logo
GALATEA
(30.7K)
FREE – on the App Store

L’accordo

Xavier Knight conosce con certezza le due cose che fanno impazzire una ragazza: le auto veloci e il denaro. Lui le ha entrambe. Quando uno scandalo lo costringe a un matrimonio combinato con Angela Carson, una nullità senza il becco di un quattrino, lui dà per scontato che lei sia solamente una ragazza a caccia di dote — e giura di punirla per questo.

Ma le apparenze ingannano e, a volte, due poli opposti non sono poi così diversi da come appaiono…

Età: +18

 

L’accordo di S. S. Sahoo è ora disponibile per la lettura sull’app Galatea! Leggi i primi due capitoli qui sotto, o scarica Galatea per l’esperienza completa.

 


 

L’app ha ricevuto riconoscimenti da BBC, Forbes e The Guardian per essere l’app più calda per nuovi romanzi esplosivi.

Ali Albazaz, Founder and CEO of Inkitt, on BBC The Five-Month-Old Storytelling App Galatea Is Already A Multimillion-Dollar Business Paulo Coelho tells readers: buy my book after you've read it – if you liked it

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

1

Trama

Xavier Knight conosce con certezza le due cose che fanno impazzire una ragazza: le auto veloci e il denaro. Lui le ha entrambe. Quando uno scandalo lo costringe a un matrimonio combinato con Angela Carson, una nullità senza il becco di un quattrino, lui dà per scontato che lei sia solamente una ragazza a caccia di dote — e giura di punirla per questo. Ma le apparenze ingannano e, a volte, due poli opposti non sono poi così diversi da come appaiono…

Età: +18

Autore originale: S. S. Sahoo

Angela

Tutti pensano di essere degli eroi.

Sogniamo momenti di gloriaquelli letti nei libri e visti nei film.

Correre in un edificio in fiamme per salvare un cane? Certo. Donare un rene a un amico? Nessun problema. Opporsi a una rapina a mano armata? Facile.

Ma la triste verità è che non sappiamo come reagiremo quando arriva il momento. Finché l'uomo armato non ha la pistola puntata alla tua tempia e puoi sentire l'odore del metallo della canna.

Sarai abbastanza forte da farlo? Per affrontare la pistola e dire: “Scegli me. Sparami. Uccidimi”.

Quando sarà il momento, cosa sceglierai?

La tua vita o la loro?

***

Strinsi la mano di mio padre, con il cuore in gola. Mi faceva male vederlo così. Giaceva incosciente sul letto d'ospedale, con tubi applicati alle braccia e al petto. I macchinari accanto a lui emettevano dei beep e una maschera di ossigeno gli copriva il viso.

Le lacrime mi scesero sulle guance e io le asciugai per quella che sembrava la millesima volta.

Lui era una costante nella mia vita. L'ancora che teneva unita la nostra famiglia. Un pilastro di forza e salute.

Lucas, il mio fratello maggiore, apparve sulla porta. Mi avvicinai e lo abbracciai.

“Cosa ha detto il dottore?” chiesi.

Lucas guardò Papà da sopra la mia spalla. “Usciamo nel corridoio”.

Annuendo, andai da Papà e gli diedi un bacio sulla fronte prima di seguire Lucas fuori dalla stanza.

Nella luce fluorescente del corridoio dell'ospedale, puntai lo sguardo su mio fratello. Guardando i suoi capelli spettinati, le guance non rasate e le profonde occhiaie violacee sotto gli occhi, sapevo che aveva avuto una giornata dura.

“Ascolta, Angie…”, cominciò Lucas. Mi prese la mano come aveva fatto quando ero bambina e avevo paura del buio. “Ho bisogno che tu stia calma, ok? Sii forte. La notizia… è piuttosto brutta”.

Annuii e feci un respiro profondo per riprendermi.

“Papà…” Lucas iniziò, poi si fermò, il suo sguardo andò al soffitto. Si schiarì la gola. “Ha avuto un ictus”.

Lacrime pure cominciarono a scendermi dagli occhi.

“Non sappiamo ancora quanto sia stato intenso, ma pensano che la SLA c'entri qualcosa”, continuò.

“Cosa possiamo fare?”, chiesi, con la disperazione che cominciava a insinuarsi nella mia voce.

