GALATEA

⭐⭐⭐⭐⭐ (31.2K)

FREE

Gideon è il romanzo più sensuale dopo Cinquanta sfumature

logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

Gideon è un best seller sui licantropi che si estende su 3 libri ed è già stato letto milioni di volte sull’app Galatea. L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian in quanto migliore app per i nuovi romanzi.

 

Un amore che solo poche persone sperimentano, ma che tutti desiderano. Gideon è stato l’ambasciatore speciale della famiglia reale dei licantropi per oltre 200 anni. Dopo aver dedicato la sua intera esistenza alla corona, ha rinunciato completamente a trovare una compagna e all’amore. Gideon si imbatte però in una giovane donna che cambia immediatamente la sua vita per sempre. Lyla, a soli 22 anni, è costretta dalla sua famiglia a sposare un altro uomo con cui non vuole avere niente a che fare. Tuttavia, quando non lo si cerca, l’amore arriva in modo più travolgente e duraturo…

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Continua a scorrere per leggere il primo capitolo di questa storia d’amore indimenticabile ed esplosiva o scarica l’applicazione per leggere subito l’intera serie.

Gideon

Nicole Riddley

👁‍🗨 125 milioni di letture
🎧 Audiobook disponibile

1: Mondi diversi

 

"Lord Archer! Che piacere incontrarla qui".

Leggi la versione completa

 
Alistair Pembroke. Fondatore della Pembroke Motor Corporation, il produttore di tutto, dai piccoli aeroplani alle automobili di lusso, alle barche e agli yacht.
 
Straordinario playboy.
 
Incredibilmente arrogante.
 
Bramoso e impaziente di creare un legame con il Palazzo. Se solo sapesse che il principe ereditario e il suo branco sono qui, in California.
 
Afferra la mia mano e mi dà una pacca sulla schiena come se fossimo vecchi amici.
 
“Signor Pembroke”. Lo saluto perché fare altrimenti sarebbe scortese e io sono tutt’altro che maleducato.
 
Non per questo mi piace, lo stronzo.
 
“La signora Helen Aristophanes”. Rivolgendosi alla mia compagna. “Come va?”
 
Devo trattenermi dal fare un commento sprezzante, so che si sono conosciuti in senso biblico… più di una volta, nonostante lei si professasse fedele solo a me.
 
“Signor Pembroke”. Helen gli regala uno dei suoi sorrisi sensuali e seducenti e gli offre la mano. Gli occhi di lui fanno una rapida scansione al suo corpo prima di sollevarle la mano all’altezza delle labbra.
 
“Allora, cosa porta il leggendario Lord Archer qui stasera?” chiede, riportando l’attenzione su di me dopo aver liberato lentamente la mano di Helen. “Non avrei mai pensato di vederti tra gli umani”.
 
Affondo le mani nelle tasche dei miei pantaloni e mi guardo intorno.
 
Il Charity Gala è in pieno svolgimento: champagne che scorre, musica dal vivo, uomini nei loro abiti da mille dollari e donne che si pavoneggiano in abiti firmati. Questo posto brulica di umani.
 
Vedo solo altri due licantropi qui stasera. Probabilmente sono gli addetti alla sicurezza di Pembroke o i suoi amici. È il posto per osservare ed essere osservati. A nessuno frega davvero nulla della causa.
 
“Perché? Per sostenere la causa, naturalmente”, dico io.
 
“Sì, certo”, risponde lui.
 
“Eccoti qui, Alistair”. Una bellissima donna licantropa si avvicina a lui. “Ti stavo cercando”, dice prima di alzare speranzosa gli occhi verso di me.
 
“Lord Archer, lascia che le presenti la mia accompagnatrice, Juana Vega”, dice Pembroke. “Juana, questi sono Lord Archer e la sua accompagnatrice, la signora Helen Aristophanes”.
 
“La sua compagna, in realtà”, dice Helen prima che io abbia la possibilità di dire qualcosa. Accartoccia le sue dita attorno al mio braccio. “È un piacere conoscerti”.
 
“Oh, santo cielo… lei è Lord Archer”, sussurra Juana Vega. I suoi occhi si illuminano. “Alistair, non mi hai mai detto che conoscevi Lord Archer”.
 
“È un piacere conoscerla, signora Vega”, le dico, stringendole la mano.
 
“Il piacere è tutto mio”. Sembra ancora emozionata. Sento la mano di Helen che si stringe intorno al mio bicipite e cerco di nascondere il fastidio.
 
