Può nascere l’amore tra loro? E se così fosse, sarà abbastanza forte da resistere ai molti segreti di Rory?

Età: 18+

 

Aurora e l’Alfa di Delta Winters è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Trama

Alfa Everett del Branco del sangue ombra non ha idea di come sia finito con un'umana come compagna, ma eccola qui, la diciottenne e goffa Rory. Adottata da una lupa Omega, Rory ha vissuto la maggior parte della sua vita nel Branco della luna rossa, ma non può tornare indietro dopo che i capi del branco hanno cercato di ucciderla. Sembra che lei e il protettivo Alfa debbano stare insieme. Può nascere l'amore tra loro? E se così fosse, sarà abbastanza forte da resistere ai molti segreti di Rory?

Età: 18+

Autore originale: Delta Winters

RORY

“Rory!”

Una donna di mezza età irrompe nella mia stanza come se si aspettasse che stessi ancora dormendo in un giorno di scuola.

Si riprende quando nota la mia figura vestita; mi sto spazzolando i capelli davanti allo specchio.

“Buongiorno, mamma”, rispondo con un dolce sorriso allegro, sperando di risollevare il suo spirito con il mio.

Ma il suo volto rimane cupo, il cipiglio permanentemente impresso sul suo viso insieme alle linee e alle rughe dovute all'età e alle molestie.

Le sue ciocche brune con le doppie punte volano libere per la sua incuria. I suoi occhi quasi di onice si abbassano mentre vagano per la stanza, trovandola immacolata, il letto ben rifatto.

“Buongiorno, Rory”, saluta con un piccolo sorriso confuso che trasmette la stanchezza della sua vita.

Prende la spazzola dalla mia mano e inizia a intrecciarmi i capelli castano scuro con le sue mani callose.

“Come va la scuola? So di non essere stata molto presente questa settimana, ma puoi parlarmi di qualsiasi cosa. Cos'è quel livido sul tuo braccio?”

“Sono caduta dal letto questa mattina. Niente di strano. Sto lontano dagli altri come al solito”.

Attraverso lo specchio, osserva il sorriso radioso che adorna il mio viso, esprimendo la gratitudine che ho verso di lei.

Mia madre mi ha trovato a tre anni, infreddolita e abbandonata nel bosco infestato di lupi solitari a poche miglia dal territorio della Luna rossa.

Lei è un lupo Omega e ho sempre saputo di non essere sua figlia di sangue, anche se mi ha sempre trattata come tale. Ma io sono un'umana. In un branco di alto rango.

Sono sempre stata l'estranea: più debole, inferiore, indegna.

Da bambina, i cuccioli del branco mi maltrattavano a turno, rubando le mie cose, gettandomi in mezzo per dimostrare la loro forza, prendendomi in giro con parole dure.

Quando siamo cresciuti, mia madre ha deciso che sarebbe stato meglio per me frequentare una scuola superiore umana, fuori dal branco, dove sarei stata relativamente normale.

Certo, sono ancora più debole dei ragazzi del liceo, perché sono più piccola, meno muscolosa e voglio essere amichevole con tutti.

Ma amo la scuola, i miei amici, gli insegnanti e le lezioni.

Mentre passeggio per i corridoi affollati, con i suoni dei gruppetti di ragazze che ridacchiano e gli atleti che si lanciano i palloni da calcio con una disinvoltura rilassata intorno a me, Freya mi salta addosso, fremendo di eccitazione.

Inciampo sui miei stessi piedi. Un paio di risatine sono rivolte nella mia direzione mentre recupero l'equilibrio e continuo a chinare la testa con un leggero rossore.

“Ragazza, sei davvero maldestra”, esclama Freya con una risatina, intrecciando il suo braccio con il mio mentre mi guida lungo il corridoio aiutandomi con la coordinazione.

Sono sempre stata goffa, per quanto ne so, e per quello che ne sa la mamma. Il che si aggiunge ai tormenti che ricevo dai lupi adolescenti del mio branco.

“Rory, tesoro, ehi, e Freya, ehi”, saluta Eddie con un sorriso adorabilmente ampio. Poiché è non solo un membro della squadra di lacrosse ma anche un avido lettore di libri, mi sono presa una cotta per questo atleta colto.

