Matrimonio con il CEO - Copertina

Matrimonio con il CEO

Kimi L Davis

0
Views
2.3k
Chapter
15
Age Rating
18+

Summary

Una cameriera che lotta per prendersi cura del fratello malato riceve un'offerta che non può rifiutare. Se sposerà un ricco e dominante amministratore delegato e gli darà un erede entro un anno, lui le pagherà un milione di dollari e aiuterà suo fratello a ricevere l'operazione di cui ha bisogno. La vita nel castello sarà pura tortura o potrà trovare la felicità? Forse anche l'amore?

Età: 18+

Visualizza altro

80 Chapters

Capitolo 1

ALICE

Ho accavallato la gamba destra su quella sinistra, guardando l'orologio che mi diceva che ero seduta qui da un'ora.

Stringevo in mano i miei documenti, aspettando il mio turno per andare nell'ufficio dell'amministratore delegato per il mio colloquio.

Mentre mi guardavo intorno, però, notai quasi cinquanta altre donne che aspettavano il loro turno. Compresi che sarebbe passato molto tempo prima che mi fosse permesso di entrare, il che non aiutava a diminuire la mia ansia.

Avevo bisogno di finire questo colloquio il prima possibile. Il mio fratellino era a casa da solo, il che non era l'ideale per le sue condizioni attuali e avevo bisogno di stare con lui.

La porta dell'ufficio dell'amministratore delegato si aprì e ne uscì una donna dai capelli biondi che piangeva a dirotto. Il suo mascara colava in sottili rivoli neri mentre i suoi occhi grigi erano iniettati di sangue.

Senza dire una parola, la donna si precipitò verso l'unico ascensore del piano e pugnalò ripetutamente il pulsante di chiamata finché l'ascensore non arrivò. Entrando nell'ascensore, scomparve non appena le porte si chiusero.

"Numero ventisette, signora Hannah, il signor Maslow la riceverà ora", disse la signora alla reception in modo monotono.

Una signora con i capelli nero corvino e gli occhi verdi da gatto si alzò con grazia e si lisciò il suo vestito rosa già liscio.

Con un sorriso seducente, entrò con sicurezza nell'ufficio. Non capivo come facesse a non congelare in quel vestito leggerissimo.

La mia fiducia vacillò per la ventisettesima volta quando vidi un'altra bella donna andare al suo colloquio. Anche se non avevo assolutamente nessun interesse per l'uomo in sé, ero interessato a ciò che offriva. I soldi.

Gideon Maslow possedeva il più grande impero commerciale del mondo ed era la definizione stessa di ricco; era praticamente un re. Non c'era nulla al mondo che quell'uomo non potesse comprare.

Possedeva cinque isole private e stava progettando di comprarne una alle Bahamas, cosa che ho saputo dopo aver fatto qualche ricerca su di lui quando ho visto l'annuncio di lavoro sul giornale.

Era solo un altro giorno in cui stavo sfogliando il giornale alla ricerca di un terzo lavoro quando mi imbattei in un annuncio insolito.

Sposa cercasi

Gideon Maslow, un imprenditore di fama mondiale, ha bisogno di una potenziale sposa che possa, in meno di un anno, fornirgli un erede a cui lasciare il suo impero.

Il signor Maslow pagherà alla donna un milione di sterline in contanti dopo la nascita del bambino e la fine del contratto di un anno.

I colloqui per la potenziale sposa del signor Maslow si svolgeranno dal 6 al 7 dicembre 2015.

Tutte le candidate interessate devono portare i loro curricula contenenti ogni dettaglio su di loro, compresa l'età, la razza, il background, le malattie genetiche, eccetera. Le candidate con informazioni false saranno squalificate.

Per maggiori informazioni, contatta la sede centrale della Maslow Enterprises.

Era stato fornito un numero di contatto.

Vedere l'importante compenso che l'uomo avrebbe offerto era l'unica ragione per cui ero seduta fuori dal suo ufficio, aspettando il mio turno, ignorando i crampi al sedere per essere stata seduta così a lungo.