“Ci riposiamo un po'”, disse Danny, l'altro mio fratello, dietro di me. Si avvicinò e mi diede un abbraccio. “I medici stanno ancora facendo degli esami”.

I miei due fratelli si scambiarono uno sguardo e capii che non mi stavano dicendo tutto.

“Cosa?”, chiesi. “Cosa c'è?”

Lucas scosse la testa.

“Hai un colloquio tra poco, vero?”, chiese. “Vai a casa e dormi un po'. Ti chiameremo quando ne sapremo di più, va bene?”.

Sospirai. Non volevo andarmene, ma sapevo che i miei fratelli avevano ragione. Era importante che ottenessi questo lavoro.

Ci salutammo e uscii nell'aria fredda della notte. Intravidi le luci di New York City in lontananza, un pozzo di terrore nello stomaco.

Mi sentivo impotente. Non c'era niente che potessi fare?

Xavier

La ragazza accanto a me strillò mentre sterzavo il volante, dirigendo l'auto in un tornante oltre l'angolo. Rideva, strafatta di velocità e da numerose bottiglie di champagne.

“Xavier!”, si morse il labbro, con le mani che correvano lungo la mia coscia. Due cose erano garantite per far arrapare una ragazza.

Il rombo di una macchina veloce e un fottio di soldi.

Accelerai, portando la mia Lamborghini a sfrecciare lungo le strade panoramiche di Monaco. La bomba bionda accanto a me rabbrividiva di piacere, accarezzando il rigonfiamento nei miei pantaloni. Era una modella, qui a Monaco per una sfilata di moda.

Avevamo già scopato alcune volte.

Non sapevo nemmeno il suo nome.

Sorrisi mentre mi slacciava i pantaloni, sospirando di piacere mentre mi prendeva in bocca.

Questa sì che è vita.

Sfrecciare per le strade della bella Monaco al volante di una Lambo, il mio cazzo nella bocca di una top model.

Nessuna responsabilità e un'azienda multimiliardaria.

Nessun padre fastidioso che mi alita sul collo.

Niente puttane del cazzo che mi tradiscono e che agiscono alle mie spalle e —

Sfrecciai attraverso un semaforo rosso e il suono di una sirena della polizia prese vita come un urlo nell'aria della notte. Accostai, guardando le luci lampeggianti nello specchietto retrovisore.

“Per la miseria”, mugugnai.

La bionda cominciò ad alzare lo sguardo, ma io la spinsi di nuovo giù sul mio cazzo.

“Ho detto che potevi fermarti?”

La modella continuò i suoi sforzi, desiderosa di piacere.

Il poliziotto scese dalla sua macchina e cominciò a dirigersi verso la mia porta.

Bene, pensai, guardando la testa che andava su e giù nel mio grembo. Questa sarà una storia fantastica.

Brad

Chiamai il mio assistente in ufficio, sospirando rumorosamente per la frustrazione. Era la terza volta in meno di un mese che Xavier faceva notizia e non perché baciava la testa dei bambini o faceva volontariato negli ospedali.

No.

Mio figlio era stato arrestato a Monaco per guida spericolata e atti osceni in luogo pubblico.

Mi pizzicai il setto nasale.

Bussarono alla porta.

“Entra”, chiesi senza alzare lo sguardo. Entrò Ron, il mio assistente ventiseienne. “Hai sentito il telegiornale?”

La bocca di Ron si aprì e si chiuse un paio di volte. Non aveva bisogno di dire nulla. Dubito che ci fosse un'anima in tutta New York City che non l'avesse visto. Il titolo era ovunque.

“Chiama gli avvocati e fai venire Frankie delle pubbliche relazioni. Per favore”.

Ron annuì e sgattaiolò fuori dal mio ufficio.

Attraversai la stanza fino alla finestra di vetro che riempiva l'intera parete nord del mio ufficio, guardando le strade di New York, molto, molto più in basso.

Dovevo partire in quarta per assicurarmi che le azioni di mio figlio non avessero ripercussioni sull'azienda o su di lui. Mi piaceva dire che avevo due figli: Xavier e la Knight Enterprises.