Mi ha sorpresa quando mi ha rivelato di piacergli e poi mi ha chiesto di uscire.

Sentendomi euforica, come avrebbe fatto qualsiasi ragazza nello scoprire che una cotta è ricambiata, ho accettato e ci stiamo frequentando da ormai un mese, dall'inizio dell'ultimo anno.

Mi preme un bacio leggero sulle labbra e mi posa un braccio sulla spalla.

Cercando ancora di abituarmi alla mia incontrollabile e inevitabile goffaggine, lo colpisco accidentalmente al busto prendendo la mia borsa, e questo crea il caos nei corridoi.

Eddie inciampa su un'altra ragazza, che inizia a urlare e a gemere mentre lui le cade sopra e rotola sul pavimento.

Io non possiedo molta forza, ma Eddie, essendo magro e poco muscoloso, viene spinto facilmente.

Barcollo sui suoi piedi e quasi cado, se non fosse per le braccia della mia amica Bethany, la studentessa più popolare della scuola.

Il suo ragazzo ridacchia accanto a lei davanti alla scena e poi aiuta Eddie ad alzarsi da terra.

“Ehi, Rory, Eddie”, saluta Oliver con un sorriso divertito, mentre i suoi amici atleti si uniscono a lui come al solito.

Freya si affretta verso il suo armadietto prima di entrare in aula, intimidita di fronte ai ragazzi che la prendevano in giro.

Facevano i bulli anche con me quando ci siamo conosciuti, ma presto hanno lasciato perdere, il motivo mi è ancora sconosciuto. Ma andiamo d'accordo.

È sempre meglio del comportamento ostile che mi dedicano i lupi del branco.

“Rory, domani è il mio compleanno e Bethany sta organizzando una festa. Vuoi venire?”

“Oh, non posso, mi dispiace. Sto aiutando mia madre. Ma buon compleanno!” esclamo con un ampio sorriso. I ragazzi accanto a lui ridacchiano sottovoce, mentre Bethany sembra guardarlo male.

Per quanto io appaia loro ignara, so che c'era qualche secondo fine nella domanda.

Ma io amo il liceo. È l'unico posto a cui sento di poter appartenere nel mio mondo pieno di lupi.

“Peccato”, risponde lui, fingendosi deluso. “Speravo che quest'anno saresti stata un po' meno santarellina”.

“Smettila”, lo rimprovera Eddie, mettendosi di fronte a me come per proteggermi e spingendo il suo petto contro di lui.

Con una risata, Oliver si rifiuta di indietreggiare, credendo di avere il sopravvento.

Normalmente non mi danno fastidio, a meno che non siano esagerati. Sono stata maltrattata dai lupi, quindi non mi importa dei loro tormenti verbali.

Ci sono passata sopra numerose volte; tuttavia, Bethany mi ha sempre appoggiato, il suo sguardo torvo è anche un indicatore per me che mi stanno prendendo in giro.

Ma la scuola è una fuga dal branco, dal mondo dei lupi, ed è per questo che ci tengo ancora di più.

“È stato bello vederti”, dichiaro, allontanando Eddie dal gruppo, con le loro risatine lontane che ci deridono.

Trovo che affrontare il bullismo con qualsiasi atteggiamento che non sia calma e compostezza significhi che il tormento è destinato a continuare. Anche se questo non funziona molto bene con i lupi.

Quando arriva l'ora del pranzo, Freya, Skye, Eddie e io ci sediamo al nostro solito tavolo, immersi nella conversazione.

A volte Bethany ci invitava al suo tavolo, ma Freya lo evitava a tutti i costi.

Io invece, mangio cibo ovunque.

Al branco, dato che mia madre è un'Omega, la tipologia di lupo più debole, e io un'umana, riceviamo gli avanzi.

Da quando Alfa Nickolas ha preso le redini di suo padre, i membri più deboli sono stati trascurati. Ma non a causa della sua ignoranza, bensì della sua mentalità di “legge del più forte”.

“Che ne dici se ti porto fuori dopo la scuola? O ti riaccompagno a casa?” mi chiede Eddie, desideroso di una risposta positiva.