Appena ho visto l'importo ho capito che quei soldi mi avrebbero permesso di pagare l'operazione di mio fratello e che dovevo fare tutto il possibile per assicurarmi che il signor Maslow mi scegliesse come moglie.

Tutto quello che dovevo fare era dargli un erede,poi avrei potuto salvare la vita di mio fratello. Desideravo solo che scegliesse me.

La porta si aprì ancora una volta e la signora, Hannah, uscì con aria livida. Le sue labbra erano tirate indietro in un ringhio. Grugnendo con rabbia, si precipitò verso l'ascensore.

"Quello stronzo mi ha rifiutato perché non sono vergine! Da che pianeta viene?" gridò, guadagnandosi gli applausi di alcune donne. Le porte dell'ascensore si aprirono e Hannah perse poco tempo per entrare.

Una volta che le porte dell'ascensore si chiusero, sospirai di sollievo, felice del fatto che ero ancora vergine. Cominciai a giocherellare con la collana che avevo al collo. Nico, il mio fratellino, me l'aveva regalata per il mio diciannovesimo compleanno.

Non era niente di straordinario, solo un semplice ciondolo rosa-oro con una sottile catena placcata in oro, ma significava il mondo per me. Erano passati quattro anni e non l'ho mai tolta; era il mio portafortuna.

"Numero ventotto, signorina Alice. Il signor Maslow la riceverà ora", disse la signora alla reception con la stessa voce piatta.

Il mio cuore iniziò a battere mentre mi alzavo lentamente, facendo del mio meglio per sembrare aggraziata, imitando le mosse delle altre donne pur sapendo di non avere esattamente successo.

Stringendo la cintura del mio cappotto intorno alla vita, mi strinsi la cartella al petto e mi diressi lentamente verso la porta di legno che avrebbe potuto o meno aiutare a salvare la vita di mio fratello, con il cuore che mi martellava contro la cassa toracica.

Facendo un respiro profondo, ho girato delicatamente la maniglia e sono entrata nell'ufficio di Gideon Maslow. L'ufficio era a dir poco bellissimo. L'interno non era elegante, ma sembrava costoso.

C'erano due divani bianchi molto larghi, uno di fronte all'enorme finestra di vetro che riempiva una parete da pavimento a soffitto, l'altro di fronte al primo, con un tavolo di vetro nel mezzo.

Alla mia destra, c'era una scrivania con sopra la cancelleria da ufficio perfettamente ordinata e con dietro una grande sedia girevole color marrone scuro.

Contro il muro c'erano diversi grandi armadi in legno scuro e alcune piante in vaso sapientemente disposte nella stanza completavano l'arredamento.

Seduti sul divano contro la finestra di vetro c'erano quattro uomini vestiti in modo impeccabile. Indossavano tutti costosi abiti firmati.

Quello seduto all'angolo sinistro sembrava essere il più vecchio, con i capelli castano scuro che stavano leggermente ingrigendo sui lati e con penetranti occhi marroni. Il suo viso era duro, con solo alcune rughe che accennavano alla sua età avanzata.

Accanto all'uomo più anziano sedeva un giovane che non sembrava avere più di vent'anni. Era simile all'uomo sulla sinistra, tranne che per i capelli ricci biondi e gli occhi verde mare. Il suo viso era liscio e aveva un corpo magro.

Accanto al ragazzo vi era un uomo di circa ventisette anni. Aveva una mascella affilata, folti capelli castani e occhi verde mare penetranti. Aveva un aspetto vagamente familiare; tuttavia, non riuscivo a ricordare dove l'avevo visto.

Il solo guardarlo mi fece correre un brivido lungo la schiena. L'uomo sembrava pericoloso, come se fosse sempre pronto a colpire. Sapevo che era il tipo di uomo che non avrebbe esitato ad abbattere il suo avversario, non importava chi fosse.

L'ultimo uomo sembrava avere circa venticinque anni e aveva capelli ricci castani e morbidi occhi marroni. Il suo bel viso sfoggiava un morbido sorriso che stranamente mi metteva a mio agio.