Devo parlare presto con Helen di questa sua possessività. Entrambi siamo consapevoli che lei non deve avere pretese su di me – come io non ho pretese su di lei.
 
“Beh, dovete sedervi con noi”. Pembroke alza la mano per indicare la sezione VIP davanti.
 
“Temo che non rimarremo”, gli dico.
 
“Oh, rimanete, per favore. La pista da ballo sarà presto libera per ballare”, insiste.
 
Pembroke ha cercato in tutti i modi di avvicinarsi a me per anni. Immagino che sia a causa del mio legame con il palazzo.
 
“Vorrei poterlo fare, ma ho del lavoro da fare, signor Pembroke”.
 
“Tesoro, tu lavori sempre. La festa sembra divertente”. Helen mette il broncio. Sono sicuro che Alistair Pembroke trovi il suo broncio sexy. Io trovo la vista irritante.
 
“Sai molto bene che non posso restare. Inoltre, abbiamo quella prenotazione a Providence”, le dico.
 
Sono qui per consegnare un messaggio dal palazzo a uno dei più potenti alleati fuori dal Regno. Messaggio consegnato. Il mio lavoro è finito. Devo andarmene.
 
“Forse le nostre strade si incroceranno di nuovo in futuro, signor Pembroke”.
 
***
Helen ha messo il broncio e non ha detto una parola sul retro della limousine. Nel momento in cui ci siamo seduti per la cena, tuttavia, ha iniziato a parlare a più non posso.
 
Vedo la sua bocca muoversi, ma la mia mente è occupata da altre questioni ed è un brutto segno.
 
Helen è diventata la mia compagna cinque anni fa a. Nessun vincolo. La trovavo divertente allora.
 
È chiaro che non sarà una cosa permanente. Non la farò mai diventare la mia compagna permanente. Quell’offerta ci sarà mai. Se uno di noi trova il suo erasthai – o se siamo semplicemente annoiati l’uno dell’altro – potremo terminare il nostro accordo in qualsiasi momento, senza alcun rancore.
 
Anche con questo accordo, non siamo sempre insieme. A volte stiamo lontani l’uno dall’altra per mesi, a volte per quasi un anno. Quando parte, sostiene di passare del tempo a Mykonos dove vivono i suoi genitori, ma ne dubito.
 
Non chiedo mai dove va. Non sono affari miei. Né le dico dove sono stato io o cosa ho fatto.
 
L’ho trovata più irritante del solito in questi ultimi mesi…
 
Beh, in realtà, da molto più a lungo. Non ricordo bene quando ha smesso di essere divertente.
 
Ogni parola che esce dalla sua bocca mi dà sui nervi.
 
Dopo la mia ultima esperienza con il principe ereditario Caspian e il suo branco, dove ho cercato di salvare la sua erasthai Quincy dalle grinfie del suo ex branco, sono sicuro di dover chiudere presto con Helen.
 
Forse l’incontro con le vere femmine del branco di Caspian mi ha ricordato come dovrebbe essere la vita con il proprio partner.
 
O forse il modo in cui Helen si è lanciata sul principe e ha cercato di creare problemi tra la coppia reale, nonostante il mio avvertimento, mi ha dato sui nervi.
 
Ho abbandonato da tempo ogni speranza di incontrare il mio erasthai, ma ho bisogno di qualcuno di cui mi possa fidare e che mi piaccia sinceramente.
 
Per un lupo mannaro, la compagna è la propria metà. Per un licantropo, un erasthai è quasi quello che una compagna è per un lupo mannaro. È la persona più compatibile per te, mentalmente, emotivamente e fisicamente, e l’istinto te lo dice chiaramente.
 
L’istinto ti dice che, col tempo, questa sarà la femmina di cui potresti innamorarti profondamente per il resto della vita, più di ogni altra. Questo se non sei già innamorato di lei a prima vista… o al primo profumo.
 
Sarà la tua ossessione. La tua vita. Il tuo tutto.
 
“Ho sentito che ci sarà una cerimonia di accoppiamento al Palazzo Banehallow e che il principe ereditario e il suo branco sono volati in Russia. Sono sicura che tu sia invitato”, la voce di Helen penetra nei miei pensieri. “Perché non torniamo in Russia? Sono sicura che il ballo è bello da morire”.
 
In effetti sono stato invitato, ma ho alcune cose da fare qui e in altri posti. “Non credo”.
 
Mette di nuovo il broncio. “Sei un tale stacanovista”, si lamenta, non per la prima volta. “Oh, meglio così. Ho sentito che il principe sta per respingere la sua fidanzata.
 