Essere membro di un branco comporta l'impossibilità di passare del tempo al di fuori se non per la scuola. Il che, di conseguenza, rende uscire con qualcuno della scuola, e non del branco, un'impresa difficile.

Sono sorpresa che Eddie sia così paziente con me. Ho avuto un vero appuntamento fuori dalla scuola solo una volta, e ho annullato tutti gli altri.

Immagino che invece di rifiutare apertamente ogni invito, dovrei accettarne qualcuno e poi dirgli che è successo qualcosa. Ma questo creerebbe solo più sensi di colpa.

“Non posso, mi dispiace. Devo tornare il prima possibile e mia madre non sa che ci frequentiamo quindi non puoi accompagnarmi”, gli dico, anche se le bugie mi creano una sensazione di bruciore allo stomaco.

A dire il vero mia madre sa che io ed Eddie usciamo insieme, ma per tenerlo lontano dalla comunità dei lupi mannari, è meglio che non la incontri – ancora.

Stiamo insieme solo da un mese, quindi non potrei sottoporlo a tutto questo. Lo farò solo quando sarò sicura di amarlo e di voler stare con lui.

Dopotutto, non sono un lupo mannaro, quindi potremmo ancora lasciarci quella vita alle spalle. Eddie crede che mia madre mi proibisca di uscire con qualcuno, che sia iperprotettiva nei confronti di sua figlia.

Deve ancora sapere che sono stata adottata, in un certo senso.

Quando mia madre mi ha trovata nel territorio dei lupi solitari, ero gravemente ferita e pensava che sarei morta.

Qualsiasi genitore che abbandoni un bambino in questi boschi non dovrebbe mai più essere in grado di ritrovarlo, sostiene.

E onestamente, anche se mi sono chiesta come siano davvero i miei genitori naturali, non avrei potuto avere una madre più premurosa.

A malincuore, Eddie annuisce in risposta, con la testa abbassata per la delusione. Gli bacio la guancia nella speranza di tirargli su il morale, cosa che fa.

Anche se mentire è una necessità nella mia vita, non rende più facile farlo alle persone a cui tengo.

I miei amici, Eddie, i miei insegnanti.

Quando i miei compiti scompaiono misteriosamente prima che io possa consegnarli – il branco mi tormenta ancora – sono costretta a mentire e ad accettare la punizione.

Naturalmente, prego che questa non si svolga durante il pranzo, il che mi costerebbe del tempo con Eddie.

Per quanto possa lamentarmi del liceo, almeno sento di appartenere a questo posto.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

RORY

“Alfa Nickolas sta tenendo una riunione di branco. Sta dichiarando chi sarà la sua compagna”, mi informa la mamma.

Mi sto sistemando mentre supero tranquillamente la porta. Inciampo un po' sul gradino, di ritorno da una giornata estenuante.

Compagni.

Forse l'aspetto più vantaggioso dell'essere lupi: il fatto che possono sapere a chi appartengono veramente, la loro anima gemella.

Noi umani dobbiamo trascorrere la vita, attraverso diverse relazioni, nella speranza che questa volta avremo ragione, che quest'uomo o questa donna siano quelli con cui siamo destinati a stare.

O, forse, poiché non abbiamo compagni, forse non abbiamo “quello giusto”, forse siamo destinati a cercare molti tipi di amore.

Ma io adoro l'idea del compagno: la sensazione di appartenere veramente a qualcuno, il sentirsi al sicuro tra le sue braccia, il suo desiderio di renderti felice e viceversa.

Ma sono umana. La possibilità che un lupo mannaro si accoppi con un umano è rara, soprattutto perché la compatibilità delle anime gemelle dovrebbe essere basata almeno sulla stessa specie.

Non potrei mai immaginare di dire a Eddie dei lupi e che lui non dia di matto. Non starei nemmeno con lui se fossi un lupo.

La mamma mi trascina fuori dalla porta, letteralmente, mentre mi tira freneticamente il braccio per non arrivare tardi.

Alle riunioni di branco, rimaniamo in disparte, sperando di essere invisibili e desiderando di sparire nel nulla.

Naturalmente, essendo umana, il mio odore è molto diverso dagli altri, il che mi rende impossibile rimanere completamente nell'ombra.