Staccandomi dalle imprese petrolifere dei miei genitori, avevo costruito da zero il primo conglomerato alberghiero e di ospitalità del mondo. Le mie due più grandi gioie nella vita erano mio figlio e la mia azienda.

E ora erano entrambe in pericolo.

Di nuovo.

Sospirai, il volto della mia bellissima moglie mi balenò nella mente.

Oh, Amelia. Vorrei che tu fossi ancora qui. Tu sapresti come aiutare Xavier.

Il mio sguardo sulle strade andò alla deriva verso Central Park. Io e la mia amata passeggiavamo insieme nel parco, seduti a mangiare su una panchina vicino agli alberi.

“Ron!”, gridai. Sentii lo scorrere della porta del mio ufficio. “Cancella le mie riunioni. Vado a fare una passeggiata”.

Angela

Camminavo lungo i sentieri ombreggiati di Central Park, cercando di schiarirmi le idee. Stavo tornando dal negozio di fiori di Em dopo la chiusura giornaliera.

I lunghi steli dei salici si piegavano nella fresca brezza di fine estate. I cigni galleggiavano lungo la superficie vitrea di uno stagno vicino. Il chiacchiericcio nel gioco dei bambini fluttuava nell'aria e gli amanti si abbracciavano sull'erba.

Cullavo un mazzo di gigli tra le mie braccia, trovando conforto nel loro dolce profumo. Il cuore mi faceva ancora male al pensiero di mio padre in ospedale, ma dovevo mantenere la calma.

Notai un signore anziano seduto da solo su una panchina, con gli occhi chiusi in preghiera. Non so cosa mi spinse verso di lui, ma prima che me ne accorgessi, ero in piedi accanto a lui. Sembrava così triste.

Così affranto.

“Mi scusi?”, chiesi.

Lui aprì gli occhi, sbattendo le palpebre con sorpresa mentre mi guardava.

“Posso aiutarla?”, chiese.

“Volevo solo sapere se stava bene”, dissi. “Sembrava un po'… giù”.

Si spostò in avanti sulla panchina e indicò una targa incisa sul retro. “Sto solo ricordando una persona importante per me”, disse, la sua voce densa.

Lessi l'incisione.

Per Amelia. Amata moglie e madre affettuosa.16/10/1962 – 04/04/2011

Mi si spezzò il cuore.

Gli porsi il mio bouquet di gigli, sorridendo.

“Per Amelia”, offrii.

“Grazie”. Si allungò in avanti per prendere il bouquet, le sue mani tremavano. “Posso chiederle il suo nome?”

“Angela Carson”, risposi.

Brad

Guardai Angela andare via, un senso di pace che scacciava la preoccupazione nel mio cuore. Accarezzai la panchina, sorridendo verso il cielo.

Grazie, amore mio. Mi hai mostrato la risposta.

Cercai nella tasca della giacca, tirando fuori il mio telefono.

“Ron, trovami tutte le informazioni possibili su Angela Carson”. Esaminai il bouquet che mi aveva dato, notando il nome del negozio di fiori stampato sull'involucro di carta.

I FIORI DI EM.

Annuii, un piano si stava formando nella mia mente.

“E riportare mio figlio a New York”.

Angela
DANNY
Angie. Vieni subito
DANNY
È papà
ANGELA
Cos'è successo?
DANNY
Ha avuto un infarto.

“Siamo riusciti a rianimare tuo padre”, disse il dottore, con la voce grave. “Le vittime di ictus sono soggette ad attacchi cardiaci nelle prime ventiquattro ore dopo l'ictus. Lo teniamo sotto controllo e continueremo a fare degli esami per vedere cosa possiamo fare”. Il modo in cui l'aveva detto lo faceva sembrare insicuro sul poco tempo che ancora poteva rimanere.

“Grazie, dottore”, disse Lucas.

Il dottore annuì e ci lasciò soli.

“Per quanto tempo Papà dovrà rimanere qui?”, chiesi a bassa voce. “Non sembra che sia in gran forma per tornare a casa”.

“Potremmo non avere scelta”, disse Danny.

“Cosa vorresti dire?”, chiesi.

I miei fratelli si guardarono a vicenda. Il cuore mi batteva nel petto. Potevo percepire le cattive notizie in arrivo. Infine, Lucas si rivolse a me.