“Non riesco ancora a credere che farà di quella donna, Quincy, la sua regina. È un po’ troppo ordinaria, non credi?”
 
Sa fin troppo bene che Quincy St. Martin è tutto tranne che ordinaria. Quella donna è incredibilmente bella e potente.
 
Infatti, Quincy St. Martin è l’unica donna che io abbia trovato così intrigante, da prendere in considerazione l’idea di accoppiarmi con lei. Peccato che lei sia l’erasthai del principe ereditario, nonché la mia futura regina.
 
Sono fedele alla corona; non sputo nel piatto in cui mangio.
 
“Mi annoio. Siamo a Los Angeles. Ho voglia di far festa, anche se tu non ne hai”.
 
“Molto bene. Avrai la macchina a disposizione stasera. Lo farò sapere all’autista”. Non ho dubbi che sarà con Alistair Pembroke. Mi sento sollevato di essere solo. Non è il primo uomo con cui ha passato la notte.
 
Può tenerla se vuole.
0
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Penso che sia giunto il momento di tagliarla fuori. Non funziona più per me. È bene porre fine alle cose finché siamo ancora in buoni rapporti. Devo solo trovare un modo per farlo senza che lei dia di matto.
 
Forse posso addolcirla con un costoso regalo d’addio… Lei ama i regali costosi.
 
Mi chiamo un taxi e lascio qualche banconota da cento dollari in più sul tavolo per compensare la maleducazione di Helen con il nostro cameriere stasera.
 
Casa mia è un attico di 1.524 metri quadrati con un soffitto di 4 metri e mezzo e una vista perfetta dell’Oceano Pacifico. Non resto mai a lungo in un posto, quindi questo è solo un alloggio temporaneo.
 
Sono l’intermediario reale tra il palazzo e il resto del mondo.
 
Ho la mia squadra, ma preferisco fare certe cose da solo. Sono stato mandato a risolvere i conflitti tra branchi, consegnando messaggi confidenziali dal re ad altri leader, come stasera, e viceversa.
 
Tutto ciò che ha a che fare con questioni reali. In tutto il mondo.
 
Mentre vado al bar, mi tolgo la giacca, allento il papillon e slaccio qualche bottone in alto prima di togliere i gemelli e arrotolare le maniche della camicia fino ai gomiti.
 
Mi verso un drink, poi mi avvicino al divano e apro il mio portatile per lavorare.
 
Il telefono mi vibra nella tasca e lo tiro fuori per guardare lo schermo. È uno dei miei amici, uno dei pochi fidati, Louis de Vauquelin. L’ultima volta che l’ho sentito, era a Ibiza.
 
“Gideon. Dove sei, amico?”
 
“Louis”, rispondo. “Sono a Los Angeles. Tu dove sei?”
 
“Sono ancora a Ibiza, ma ho finito di lavorare”.
 
Tiro fuori il mio orologio da tasca e lo apro. È quasi mezzanotte, il che significa che lì sono quasi le nove del mattino.
 
Mi lascio scappare un ghigno. Lavorare? “Festeggiare, vuoi dire. Quando finirai di far festa?”
 
Lui ridacchia. “Beh, non tutti lavoriamo 24 ore su 24 come te. Ad alcuni di noi piace fare qualcosa che si chiama… uh, vivere?”
 
“Mi piace il mio lavoro”.
 
“Sì, sì… così continui a dire, ma Los Angeles è una figata in questo periodo dell’anno. Verrò a trovarti”, dice.
 
“No, non disturbarti. Lascerò presto Los Angeles. Forse possiamo incontrarci a Lisbona tra qualche giorno?”. Ho degli affari da sbrigare e un incontro con alcuni capi branco lì.
 
“Ottimo. Fammi sapere quando lasci Los Angeles”, dice prima di riattaccare.
0
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Layla

“Ti metti questo per cena?” chiede mamma, ispezionando i miei jeans strappati e un grande maglione verde.
 
Il maglione ha la faccia di una mucca sorridente dai grandi occhi a palla con la frase “Got Milk?”. Ci sono anche delle anatre dall’aspetto malvagio e qualche gallina.
 
“Cosa? È adorabile!”. Dico sulla difensiva.
 
Ok, è brutto… ma non ha bisogno di sapere cosa penso veramente.
 
I suoi occhi si gonfiano. “No. Voglio che ti cambi adesso, Layla”.
 