Il precedente Alfa mi ha accolta nel suo branco quando mia madre mi ha portata a casa; tuttavia, il nuovo capo, Alfa Nick, mi odia, detesta tutti gli umani.

“Oggi è un'occasione importante per me”, la sua voce riecheggia in tutta la sala. “Ho trovato la mia compagna, proprio qui nel nostro branco”.

I lupi possono riconoscere l'odore della loro compagna solo quando raggiungono la maggiore età, i diciotto anni.

Alfa Nick sta aspettando da qualche anno, quindi la sua compagna deve essere appena maggiorenne, o forse si conoscono da qualche mese se appartiene a questo branco.

“Eccola”, dichiara. Una ragazza alta e bella si unisce al suo compagno nonché Alfa, i suoi capelli lucidi le cadono sulle spalle e gli occhi nocciola brillano alla luce.

Victoria.

Una ragazza, un lupo, che mi ha maltrattata ogni giorno della mia vita.

Abbiamo la stessa età, il che rende lei e i suoi amici i tormentatori della mia infanzia. Anche se con la scuola, ora li vedo meno.

Ma questo non cambia il fatto che lei diventerà Luna, la femmina a capo di questo branco, poiché è accoppiata con l'Alfa.

E, come il suo Alfa, ha un'avversione per gli umani.

***

Mi addormento con i pensieri in subbuglio, immagini che fluttuano nella mia testa in modo incontrollato. Quello che di solito affligge i miei sogni cessa di esistere in questo turbinio di immagini.

Appaiono lupi, emerge un lupo in particolare, occhi blu penetranti con la pelliccia nera. Quegli occhi mi catturano come un incantesimo, facendomi perdere in un mare infinito di blu, verde e giallo.

Poi se ne vanno così come sono venuti. Quegli occhi sono impressi nella mia mente.

Mi vesto per la scuola, bacio mia madre e cammino per le strade del territorio del branco.

Quest'ultimo è di medie dimensioni, con una discreta quantità di terreno che ci separa dagli umani con tratti di foresta in cui sono appostati lupi di guardia. Li supero ogni giorno per andarmene.

Tuttavia, questa volta, la nuova coppia sembra essere in perlustrazione ai confini, gironzolando con il Gamma del branco, il terzo nella gerarchia di comando.

“Guarda chi c'è”, mi schernisce Victoria, lanciandomi una pietra.

Perché? Non ne ho idea.

Mi lamento un po' all'impatto dell'oggetto ruvido, tuttavia, invece di reagire come vorrebbe la ribelle dentro di me, il lato responsabile ritiene più saggio sopportare il loro abuso.

Valuto la probabilità di quale metodo li farebbe smettere.

“Stai per piangere?”

“Luna Victoria, posso passare?” chiedo educatamente mentre lei blocca la strada. Trascina Alfa Nick al suo fianco per ostacolare ancora di più la mia uscita, solo per dispetto.

Che stronza! Voglio solo andare a scuola.

“Umani e lupi non si mescolano. Non so nemmeno perché sei ancora qui”, sibila Victoria. “Soprattutto non vanno d'accordo con le stronzette deboli come te”.

Dovrei dire “sei tu la cagna”, e sarebbe ovvio perché lei è un lupo, ma rimango in silenzio, i miei occhi implorano che mi lasci andare per la mia strada.

“Alfa…” mi rivolgo a Nick, che mantiene la stessa posizione della sua metà. Alza il sopracciglio in modo interrogativo, come se non capisse perché lo sto supplicando.

“Possiamo buttarla fuori, giusto? Visto che tu sei l'Alfa”, suggerisce Victoria in modo perfido, con un sorriso furbo stampato sul volto.

“I miei genitori le hanno permesso di rimanere. Non sarebbero contenti se rovesciassi una decisione che hanno preso. Ma d'altra parte, mi interessa?”

Nick si comporta come se lo stesse contemplando, anche se è ovvio che vorrebbe che me ne andassi.

Mia madre mi consiglia sempre di mantenere le distanze dai lupi titolati, tutti desiderosi di ripristinare i vecchi modi di uccidere gli umani che si trovano sulle loro terre.