“Non possiamo permetterci che stia qui, Angie”.

Sbattei le palpebre. “Cosa?”

Danny si passò le mani tra i capelli, il volto tirato. “Siamo al verde”.

“Come? Il ristorante…” Il ristorante era stato la vita di mio padre quando stavamo crescendo. Anche mamma ci aveva lavorato, finché non si era ammalata. I miei fratelli avevano preso il suo posto non appena conclusero l'università.

“È stato in difficoltà per un paio d'anni. La recessione ha avuto il suo peso. Papà ha messo una seconda ipoteca sulla casa per cercare di farci andare avanti”. Lucas sospirò. Sembrava sconfitto.

“Perché non me l'hai detto?” chiesi. “Tra poco ho il colloquio, quindi forse…”

Ma Danny scuoteva la testa.

“Le fatture dell'ospedale arriveranno presto…”

Non potevo più stare lì — nel corridoio, in ospedale. Era troppo claustrofobico. Mi allontanai dai miei fratelli. Le mie gambe tremanti mi portarono attraverso i corridoi e giù per le scale finché non mi ritrovai fuori, davanti all'ospedale.

Era notte fonda, quindi non c'era nessuno che mi vedesse cadere in ginocchio in mezzo al marciapiede. O così pensavo…

“Mi scusi?”, disse una voce profonda dietro di me.

Annusando, alzai lo sguardo per vedere un uomo che mi si avvicinava. “Sì, posso aiutarla?”, mormorai, asciugandomi gli occhi.

L'uomo si inginocchiò davanti a me e io sussultai quando lo riconobbi.

Era l'uomo che avevo incontrato prima a Central Park. Quello a cui avevo dato il mio bouquet di gigli.

“Perdonate la mia intrusione. Mi chiamo Brad Knight”.

Sussultai. Brad Knight?

Quel Brad Knight? Il miliardario dietro la Knight Enterprises?

“Um”, balbettai.

“So della tua situazione, Angela, e posso aiutarti. Posso aiutarti con le spese mediche di tuo padre”.

Mi girava la testa. Dei campanelli d'allarme risuonarono nella mia mente.

Come fa a sapere così tanto? Cosa vuole da me?

“Pagherò tutto io. Io farò in modo che tuo padre sia curato. Devi solo fare una cosa per me”. Sembrava così schietto, ma un accenno di disperazione si insinuò nella sua voce. Si è raccolto, fissandomi negli occhi.

“Ho bisogno che tu sposi mio figlio”.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

2

Angela

Emily si accigliò mentre mi guardava scavare in pigiama in una vaschetta di gelato di Ben e Jerry's, con i capelli legati in uno chignon disordinato.

“Stai bene?”, chiese.

“Super”, ho detto con la bocca piena di cioccolato.

Lei sospirò, prendendo la sua vaschetta di gelato dal freezer. Si sedette accanto a me, infilandosi un cucchiaio di vaniglia in bocca.

“Sputa il rospo”, chiese.

“Sono solo molto stressata”, ammisi. “Mio padre è in ospedale e avremo problemi a pagare i conti. Ho appena avuto il mio colloquio con la Curixon e ho paura di aver fatto un casino, e…”, la mia voce vacillò.

E un certo miliardario mi ha fatto una richiesta ridicola l'altra sera.

Ma non volevo dirlo a Emily.

Come potevo?

“Non hai fatto casino”, mi assicurò Em. “Hai fatto centro, no? Me l'hai detto tu stessa”.

“Io pensavo di averlo fatto”, dissi. “Ora non ne sono più così sicura”.

Era vero. Avevo veramente simpatizzato con quello delle risorse umane. La Curixon era una grande azienda e speravo di poter finalmente mettere a frutto la mia laurea in ingegneria ad Harvard. Avevo passato gli ultimi mesi a lavorare part-time nel negozio di fiori di Em.

Mi aveva persino permesso di vivere con lei nel suo appartamento.

Sarei completamente fottuta se non fosse stato per lei.