“Ugh, mamma!” Mi incammino verso il mio armadio. Ho ventidue anni, ma mia madre mi tratta ancora come una bambina. È triste, davvero.
 
“No! Non un altro maglione brutto”, dice mamma quando la mia mano atterra su una felpa grigia di mio fratello.
 
“Ecco, indossa questo”, dice, prendendo in mano la situazione. Mi porge un vestito rosa chiaro che ho indossato solo una volta.
 
Lo prendo con riluttanza e lei lascia la stanza. Gah! Non posso vincere.
 
Mi sono trasferita da casa mia per vivere tra gli umani un anno fa. È a circa mezz’ora di distanza dal territorio del branco, ma quasi ogni fine settimana mi fanno sentire in colpa e cenare da loro.
 
Forse avrei dovuto trasferirmi più lontano.
 
Amo la mia famiglia, ma la loro intromissione nella mia vita mi sta sfuggendo di mano.
 
Subito dopo che ho finito di cambiarmi, lei irrompe di nuovo nella mia camera da letto.
 
Dio, che sopportazione…
 
“Ora siediti, Layla”. Mi tira fuori una sedia e la mette di fronte alla pettiniera. Cerco di non roteare gli occhi mentre mi siedo.
 
“Sei una bellissima ragazza, tesoro. Perché devi nasconderlo così?”
 
Entrambe fissiamo i nostri riflessi nello specchio. Non assomiglio molto a mia madre. Mia madre è un’umana e mio padre è un lupo mannaro.
 
“Sei fortunata ad avere il bellissimo gene mannaro”, dice lei.
 
Voglio dirle che non ho il gene mannaro. Sono un’umana… proprio come lei. L’unica differenza è che lei ha un compagno che la ama. Io no.
 
I suoi occhi nocciola chiaro, l’unica caratteristica che ho ereditato da mia madre, mi fissano, ma io non dico una parola.
 
Lei stropiccia i miei capelli selvaggi, castani e ricci e scuote la testa. Poi me li raccoglie in uno chignon in cima alla testa. Mi lascia andare solo quando è soddisfatta del mio aspetto.
 
***
“Nonna, il tuo posto è proprio lì”. Cerco di spingere “delicatamente” mia nonna a sedersi alla sua solita sedia.
 
Ora è seduta sulla mia sedia, il che significa che devo sedermi sull’unica sedia disponibile, accanto al ragazzo con cui stanno cercando di sistemarmi, Kofi – il motivo per cui mi sono impegnata a fondo per sembrare brutta.
 
Si rifiuta di spostarsi. “Ahi, la mia anca. Non penso di potermi alzare ora. Giuro che presto potrei aver bisogno di una nuova anca. Ora, cos’era quello, Layla cara?”
 
Sto cercando di non uccidere mia nonna di 87 anni, la mamma di mia madre. Vive con noi da quando mio nonno è morto dieci anni fa.
 
È anche una vecchia astuta che in realtà è sana come un pesce, ma che finge spudoratamente di soffrire di ogni disturbo conosciuto dall’uomo per ottenere ciò che vuole.
 
Seduti a tavola stasera ci sono mio padre, mia madre, mia nonna, mia sorella minore Maya e il suo nuovo compagno Abraham, mio fratello maggiore Kaleb, la sua compagna Carmen e Kofi.
 
Sospiro e ammetto la sconfitta.
 
Vado verso l’altro lato del tavolo e mi siedo vicino a Kofi. Kofi è l’amico di mio fratello maggiore e ha perso la sua compagna dieci anni fa.
 
È quasi un appuntamento fisso in questa casa ogni fine settimana, poiché pensano che sia perfetto per me.
 
“Sei bellissima stasera, Layla”, dice Carmen. “Non pensi che sia bellissima, Kofi?”
 
“Lei è sempre bellissima”, risponde Kofi con un grande sorriso.
 
Sopprimo un gemito. Oh, Dio mi aiuti.
0
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Kimberley Mills

Non posso davvero fare a meno di quest’app. Passo la maggior parte del mio tempo a leggere, anche al lavoro. Mi basta leggere anche solo un pezzetto di un capitolo. Gli autori dei libri sono dei geni, apprezzo molto i loro sforzi. 💜

⭐⭐⭐⭐⭐

Shannan Penisione

Sono troppo presa da questi libri… bye bye Netflix 😊

⭐⭐⭐⭐⭐

Steffie Cliff

Onestamente penso che questa app sia fantastica. La uso praticamente tutti i giorni e la adoro.👌🏻❤️

⭐⭐⭐⭐⭐