Sembrava un po' pompato, come se avesse fatto molta palestra. Ma mi piaceva molto. Dei quattro, l'ultimo era quello che non mi faceva sentire come se fossi appena entrata nella tana del leone.

"Si sieda, signorina. Non abbiamo molto tempo", disse l'uomo mortale.

Mi sedetti rapidamente sul divano di fronte e misi il mio fascicolo sul tavolo di vetro. L'uomo dall'aspetto pericoloso lo prese immediatamente, aprendolo e leggendone rapidamente il contenuto, il suo volto privo di emozioni.

"Come ti chiami?" chiese il più vecchio dei quattro uomini. Aveva una voce profonda e parlava con decisione.

"Alice Gardner, signore", risposi educatamente, affondando le unghie nei miei palmi per impedire al mio cuore di battere.

"Da dove vieni?" chiese lo stesso uomo.

"East End di Londra, signore", risposi.

"Sei povera", affermò l'uomo mortale con gli occhi verde mare. La sua voce era piena e liscia, come il cioccolato fuso, ma parlava con una tinta pericolosa nel suo tono.

I suoi occhi erano duri mentre mi scrutavano, facendomi sentire come un topo sotto osservazione.

"Io..." Ero senza parole. Non potevo negare il fatto che ero davvero molto povera. Ma sentirlo dire in modo così dispregiativo mi faceva sentire stupida per aver pensato di venire qui.

"Perché sei venuta qui?" chiese il più giovane dei quattro.

La mia mano volò immediatamente alla mia collana mentre mi sentivo sopraffatta sedendo di fronte a questi uomini ricchi. "Ho bisogno di soldi", ho risposto onestamente.

"Wow, molto onesta! E noi che pensavamo che avresti professato il tuo amore eterno per mio fratello!" affermò l'uomo massiccio con un sorriso divertito.

Abbassando lo sguardo mentre un rossore mi colorava le guance, continuai a giocherellare con la mia collana.

"Con tutto il rispetto, signore, come posso professare il mio amore per un uomo di cui non sapevo nemmeno l'esistenza fino a due giorni fa?" Ho sbottato e poi mi sono maledetta per aver farfugliato.

"Ahi, deve averti fatto male, eh, Gideon?" mi schernì l'uomo massiccio, lanciando un'occhiata a suo fratello, che sembrava volesse uccidermi.

I miei occhi si allargarono leggermente. Questo era Gideon? Il Gideon Maslow?! Non c'è da stupirsi che avesse un aspetto familiare. Avevo visto le sue foto su internet. Sembrava davvero uno degli scapoli più appetibili di Londra.

"Perché vuole soldi?" Chiese Gideon.

"Il mio fratellino ha il VSD, difetto del setto ventricolare. Ha un buco nel cuore e ho bisogno di soldi per la sua operazione", ho risposto, mentre le mie dita non lasciavano la collana.

"Quindi sei disposta a sposarmi e a darmi un erede per avere i soldi per l'operazione del tuo fratellino, giusto?" chiese, come se confermasse ciò che avevo appena detto.

Ho annuito, sperando che accettasse il matrimonio. "Sì, signore".

"Cosa ti fa pensare che ti sposerei?" chiese con arroganza.

"Mi scusi?"

"Dopo aver esaminato le tue informazioni, non sono per nulla convinto di volerti come moglie. Entrambi i tuoi genitori sono morti a causa di una malattia cardiaca e anche tuo fratello soffre di una patologia simile Questo significa che, in futuro, c'è una forte possibilità che anche tu soffra di una malattia cardiaca e io non voglio che mio figlio abbia un cuore difettoso", ha dichiarato.

"Non è necessariamente vero che soffrirò di cuore", ho argomentato.

"Sì, potresti non ammalarti, ma ci sono anche altre cose. Hai solo un diploma di scuola superiore, il che significa che non sei neanche molto istruita.

Lavori in un bar scadente e in una stazione di servizio, il che significa un ambiente poco igienico, il che significa che nel tuo corpo scorrono tutti i tipi di sostanze chimiche tossiche che hai inalato.Per non parlare del fatto che vivi nell'East End di Londra, un posto per i poveri", ha controbattuto, facendomi sentire più piccola con ogni parola.