“Sei una salvatrice, Em”, cominciai. “Se non fosse per te che mi fai stare qui — “

“Smettila di drammatizzare”, disse prima che potessi ringraziarla di nuovo. “Sai che puoi restare quanto vuoi. Solo che non voglio vederti sprecare la tua vita spazzando il pavimento del mio negozio di fiori quando potresti lavorare in qualche azienda come la Curixon. Anche se hai dei fan adoranti che entrano in negozio. Sei troppo intelligente per questo, Angie”.

Il mio cuore saltò un battito.

Em non ha riconosciuto Brad, allora. Grazie a Dio.

“Comunque, io vado”. Em si alzò, gettando il cucchiaio nel lavandino e la vaschetta vuota del gelato nel cestino. “Non piagnucolare troppo”. Si infilò le scarpe e, prima che me ne accorgessi, se n'era andata.

Ero sola.

La mia mente tornò all'altra notte. Onestamente, pensavo che fosse tutto una specie di sogno folle. Ma quando scorsi i contatti del mio telefono, il suo nome era ancora lì.

Brad Knight.

Strisciai fuori dal soggiorno e mi misi a letto, raggomitolandomi in una palla. Chiusi gli occhi e lasciai che la mia mente tornasse a quella notte…

***

“Cosa?!”, mi allontanai da Brad, mettendo un po' di spazio tra di noi. “È una specie di scherzo?”

Mi guardò, scuotendo la testa tra sé e sé.

“Mi dispiace tanto”, disse. “Mi sono fatto prendere la mano. Ti prego, lasciami spiegare”.

Guardai dietro di me. Le porte dell'ospedale non erano molto lontane. Potevo scappare, se necessario.

Però, c'era qualcosa in lui che mi faceva venire voglia di fidarmi di lui. Sembrava così genuino e gentile. Forse era a causa della sua età?

Annuii con cautela, facendogli segno di continuare.

“Dopo che sei stata così gentile con me questo pomeriggio, sapevo di dover ripagare il tuo atto di gentilezza. Ho visitato Em's Flowers. È da lì che proviene il bouquet che avevi in mano”.

“Sì, ma…”

“L'ho visto sulla carta. E ho parlato con Em, una ragazza adorabile. E ho chiesto di te, la signora Angela Carson. Ha detto che ti conosceva bene. Che eri in un piccolo ospedale del New Jersey perché tuo padre si era appena ammalato”.

Annuii, ancora incredula di tutta quella conversazione.

“E per favore, perdonami la domanda, ma la tua famiglia non ha i fondi necessari per rendere le sue cure… il suo trattamento, il suo soggiorno in ospedale, il più confortevole possibile, vero?”

Scossi la testa.

“È qui che posso aiutarti, Angela. Possiamo aiutarci a vicenda”. Sorrise e i suoi occhi scomparvero in un'increspatura di zampe di gallina.

“Quindi vuole che sposi suo figlio”, ripetei le sue parole di prima. Sembravano extraterrestri fuoriusciti dalla mia bocca.

Brad annuì.

Pensai a quello che sapevo del figlio di Brad.

Xavier Knight.

Sapevo di lui, naturalmente. Come avrei potuto non saperlo? Era una celebrità. Schifosamente ricco e bello da morire.

Qualsiasi ragazza avrebbe sfruttato l'occasione per diventare sua moglie.

Ma sembrava avere una vena ribelle. Avevo visto i titoli e gli articoli su di lui, di tanto in tanto negli ultimi mesi.

Sesso.

Droghe.

Gare.

Era selvaggio.

Pericoloso.

Un brivido mi corse lungo la schiena, ma non riuscivo a capire se fosse per paura o per eccitazione.

“Ma perché io?”, chiesi. “Sono sicura che potrebbe trovare un milione di ragazze più belle e di successo di me. Una più adatta a suo figlio”.

“Tu sei un'anima pura, mia cara. Forse non lo sai, ma sei rara. Voglio il meglio per mio figlio, come farebbe qualsiasi padre. Credo che tu possa aiutarlo. Mi fido del mio istinto e il mio istinto mi dice che questo funzionerà”.

Sbattei le ciglia.

Un'anima pura? Che cosa significa?

“Ma il matrimonio non è solo un pezzo di carta”, argomentai. “Non si può semplicemente firmare un contratto e innamorarsi”.

“Può essere vero, ma l'amore è paziente”.