Anche se per la legge dei lupi sembra essere legale.

Umani e lupi non si mescolano, questo è il loro mantra.

“Vai”, permette l'Alfa.

Li supero di corsa, camminando con attenzione per non inciampare nelle mie scarpe fino a quando non sono fuori dalla loro visuale. Tiro un sospiro di sollievo una volta che sono lontana dal branco.

Non credo di essere più al sicuro lì. Vogliono che me ne vada. Nick è l'Alfa e Victoria è la Luna.

Possono fare tutto quello che vogliono, non importa quello che dicono gli altri. Mia madre non può proteggermi da loro, ecco perché ha sempre fatto del suo meglio per tenermi lontana.

***

Avendo superato l'intera giornata con solo un paio di scivoloni a scuola, un traguardo per me, sto quasi festeggiando. Tuttavia, attraversando la porta d'ingresso cado a faccia in giù.

Le risatine che sento davanti a me mi informano che abbiamo compagnia. Mi ricompongo prima di alzarmi da terra e rimettermi in piedi.

“Alfa, Luna”, saluto mentre i miei occhi si allargano vedendo i loro volti. Sono in piedi accanto a mia madre terrorizzata, la sua espressione dolorante per la disperazione e il dolore.

Le lancio uno sguardo, ma non riesco a capire cosa sta succedendo.

“Ti stiamo bandendo dal branco. Dato che sei umana, non hai alcun legame reale che si spezzerà quando te ne andrai, ma tua madre non verrà con te.

“Puoi dire addio perché partirai stasera”, dichiara Alfa Nick fermo e impassibile, come se non mi stesse dicendo che devo lasciare mia madre e che sarò costretta ad abbandonare la mia casa.

Dove andrò? Per quanto mi sentissi isolata in questo branco, era ancora la mia famiglia, la mia casa. E mi stanno cacciando?

“Cosa?” chiedo, sbalordita. Ne stavano discutendo questa mattina, solo che non pensavo che sarebbero andati fino in fondo così presto.

“Rory”, geme la mamma, prendendo le mie mani tra le sue con le lacrime che le scorrono sulle guance.

Non riesco nemmeno a piangere, sapendo che provare dolore è solo la reazione che vorrebbero, ma quelle sono le mie emozioni interne.

Mi fa scivolare una busta senza che se ne accorgano e io la nascondo nella tasca, chiedendomi di cosa si tratti. Forse una lettera d'addio, o forse ha un piano.

Il branco sta a guardare mentre vengo bandita dal loro territorio, cacciata oltre i confini con l'Alfa, la Luna e il Beta che mi spingono avanti.

Non mi hanno nemmeno permesso di prendere qualcosa e mia madre non ha potuto impedirlo. Per un lupo, essere bandito dal proprio branco è davvero doloroso, poiché i legami con esso vengono recisi.

Una volta superati i confini, entriamo nel territorio dei lupi solitari e chiedo perché debba essere lasciata qui fuori.

Rimangono in silenzio, un'espressione divertita su tutti e tre i volti mentre notano la mia paura.

Questi tre sono malvagi e sadici.

Un colpo secco alla testa e cado a terra, la mia vista si offusca e la pulsazione nella parte posteriore della testa mi intorpidisce.

Grido mentre vengo girata di fronte, bloccata dalle grandi mani dell'Alfa sulle mie spalle.

Tutto il peso del suo corpo mi schiaccia, il suo coltello segue la mia mascella. Il suo volto ancora divertito mostra un sorriso subdolo e il mio labbro inferiore trema alla sua vista.

“Cosa stai facendo?” chiedo in un sussurro quasi impercettibile.

“Ebbene, piccola Rory, ci stiamo liberando di te per sempre”, mi rivela Nick in tono astuto. “Non posso permettere che la tua graziosa boccuccia racconti a qualcuno dei lupi, del branco”.

“Gli umani non possono essere banditi, gli umani devono morire”.

Senza alcun preavviso e senza un secondo di più, il metallo penetra nella pelle della mia gola e lo apre.

Sento il bisogno di aggrapparmi al collo, per cercare di respirare, per fermare il sangue che scorre sulle mie mani.

Prima che tutto diventi nero, i loro volti compiaciuti si dipingono nella mia mente.