"L'unica ragione per cui non sono andata al college è che entrambi i miei genitori sono morti e ho dovuto prendermi cura di mio fratello minore. Devo fare due lavori per comprare le medicine per mio fratello e devo ancora risparmiare un po' di soldi per la sua operazione.

L'East End di Londra è il posto in cui sono nata e cresciuta. Non posso e non voglio scusarmi di questo", ho spiegato, desiderando disperatamente di scappare.

"Dimmi, hai mai mangiato in un ristorante costoso? Sei mai stata a un evento di beneficenza?" chiese lui.

"Non ho tutti quei soldi, signore, e se li avessi, la prima cosa che farei sarebbe procurare a mio fratello l'operazione di cui ha bisogno", risposi con fermezza.

"Il tuo colore di capelli, è naturale?" Chiese Gideon.

Passando una mano tra i miei capelli ondulati, biondo fragola, ho annuito. "Sì, è naturale. Anche mia madre aveva i capelli biondo fragola", risposi con un sorriso, il viso angelico di mia madre che mi passava davanti agli occhi.

"Interessante, tuttavia devo dire che non c'è niente di te, a parte il fatto che sei vergine, che mi attrae. Non la tua genetica, non il tuo stato finanziario, niente. Sto cercando una donna con classe e status e, sfortunatamente, ti mancano queste caratteristiche.

Non sto cercando un'avventura di una notte; sto cercando una moglie e non vedo una moglie in te", ha dichiarato guardandomi senza mostrare un accenno di emozione.

"So come essere una moglie", mi difesi, cercando di trovare un modo per convincere Gideon a sposarmi. Avevo bisogno di soldi per Nico.

Quando avevo lasciato il mio appartamento mi ero promessa che avrei fatto qualsiasi cosa per convincere Gideon a sposarmi.

"Lo sai? Se diventi mia moglie, io sarò la tua priorità, non più tuo fratello, non chiunque altro: io. Te ne rendi conto?" Chiese Gideon.

"So come dividere il mio tempo in base alle mie priorità e ti dico che non sarai deluso", ho affermato con fermezza.

Gideon scosse la testa e sapevo che non c'era modo di convincerlo. Il mio cuore sprofondò. Dovevo trovare un altro modo per avere i soldi.

Non potevo lasciare che Nico, il mio fratellino, la mia unica famiglia, soffrisse ancora a lungo. Dovevo solo trovare un lavoro decentemente retribuito.

"Mi dispiace, signora Gardner. Non credo che lei sia la donna giusta per me. Tuttavia, posso pagare l'operazione di suo fratello", ha offerto Gideon.

Scuotendo la testa, ho sorriso e mi sono alzata. "Grazie, ma non posso accettare. Preferirei guadagnarli i soldi per l'operazione di mio fratello. Potrei non essere ricca, signor Maslow, ma non sono nemmeno in cerca di carità".

Riprendendomi i documenti, li strinsi al petto.

"Sei sicura? Sarebbe di grande beneficio per te e tuo fratello", insistette Gideon, ma non avevo intenzione di cedere.

"Posso non avere classe e status, ma ho dignità e rispetto per me stessa. Grazie per il suo tempo, signor Maslow. Ora me ne vado. Addio, signor Maslow", ho dichiarato.

Girando sui miei tacchi, assicurandomi di tenere la testa alta, uscii dall'ufficio di Gideon Maslow e dalla sua vita.

Uscendo dall'alto edificio che era la Maslow Enterprises, cominciai a giocherellare di nuovo con la mia collana, mentre il peso dei miei problemi e delle mie responsabilità minacciava di tirarmi giù.

Guardando l'affollata strada di Londra, avevo solo un pensiero che mi frullava in testa.

Come avrei pagato l'operazione di Nico ora?

Cosa avrei fatto adesso?

Capitolo successivo
Valutato 4.4 su 5 sull'App Store
82.5K Ratings
Galatea logo

Libri illimitati, esperienze coinvolgenti.

Facebook GalateaInstagram GalateaTikTok Galatea