“Come fa a sapere che non sposerò suo figlio per poi divorziare il giorno dopo?” Stavo facendo l'avvocato del diavolo, ma avevo bisogno di risposte a questa ipotesi confusa.

Invece di alzarsi, si avvicinò a me e mi prese la mano. Il suo tocco era caldo e stranamente confortante. “Non credo che lo faresti, Angela. Come ho detto, la tua anima è pura. Ma se hai bisogno di una sorta di assicurazione, guarda dietro di te”.

Mi girai e vidi l'ospedale, illuminato dai lampioni all'esterno. “Le fatture mediche non sono uno scherzo. Cure, riabilitazione, assistenza 24 ore su 24. Tutto costa, piccola. Se tu mantieni la tua parte dell'accordo, ti prometto, sulla mia vita, che anch'io manterrò la mia”.

La mia mente stava correndo. Doveva esserci un altro modo.

“Domani ho un secondo colloquio per questo lavoro. Potrei essere in grado di — ””

“Angela”, disse lui, fermandomi. “Sai quanto costa una notte in ospedale? Settecento dollari a notte. Un esame del sangue di routine costa duecentocinquanta dollari. Se, Dio non voglia, devono usare il defibrillatore, sono altri quindicimila dollari”.

Chiusi gli occhi.

“Per favore. Per favore, basta. mi dia solo un minuto per pensare”. Cercai di organizzare i miei pensieri caotici.

Mio padre.

Il ristorante.

I miei fratelli.

Anni di debiti.

Un nuovo lavoro.

La Curixon pagava bene. Se avessi ottenuto il posto, avrei potuto ripagare lentamente le cose.

Emily mi avrebbe permesso di vivere con lei ancora per un po' se questo avesse significato salvare la vita di mio padre.

Come potevo sposare un uomo che non amavo e, tantomeno, conoscevo?

“Perché mi sta aiutando?”, chiesi.

“Quando sei venuta da me questo pomeriggio”, cominciò, “hai risposto a una preghiera che avevo mandato al cielo. Mi hai dato la forza quando ne avevo bisogno. Così, ora sono qui per rispondere alle tue preghiere. Sono qui per darti forza e questo è il modo in cui posso farlo”.

Ci pensai, il mio respiro arrivava in rantoli poco profondi.

Stavo seriamente considerando questa cosa?

“Angela?”, Brad chiese dolcemente.

“Posso almeno avere un po' di tempo per pensarci?”, chiesi. “È una cosa difficile da digerire”.

“Certo”, disse lui.

Brad mi porse un biglietto da visita, fatto di un metallo sottile e leggero.

Immagino che la carta sia troppo plebea per un miliardario, pensai, un po' delirante.

“Chiamami quando hai deciso”. Mi sorrise prima di voltarsi. “Credo davvero che questo funzionerà, Angela. Lo credo davvero, davvero”.

***

Il mio telefono squillò, scuotendomi dal mio sogno a occhi aperti. Mi girai nel letto, controllando l'ID del mittente.

CURIXON LTD.

Balzai in piedi sul letto, con il cuore che mi martellava nel petto.

Okay, ok, ok, ok.

Feci un respiro profondo.

“Pronto?”, dissi, desiderando che la mia voce non tremasse.

“Salve, parlo con Angela Carson?”, disse una voce femminile all'altro capo della linea.

“Sono io”.

“Salve, Angela. La chiamo per informarla che purtroppo abbiamo deciso di procedere con altri candidati per questo lavoro”.

“Oh”. Il mio cuore affondò.

“Ci assicureremo di tenere la sua domanda in archivio, nel caso in cui si renda disponibile un'altra posizione”.

“Uh, ok. Grazie”.

Cos'altro potevo dire?

Dopo altri secondi di passaggi mentali dolorosi, crollai nel cuscino, con la faccia in avanti.

Dopo tutto quello che ho fatto per il colloquio.

Sentii lacrime di frustrazione sgorgare dagli occhi e le lasciai immergere nel cuscino. C'era molto di più in gioco che pagare le bollette e avere qualche soldo da spendere.

Era in gioco la vita di mio padre.

Tirai fuori il mio telefono, scorrendo i miei contatti.

Fissai il numero di Brad Knight, con il pollice in bilico sul pulsante di chiamata.

Non è che abbia molta scelta.