Mi hanno uccisa…

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Verso la caduta del CEO

Cece Fells è una delle più talentuose giovani pasticciere di Londra. Questo fino a quando il miliardario Brenton Maslow non demolisce la sua pasticceria per costruire uno schifoso parcheggio! Ora l’infuriata artista dei cupcake è in missione per distruggere l’amministratore delegato della Maslow Enterprises, attraente in modo insopportabile… Sempre che non si innamori di lui!

Età: 18+

Morsa dall’alfa

Quando una giovane fuggitiva, Quinn, viene morsa da un lupo nel bosco, scopre un mondo che non sapeva esistesse, un mondo di lupi mannari.

Ora Quinn deve adattarsi alla sua nuova vita nel Branco della luna ombra, sotto la guida di un affascinante alfa.

Età: 18+

Il mio fratellastro è un orso mannaro

La notte della più grande festa dell’ultimo anno, Helen non è entusiasta di essere al matrimonio riparatore di sua madre con un brizzolato uomo di montagna di Bear Creek. Questo finché non incontra Sam, il montanaro più sexy del mondo, che sfortunatamente è anche il suo fratellastro. Nonostante siano polarmente opposti e appena imparentati, i due sono attratti l’uno dall’altra. Ma mentre si avvicinano, Helen scopre qualcosa: Sam ha un segreto che riesce a nascondere a malapena…

Età: 18+

L’ultima speranza

Lake aveva un piano perfetto. Trovare il suo compagno, sistemarsi e costruire una famiglia. Ma quando il suo compagno la rifiuta per un’altra, il piano di Lake va in frantumi… E così il suo cuore.

Può mantenere la fede che la Dea abbia qualcos’altro in serbo per lei? Potrebbe essere anche meglio di quello che aveva pianificato.

Età: 16+

Odiata dal mio compagno

Solo pochi giorni dopo il suo diciottesimo compleanno, Aurora Craton sente l’attrazione del compagno mentre lavora come cameriera a una festa per la leadership del branco. Il suo compagno si rivela essere nientemeno che l’alfa Wolfgang del Branco della luna di sangue. Quando Wolfgang scopre che la sua compagna predestinata è solo una cameriera, non solo si rifiuta di accettarla, ma minaccia addirittura di marchiarla come una ribelle e costringerla ad abbandonare il branco, qualora lei osasse dire a qualcuno di essere la sua compagna. Aurora non ha altra scelta che accettare, per rimanere nel branco, condannata a rimanere sola. Ciononostante, una ragione ci deve essere se la Dea della Luna ha scelto di mettere Aurora e Wolfgang insieme…

Età: 16+

Ninfa, la seconda possibilità dell’alfa

Adelie è abituata a rimanere nell’ombra e a vivere una vita ordinaria nel suo branco di lupi. Ma tutto cambia quando viene rifiutata dal suo compagno, l’alfa, e deve trovare un nuovo branco in cui vivere. Trova poi una nuova casa nel branco dell’alfa Kairos.

Kairos, un lupo noto per la sua natura vile e il suo carattere furioso, si rivelerà essere la seconda possibilità per Adelie di avere un compagno. Ma le cose potranno funzionare se la paura di Kairos del passato gli impedisce di aprirsi e Adelie sta per scoprire di avere dei poteri che non aveva mai nemmeno sognato?

Età: 16+

I Lupi del Millennio

Sienna è una lupa mannara di diciannove anni che nasconde un segreto: è ancora vergine. L’unica vergine del branco. È decisa a superare anche il periodo di calore di quest’anno senza cedere ai suoi impulsi primordiali, ma quando incontra Aiden, l’Alfa, si dimentica del tutto del suo autocontrollo.

Età: 18+

Spogliata dal re

Ogni volta che perdo la mia verginità, è diverso.

A volte è in un palazzo e a volte è nella sporcizia.

A volte sono sopra, a volte la mia faccia è sepolta in un cuscino per attutire le mie urla.

A volte fa un male cane e altre volte è pura estasi.

Ma c’è una cosa che rimane la stessa, qualunque cosa accada.

In ogni vita, tu mi trovi.

E la perdo sempre con te…

Età: 18+