Selezionai il pulsante di chiamata, sigillando il mio destino.

“Pronto?”, Brad rispose.

“Salve signor Knight, sono Angela”.

“Angela!”, mi salutò calorosamente. “È così bello sentirti. Quindi posso supporre che…?”, lasciò la domanda in sospeso.

Feci un respiro profondo. Sentivo che sarei stata schiacciata sotto il peso delle parole che si stavano formando nella mia bocca.

“Sì”, dissi. “Lo farò”.

Sentii qualcosa dentro il mio cuore raggomitolarsi e morire.

“Sposerò suo figlio”.

 

Leggi il libro completo sull’app Galatea!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Spogliata dal re

Ogni volta che perdo la mia verginità, è diverso.

A volte è in un palazzo e a volte è nella sporcizia.

A volte sono sopra, a volte la mia faccia è sepolta in un cuscino per attutire le mie urla.

A volte fa un male cane e altre volte è pura estasi.

Ma c’è una cosa che rimane la stessa, qualunque cosa accada.

In ogni vita, tu mi trovi.

E la perdo sempre con te…

Età: 18+

Touch

Emily non fa sesso ormai da un anno. E la sua ultima relazione? Quasi non se la ricorda, è stata troppo tempo prima. Questo vuol dire però che si merita qualche avventura! E presto incontrerà quello che le farà ardere il cuore.

Età: 18+

Jack in the Box

L’infermiera Riley è stata assegnata a uno dei pazienti più famosi del reparto psichiatrico: Jackson Wolfe. E si dà il caso che lui sia sexy da morire, il che è ironico considerando che tutti intorno a lui sembrano morire. Mentre Jackson attira Riley con il suo fascino, lei può capire chi è l’assassino… o è proprio l’uomo di cui si sta innamorando?

Età: 18+

Solo tua

Trinity è molto in gamba nel suo lavoro, ma questo non significa che sia sempre facile. Al bar, dopo una dura giornata in ufficio, incontra Stephen Gotti: gentiluomo fuori, insaziabile in camera da letto. Si innamorano velocemente l’uno dell’altra, ma Stephen ha un grande segreto. Farà fuggire Trinity se lei lo scoprisse?

Età: 18+

Appuntamento con il rapitore

Talia ha solo diciassette anni quando viene rapita dal boss mafioso Axel. Riesce a fuggire, ma non prima di aver scoperto quanto crudele può essere la vita. Per proteggersi, scappa lontano e cambia identità. In pochi anni diventa una forte donna d’affari che non si guarda mai indietro. Ma poi qualcosa la obbliga a stringere un patto con il diavolo che l’aveva rapita… Ora che l’ha ritrovata, non sarebbe stato facile scappare di nuovo!

Età: 18+

Un errore meraviglioso

Dopo che gli amici di Kyla la convincono a riprendersi con un’avventura di una notte dall’ex fidanzato che l’aveva tradita, lei è sicura di aver eliminato l’amore e la lussuria da sé stessa per sempre. Ora può concentrarsi sulla sua carriera di assistente marketing. Ma ancora non sa che il bello sconosciuto che ha appena sconvolto il suo mondo è il suo nuovo capo. Kyla decide di mantenere la loro relazione professionale, ma il suo capo miliardario non si scoraggia facilmente…

Età: 18+

Non tutto riguarda te

Dall’autore di “Back Into Darkness”

Da giovane, Maya Hamilton era una festaiola selvaggia che non amava far altro che lasciarsi andare e fare tutto ciò che voleva. Jace Parker era un ragazzo di una confraternita irresponsabile che aveva un debole per le festaiole: erano perfetti l’uno per l’altra. Fino a quando, all’improvviso, lui l’ha scaricata per messaggio. Ora, due anni dopo, si incontrano di nuovo come studentessa e insegnante e Maya sta nascondendo a Jace un segreto compromettente!

Età: 18+

Morsa dall’alfa

Quando una giovane fuggitiva, Quinn, viene morsa da un lupo nel bosco, scopre un mondo che non sapeva esistesse, un mondo di lupi mannari.

Ora Quinn deve adattarsi alla sua nuova vita nel Branco della luna ombra, sotto la guida di un affascinante alfa.

Età: 18+